Le Antichità di Bologna di Bartolomeo della Pugliola - AMS Dottorato

Le Antichità di Bologna di Bartolomeo della Pugliola - AMS Dottorato

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE UMANISTICHE DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA ROMANZA E CULTURA MEDIEVALE ...

2MB Sizes 0 Downloads 0 Views

Recommend Documents

Facsimile del frontespizio della tesi di dottorato - AMS Dottorato
Mar 11, 2015 - of oil is equivalent to ten minutes of operation at low power or three ...... sidering the average per ca

Facsimile del frontespizio della tesi di dottorato - AMS Dottorato
... of the essential oils or their head space (Salzer, 1977; Daferera et al., 2000; Juliano ...... The data obtained wer

Facsimile del frontespizio della tesi di dottorato - AMS Dottorato
List of ..... of Molecular Biology, 1974-1980” Isis 92.3 (2001): 541-75; Arnold Thackeray (ed.) ... the grocery store,

Alma Mater Studiorum Università di Bologna - AMS Dottorato
partire dai 60 anni, il 50-70% dei pazienti con DS sviluppa demenza senile ... di placche senili; il danno ossidativo ed

Alma Mater Studiorum – Università di Bologna - AMS Dottorato
6.7 (http://david.abcc.ncifcrf.gov/) were performed (using the high ..... Prigmore, E., Donahoe, P. K., Smith, R. S., Pa

Alma Mater Studiorum – Università di Bologna - AMS Dottorato
Mar 5, 2010 - 3.3.4 Plasma treatment of electrospun separators . 35. Chapter 4 .... charge/discharge cycles . ...... The

Alma Mater Studiorum – Università di Bologna - AMS Dottorato
cocoa solids in cocoa butter, while milk chocolate contains milk solids and milk ... than 35 % total dry cocoa solids, i

Alma Mater Studiorum – Università di Bologna - AMS Dottorato
Case C-126/97, Eco Swiss China Time Ltd v Benetton International NV. [1999] I-3055. • Case C-453/99, Courage v. Bernar

DANIELE DI BARTOLOMEO. Nelle vesti di Clio: L'uso politico della
Jun 8, 2017 - Nelle vesti di Clio: L'uso politico della storia nella Rivoluzione francese (1787–1799). (La storia, no.

tesi dottorato defitivita - AMS Dottorato
GABRIELE BALDUCCI. Prof. FABIO PEZZI ..... del prodotto (dato dal fatto della grande quantità di prodotto ammostato) e

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE UMANISTICHE DOTTORATO DI RICERCA IN FILOLOGIA ROMANZA E CULTURA MEDIEVALE XX CICLO Settore scientifico-disciplinare di afferenza L-FIL-LET/09 FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA

TITOLO DELLA TESI

Le Antichità di Bologna di Bartolomeo della Pugliola

Presentata da Dott.ssa Flavia Gramellini

Relatore

Coordinatore del Dottorato

Prof. Andrea Fassò

Prof. Luciano Formisano

Esame finale anno 2008

INDICE

Introduzione Ragioni dell’edizione Criteri editoriali

pag.

V

» XXXV

Le Antichità di Bologna di Bartolomeo della Pugliola BUB 3843 cc 10r-17v

»

3

BUB 1994 cc 76r-83v

»

17

BUB 3843 cc 18r-57v

»

31

BUB 1994, cc 140r-146v

»

97

BUB 3843 cc 58r-75v

»

109

Premessa

»

141

Grafia

»

143

Fonetica

»

161

Morfosintassi

»

183

Glossario

»

201

Grafia

»

213

Fonetica

»

223

Morfosintassi

»

241

Lessico

»

257

»

275

La lingua del manoscritto

Appendice - La lingua di Friano Ubaldini. Spoglio del ms BUB 430

Bibliografia

RAGIONI DELL’EDIZIONE

Bartolomeo della Pugliola, frate francescano vissuto fra il XIV e il XV secolo, ha lasciato una cronaca che ha conosciuto un’enorme fortuna e ha rivestito un ruolo di primo piano nella tradizione cronachistica bolognese. Purtroppo risulta difficile chiarire l’identità del frate: lo stesso nome con il quale è noto non ci è d’aiuto per individuarne la provenienza, in quanto Pugliola, o Pugliole, era un termine generico con il quale nella Bologna medievale ci si riferiva alla periferia, nonché luogo di fondazione del primo convento francescano bolognese1. Poco sappiamo anche della sua vita e della sua attività scrittoria: le scarse notizie biografiche a noi note provengono da un libro di entrate e uscite del convento di San Francesco di Bologna al quale il frate apparteneva. Il 25 ottobre 1378 Bartolomeo della Pugliola, frate dell’ordine dei Minori Conventuali, è mandato dai superiori del suo convento a Firenze per perfezionarsi in teologia; rientrato a Bologna risulta essere vicario del suddetto convento dal 1398 al 1422, notizia desunta dalla registrazione di una colletta, che il frate, evidentemente incaricato delle elemosine, recò al convento. La morte deve averlo colto prima del 1425, poiché in quell’anno furono venduti i due soli beni che gli appartennero: una coperta e un Dante. In base a queste notizie, il Fantuzzi suppone che alla sua morte il frate dovesse avere 65 o 66 anni2, dovette perciò nascere attorno al 13583. Trovare fra i beni personali del frate anche un’opera di Dante può stupire4, ma è sicura testimonianza del suo amore per lo studio, sebbene nulla sappiamo sulla sua formazione e risulta difficile definire la sua importanza come autore. Nella Bologna bassomedievale però, il convento francescano doveva rappresentare un importante cenacolo culturale. Non solo ospitava una delle più antiche scuole di teologia della città5, ma era anche dotato di una ricchissima biblioteca, il cui patrimonio librario era andato aumentando nel corso degli anni, grazie ai lasciti di numerosi benefattori. Leggendo l’inventario redatto nel 14216, possiamo figurarci la varietà di testi di cui Bartolomeo e i Il termine Pugliola è frequente nell’antica toponomastica bolognese, cfr. M. FANTI, Le vie di Bologna: saggio di toponomastica storica e di storia della toponomastica urbana, Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1974, pp. 65; 571. Sulla presenza dei francescani a Bologna cfr. M. G. MUZZARELLI, I francescani a Bologna fra Duecento e Quattrocento, in Francesco da Rimini e gli esordi del gotico bolognese, a cura di Rosalba D'Amico, Renzo Grandi, Massimo Medica, Bologna, Nuova Alfa Editoriale, 1990, pp. 131-136. 2 G. FANTUZZI, Notizie degli scrittori bolognesi, Bologna, 1789, tomo III, p. 138. Tale supposizione si basa sull’ipotesi che Bartolomeo abbia preso i voti all’età di 15 o 16 anni, come era usanza a quel tempo. 3 Cfr. A. SORBELLI, Le croniche bolognesi del secolo XIV, Bologna, 1900, p.91. 4 Cfr. tuttavia I.G. RAO, I codici volgari della biblioteca francescana di S. Croce e due commenti latini alla Comedia, in Letteratura, verita e vita. Studi in ricordo di Gorizio Viti, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2005, pp. 47-106. 5 Seppur datato, è ancora da leggere A. CORNA, L’antico studio francescano di Bologna, Reggio Emilia, Libreria editrice di ‘Frate Francesco’, 1931, 6 Cfr. L. FRATI, Inventario della Biblioteca Francescana di Bologna (1421), in «Miscellanea Francescana di Storia, di Lettere, di Arti», V, 1890, pp. 110-120. Per un resoconto delle vicende che, negli anni seguenti, coinvolsero il patrimonio della biblioteca cfr. Bologna. Biblioteca di San Francesco del Frati Minori Conventuali, a cura di Mario Fanti, in Inventari dei Manoscritti delle Biblioteche d’Italia (I.M.B.I.), CVI, Firenze, Olschki, 1990, pp. 5-7. Il patrimonio librario della biblioteca del convento bolognese rispecchia gli interessi francescani, volti alla predicazione popolare piuttosto che all’erudizione, e da questo punto di vista non presenta particolari sorprese. Sulla formazione e l’edizione di inventari si legga C. CENCI, Biblioteche e bibliofili francescani a tutto il secolo XV, in «Picenum Seraphicum», 8 (1977), pp. 66-80. Sulla normativa e l’ideologia sottesa alla creazione del patrimonio librario sono da vedere K.W. HUMPHREYS, The Friars' libraries, London, the British Library in association with the British Academy, 1990; ID., Le biblioteche francescane in Italia nei secoli XIII e XIV, in

1

V

Introduzione suoi confratelli disponevano. L’armarium librorum del convento conteneva ben 539 codici, ordinati in ventidue classi per materia. Al suo interno si potevano trovare soprattutto opere di francescani, commenti e postille su questioni teologiche o giuridiche, sermoni e prediche. Non mancano testi patristici, agiografie e alcuni classici latini. Scopriamo anche numerosi testi riguardanti scienze mediche e naturali, ma in mezzo a tanta varietà non deve stupire la scarsità di opere storiografiche 7 . La storia non era per gli Ordini Mendicanti argomento di studio privilegiato, tanto meno per i francescani, i quali si servivano di essa come di un repertorio di exempla al quale attingere per la loro opera di evangelizzazione. Nell’insegnamento scolastico8 la storia era una scienza sussidiaria: come ancilla theologiae era un utile strumento esegetico, mentre, da un punto di vista formale, era un utile esercizio per sviluppare le capacità espressive e per organizzare gli avvenimenti attraverso la successione temporale9. Erano le più recenti compilazioni di storia universale ad essere consultate, prime fra tutte quelle di Vincent de Beauvais, Pietro Comestore e Martino Polono. Inoltre, ai documenti d’archivio i francescani preferivano più fresche testimonianze orali10. Questo stato di cose rende più difficile comprendere sia il ruolo di Bartolomeo della Pugliola, sia quali interessi lo abbiano spinto a comporre una cronaca

Francesco d’Assisi. Documenti e archivi. Codici e biblioteche. Miniature, Milano, Electa, 1982, pp. 135-141; G. BARONE, La legislazione sugli «studia» dei predicatori e dei minori, in Le scuole degli ordini mendicanti (secoli XIIIXIV), 11-14 ottobre 1976, Centro di studi sulla spiritualità medievale, Todi, Accademia tudertina, 1978, pp. 205-247; G. SEVERINO POLICA, Libro, lettura, «lezione» negli studia degli ordini mendicanti (sec. XIII), in Le scuole, cit., pp. 373-413. Sugli interessi dei francescani e la composizione delle loro biblioteche si legga M. FERRARI, Il rilancio dei classici e dei padri, in Lo spazio letterario del Medioevo, a cura di Guglielmo Cavallo, Claudio Leonardi, Enrico Menestò, 1. Il Medioevo Latino, III, La ricezione del testo, Roma, Salerno Editrice, 1995, p. 433; B. GUENÉE, Storia e cultura storica nell'Occidente medievale, Bologna, Il Mulino, 1991, pp. 128-141; D. NEBBIAI, Le biblioteche degli ordini mendicanti, in Studio e studia: le scuole degli ordini mendicanti tra XII e XIV secolo. Atti del XXIX Convegno internazionale, Assisi, 11-13 ottobre 2001, Società internazionale di studi francescani, Centro interuniversitario di studi francescani, Spoleto, Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, 2002; C. VASOLI, La cultura dei Mendicanti, in Le scuole degli ordini mendicanti cit., pp. 437-470; C. BOLOGNA, L'Ordine francescano e la letteratura nell'Italia pretridentina, in Letteratura Italiana Einaudi (diretta da Alberto Asor Rosa), vol. I, «Il letterato e le istituzioni», Torino, Einaudi, 1982, pp. 729-797; su tutti questi temi sono di sicuro interesse i contributi raccolti nel più recente Libri, biblioteche e letture dei frati mendicanti (secoli XIII-XIV). Atti del XXXII Convegno internazionale. Assisi, 7-9 ottobre 2004, Spoleto, Fondazione C.I.S.A.M., 2005. Infine, un’indagine sul valore economico dei libri e delle biblioteche degli ordini mendicanti è stata compiuta da L. PELLEGRINI in Libri e biblioteche nella vita economica dei mendicanti, in L’economia dei conventi dei frati minori e predicatori fino alla metà del Trecento. Atti del XXXI Convegno internazionale. Assisi, 9-11 ottobre 2003, Società internazionale di studi francescani, Centro interuniversitario di studi francescani, Spoleto, Fondazione C.I.S.A.M., 2004, pp. 187-214. 7 A parte un Sallustio e un meglio identificato Salustius Chatelinarius, è soprattutto la storia universale ad interessare i frati. Troviamo infatti, tra gli altri, due volumi di Istorie Scolastice, da intendere forse come la Historia Scolastica di Pietro Comestore, e una Historia Ecclesiastica di Egesippo indicata come Egesippus istoriarum. 8 Sulla formazione dei frati e l’organizzazione delle scuole e degli studia rimando ai contributi dei due convegni già citati: Le scuole degli ordini mendicanti e Studio e studia: le scuole degli ordini mendicanti tra XII e XIV secolo. Cfr. supra nota 5. 9 Cfr. A.D. V. DEN BRINCKEN, Inter spinas principium terrenorum, in Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII. Atti del primo Convegno internazionale di studi dell'Associazione per il Medioevo e l'Umanesimo latini (AMUL), Perugia 3-5 ottobre 1983, a cura di Claudio Leonardi e Giovanni Orlandi, Perugia, Regione dell'Umbria – Firenze, La Nuova Italia, 1986, pp. 82-91; B. GUENÉE, Histoires, annales, chroniques. Essai sur les genres historiques au Moyen Âge, in «Annales. Économies Societés Civilisations», 4 (1973), pp. 1009-1011. 10 Sull’attività storiografica degli ordini Mendicanti e dei francescani in particolare cfr. B. GUENÉE, Storia e cultura storica cit., pp. 66-70.

VI

Introduzione cittadina. In realtà non sappiamo nemmeno se di autore si possa davvero parlare o se sarebbe meglio riferirsi a lui come a un semplice copista o compilatore11. Come si è detto, la sua cronaca conobbe una grande diffusione. Cominciò subito ad essere copiata ed ampliata con inserzioni ed aggiornamenti progressivi fino al XVIII secolo, quando Bartolomeo della Pugliola fu riscoperto da Ludovico Antonio Muratori e la sua cronaca confluì nell’Historia Miscella Bononiensis, pubblicata nel 1731 fra i Rerum Italicarum Scriptores (vol. XVIII). Sempre il Fantuzzi indica come limiti cronologici dell’opera del frate gli anni 1362 e 1407, riferendosi ad un codice dell’Istituto delle Scienze, oggi Biblioteca Universitaria (BUB), tuttora ivi conservato. Si tratta del codice 1239, cartaceo, del XV secolo, contenente la cronaca Pugliola per gli anni sopra menzionati. Sempre il Fantuzzi ci dice che il manoscritto fu copiato dall’autografo, probabilmente da Gianfranco Negri12; tuttavia il codice è acefalo e mutilo in fine, perciò i limiti cronologici stabiliti da Fantuzzi sono verosimili ma facilmente contestabili. In effetti, come già dimostrato dal Sorbelli, questo codice completa la narrazione contenuta in un altro manoscritto conservato alla biblioteca dell’Archiginnasio (B 1093) che copre gli anni dal 1307 al 136213. Dopo una lacuna che ha causato la perdita degli anni 1408-1463, la narrazione interrotta nel codice BUB 1239 continua fino al 1535 in un codice acefalo, oggi conservato alla Biblioteca Riccardiana di Firenze (1841), che fu di proprietà di Marco Antonio Bianchini. Sorbelli adduce come prove di tale continuità il fatto che «ciò che rimane di comune fra il cod. 1842 e i codd. del Testo Vulgato [cioè la cronaca Pugliola più la Rampona14] (anni 1465-1471) è perfettamente uguale», che «nel cod. 1841 non c’è alcuno stacco tra la fine del 1471 e il 1472» e che «il carattere, la carta, l’inchiostro, il formato ecc. del cod. 1841 sono quelli stessi del cod. 1239 dell’Universitaria bolognese» 15 . Nel codice sono interfoliate molte carte vergate dalla mano di Friano Ubaldini, un merciaio cronista attivo almeno fino al 152216, ma Jacopo Rainieri, che compare come autore nell’ultima parte di questa compilazione cinquecentesca, potrebbe essere in realtà il copista e il responsabile della silloge dei vari testi17. Esiste poi un’ulteriore tradizione della cronaca Pugliola, rappresentata da un testimone finora considerato il più antico: il codice dell’Archiginnasio B 2088. Si tratta di un codice cartaceo del XV secolo, che ripercorre la storia di Bologna dalle origini all’anno 1471, lo stesso periodo compreso dalla cronaca Rampona nei codici dell’Universitaria 431I e II e 607. Esiste una relazione fra i due testi? Rispetto al testo di Pugliola il testimone contenuto nel ms B 2088 dell’Archiginnasio appare corrotto, non solo dagli interventi di 11

Tale distinzione, così netta per noi contemporanei, non lo era per gli uomini del Medioevo: poteva dirsi autore sia colui che rielaborava testi preesistenti, sia chi ne redigeva di nuovi. Cfr. M.D. CHENU, Auctor, actor, autor, in «Bulletin du Cange», 3 (1926-1927), pp. 81-86. 12 G. FANTUZZI, opera cit., p. 139. 13 A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., pp. 88-90. 14 Con cronaca Rampona si intende la grande silloge storica redatta da Pietro e Ludovico Ramponi, conservata nei codd. 431I e II e 607 della Biblioteca Universitaria di Bologna e nel cod. Malvezzi 316II della biblioteca dell’Archiginnasio, edita quasi per intero nel Corpus Chronicorum Bononiensium. Cfr. infra pp. VIIIX. 15 A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., pp. 96-97. 16 L. FRATI, Di alcuni cronisti bolognesi. Appunti biografici, Città di Castello, Lapi, 1915, pp. 6-8. 17 Si tratta di un’ipotesi negata dai curatori dell’edizione del Diario del Rinieri che considerano l’unico testimone conservato non autografo. Il codice resta comunque di poco posteriore al testo. Cfr. Memoria Urbis cit., ad vocem e O. GUERRINI, C. RICCI (a cura di), Diario Bolognese di Jacopo Rainieri, Bologna, Regia Tipografia, 1887.

VII

Introduzione Pietro Ramponi, ma dall’inserzione di notizie provenienti da fonti diverse e non conservate dalla cronaca Rampona. Il compilatore di questa cronaca potrebbe dunque avere avuto come modello, non direttamente la cronaca Pugliola, ma la Rampona, che non avrebbe copiato pedissequamente, ma selezionando le notizie e completando il testo con l’aggiunta di ulteriori dati. Dal manoscritto dell’Archiginnasio fu tratta una copia seicentesca, oggi alla Biblioteca Estense di Modena (α. T. 3. 3 (Ital. 547)), della quale si servì Ludovico Antonio Muratori, unitamente ad un altro codice estense della cosiddetta cronaca Varignana, per l’edizione della Historia Miscella Bononiensis. Dall’edizione muratoriana fu tratta una copia coeva erroneamente attribuita a Pugliola, oggi conservata all’Archiginnasio (codici B 3823 e B 3824). Infine fa parte della tradizione della cronaca Pugliola, seppur tarda, un testo adespoto conservato in un codice dell’Universitaria (3844) che reca il titolo Cronica di Bologna dall’anno 1101 sino al 1343 Estratta da una presso S. E. il Sig. Flaminio Solimei. Di questo manoscritto Baldassarre Carati trasse nel 1767 una copia, che è oggi conservata all’Archiginnasio (ms. B 423). Come si può vedere da questo breve viaggio tra i manoscritti, della cronaca attribuita a Bartolomeo della Pugliola non siamo in grado di stabilire con certezza i limiti cronologici: manca l’incipit, poiché i codici che la contengono sono per lo più adespoti, ma pure l’explicit, essendo la cronaca confluita nella tradizione della cronaca Rampona e prolungata fino al XVI secolo. Ho citato più volte Pietro Ramponi e la cronaca che porta il suo nome. La vita e l’attività storiografica di Pietro Ramponi (1385-1443) sono state recentemente studiate da Armando Antonelli e Riccardo Pedrini al cui lavoro rimando per i dovuti approfondimenti18. Sarà qui opportuno ricordare, invece, il valore della sua opera, la sua collocazione nel panorama storiografico bolognese e soprattutto la sua relazione con il testo di Bartolomeo della Pugliola. Pietro Ramponi è autore di una cronaca che si conserva acefala nel codice 3843 della Biblioteca Universitaria di Bologna e copre il biennio 1431-1432. Ramponi è anche autore di un Memoriale la cui stesura lo impegnò per diversi anni, dal 1414 al 1434. Secondo gli editori del testo Pietro Ramponi compose il Memoriale «con lo scopo di dare testimonianza del proprio cursus honorum all’interno del mondo ecclesiale bolognese. Il testo è redatto grazie all’impiego di atti notarili esplicitamente indicati. […] Del tutto assenti sono considerazioni più generali sulla situazione politica e sull’assetto istituzionale della città19». Tali considerazioni sono invece espresse nella cronaca che, per i fatti narrati, si pone in continuità con il Memoriale. Ramponi sviluppò l’interesse per le scritture cronachistiche venendo in contatto con Pietro di Mattiolo, autore anch’egli di una Cronica o sia Memoriale delle cose di Bologna dall’anno 1359 al 1424 20 di cui ancora si conserva l’autografo (BUB 676). L’interesse del Ramponi per questa cronaca non è casuale, essendone protagonista «quel Francesco Ramponi, che aveva promosso, nel 1378, il Mattiolo a rettore della chiesa di San Michele del Mercato di Mezzo, chiesa su cui i Ramponi detenevano il giuspatronato 21 ». Il Mattiolo morì nel 1425 quasi PIETRO RAMPONI, Memoriale e Cronaca. 1385-1443, a cura di A. Antonelli e R. Pedrini, Bologna, Costa, 2003, pp. X-XXXVIII; GIOVANNI, Cronaca di Bologna 1443-1452, a cura di A. ANTONELLI e R. PEDRINI, Bologna, Costa, 2000, pp. 88-91. 19 A. ANTONELLI e R. PEDRINI nell’introduzione a P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., p. XXIII. 20 La cronaca è stata edita da Corrado Ricci per cui si veda PIETRO DI MATTIOLO, Cronica Bolognese, Bologna, G. Romagnoli, 1885. Sulla vita e l’opera del Mattiolo e la relativa bibliografia si consulti il Repertorio alle pp. 138144. 21 A. ANTONELLI e R. PEDRINI nell’introduzione a P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., p. XXV.

18

VIII

Introduzione contemporaneamente ad altri cronisti bolognesi, non solo il già citato Pugliola († ca. 14221425), ma anche Matteo Griffoni († 1426) autore di una cronaca cittadina in lingua latina22. Ramponi conobbe ed utilizzò le scritture di questi cronisti, glossandole e integrandole; i segni del suo lavoro sono ben visibili nei manoscritti della cronaca Pugliola oggetto di questo studio (BUB 3843 e 1994), della cronaca di Griffoni e di quella dei Villola, di cui dirò più avanti23. Gli interventi - aggiunte e modifiche - apportati da Ramponi all’opera dei cronisti che lo avevano preceduto, mostrano il suo intento storiografico. Esso è prevalentemente celebrativo, Ramponi vuole promuovere il nome della sua famiglia e legittimarne le gesta attraverso l’unione di biografia e storia, encomio e cronaca24. Nonostante il lavoro preparatorio di ricerca e raccolta, Pietro Ramponi non riuscì a portare a termine la sua opera storiografica a causa della sua partenza per Roma, dove lavorò presso il pontefice dal 1432, e della scomparsa, nel 1443, a soli 58 anni. Tuttavia il suo lavoro non fu vano, perché fu raccolto in eredità dal nipote, Ludovico Ramponi, vissuto a cavallo fra XV e XVI secolo. Alla sua paziente opera di raccolta, riordino e trascrizione dobbiamo la cronaca che oggi è nota come cronaca Rampona o Testo Vulgato per la sua notorietà e diffusione. La redazione definitiva della cronaca dei Ramponi, redatta da Ludovico, è oggi conservata in quattro codici: il BUB 431I e II, narra la storia di Bologna dalle origini al 1432; il BUB 607 riprende la narrazione col 1433 e giunge al 1471; il

MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, Memoriale Historicum de Rebus Bononiensium (aa. 4448 a.C. – 1472), a cura di L. FRATI e A. SORBELLI, in R.I.S2, XVIII/2, Città di Castello, 1902. Il manoscritto autografo è conservato alla Biblioteca dell’Archiginnasio con segnatura B 1250. Matteo Griffoni (1351-1426) fu notaio della curia vescovile dal 1373. Fu personaggio importante nella vita politica cittadina e ricoprì numrosi incarichi: dal 1385 fece parte del consiglio dei Quattrocento e nel 1389 degli Anziani, mentre nel 1398 fu nominato gonfaloniere di giustizia. Il Griffoni, tra l’altro, fu genero di Giacomo Bianchetti, curatore della Camera Actorum del Comune di Bologna, di cui si dirà più avanti. Si veda l’introduzione del Memoriale curata da A. SORBELLI, pp. I-LXVI e la scheda biobibliografica Matteo Griffoni curata da A. VASINA per il Repertorio della cronachistica emiliano-romagnola. Secc. 9-15, a cura di B. ANDREOLLI et alii, Roma, 1991, pp. 145-148 da integrare, per la parte biografica, con M. ZABBIA, I notai e la cronachistica cittadina italiana nel Trecento, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1999, pp. 146-148. Negli ultimi anni la figura di Matteo Griffoni è stata oggetto di numerosi studi. Sulla sua attività storiografica si possono consultare A. VASINA, Matteo Griffoni cronista, in Il carrobbio. Rivista di studi bolognesi, n. 32, 2006, pp. 49-54; R. RINALDI, Scritture di Matteo Griffoni. Tra cronaca cittadina, memorie di sé e della famiglia, in Documenti e studi, vol. XXXIII, Deputazione di storia patria per le province di Romagna, Bologna, 2004, pp. 43-79 e il già citato studio di Zabbia, pp. 145-171. A riprova della levatura intellettuale di questo notaio, va ricordata anche la sua esperienza poetica, per cui si vedano i contributi più recenti di G. MARCON, Matteo Griffoni poeta: percorsi etico-politici e cortesi e S. PIANA, Il Griffoni in musica. Alcune considerazioni su due ballate polifoniche del secondo Trecento di Andrea dei Servi e Bartolino da Padova entrambi i saggi fanno parte di Matteo Griffoni nello scenario politico-culturale della città, secoli XIV-XV, Bologna, presso la Deputazione di storia patria, 2004; in attesa di un’edizione del “canzoniere” di Griffoni di cui ci dà notizia G. MARCON in Per una nuova edizione delle rime di Matteo Griffoni, in «Medioevo letterario d’Italia», I (2004), pp. 171-191 le sue prove poetiche si possono leggere in Rimatori bolognesi del Trecento, a cura di L. FRATI, Bologna, Romagnoli-Dall’Acqua, 1915, pp. 77-92; A. MERCATI, Note su Matteo Griffoni, in «L’Archiginnasio», X (1915), pp. 213-216; ID., Nuove note su Matteo Griffoni, in «L’Archiginnasio», XI (1916), pp.177-185; A. SORBELLI, Poesie di Matteo Griffoni cronista bolognese tratte di su gli autografi, in «Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia patria per le prov. di Romagna», s. III, vol. XIX, (aa. 1900-1901), pp. 417-449; T. CASINI, Lauda inedita di Matteo Griffoni, in «Il Propugnatore», n.s., II (1889), parte I, p. 300. 23 Un esempio e l’analisi di come P. Ramponi lavorava sulle fonti a sua disposizione ci è dato da A. ANTONELLI e R. PEDRINI nell’introduzione a P. RAMPONI, Memoriale e cronaca, cit., pp. XVI-XXX. 24 Il metodo e le finalità del lavoro di Pietro Ramponi sono stati indagati da Antonelli e Pedrini in GIOVANNI, Cronaca di Bologna cit., pp. 31-48. 22

IX

Introduzione BA Malvezzi 316, n.2 conclude la cronaca con i fatti compresi fra il 1472 e il 148925. La cronaca è stata pubblicata nel Corpus Cronicorum Bononiensium26 (CCB, ivi indicata come cronaca A) dove l’editore, Albano Sorbelli, ha fatto ricorso ai codici 431 e 607, mentre per il periodo 1471-1500 si è servito del Riccardiano 1841 già menzionato per la ricostruzione della tradizione della cronaca Pugliola. Come può un codice essere partecipe della tradizione di due opere differenti? In quale punto la tradizione della cronaca Pugliola si interseca con quella della cronaca Rampona? La risposta a queste domande si trova nei codici 3843 e 1994 della Biblioteca Universitaria. Il codice 384327 è composto da 84 carte di diverse dimensioni e si conserva acefalo e mutilo in fine. La cartulazione antica posta nel margine superiore destro del recto di ogni carta è parzialmente scomparsa per il danneggiamento del margine stesso. La cartulazione attuale, in cifre arabe, è posta a penna nel medesimo luogo della precedente. Le carte da 1r a 9v, ancora di difficile attribuzione, sono vergate in una minuscola cancelleresca di epoca trecentesca. La carta 1r-v copre gli anni dal 1280 al 1284, mentre le carte 2-9 gli anni dal 1329 al 1337. Le carte da 10r a 75v, redatte in una corsiva usuale trecentesca, risalgono ai decenni a cavallo tra XIV e XV secolo e sono attribuibili a Bartolomeo della Pugliola. La narrazione, con alcune soluzioni di continuità, va dal 1336 al 1400. Le lacune sono in parte colmabili con le carte del ms. 1994. Dal confronto con i testi di altre cronache è emerso che l’ordine delle carte 10-17, così come si presenta oggi, è scorretto. Seguendo le narrazione degli eventi, le carte andrebbero lette secondo la sequenza: 14, 10, 11, 12, 15, 16, 17, 13. Le carte da 76r a 82v sono vergate da Pietro Ramponi nella prima metà del XV secolo e narrano le vicende degli anni 1431-3228. Le carte da 83r a 84v sono invece di mano di Ludovico Ramponi, redatte a cavallo fra XV e XVI secolo. Si tratta per lo più di appunti e integrazioni relativi ad anni diversi del ‘400, utilizzati successivamente per la compilazione della cronaca composta presumibilmente all’inizio del ‘500 e conservata nei mss 431I e II e 607 della Biblioteca Universitaria e nel codice Malvezzi 316 dell’Archiginnasio . Il codice 199429 è composto da 181 carte. La cartulazione antica posta nel margine superiore destro del recto di ogni carta è andata perduta per il danneggiamento del L’ordine attuale dei fascicoli è il risultato di un’impropria rilegatura tuttavia possiamo ricostruire la fisionomia originaria del codice grazie ad una copia che ne trasse Lino Sighinolfi nel 1907, prima che la fascicolazione fosse sconvolta. Tale copia è oggi conservata all’Archiginnasio sotto la segnatura B 1848. 26 Il CCB non è altro che la raccolta di alcune cronache bolognesi (Ramponi, Varignana, Bolognetti, Villola) in vista della seconda edizione dei RIS. Esso, nell’intenzione degli editori, doveva sostituire, nel rispetto di rigorosi principi filologici, l’Historia Miscella Bononiensis che, come ho già avuto modo di accennare, altro non era che un’elaborazione del Muratori, tratta da due cronache bolognesi conservate alla Biblioteca Estense di Modena. Per la descrizione dell’organizzazione della raccolta rimando alla voce relativa del Repertorio, dove si troverà anche la bibliografia per la ricostruzione della complesssa vicenda che ha portato alla compilazione del Corpus, da completare con quella raccolta da G. ORLANDELLI, curatore della voce Bartolomeo della Pugliola, nel Dizionario Biografico degli italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1964, vol. XV, p. 761. 27 Il codice è stato oggetto di numerose descrizioni, alle quali rimando per maggiori dettagli: P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., pp. XXXVIII-XL; Memoria Urbis cit., pp. 161-162; Indice dei codici italiani conservati nella Regia Biblioteca Universitaria di Bologna, a cura di L. FRATI, vol. IV, in I.M.B.I. a cura di G. MAZZATINTI, Firenze, Olschki, 1917, tomo XXV, p. 57; A. SORBELLI, Le cronache cit., scheda n. LXXX, pp. 84-85. 28 Queste carte sono edite in P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., pp. 61-80. 25

X

Introduzione margine stesso, la cartulazione moderna, in cifre arabe, è posta a penna nel medesimo luogo della precedente. Le carte da 1r a 75v sono opera di Ludovico Ramponi e narrano la storia di Bologna dalle origini al 1339. Le carte da 76r a 83v sono della mano attribuibile a Bartolomeo della Pugliola e coprono gli anni 1340-45. Le carte da 84r a 139v sono ancora di mano di Ludovico Ramponi e raccolgono notizie dal 1345 al 1370. Le carte da 140r a 146v sono ancora della mano attribuibile a Bartolomeo dalla Pugliola e abbracciano gli anni dal 1370 al 1372. Le carte da 147r a 152v sono da attribuire ad un’anonima mano α; esse costituiscono il trait d’union tra la parte di cronaca precedente e quella successiva infatti, colmano la lacuna relativa agli anni 1372-1443, cioè tra la fine della cronaca Pugliola e quella seguente del cronista Giovanni. Le carte da 153r a 168v contengono la cronaca del cronista Giovanni che copre gli anni dal 1443 al 145230. Nonostante che la cronaca sia oggi acefala, le notizie superstiti risultano organizzate in modo omogeneo. Le carte da 169r a 171r sono ancora della mano anonima α precedentemente menzionata che narra le vicende relative agli anni 1508-1512. È evidente, per questa mano, il tentativo di rendere la silloge omogenea dal punto di vista cronologico. Le carte da 171v a 174v sono bianche. Le carte da 175 a 178r contengono alcune notizie relative al XIV secolo, ma sono state scritte nel Settecento da Ubaldo Zanetti, che del manoscritto trasse una copia nel 1763. L’analisi di questi codici mostra l’evidente parzialità dell’opera di Bartolomeo della Pugliola che non è stato possibile ricostruire integralmente e risulta così distribuita nei due codici suddetti: CODICE 3843 1994 3843 1994 3843

CARTE 10r-17v 76r-83v 18r-57v 140r-146v 58r-75v

ANNI 1336-1339 1340-1345 1358-1370 1370-1372 1380-1400

Le carte della cronaca Pugliola in origine dovevano fare parte di un unico codice, mentre oggi, come si è visto, sono frammiste ad altro materiale cronachistico. I due manoscritti si presentano, quindi, come una silloge storica della città di Bologna, il risultato del lavoro compositivo svolto probabilmente, prima da Pietro Ramponi, per redigere la propria cronaca familiare, poi dall’anonima mano α. Inoltre, le carte della cronaca Pugliola inserite in questi codici sono interessanti per comprendere il lavoro editoriale di Pietro Ramponi. Man mano che la narrazione procede la presenza di Ramponi si fa sempre più evidente e consistente. Si tratta soprattutto di interventi tesi a Il codice è stato descritto da Antonelli e Pedrini in GIOVANNI, Cronaca di Bologna cit., pp.55-60; Memoria Urbis cit., pp. 168-169; descrizioni sommarie si trovano anche in I.M.B.I. a cura di G. MAZZATINTI, Firenze, Olschki, 1914, tomo XXI, p. 187; A. SORBELLI, Le cronache cit., scheda n. LXXXIX, pp. 118-119. 30 Queste carte sono edite in GIOVANNI, Cronaca di Bologna cit.

29

XI

Introduzione modificare la grafia di alcune parole e dati a suo parere non corretti o incongruenti, sotto forma di soprascrizioni, sottoscrizioni, note marginali, cancellature, aggiunte e inserimenti seriori. Soprattutto, le carte qui prese in esame sono importanti per dare una collocazione precisa ai codici che le contengono nella tradizione sia della cronaca Pugliola che della Rampona e più in generale per stabilire i rapporti di dipendenza tra questi testi ed un’altra importante cronaca bolognese, quella dei Villola, della quale è giunto il momento di parlare. Per riassumere: TRADIZIONE DELLA CRONACA PUGLIOLA (SEC. XV) CODICI BUB 1994+3843 BA B 2088

ANNI 1336-1400 1104-1471

TRADIZIONE DELLA CRONACA PUGLIOLA (SEC. XVI) CODICI BA B 1093 BU 1239 Ricc 1841

ANNI 1307-1362 1363-1407 1464-1510

TRADIZIONE DELLA CRONACA DI PIETRO E LUDOVICO RAMPONI CODICI BUB 431IeII BUB 607 BA Malvezzi 316, n.2

ANNI Origini-1432 1433-1471 1472-1489

TRADIZIONE DELLA CRONACA VILLOLA CODICE BUB 1456

ANNI 1163-1376

Gli storici e i critici attribuiscono a Pietro e a Floriano Villola la cronaca contenuta nel codice 145631 della Biblioteca Universitaria di Bologna che porta il titolo, non originale ma trascritto da una mano settecentesca in una carta di riguardo, di “Memorie Istoriche di Bologna di Floriano di Pier Villola dall’anno 1163 all’anno 1376 con altre notizie storiche diverse prima del suddetto anno 1163 e doppo il 1376”32. Della cronaca Villola si perse per 31

Il codice è stato descritto da A. SORBELLI, Le cronache cit., scheda n. LXXXI, p. 61; più dettagliata la descrizione di L. SIGHINOLFI, La cronaca dei Villola nella stazione dell’università degli artisti, in Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Prov. di Romagna, s. 4, XII (1922), pp. 12-31; e di A. GAUDENZI contenuta in La cronaca bolognese di Floriano Villola e le fonti della storia miscella del Muratori, in Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna, Terza serie, vol. X, Bologna, 1892, pp. 355-357. 32 L’unica voce fuori dal coro è quella di Lino Sighinolfi che ha messo in dubbio l’autorità dei Villola sulla base di caratteri intrinseci al testo e di un’analisi paleografica del manoscritto, dove sarebbero riconoscibili

XII

Introduzione lungo tempo notizia 33 , essendo confluita nella tradizione di altre cronache come la Pugliola e la Rampona che la continuarono ed integrarono. Il codice 1456 resta perciò l’unico testimone, da ritenere ragionevolmente autografo34, della cronaca Villola che, a tutt’oggi, è la più antica cronaca bolognese conservata 35 . L’assenza di una tradizione cronachistica anteriore all’opera dei Villola non significa che questa non sia esistita, anzi, la stessa cronaca Villola attesta la sua presenza, visto che, nella parte iniziale, mostra di ricorrere a diverse fonti oggi perdute nella loro individualità 36 . L’assenza di una almeno quattro mani diverse, giungendo alla conclusione che «il ms. 1456 sia opera dei notari della Camera degli Atti e specialmente di quelli cui erano affidati per la custodia e l’uso non solo gli atti di privato interesse, ma quelli pubblici, gelosamente custoditi nella raccolta del Registro Grosso e Parvo» L. SIGHINOLFI, art. cit., p. 32. L’ipotesi di Sighinolfi presenta alcuni limiti, mostrati da Sorbelli (cfr. Ancora la cronaca Villola, in Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Prov. di Romagna [serie V] vol III, Bologna 1938, pp. 136-164) oltre ad alcune incongruenze messe in risalto da Girolamo Arnaldi il quale, però, alla luce di alcune affinità con il Chronicon del padovano Rolandino, ha invitato ad approfondire questo percorso di ricerca, sostenendo che «la tesi avanzata dal Sighinolfi circa la natura della cronaca Villola (o dei Villola) è infatti più solidamente fondata di quanto non si ritenga di solito» G. ARNALDI, Studi sui cronisti della Marca Trevigiana nell'età di Ezzelino da Romano, Roma, Istituto storico italiano per il Medio Evo, 1963, pp. 105-106. Al momento le ricerche sono continuate verso un’unica direzione e tale invito è rimasto inascoltato. 33 Il primo a ricordare la cronaca è Giovanni Villanova, legato in parentela ai Villola, che la menziona tra le opere storiche utilizzate per ricostruire la genealogia della sua famiglia. Cfr. G. VILLANOVA, Notizie antiche e moderne di casa Villanova in Bologna, Bologna, Benacci, 1686, p. 7. Tuttavia, nota il Sighinolfi che «il codice per tutto il Quattrocento sotto il nome di Annali, rimase anonimo, ma non ignoto, anzi seguitò a servire di fonte, quasi esclusiva, a tutti i cronisti per conoscere le più importanti notizie relative alla storia di Bologna dalle origini ai loro tempi» L. SIGHINOLFI, art. cit., p. 55; già il Gaudenzi aveva riconoscuto nella prima parte della cronaca Villola «in una forma più primitiva, e quindi anche più genuina, gli antichi annali bolgnesi» A. GAUDENZI, I suoni, le forme e le parole del dialetto della città di Bologna, Torino, 1889, p. XLVIII. 34 Già il Fantuzzi, che dovette vedere il codice pressapoco nello stato in cui noi oggi lo conosciamo, considerò il manoscritto autografo e lo attribuì a Floriano Villola. Cfr. G. FANTUZZI, Notizie cit., p 245. Convincenti appaiono le prove, prevalentemente su base paleografica, addotte da A. GAUDENZI in La cronaca cit., pp. 357359, tali prove sono state riassunte ed aggiornate da A. SORBELLI in Le cronache cit., pp. 67-71. 35 Non tengo conto qui del Chronicon Bononiense (1162-1299), meglio noto come Cronaca Lolliniana perchè conservato alla Biblioteca Lolliniana di Belluno, visto che di vera e propria cronaca non si può parlare essendo il contenuto modesto: un elenco di podestà con alcune notizie sparse dei maggiori avvenimenti. Cfr. L. DOLLEONI, Chronicon Bononiense ex Lolliniana Belunensi Bibliotheca promptum ejusdemque Bibliothecae mss. codicum catalogum, in A. CALOGERÀ, Nuova raccolta di opuscoli scientifici e filologici, IV, Venezia, 1758. pp. 115170 e soprattutto la nuova edizione curata da G. ORTALLI, Alle origini della cronachistica bolognese: il Chronicon Bononiense (o Cronaca Lolliniana), Roma, Viella, 1999. 36 È questa l’opinione di Gherardo Ortalli, secondo il quale «la stessa parte della cronaca dei Villola anteriore all’anno 1300 permette di riconoscere attraverso un paziente lavoro di recupero filologico-testuale almeno tre o quattro diversi elementi compositivi». G. ORTALLI, Alle origini della cronachistica bolognese cit., p.18; per una partizione dettagliata si legga G. ORTALLI, Notariato e storiografia in Bologna nei secoli XIII-XVI, in Notariato medievale bolognese, II, Roma 1977, pp. 152-153. Un’altra cronaca adespota risalente al XIII secolo è stata riconosciuta, sempre da Gherardo Ortalli, nella parte iniziale dell’opera del notaio faentino Pietro Cantinelli edita in PETRUS CANTINELLI, Chronicon, a cura di F. TORRACA, in R.I.S.2, XXVIII/2, Città di Castello, 1902, pp.1-10. cfr. G. ORTALLI, Alle origini della cronachistica bolognese cit., p.17 e nota 15 per ulteriori rimandi blbliografici. Percorrendo la strada aperta da Ortalli, Marino Zabbia ha condotto indagini sinotticocomparative tra i testi di altre cronache, alla ricerca di elementi che permetessero di definire la fisionomia di una tradizione cronachistica previlloliana, giungendo alla conclusione che «l’analisi incrociata delle cronache conservate costringe a presupporre l’esistenza di altre opere ora perdute, rivelando le tracce di una non trascurabile tradizione cronachistica bolognese duecentesca» M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola, Matteo Griffoni e Giacomo Bianchetti, problemi di cronachistica bolognese fra Tre e Quattrocento, in Bullettino dell'Istituto storico italiano per il Medioevo e Archivio muratoriano, n. 102, Roma,1999, p. 140. Il caso bolognese è sicuramente tra i più sfortunati, essendo andata perduta gran parte della produzione cronachistica anteriore al XIV secolo, tuttavia va notato che anche a Bologna, parallelamente ad altre città come Genova, Venezia o Firenze, nel

XIII

Introduzione storiografia previlloliana può dunque giustificarsi con l’eccezionale fortuna del testo villoliano37; fortuna dovuta, presumibilmente, al ricorso alla lingua volgare, oltre che al tono moderato e mai polemico della narrazione e alla «dimensione cittadina del suo orizzonte, in cui la società bolognese del Trecento doveva ritrovarsi senza fatica38». Non bisogna poi tralasciare «la pubblicità acquisita dallo scritto attraverso la consultazione resa possibile dall’essere esposto in lettura nella bottega villoliana, nella zona più centrale della città 39 ». Soprattutto, si deve tener conto dell’attendibilità della quale godevano i suoi autori. Ma chi erano gli autori di questa cronaca? Quanta parte è opera loro? Cioè, quanta parte copiarono da altre fonti e quanta scrissero de visu? Ricerche d’archivio 40 hanno permesso di accertare l’esistenza del cronista, identificato in Floriano Villola, figlio di Pietro di Bitinio, cartolaio. Floriano continuò l’attività del padre, infatti nell’anno 1368 si trova il suo nome insieme a quello del fratello Giovanni nella matricola della società dei cartolai, mentre è assente il nome del padre, che probabilmente doveva già essere morto (l’ultimo documento in cui è menzionato è del 1360). Negli ultimi anni della sua vita il nostro cronista partecipò attivamente alla vita politica cittadina: ad esempio nel 1375 fu eletto nel consiglio dei Cinquecento e nel 1379 gonfaloniere del popolo e del comune; fece parte del Consiglio dei Quattrocento negli anni 1379-1380 e 1382-1386; nel 1385 è ricordato come difensore dell’avere e dei diritti del comune di Bologna. Morì probabilmente il 20 giugno 138541, lasciando come eredi i figli Fazio, Girolamo, Pietro e Leonardo. Una prima analisi paleografica condusse Augusto Gaudenzi a sostenere che il manoscritto appartenesse alla «stessa mano dal principio alla fine 42 ». Ad un secondo esame, Sorbelli riconobbe la presenza di (almeno) due mani simili lungo le pagine del codice e ritenne che il secondo carattere potesse appartenere ad uno dei figli di Floriano, o

corso del Trecento si attua un processo di definizione di un canone storiografico cioè, attraverso la sistemazione e l’ampliamento di cronache precedenti, nascono testi capaci di rappresentare un punto di riferimento autonomo per la memoria storica locale. In molti casi queste sintesi aggiornate sono in grado di sostituire, o per lo meno trascurare, la produzione cronachistica dei secoli precedenti che finisce con l’essere dimenticata, persa o, nel peggiore dei casi, distrutta. Cfr. M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., pp. 99-103; ID. Il contributo dei notai alla codificazione della memoria storica nelle città italiane (secoli XII-XIV), in «Nuova Rivista Storica», LXXXII (1998), fasc. I, pp. 1-16; per un ampio quadro della situazione bolognese cfr. F. PEZZAROSSA, Alcune osservazioni sulle scritture storiche e di memoria nella Bologna tra Medioevo ed Età moderna, in in La memoria e la città. Scritture storiche tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Claudia Bastia e Maria Bolognani; responsabile culturale Fulvio Pezzarossa, Bologna, Il nove, 1995, pp. 495-522; inoltre Franca Ragone ha mostrato come a partire dal Duecento le cronache cittadine mutino anche la struttura e le modalità compositive cfr. F. RAGONE, Costruzione e tradizione del passato nelle cronache cittadine italiane del Medioevo, in La mémoire de la cité: modèles antiques et réalisations renaissantes, actes du Colloque de Tours (28-30 septembre 1995), Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1997, pp. 49-62. 37 Cfr. G. ORTALLI, Notariato e storiografia cit., pp. 154-155. Marino Zabbia ha ridimensionato l’impatto avuto dalla cronaca Villola nel panorama storiografico bolognese. Egli ritiene che l’opera dei Villola contribuì solo indirettamente alla perdita delle cronache più antiche, «infatti, le opere su cui si basa la loro compilazione erano ancora note a Matteo Griffoni». Cfr. M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 102; esempi che attestano la comunanza di fonti delle opere dei Villola e del Griffoni sono alle pp. 126-139; ID., I notai e la cronachisticai cit., pp.164-166. 38 G. ORTALLI in Repertorio, alla voce Corpus Chronicorum Bononiensium, p. 152. 39 G. ORTALLI, Alle origini della cronachistica bolognese cit., p. 16. 40 Cfr. A. GAUDENZI, La cronaca cit., pp. 358-365; A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 64-67; ID., Ancora la cronaca Villola cit., pp. 157-162; L. SIGHINOLFI, art. cit., p. 50-55. 41 Cfr. A. GAUDENZI, La cronaca cit., p. 362. 42 A. GAUDENZI, La cronaca cit., p. 357.

XIV

Introduzione ad un suo confidente, che scrivesse sotto dettatura 43 . Giuseppe Kirner fu il primo a ipotizzare che la cronaca in questione fosse sì opera di Floriano Villola, ma che questi fosse il continuatore del progetto redazionale iniziato dal padre Pietro 44 . La prova più autorevole a sostegno di questa ipotesi è stata poi addotta da Sorbelli. Si tratta di un documento degli Atti del Podestà, del 1359, in cui si fa memoria di un processo in cui Pietro Villola fu chiamato come testimone, in qualità, diremmo oggi, di perito «come colui cioè che meglio di qualsiasi altro poteva attestare sopra i fatti passati svoltisi nella città di Bologna o vicino ad essa, per la ragione cognita a tutti che egli aveva tenuto nota degli avvenimenti, aveva cioè composta la cronaca, della quale molti, e stavolta gli stessi giudici, avevano notizia 45 ». Lo stesso documento ci fornisce un aiuto importante anche per l’individuazione dell’anno in cui, presumibilmente, Pietro inizia a scrivere de visu la cronaca. Interrogato sull’esistenza di una consuetudine presente a Bologna, Pietro dà conferma non solo dell’esistenza, ma della sua longevità ed aggiunge «et bene recordatur de triginta quinque annis». Da questa affermazione il Sorbelli deduce che «se dal 1359 togliamo i trentacinque anni durante i quali ha notato i suoi ricordi e le sue impressioni, e per i quali può assolutamente assicurare in testimonianza, si giunge appunto all’anno 1324, che è quello con cui comincia la narrazione contemporanea e autografa del cronista46». In virtù di queste nuove acquisizioni Sorbelli fu costretto a rivedere le sue opinioni rispetto all’autorità del manoscritto, accettando Floriano come autore secondario

A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 71-72 lo stacco fra le due mani andrebbe individuato a partire dall’anno 1359; ID., Ancora la cronaca Villola, art. cit., p. 143 qui Sorbelli posticipa l’inizio della seconda mano al 1362. 44 G. KIRNER, Recensione di “Le cronache bolognesi del secolo XIV”, Bologna 1900, in “Studi storici”, 1900, pp 489493. L’ipotesi di Kirner si basa su due dati: il primo di natura documentaria, il secondo di natura letteraria. Quanto al primo, i documenti rinvenuti ci permettono di stabilire che Pietro Villola, padre di Floriano, morì in un periodo compreso fra il 1357 (termine posticipabile al 1359 grazie a docc. rinvenuti dopo la pubblicazione dell’art.) e il 1368. Quanto al secondo, in apertura della cronaca Villola si trova un sonetto in cui, in una terzina, viene nominato un Pietro. La terzina in questione recita: perché l’è Pietro stà sempre mie hosto / e dato s’à de reçistrar chaxone / quel che m’è stado da fortuna imposto. A parlare è un pellegrino che, nell’interpretazione di Emilio Lovarini, «va in giro e raccoglie le novelle; poi viene nel negozio di Pietro, ch’è stato sempre suo ospite, e racconta ciò che sa. Pietro registra in un libro tutto quello che la fortuna ha fatto conoscere al pellegrino» Ivi, p. 492. Kirner accetta questa interpretazione e ritiene che il Pietro nominato possa rappresentare un riferimento a Pietro Villola custode, nella sua bottega, del codice in cui annotava le notizie cittadine. Questa interpretazione è ammessa anche da Sorbelli, cfr. Ancora la cronaca Villola, art. cit., p. 152 ma non da Sighinolfi che, come si è accennato, ha sostenuto una diversa attribuzione della cronaca e che le prime cinque carte del codice, fra le quali è trascritto il sonetto in questione, sarebbero state aggiunte in un secondo momento. Cfr. L. SIGHINOLFI, art. cit., pp. 70-71 e 12, 21. In uno studio più recente, volto ad individuare la possibile data di nascita di Pietro Villola, Antonio Ivan Pini ha svolto la sua indagine su documenti mai presi in considerazione dai precedenti studi: le matricole delle arti e delle armi, le «venticinquine» e gli estimi. Pini ha confermato l’esistenza del primo cronista e, secondo la sua ipotesi, Floriano Villola sarebbe stato, non solo il continuatore della cronaca del padre, ma anche il confezionatore del codice che la contiene. Cfr. A. I. PINI, Cronisti medievali e loro anno di nascita: un'ipotesi da verificare, in Società, Istituzioni, Spiritualità: studi in onore di Cinzio Violante, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1994, pp. 692-698. 45 A. SORBELLI, Ancora la cronaca Villola, art. cit., p. 159. Sorbelli riporta l’intero documento alle pp. 160-162; da qui ho tratto la citazione in latino. Un’analisi più dettagliata, anche dei rapporti tra cronachistica e notariato, è in G. ORTALLI, Notariato e storiografia cit., pp. 156-160. 46 Ibidem, p. 160. Nel suo precedente studio Sorbelli aveva ipotizzato che Villola iniziasse a scrivere de visu solo dal 1334 anno a partire dal quale, tra l’altro, il testo della Rampona segue precisamente quello della Villola. Gli anni precedenti (1316-1333), invece, più scarni di notizie, sarebbero stati redatti attingendo in vario modo da diverse fonti volgari. Cfr. A. SORBELLI, Le cronache, cit., pp. 73-80. 43

XV

Introduzione della cronaca a partire dal 136247. La narrazione di Floriano avrebbe dovuto protrarsi, secondo l’ipotesi di Gaudenzi, accettata anche da Sorbelli, fino al 138048. Come si è avuto modo di accennare sopra, la cronaca Villola è il risultato di una sovrapposizione di cronache diverse. Per il periodo anteriore al 1324 gli studi condotti finora non hanno permesso di separare distintamente tutte le fonti. Fino agli studi di Sorbelli, l’unica netta e sicura distinzione possibile era fra la fonte latina, della quale Villola si serve fino al 1315, e quella volgare con la quale prosegue la narrazione. In realtà questa distinzione presenta dei limiti, poiché anche nella prima parte la narrazione non è omogenea. Gherardo Ortalli, per la parte anteriore al 1300, ha riconosciuto almeno quattro momenti compositivi, corrispondenti a quattro differenti fasi redazionali 49 , segno che Pietro e Floriano tornarono più volte sul manoscritto, completando spazi lasciati vuoti e interpolando passi assenti nella fonte principale della loro cronaca. Inoltre «dal 740 al 1209 predomina il volgare, che fino al 1238 si alterna col latino, che da questo anno fino al 1265 rimane la sola lingua usata50». Sighinolfi ritenne che la parte di cronaca comprendente gli anni 740-1265 fosse stata interpolata «non molto prima del secolo XV» 51 e notò le similitudini col testo di Griffoni: «Il latino del Griffoni alcuna volta è tradotto in volgare e alcun’altra è trasportato quasi intatto nel ms. Villoliano52». In effetti, collazionando i testi della cronaca Villola e del Memoriale di Matteo Griffoni, Marino Zabbia si è reso conto di forti coincidenze fra i due testi, ma ha rilevato anche alcune disparità di non poco conto. È perciò giunto alla conclusione che Griffoni non conoscesse l’opera dei due cartolai, ma che anch’egli abbia attinto alla medesima fonte principale. Avvicinando al testo di Griffoni il testo dei Villola, emendato da aggiunte posteriori, Zabbia crede di aver individuato la fisionomia di una cronaca, probabilmente composta nel XIV secolo, in quanto «la parentela tra i due testi si conserva costante per il lungo periodo che dall’inizio del XII secolo giunge ai primi anni del Trecento53». Per la parte volgare, anteriore al 1324, la densità della narrazione è scarsa, ridotta ad un elenco dei podestà con l’aggiunta di qualche altro fatto54. Da quanto detto finora risulta che la cronaca Villola, di cui ci resta un unico testimone, abbraccia un periodo dal 1163 al 1376 con l’aggiunta di qualche notizia sparsa relativa ad anni successivi; la cronaca Rampona ci è giunta completa, dalle origini di Bologna fino all’anno 1489; della cronaca di Bartolomeo della Pugliola non possiamo stabilire con esattezza gli estremi cronologici: fra i testimoni che ce la tramandano il più antico ha inizio con l’anno 1104 e tra questi non è ancora stato possibile individuare e delimitare le parti attribuibili al frate, che ovviamente non possono andare oltre la data di morte (1420-22). 47

Ibidem, p. 162-164. L’ipotesi è basata su alcuni richiami interni al testo che rimandano all’anno 1380. Cfr. A. GAUDENZI, La cronaca cit., pp. 371-372; ripreso da A. SORBELLI, Le cronache, cit., pp. 72-73. Tuttavia il 1376 è un anno di svolta per Bologna: è l’anno della ribellione che porta alla cacciata del legato (marzo) e alla nascita del secondo governo popolare. Il cambio di regime avrebbe potuto rappresentare un momento di stallo nella composizione della cronaca. Questa ipotesi è destinata a rimanere tale, in quanto il codice 1456 è mutilo in fine di alcune carte, perciò non è possibile stabilire con certezza il termine naturale della cronaca. 49 Cfr. G. ORTALLI, Notariato e storiografia cit., pp. 152-153. 50 L.SIGHINOLFI, art. cit., p. 19. 51 Ibidem, p. 18. 52 Ibidem, p. 19. 53 M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 129. 54 Cfr. A. SORBELLI, Le cronache, cit., pp. 73-75; A. GAUDENZI, La cronaca cit., pp. 370-371; ID., I suoni, cit., p. XLIX.

48

XVI

Introduzione ESTENSIONE CRONOLOGICA DELLE CRONACHE IN BASE ALLA TRADIZIONE DEI CODICI A NOI PERVENUTI

Ramponi Origini__________________________________________________1489 Villola 1163_________________________1376 BdP (sec. XIV) 1336______________1400 BdP (sec. XV) 1104_________________________________________1471 BdP (sec. XVI) 1307________________________________1510 Griffoni ……1109____________________________________1426 Mattiolo 1359______________1424 Il primo a rendersi conto dei rapporti intercorrenti fra le tre cronache fu Augusto Gaudenzi che si accorse dell’identità della prima parte della cronaca Villola, fino al 1316, con la cronaca Rampona. Tuttavia, sia per ragioni linguistiche che per diversità di contenuto, negò la derivazione della Rampona dalla Villola, ma ipotizzò l’esistenza di una fonte comune alle due cronache, alla quale gli autori avrebbero diversamente attinto. Gaudenzi tenne a precisare però che «questo vale naturalmente sino al punto in cui il Villola comincia a registrare lui gli avvenimenti che ricorda; da questo momento in poi egli è la fonte diretta della Rampona: ma anche allora questa non può considerarsi come una semplice copia55 ». Sorbelli, devoto sostenitore della tesi di Gaudenzi, si sforzò di confermarne le deduzioni: «La cronaca cosidetta Rampona solo dall’anno 1334 riporta tutto quanto è nel Villola e solo il Villola, mentre per gli anni anteriori molte cose aggiunge a quelle date dalle croniche copiate dal Villola ed alcune poco tralascia. Ciò significa che la Rampona derivò, dell’esemplare Villoliano ridotto, ciò solo che il Villola scrisse di suo56». Sulla base dei manoscritti a lui noti, Sorbelli sostenne una derivazione della Pugliola e della Rampona da un originale comune, riconosciuto, da un confronto testuale, nella cronaca Villola. Il rapporto tra queste due cronache e la Villola sarebbe di derivazione diretta solo per la parte in cui Villola è originale, mentre, per la parte anteriore al 1334, i cronisti avrebbero tenuto la Villola come testo di riferimento, selezionando le notizie e aggiungendone altre57. Attraverso continue selezioni e interpolazioni si sarebbe giunti nel corso dei secoli a quello che Sorbelli, non senza ambiguità, chiama Testo Vulgato58. L’ambiguità risiede nel fatto che nelle tarde sillogi cinquecentesche risulta difficile individuare l’apporto dei diversi cronisti, cioè distinguere le fonti, delimitarne l’estensione cronologica e 55

A. GAUDENZI, I suoni, cit., p. L. Va ricordato che Gaudenzi riconosce Villola autore a partire dal 1334. Cfr. ID, La cronaca cit., p. 375. 56 A. SORBELLI, Le cronache, cit., p. 76. 57 Così Sorbelli: «la Pugliola e la Rampona derivano da un originale comune; ma, almeno per gli anni 133376, avendo dimostrato sopra che il Villola è originale, possiamo essere sicuri, vista la somiglianza, che la Pugliola e Rampona derivino dal Villola». Poi però, essendosi reso conto dell’eccesso di entusiasmo, modera il tono e conclude: «La derivazione non sarà direttissima, ma c’è manifesta». A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 106. Tale affermazione va poi corretta con l’acquisizione successiva di Sorbelli, cioè che l’inizio della parte originale della cronaca andrebbe fatta risalire al 1324. A. SORBELLI, Ancora la cronaca Villola, art. cit., p. 159. 58 Con testo Vulgato Sorbelli voleva indicare la tradizione delle cronache Pugliola e Ramponi, intese come continuazioni della cronaca Villola. Nel momento in cui scriveva, infatti, non era ancora arrivato a distinguere con chiarezza le parti da attribuire a ciascun cronistta e solo in un secondo momento riuscirà a stabilire la dipendenza della Rampona dalla Pugliola. Inoltre, quando Sorbelli per le sue analisi cita il testo Vulgato, fa riferimento al codice BUB 431.

XVII

Introduzione identificarne gli autori. Sorbelli si soffermò nell’analisi del decennio 1350-1360 confrontando i testi della cronaca Villola, Rampona (cod. BUB 431) e Varignana (BUB 432). Lo studioso annotò numerose aggiunte presenti nella Rampona rispetto alla Villola, in parte accettate anche dalla Varignana59. Per lo stesso periodo, però, non mancano anche sviste ed omissioni della Rampona rispetto alla Villola60. Aggiunte e omissioni allontanano l’ipotesi della derivazione diretta dalla Villola e, per le ragioni suddette, complicano la tradizione del testo vulgato. Un aiuto in tal senso giunge dai codici 1994 e 3843 dell’Universitaria, noti entrambi a Sorbelli, il quale, però, non riuscì a distinguere le diverse mani che li vergarono e di conseguenza ad individuarne il legame (cfr. supra pp. X-XI). Nonostante ciò, l’analisi del codice 1994 compiuta da Sorbelli in rapporto al testo Vulgato ha permesso di stabilire l’esistenza di una relazione tra i testi ivi contenuti e di illuminare la strada del presente studio. Già Sorbelli notava che «la forma delle parole, come l’unione delle sillabe del cod. 1994 è molto più vicina alla Villola che non quella del cod. 431»; che «se il compilatore del cod. 1994 avesse derivato dal 431 come mai non avrebbe copiato tutto quel testo ricchissimo e abbondantissimo anche per la parte antica, mentre di essa ha pochissimo?»; inoltre «nel cod. 431 sono riportate tutte le notizie volgari, e di volgari nessuna altra che quelle che sono contenute nel cod. 1994, e sono disposte nello stessissimo ordine e nel principio dell’anno»; ma soprattutto «alcuni passi che si trovano nel testo vulgato […] mancano invece nel Villola; orbene questi passi mancano anche nel cod. 1994; e ciò dimostra che questo è anteriore, e più vicino alla Villola»61. Sorbelli, dunque, concludeva «1° che il cod. 1994 è assai più vicino al Villola e quindi più antico che non il cod. 431; 2° che questo, molto probabilmente, deriva da quello»62. Chi fu dunque il continuatore della cronaca Villola? Bartolomeo dell Pugliola o Pietro Ramponi63? Sorbelli non ha dubbi: «Credo che l’autore vero del testo vulgato e quindi della redazione che ha servito di copia a tutti i codici sopra citati, ed a molti altri andati perduti, sia fra Bartolomeo della Pugliola. L’intitolazione al Ramponi è stata una falsa e vanitosa arrogazione di uno di quella famiglia»64. In effetti il nome del frate ricorre in numerosi manoscritti appartenenti alla tradizione del testo vulgato e prove documentarie attestano la sua esistenza. All’epoca in cui Sorbelli compiva i suoi studi, invece, nulla si sapeva degli interessi storiografici della famiglia Ramponi e questo condusse il critico ad ipotizzare, troppo frettolosamente, che «probabilmente quell’”uno della famiglia Ramponi” che ha compilata la cronica contenuta nel codice 431 dell’Universitaria non è mai esistito»65. Prova più convincente di dipendenza della cronaca Rampona dalla Pugliola può trarsi da un celebre passo, in cui Pugliola dichiara la sua autorità, che nel codice 431 risulta alterato. Nei codici della tradizione del testo vulgato il frate dichiara di aver compiuto la 59

A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 108-112. A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 114-115. 61 A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 122-123 il corsivo è dell’autore. 62 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 124. 63 Nel frontespizio del codice BUB 431 si trova l’intitolazione a “uno della famiglia Ramponi”. Solo ricerche recenti hanno permesso di attribuire la compilazione della cronaca a Ludovico Ramponi, mentre i codd. 1994 e 3843 testimoniano il passaggio intermedio di Pietro. Cfr. A. ANTONELLI e R. PEDRINI nell’introduzione a P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., pp. IX-XLI. 64 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 126. 65 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 130. 60

XVIII

Introduzione sua opera “a complacentia de Leonardo da Villola”; solo nel codice 431 questo nome è raschiato e sostituito con quello di «Ridolpho fiolo di filippo Ramponi»66. Sorbelli fu il primo ad accorgersi di questa alterazione che, a suo parere, dimostrava «che il più alto merito, cui poteva o voleva aspirare [il mistificatore], era di far vedere che proprio lui aveva fornite le notizie al Pugliola sulle quali questi condusse la cronica; cosicchè, da principio, né anche in lui c’è l’intenzione di farsi credere autore della cronica 67 ». La conclusione cui arriva Sorbelli è discutibile, è certo però che questo fatto isolato e privo di seguito, contro le numerose citazioni del Villola nei vari codici contenenti il testo vulgato, sia un’utile sostegno alla tesi della derivazione della cronaca Rampona dalla Pugliola (per lo meno il cod. 431) e non viceversa. Come si è detto nel codice 1994 la narrazione è continua, ma non attribuibile, con evidenza, alla stessa mano. In effetti, ad alcuni di questi autori pressocchè anonimi lo stesso Sorbelli, inconsapevolmente, attribuisce «notizie che evidentemente sono contemporanee, ma che non si trovano in nessuna delle nostre croniche importanti»68, questo perché il compilatore dei codici appartenenti alla cronaca Rampona (penso ai codd. BUB 431 e 607) si servì solo di una parte delle carte appartenenti a questo codice, da integrare, come ho mostrato sopra, con le restanti carte del codice 3843. C’è di più: come potè Sorbelli non accorgersi dell’opera di revisione che oggi possiamo attribuire a Pietro Ramponi? Soprattutto le ultime carte superstiti della cronaca Pugliola contenute nel cod. 3843 sono le più fitte di appunti di Pietro Ramponi e, poiché ritroviamo tali aggiunte e modifiche nella redazione definitiva di Ludovico Ramponi, questo dato va considerato un elemento di prova importante della derivazione della suddetta cronaca da quella di Bartolomeo della Pugliola contenuta nei codici citati69. Ho sottoposto le cronache Villola, Pugliola e Ramponi ad un esame più dettagliato, confrontandone i testi parola per parola. Carte

Carte

Carte

Villola Cod.1456

Pugliola Cod.1994

Ramponi Cod. 431

90b col I

mazo

Ibidem 90b col I

resporzo m

76v

marzo

210 a

Marzo

Ibidem 77r

d’Asisi sforzo

Ibidem 210 a

d’Asisi Sforzo

c

c

Ibidem Ibidem

3 anposa

Ibidem Ibidem

.iii . anche possa

Ibidem Ibidem

.iii . anche possa

Ibidem

Incontenenti Florentini si feno so resporzo e de

Ibidem

Ancora li Fiorentino e di cavaglieri et di

Ibidem

Ancora li Fiorentini e di cavaglieri et di

Ibidem Ibidem

chavaleri e de peduni sinigo e si dè posesione de la dita terra

Ibidem Ibidem

pedoni singnori et sì dè possessioni, et sì dè ·lla dicta

Ibidem Ibidem

pedoni signuri et sì dè possessioni, et sì

Rodolfo di Filippo Ramponi era padre di Pietro e contemporaneo di Bartolomeo della Pugliola. Cfr. A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 131 nota 1; A. ANTONELLI e R. PEDRINI nell’introduzione a P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., p. X. 67 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 131. 68 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 125. 69 Una visione, evidentemente frettolosa e superficiale, del codice 3843 aveva condotto Sorbelli ad ipotizzare la derivazione di questo codice dal 431. Cfr. A. SORBELLI, Le cronache cit., pp. 131-132. Giusta invece l’ipotesi contraria di Antonelli e Pedrini per la quale cfr. GIOVANNI, Cronaca di Bologna 1443-1452, cit., p. 30. 66

XIX

Introduzione

Vil 90b col II Ibidem

vegando

77r

terra vegniendo

210 b

dè la dicta terra vedando

per dovere

Ibidem

per volere passare

Ibidem

per volere passare

Fo prexo de gran bona gente

Ibidem

Fu preso di grande et buona giente

Ibidem

Fu preso de grande et bona giente

91a col I

avraveno

Ibidem

aveano

Ibidem

haveano

Ibidem 91a col II

XXV de febraro Fra

77v Ibidem

.xxvi. di febraio Fia’

Ibidem 211a

26 de febraro Volta

-

Ibidem

-

Ibidem

Ibidem

No se fornì, de che i se partino a so salvamento

78r

e l’oste de’ Pixani Termene

Ibidem

-/Fine

Ibidem

Fine

91b col I Ibidem

Arminii Domacho

78v Ibidem

Minuri/Armini Doina o Doma

211b Ibidem

Arminii Domà

91b col II Ibidem

VIII Contrario

Ibidem Ibidem

.III. Contrado

212 a Ibidem

3 contradio

92a col I Ibidem

- potestà Si fo […]

Ibidem Ibidem

Fo podestà sì fu a dì non so

Ibidem Ibidem

Fu podestà fu a dì non so

Ibidem

Alla quale cità no se

Ibidem

quanti di luglio alla quale - non si

Ibidem

quanti di luglio A la quale - non si

Ibidem

posé Ch’om

Ibidem

potè Come

Ibidem

potè como

Ibidem Ibidem

Disese Tadeo -

Ibidem Ibidem

Disse Tadeo di Pepuli

Ibidem Ibidem

disse Tadeo de Pepuli

Ibidem

Dal breve saggio di collazione fra i testi delle tre cronache, effettuato tenendo come riferimento le carte 76, 77, 78 del BUB 1994, ho avuto un’ulteriore prova che il testo intermedio fra Villola e la Rampona non è quello di Bartolomeo della Pugliola, ma quello di Bartolomeo della Pugliola con gli inserimenti di Pietro Ramponi70. Numerosi sono gli elementi che accomunano la cronaca Pugliola alla Rampona e che testimoniano la dipendenza del secondo testo dal primo, soprattutto il fatto che gli interventi di Pietro Ramponi (segnalati in neretto) si ritrovano anche nella redazione definitiva del nipote con poche modificazioni grafico-fonetiche. Ludovico Ramponi però non si limita a copiare, ma cerca anche di interpretare ed aggiornare: è il caso di fia’ di Bartolomeo della Pugliola che diventa volta nella redazione di Ludovico. Bene aveva creduto il Sorbelli quando affermava che «il cod. 1994 è un passaggio, ma un passaggio il quale tiene più del testo vulgato che del Villola. Per me credo appunto che il cod. 1994 sia il primo abbozzo di redazione del testo vulgato; compiuto ed esteso nel cod. 431 e in tutti gli altri che da questo derivano 71 ». Le ragioni di questa maggior vicinanza al testo vulgato, piuttosto che a quello dei Villola, si spiega proprio con il lavoro di revisione editoriale condotto da Pietro Ramponi sul testo di Bartolomeo della Pugliola. Si confronino questi risultati con le indagini condotte da A. Antonelli sul codice 3843 che mostrano, chiaramente illustrati in tavole sinottiche, i rapporti tra i testi dei Villola e dei Ramponi. P. RAMPONI, Memoriale e cronaca cit., pp. XXXIV-XXXVIII. 71 A. SORBELLI, Le cronache cit., p. 134 nota 2. 70

XX

Introduzione Chiariti i rapporti tra le cronache Villola, Pugliola, Ramponi e i principali codici che le contengono, è giunto il momento di sciogliere un altro nodo relativo alla composizione della cronaca Pugliola.Un aiuto in tal senso giunge da un passo molto discusso della cronaca Pugliola, del quale ho avuto modo di accennare, in cui il cronista dichiara la sua autorità: Infrascritte sono antichità de Bolongnia che ò redutte qui / io fra’ Bartolomio della Pulglola dell’ordine / de fra’ Minuri tratte delle scritture de ser Iacomo / de’ Bianchetti che fu veridicho e notevile cittadino / et anco d’altri notevili huomini a co(m)placentia / di Leonardo da Villola mio benivolo et honorevele / cittadino72

In realtà questo passo invece di illuminare ha acceso una discussione tuttora aperta fra i critici riguardo la sua interpretazione, soprattutto le parole infrascritte e redutte, sull’identità di Bianchetti e limiti cronologici della sua opera, infine il ruolo di Leonardo Villola. Veniamo ad analizzare questi punti. Le parole citate sono presenti, con poche variazioni grafico-fonetiche, in tutti i manoscritti del testo vulgato, o all’inizio del 1395 o alla fine del 1394. Il Muratori ritenne che le parole infrascritte sono ecc. indicassero il punto di arrivo della redazione e non il punto di inizio come invece sostenne più tardi, a ragione, il Fantuzzi73. Nonostante il cambio di prospettiva, però, Fantuzzi concluse erroneamente che la cronaca del Pugliola iniziasse con l’anno 1362 ed arrivasse all’anno 1407: gli estremi cronologici dell’unico manoscritto all’epoca a lui noto, contenuto nel codice BUB 123974. Dando credito alle parole di questo breve passo, probabilmente Bartolomeo della Pugliola avrebbe voluto intitolare la sua opera Antichità di Bologna e avrebbe iniziato la sua redazione nel 1395. Vista la scarsità di notizie per gli anni 1395-1398, Sorbelli ipotizzò che solo dal 1399 il frate cominciasse a scrivere de visu, completando gli anni precedenti con notizie recuperate da altre fonti o nella sua memoria75. Dicendo di aver redutte le sue antichità, il frate potrebbe aver rielaborato, tradotto, riassunto varie notizie, o forse potrebbe aver compiuto tutte queste operazioni attingendo a fonti diverse. Come si è visto per la Villola, le cronache sono soggette ad un processo di elaborazione che si potrebbe definire ‘per accrescimento’, cioè, attraverso l’aggiunta di notizie parallele o seriori a quelle tramandate dalla tradizione, attinte da documenti e testimonianze altrui o provenienti dalla propria memoria ed esperienza. Personalmente ritengo che, definendo la sua opera come un’attività di riduzione, si debba pensare a Bartolomeo della Pugliola come ad un compilatore più che come ad un autore, appellativo, probabilmente, più consono a Giacomo Bianchetti che altrove è ricordato come chronista76. Diversa è l’opinione del Sorbelli il quale si convinse che le infrascritte (dal 1395, o dal 1399, alla sua morte) fossero le notizie originali del Pugliola mentre le antichità (dal termine supposto della cronaca Villola, 1380 o 1385, al 1394) avrebbero dovuto essere 72

Cito dal testimone più antico, il BUB 3843, c. 74r. Il neretto indica l’interpolazione di Pietro Ramponi. L.A. MURATORI, Rerum Italicarum Scriptores, vol. XVIII, col. 239; G. FANTUZZI, opera cit., p. 139. Si leggano anche A. GAUDENZI, I suoni, cit., p. XLVI; A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., pp. 89-92 e 135-136. 74 G. FANTUZZI, opera cit., p. 140. 75 A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., p. 136. 76 Mi riferisco ad una nota del 1395 contenuta nel registro dei mandati di pagamento del Comune nella quale Bianchetti è nominato come «custos Camere actorum populi et communis Bononie et chronista et repertor jurium in predicta Camera existentium». Il testo è riportato per primo da A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., p. 205, nota 1 e discusso da G. ORTALLI, art. cit, pp. 162-163.

73

XXI

Introduzione quelle che lo stesso Pugliola trasse da Bianchetti et altri notevili huomini77. Già Giuseppe Kirner, nella sua recensione al lavoro di Sorbelli, si mostrò critico nei confronti di questa ipotesi, prima di tutto perché non esiste nessuna prova che Pugliola «raccontasse alcunchè di suo», così come resta incerto l’anno «nel quale avrebbe incominciata la narrazione originale»78. L’unico dato certo è che Bartolomeo della Pugliola, affermando che Bianchetti fu [e non è] veridicho e notevile cittadino, ci dà prova che, nel momento in cui scrive, Bianchetti era già morto, fatto che avvenne il 15 ottobre 140579. Così, conclude Kirner, «tutta la narrazione dei fatti tra il 1395 e il 1405 non può essere il frutto delle annotazioni, per così dire giornaliere, di fra Bartolomeo: in altri termini, dev’essere la copia di una cronaca anteriore80» Sulla base di questo dato, più cauto di Sorbelli si era mostrato Gaudenzi, il quale aveva ipotizzato che «la cronaca del frate minore […] cominciasse col 1395, e finisse prima del febbraio 1425, in cui Bartolomeo, secondo dice il Fantuzzi, era già morto81». Tra le altre argomentazioni, Gaudenzi ricordava che «all’anno 1431 il cronista, di cui si valse l’autore della Rampona, descrivendo la battaglia avvenuta tra Veneti e Milanesi, dice di aver preso parte ad essa, e quindi non può più essere il frate delle Pugliole82» Come si vede, restringendo il campo di indagine, allo stato attuale delle ricerche, non è ancora possibile definire quale fu il vero ruolo di Bartolomeo della Pugliola: se fu un semplice compilatore, cioè se sistemò in un’ampia silloge le notizie desunte da altre cronache, o se fu anch’egli autore, narrando le vicende della sua città per gli anni a lui contemporanei. Ma soprattutto, ancora non sappiamo quali furono le fonti della sua cronaca e in che misura si servì dell’opera di Bianchetti. Lo stesso Jacopo, o Giacomo, Bianchetti resta per noi un personaggio in parte oscuro 83 , al pari della sua opera storiografica. Immatricolato notaio nel 1355, Bianchetti fu in seguito impegnato in diverse cariche pubbliche e in numerose ambascerie; ciò che par qui più rilevante è il suo lavoro alla Camera degli Atti, l’archivio pubblico del Comune, che lo impegnò per quarant’anni, fino alla morte, dapprima come semplice notaio, poi, dal 1380 circa, come sovrintendente. Numerose sono le attestazioni della sua attivià storiografica, sebbene la sua opera sia oggi perduta o, almeno, lo stato attuale delle indagini e delle conoscenze acquisite non ci permette di riconoscerla. «Il Bumaldi scrisse che le memorie del Bianchetti esistevano nel 1641, anzi ne dà il titolo: Compendium historiarum bononiensium84». Fantuzzi ci conferma la notizia, specificando che le memorie del Bianchetti furono continuate dai suoi discendenti, fra i quali Alemanno85, tuttavia, nel momento in cui Fantuzzi scrive, alla fine del XVIII secolo, «questa più non esiste, benchè il sig. co. Mazzucchelli ne’ suoi Scrittori d’Italia, a questo Jacopo, dica che si conserva nel pubblico archivio86». 77

A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., pp. 205-206. G. KIRNER, art. cit., p. 496. 79 Il fatto è ricordato anche nella cronaca Rampona. 80 G. KIRNER, art. cit., p. 496. 81 A. GAUDENZI, I suoni, cit., p. XLVII. 82 Ibidem. 83 Cfr. Dizionario biografico degli italiani, ad vocem, X, Roma, 1968, pp. 47-49. 84 Cito da A. SORBELLI, Le cronache, opera cit., p. 206. 85 G. FANTUZZI, opera cit, ad vocem, vol. II, p. 168. Per la tradizione manoscritta della sua opera si consulti Memoria Urbis, opera cit., pp. 53-59. 86 G. FANTUZZI, opera cit, vol. II, p. 173. L’opera alla quale si riferisce Fantuzzi è G. MAZZUCHELLI, Gli scrittori d'Italia cioè Notizie storiche, e critiche intorno alle vite, e agli scritti dei letterati italiani del conte Giammaria Mazzuchelli bresciano, Brescia, Bossini, 1760. 78

XXII

Introduzione Gherardo Ortalli ritiene che la fortuna del testo vulgato, o meglio, il motivo per cui l’opera del Villola e dei suoi continuatori acquisì autorità fino a diventare una sorta di vulgata, risieda proprio nel collegamento con l’opera di Bianchetti87. Già la cronaca Villola godeva di attendibilità, visto che ci si serve del suo autore addirittura durante un processo, ma è il notaio Bianchetti, nel suo ruolo di funzionario pubblico, a conferire alla cronaca quell’autorità di cui l’ampia tradizione manoscritta è testimonianza. L’attività di sovrintendente dell’Archivio «era la migliore raccomandazione che potesse fornirsi ad un testo storiografico, sia che egli stesso ne fosse l’autore o il riordinatore o il continuatore, sia che si trattasse di opera scritta da altri (il Villola) e da lui avallata 88 ». Questo giustificherebbe anche l’esplicita citazione del Bianchetti fra le fonti utilizzate da Pugliola. D’altronde, l’atto della citazione è piuttosto comune fra i compilatori medievali, non solo di sintesi storiche, perché, come ha ben spiegato Franca Ragone, «risponde meglio che a requisiti di completezza, di reperibilità, di riscontro, ad una sorta di ossequioso rispetto verso il prestigio dell’autore e dell’opera chiamati in causa89». La citazione non è tanto un atto di reverenza nei confronti di un’autore, bensì verso l’auctoritas ad esso attribuita, in quanto dall’autenticità della fonte dipende l’attendibilità dell’opera. Se l’autorità dei testimoni conta più della verosimiglianza delle testimonianze, viene determinandosi un criterio di scelta dei fatti basato sul narratore piuttosto che sul narrato 90 . Alla preoccupazione di affermare che le proprie fonti sono degne di fede deve aggiungersi la volontà dello storico medievale di inserirsi in una tradizione, di collocarsi in una lunga catena di autori, dichiarando di fatto di essere non auctor sed compilator 91 . Per questo motivo, penso che la dichiarazione del frate possa essere letta anche come una enunciazione del metodo compositivo da lui seguito: il riferimento ad altri uomini, e quindi ad altre fonti, ci testimonia il lavoro di raccolta e di sintesi dei fatti storici inerenti alla città di Bologna in un’unica compilazione. Inoltre, la forma chiara e sintetica con cui il cronista dà prova del suo lavoro e dichiara le sue fonti richiama la solennità di una testimonianza, quasi a voler garantire il lettore dell’autenticità del narrato. Ciò è indice della «responsabilità di accreditato testimone del vero che [il cronista] si assumeva riferendo fatti accaduti in un passato più o meno vicino92». Poiché alle diverse fonti è riservato un trattamento differente, un ulteriore confronto con i testi di altre cronache potrebbe aiutarci a comprendere quali siano stati gli altri G. ORTALLI, art. cit, p. 161. Ibidem, p. 162. 89 F. RAGONE, Il cronista e le sue fonti, in La memoria e la città. Scritture storiche tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di Claudia Bastia e Maria Bolognani; responsabile culturale Fulvio Pezzarossa, Bologna, Il nove, 1995, pp. 373-374. 90 Secondo Guenée queste considerazioni sono valide per gli storici del XII secolo, che «non esaminavano i fatti in sé, ma semplicemente il valore dell’autorità che li trasmetteva» mentre, nel secolo successivo, gli storici avrebbero iniziato a sviluppare un senso critico riguardo le fonti, riconoscendo «che un testo che non ha autorità, di per sé può riflettere ugualmente un po’ di verità» B. GUENÉE, Lo storico e la compilazione nel XIII sec., in Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII cit., pp. 66-67. Da leggere sull’argomento anche B. GUENEE, Authentique et approuvé. Recherches sur les principes de la critique historique au Moyen Âge, in Politique et histoire au Moyen Âge, Paris, Publications de la Sorbonne, 1981, pp. 265-278. 91 Cfr. B. GUENÉE, Lo storico e la compilazione cit., p. 75-76. 92 G. ARNALDI, Annali, cronache, storie, in Lo spazio letterario del Medioevo, a cura di Guglielmo Cavallo, Claudio Leonardi, Enrico Menestò, 1. Il Medioevo Latino, II, La produzione del testo, Roma, Salerno Editrice, 1993, p. 510. Una più ampia riflessione sulla responsabilità e l’autorità del cronista si trova in G. ARNALDI, Il notaiocronista e le cronache cittadine in Italia, in La storia del diritto nel quadro delle scienze storiche, Firenze, Olschki, 1966, pp. 293-309, in particolare a p. 307 e sg.

87

88

XXIII

Introduzione notevili huomini. Forse altri storici contemporanei al Pugliola come il Mattiolo o, più probabilmente, il Griffoni che successe al suocero nel suo ufficio alla Camera degli Atti e poco tempo dopo iniziò la redazione del suo Memoriale93. Quest’ultima ipotesi non è priva di fondamento, poiché già Sorbelli nell’introduzione all’edizione dell’opera di Griffoni notava che «per gli anni che vanno dal 1395 al 1402 il Testo Vulgato trasse di peso dal Memoriale»94. In effetti, il confronto tra il Memoriale di Griffoni (BA B 1250), la cronaca Pugliola (cod. BUB 3843) e la Rampona (cod. BUB 431) conferma questa ipotesi: Anni 1394-1395; 1399-1400 Matteo Griffoni Cod. BA, B 1250 cc. 152r-153v

Bartolomeo della Pugliola Cod. BUB, 3843 cc. 74r-75v

Ludovico Ramponi Cod. BUB, 431 c. 390v

Infrascritte sono antichità de Bolongnia che ò redutte qui io fra’ Bartolomio della Pulglola dell’ordine de fra’ Minuri tratte delle scritture de ser Iacomo de’ Bianchetti che fu veridicho et notevile cittadino et anco d’altri notevili huomini a co(m)placentia di Leonardo da villola mio benivolo et honorevele cittadino. M.CCCLXXXXIIII. Eodem anno, de mense septembris. - Elevatus fuit rumor in platea comunis Bononiae, tempore creationis notariorum, et tunc septa domini Charoli de Zambecariis et aliorum fuerunt per septam domini Francisci de Ramponibus, Nannis de Gozadinis et aliorum. Et postea, de mense novembris sequenti, fuerunt cassi multi de officiis et honoribus et dominus Ugolinus de Scappis legum doctor et Johannes Jacobi Oritti fuerunt ambo confinati. Alii multi fuerunt

.M.iiic.lxxxxiiii. in quessto millesimo, del mese de settembre, si levò romore in sulla piazza di Bolongna, quando si dovea fare lo correttore della Conpangnia de’ Nodari e allora la setta de messer Carlo de’ Zambechari con suoi seguaci funno dispossti per la setta de messer Franciesscho de’ Ramponi e de Nani Gozzadino con loro seguaci. E del mese de novembre che seguì fon cassi degli ofizii e degli honori molti huomini, e messer Ugolino de’ Schapi dottore de leggie et Zoanne

Questo paragrafo manca nella cronaca Rampona. In effetti nel codice 3843 risulta cassato da una riga trasversale. Inoltre una nota di Pietro Ramponi avverte: questa parte pocho sopra è tutta recitata.

In realtà questo passaggio di consegne sembra essere poco rilevante ai fini della composizione della cronaca, in quanto Griffoni seppe mantenere distinte l’attività di cronista, notaio e archivista. Nella cronaca, infatti, i riferimenti a documenti conservati nell’archivio comunale sono rari, segno che Griffoni non si dedicò ad alcuna ricerca. Il Memoriale si presenta dunque come una scrittura privata. Il fatto che Griffoni presti meno attenzione del dovuto alla storia delle istituzioni bolognesi non significa che abbia concentrato la narrazione su di sé, coll’intento di ricreare la storia del suo lignaggio. Storia privata e cronaca sono sempre in equilibrio: Griffoni è attore delle vicende pubbliche, è protagonista della narrazione quando gli eventi della storia cittadina lo portano alla ribalta, senza esaltazione, secondo un modello riscontrabile in altri notai cronisti. M. ZABBIA, I notai e la cronachistica cit., pp. 153-156. Piuttosto sembra più interessante rilevare il fatto che dal libro di famiglia di Griffoni, conservato all’Archivio di Stato di Bologna, si può desumere che il Bianchetti lasciò al genero le sue carte private, tra le quali avrebbe potuto trovarsi anche la sua cronaca. Cfr. M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., pp. 111-112 e nota 33. 94 MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., p. LVII. 93

XXIV

Introduzione privati consilio et aliis honoribus et officiis, inter quos fuerunt dominus Carolus de Zambecariis doctor, Jacobus de Griffonibus, Nicolaus de Zambecariis, Oppico de Liaçariis, Liaçarius de Liçariis, Guçolus dei Manionibus, Guido de Mançolino notarius, Johannes de Dessideriis et multi alii. Et propter istam novitatem multi cives fuerunt valde gravisi et levaverunt valde caput, quia viderunt inter adversarios suos ; et sciverunt taliter facere et ordinare in populo, quod illi, qui erant depositi et alii’ nichil poterant in Bononia. Et ob id, videntes dominus Charolus cum suis et dominus Franciscus de Ramponibus et Nannes de Goçadinis cum suis quod illa divixio erat causa destructionis suae et erat causa sublevationis partis Maltraversorum, reconciliaverunt se secrete ad invicem; et die xxiij mensis decembris, circa duas horas noctis, armati omnes simul venerunt in plateam, vedelicet Zambecarii, Ghisileriis, guidocti, Gozadini, Rampones, Oretti, de Canitulo, Liaçarii, Meçovilani, Bentivogli, Malvicii, Papaçones, Thorelli, Hostexani, de Manzolino, Bianchi, de Pretis, de Viçano et multae aliae domus cum suis sequacibus. Et miserunt pro capsa, in qua erant officia, et ipsam fregerunt et fecerunt novem novos antianos de illis, qui erant in platea, et miserunt ipsos ad sedendum in palatium antianorum, invitis aliis tunc regentibus; et continuo sonabat campana populi. Et tunc omnes clamabant quod dominus Ugolinus de Scappis et Johannes de Orittis confinati redirent et sic fuit. Postea in mane fecerunt bandiri quod omnes artifices aperirent stationes et quod omnes facerent facta sua et pars Maltraversa remansit cum pugno pleno muscharum nec audebant exire de domo.

de Iacomo de Oretto funno confinati, e multi altri privati de consiglio et ofizii, tra quali fun quessti, si gli privati de officio: messer Charlo de’ Zambechari dottore di leggie, Iacomo de’ Grifoni nodaro, Nicolò de’ Zambechari chambiadore, Oppizo de’ Lazari notaro, Liazzaro de Liazzari, Grizzolo de’ Mangnon, Guido di Manzolino nodaro, Zoanne di Desiderii cum multi altri e per certo ie fo ben [….], per chaxon de la grande [molti]tud[e]ne che uxò li dicti [....]sti contra miser Francescho [Ram]pon e la sua parte che, de l’anno in anti, erano stati restituiti e confederati cum lo ditto miser Francescho Rampone; che ben dise lo ditto del savio, che de lo nimicho conziliato non fidare mai. E per quessta novitade la parte Maltraversa s’allegrò molto e levò capo, perché vide devisione in nella sua contaria parte e seppeno sì fare quelli in lo poppulo che nelli casati non lie rimase aveno a fare in Bolongna; per la qual chasone, vide messer Charlo de’ Zambechari con lli suoi chazzadi che quessta divisione era ruina di tucti loro e relevatione della parte de’ Matraversi. Si strinseno insieme e a dì .xxiii. di disembre di quello anno gli amisi con quelli che possono, a due hore di nocte corsono alla piazza armadi, videlicet: Zambechari, Ghisilieri, Guidotti, Gozzadini, Ramponi, Oretti, Grifoni, Liazari, Mezzovillani, Bentivogli, Malviciei, Papazzoni, Tarelli, Hostixiam, da Manzolino, Bianchi, Preti, da Vezano, quî del prete da Chanedelo, Oxelletti, quî d’Arzille, gl’Osberti, Fantuzzi, da Villanova, da San Zorzo e da Argellada et molte altre famigle cogli amisi suoi; e sì mandollo pella cassa in nella quale era gli ofizii e sì lla ronpeno e feno nove anziani nuovi di quelli ch’erano li armadi e mandonoli in palaxio contra il voler di quelli ch’erano lì im prima e che rizevano. Et continuamente sonava la canpana

XXV

Infrascripte sono antichità de Bologna, che ò reducte qui io fra

Introduzione del popolo e tucti gridavano che lli confinati tornasseno, zò è messer Ugholino di Schapi, Zoanne di Iachomo d’Oretto; e così tornonno. E la mattina andò bando che gli artisani andasseno alle sue botteghe in paxe; et li Matraversi rimaseno beffati.

Bartolomio della Pugliola, de l’ordine de’ fra Menuri tracte dalle scripture de ser Iacomo de’ Bianchitti, che fu veridicho et notevole cittadino, et ancho d’altri notevili homini, a complacentia de Ridolfo fiolo di Filippo Ramponi honorevole cittadino di Bologna.

Eodem anno, de mense augusti, - Obiit ille strenuus et valens capitaneus et miles probus et expertissimus in armis, dominus Johannes Acud de Anglia, capitaneus gentium comunis Florentiae; et obiit in Florentia et ibi fuit sepultus sum magno honore.

.Mo.iiio.lxxxxv. eo anno de mense Augusti obiit famosissimus et estremius vir dominus Iohannes Auchut, miles anglicus nobilissimus armorum capitanius in Floremtia et sepultus ybidem cum magno honore fuit.

Anno Christi Mccclxxxxv. Eo anno, de mense augusti, obiit famosissimus et estremuus vir dominus Iohannes Achut, milles anglichus, nobilissimus armorum capitaneus in Florentia ; et sepultus ibidem com magno honore fuit.

M.CCCLXXXXV. – Notandum est istud pulcrum novum, videlicet; Eodem anno, diexxvij februarii. – Johannes domini Symonis de Sancto Georgio, campsor, civisbononiensis, causa complacendi domino marchioni de Feraria, tenebat unum tractum cum comite Johanne de Barbiano et quodam suo atinente vocato Conselexe, quod ipsi debebant facere interfici Açonem marchionem, filium olim domini marchionis Francisci Estensis; qui Aço tunc erat inimicus dicti domini marchionis de Feraria et erat legitimus de domo Estensi; qui Aço erat tunc in castro Barbiani, quod tenebat dictus comes Johannes…

Die .xxvii. februarii Iohannes domini Simonis de Sancto Giorgio [...]

A dì 27 de febraro, Zohanne de misser Simone da Santo Zorzo, canbiatore, cittadino de Bologna, per farse grato alli regimenti del marchese de Ferara, lo quale marchese a quello tempo era picholo, tenne uno tractato cum el conte Zohanne da Barbiano delli cunti da Chunio et cum uno chiamato Chonselixe, homo d’arme valente, figliolo bastardo del dicto conte Zohanne, secreto. Li quali conti Zohanne et Conselixe doveano fare amazare uno Azzo marchexe, fiolo comdam del marchexe Francesco, legiptimo, lo quale marchexe Francesco fu fratello legiptimo del marchexe Opizo da Est; lo quale marchexe Oppizo, non havendo figlioli legiptimi, n’avé molti bastardi, fra li quali fu uno marchexe Alberto che tenne per fante una zovene donna delli Contrarii da Ferara, de la quale naseglie uno marchexe Nicholò ch’era picholino signore, zoè zovenetto doppo el padre. Lo quale sopradicto marchexe Azzo era in quilli dì in Barbiano, che se tenea per lo conte Zohanne…

Die autem vj septembris. – Totus populus bononiensis, tam masculi quam foeminae, se vestiverunt de albo et iverunt novem diebus per civitatem, per ecclesias ; et multi fecerunt pacem

[...] huomini e donne tutti vesstiti de biancho, zorni nove andono per la città cierchando le chiese, zasschuno per lo suo quartiero, e fessi pase di grandissime [ini]misstade. Et in quel mese, uno

In quello anno, a dì sei de settembre tucto lo populo de Bologna, homini et donne, tucti vestiti de biancho, zorni nove andono per la città cerchando le chiesie, zaschuno per lo suo

XXVI

Introduzione ad invicem ; quilibet tamen ibat cum illis de uo quarterio. Et eodem mense quidam presbiter de Padermo, qui steterat mortuus tribus horis, resusitavit et praedicavit istud miraculum; et die xvj dicti mensis, quasi totus populus Bononiae indutus de albo iverunt Imolam et se campaverunt super Renatio supra stratam et facta fuerunt ibi duo altaria et episcopus Bononiae dixit ibi missam; et dictus presbiter de Paderno praedicavit ibi dictum miraculum quomodo Virgo Maria ipsum resuscitavit, etc.

prete da Paderno, che sste morto tre hore, resussitò e sì predichò quessto miracholo. Et a dì .vi. quasi tutto lo popolo de Bolongna, vesstito de biancho, andonno a Ymola e sì ssi acanpon suso lo Renazo, sopra la sstrada, e llì fu fatti due altari; e messer lo vesscovo de Bologna disse la messa e lo prete da Paderno predichò quessto miracholo et come la vergine Maria l’avea risussitato.

quartiero, et fexi paxe de grandissime inimistade. Et in quello mese, uno prete da Paderno, che sté morto tre hore, resusitò; et si predichò questo miracolo. Et a dì sei, quasi tucto lo populo de Bologna, vestito de biancho, andono a Ymola et si se acampono suso lo Renazzo, sopra la strada; et lì fu facti dui altari et misser lo vescovo de Bologna disse la messa, et lo prete da Paderno predicò questo miracolo et como la Vergine Maria l’avea resusitato.

Eodem anno, in fine octobris. – Dum dominus Charolus de Zambecariis, Jacobus de Griffonibus et Oppiço de Liaçariis propter mortalitatem essent mortui, videntes multi artifices quod status non erat plus firmus et quod faciliter rumperetur, fecerunt invicem unam armatam cum deliberatione et consilio domini Ugolini de Scappis, qui primo erat de parte domini Charoli et aliorum suorum. Et venerunt in plateam cridando: Viva ‘l povolo! – Et subito deposuerunt statum amicorum domini Caroli et accesserunt ad domum Nicolai de Zambecariis et ipsam robaverunt et invenerunt quod dictus Nicolaus fugerat de Bononia et fecerunt multos confinatos et bannitos et fecerunt reverti illos, qui erant ad confinia, videlicet: dominum Franciscum de Ramponibus, Nannem de Gozadinis, Johannem de Bentivoglis, Johannem Ludoici de Monterinçoli et certos alios bannitos. Et tunc captus fuit comes Antonius de Bruscolo, qui occupabat domum dicti domini Francisci de Ramponibus, et ductus fuit in platea et populus volebat ipsum suspendere per gulam; sed ipse dicebat quod aliquis de domo sua numquam fuerat suspensus et aliquo modo noluit ire super scalam; et tunc ipsi ligaverunti funem ad unum pirolum scalae et interfecerunt

In quell’anno, presso alla fine d’ottovre, siando zà morto messer Charlo de’ Zanbechari, Iacomo Grifoni, Opizo de’ Liazari et altri notevili huomini, per la pestillencia e, vedando gli artisani che llo stato non era più fermo e che de leziero si ronperave, feno insieme una armada con inghanno de messer Ugolino de’ Schapi, lo quale prima era stado de parte com messer Charlo, e veneno alla piazza gridando: “Viva il popolo!”. Et incontanenti deposeno lo sstato de messer Charlo e de’ suoi amici et andonno a chasa di Nicholò Zambecharo e sì lla rubbonno; e trovonno che lui era fuora de Bolongna, ché, se l’avesseno atrovato, l’averian morto; e poi fenno molti confinati et sbanditi de quella parte de’ Zambechari, e feno tornare li confinadi, zò è miser Francesco R[am]pone cum li suo [amizi] Nanne de’ Gozzadini, Iohanni de Lodovico da Monterenzi, Zoanne de’ Bentivogli e molti altri. Et allora fu preso il conte Antonio da Brusscolo, a forore de popul[o], e tratto de chasa del ditto messer Franciessco de’ Ranponi, la quale ie usurpava lo dicto conte, in despetto del ditto miser Francescho, e sì fu menato in piazza. El popolo volea che fosse apichado per la ghola, et elo gridava che mai de casa sua non

In quello anno presso alla fine d’ottobre, siando zà morto misser Charlo de’ Zambechari, Iacomo Griffone, Opizzo de’ Liazari, et altri notivoli homini, per la pestilentia; et vedando gli artesani che llo stato non era più fermo et che de lezero si romperave, feno inseme una armada cum inganno de misser Ugolino de’ Schappi, lo quale prima era stato de parte cum misser Charlo, et veneno alla piazza gridando: “Viva el populo” et incontinenti deposeno lo stato de misser Charlo et de’ soi amici et andono a chasa de Nicholò Zambecharo et si la rubbono; et trovonno che lui era fuora de Bologna, ché, se l’avesseno atrovato, l’averiano morto. Et poi feno molti confinati et sbandezati de quella parte de’ Zambechari, et feno tornare li confinati, zoè: Misser Francesco de Rampuni cum li soi amisi et Nanne de’ Gozadini, Zohanne de Ludovigho da Monterenzi, Zohanne di Bentivogli et molti altri. Et allora fu preso il conte Antonio da Bruscholo, a furore de populo, et tractoda chasa del dicto misser Francesco de’Rampuni, la quale gli usurpava lo dicto conte, in despecto del dicto Francesco, et si fu menato in piazza. El populo volea che fusse apichato per la gola, et ello gridava che mai de chasa soa non fu apichato nessuno, et non voleva andare in su la schala de la forcha; et allora

XXVII

Introduzione ipsum cum lanceis et ronchonibus. Tamen nichil fecerat.

fu apichato nessuno, e non volea andare in sulla schala de la forcha; et allora gli legonno lo chavesstro ad uno pirolo della schala e sì llo ancisino con le lancie et conlli runchoni, a forore de populo, avengnia ch’ello non avesse fatto niente. Ma questo fe’ i amisi de miser Francescho Rampon, siando anchora per via che retornava da confine da Padoa, dove era stato. E foglie ben investì, perchè era sta servito dal ditto miser Francescho e puo’ fo ingrato contra d’ello, a posta de miser Carlo Zambecharo.

gli legonno lo cavestro ad uno pirolo della schalaet si lo anciseno cum le lanze et cum li ronchuni, a furore de populo, avengnach’ello non havesse facto niente. Ma questo fé gli amisi de misser Francesco Rampone, siando anchora per via che retornava da confine da Padova, dove era stato. Et fugli bene investì, perché era stato servito dal dicto misser Francesco e po’ fu ingrato contra d’ello, a posta de misser Charlo Zambecharo.

Eodem anno, die xxvij decembris. – Johannes de Bentivoglis, dominus Bente de Bentevoglis et Nannes de Goçadinis traxerunt ad plateam cum magna brigata cridando: - Viva ‘l povolo e le arti e mora li Maltraversi! – Et in dicto furore mortui fuerunt infrascripti, videlicet: Açço de Buvalellis corector Notariorum, Paulus domini Bartolomaei de Saliceto, Jacobus filius Mathaei de Magnanis, Antonius de Basso becarius, Zenannes straçarolus; et fuerunt confinati infrascripti cives, videlicet: dominus Bartolomaeus de Saliceto legum doctor, dominus Jacobus ejus filius legum doctor, dominus Bernardinus de Zambecariis legum doctor, dominus Johannes captaneus Castri sancti Petri legum’ doctor, Nicolaus de Zambecariis campsor, Guido de Manzolino notarius. Et Guaspar de Bernardinis, capitaneus castri Solaroli, dedit dictum castrum Astorgio de Manfredis ad petitionem Antonii de Caxellis merçarii; qua de causa dictus Antonius de Casellis et dictus Guaspar duerunt banniti pro probitoribus et fuerunt picti in platea et ad bordellum et in multis aliis locis et domus dicti Antonii fuerunt destructae, quae erant in strata Majori prope domos de Gonzadinis.

In quello anno, a dì .xxvii. de desenbre, Zoanne de’ Bentivogli, messer Bente de’ Bentivogli e Nanne de’ Gozzadini, siando loro retornati da confine e parendoli che li Maltraversi volessen usurpare lo stato, presen le arme, e cum li loro amisi e de miser Francescho Rampone e altri partexani vennono alla piazza gridando: “Viva il popolo e li arte e mora gli Maltraversi!”. Et in quel furore fu morti scilicet: Azzo di Bualelli correttore de’ nodari; Polo, figliuolo de messer Barth(olome)o da Salesedo; Iacomo, figliuolo de Matheo de’ Mangniani; Zoanne strazarolo, massaro della conpangnia delli strazzaroli. E molti altri Maltraversi fun feridi, zò è: miser Lamberto Bazzaliero cum dui suo fioli, Goielmo dala Maia e molti altri. E confinadi fun quessti scilicet: messer Barth(olome)o da Ssalisedo, dottore de lege; messer Iacomo suo figliuolo, dottore de lege; messer Bernardino de’ Zambechari, dottore utriusque; messer Zoanni de’ Cattanii da Casstel Sam Piero, dottore de lege; Nicholò de’ Zambechari, chambiatore; Guido da Manzolino, nodaro e molti altri tra Maltraversi e della parte de miser Carlo Zambecharo. Et allora Guasparo de Bernardino, capitano del chasstello de Solarolo, dè il dicto chasstello ad Asstore de’ Manfredi, singnore de

In quello anno, adì 27 desenbre, Zohanne di Bentivogli, misser Bente di Bentivogli et Nanne de’ Ghozadini, siando loro retornati da confine, et parendoli che li Maltraversi volessero usurpare lo stato, presero l’arme, et cum li loro amisi et de misser Fancesco Rampone et altri partesani, veneno alla piazza gridando: “Viva el ”populo e li arte et mora gli Maltraversi”. Et in quello furore funo morti quisti, scilicet: Azzo de’ Buvalelli, corretore de’ nodari; Polo, figliolo de misser Bartolomio da Salisedo; Iacomo, figliolo de Mathio de’ Magnani; Zohanne strazorolo, massaro della compagnia de’ strazaroli. Et multi altri Maltraversi funo feridi, zoè: Misser Lamberto Bazzaliero cum dui soi figlioli; Guglielmo dalla Maglia, et multi altri. Et confinadi funo quisti, zoè: Misser Bartolomio da Saliseto, dottore de leze; misser Iacomo suo figliolo, dottore de leze; misser Bernardino de’ Zambechari, dottore utriusque; misser Zohanne de’ Captanii da Castello Sam Piero, dottore de lleze; Nicolò de’ Zambechari, chambiatore; Guido da manzolino, nodaro; et multi altri Maltraversi et della parte de misser Charlo Zambecharo. Et allora Guasparo de Bernardino, capitano del castello de Solarolo, dé el dictocastello ad Astore de’ Manfridi, signore de Faenza, a posta de Antonio dalle

XXVIII

Introduzione

M.CCCC. Eodem anno, die xxvji. – Pinus de Ordelaffis, dominus Forlivii, capitaneus gentium armorum comunis Bononiae, cum banderiis cominis Bononiae equitavit contra Astorgium ad Faventiam et posuit campum in quodam broylo dicti Astorgii in burgo portae Imolensis; et hoc fuit occasione Solaroli.

Faenza, a possta d’Antonio dalle Chaxelle, merzaro. Per la qual casone li dicti Guasparo et Antonio fonno banditi per traditori e depinti in piazza et alle principali porte dela città et al bordello et in molti altri luoghi. E lle case del dicto Antonio funo desfatte in fino alli fundamenti e fatto fo lì piazza da vender gli asini, che erano in strada Maore, presso a quelle de’ Gozzadini.

Chaxelle merzaro; per la qual casone li dicti Guasparo et Antonio funo banditi per tradituri et depinti in piazza et alle principale porte della città et al bordello et in molti altri luoghi. Et le chase del dicto Antonio funo desfatte alli fondamenti, et facto fu lì piazza da vendere gli asini, ch’erano in strada Maore, presso a quelle de’ Gozadini.

.Mo.cccco. A dì .xvi. di mazo, Pino degli Ordelaffi singnore de Forlì, capitano della zente d’arme del comune de Bolongnia, cavalcò contra Asstore de’ Manfredi in sullo terren de Faenza e puose el campo [in] uno [çardino del dicto Astore, de fuora de Faenza, verso Imola, presso a la terra de una balestrata; e questo fu per caxone de Solarolo, che ello usurpava a li Bolognixi. E de mandare lo campo adosso a lo dicto Astore fune gran caxone mis(er) Francesco Rampone, perché era suo grande nemigo.]a

Anno Christi Mcccc. Adi 16 de mazo, Pino deli Ordelaffi signore di Forlì, capitano della gente d’arme del comun de bologna, cavalchò contra Astore de’ Manfridi, in su lo tereno de Faenza; et pose el campe in uno zardino del dicto Astrore, de fuora de Faenza, verso Ymola, presso alla terra ad una balestrada; et questo fu per casone de Solarolo, ch’ello usurpava a li Bolognisi.

a

Aggiunta di mano di Ludovico Ramponi, forse copiato da una carta ora mancante.

Sorbelli, dopo aver collazionato un segmento di testo, relativo all’anno 1398 95 , comune all’opera di Griffoni e al Testo Vulgato (mancante nel cod. 3843), desumeva che «la natura delle notizie è tale che queste non potevano che essere scritte da Matteo […] dal momento che in questo racconto il suo nome occupa il primo posto»96. Nell’opinione di Sorbelli, infine, la forte presenza di Griffoni nella narrazione proverebbe la dipendenza del Testo Vulgato da quello del notaio97. Ancora una volta la cronaca Pugliola mostra di essere l’anello di congiunzione tra la tradizione cronachistica del suo tempo e quella successiva, rappresentata dal Testo Vulgato, al quale possiamo ormai riferirci più semplicemente col 95

Lo si può leggere in MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., pp. LVIII-LIX. Ibidem, p. LIX. La preponderanza della figura di Matteo nella narrazione è la principale argomentazione a favore della dipendenza del Testo Vulgato, e quindi della cronaca Pugliola, dal Memoriale. Di fatto questa è anche l’opinione di Marino Zabbia che, a riprova di tale dipendenza, riporta una pagina del Memoriale, a suo parere «densa di echi autobiografici», volgarizzata nella Rampona. Il confronto fra i due passi si può leggere in M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 107 e ID., I notai e la cronachistica cit., p. 169. Questa argomentazione è certamente plausibile, ma non del tutto convincente, poiché in molti casi si tratta di note relative alla presenza di Griffoni nella vita pubblica della città. 97 «qualcuno, pure ammettendo l’uguaglianza, potrebbe conchiudere che fu il Griffoni a togliere dal compilatore del Testo Vulgato e non questo da quello. Ma si può obiettare che la natura delle notizie è tale che queste non potevano che essere scritte da Matteo. Infatti in tutta l’annata si parla di Matteo Griffoni» MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., p. LXIX. 96

XXIX

Introduzione nome di cronaca Rampona. Il confronto fra i tre testi, infatti, conduce ad ulteriore prova della dipendenza della cronaca Rampona dalla Pugliola ed avvicina quest’ultima al lavoro di Griffoni: nel codice 3843 il famoso passo attestante l’autorità di Bartolomeo della Pugliola è posto all’inizio dell’anno 1394, mentre nella cronaca Rampona introduce il 1395. Esso rappresenta una cesura con la narrazione precedente, perché da questo momento in poi Pugliola mostra di seguire fedelmente il testo di Griffoni98. Grazie alle ricerche di Marino Zabbia, il debito della cronaca Pugliola nei confronti del Memoriale di Griffoni può venir fatto risalire ad anni precedenti il 1394 99 ; ma c’è di più: attraverso un attento confronto fra i testi delle cronache Ramponi, Griffoni e Villola, Zabbia è riuscito ad individuare anche per il periodo anteriore al 1380, presunto termine della cronaca Villola, «un cospicuo numero di notizie che non trovano riscontro nella Villola, ma si incontrano con parole analoghe nel Memoriale e nella Pugliola-Rampona»100. Si può pensare che sia davvero Griffoni la fonte di Pugliola? O anche Griffoni attinse da altri, forse da Bianchetti? Perché allora citare Bianchetti se la fonte è Griffoni? Forse lo stesso Griffoni copiò e fece proprie le notizie del suocero 101 o forse fece da tramite, permettendo al frate di consultare l’opera del suocero; in questo modo Bartolomeo della Pugliola potrebbe aver tratto da Bianchetti-Griffoni la parte 1394-1402. Non sarebbe questo il primo caso di collaborazione tra un frate e un notaio: attestati sono i rapporti tra il domenicano Galvano Fiamma e il notaio milanese Giovanni da Cermenate; presunta è invece la collaborazione tra il noto cronista francescano Salimbene de Adam e Alberto Milioli102. Dal canto suo Bartolomeo, come priore del convento, doveva essere considerato personaggio eminente nella vita politica cittadina. Già dal XIII secolo tra il Comune e i francescani si era instaurato un rapporto di reciproca collaborazione 103 . Le autorità pubbliche ne avevano favorito l’insediamento in città, ne rispettavano le festività, tutelavano l’igiene, il decoro e la tranquillità del convento. A loro volta i frati si mostrarono ben disposti a collaborare a favore della collettività e già nell’ottavo decennio del XIII secolo «la comunità francescana bolognese risulta pienamente inserita nella vita

Diversa è la conclusione a cui giungono Antonelli e Pedrini, secondo i quali il 1394 costituirebbe il termine ultimo dell’opera del frate; da quel momento Pietro Ramponi avrebbe attinto ad un’altra fonte: il Memoriale Historicum di Griffoni. GIOVANNI, Cronaca di Bologna cit., pp. 30-31. Tale ipotesi però contrasta con i dati raccolti finora: la cronaca di Pugliola conservata nel ms 3843, che i due ricercatori ipotizzano essere autografa, non si arresta al 1394 e, rimaneggiata, la ritroviamo nella cronaca Rampona. Perciò la derivazione della cronaca Rampona dal Memoriale di Griffoni non sarebbe stata diretta ma, ancora una volta, mediata dall’opera di Pugliola o, se non altro, dal testo conservato nel ms 3843. Inoltre le ricerche di Marino Zabbia mostrano come la situazione sia più complessa. Cfr. infra pp. 23-24. 99 Congruenze si hanno per gli anni «1383, 1384, 1385 e 1389; dopo questa data il testo del francescano diventa più ampio della sua fonte da cui torna a dipendere solo nel 1395» M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 109 dove alla nota 27 si trova l’indicazione precisa dei passi. 100 M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 109, alla nota 28 si trova l’indicazione precisa dei passi. Ricordo che per il suo lavoro Zabbia si è servito delle edizioni delle cronache pubblicate nei R.I.S2 perciò, anche quando si riferisce alla cronaca Pugliola, il testo di riferimento è quello della Rampona (codd. 431, 607). 101 Zabbia non crede che Griffoni sia il continuatore di Bianchetti e nel Memoriale non sono riscontrabili cesure tali da giustificare un simile passaggio. La struttura annalistica del Memoriale, aperta a interpolazioni, e l’esistenza di scritture preparatorie convaliderebbero piuttosto l’ipotesi di Griffoni rimaneggiatore. M. ZABBIA, I notai e la cronachistica cit., pp. 167-168. 102 Cfr. Per alcuni rimandi bibliografici M. ZABBIA, Notariato e memoria storica. Le scritture storiografiche notarili nelle città dell’Italia settentrionale (secc. XII-XIV), in Bullettino dell'Istituto storico italiano per il Medioevo e Archivio muratoriano, n. 97, Roma,1991, pp. 81-83. 103 Cfr. M. MARCHESINI, I Francescani a Bologna nel secolo XIII, in “AMR”, XLIX (1998), pp. 395-449. 98

XXX

Introduzione socio-politica e amministrativa della città» 104 . Ci si rivolge ai francescani per delicate ambascerie o per mediare le controversie, se ne richiede assistenza per la compilazione degli statuti comunali, si ricorre al loro intervento nelle procedure di selezione delle più alte cariche comunali. A suggello della fiducia riposta nei frati, la loro sede conventuale è eletta a deposito dei testamenti segreti dei privati, dei sigilli del Comune, di registri, estimi ed elenchi importanti per lo svolgersi delle più comuni pratiche amministrative. Parallelamente i francescani vedono accrescere il loro credito fra i privati, in particolare nel patriziato urbano, il cui legame all’Ordine trova la sua più esplicita manifestazione nella presenza di una cappella o di una tomba di famiglia presso la chiesa dei frati. «Nella seconda metà del secolo [XIV] il legame preferenziale tra francescani e signorie è ormai perfezionato. Si tratta di un legame realmente ombelicale che per l’appunto nelle tombe di famiglia trova la sua più genuina e profonda testimonianza»105. Griffoni fu patrono di molti enti religiosi, ma al convento di San Francesco doveva essere particolarmente legato, se qui fu sepolto nel 1426106. La cronologia permette di supporre che Pugliola e Griffoni si siano conosciuti, però non è possibile stabilire la misura e le modalità di tale frequentazione, che pure sembra essere testimoniata dai legami tra le loro opere. Lo stesso Griffoni sembra mostrare un debito nei confronti dei frati: non manca di ricordare i fatti salienti della storia dei francescani a Bologna, quali la fondazione della loro congregazione o il grave incidente dovuto alla caduta delle volte della sagrestia nel 1254, nonché la sua ricostruzione. Soprattutto, per due volte tiene a ricordare che in tale sagrestia si trovava l’archivio dei frati, dove erano conservati importanti documenti per la storia cittadina. Archivio che forse lo stesso Griffoni era solito consultare107. Tornando ai nostri testi, certo è che a partire dal 1403 la narrazione della Rampona differisce da quella di Griffoni e il codice 3843 non può più esserci d’aiuto. Tuttavia Marino Zabbia, confrontando il testo della Rampona con quello del Memoriale di Griffoni, ha notato che «dal 1395 al 1401 il Pugliola dipende integralmente dal Griffoni che si limita a volgarizzare, mentre per gli anni seguenti e fino al 1416 il francescano continuò ad attingere saltuariamente al Memoriale»108. La differenza non è solo di contenuto, anche all’interno del testo di Griffoni, Sorbelli individua una mutazione espressiva che cerca di giustificare in questo modo: «avanti l’esilio, che avvenne nel 1403, egli si mostra assai libero nei giudizi; dal 1404 in poi invece narra i fatti a mano a mano che succedono, ma non ha quasi mai osservazioni soggettive da fare. […] il cronista attribuisce al popolo il pensiero […] Al fatto dell’esilio, per determinare la sensibile differenza nella espressione individuale del Griffoni, dobbiamo anche aggiungere questo, che dal 1404 scrive i fatti a

104

Ibidem, p. 411. André Vauchez parla addirittura di ‘imborghesimento’ dell’Ordine. Cfr. A. VAUCHEZ, Ordini mendicanti e società italiana. XIII-XV secolo, Milano, Il saggiatore, 1990, p. 238; mentre spunti per una riflessione sul piano teorico sono offerti da O. CAPITANI, Francescanesimo e società tra Duecento e Quattrocento, in La presenza francescana tra Medioevo e Modernità, a cura di Mario Chessa e Marco Poli, Firenze, Vallecchi, 1996, pp. 177-188. 105 E. GUIDONI, Ordini mendicanti e territorio urbano. Il caso dell’Emilia, in “Storia delle città”, 26/27, anno ottavo, II-III (1983), p. 99. Sui legami tra l’Ordine Francescano e il patriziato cittadino è da leggere G.G. MERLO, Francescanesimo e signorie nell’Italia centro-settentrionale del Trecento, in I francescani nel Trecento. Atti del XIV Convegno internazionale. Assisi, 16-17-18 ottobre 1986, Assisi, Centro di studi francescani, 1988, pp. 103-126. 106 Cfr. M. ZABBIA, I notai e la cronachistica cit., pp. 147-148. 107 Cfr. MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., pp. 26, 18 (anno 1293) e 28, 7-8 (anno 1299). 108 M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., p. 105.

XXXI

Introduzione mano a mano che avvengono: tutto ciò che è detto negli anni anteriori è scritto solo nel 1404109». Diversa è la cronologia proposta da Marino Zabbia, secondo cui Griffoni avrebbe iniziato a comporre la sua cronaca attorno al 1411-1412110. Se così fosse, volendo credere che Bartolomeo della Pugliola abbia avuto come antigrafo il Memoriale di Griffoni, il frate non avrebbe potuto iniziare la sua opera prima di tale data e non avrebbe dovuto protrarla molto oltre il 1416, anno in cui si riscontra l’ultima corrispondenza fra le due cronache. Ovviamente, viste le divergenze, il Memoriale non sarebbe stata l’unica fonte di Pugliola, il quale per gli anni a lui contemporanei potrebbe aver attinto alla sua esperienza, ai suoi ricordi o a fonti orali. È altrettanto plausibile che Pugliola abbia seguito Bianchetti fino al termine della sua cronaca (1400-1402 ca.) ed abbia poi continuato ad attingere ad altre fonti comuni al Griffoni, se non in certi casi, al Griffoni medesimo. Altri due cronisti quattrocenteschi mostrano di aver attinto al Memoriale o ad un testo molto vicino ad esso. Si tratta di Giacomo Ronco e Raffaele Primaticci. Marino Zabbia ha constatato che i due cronisti si sono serviti di un testo assai prossimo alla cronaca di Griffoni con il quale condividono alcuni passi, che non superano, però, il limite cronologico dell’anno 1400. Purtroppo le differenze fra i tre scritti riscontrate da Zabbia non consentono di affermare con certezza che Ronco e Primaticci abbiano usato una precedente versione del Memoriale o addirittura l’opera oggi perduta di Bianchetti 111 . Anche Pugliola, venendo meno il racconto di Bianchetti, dal 1403 si sarebbe servito di altre fonti che al momento non sono in grado di riconoscere. Questo spiegherebbe la divergenza della cronaca Rampona dal Griffoni. Questo confronto fra le cronache è illuminante anche per capire il metodo di lavoro di Pugliola, cosa significasse davvero per lui ‘ridurre’: non solo tradurre, ma anche selezionare e rielaborare le notizie secondo uno stile più consono alla prosa volgare. In realtà in questo già il Griffoni gli era d’aiuto poiché «l’espressione è sempre naturale, quella del parlare comune; il costrutto non è mai latino […] in breve, abbiamo la stessa costruzione dialettale latinizzata. La medesima osservazione è da farsi per la lingua che è molto impura: c’è quasi sempre la desinenziazione latina d’una forma volgare. […] Assai spesso le grida sediziose del popolo sono scritte tali e quali in volgare; e talvolta anche i nomi delle città112». Resta da chiederci quale fu il ruolo di Leonardo Villola nella tradizione, se non nella redazione, della cronaca di famiglia e i suoi rapporti con Pugliola. Come si è detto113, Floriano Villola morì lasciando quattro figli, tra i quali Leonardo. Nel 1410 Leonardo è annotato insieme al fratello Girolamo nella matricola dei merciai; da un testamento sappiamo che era ancora in attività nel 1420, ma nel 1436 doveva essere già morto, poiché in un atto di vendita compare il figlio Tommaso, non ancora maggiorenne, insieme al

109

MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., p. LIX-LX. Per il 1404 come anno di inizio della redazione cfr. Ibidem, pp. XXIX-XXXIV. 110 L’ipotesi si basa su caratteri estrinseci al testo, quali la diversa carta utilizzata proprio a partire dal 1412, una svista nella collocazione della notizia della morte di Bianchetti e, prova più certa, una pagina in cui Griffoni, ricordando lo scisma del 1378, scrisse che durò oltre trent’anni. Cfr. M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., pp. 151-152. 111 Cfr. M. ZABBIA, Bartolomeo della Pugliola cit., pp. 115-126. 112 A. SORBELLI, in Introduzione a MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, opera cit., pp. LXV-LXVI. 113 Cfr. supra p. XIV.

XXXII

Introduzione cugino Cristoforo 114 . Secondo Gaudenzi «non sappiamo se [Leonardo] non abbia per alcuni anni continuato il diario di Floriano; ma che in ogni modo fornì a fra’ Bartolomeo della Pugliola i materiali della sua cronaca115». In realtà anche di questo non sarei così sicura. Bartolomeo della Pugliola potrebbe aver continuato la cronaca Villola su commissione di Leonardo, dice infatti di aver lavorato a sua complacentia, cioè per assecondarlo e fargli cosa gradita. È possibile che il progetto dei Villola fosse quello di fondare una tradizione cronachistica in volgare. Se Floriano scrive fino ai primi anni ottanta del Trecento (non oltre il 1385), Leonardo potrebbe aver tentato di continuare l’opera e, non riuscendovi, avrebbe affidato il compito al Pugliola. Il frate potrebbe aver completato la cronaca Villola, ormai arrivata al 1394, con gli anni successivi, impiegando altre opere o documenti ai quali Leonardo Villola non aveva accesso, o perché non era autorizzato o perché non conosceva il latino. Per questo motivo il Villola potrebbe aver chiesto aiuto al frate che ‘ridusse’ le opere di Bianchetti ed altri autori. È evidente che anche questa è solo un’ipotesi ispirata dall’interpretazione del passo citato e dei dati documentari raccolti dai critici che mi hanno preceduta. Al termine di questo studio mi rendo conto che c’è ancora molto lavoro da fare. Prima di tutto sarebbe necessaria un’edizione della cronaca Villola che fosse in grado, attraverso un nuovo ed approfondito esame paleografico, di dare conferma alle ipotesi proposte finora. Inoltre andrebbe esteso il raffronto con altri testi, in modo da raggiungere risultati più attendibili anche attraverso un’analisi stilistica ed un confronto linguistico, riguardo la distinzione, se non l’identificazione, delle fonti utilizzate.

Cfr. L.SIGHINOLFI, art. cit., p. 54. Poiché come procuratore in questa compravendita appare Lodovico di Giovanni Villanova, l’A. ipotizza, senza però dar credito a questa deduzione, che in virtù di questo legame tra la famiglia Villola e la Villanova, il codice della cronaca potrebbe essere passato a quest’ultima. 115 A. GAUDENZI, La cronaca, cit., p. 365.

114

XXXIII

CRITERI EDITORIALI

Come ho avuto modo di spiegare nell’introduzione, la posizione dei codici 1994 e 3843 dell’Universitaria all’interno della tradizione del cosiddetto testo Vulgato è molto complessa. Essi costituiscono l’anello di congiunzione tra la cronaca Villola e quella che ora possiamo definire Rampona. Preso atto di questa situazione, ho dovuto scegliere fra due possibilità: a ricostruire il testo che Bartolomeo della Pugliola avrebbe voluto, cioè, probabilmente, una copia del testo Villola ed altre fonti; b ricostruire il testo che Pietro Ramponi avrebbe voluto, cioè la propria cronaca familiare. Diversamente da quanto progettato all’inizio della ricerca, ho deciso di continuare il lavoro avendo come obiettivo questa seconda soluzione. Alla luce dei risultati ottenuti dall’analisi della tradizione del testo Vulgato si è visto che questo non è altro che il risultato di una aggiunta progressiva di notizie provenienti da fonti diverse e da autori vissuti in periodi differenti che hanno unito alla tradizione manoscritta la loro esperienza dei fatti narrati. Per esigenze di chiarezza, continuerò a riferirmi a Bartolomeo della Pugliola come al compilatore dei codici 1994 e 3843, sebbene l’attribuzione non sia certa 116 . Tuttavia nella nuova prospettiva di edizione l’autore è diventato secondario rispetto al testo. Senza voler svilire la cronaca di Bartolomeo della Pugliola, sebbene si tratti, per un lungo periodo, di una copia pedissequa della Villola, ho deciso di mettere ben in evidenza gli interventi di Pietro Ramponi e di preferire le sue varianti, visto che ritroviamo entrambi nella Cronaca Rampona. Questa scelta è motivata dalla volontà di mettere in evidenza la trasformazione di un testo (Pugliola) all’interno della tradizione di un’opera (testo Vulgato) e di mostrare il metodo di lavoro di un editore tardomedievale. Mi sono posta pertanto il problema di come correggere Bartolomeo della Pugliola, utilizzando, cioè, Villola o Pietro Ramponi. Non è chiaro, infatti, se Ramponi corregga ricorrendo a Villola o al suo buon senso (spesso sembra così). Alcune annotazioni presenti sul codice 1456 sono state attribuita a Pietro Ramponi117 ma, anche se così fosse, non penso che il ricorso alla Villola sia stato costante e preciso. In effetti, se Ramponi avesse letto la cronaca Pugliola tenendo sotto gli occhi anche la Villola, alcuni errori non gli sarebbero sfuggiti (es. l’VIII della carta 91b, col. II di Villola che diventa III in Bartolomeo della Pugliola). Volendo restituire al lettore la cronaca di Pietro Ramponi, ho corretto il testo tenendo conto degli interventi di quest’ultimo, ma ho mostrato in apparato sia le varianti di Villola, sia quelle di Bartolomeo della Pugliola. Con varianti non intendo solo, e non tanto, diverse lezioni, ma soprattutto differenze notevoli a livello semantico, grafico e fonomorfologico. In alcuni casi può 116

L’ipotesi che le carte qui edite dei manoscritti 1994 e 3843 siano autografe è stata sostenuta da Antonelli e Pedrini. Cfr. GIOVANNI, Cronaca di Bologna 1443-1452, a cura di A. ANTONELLI e R. PEDRINI, Bologna, Costa, 2000, pp. 26, 30-31. 117 Cfr. GIOVANNI, Cronaca di Bologna, cit., pp. 77-81 dove sono presentate tavole che consentono un confronto sinottico delle scritture. Probabilmente si tratta di due scrittori coevi, in quanto la forma delle lettere è molto simile, ma rispetto alla grafia tondeggiante, ariosa e ricca di svolazzi, presente negli altri codici vergati da Ramponi, quella del ms 1456 si presenta più serrata, appuntita e leggermente inclinata verso destra. Anche da un punto di vista linguistico sono riscontrabili divergenze: Pietro Ramponi non scrive mai lulglio o batalglia, ma rende il suono palatale con il semplice gl; solitamente scrive quelli e non quilli; mis(er) e non mess(er); inoltre non ho rilevato casi in cui Ramponi scriva san con n capovolta a forma di 3.

XXXV

Introduzione trattarsi della sostituzione di una parola con un suo sinonimo, in altri di un aggiornamento grafico, con conseguenze sul piano fonetico (cambi di vocali o semplificazioni di nessi per adeguare la grafia alla pronuncia) o morfologico (cambi di desinenze). In apparato i tre cronisti sono individuati da sigle: VIL per Villola; BdP per Bartolomeo della Pugliola; PR per Pietro Ramponi; LR per Ludovico Ramponi. Oltre alle varianti, trovano posto in apparato anche note filologiche, per descivere lo stato del manoscritto (cancellature, lacune e guasti meccanici) e i diversi interventi sul testo da parte del cronista o dei suoi lettori (soprascrizioni, sottoscrizioni, note marginali, aggiunte e inserimenti seriori). Gli interventi di Pietro Ramponi sul testo possono essere così classificati: A aggiunte, marginali o interlineari, di parole o interi paragrafi; B integrazioni di parole che Bartolomeo della Pugliola lascia abbreviate o in forma contratta di origine dialettale (es que’ per quei); C correzioni per sostituzione, quando cioè una parola viene cassata e sostituita da un’altra; D correzioni per rimaneggiamento. E’ l’intervento più complesso e può unire in vario modo i tre precedenti. Per i casi A e B non ho ritenuto opportuno dare spiegazioni in nota. Per i casi C e D ho riportato in nota la/le parola/e originale/i, specificando il tipo di interevento operato. Per l’edizione della cronaca, ho mantenuto il testo di Bartolomeo della Pugliola inserendo le aggiunte di Pietro Ramponi nei luoghi da lui indicati. Nel caso di aggiunte corpose, in mancanza di indicazioni, ho cercato di inserirle all’interno del contesto più idoneo o tenendo conto della successione cronologica degli eventi. Ho corretto i lapsus evidenti di Bartolomeo della Pugliola con la lezione di Pietro Ramponi, riportando in nota quella originale. Nel caso in cui sia Bartolomeo della Pugliola sia Pietro Ramponi riportino una lezione errata (sulla base del confronto con Villola) ho lasciato a testo quella di Ramponi, considerandola un errore d’autore, e riportato in apparato, per un confronto, le versioni di Pugliola e Villola. Per evitare equivoci, ogni intervento di Pietro Ramponi sul testo è messo in risalto dall’uso del carattere in neretto. Per rendere più agile la consultazione delle varie parti del testo, ho deciso di mantenerle distinte, segnalando in alto nella pagina l’inizio di ogni nuovo frammento, con l’indicazione del codice e delle carte che lo contengono e l’arco cronologico coperto. Inoltre ho indicato il volume e le pagine corrispondenti del Corpus Chronicorum Bononiensium (CCB) alle quali ho attinto per collazionare il testo di Pugliola con le cronache Villola e Rampona. Lo sfondo grigio indica le parti per le quali non è stato possibile collazionare il testo di Pugliola con il suo antigrafo, cioè la cronaca dei Villola, a causa della perdita di alcune carte nel manoscritto che la contiene. Al termine del testo ho collocato un ulteriore apparato di note storiche, indicate con cifre arabe, con l’intento, quando possibile, di riconoscere luoghi ed identificare personaggi, oltre a chiarire i passi più difficili per un lettore moderno in merito al contesto storico raccontato dall’autore. Ho condotto la trascrizione nella massima fedeltà all’originale. Non solo ho conservato la disposizione del testo, ma ho anche cercato di rispettarne l’assetto grafico e linguistico. Questi i principali provvedimenti adottati: Grafia Distinguo u da v ed i da y ma non i da j quando quest’ultima ha valore di semiconsonante. XXXVI

Introduzione Quanto ai suoni palatali di n ed l, per il primo convivono le grafie ngn e gn e spesso la nasale è abbreviata (soprattuto nei casi signore e Bologna); per il secondo la grafia gl è costante (due sole eccezioni elgli, Pulglola). Essendo un fenomeno assai diffuso fra gli scriventi di quest’epoca ed oltre, preferisco conservare la grafia del manoscritto per mettere in risalto le differenze fra i tre autori. Stessa motivazione è alla base della scelta di rispettare l’alternanza dell’uso di ç e z, sebbene la prima debba considerarsi variante grafica della seconda. Separazione delle parole Nella separazione delle parole, piuttosto regolare, preferisco, in generale, rispettare l’uso del manoscritto. Tuttavia, non mancano eccezioni per casi particolari. Rendo la grafia chel “ch’el” o “che ‘l” a seconda che il contesto richieda un pronome o un articolo. Mantengo separato ciò è (anche nella variante zò è) essendo presenti nel manoscritto anche forme come ciò fu e ciò era. Tra le congiunzioni composte preferisco la forma analitica per sì come, ben che. Distinguo perché da per che (per la qual cosa) quando ha evidente valore causale. Preferisco invece adeguarmi all’uso moderno unendo parole come dinanzi (anche nella forma denanzi), indreto, innanzi e tuctavia. Per quanto riguarda le preposizioni articolate, nel manoscritto coesistono la forma analitica e la forma sintetica. La seconda, con in più il raddoppiamento della liquida, è prevalente. A causa del ductus corsivo e dei contrasti chiaroscurali che impediscono di stabilire se le lettere siano unite o meno da filetti di congiunzione, in mancanza del raddoppiamento, non sempre è facile decidere con certezza fra una delle due forme. Casi come a/da lomperadore o a lapossta del chardinale (sic) mi hanno fatto pensare ad una forma analitica, piuttosto che ad una semplificazione grafica di -ll-, perché tale grafia doveva rispecchiare la pronuncia dello scrivente. Anche Pietro Ramponi a volte scrive, senza ombra di dubbio, a la, de la o simili. Le forme analitiche costituiscono quasi un’eccezione rispetto all’uso delle forma sintetiche, ma sono entrambe attestate e ritengo che possano coesistere senza creare confusione nella lettura e disordine nel testo. Pertanto decido di non uniformare la grafia del manoscritto e di conservare questa alternanza, separando preposizione ed articolo in mancanza di raddoppiamento fonosintattico. Una riflessione a parte deve essere fatta per l’articolazione della preposizione con, a causa della presenza dell’abbreviazione. Più frequenti sono i casi della preposizione con articolata da lo e la. E’ assente la grafia con lo ed è predominante co(n) lo, mentre hanno pressoché uguale frequenza le grafie con la e co(n) la. Cinque sono i casi di col e rilevante è il numero dei casi di agglutinazione dell’articolo alla preposizione. Sulla base di questi dati decido di distinguere i casi in cui preposizione e articolo sono separati da quelli in cui sono agglutinati, sciogliendo l’abbreviazione nel primo caso e trascurandola nel secondo (entrambi i casi sono attestati per esteso), anche nel caso di co(n)ll-. Di quest’ultimo esempio segnalo la presenza del titulus in nota, pur restando convinta che la pronuncia reale fosse coll e che il titulus fosse aggiunto in ricordo della forma con. Analogamente, trascrivo collui (c 62v) oltre a fello (c 34v) e feglien (c 50r) nonostante il titulus su e. Scioglimento delle abbreviazioni Sciolgo le abbreviazioni tenendo conto della forma scritta per esteso nel manoscritto, quando attestata; diversamente preferisco la grafia moderna. XXXVII

Introduzione Casi particolari: Sciolgo l’abbreviazione q(ue) con ragionevole certezza, essendoci numerosi casi in cui que è scritto per esteso (es. 18 casi di quel) e solo tre casi di metafonesi scritti per esteso: quissti (c 37r), quigli (c 42v), quî (c 143r, corretto da Pietro Ramponi quilli). Davanti a consonante labiale sciolgo il titulus come m; i casi di np e nb sono, quindi, da considerarsi attestazioni del manoscritto (cfr. § Grafia). Applico tale norma anche nei casi in cui ricorre la parola dapno con titulus su a. Nel testo è presente solo un caso senza titulus alla c 140v, mentre a c 142v si trova solepnitade ugualmente senza titulus. Se la presenza di p doveva permettere di individuare m ed n contigue, l’uso dell’abbreviazione annulla tale funzione, della quale la consuetudine aveva, probabilmente, fatto perdere coscienza. Qualunque fosse la grafia, essa non doveva corrispondere alla reale pronuncia, quindi, pur mancando attestazioni di dampno scritto per esteso, preferisco prestar fede al cronista e sciogliere l’abbreviazione. Nel manoscritto è diffuso l’uso della nota tironiana indicante la congiunzione et (2058 casi), tuttavia è assai frequente anche l’uso della semplice e (818 casi). Esistono inoltre 129 casi in cui et è scritto per esteso (51 casi davanti a vocale e 78 davanti a consonante). Questi dati dimostrano come l’uso di et sia incostante ed approssimativo, ho quindi deciso di sciogliere l’abbreviazione et davanti a vocale, e davanti a consonante, se non diversamente attestato dal manoscritto. Il fatto che la nota tironiana potesse, anche nella mente dell’autore, corrispondere alla semplice e, è testimoniato da alcuni casi in cui la nota viene utilizzata in contesti differenti, in sostituzione di e: 7 de da saver = ed è da saver (c 30r, 39v), 7 i = ei (c 42v), sì 7= sì è (c 77r lezione confermata da Villola), 7 vero che = è vero che (c 81r), finalmente 7 ne cavò buon fine (c 54r 7 cassato da PR che corregge ello), sì come 7 possevano = e’ (24v). Il cronista ricorre abitualmente a numeri romani che comprende fra due punti. Conservo tale uso e li trascrivo rispettando il carattere maiuscolo o minuscolo del manoscritto. Inoltre, mantengo i moltiplicativi in esponente ed unito migliaia, centinaia, decine, unità (es. .Miiicxxxvii.). Conservo le abbreviazioni relative a unità monetarie e di misura: l. per libbra/e, s. per soldi, d. per denari. Tra i nomina sacra l’unico ricorrente, sempre nella forma abbreviata, è xpo che trascrivo Cristo. Uso delle maiuscole Uniformo l’uso delle maiuscole secondo l’uso moderno, le inserisco dopo punto fermo e per nomi propri di persona e di luogo, non solo toponimi ma anche luoghi pubblici cittadini come i palazzi (es. Palazzo della Biava, dei Notari), di popolo, cariche pubbliche quando queste possono essere confuse con nomi comuni (es. Anziani), enti (es. Compagnia dei Notari) ed autorità temporali e spirituali. Segni speciali L’uso delle parentesi uncinate < > per integrare lettere o parole omesse dal cronista (ad es. Malvzo c10v). L’uso di parentesi quadre [ ] per indicare omissioni dovute a lacune o guasti meccanici siano essi integrabili (ad es. [suo ne]vud c 79v), quantificabili (ad es. [..6..] c 76r) o non quantificabili (ad es. […] c 13r). L’introduzione delle virgolette “ ” per segnalare il discorso diretto. XXXVIII

Introduzione L’introduzione di asterischi * per quantificare approssimativamente l’estensione di omissioni volontarie del cronista. Segni diacritici Inserisco l’apostrofo in sostituzione di a ed e (pronome o articolo) mancanti o agglutinate alla parola seguente. Metto in evidenza il raddoppiamento fonosintattico con un punto in alto solo quando esso comporta mutazioni fonetiche, come ad es. assimilazioni.

XXXIX

Bartolomeo della Pugliola

Antichità di Bologna

BUB 3843 cc 10r-17v anni 1336 – 1339 Ccb vol2 pp 462-493 14r

[...] In lo dicto millesimo a Oppizo marchexe di Ferrara 1 sí entrò in Modena, che v’era singnore messer Manfredib2 e dè la singnoria a li marchexi a dì .xiii. di marzoc. A tòrre la ditta singnoria sí andò collo marchese Zoanne, fiolo di messer Tadeo de’ Pepoli, con deli gentiluomini di Bologna e gram gente da Bolongna di soldati sego; e veramente se non fosse la parte di Bolongna, lo marchexe non l’avea mai. Di quessto sonò l’arengho e fesene falò e gram fessta in sulla torre degli Asinelli, e sì fu fatto uno per lo maleta che per portarlo lassù si n’avè dal comun lire .v.. Et di quessto si si fe’ sì gram fessta in Bologna che mai non se ne fe’ una maiore; e durò dì .viii. e vestisi queli della compangnia de cendaled e fo grande fessta. In lo ditto millesimo li singnori della Schala sì mandono Ghuido da Corezo a Bolognae per suo ambassadore e lla domandaxone fu quessta ch’ellof fe’: che predicti signori dalla Schala voleano che ‘l comune di Bologna sí desse lo passo su per lo suo terreno a mandare la sua gente ad Arezo, ché i Peroxini si erano in hosste con consontimento g di Fiorentini, de’ Bolognesi, de’ Romangniuoli, che erano a una lega. Per la qual caxone lo consiglio del populo sí s’aricolse; il predicto Ghuido sí disseh l’anbassada ch’a llui era impossta per li suoi singniori, della quale si fe’ postai a chi piaciesse di dare il passo e chi non, desse la fava secondo la possta. Quelli a chi piaque di dare lo passo si funo .ii. fave, el contrario .viicxxiiii., et in sengno di dispetto sí si bandì arme e chavalli. lo ditto millesimo l’arcipretek da Lloiano3 sí uccise Domenigo da Gargogniano4 e .ii. suo fioli e fu tenù gram male.

jIn

14v Al tenpo del dicto podesstà li fanti di messer Bradilixe sí ucisono Zoanne dal Sala5, che era amico de’ signori di Loyano; e fu da San Dalmaxe. Di che fu di grande correre la terra e fu di gran capanele da’ Pepoli e Ghozzadini; fu a dì .xviii. di zungnio6. In lo dicto millesimo si cominciò la guerra delle saline de’ Veniziani a queli della Schala. E colli Veniziani si tenea gli Fiorentini e messer Piero de’ Rossi da Parma si era chapitanio dell’osste de’ Veniziani. Anche mo si fe’ uno ordinamentoa in Bologna cheb neghuno soldato da ppiè né da chavallo 1336. VIL: Manfredi Pì. c VIL: mazo. d BdP: cendao. e BdP: ven(n)e. PR soprascrive a Bologna a ven(n)e cassato. f BdP: ch’elli. g VIL: consintimento. h BdP: diè. i -sta nell’interlinea corretto su –ssa cassato da BdP. j Manicula nel margine sx. a

b

k

VIL: arciprevede.

l

BdP: del.

3

1336-1339 uxic, né debbia andare, nè usare con alchuno citadino de Bologna, in pena di perdere l’arme e chavalli; et in nello dicto consiglio si fè’ uno savio per quartiero che aconpangniava gli Anziani, lo nome de’ quai son quessti: Messer Parte di Ghiselieri; Messer Buvallello de’ Consolomini; Messer Zordano del Bianco; Messer Tomaxo de’ Preti. Messer Francesscho di messer Lunardo de’ Lunardesschid da Norsiae podestà de Bologna per li secondi sei mesi. Cominciò l’uficio a dì .xxi. di zungnio. Messer Iacomo de’ Balduini fu proconsolof. In lo dicto millesimo si era chavalcato gente de’ Fiorentini a Llucha. La gente di quelli dalla Schala ch’erono drento Lucha, sí uscirono fuora per vetiareg il passo; montorono in sul serraglioh, di che li soldati di quelli della Schala funo sconfitti. Fu a dì ***i […] 10r

[…] jch’ello si dovesse apresentare dinanzi da lloro, se non che serave inteso sbandezzà e rivello del comune di Bologna. El ditto bando sì ssi misse alle finestre del Palaxo de’ dicti Anziani. Ancora feno che ’l dazio della barattaria fu tolto dal tucto via. Ancora feno gittare in terra le volte ch’erano apresso lo dicto palaso in sulla via che va in Porta Nova, le quali gosstònno .viiiic. lire; e fu all’entrare di novembre. Ancora fecono li Fiorentini una chavalchata a Lucha di fino alle porte; e fu di novembre. In lo dicto millesimo si venne in Bologna messer l’arcivescovo de Anbrum7 lo qual z’era al tempo del legato; fu lo dì di santa Barbara, dì .iiii. di desenbre. E per zò sonò le canpane del comune tucte a martello, e sì gli andò incontro lo podesstà, el chapitano e tucta la chavallaria e fesseli grande honore. Andossene lo ditto arcivesscovo venardì, a dì .xx. di desenbre, con grande honore e sì lli fu donato dell’avere del comune de Bologna .viiic. lire; e sua stanza si fu a luogo de’ frati Predicatori. E andossene a Faenza. .Miiicxxxvii. messer Churrado di messer Piero k Malabrancha da Ghubio fo podesstà di Bologna per li primi sei misi. Messer Belvillano di Preti proconsolo per la Compagnia de’ Notari. In lo dicto millesimo si fo un grande romore in su la piaçça del comune di Bologna, ché Busolino de’ Gozzadinia sì ferì Vero da Sasuni. Per la qual caxone

VIL: ordenamento. VIL: né neghuno. c VIL: osi. d VIL: Berardo di Bernardischi. e BdP: Nursia. f VIL: preconsollo. g VIL: vedare. h VIL: ceruglio. Segue: sì che tra loro fo bataglia. i Lacuna presente anche in VIL j VIL [Ancora feno rechedere Brunino di Galuci] k A fianco, scritto sul margine dx e sottolineato: 1337. a

b

4

1336-1339

10v si trasse b grande giente in piaçça, ma funo caciati via per li famigli degli anziani che balesstròno. E per quessta casone sì si fe’ granc guardia per li soldati da piè’ e da chavallo; fu a dì .xx. di giennaio. E a quessto romore, zò è in nell’ora che fu, messer Tadeo de’ Pepoli e messer Brandelixe Gozadini sì erano in nella casa de’ notari e molto si smarrìno, spezialmente messer Tadeo, per caxone che già era cotale d chapanelle dall’una parte e l’altra, zò è da’ Gozadini e suoi amisi e da’ Pepoli e i suoi amisi. E quando Busolino ferì lo ditto Vero, la parte de’ Gozadini era grossa in piaçça; e Berto Bazalerio venne con una spada nuda verso la casa de’ nodari con molti altri. Et in quessto meçço giunsse li amisi de’ Pepoli, sì che lo romore sbassò et andossene insieme, zò è messer Tadeo e messer Brandelixe, di fino alla via che va dalla chasa del Gierra, faciendo la via da casa de li maestri del legname. Quando funo lì una grande gente venia per messer Tadeo, si de foresstieri e si de terrieri, di che messer Brandilixe si smarrì forte e lli tolse lo cumiado e zaschuno si se ne andò a casa sua. De chee questo, si fe’f uno grande mormoramento, e per quessta casone si avé bando della testa. Quelig se nomina qui di sotto: Busolino de’ Gozadini; Berto de’ Bazaglieri; Chechino de’ Bentivogli; Vezolo, fiolo di Zam Malvzo; Nero da Cento; e due altri fanti. Dissesi allora che Gozadini e la parte sua aveano pirlà, perché aveano lasato dare bando a’ preditti e perché

11r

Berto era conpagnioh di messer Brandelixe; e chi sa pogo [a]pensai lo danno. In lo ditto millesimo, sì andò le cartiselle per le conpangnie di dover trare quessti così fatti di bando, e fo fermo; possa tornò al consiglio del populo e lì si rifermò che nessunoj si tresse di bando, salvo che Berto; e sì si die’ albitrio al podesstà sopra gli malefiziik e romori che ssi feanno in piazza. In lo dicto millesimo quelli da Medixina sì uccisono Folcirolo Catanio. Funo quelli dalla Nave. Fu a dì .xx. di febraio.

de’ Gozzadini presente anche in VIL. VIL: tré. c Segue cassato: fessta. d BdP: tota. Probabilmente PR corregge perché legge cota. e Correzione di PR su rasura. VIL: de questo. f VIL: fo. g que scritto su rasura. h BdP: perché erono ciò è Berto conpagnio. i VIL: sic. j VIL: insiseno. BdP copia malamente dal suo esemplare e PR, affidandosi alla sua lezione, cerca di completare la frase dandole un senso che, però, risulta essere l’opposto di quello originale riportato da VIL. Nella versione di PR a nessuno fu concesso di rientrare in città, eccetto che a Berto, in quella di VIL gli esiliati uscirono di bando, eccetto Berto. Inoltre, la frase è introdotta da si rifermò, perciò ci si aspetterebbe una conferma di quanto già esposto, cioè che fo fermo di dover far uscire di bando i prenominati, ma al contrario la versione di PR smentisce quanto affermato in precedenza. k Segue cassato: et (tironiano) e muri. a

b

5

1336-1339 In lo dicto millesimo, a dì .xxii. di febraio, si misse le canpane del popolo, ch’erano in sulla torre del chapitano, in sula torre del Palaxioa dalla Biada in sul quale stevano li Anziani. In lo dicto millesimo li Primadizi sì uccisono l’arciprete da Saleto8. Per la qual casone, la Compangnia dalle Sbarre con so gonfalone e bechari sì andono a dare lo guassto in città et in lo contado a li suob beni; e fu a dì .xxvii. di febbraio. In lo dicto millesimo lo comune di Bologna fe’ disfare Ganzanigo9 per volontà del conte di Romangna10. E quessto sì fu per la morte di Folcirolo Captanio; fu a dì .viii. di marzo. In lo dicto millesimo li Fiorentini ebbenoc la singnioria d’Arezzo; fu a dì .viii. di marzo. Fuci la novella lo dì di santo Ghirigorod. L’osste de’ Veniziani sì tolse la Città della Foiae a dì .xiiii. di marzo. Anco mo tolse li Viniziani Canpo San Piero; fu a dì .xvii. di marzof. .Miiicxxxvii. messer Currado de’ Canciglieri da Pisstoiag11 fo, de Bologna, chapitano per li primi sei mesi. In lo dicto millesimo fu ferito due fioli di Nicholò da Spilli e l’altra parte si era suoi visini, cheh fo ferì uno, et 11v era fiolo di Zoanne da Cento, ch’erano mulinarii; vero è ch’erano molto di quessta parte, gli altri erano Maltraversi. Per quessto gli Anziani sì feno apellare, overe chiamare, cierti savi, li quali savi providenoj che .x. huomini di quelli della parte di quelli da Spilli fosseno intexi sbanditik, d’esser strasinati et apicati per la gola, e che all’altra parte messer lo podesstà dovesse proveder per forma di rasone. E chi à il male abial le beffe. In lo dicto millesimo fe’ legha Bologna con quello da Milano, Veniziani e Fiorentini e Feraresi contra quelli della Scala. Fatto quessto, sì ferono hosste a Verona, e fu messer Luchino con .viiic. havaglieri. Fu del mese di zungnio e del predicto mese si partino al so vantazzom. Messer Ottaviano de’ Belforti da Volterra fo podesstà per li secondi sei mesi in Bologna. Ser Michelino de’ Bentivoglio barisello. Ser Zoanne di messer Chasstellano de’ Gozzadini proconsolon. In lo dicto millesimo gli Anziani sì feno buttare in terra li becharie, le qualio erano a piè del so palaxio lí a teso della piazza; fu vernardíp di notte, vegniando lo sabato a dì .vi. di luglio. In lo ditto millesimo sí fo morto uno huomo a Flieso12, di che lo comune trassea ad arme e sí fu preso lo dicto malfattore e sí ‘l menavano a Bologna e, quando e’ funo dallo spidaletto di Segue cassato: del capitano. BdP: s[o]. c BdP: ebbono. VIL: avé. d VIL: san Gregoro. e VIL: Cittadella fo a dì. Errore di copia di BdP non compreso da PR. Cittadella è un comune in provincia di Padova. f VIL: del mexe di marzo. g VIL: Pestora. h BdP: ch(e). PR scioglie l’abbreviazione aggiungendo: e. i BdP: mugniai VIL: munari. j BdP: et prendo VIL e’ prevideno. k VIL: sbandezà. l VIL: apa. m VIL: avantazo. n VIL: preconsolo. o BdP: quale. p VIL: vegniri. a

b

6

1336-1339 Madonna Bolognese, Iacomo del Bianco sí gli ‘l tolse. Per la qual casone lo dicto Iacomo sí fu sbanditob dell’avere e della persona. Quessto fu a dí .vi. de luglio. Della qual cosa fu di grande borgelle da’ Gozadini e Blanchi. Ver è ch’e’ Gozadini averavenoc sotterà li Bianchi, se non fosse lo brazo de’ Pepoli, per lo dire della gente. In lo ditto millesimo, lunidì a dì .vii. di luio, sí fu chazato messer Brandelise de’ Gozadini, e tu[c]tid quelli della sua 12r

a

casa. E lo modo come fu chazato sì è quessto: che ‘l ditto lunidí, tra terza e nona, si sonò un grande romore, di che ongni huomo si partì di piaçça. Et in quessto si venne Brancolino del Bianco a piazza collo gonfalone de’ chavlieri gridando: «Viva il populo e gli Anziani!e»; sí che, fatto quessto, ongni huomo f trasseg ad arme e tossto gli Anciani h si erano in sul palaso con la sua famiglia aconci. A quessto la gente comincia a ingrossare, di che l’ovra fu intresschata, et echo messer Brandelixe vegnire a piazza con suo sforzoi; e quando el fu in sul cantone de’ Lanbertini, li fu gente che non voleano che venisse a piazza. Di che li fu grande battaglia tra l’una parte e l’altra, ciò era Blanchi e Gozadini, e sí vi fu de feriti e morti; di che finalmente el venne oltra a mal suo grado di fino alli bechari; e dissese che do fiatej i era cazù lo desstriero sotto. Et a questo, echo venire a piazza messer Tadeo con grande gente e ssi andò incontra a messer Brandelixe e disse: «Mo chi è quessto messer Brandilixe? Volete voi anco[r] guasstare Bologna e la parte nosstra? Andiamociene a chasa, che concierò ben quessta cosa». Di che elli se n’andòno, ma perzò l’altra gente non si partì da piazza, e tuctavia erano certi savi con gli Anziani a provederek a quesste cose; e sì providonol di confinare l’una parte e l’altra, ciò è che li Gozadini andasseno a stare i ·nello borgo del Chasstello Francho e Blanchi i ·nello borgo di Casstello di Santo Piero. Di che, essendo comandato che dovesseno gire alle confine, come era ordinato, parve m che ssi trassen ad arme e fu tossto spazà la bambaxe, che ongni huomo della casa de’ Gozadini et anco Formaini e altri loro amisi funo fatti confinàdio. E a quessto tenpo era ser Zoanne di messer Chasstellano de’ Gozadini proconsolop. In suo luogo fu aletto incontanente ser Nicolò di messer Zoanne de’ Magnani. Ancora furon fatti certi confinati, e fu a dì .x. di luglio, e furono .xx. gli nomiq de’ quali si è questi, zò è:

VIL: trè.

VIL: sbandezà. BdP: aveano. d c sembra essere stata corretta da t ma è difficile stabilire quale sia l’ultima lezione a causa dell’evanescenza dell’inchiostro. e VIL: povollo, povollo, viva i anciani. f Segue ripetuto e cassato: ogni hu(om)o. g VIL: tré. h ci scritto su rasura. i VIL: resporzo. j VIL: Dofin. k VIL: prevedere. l VIL: prevideno. m VIL: aparve. n VIL: tré. o BdP: aconfinà VIL : confinà. p VIL: preconsollo. q BdP: nomin[i]. b c

7

1336-1339 12v Bazallero de’ Bazalieri; Nero di messer Lanberto da Cento; Nicholò da Monferraro; Tixolo e Bunino, fiolo di ser Lando dia Buvalegli; Ughizzuolo da Stifunti13; Pedrazzo di Nicholò di Basacomadri; Nicholò deb Libanoro; Iacomo di ser Gandone de’ Gandoni; Piero di messer Benedetto zudixe; Mercharo del Dataro; Piero da Cangnianoc; Gimignano da Rosellid; Michele Grasso che stava da Sam Homobom; Tovalloe becharo; Nanne del fra dal Remolo; Zoanne di Iacomello muratore zoppo; Lo nome degli altri ingnioro. Anco mo, in lo ditto millesimo, sí se fe’ lo beneficiof a quelli ch’avevano carta della paxe che potevano essere chanciellati di bando; e di quessto andò le cartixelle per le conpangnì. Ancora, in lo dicto millesimo, messer Piero g de’ Russi da Parma tolse Padoa a messer Alberto dalla Schala. Siando i ·nella ditta terra e’ fu menato preso’ a Vinexia. Ver è che messer Ubertino da Charrara sí glil diè; e quessto a dì .iii. d’agosstoh14. E di ciò si fe’ fessta in Bologna, perché noi eravamo in nella lega co’ Viniziani e Fiorentini. Ancora, in nello dicto millesimo, messer Piero de’ Rossi, lo quale era chapitano generale de hosste, sí fu morto a Monsellexei15 a una battaglia che ssi diè; e quessto fu in veneri a dì .viii. d’agossto. Di chej ssi disse che della sua persona fu un grandissimo danno, inperzò che egli era uno de’ più valevigli homini k di Lombardia l più ingratià m da tucte giente; e così si diseva per ciasschuno. 15r

Ancora pogo stando, morì messer Marsilio suo fradello. In lo dicto millesimo vene una grande tenpessta; fu la viglia di san Lorenzo. In lo dicto millesimo, a dì .xxviii. d’ogossto, il dì di santo Agosstino, lin soldati da piè e da chavallo trassenoo ad arme in piazza gridando: “Viva messer Tadeo de’ Pepoli!”, e 'l popolo

BdP: da. BdP: di. c VIL: Chiagnano. d VIL: dai Oxegli. e VIL: Tonallo. f Seconda e aggiunta in interlinea. VIL: benuficio. g Lapsus calami di BdP, perché il nome è presente anche in VIL. h BdP: ogossto. i BdP: Monselexe. j VIL: che ‘l. k VIL: chavaleri. l Segue cassato da PR: e de. m BdP: ingratiato. PR cassa –to. n BdP: de’. o VIL: treno. a

b

8

1336-1339 che venivaa a piaza ongni huomo gridava: “ Popolo, popolo!”; e a zasschuno fue viedato e contradiatob, benc che nessuno non se ne charicòd troppoe, no maf lo barisello, lo quale era de’ Bentivogli; et a lui fu fatto disonore, ché lli fu tolto lo pennone et asbassato, e quello che tenea messer Passarino, che era all’arme del comune di Bolongna alla guardia degli Anziani, funno tucti sbassati. Et gridavang tucti gli soldati: “Viva messer Tadeo!”, et così si cominciò a gridare per ongni giente che venia a piazza. E fatto quessto, ello sí fu conduttoh in sul Palaxio degli Anziani in nome de singnore, e tuttii li soldati stavano in piazza. Per la sopradicta casone alcuna novità non fu in nella città di Bologna et eziamdio in nel contado, et eciamdeo né morto né rubbatoj alchuna persona. Lo veneri k seguente sì andò le carteselle per le compangnìe della confermasone della singnoria, e così funo ferme. Lo sabato seguente sonò lo consiglio del populo e sí si raunò in sul Palaxio dalla Blava, là ove steanol gli Anziani, e llì sí si fermò la sua singnoria secondo ch’a ·llui piaque. E fu ditto per li aringadurim che lla sua singnoria fosse gienerale della città 15v et contado e distretto della città di Bolognan e per quello modo che meglio possesse valere e tenere; e zò che per lui si fesse, valesse sí come fosse ffatto per lo consiglio del popolo e meglioo, se si può dire. Et a quessto fo datop le fave bianca e negre sí come è de usanzaq; lo numero delle bianche si funo .viiiiCviii. e le negre sì funo .x. E fatto quessto, si fe’ gli Anziani e dessi lo gonfalone della jusstizia e l’uficio del proconsolo e quello del barixello sì come dinanzi. In lo dicto millesimo messer Azzo Vessconte sì tolse la città di Bressia per forza, tanto stesser in assedo; e quessto fu, che l’ebbe, a dì .xiii. del mese d’ottobres. In lo dicto millesimo fu fatto cavallierot messer Parte de Ghiselieri per lo marchexe Opizou fu il dì di santo Martino, che è a dì .xi. di novenbre. In lo dicto millesimo lo nosstro singnore fe’ raunare un consiglioa per fare un sindagob per andare a corte per lo conzo della Chiexa et al comune di Bolognac; fu in giuvidì a dì .xiii. di BdP: venivano. PR corregge cassando con due tratti di penna -no. VIL: chontrariado. c ben scritto su rasura. d VIL: neghuno no s’encareghò. e (Ms) treoppo. Correzione dell’editore. f BdP: set none. PR cancella: set e corregge: no ma. VIL: se no. g VIL: cridà. h BdP: condotto. i BdP: tucti. j VIL: robà. k VIL: vegniri. l VIL: steva. m BdP: aringatori. n VIL: Bononia. o Segue cassato: se meglio. PR corregge sostituendolo con se. VIL: se meio se po dire. p VIL: dà. q VIL: era uxanza. r VIL: tanto ie stete. s VIL: otovro. t Soprascritto in interlinea a [vir] cassato. VIL chavalero u BdP: e pizo. Correzione dell’editore. Evidentemente si tratta di un fraintendimento nella lettura da parte di BdP, in quanto VIL riporta Opizo, lezione ripristinata da LR: Oppizo. a

b

9

1336-1339 novembre. In lo dicto millesimo si fe’ una mosstra molto bella di cavaglieri soldà et allora fe’ dare lo nostro singnore una bandiera a l’arme sua et a quella del comune di Bolognad a Zohanne suo figliuolo, al nome di Dio; e fu a dì .iiii. di dexenbre et a grande honore. In lo ditto millesimo andò Zoanne a Vinexia a parlamento; dissesi che vi dovea essere li singnori di Lonbardiae; fu molto ben acompangniato da’ cittadini; e fu martidì .viiii. di decienbref. In log ditto millesimo, e fu martidì .viiii. di desenbreh, si cominzò lo mercato della bliava in sul canpo del merchato, et innanzi soleasi fare in sulla 16r

piazza del comune di Bologna et in sul Trebbio di Porta Ravigniana. .MiiiCxxxviii. Messer Ottaviano preditto sí fu rifermatoi i ·nello uficio per podesstà per li primeri sei mesi per lo nosstro singnorej. In lo ditto millesimo lo nostro singnore si ordinò che in ciaschuna compangnia d’arte si dovesse fare iiii° mestralik et a tri brevi ciasschuno. In lo dicto millesimo, a dì .vi.l di giennaio16, venne lectere di scomunichazione di tucti gli caporalli m di Bolognia, che furono in nello numero di .iicl. 17 , fra quai vi fu lo nosstro singnore messer Tadeo e messer Brandolixe e gli altri dell’altre case. Et a quelli della città, ciò è all’avanzo che non erano nominati in nelle lettere, sì fu dato termine di fine a dì .ii. del mese di marzo prosimo n che de’ venire a rispondere a messer lo Papa, se non che o chaderanno in nel caso de’ sopra ditti nominati . E quessto si fu per la chacciata di messer lo chardinale18. E per quessta caxone si mandòp incontanente inbasadori a corte a messer lo Papa; e fu della uneversitàq di scolarie, e per lui19 funo salariati e bene. In lo dicto millesimo andò lo nostro singnore messere Tadeo a Chasstel Franco a parlamentare con lo marchexe20; e quessto fu sabato a dì .xvii. di gienaio. In lo dicto millesimo si andò lo bando della moneta la quale avea fatta fare lo nostro singnore; e sí valea ciaschuno soldi .ii. de Bolognini. A questa moneta si dicievar pepolese; al nome di Dio sia. In lo dicto millesimo, lunidì secondo di marso21, e fu lo primo di Quaresima, sì fu intraditta la città e contado di Bolognaa,

VIL: conseio de povollo. VIL: sinego. c VIL: Bononia. d VIL: Bononia. Segue cassato: et tironiano. e BdP: lonbradia. Correzione dell’editore. f BdP: diciembre. g lo scritto su rasura. h VIL: del mexe de dexembre. i VIL: refermà. j Sul margine sx: 1338. k BdP: uno mestrale. PR corregge cassando uno e aggiungendo iiii°. VIL: iiii. l VIL: xvi. m VIL e BdP: caporani. n p(ro)simo riscritto su p(ro)simo cassato. o Segue a capo ripetuto e cassato: che. p VIL: e per questa caxone lo nostro signore si mandò. q BdP: delle ‘neversità. r BdP: dicie. a

b

10

1336-1339

16v et tòsesi via le messe da meza terza inanzi. Lo predicto messer Ottaviano sí si partio da suo regimento, a dì ultimo di febraio, per casone del ditto intraditto, zenza sonob di tronbe. Messer Manovello da Fontana da Piasensa fo podesstà de Bologna e cominciò lo suo ufizio a chalendi di marzo. In lo dicto millesimo, sabato a dì .xxviii. di marzo, venne una novella in la città di Bologna che l’era statoc morto Lippo dell’Alidosi e che la terra era toltad. E quessta novella sì fu fatta secondo che see disse che Mazarello da Cuzzano sì era entratof con Galeotto, fiolo di messer Francesco de’ Lanbertini, perg dover uccider messer Tadeo e suoi fioli, e si erah in questo trattato; si fu messer Bonincontro fiolo di messer Zoanne d’Andrea, Franciesschino di Ghiselieri. E questi quatro funo gridati alla ringhera del comune di Bolongna che dovessono conparire dinanzi a messer lo podesstà innanzi che la candela fusse mortai, altramente che seravano intesi sbandezati, ribellij e traditori del comune di Bologna. Sappiate che Galeotto era siniscalchok del singnore e avea grande torto; zò si disse. Lo predicto sabato sì fo preso per questa chasone Mengozo de’ Ghiselieri et ello sí confessò tucto lo tratado al singnore. Vero è che Guidottino dal la Torre e Etor de’ Iobazim, che erono in Bologna per conestabilin, si apalizòno lo tratado al singnore; di che lo dictoo Mengozop avé taiata la tessta lunidì a dì .xxx. di marzo; e li ditti si canpòno e Mazarelloq sí entrò in Savingnio e quel risforzòr. Le preditte cose doveano esser fatte la domenicha di san Lazaro, ch’era a dì .xxviiii. di marzo. Lo predicto Mazzarello rilassò Savingnio e ciaschuna 17r

fortezza del comune di Bolongna, inanzi che passasse tre dì utilis, senza colpo di spada. Sapià che fu di quelli di Iafet. Ett per la predicta casone fu dato chomiado a Corradino dalla Torre, al basstardino de’ marchesi, a Iacomo di ser Glilinou de Papazuni, a Ducinelloa di Nicholò de’ Dotti e funo ben dengni.

BdP: Bon(oni)a. Segue cassato: d’ottobre. c VIL: stà. d Segue ripetuto e cassato: tolta. e se presente anche in VIL. f VIL: in tratà. g p(er) scritto su rasura. h et si era cassato da PR e corretto con: è. i VIL: amorta. j VIL: rivegli. k -cho scritto su rasura da PR. VIL: seschalcho. l BdP: d[e]. m VIL: dei Opizi. n VIL: contestabigli. o Segue cassato: di che lo detto. p BdP: men[z]ozo, VIL: menzozo. q BdP: Masarello. r BdP: risporzò, VIL: resporzò. s VIL: d’avrile. t Sic. u VIL: Ghillino. a

b

11

1336-1339 Anco mo’ andòno li dottori a lleggiere al Casstello di Sam Piero a quelli scolari ai quai piaque d’andare bcon fo legissti ic decrestalissti; e zasschuno dottore che legea innanzi sì convenìglid andare; fo a dì .xvi.e d’aprile, dì tri sequente Pasqua22. Anco mo’ andònno ambasadori a corte, a dì .xxvii. d’aprile, lo nome de’ quai fon questi: messer Polo de’ Lazzarif; messer Macangnanog dei Accighuidih, e per suo notaio andò Nanne da Casola. In lo dicto millesimo, messer Iacomo di Gabrielli da Ghubio andò per s[e]natore di Roma e ssi andò; e i ·nello ditto regimento el destenei e mise in prisone Colonesi et Orsini benej da .xiiii. de’ megliuri della casa. Et per dire della gente el fu un grande ardire. Anco mo’ sí si fe’ un sindicatok in nello consiglio del populo per mandare a corte, e disse in la persona di ser Dandellol di Fantuzzi, notaio; fo a dì .xxviiii. di marzom. E per questo sonò l’arengo sopra alla piazza ciò ch’alla ringhiera si lesse e fermò lo dicto sinigon. Anco mo’ ritornò messer Machangnino da corte e romase messer Polo; fu a dì .xxviiii. d’ogossto. Ancora andò messer de’ Bonpierio per inbassadore a corte, fu a dì .xxviiii. d’ogossto, per casone del conzo. Anche mo si radopiòp la ghabella delle molina, ciò è a pagare s. .ii.q; e di bon tenpo innanzi e’ s’era rasonato di fare. 17v In lo dicto millesimo si puoser una colta a li confinati di sei milia lire. Dissese che fu perché parea che fessono guarnimento per venire a Bolongna; fu d’agosstos e pagossi tossto, e fut ben dengni perché si givano apoggiandou. Ritornò messer Polo23 a corte e messer Machangniano giuovidìv dì .iii. di settembre. Iacomo di messer Tadeo si fe’ una chavalcata a Ravena cum .xx. bandiere di soldati a chavallo e con cierti cittadini e con pedoni; fu a dì .xxii. di settembre. Stettono otto dì a ritornare e feceno gran danno. Per la dicta casone si avennonoa inbassadori da Venesia e da Firenze e feno lo aconcio tossto tra llo signore e Ravegniani. VIL: Utinello. Manicula nel margine sx. c P.R cancella: i e corregge: e li. d BdP: convenì. e VIL: xxvii. f VIL: Liazari g BdP: Macangnino. h VIL: Azoguidi. i BdP: destine. j BdP: bem. k VIL: sinigado. l VIL: Dandollo. m VIL: mazo. n VIL: e per questo sonò l’arengo e sovro la piaza, zò è alla renghera, se lesse e fermò lo dito sinigà. o VIL: Piero di Bonpieri. p VIL: redoplò. q VIL continua: per corbe. r VIL: anche mo s’inpoxe. s BdP: d’ogossto. t PR corregge: fon. u VIL: aponzando. v VIL: zoba. a

b

12

1336-1339 In lo dicto millesimo vene lettere e novelle in Bolongna del conzo da nuib a messer lo Papac; et era stato in concesstoro con lli cardinali e llì si era fatta la solvisone; fu lunidì a dì .xii. d’ottobre. Sí che lunidì .xviiii. d’ottobre giunsono le lettere e li missid in Bologna e sonò all’aringo; e lessesi le preditte lettere all’aringo con grande allegrezza. Mercori a dì .xxi. d’ottovre sí si disse le messe in messer San Piero dae prima e fulif tucta la cherisia e, dicta la messe, sì feno la procisone. Fatta la dicta processione, si disse poss[a] le messe in ongnig luogo e tucti li artisani tenono serrati in fino a terza le sue stazonih. Durò l’intraditto da due dì di marzoi di fino a .xxi. d’ottobre24 che non se disse messe in Bologna che fosse udita per li terrazani né eziandio per li forestieri; e quando li frati disevano l’uficio si serravano le chiese. .MiiiCxxxviiii. messer Manovello da Fontana fo rifermo per podesstà per li primi sei mesi. Vennej a Bologna uno capellano di messer lo Papa per casone del concio dello intraditto di Bologna; andòglie incontra messer Tadeo con gram gente. […] 13r

[…] a Veniziani e lo comune di Fiorenze abbiak quatro chastella del contado di Lucha, delle migliori; vero è che dovevano aver Lucha e perzò erano entrati in ·nella legha de’ Veniziani. Padova sì tenne messer Ubertino25 per lui, quel da Carrara. Durò questa guerra .xvii. mesi e fési la pase del mese di zenaiol. Adesso, fatta quessta pase, tucti hominim ch’eran i ·nell’osste de’ Veniziani sí si partino e si feno una compagna et andono in sul contado di Milano; puosonsin lì adosse in uno luogo al quale si disse Chiaravalle26. Sapiate che gli erano ben .iiim. chavalerio de tucta buona giente. La qual condotta sì fece messer Reloyse de’ Vissconti27 da Milano; et era confinato per lo singnore di Milano, ed erano verasi chusini, zò è nati di fratelli. Singniore di Milano sì era messer Açço de’ Visconti28. E sapiate che quessto messer Azzo sì era singnore a questo tenpo delle infrascritte città: In prima della città di Milano; della città di Como; della città di Bergam; della città di Navarra29; della città di Vercegli; della città di Cremona;

VIL: sì ce vene. BdP: yvi. c VIL continua: e disen che miser lo Papa. d VIL: miseri. e BdP e VIL: di. f BdP: e vi fu. PR cassa e vi, aggiunge e, corregge fu agiungendo -li. g VIL: honne. h VIL continua: e feno festa. i VIL: de iii d’avrile. j Nel margine sx: 1339. k VIL: apa. l Del 1339. m VIL: chavaleri. n VIL: posenose. o BdP: ch[…]. PR scrive -ava- su rasura e soprascrive -leri in interlinea. a

b

13

1336-1339 della città di Bressa; della città di Piacenza; della città di Lodi; della città di Crema; e di Sonzino; e di Iorsia30; e di Monza; e di Borgo San Donin; e di Charavazzo31; e di Trivìb32; e di più altre terre grosse che troppo sarebbe a scriver; ma disevasi così: che ll’era lo maiore tiranno ch’avisse mai la Lombardia e llo più possente. 13v In nello predicto millesimoc andò aiutorio de Bologna a messer Azzo, che mandòd lo nosstro singnore messer Tadeo, che funo dugento hominie soldati; e quessti andòf per Ferrara et andonno con la gente de’ marchesi e con quelli di Mantova. Domenigha a dì .xxi. di febraio fu sconfitta la gente che era itag a Milano e messer re Loyse da messer Azzo e da sua gente, di che gli morì holtra che tre mila persone e avean grande danno la gente di messer Azzo, con tucto che vingisseh. Vero è che quasi tucta quella gente sí fu presai, ciò è la Gram Compangnia, che così si chiamava. E disse che fu della maiorej gente che vi gissek mai in Lonbardia, e per quessto si fu vestì quatro messi per lo nostro singnore, ch’adusseno la novella. In lo dicto millesimo giovidì a dì .iiii. di marzo, e fu a mezza Quaresima, fu ritornato l’intradito a la cittàl e 'l contado di Bologna com’era dinanzi, perché li era passato lo termine che s’era dato per messer lo Papa33 ad enpiere li chapitoli. In lo dicto millesimo sì mandò lo nosstro singnore a li singnori della Schala .iic. hominim da cavallo e .iic. pedoni; fu a dì .vii. di mazo. Tornoron a dì .x. di giungnio. Andò li soldà del signore, zò è quelli da chavallo, nin nella lozza nuova, la quale è renpetoo la ringhiera del comune di Bologna, a texo la piaçça, la quale à fatta fare lo singnore per tenere la gente da cavallo che fanno dì e nocte la guardia. In nel predicto luogo sì era le pescharie, cusì uno coverto grande di coppi, e llì sí si vendea lo pessep e sí ea era bei morie a

VIL: de Vezi. LR: dei Orsi. Ho rispettato la grafia di BdP perché più vicina alla lingua locale (cfr. nota 30), mentre la lezione di LR può essere il risultato di una banalizzazione (dii Orsi = degli Orsi).

VIL: Trini. Questa notazione cronologica manca in VIL. È possibile che BdP abbia voluto ripeterla per dare continuità al testo, nonostante il cambio di pagina da recto a verso. d BdP: amandò. e VIL: chavaleri. f VIL: andono. g VIL: gida. h BdP: [l]ingisse. VIL: vincesse. i Segue lettera cassata. j VIL: miore. k VIL: vignise. l Segue: di cassato. m VIL: chavaleri. n Manicula nel margine sx. o BdP: cunpito. p BdP: pesscio. VIL: pesse. b c

14

1336-1339 dib banche; possa si steva lardaroli alla testa di verso piaçça e una stazzone di speziali per la via che vae a Sancta Crociec si stava speziali, chartolari et uno barbierod, che eranoe sei stazoni quesste di questa via. Cominciossi a llavorare alla dicta loggia che si serrò l’androne, ietàf a dì .iii. d’avrile; et a dì .vi. d’aprile a dare comiado alle genti che vi stavano dentro et a gittare le case tucte per terra, et in due mesi fu fattag e stabillidah. [...]

Segue lettera scolorita e cassata aggiunta da PR: [c]. VIL: e sii era ‘l rimore de. Evidente fraintendimento di BdP che né PR né il nipote riescono a sanare. LR: belli morei. c PR cassa e. d BdP: barbieri. e BdP : erono. f VIL: i era. g Segue cassato: qu[i]. h e sta- scritto su rasura. Nel margine inferiore: intro li solda, segno di richiamo per il fascicolo seguente mancante. a

b

15

1336-1339

Obizzo II d’Este, marchese di Ferrara dal 1317 al 1352. Manfredo Pio, già signore di Carpi, signore di Modena dal 1333 al 14 aprile 1336 quando rinuncia alla signoria a favore degli Estensi. Stando così le cose le informazioni dei cronisti sono comunque errate. 3 Loiano, comune a sud di Bologna, situato sull'appennino tosco-emiliano lungo la Strada Statale che porta al passo della Futa. 4 Gorgognano, frazione del comune di Pianoro (Bo). 5 L’odierna Sala Bolognese, comune a nord di Bologna, tra San Giovanni in Persiceto e Castel Maggiore. 6 Fileno dalle Tuate riporta il fatto in data 23 dicembre 1336. 7 Pasteur de Sarrats, Arcivescovo di Embrun. Secondo Fileno dalle Tuate l’arrivo dell’Arcivescovo è in data 23 dicembre 1336. 8 Saletto, frazione del comune di Bentivoglio (Bo). 9 Ganzanigo, frazione del comune di Medicina (Bo). 10 Astorgio di Durfort, conte di Romagna. 11 Pistoia. 12 Fiesso, frazione del comune di Castenaso (Bo). 13 Settefonti, a est di Bologna. 14 Deposti Alberto e Mastino della Scala, riprese il potere Marsilio I da Carrara (o dei Carraresi) e non Ubertino 15 Monselice. 16 Anche Fileno dalle Tuate riporta la notizia alla data del 6 gennaio e non 16. 17 246 secondo le cronache Bolognetti e Varignana. 18 Il cronista si riferisce alla cacciata del cardinal legato Bertrando del Poggetto avvenuta qualche anno prima, nel 1334. 19 Cioè Taddeo Pepoli. 20 Deve trattarsi di Obizzo II d’Este, marchese di Ferrara e dal 1336 signore di Modena. 21 Secondo le cronache Bolognetti e Varignana l’interdetto ebbe inizio il 3 marzo e si concluse il 22 aprile per la prima, il 21 dello stesso mese per la seconda. 22 Più vicina al vero sembra la versione di Bartolomeo della Pugliola, poichè, nel 1338, Pasqua cadde il 12 aprile. 23 In realtà poche righe sopra BdP aveva detto esplicitamente che solo Macagnino era tornato mentre Paolo Lazzari era rimasto a Roma. 24 Anche Fileno dalle Tuate riporta come date estreme dell’interdetto 2 marzo e 21 ottobre 1338. 25 Ubertino da Carrara. In realtà nel gennaio 1339 signore di Padova era ancora Marsilio I da Carrara, Ubertino prenderà il suo posto il 21 marzo 1338. 26 Chiaravalle Milanese, piccolo borgo a sud del capoluogo lombardo, dal 1923 annesso al territorio del comune di Milano. 27 Lodrisio Visconti (VIL: Lodoysius, Loderise, Loyse, re Loyse) 1280 ca. – 1346. Lodrisio aiuta Galeazzo Visconti figlio di Stefano, contro la lega antiviscontea voluta dal cardinale Albornoz che aveva arruolato la Grande Compagnia comandata da Konrad di Landau, il Conte Lando. Lodrisio sconfigge la Compagnia conseguendo una grande vittoria, anche se successivamente perderà il castello di Novara. 28 Azzone Visconti, figlio di Galeazzo I, signore di Milano dal 1329 al 1339. 29 Novara. 30 Orzinuovi (nella lingua locale "Iurs Nöf" oppure, più semplicemente, "Iurs"), in provincia di Brescia. 31 Caravaggio, comune della pianura bergamasca occidentale, non lontano da Treviglio (7 km ca.). 32 Se fosse corretta la lezione di VIL, potrebbe trattarsi di Trini, comune nel circondario di Vercelli. Tuttavia semra più corretta la lezione di BdP, Trivi, che ho interpretato come Trivì, pensando che si potesse trattare di Treviglio (< lat. Trivillium), comune in provincia di Bergamo, collocato nella zona della Gera d'Adda, perciò geograficamente più vicino alla località che lo precede nell’elenco. 33 Benedetto XII, Giacomo Fournier (Saverdun, 1285 – Avignone, 25 aprile 1342). 1

2

16

BUB 1994 cc 76r-83v Anni 1340 – 1345 Ccb vol2 pp 497-537 76r

[...] e sì ‘l deno al singnore di Bologna e per lui lo tolseno. In lo dicto millesimo venne uno vesscovo 34 da parte del messer lo Papa, sì come procuratoreb in nelli fatti del comune di Bologna ac messer lo Papa, e sì come suo messo speziale tolse la tenuta e la signoria della città de Bologna et apèrsoned le porti della dicta città; e quelle chiavi tenne a sua possta e, brievemete diciendo, tolse la singnoria della città e del contado, sì come farebbe ciasschun singnore. E così appieno il nostro singnore messer Tadeo hongni dì andava a ·llui al luogo delli frati predicatori, ello e suoi fioli, e facieva grandissimo honore. Venne in Bolognia a dì .viii. d’agosstoe. fFatto che hebbeg quessto, lo predicto messer lo vesscovo sì instituì messer Tadeo vicario gienerale della città e contado di Bologna per messer lo Papa et della Chiexa di Roma, con quellih patti in nel quale si contengonoi i ·nel fatto, zò èj i ·nel aconzo che ssi fe’ tra la Chiesa […...]k; quai patti si léssono tucti in nel consiglio del popolo là ove era lo nostro signore e la baronia tucta. Partissi da Bologna lo ditto vescovo a dì .vii. di settenbrel. In lo dicto millesimo, fu cazato da Faenza Righetto de’ Righettim, ch’è un gram rico homo di Faenza, perché parve ch’ello volesse torre la terra a Francesco di Manfredin, ché di poghi dì era morto messer Riciardo, fiolo del dicto Francesco. In lo dicto millesimo, fu chazato Bardo e Fresschobaldi della città di Fiorenzeo; la chaxone, il perché e’ volevono tòrre la terra per loro. Fu quessto lo dì d’Ongniasanti, che è il primo dì di novebre; per la ditta casone lo nostro signore sì mandò alli Fiorentini .viii. bandiere da cavallo; et per la preditta casone lo nostro singnore messer Tadeo sì si tolse Bargaza35 e Bruscholo36 per lui. a

76v In lo predicto millesimo, fu in domenicha, a dì .xxvi. di novenbre, in Bolongniap. In lo dicto millesimo, fue una grande charesstia per tucte quessti parti: in Bologna valse la corbeq del formento s. .xl. di bolognini, e così per la Romangnia; et in nella Marchar, l. .x. di

Nel margine sx, di mano moderna: 1340. VIL: procura. c a corretto su e. VIL: a. d VIL: averse. e BdP: ogossto. f Nel margine sx, di altra mano: Mcccxl. g VIL: l’avé. h VIL: qui. i VIL: contenono. j Segue una rasura […....] che non rappersenta una lacuna rispetto al testo di VIL. k Lacuna dovuta a rasura. VIL e nui. l VIL: v de setenbre. m VIL: Regati. n VIL: Manfrì. o VIL: Florenza. p Sulla carta non appaiono segni di rasura, né guasti meccanici. BdP deve aver dimenticato di completare la frase, al ritorno da una pausa o, più probabilmente, non è riuscito ad interpretare la scrittura di VIL, che completa: tronò forte in Bononia. L’intero paragrafo manca nella cronaca Rampona. q BdP: corba. r VIL aggiunge: valse. a

b

17

1340-1345 bolognini la corba e più. Fu tenuto una grandissimaa caresstia; portossi molto bene lo nostro singnore. .Miiicxli. messer Iohanne della Toxa da Firenze fo podesstà di Bologna per li primi sei mesi. In lo dicto millesimo, quelli da Correzo37 sì tolseno Parma, la quale si tenea per li singnori della Schala; e fu a l’ussitab di marzoc. E sappiate che messer Masstino e messer Alberto eranod fioli d’una sorella di quelli da Correzo. In lo dicto millesimo, li singnori dalla Schala venneno in hosste a Mantoa; fu del mese di zungnio, e feno meter innanzi. Losonoe lo campof, e se sì partino. In lo dicto millesimo, morì lo conte di Romangna38: sotterrossi ad Ymola, e lassò a messer Tadeo Ymeldolla39; et ello se la tolse volentieri. In lo dicto millesimog, messer Andrea, al quale è ditto messer Guiglielmo di messer Çuzoh fo, podestà per li secondi sei mesi. In lo dicto millesimo, si fe’ una cavalcata in Romagna, che la fe’ fare lo nostro singnore, et andòno de fino a Rimino e a Cisena, e quella avevano se ie fosse stado un bon chàvoi collaj nostra gente; e fu del mese de luyo. Stéttonok ben un mese e più e feno niente. La chasonel sì fu per la brigha che ssi cominzò da’ Pisani a’ Fiorentini per la casone di Lucha. In lo dicto millesimo, li Fiorentini conperòno Lucha da messer Masstino e messer Alberto dalla Schala. 77r

mPer

la qual casone li Pisani sì feno suo sforzon, e feno bene, con l’aiutorio che aveanoo da messer Luchino40, signore di Milano, .iiic. cavallerip gram bisongnieq; e sì feno hosste a Lucha e circondolla tucta. Sì etr per tal modo che, quando li Fiorentini la volsono gire a tòrre, non posseno, anzi convénono fare suo sforzos, et anche possat feno niente. Ancora li Fiorentino e di cavaglieri e di pedoniu per fare levare lo dittov hosste da’ Pisani, e con l’aiutorio del singnior di Bologna, e de’ Marchexi41, e di quelli dalla Schala; e puosonsi rinpetto l’osste de’ Pisani. Di che le singnorì del comune de Fiorenze con quelli del singnore della Schalaw s’intròno in Lucha e sì dè possessioni, e sì dè lla dicta terrax a’ Fiorentini; pera

VIL: grandenisima. VIL: insida. c VIL: mazo. d Segue erano ripetuto e cassato. e VIL: e feno niente, anzi lasono. f Errore di lettura per: e feno niente, anzi lasono lo campo (VIL). g VIL: Miiicxli. h VIL aggiunge: d’Asisi. i VIL: cho. j Con titulus su o. k Segue cassato: ste. l Segue cassato: s. m nell’angolo superiore dx della pagina: 73. È probabile che si tratti della numerazione originale vergata da BdP. n VIL: resporzo. o VIL: aveno. p Scritto su rasura […....]. q VIL: iiim chavaleri alla gran bexogna. r segno tironiano, Villola, è s VIL: resporzo. t VIL: anposa. u VIL: Incontenenti Florentini si feno so resporzo e de chavaleri e de peduni. v VIL: la dita. w VIL: ‘l sinigo del comun de Florenza con quello di signuri dalla Scà. x VIL: e si dè posesione de la dita terra. a

b

18

1340-1345 tucto quessto non si partì l’osste de’ Pisani d’asedio, nè quella de’ Fiorentini, nè no ne posseno mettere vettuvaiab drento, et a quessto stettono pluc di due mesi. E vegniendod le genti de’ Fiorentini che fevano niente, sì si missono alla stretta per voleree passare; di che vogliendo pure passare, sì si avisinòno alla basstia de’ Pixani e llì sì aveano battaya insieme. Finalmente l’osste de’ Fiorentini fu rotta e sconfitta da’ Pixani; fu martidì a dì .ii. del mese d’ottobre. Fu preso di grande e buona giente: funo quasi tucti soldati. In lo dicto millesimo, quelli dalla Schala colli singnori di Mantoa, zò è quelli da Gonzagha, sì guerrezavano forte insieme; con quelli di Mantova si tenea lo singniore di Milano, zò è messer Luchino de’ Visconti, e con quelli della Schala messer Tadeo, signore di Bologna, e marchexi da Ferrara. In lo dicto millesimo, que’f della Schala sì feno una chavalcata in sul Mantovano, e si fe’ gran danno. .Miiicxlii. messer Currado da San Migniato fo podestà per li primi sei mesi. 77v .Miiicxlii.g gli singniori di Mantoa sì feno una cavalcata in sul Veronese con l’aiutorio del chapitano di Melano. Per la qual casone lo nosstro singnore messer Tadeo sì mandò in aiutorio de’ singnori della Schala .xvi. bandiere di chavaglieri; di che l’osste sì si partì. In lo dicto millesimo e tenpo, si rasonava che quessta gente voleva venireh a Bologna; di che lo nostro singnore si fornì e bene per doverli contasstare; e non vénono, perché aveanoi ben trovado rivello da vera. In lo dicto millesimo, sì venne una grandissimaj neve: fue altak ben due pie’; di che, per lo dire della gente ch’erono, non videno una maore, ch’ella era in contado più de due pie’ e mezzo. Fu lunedì allal notte vengniendo lo martidì a dì .xxvi.m di febraio. In lo ditto millesimo, li Fiorentinin sì feno uno grandissimo aparechiamento per dover fornire la città di Lucha e per tòrre via l’osste de’ Pisani; e si tolseno per suo capitano di guerra messer Malatessta de’ Malatessti da Rrimino. E sì si diseva ch’eli era singnore in quessta visenda, di spender e di fare in quessta visenda sì come singniore. Di che, per la Pasqua maiore, elli ussì o fuora et andò alle casstella, e llì si aspettò tutto lo suo guarnimento. Mandogli lo nostro singnore .xviii. bandiere da chavallo; e di messer Mastino si rasonava che i era lui con .viiic. chavaglieri; ed è vero ch’el li conveniva dare per li patti, e possa perch’el

VIL: né per. VIL: vituaria. c VIL: plu plu. d Titulus in eccesso su nien. VIL: vegando. A: vedando. e VIL: dovere. f Segue cassato ed eraso: [u]. g VIL: In lo dito millesimo. h VIL: vignire. i VIL avraveno. j VIL: grandenisima. k VIL aggiunge: in cità. l VIL: e la. m VIL: xxv. n li fiorentini, di mano di BdP, aggiunto in interlinea. o VIL: el n’insì. a

b

19

1340-1345 posseva avere disonore ch’el la vendeva ch’el a non se posseva fornire, possa era stata sconfitta l’altra fia’b la sua gente. Etiamdio in la città di Lucha sì era messer Ghiberto da Fuiano a sua domandaxone, e anco i era giente de’ Marchexi, che mandonno in aiutorio de’ Fiorentini; e così fe’ gli altri suoi amici d’ongni parte. E dissesi che lli Fiorentini aveano ben .v. milia chavalleric; e questa gente sì conduseva messer Malatessta. Raunada questa gente,

e’ ssi mosse et andò per fornire Lucha ed quessta gente, et passò, e montò in sul monte di San Quirici42; di che, se non fosse lo tenpo, el si credé che gli arebono fornita Lucha al malgrado de’ Pixanie; pur rimase all’asedo di Lucha. Fatto quessto, li Fiorentini si tolsono per suo singnore lo ducha d’Atene43 a cierto finef, di che, con la gente ch’ello avea, si cavalcò in sul Pisano a dare lo guassto; e questo fo niente. In questo tenpo, gli Obaldini sì ruppono la sstrada e sì andò l’osste de’ Fiorentini fuora, ch’ancora non era stato fuora quasi niente, e fu a dì .iii. del mese di marzo; e tolseno Tirli44 e Firenzuolag che si tenea per li Florentini. Fu tenuto che gli Obaldini avessono torto. Per la quale cazone, çunta quessta novella al nostro singnore, incontanente sì chavalcò Iacomo, suo fiolo, con gran gente, per doverli fare noia, zò è agli Obaldini; ma di vero e’ venne di neve e de vento e d’aqua lo più forte tenpo che mai si vedesse, che convenne ritornare indrieto; et egli sì rubòno tucta Firenzuola, e possa si partìnoh, e gente di loro non rimasei. Et in quessto tenpo passavan gle romei che tornavan da Roma: furon rubadi per loro a Firenzuola, e fu rotta la strada. Ancora li Fiorentini mandonno giente a fornire Firenzuola. Al tornare indreto che fecenoj gli Obaldino e sua gente, gli furon dinanzi, e sì presono et occisonok di grande gente di loro. Fatto quessto, gli Obaldini sì puosono l’oste a Firenzuola e sì l’ebbonol adesso e tutta la derochòno. Ver è che ‘l signore di Bologna parea ch’ello la dovesse fornire, se non che ssi rendèno tosto, et era zà mossa la vittuvaiam da Bologna. E quessto fo in .x. dì e più non si ténono; e quessto fu, che lan guastòno et avéno, martidì a dì .xiiii. di marzo. E tuctavia l’osste de’ Fiorentini era a Lucha per la casone detta di sopra, quando li Obaldini feno queste cose. 78v L’osste de’ Fiorentini si partì del mexe di marzoo da Lucha e feceno niente. In lo dicto millesimo, fu sagrà la chiexa de’ frati Arminia per messer lo vesscovo di Domab45, ch’è dell’ordine de’ frati del Carmino; fu a dì .vii. di marzo. VIL aggiunge: fe’. VIL : fra. c BdP: chavaglieri. d VIL: con. e Lacuna per saut du meme au meme: No se fornì, de che i se partino a so salvamento e l’oste de’ Pixani (VIL). f fine in interlinea soprascritto a rasura. VIL: termene. g Segue cassato: et tironiano. h VIL: si se partino. i VIL: no ie romaxe. j VIL: feano. k VIL: ancixeno. l VIL: aveno. m VIL: vituaria. n la aggiunto in interlinea. o VIL: mazo. a

b

20

1340-1345 In lo dicto millesimo, li Mantoani andòno a dare lo guassto a’ Veronesi; e fu di mazo. Per la qual casone, lo nosstro singnore messer Tadeo sì mandò a quelli della Schala sei bandiere da chavallo e .iii.c da pie’ in suo aiutorio. In lo dicto millesimo, lo capitano di Forlì, con quegli del vescovo e cogli loro amisi, andavano per tòrre Arezzo che ssi tenea per li Fiorentini; no lli venne fatto et ebond danno; questo fu a dì .vii. di zungnio. In tucte quesste cose, lo chapitano di Forlì sì si portò a contradoe de’ Fiorentini e di tucti gli loro amisi. .Miiicxlii. messer Francesscho di messer Berardo de’ Camporini da Ascoli fo podestà per li secondi sei mesi. In lo dicto millesimo, sì si rendé Lucha a’ Pisani, salvo l’avere e le persone; sì fu a dìf non so quanti di luglio46; alla qualeg non si potè dare alcuno aiutorio per li Fiorentini, e perzò ne feno zò che posseno, e fu tenuto cossì grande fatto comeh incontrasse mai in queste parti, per lo dire de zaschuno. Dentro si era messer Ghiberto da Fuiano per chapitano, lo quale vi fu mandato per li signori della Schala; dissei ch’elli sì s’era ben tenuto di fine a rasone conosuta, e che ello era uno valevile huomo. Per quessta casone lo sopraditto ducha sì fu fatto e chiamato singnore della città di Fiorenza gienerale, senza alcuno tenore. In lo ditto millesimo, sì si fè’ uno parlamento a Ferrara, in nello quale si fue lo nostro singnore messer Tadeo di Pepuli e messer Masstino, lo marchexe Oppizo. Dissesi che vi foronj l’inbassadori da Fiorenze secho, e fu a dì .viii. di luglio. In lo dicto millesimo, gli Obaldini sì rilevòno lo Monte Coloredo47, ch’è sopra Firenzuola. 79r

In lo dicto millesimo a dì .viiii°. d’ogossto, fo in vernardìk, la viglia di santo Lorenso, sì venne una grandissima tenpessta, la più grossa che ssi ricordi, che di vero ch’era la granguola grossa come chuchole, e di quelle ch’erono grosse come huove; e chadde in nella città et in la guardia, e fe’ picolo danno. In lo dicto millesimo, e furnito che fo lo fatto de Lucha, si se fe’ de quella gente ch’era in l’oste de’ Pisani una compangnia, la quale si fu ben de .iimvc. chavaglieri; e questa cotale compangnia si dovea soldare li nosstri ussitil, zò è della città di Bologna; e loro cosim, zò è chi condusea sul contado de Bologna, si era messer Tor da Panegho, e Mazarello da Chuzano, et a questo si tenea collon chapitano di Milano, messer Luchino, gli singnori da Parma, zò è li figliuoli di messer Ghiberto da Corezo, e lli singnori da Mantoa con gli loro amisi. E veramente, per quello che ssi poteva rasonare, nessuno de’ sopraditti non avea razone come

BdP: minori, VIL: Arminii. VIL Domacho. c VIL: viii. d VIL: aven. e VIL contrario. f VIL: segue lacuna. g VIL: cità. h VIL ch’om i VIL: disese. j VIL: ch’el ie fo i. k VIL: vegniri. l VIL: insidi. m Sic. VIL: cho. n Con titulus su o. a

b

21

1340-1345 quello da Milano, quello da Parma e quello da Gonzaghaa e li singnori di Mantova; gli altri si erono sbandezati de Bolongna, sì che non erono da riprendere. In lo dicto millesimob, la sopradicta compangna sì venne i ·nelle parti di Romangnia, per dover venire in sul contado di Bologna, e questo sì fue del mese di setembre. A dì .xi. d’ottobre sì passò su per lo contado de Rimino, atexo alla città, non possendo contasstare lo singnore di Rimino, ciò è messer Malatessta; e suso lo suo contado sì demoronno più e più dì, e se fenno gran danno, che llo suo consorto zò èc Malatesstino, o vero Ferrantino che era suo chusino. El ditto messer Malatessta era chacciato d di Rimino, si conduseva per quello contado; [h]e e pertanto f a rimedio di zò, lo nosstro signore messer Tadeo sì provedea continuo al suo andare et al suo venire, e non facevag passo ch’ello non lo sapesse bene. El modo ch’elli tenne a quessta brigha si è quessto. In lo dicto millesimo lo nosstro singnore, inanzi che lla dicta 79v conpangna passasse la Tosschana e venisse inh Rimino, e’ ssi fe’ tuttoi suo sforzoj e subbito ben da .iimviic. chavallik e andonol a Faenza e llì si feno la punta e suo sforzom; sì per tal modo che de llà da Faenza, a la riva d’un chanale sì si fortificò la nostra gente, e per tal modo che de loro, overe da lloro, non si posseva avere danno senza grande risegho overe perigolo dell’una parte e dell’altra, e fu tenuta bella cosa e salvacionn del nostro contado. E qui sì fu in aiutorio del nostro singnore .viiic. chavaglieri di messer Masstino, singnore di Verona, e .iic. chavallerio de’ marchesi da Ferrara, e .vc. cavallerip de quelliq del ducha da Fiorenza, e quello aiutorio che possé dare lo marchese Spinetta, che fo ben bellor, che funo .iic. balestrieri et .xxv. chavaleris a sue spese, et anco messer Malatessta e messer Hosstaxe singnore de Ravenna e messer Ghiberto, Ghuiglielminot da Fuiano. E i ·nella ditta hosste sì andò Zoanne, fiolo del dicto nostro singnore, con li suoi conpagni, che sse disse che funo oltra che .C. homini a chavalli covertiu, e funo tucti questi cittadini che l’andòronov ‘ acompangnare allo detta hosste; e fu a dì .viiii. d’ottobre. A dì .xiiii. d’ottobre, sì andò in nello dictow hosste due quartieri del popolo, zò èx porta Steri e porta San Progolo, del quale popolo sì si fe’ la cierna a Segue cassato: zo. VIL: Miiicxlii. c BdP: zò era. PR corregge cassando era. d VIL: chazà. e BdP: no. f Segue rasura [..]. g VIL: né no feano. h VIL: a. i BdP: tucto. j VIL: resporzo. k Scritto sul margine dx accanto a rasura [....]. VIL: chavaleri. l Scritto in interlinea su rasura [……..]. VIL: adeso fono. m VIL: resporzo. n Con segno abbreviativo in eccesso cassato da PR. o Scritto sul margine dx accanto a rasura [….]. p Scritto in interlinea su rasura [...]. q Segue rasura […….]. r Scritto su rasura. VIL: che fo ben bello de povollo. s Scritto in interlinea su rasura [....]. t VIL: miser Guielmino. u VIL: chavalleri a chavagli chuverti. v VIL: andono. w VIL: alla dita hoste. x VIL: zò fo. a

b

22

1340-1345 Chastello di San Piero; e quî che no i pareano suficenti, si mandavano alla Noxe48; e possa si mandono a Bologna; e quelli che non volsono gire a l’oste si posseanoa mandare uno scontro; e quî che non mettevan scontrob sì pagavano l. .iiii. di bolognini alla massariac. E sì andò grande quantità de balesstrieri cittadini, e se i andò li altrid del contado, e dissesi ch’ella fu et era uno bello hosste. E continuo questo hosste ee gente sì stete a Faenza, a Santa Gataf, et a Llugho. E llo detto Zoanne senpre in nello ditto hosste e de llì nong si partiva, se non in tanto quanto ello veniva a parlamentare colloh padre e incontanentii retornava indreto. E sapiate che pure de notte facieva j quessto e Francesscho de’ Manfredi e suo nevudi, che eran singnori di Faenza, si diénk per sual stanzia lo palaxio sô et in quello sposòm continuo. Anco mo’ andò allo ditto hosste Iacomo, fiolo di messer 80r

Tadeo, fratello del dicto Zoanne, cum la soa compangnia de cittadini a grande honore; Zoane si venne, e quello medesimo fe’ li singnori di Faenza a llui. E continuamente l’osste del nostro singnore stava fermo a Faenza et oltra, a ciòn deseasi che llo ditto hosste durava ben otto miglia; he di vero ben lo potevan fare, ché egli aveano in nello ditta hoste continuo de’ suoi amisi e de’ suoi propriio ben .iiimvc. chavaglieri di buona gente e dep bella e grandissima gente del popolo. E sappiate che, con tutto che quessta compangna fosse [a]q Cesena, lo nostro hosste andava ben spesso a dare danno di fino a Forlì. Ancora sappiate che il chapitano di Forlì sì diede aiutorio e favore alla ditta compangna e sego, zò è cum lir conduseduri che lla condusea, avea pattis fermadi di fare a loro ciò che potesse; e sì diè Cesena tutta altro et la rocha tenne per lui. E quessto si fe’ in danno et in despresio del nostro singnore e del comune di Bologna, ma grazia de Dio ch’ello non possé più. E sappiate che, secondo che si rasonava per la gente, ello avea grande torto in perzò che a llui non era fatto alcuna guerra per lo nosstro singnore.

Scritto sul margine dx accanto a rasura […....]. Scritto sul margine dx con segno di richiamo. Precisazione assente in VIL che scrive: e qui che no. c Scritto in interlinea su rasura […….]. d VIL: le tae. e Aggiunto sul margine dx. f BdP: st gata. PR corregge t in a soprascrivendole il titulus e aggiunge in interlinea ta da intendersi Sa(n)ta.VIL: Fegara. g Scritto in interlinea su parola cassata ed erasa. h Con titulus su o. i PR corregge: incontanente. j VIL: feva. k BdP: suo nevud che era singnore de Faenza si diè. suo nevudi scritto su rasura. Per trasformare la frase al plurale PR ha aggiunto il segno abbreviativo su era e ha corretto la e di signore in i. l Segue rasura [....]. m VIL: desposò. n Segue et tironiano cassato. o Aggiunto in interlinea con segno di richiamo. p BdP: et (tironiano) bella. PR corregge aggiungendo e, senza cancellare il segno tironiano. Ho trascritto il testo cercando di interpretare la correzione di PR sulla base della lezione di VIL: de bona gente e de bella e grandenixima gente de povollo. q Lacuna dovuta a rasura. r Aggiunto sul margine dx. s Segue et tironiano cassato da PR. VIL: avé pati e fermà de fare. t Scritto in interlinea su rasura [che]. VIL: sì dè Cexena tuta, altro che la rocha tene per lui. a

b

23

1340-1345 Ancora sappiate che, sendo questa gente a Cisena, Zoanne con tuctoa lo suo hosste gienerale volse passare e gire a llorob e torsene quella venturac che Dio gli avesse presstato. Ma ‘l forte tenpo che venne quello dì sì glil viedòd et ongni cosa era acunza dalla sua parte. E quessta non fu zanza, anzi fu ferma verità; et così si rasonò per cierto. Ancora sapiate che lla ditta conpangna si vene a Cisena, e lla nostra gente stette a Faenza, sì come ditto è denanzi, per doveree vederef che non passasseno lo senno e la discrezione del nostro singniore, lo quale li venne dal sommo bene come dal nostro 80v Singnore Dio, che mai non manchòg a chi a llui si ritorna. Sì si provede in tucte le cose; et alesse quelle del meno dubio e de meno pericolo, in zò di rompere la dicta conpagna per quello che sse ronpano l’altre cose, come per denari. E così com’ello pensò, così venne fatto, ch’ello mandò per messer Malatessta, ssingnore di Rimino, e sì il mandò al chò de questa conpangna, lo quale avea nome lo duse Guarniero 49 ed era todesscho e ghuidava tucta quessta gente. Di ch’ello fe’ parlamentoh secho e per tal modo che del tucto el promisse di fare ciò che volea lo nostro signore e de stare al suo servisio. E cossì fu fatto: sì che llo dicto dus Guarniero venne a Bologna al nostro singnore, et incontanente andò le bullei da bolare li suoi chavalli de quessta gente de fino in sul contado di Rimino, sì come ordinato fu per messer Malatessta. E fatto che fo tuttej quesste cose, coloro lik quali conduseano quessta gente rimaseno molto scornati, zò fu messer Ettor da Panegho e Mazzarello chòl della parte che conduseano. Sappiate che quessto parlamento e quessto conzo, lo quale si fe’ per messer Malatessta em llo duse Guarniero a possta del singnore de Bologna, fo fatto, zò è lo conzo, domeniga dì otto de desenbre, sì che durò l’osste e la brigha dal dì de san Michele50, che se dè lla prima insengna, in fino a quessto dì: .iii. mesi e .x. dì durò, che mai non si partino da Faenza con tucto l’osste. Sappiate che quessta guerra gosstò una grande quantità de denari, ma tucti funo ben spesin, secondo che se disse per zaschuna persona. Ancora sappiate che messer Malatessta avea riceudoo gran danno per la venuta de quessta compangna, sì che sego, fatto lo conzo, el ritrovò quello che avea perduto. .Miiicxliii. messer Alberto de’ Frescobaldi da Firenze fo podesstà per li primi sei mesi, de Bolongnia. In lo dicto millesimo, li Viniziani si alessono e chiamono per duse messer Andrea da Cha’ Dandolo da Sancto Polnalep51. PR corregge: tutto. VIL: a lore. c VIL: viatura. d VIL: avedò. e Segue de cassato. f VIL: vedare. g BdP: manch[a]. h VIL: ello si parlamentò. i VIL: bale. j BdP: tucte. k i corretto su e. l VIL: còi. m VIL: con. n VIL: spixi. o VIL: recevudo. p VIL: Sant'Apolnale. a

b

24

1340-1345

81r

e fu a dì .iiii°. del mese di iennaio; diceasi ch’ell’era da .xxxvi. anni in giù e non piùa. In lo dicto millesimo, domengha e lunedì de domane a .xxvi. di iennaio el venne la conpangnia per stra’ Maore, di fino al ponte Maore, e llì si fo fatto unab [r]osta dal co’ de zà, alla via che va in Malavolta52; e di quindec convenono gire e riusire in stra’ Santo Stefani; e possa su per li fossi, de fino a Santa Ysaya, di fora continuo; e llì si era unad rossta che ssi volgivae a gire a Santof Polo53; e quessta via sì feno de fino al Borgo da Panigale, e lì si albergòno una notte. E l’altro dì sì andòno oltra, e si andonno in sul contado di Modena; e de lì si partino, e fu guastà. È verog che volseno tornare in sul nosstro terreno, ma el li fu vietato, e partironsene e non ebbono modoh. Inanzi che questa compagnia vegnisse, de uno dìi, el zunse gente di messer Masstino e del marchese per dover gire a tòrre Parma e Rezoj; e sì chavalcò giente del singnore sieco; e feno niente. In lo dicto millesimo, andò messer Tadeo a Zohanne, so fiolo, a Ferrara e fu mercori, dì .v. de febraro. In lo dictok, a dì xv de gienaio sì morì messer lo re Ruberto54. Andò Iacomo, fiolo del nosstro singnore, a Fiorenza: fo martidì dì .xviii. di febraio. Fo molto ben acompagnato, e così si disse che elli andava dall’altre città de Romangna. E collo dicto Iacomo ritornò trel nepodi55 di messer lu ducha56 ch’erano chavalerim Venne messer Amerigo chardinale a Fiorenza vegnerdìn a dì .xxi. de febraio; e sì si partì lo lunidì seguente. Fesse l’aconzo del singnore di Melano con messer Masstino; e fu il lunidì all’entrata d’aprile57. Anco mo venne lo sopradicto chardinale a Ymola giuovidì a dì .vi. di marzo; e questa si fo la prima città de Romangna là dove ello si sposò. Ancora si partì da Ymola e sì andò a Faenza infra otto dì; e di quella avé la singnoria incontanente;

81v

e Francesscho de’ Manfredi, che era singnore, sì iella dè eo possa morì; e fu a l’usita de marzop. In lo dicto millesimo, venne in nella città di Milano una grandissima tenpessta e fatia58, et apresso della città atorno a quattro miglia; e fu sì forte e sì fiera ch’el cadde dellea cha e delle

VIL: xxxvi agni e no de plu. Segue rasura. c VIL: e le ze. d una aggiunto in interlinea con segno di richiamo. e BdP: volgea. VIL: volge. f Segue cassato: Piero. g VIL: ver è. h VIL: e no a bon modo. i Scritto in interlinea su rasura [de....]. Assente in VIL. j e Rezo su rasura, assente in VIL. k VIL aggiunge: millesimo. l tre sottolineato. Cfr. nota 55. m Scritto su rasura [.....]. n VIL: vegniri. o Scritto sul margine dx accanto a rasura [......].VIL: sì gla dè e po murì. p VIL: e fo de mazo a l’insida. a

b

25

1340-1345 turri, e sì chadde la trunab de l’altaro grande de frati Predicaturi; e fu la viglia di santo Zoanne Batissta. In lo predicto millesimo, messer Rinaldo da Stafallo fo podesstà per li secondi sei mesi. In lo dicto millesimo, lunidì a dì .xiiii. de luglio, venne una grande tenpessta in Bolongna et in grande parte del contado; e fu sì grossa comunalmente come noci colla malvac e più, e di quella ch’era grossa come buone mele francessche e più; e fe’ gran danno. In lo dicto millesimo, sabbato a dì .xxvi. de luio, fu chacciato messer lo ducha de Ten[es]d della singnoria della città di Florenza, a romore del popolo. Et ello sì ssi riserrò i ·nello Palaxio de’ Priori, e quella gente che scanpò dal furore; e sego si era messer Ghuiglielmo da Sisi, lo quale era Conservadore, e sì faseva la giustisia in nella città sì come podesstà et uno suo fiolo che era cavaglieri; et amindunie funo morti e tagliati per peççi a romore de popolo; e fatto fu de loro lo maore strazio del mondo e più, che lli ferono manzare della loro carne; e questo fo da chef funo reserrati in nel palaxio. Partisi lo dicto messer lo duca de Firenze martidì a dì .v. d’agossto, e fu scorto ben e saviamente, e arivò a Faenza. Venne in Bologna martidì in sull’ora de terza, et andogli incontra lo nostro singniore in fine all’ospidale de’ Grosatig59, e despossò in sul palaxio del singniore; ed è vero che lli si fe’ grande honore. Et per questa chasone la città de Fiorenza 82r

non rimase in nelloh stado. Ancora per le dicte nuvitài in nella città de Firenze sì si fe’ tanti priori, de grandi come de popolo, e pogho durò. Ancora li dicti priori si racozòno insieme, de che lli grandi funo achumiadati del palaxio, e sì si fermònoj che i grandi non n’avessono a ffare niente. Ancok si fe’ priuri di pizzola condizione, e questa nuvitàl fu a dì .xv. de settenbre. In lo dicto millesimo, fu fatta la truna de’ fra’ Romitani, zò è della chiesa di messer Santo Iacomo da Bolognam. .M.iiic.xliiii°. messer Lanberto di messer Tedaldo da Santo Mingnato fo podesstà per li primi sei mesi. In lo dicto millesimo, messer Luchino singnore di Milano sì cominzò guerra con li Pisani e chavalcò l’osste suo a Llucha e Pisa; e questo fu del mese d’aprile. In lo dicto millesimo, e fu a dì .ii. de marzoa, si seppellì Nicolò marchexe da Ferrara; e fu in domenigha.

Segue rasura [...]. truna in interlinea corretto su tenuda cassato ed eraso. c VIL: malla. d Lacuna dovuta a rasura. VIL: de Tenes. e VIL: anbidui. f VIL: chi. g VIL: Crosari. h VIL: bon. i BdP: [nu]vità. PR corregge soprascrivendo a rasura nu. j Segue rasura […..]. k VIL: anci. l Scritto su rasura. m da Bologna assente in VIL. a

b

26

1340-1345 In lo dicto millesimo, e fu in domenigha dì .ii. de marzob, sì ssi sagrò la chiesa di messer Santo Iacomo et al luogho de’ fra’ Romitani de Bologna, per un vesscovo del dicto ordine che lla sagrò ed è vesscovo de Navarra; e quessto si fu perchè aveano fatto fare [……]c con gli altari dentro lo anno denanzi. Messer Bonifazio [de m(esser) P]hilippod del Truffa da Pistoiae fo podestà per li primi sei mesif. In lo ditto millesimo, venne messer Beltramino g 60 da Milano, vesscovo de Bologna; fu domenigha a dì primo d’ogossto. Con grande honore entrò in lla città. In lo dicto millesimo, a dì .xxviiii. d’ottobre fo dato Parma al marchexe Opizo da Ferrara et in quessto dì sì v’entròh la sua giente. Fatto quessto, lo dito marchexe sì fece grande 82v aparechimento e sì andò a Parma. Quando ello tornavai indrio quellij da Mantova colla sua amisstà sì funo dinanzi e sì présono della sua giente assai, e rubbòno; di che il marchese schanpò e ritornò a Parma come potèk. Dissesi ch’ello ricevé un gran danno, e per quessta casone sì cavalcòl gran gente di quella del singnore de Bologna alla guardia de Modena, etiandio del nosstro contado; e sapiate che ‘l nostro signore si fu buono amico in quessto punto al marchexe. .M.iiic.xlv. messer Zoanne de’ Maziciti dal Borgho San Sepolcro podesstà per li primi sei mesi. In lo dicto millesimo, e fu di marzo, morì messer Ubertino da Charrara, singnore de m Padova; fatto quessto, messer Marsiletto61 fu fatto signoren; è vero ch’el ebbe la singnoria di Padova. In lo dicto millesimo, sì fo morto lo dicto messer Marsiletto da’ figliuoli che funoo de messer Nicolò da Carrara; e non stette in nella singnoriap soq non .xl. dì, e questi figliuoli de messer Nicholò tolsino la singoria per loro. In lo dicto millesimo, e fo d’aprile, venne in Bolongna un vesscovo, lo quale si diceva ch’era legato e desposò in nello vescovado; possa si partì et andosene in Romangna a dì .ii. de marzor. Folli fatto bellos honore per gli singniori. VIL: mazo. Ancora una volta BdP confonde marzo con maggio (mazo in bolognese) ed in effetti il 2 maggio 1344 era domenica, mentre il 2 marzo era martedì. b VIL: mazo. Nota a margine dx di mano α: Fu sacrato la ghiexia de Santo Iachopo ch’è i(n) Stra’ Sam Donà, de fra’ Romita(n) nel McccxLiiii°. c Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: la truna. d [de m(esser) P] di mano α su rasura. e da Pistoia aggiunto in interlinea. VIL: Pestora. f Segue aggiunto da mano α: podestà de Bologna. g Segue cassato da. h VIL: gl’intrò. i Segue et tironiano cassato da PR. j BdP: quello. k VIL: com’el posé. l Segue g cassata. m BdP: di. n signore aggiunto in interlinea e assente in VIL. o VIL: fo. p Segue rasura […]. q VIL: se. r VIL: mazo. In effetti, se giunto a Bologna in aprile, non sarebbe potuto ripartire a marzo! s VIL: fo fato ben. a

27

1340-1345 Lo preditto veschovo à nome messer Ghuiglielmo62, vesschovo de Carnontensea. In lo dicto millesimo, gli Mantovani vennono in sul contado de Ferrara, di fine al Lago Scuro63, a dare danno e a robbare. In lo ditto millesimo, Mazzarello da Cuzano avé taiata la tessta in Mantova, che glil fe’ taiare li singnori deb Mantova, per un trattato in che egli era col marchexe; e quessto si era zentile huomo 83r

del contado di Bologna. Puosi direc che fe’d de grandi fatti che ssi potesse dire de possanza in queste parti. In lo dicto millesimo, fu mortoe Etor da Panego, e fu di marzof in venardì, da uno che à nome Nicholò da Grangniana; e fu in quelle parti. Et era con grande gente gì in Tosschana e sì era uno de’ singnori da Gonzagha ch’avevono condutta quessta gente con l’aiutorio di messer Luchino. De che quessta giente non possé tornare indreto, anzi convennono ritornare per la rivera di Zenova; e quessto sì fe’ lo marchese, con l’aiutorio ch’ell avé, zò è del ritornare. E quessto messer Etor fe’ ben eg grandissimi fattih. In lo dicto millesimo, si misse la prima preda in nello palaxio di Zoanne del singnore64, a dì .vi. di zungnioi. Ancora sì si forzòj lo marchese et andòno a Parma per contasstare alla gente ch’avea quello da Gonzagha che volea vegnire a tòrre Parma; e fuvi grande gente dello nostro singnore, e da chavallo e da pe’ della bella del mondo et aveangli grande honore; se nok che coloro non vosseno battaglia sego. De che quessta gente del marchexe, con lo aiutorio del nosstro singnore e del messer Masstino, vennono a hosste a Rezzo; e de llì no si partino; e fu a mezzo ottobre la partitam. Stettono a canpo più de .iii. mesi tra lì en Parma. In lo dicto millesimoo, messer Zoanne Sanuto da Vinesia fo podesstà per li secondi sei mesi. In lo dicto millesimo, e fu a due dì de luio, in sabato, che venne messer Masstino dalla Schala al marchese Oppizo da Ferrara, e fo messer Hosstaxie singnore de Ravenna65 a parlamentare con lo nostro singnore. Disposò messer Masstino a San Domenicho e lli marchexip a San Procholo. Lo lunedì seguente si partino; fegli lo singnoreq grande honore. In lo dicto millesimo, e fu lunidì a dì .x. del mese d’ottobre

VIL: Carnotense. BdP: di. c Scritto su rasura […]. d VIL: ch’el fo. e VIL aggiunge: miser. f VIL: mazo. g VIL: fo bon(oniese) e fo. h BdP: grandissimo fatto. i Nel margine dx nota (sembra di mano α): palaço di Pepoli. j VIL: fe’ so resporzo. k BdP: sì. l BdP: di. m VIL: partenza. n VIL: Segue a. o Assente in VIL. p VIL: e ‘l marchexe. q VIL: fe’ gli signuri. a

b

28

1340-1345 83v che venne messer lo Delfino de Vienna66 in la città de Bologna; et andogli incontra la cherisiaa con le croci e li singnori, e desposò in vesschovado. E lla sua insengna si fu quessta: una bandiera con uno dalfino azurro in nello canpo giallo, e di sopra si era Cristo benedetto posto in crocie. E sì venne secho la sua donna et altra gente assai; possa andònno a messer Santo Domenigho al logo de’ fra’ Predicatori et ello e lla sua donna. La sua venuta sì fu perch’ello andava al pasazzo, zò è contra li Turchi, et aveanob grande brevileggi da messer lo Papa e menava c de gram buona giente delle soe contrade; ed etiamdio per tucte le parti feva predicare quessto benedetto passazzo, de che gram giente si misse a tòrre la crocie in Bolongnia e altro. Vero è che innanzi la sua venuta grande gente della Tosscana e della Marcha e de Romagna sì n’andava, ma, per la soa venuta, troppo più che più v’andònod. Ancora sappiatee che ello va de sua propria volontà. Ancora sapiate ch’el perdono sì era de pena e di colpa a chi andava per stare uno anno; e quessto se predichòf per fra’ Venturino da Bergamo, fra’ predicatore, di volontà de messer lo Papa e di suo comandamentog. Et ancora sapiate che in questo millesimo, e fu de febraio, che in quessta Turchia sì era itoh lo Patriarcha67 e messer Piero Geno da Vinesia con grande gente; de che gli tolseno le Smirre68, et ebbono vittoria. Et alla partita del canpo sì funo morti, de che fu un gran danno. Ancora sappiate che vene per Tosschana e arivò de prima a Pisa. E quessto fo ch’ello dovea gire a Napoli a incoronare lo re Andrease69; ma de quessti dì elli era stato morto in Napoli da’ suoi consorti, si disse. In lo dicto millesimo, lo sopraditto messer lo Dalfino sì fe’ chavaglieri gli figliuoli del nostro signore messer Tadeo zò è: messer Iacomo fratelli e figliuoli del nosstro messer Zoanne singnore, al luogo de’ fra’ Predicatori […]

34

Beltramino Parravicini, milanese, vescovo di Bologna dal 1340 al 1350.

VIL: chierexia. VIL: avea. c VIL aggiunge: et mena. d VIL: ma per la soa vignuda tropo plu che più. e VIL: sapì. f Scritto sul margine dx accanto a rasura […….]. g Nota sul margine sx di mano α: Clemens Papa, de Lugd(u)no fuit anno domini 1345. h VIL: gido. a

b

29

1340-1345

Baragazza, sul crinale appenninico, frazione di Firenzuola (Fi). Bruscoli, sul crinale appenninico, presso Castiglione dei Pepoli. 37 Azzo, Simone e Guido da Correggio, signori di Parma dal 22 maggio, e non marzo come erroneamente affermato più avanti da BdP. Lo stesso errore si trova in A, mentre VIL riporta correttamente mazo. 38 Astorgio di Durfort, conte, del Limosino († 1360 ca.). 39 Meldola, sulle colline a 11 km da Forlì. 40 Luchino Visconti, figlio di Matteo, signore di Milano dal 1339 al 1349. 41 Si riferisce agli Este, marchesi di Ferrara. 42 Monte San Quirico, frazione del comune di Lucca. 43 Gualtieri di Brienne, duca d’Atene. Vicario di Carlo d’Angiò a Firenze, ne divenne signore, approfittando dei tumulti, dal 1342 al 1343. 44 Tirli, frazione del comune di Fiorenzuola, nell’Appennino toscano, in provincia di Firenze. 45 Potrebbe trattarsi del vescovo di Domokos (Domocen) in Grecia. L’Eubel registra un Joannes dell’ordine dei Minori morto nel 1366. 46 Il 6 luglio 1342 il comune di Pisa, nella persona di Ranieri della Gherardesca, capitano generale, occupa Lucca. La notizia è riportata dalla cronaca Bolognetti tra il 6 e l’8 luglio. 47 Monte Coloreta, rocca fortificata ora distrutta, nel comune di Fiorenzuola. 48 La Noce, casolare nei pressi di Castel San Pietro. 49 Guarnieri di Urslingen (di Islingen, in Svevia), condottiero, nipote dei duchi di Spoleto († 1354). Assoldato dai pisani per combattere i fiorentini, nel 1342, al termine della guerra, viene licenziato insieme ad altri 4000 cavalli. Così con Ettore di Panigo e Mazarello da Cusano costituisce la già citata Grande Compagnia o Compagnia della Corona. 50 A Bologna San Michele è festeggiato il 29 settembre. 51 Andrea Dandolo (1306-1354) da Sant’Apollinare. 52 L'attuale via Malvolta collega (fuori porta S. Stefano) via Murri (ossia l'antica via Toscana) a via Parisio, in località Chiesa Nuova. Anticamente il nome designava probabilmente la località. 53 La chiesa di S. Paolo Maggiore, all’inizio di via Barberia, alla quale in effetti si arriva da Porta S. Isaia. 54 Roberto d’Angiò, re di Napoli († 26/01/1343). 55 Difficile dire se ad accorgersi dell’inesattezza sia stato Pietro o Ludovico Ramponi, certo è che nella redazione definitiva della cronaca Rampona si trova due, dato presente anche nella cronaca di Fileno dalle Tuate. Non è la prima volta che LR dimostra di non copiare pedissequamente dall’esemplare, è possibile, quindi, che egli avesse altre fonti a disposizione dalle quali attingere o con le quali confrontarsi. Il ricorso ad altre fonti, però, o non avveniva con costanza o tali fonti erano anch’esse corrotte, visto che numerosi sono gli errori che uniscono la cronaca di BdP alla Rampona e la separano dalla Villola. 56 Il duca d’Atene. Cfr. supra nota 43. 57 Il primo aprile 1343 era un martedì. 58 et fatia manca nel testo di LR, è possibile che questo termine fosse in disuso o non comprensibile per il copista. 59 I Crociali, toponimo indicante una località fuori porta Maggiore, comunemente nota come porta Mazzini. 60 Bertramino Parravicini, vescovo di Bologna. 61 Marsilio II Papafava, signore di Padova dal 27 marzo al 6 maggio 1345. 62 Guglielmo, vescovo di Chartres (Carnoten) 1342-1349. 63 Oggi Pontelagoscuro. 64 Comincia la costruzione dei Palazzi di Giovanni e Giacomo Pepoli in via Castiglione. Fileno riporta la data 5 giugno. 65 Ostasio I da Polenta. 66 Umberto Delfino di Vienna nominato capitano generale delle forze pontifice nel 1345. 67 Enrico d'Asti, Patriarca di Costantinopoli dal 1339 al 1345. 68 Nel 1344, per contenere l’espansione dell’impero Turco a scapito di Bisanzio, papa Bonifacio IX bandì una crociata alla quale parteciparono Venezia, Genova, Cipro e i cavalieri di Rodi. I turchi furono temporaneamente fermati con la conquista di Smirne, importante porto sull’Egeo. 69 Andrea d'Ungheria, noto anche come Andrea d'Angiò (30 ottobre 1327 – Aversa, 18 settembre 1345), Duca di Calabria. All'età di appena sette anni, fu dato in sposo alla cugina Giovanna d'Angiò, nipote di Roberto I di Napoli, la quale successe al nonno nel 1343. Per evitare l’ascessa al trono di Andrea che rivendicava i propri diritti ereditari, la notte del 18 settembre 1345, dopo una lunga battuta di caccia, il principe fu aggredito dai congiurati mentre si allontanava dalla propria stanza in un monastero di Aversa. 35

36

30

BUB 3843 cc 18r-57v Anni 1357 – 1369 Ccb vol 3 pp 80 – (249 solo A) 254

18r

[...] per lettere de messer lo Papa. E quessta iurisdizione sì avea uno fra’ Polo de Bologna de’ frati de’ Servi della Dona e llia se deva lab croce a zascuno che la volea. Grandissima gente la tolse; quasi non rimase né huomo né dona che non la tollesse in cità et in contado. Racolsenoc de grandssima moneda; ciascuno la tolse con denari, nessuno v’andò in persona. E quessto fu ché volevano pure moneta, a uxanzad della Chiesa. In lo dicto millesimo Puccinello rendè la Sanbucha70 al nosstro singnore71; fu all’ussita di settembre. Lo conte Lando72 si partì da Budrio et e’ venne in Bologna e stette col singnore. Fu a dì .iii. d’ottobre. Partessi di Bologna et andò al Pozzo73 con messer Ghuido de Llamberinie; il singnore l’acompagniò in fine di fori della porta. Partissi la conpangna da Budrio martidì da ssera; e ‘l mercori da doman funo al Borgo de Panighale; e questo fo a dì .xi. d’otobre. Incontanenti si partino, andono in sul contado de Mo[de]na, possa si partino et andono verso le parti de’ singnori de Melano con lo brazzo del nosstro singnore. Al nome di Dio, con ben et honore nostro singnore. I ·nellof dicto millesimo lo re d’Ungaria74, ciò è la gente soa, si tolseno Zara a’ Veniziani et altre città che èno in nella Schiavonia75, che ssi tenevono per li Viniziani; e fu del mese de dicienbre. Rasonossi che lla sopradicta compagna, con lo brazzo della liga, avea fatto grang dano in sul contado di Milano et in quelle parti. In lo dicto millesimoh messer lo re d’Ungaria venne a Zara e fu a di .x. de zenaio. Messer Antonio76 fu rifermo podesstà per .vi. mesi. Comenzò l’ufizio suo a dì .xiii. de febraioi e certo con buona nominanza.

18v .M.iiiclviii. In lo dicto millesimo, e fu del mese di febraio, che fe’ la paxe jlok re de Ungaria e ‘l comun di Vinesia, non con grande honore del comune di Vinesia, secondo che ssi dissel. Anco mo venne novella in Bologna che lla gente della ligha sì si scontronoa con la gente del singnore di Milano in sulla canpagna da Monte Chiaro77; di che la gente de’ singniori di Manicula nel margine sx. BdP: alla. c Segno abbreviativo in eccesso su o. d BdP: a uxasanza. e BdP: de Lla[ci]erini. f BdP: in dello con d cassata da PR. g VIL: grandenisimo. h Questo paragrafo ed il successivo sono stati erroneamente posti sotto l’anno 1357, ma sono da collocare, come giustamente lo sono in VIL all’inizio dell’anno 1358. L’errore è presente anche nella Cronaca Rampona, dove però l’autore corregge subito, indicando l’inizio del nuovo anno al paragrafo seguente, mentre BdP lascia l’indicazione della conferma del podestà ancora sotto l’anno 1357. i VIL aggiunge: Al nome de Deo. j Nel margine sx: 1358. k BdP: de; VIL: dal. l Segue paxe cassato da PR. In effetti non è presente in VIL. a

b

1357-1369 Milano fu rotta. Di quessto si mostrò fallò in Bolongna. In lo dicto millesimo si cominzò guerra da’ Perosini a’ Senesib. E quessto fu per casone che Perusini puoseno hosste a Cortona, sì che per eserec mala guerra. In lo dicto millesimo si venne inbassadori in Bolongnad de’ singnori de Milam; e quessto fu per modo di paxe, seconndo che ssi disse, per tucta la liga. Partiti che funo, incotanenti gli anbassadori della liga andonno a Milanoe. Al nome di Dio. Amen. In lo dicto millesimo vene in Bologna uno messo de re d’Ungaria. De ch’el domandò al singnore, da parte di messer lo re, che ssi raunasse lo consiglio, e fu facto: sì si lesse come lo concio e la paxe era fatta da re e ‘l comune de Venesa. De quessto fe’ trarre charta. E cossì si disse ch’el fe’ in ne l’altre cittàf. In lo dicto millesimo funo sconfitti Senesig da’ Perusini e venonoh li Perusini infine alle porte de Siena; e questo fu del mese d’aprile. Anco mo si puose l’osste a Forlì per lo legato; e si venne in persona e commenzono a fare le bastie; e quessto fu giuovidì a dì .iii. de maggio. In lo dicto millesimo domenigha a dì .x. de zugnio fu la novella della pase in Bologna. Al nome di Dio. Martidì seguente venne inbassadurii ch’erano a Milano per quella casone. 19r

.M.iiic.l.viii. merecori si sonò le chanpane e lessonsi le lettere de la pase alla ringhiera del comune de Bologna con grande allegreza. In lo dicto millesimo, fatte quesste cose, la compangna, la quale era a possta del nostro singnore e della lega, si partì da Mantova e venne in sul contado de Modona e llì stette alcun dì; e possa venne in sul contado de Bolongna al Borgho78; e quessto fu martidì, de mattina, dì .x. di luio. De lì se partino veneri, a dì .xiii. de luglio, et andonno de fuora della terra su per li fossi di sopra et arivono a stra Maiore quel dì e puosonsi de là da Chasstello San Piero. Tucte quesste cose seguino con volontà del singnore. Quessta compangna sì avea soldo dal nostro singnore e dalla liga; de fino a quessto tenpo della pase erano stati in sul contado de Millam e sì aveano facto una forte guerra. In lo dicto millesimo, a dì .xx. de luglio, venne lo conte Lando in Bologna. Dissesi ch’elli andava a Pisa per vicario dello inperadore; e non fo vero. In lo dicto millesimo, a dì .xxi. de luglio, fu zudicato .xii. huomini de Val de Reno. Dissesi ch’ell’era una mala brigàda. Funo apichati al ponte da Reno79. In lo dicto millesimo la conpangna si partì de sul nostro contado et andò in Romangna per dover andare a Siena; e a possta de Sanesi andavano segondoa che ssi disea; e sì fenno la via

VIL: inscontono. BdP: sansi. c BdP: sì per che sere per. VIL: sì è per hesere malla guerra. d Bolongna. e Segue cassato: al no. f Segue a capo cassato con tre tratti di penna obliqui (Probabilmente di mano dello stesso BdP): In lo dicto millesimo lo re d’Ungaria venne a Zara; et fu a di / .x. di iennaio. Il testo della cronaca Villola è disposto su due colonne per foglio. Questa breve posta si colloca alla c 116v, all’inizio della colonna 1. Evidentemente BdP, terminata la trascrizione della prima colonna, dopo una breve pausa deve aver continuato la trascrizione ripartendo dall’alto, confondendo la prima colonna con la seconda. Se l’ipotesi fosse corretta, questo errore confermerebbe ulteriormente la dipendenza della cronaca di BdP dalla Villola. g BdP: Sanesi. h VIL: vene. i VIL: i anbassaduri. a

b

32

1357-1369 per Val di Lamone. Com fosse l’opera non so, ma essi funno assallitib. De che essi ritrovono un grandissimo danno, et in persone et in aver, da villani de quelle contrade. Et in quessta rotta sì fu ferito lo conte Lando80 molto forte *************c e sì fo morto lo conte Brochardod, ch’era de’ capie de quessta gente, e assai degli altri; e quessto sì fu lo dì de messer Sancto Iacomo ch’è a dì .xxv. di luglio. La dicta compangna, zò è quelli che scanponno, sì vennono a Dozza81 e per quelle contrade. La dicta compangna si partì et andò a Forlì in aiutorio de 19v Franciesscho degli Ordolaffi82; e pare che cavalchasseno di fino a Ciervia e sì fornino Furlì de sale; all’entrare d’agosstof. La dicta compangna sì si stette in Romagna alle spese de chi perdeg. In lo dicto millesimo andò a Milano lo marchese da Ferrara, quello da Gonzagha e sì andò lo nosstro podesstà, nepote del singnore, e quessto fo de desenbreh, a ffare buono un fiolo de messer Bernabò; e sì ssi fe’ una gram fessta. In lo dicto millesimo sì fe’ lo conzo del marchese da Fferrara ei <’l> singnore da Carpo, zò è da messer Ghalasso de’ Pigli 83 , e lla sua parte; e si confermò Carpo et ello sì risstituì Chanpogaiano84 et altre chasstelle che s’erano rivellà. In lo dicto millesimo, e fu in domenigha, a dì .xxi. d’ottobre, venne in Bologna lo marchese Aldrobandino singnore de Ferrara e messer Nicholò suo fratello85 . Partisse lo martidì de Bologna, andonno a Modena. In lo dicto millesimo, a dì .xxiiii. d’ottovre, venne a Bologna la novella ch’era tolto lo interdittoj. De che le messe si disseno in Bologna zobak, a dì .xxv. d’ottovre, che fu lo dì secondo drieto alle letterel. Lo intraditto era durato mesi .xviiii. e dì .xiiii.86. In lo dicto millesimo, fu venardì, a dì .xxvi. d'ottovre la compagna sì tolse per forza la Massa87, la quale si tenea per lo conte de Romangna, salvo che lla fortezza Cassaiam88 e lla torre che ssi tenea per messer Ruberto de Imola89. In lo dicto millesimo la dicta compangna sì andò a Forlì; e da Forlì passò oltra e sì andò in sul contado de Rimino e llì sì fe’ grande danno. In lo dicto millesimo messer lo cardinale di Spangna90 si partì da corte e venne in Tosscana. Desevasin ch’ello avea la maore legatione che nessuno che passasse di zà gram tenpoo.

BdP: secondo. VIL: assagliti. c Aggiunto sullo spazio bianco e nell’interlinea inferiore, da LR: e fu aducto a Bologna in chaxa di Lanbertini segue cassato nel margine dx: e lì se fe medegare e lì se fe’ medegare e guarì. d BdP: Bochaldo. e VIL: coy. f VIL: questo fo intrante agosto. g Ho preferito il presente al passato remoto perché forse il cronista si riferisce a un uso generale, secondo il criterio del "chi perde paga". h VIL: setebre. i VIL: a. j BdP: l’intraditto. k zoba aggiunto in interlinea da BdP. l (Ms): lettore. Correzione dell’editore. m VIL: Cassaro. n BdP: disevasi. o VIL aggiunge: era. a

b

33

1357-1369 In lo dicto millesimo lo dicto cardinale sì si partì da Fiorenzea e venne a Casstello San Piero; et il nostro singnioreb sì andòc lì a ricieverllo e si fe’ 20r

grandissimod aparechiamento et honore. L’andata del nostro singnore si fu sabbato mattina a .xxii. dì de disenbre; e sì stettoe in nello dicto casstello sabbado e domenigha; e lo lunidì, che fu la vilia de Nadale, se ssi partino d’insieme e lo cardinale sì andò in Ymolaf e ‘l nosstro singnore tornò a Bologna. Col nome di Dio. .M.iiic.lviiii. in lo dicto millesimo, fu del mese di zenaro, sì venne una grandissimag neve e fu sì grande, sì profonda, che zaschun disea che a lih suo’ dì non era stata una sì grande. E secondo quello che ssi possé veder e estimare ella fue alta in nella città oltra de quattro piei comunalmente in ongni luogo. E per quessta casone più e più case caddeno per la città, e portichi di chiese e lla chiesa de messer Sancto Martino de’ fra’ del Carminoi, ciò è la chiesa vechia, ed assai si potrebbe dire et scriver. Per la qual cosone zascuno si misse a ffare descharigare le loro case, et così si fe’ in per tucta la città; ed eram sì grande li monti della neve per lej contrade che né caro né besstiak posseva gire per la città; e si digo che li monti della neve eran tamanti che quasi e’ tochavano de fino alli grondari delle case comunalel. Non si può ben scriver appieno tamanto fu lo furore e lo folgore de quessta neve. E sappiate che tucta la città andava charicha de gente colle pale e co’ badilim e per guadangniare si tolleano volta fun soldi .x. lo dì. E fe’ gran danno in contado a l’alborio; fo il tenpo piuviosoo sì che tra la neve e l’aqua non si possé podare le vingnie se no all’entrà d’avrile; e furon molte care le opere. In lo dicto millesimop messer Antonio de’ Chattani d’Ascona fu rafermo per li primi sei mesi. Cominciò l’ufizio a dì .xii. di febraro. Al nome di Dio. In lo dicto millesimo messer Feltrino da Mantova91 sì si tolse Rezo per lui.

20v In lo dicto millesimo morì messer Bernardino singnore di Ravenna 92 a dì .v. q di marzo. Socciedé lo fiiolo in signioria. In lo dicto millesimo la compangna andò in Tosschana. In lo dicto millesimo si sagrò la chiesa di fratia della Ciertosa93, bla quale è postac di fuora dal

o aggiunto in interlinea. Sic. c Segue ripetuto e cassato: si ando. d VIL: grandenissimo. e VIL: steteno. f BdP: si partino d’insieme lo cardinale e sì andòno in Ymola. g VIL: grandenissima. h BdP: c’a’. i BdP: Carminio, i cassata probabilmente dallo stesso BdP. j e corretto su a, segue cassato: citta. k Segue cassato: no. l VIL: cumunai. m BdP: bad[a]li n VIL: fin. o La grafia è così interpretata da PR che mette i punti sulle i. VIL: piuvioxo. p In-millesimo assente in VIL. q VIL: x. a

b

34

1357-1369 Borgo del Pradellod94, per messer Zoanne vesscovo95 della città di Bologna; et quessto sì fu domenigha, a dì .ii. del mese de zungno. E qui sì fu una delle belle feste del mondo. In lo dicto millesimo lo nostro singnore messer Zoanne da Olegio sì mandò a messer lo cardinale .xvii. bandiere da cavaleri et andoglie messer Tassino Donatie per capità di quessta gente. Fu lo giuovidì della Sensione, a dì .xxx. del mese de zungnio96. Lo quale cardinale era in Romagnia e feva hosste a Forlì. In lo dicto millesimo messer lo cardinale sì avé la singnioria de Forlì e sì entrò in nella singnoria in nella dicta città giuovidì mattina, a dì .iiii. de luglio. Quessta guerra sì cominzò, ciò è che ssi puose l’osste, de prima per la gente del cardinale, tre anni et due mesi e dì; e richiessto fu de prima in .Mm.iiic.lv. e fogli bandida la croce adosso, perchéf non si volea aconzare con la Chiesa; e fu in .M.iiic.lvii.. Li patti e convenzionig ch’avé lo capitano, zò è messer Francesco degli Ordelaffi, lo quale era singnore de Forlì e de Zisena da qui in driéh, sì son quessti: che gli fu rilassata la donna sua, che fu presa con due suoi nepoti, figliuoli del figliuolo, quando ello perdé Zesena, che erano in la rocha con la donna e con uno suo fiolo del dicto capitano; e sì si disse che llii rimanea Forlinpopulo et Chastrocaro, ma no la rocha. Non so più dire inantij. In lo dicto millesimo lo nostro singniore messer Zoanne andò ad Imola a parlamento con messer lo cardinale […]k 21r

[…] etiamdio di sotto da strada in zasscuna parte, fuora che alle fortezze, gli feno una basstia fiera e fortel, la quale era atorno a la Chalonegha97. Et per quesste sopradictem guerre grandissima guardia si faceva alla città, zò è de Bologniesi e de foresstieri e de dì e de notte. Lo chavo de tucton l’osste sì era lo marchese Franciesscho da Esste. Ben ch’el si disea che messer Iacomo dio Pepoli98 era secho, dissesi chep rimase a Crevalcore e messer Andrea, fiolo di messer Zoanne de’ Pepogli, sì era a Chasalecchio. Ancheq mo si tolseno l’aqua che venia a Bologna per masinare, ciò fu quella de Renor. .M.iiic.lx. martidì, a dì .xiiii. di zenaro, se fe’ una trata de puovolo che corse aa piazza; per la qual casone lo nostro singnore messer Zoane fe’ trarre fuora uno gonfalloneb all’arme della Chiesa et del cardinale, lo quale era a quessti dì legato in nelle parti de quac per la Chiesiad.

di frati in interlinea su de f[ra]ti cassato. Manicula nel margine sx. c BdP: porta. d VIL: Peradello. e BdP: D[a]nati. f VIL: perch’el. g Segue cassato: che avé. h Segue si cassato. VIL: si si fon. i VIL: ch’el gle. j inanti potrebbe essere stato aggiunto da PR, è comunque assente in VIL. k La lacuna corrisponde ad una carta della cronaca Villola: da c 118a - col I a c 118b – col I. l VIL: forte e fiera. m Segue cassato genti [b]. n BdP: lo cho di tucta. o BdP: de. p VIL: ch’el. q BdP: anco. r BdP: derreno. Seconda r soprascritta in interlinea e cassata da PR. a

b

35

1357-1369

In lo dicto millesimo si fe’ pustrini per le chapelle che masinavano. Per la guerra ch’era non si poseva masinare alle molina. Anco mo fu zudigado Iacomo de’ Bondì delle Pianelle per uno trattato che elli avea con quelli dell’osste e con Polazo de Lazarie e con Bettinof de’ Chiarissimi e Franciessco Tazi de’ Bianchi, secondo che disse la condanasone. E fu strasinato in fine alle forche, le quali erano di fuora rinpetto alla porta del Malpertuxo, ché llì dovea esser la brigha; et uno suo nepote fue scopatog perch’el portava littere atorno. Fu sabbato a dì .xxv. de zenaro. In lo dicto millesimo se ssi h risforzò Santa i Maria in Monte 99 per lo nosstro singnore e, cominzado che fu a risforzare, el si fu possto per guarda Vachino de Mezavachi, ch’era buono e liale huomo; e quessto fu lunidì a dì .xxvii. di zenaro. Ed era bella fortezza, ma non avea chopiaj d’aqua e gievagliek zerne de fanti ongnil sera a guardarlla. 21v Anco mo si risforzò San Michele dal Bosscho100; e così gli andava zentem de fanti de Bologna a guardarllo; oni sera si mudavano. Anco mo sì si perdé Savingnio 101 , salvo che lla rocha; et per quessta casone tucta la montagnia de llà si stava inferma. Risscossesi lo dicto Savigno per la gente del singnore e sì ’l tolseno per forza e fu teg[n]uto gram fatto; e quessto fu, zò è che la novella venne in Bolongnan, a dì li quattro di febraio. In lo dicto millesimo quellio dell’osste venneno alle mura colle schale e manare e pichoni e fen niente; e sì ssi trovò otto schalep di notte vengniando lo lunidì, a dì .x. del mese de febraio. In lo dicto millesimo messer Antonio de’ Chattanii d’Ascona fo rifermato podesstà de Bologna. Cominzò l’ufizio a dì .xii.q de febraio. In lo dicto millesimo l’osste ch’era a Chasalechio sì levò campo mercori di mattina, a dì .xviiii. di febraio; e fu il primo dì di Quaresima. Arivò lo dicto hosste a Argellada et a Argille102 et per quelle contrade. Fessi una chavalcata alla basstia che era a Chasalechio, fatta e fornita per loro; e sì si diseva che li era dentro per cho Paghanino da Panegho. In quessta chavalcada sì fur grande gente da Nel margine sx: 1360. BdP: gonfanone. VIL: confallon. c VIL: za. d Segue scritto da LR e cassato: anchora se fortifichò a Santa Maria in Monte per dubio de misser Bernabò ch’era in su el contado de Bologna. e VIL: Liazari. f VIL: Bitino. g VIL: schovado. h BdP: sì si. i BdP: [Sa]n(ta). PR cassa e riscrive nell’nterlinea per esteso santa. j VIL: chuopia. k BdP: egi / evaglie. PR corregge egieva / glie cassando eva-. l VIL: hone. m VIL: zerne. n VIL: Bononia. o VIL: qui. p VIL aggiunge: over nove. E questo fo domenegha. q PR aggiunge di seguito de e lo cassa. r VIL: ch’i fo. a

b

36

1357-1369 pe e da chavallo; non si fe’ altro che metter focho in nelle case da Casalechio, perché altro hordine non v’era messo. E quessto fu sabbato, a dì .xxii. de febbraio, ch’è ‘l dì de San Piero in Caterdaa; fu tenuta una bella gente. In lo dicto millesimo, merchori, a dì .xxvi. di febraio, fo dato Chasstello Franco fraudamete e traitamente per uno Ardizon da Novarra b 103 capitano per lo nosstro singnore del dicto casstello. E dissesi ch’egli era stato più di .xx. anni suo famiglio, e parve che llo fesse per denari ch’el n’avé, che ssi disse che furon duo milia fiorini d’oro, da messer Bernabò. Fu tenuto uno grandissimo tradimento. 22r

.M.iiic.lx. lo nosstro signiore si misse alle postic, çò è din sulle torri, cittadini de Bologna, che inanzi vi sstevano foresstieri; e quessto fo domenicha a dì primo de marzo. In lo dicto millesimo fu revellà la Mulinella104, la quale si guardava, et in guardia era data al chasstellano e de’ Lanbertazzi; no i era drento lui ma eravi f Bricio dalla Fratta per lui; e quessto fo, ch’el ze fu la novella, lunidì dì .ii. de marzo. In lo dicto millesimo, domenicha, a dì .xv. de marzo, ci fu novella che era perduto lo chasstello di Serravalle105, e dissesi che gli era renduto a Tadio figliuolo che fu di Ma[z]arello da Chuzano; era per capitanog dentro Stefano Biffo per lo singnore di Bolongnia. In lo dicto millesimo domenicha, a dì .xv. de marzo, in sulle .xii. hore o pocho più, entrò le guardie della Sancta Chiesiah in nello chasstello che è a piè della porta de Sancto Filicie; e suso amendue le torri, in su zascuna, fu messo un penon colle chiavi. Entrò a sono de tronbei e con grande allegrezza e puossa altri tri pennuni de chapitani ch’entronno dentro; e quessto ad una ora insieme. E llà preso lo casstello si gridò: “Viva la Santa Madre Echexiaj!”. In lo dicto millesimo lunidì, in sulle .xx. hore, a dì .xvi. de marzo, andò una grida da parte di messer Pietro di Nichola da Fornese 106 chapitano per la Chiesia, che nessuna persona, cittadino o foresstiero, ossi né presuma fare alchuno romore over rissa in nella città di Bologna o nel contado, sappiando ch’el punirave zascuno al suo albitrio, non secondo statuto; e chi contrafaciesse serave sbandezzato di Bolongna e di tucte le terre che possiede la Sancta Madre Echlexiak; e quessto fu a prima grida. In lo dicto millesimo, a dì .xvii. di marzo e fu in martidì, venne lo marchesel dellam Marcha in nella città di Bologna, in sulle ventitre hore; disevasi ch’ell’era nepote di messer lo cardinale; e venne per la porta di stra Maore; e avea nome messer Blasco Fernando ed era spagnuolo. Anco mo lo mercori seguente fu una gran remossa, de che l[e]n zente de messer Zoanne da Olegio trèno a piazza colla vose

VIL: catreda. La seconda r è aggiunta nell’interlinea e sembra cassata da PR. c VIL: porti. d Nel margine sx: 1360. e VIL: a Chastellano. f VIL: eraie. g VIL: chapetanio. h VIL: Iexia. i VIL aggiunge: e de tronbette. j VIL: Iexia. k VIL: Ghiexia. l Segue cassato i(n) nella. m Segue ripetuto della. n BdP: la. a

b

37

1357-1369

22v gridando: “Viva lo singnore!”, zò è messer Zoanne, e sì si riserrono dentro dalla cittadella. E lo popolo s’armòa gridando: “Viva la Chiesia!” et fu una delle belle tratte che fesse maib, poche, i Bologniesi. In lo dicto millesimo messer Antonio da Fermo, lo quale era vegnudo con lo dicto messer lo marchese, fu chiamato podesstà di Bolognac per la Santa Romana Chiesia; e così andò la grida da sua parte. Montò in palaxio venardì mattina, a dì .xxvii. de marzo. In lo dicto millesimo, mercori, di mattina, dì primo d’aprile se partì messer Zoanne di Olegio et andossene a Ymola. Dissesi che fu acompangnato da più de .M.iiic. barbute; andossene per la porta de San Mamolo in sulle nove hore. Dissese ch’ello era stato pessimo singnore e pochod aveva amato li suoi cittadini, morti gli aveva, rubati e consummati per ongni modo e, brevemete digando, ongni huomo dicea male de lui e posevassi dire cum raxon. In lo dicto millesimo, da poi ch’ello e ebbe valicato f Forlì, ch’el se ne andava oltra in la Marcha, l’osste ch’era stato in sul contado de Bolongna era a Codongniola 107 e per le contrade, sì chavalcoron a Furlì e parve che gran gente entrasse drento; parve ch’el capitànio della guerra, che era in Forlì per la Chiesa, ie sentì e spinsili de fora a mal modo e furoneg morti e presi assai. In lo dicto millesimo quelli da Vizanoh, gli qua’ eranoi stati in nello hosste et aveano facto grandissimoj danno su per la montangnia nosstra, venneno a Bolongna, sì s’aconcioronok con messer lo marchese108. lAnco mo venne in Bologna Bentivogli, che non ci usavanom a stare; e quessto fu mercori, a dì .viii. d’avrile. Anco mo si rendé la Mulinella ch’era stata tolta per quelli dello hosste; ritolsela di nuovo. Anco mo, partito che fu lo dicto messer Zoanne, ongnin sua insengnia, ch’era lo bison, in ongni parte della città fue canciellata e tolta via e spezialmente in nello Palasio della Biava; e così furon fatte dell’aguille o ch’erano depinte p per la città alle case de cierti huomini e brevemente per tucta la città funo despinteq […]r 23r

[…] In lo dicto millesimo, martidì, a dì .xviiii. de marzos fo bandito et gridà alla ringhiera del comune di Bolongnaa e disseseb da parte di messer lo rettore della città e contà e destretto de

BdP: sarmoe, la –e sembra cassata da BdP. VIL: ma. c VIL: Bononia. d BdP: pogo. e BdP: elli. f VIL: vargà. g VIL: foiene. h BdP: Vinzano. i BdP: erono. j VIL: grandenisimo. k VIL: s’aconzono. l Manicula nel margine sx. m VIL: z’osavano. n VIL: hone. o VIL: aghuie. p BdP: dipinte. q BdP: dispinte. r La lacuna corrisponde alla c 120a-b della cronaca Villola. s VIL: mazo. a

b

38

1357-1369 Bologna dove che da llì in dréc si diseva da parte di messer lo marchese de che lo nomme li fo tramutadod in quessto dì dicto di sopra e disessi rettore, che zaschuno che fosse exentoe della città di Bologna dal mese di marzo in dré, e fosse venuto alla città dalle chalendi d’avrile in za, all’ora di vespero si debbia apresentare dinanzi da messer Merlino suo chollettoralef. In lo dicto millesimo, domeniga, a dì .xxiiii. di maio, e fu el dì di Pasqua Rosada109, che venne messer Galeotto de’ Malatesti 110 e messer Malatessta Ungaro 111 suo nepote alla città di Bolognag; et avé quessto tittolo, che ssi diseva chapitano gienerale di guerra della città di Bolognah e dell’altre città che possedeva e teneva la Santa Romana Chesiai i ·nelle parti de Italia. Messer Herigho de’ Chavalchanti de Firenze fo podesstà di Bolognaj; zurò l’ufizio suo zuoba, a dì .xi. de zungnio. Al nome di Dio. In lo dicto millesimo venne in Bologna messer Nichola degli Acciaiuolik112 da Firenze, lo quale si chiamava lo Gran Senischalchol dello re Luyse di Puglia113 ; e disposò in messer Sancto Domenigo. Partissi lo dì seguente et andò al chardinale. In lo dicto millesimo gli Ubaldini si tolsono Scharicalasino114, lo quale si tenea per lo comune de Bolongnam; e quessto fue domenigha, a dì .v. de luio. In lo dicto millesimo, a dì .xviii. de luglio, messer lo rettore della città de Bolognan per la Chiesa sì andò a messer lo cardinale con cierti zentiluominio de Bolongna de maùri della città. In lo dicto millesimo, martidì, a dì .xxviii. di luglio fuep mitriati due messiq del comune perché avevanor testimoniati d’una ferita d’uno ch’era morto falsamente; v 23v et così disse la condanasone. E furono menati per la città et per piaçças. VIL: Bononia. Segue cassato da PR: et (tironiano) disse. c BdP: destretto di quella o da llì in dré. d BdP: tramutada. e BdP: exent[e]. f VIL: cholleterario. g VIL: Bononia. h VIL: Bononia. i BdP: Echesia. VIL: madre Gliexia. j VIL: Bononia. k VIL: Azaiolii. l VIL: seschalcho. m VIL: Bononia. n VIL: Bononia. o VIL: zintillihomini. p Segue m in eccesso. q BdP: medesimi, cassato e corretto da PR. VIL: medixi. r Segue cassato te. s Segue nella cronaca Villola una posta lasciata vuota e introdotta da: in lo dicto. Il paragrafo seguente è evidentemente una copia di quest’ultimo, cambiano però i condannati: due messi nel primo, due medici nel secondo. Nella cronaca Villola la notizia è riportata solo una volta ed ha come protagonisti due medici; ad essa segue, però, uno spazio vuoto. BdP copia la notizia trascrivendo medesimi invece di medixi e ad essa ne fa seguire un’altra con lo stesso incipit senza completarla. Stando così le cose, se non fosse intervenuto PR si sarebbe potuta spiegare questa distrazione come un semplice saut du même au même. Se gli unici ad essere condannati fossero stati i due medici, PR non avrebbe avuto bisogno di scrivere un nuovo paragrafo e avrebbe potuto limitarsi, come in altre circostanze, a cassare la parola errata sostituendola con la nuova. Entrambe le notizie si ritrovano anche nella cronaca a

b

39

1357-1369 In lo dicto martidì a dì .xxviii. di luio fu mit[r]iati dui medixi de comun perché i avean testimoniado de una ferida de uno ch’era morto falsamente; e cossì disse la condanaxon e fon menadi per la cità e per piaza. In lo dicto millesimo funo distegnuti cierti di Lanbertaccia e missi in sulla casa de notteb; e quessto fu a dì .xvi. d’ogossto. In lo dicto millesimo a dì .xviii. d’agossto fue novella in Bolognac che li Fiorentini aveano tolto Montecharelli115. In lo dicto millesimo Bartholomeod de’ Tibaldi vendé lo chasstello suo a quelli dell’osste; e quessto fu a dì .xxi. d’agossto. Per la qual casone ne funo fortissimamente biasimati e tenuti da pogho. In lo dicto millesimo fu tagliata la testa a tre, lo nome de’ quali sì fone quessti: Guidestrof da Panegho Bonifatio figliuolo di Sanchino de Martello Gueretto da Casaglia; e quessto fu apichato. E dissesi che quessti si erano in trattato con quelli dell’osste; e quessto fu sabbato a dì .xxii. d’aogossto. Fessi la zustizia in sul Canpo del Merchato116. In lo dicto millesimo le soprascritte cose assà èno chiare e scripte com’è l’osste de’ singnori da Melano, zò è di messer Bernabò. Ma scrivo quello che ssi seghuì di zò: come si resse la ccittà e lle condizioni della brigha dello dictog hosste. In prima ell’éh vero che ll’osste, da poi che la basstia fu fatta a Casalechio, e’ sì andonno rizercando tucto lo contado de ongni parte che volessono, che mai no ne avenoi alcuno contassto; et è vero di che da Ferrara venia la vittuvaglia, zò è ch’el marchese non la vietò mai; ed è vero ch’essi puosenoj l’osste a Ciento e sì deno de gram battaglie e pogho honore n’avenno, ché ssi tenne ben Ciento e la Pieve. La guardia della basstia da Chasalechio fu data a Paghanino da Panegho e quasi tucto Val de Reno sì i ubidivak et anco li suoi consorti hongni pozzolo risforzono in danno e in tormento del comune de Bolognal e di quessto non se ne infinsono mai de fare il pezzo che posseno. El fiolo che fu di Mazarello da 24r

Chuzano, lo quale à nome Tadeo fe’ lo somigliante in Val de Samoza. Avé grande contrassto da Savingno, da Monteveglio, d’Ollivedo117, da Monti Maùri118, da San Lorenzo in Collina119,

Rampona; quindi, Ludovico deve aver prestato fede allo zio ed interpretato le due notizie non come copia l’una dell’altra, ma come autonome, sebbene riguardanti lo stesso evento. Non volendo considerare pura invenzione la correzione di Ramponi, ritenendola ingiustificata, penso che questi debba essere ricorso ad altra fonte, ma questa ipotesi non è al momento confermabile. Al contrario, il fatto che anche in Fileno dalle Tuate sia riportata la notizia una sola volta con protagonisti i due medici fa propendere verso l’ipotesi di una falsa interpolazione. a BdP: La[m]bertucci. b VIL: notari. c VIL: Bononia. d BdP: Bartheo con titulus soprascritto. PR aggiunge nell’interlinea lom probabilmente per chiarire lo scioglimento dell’abbreviazione. e VIL: fo. f BdP:Giudesscho. VIL: Guidesto. g VIL: della dita. h VIL: l’è. i BdP: avreno. PR corregge cassando r. j PR corregge: puose. k BdP: inbidiva. l VIL: Bononia.

40

1357-1369 da Crespollano120, de fino ch’ello non arse che fu uno grande danno, che una notte sì gli prese il fuogho in lo casstello et arse tucto dentro, Bazano, Piumazo, Santa Gadaa, Nonantola, San Zoanni121, Mazolino122, lo casstello di Gherardo de’ Conforti, la tonba di Ser Nane priore ch’era a Praghatuli123: tucte quesste casstelle si tennono ben. Et di sotta si tenne ben zaschuna fortezza de verso Romangna com fo Castello San Piero e Dozza, Varigniana, Ozano, e Castello di Briti124, sì obidiano a l’osste e tucta quella montangnia; e susob verso Firenze fu rotta la strada per li Ubaldini e fen quello danno che posseno. Trovonzi aver poghi amisi in ongni parte, salvo che in Romangnia teneasi per la Chiesia. In lo dicto millesimo. Mo sì scrivo la conditione della città. Sapiate che ssi perdé l’aqua de Reno e quella di Savena c che solea venire alle moline fon tolta, di che e’ ssi convenne masinare ay pustrini, che se fe’d due per capella, e cierte nee fu che n’avevono pure uno. E sì si pagava s. .ii. per corba di ghabella e lla mulidura, e possa t’acordavi collo mungniaro; e chi zeva a masinare fuori della sua capella s. .vi. per corba. Al fatto del formete si tenne questo hordine: che zascuno sì dovesse dare per scripto ongni quantità di biada ch’elli avea in chasa, sì della sua come dell’altrui; e sì si diè hordine ch’el si dovesse dare per s. .xxx. la corba; e così fu fatto. E sì si fe’ quattro ufizialif, uno per quartieri, che chomandavano quessta biada a coloro che n’aveano ordinatamente. Ancora si diè ordine che zascun potesse fare pane a vendere; e così se’n fe’ che zascuno ne posseva avere in copia. Al fatto del vino muntò forte: quasi ongni vino si vendea s. .ii. la quarta e a corbe vendease .xl. s. e .l.. Quessto fu da che luio intrò. Al fatto delle lengnie ne fu un grande caro. Ed è vero 24v che li contadini andavano de fuora e si ne aduxeano drento e fornivano fornari de quante ie n’avea logho; e sì portavano a piazza i be’g fassi e sulla porta sì che oni huomo ne posseva avere assai; et è vero che tucto atorno non rimase lengname né siepeh a taiare. In lo dicto millesimo, al fatto dello ricolto della biava, il’andava fora huomini e femine e sì aduxevano la biava drento sì comej possevano; et in piùk parti della città si fe’ le are, sì comel in contado, de fructe e d’uva. Quî de fora, zò è li villani, andavano fuora e sì veniano charichati e sì vendeano quesste cose in sulla piazza e in sulla porta come cosa che fosse sua. E cossì feano de paglia e de strame da cavagli; e così feano de zascuna vettuaria, brevemente digando. La carne fu molto chara: valse lo vitello trentino s. .ii. md. sei la libra; la bella di manzo s. .ii., de manzo de bo s. .i.a d. .iiii.; la nabisada s. .i., chasstrone e porcho s. .i. d. sei, lo formadigo s. BdP: Agada cassato da PR che corregge: Gada. VIL: su. c Segue che in eccesso. d BdP: che se’n fe’. PR cassa n e BdP: ve ne. PR cassa: ve . f VIL: uficiarii. g VIL: bie. h VIL: zeide. i Manicula nel margine sx. j Segue cassato da PR: et tironiano da intendersi e’. VIL: i. k iù aggiunto da PR in interlinea per perfezionare abbreviazione incompleta. l VIL: chome se fa in contado. m Manicula nel margine sx. a

b

41

1357-1369 .iii. la livra; la livra deb l’olio s. .ii. d. .vi.c; lod paro di chappuni comunal s. .xxx.; e .xl. e .l. s.; de pesse pocho pesse ce venivae. Per tucte quesste cose e per tucta quessta guerra li arti lavoravano; e stettono continuo le stazioni aperte, come solevano inanzi che fosse la guerra. Vero è che lla notte si fea gran guardia, et atorno alle mure e alle porte, et così guardavano contadin come cittadin; e fessi le désine per le chapelle e fu bello ordine. L’osste de fora sì fe’ una basstia al ponte da Castenase125 e llì stettono un gram tenpo de fino a tanto che ssi partino. La sua partita sì fu che levono canpo martidì de notte a dì .xxii. de settembre et andonno verso Chasstello Franco. La domenigha seguente, a dì .xxvii. de settembre, sì cavalcò messer Ghaleotto e messer Malatessta con gran quantità di soldati da pè e da chavallo e con esso una quantità de popolo de zittadini; e sì ssi puoseno alla ditta bastia e quella per forza tolseno et aveno lo dicto die; ef 25r

con grande allegrezza tornorono a Bolongna. Dissesi che v’era più de .Mo.vc. peduni da Bolongnia de soa volontà e quasig funo quelli ch’aveno l’onore della tolta; e così si disse. In lo dicto millesimo, martidì, a dì .xxviiii. de settembre, lo dì di Santo Michele, la sera inanzi chavalcò messer Malatessta a Varigniana con zente da pèh, da chavallo e sì aveno la fortezza et tucta la zente che i era dentro per presoni i , che funo ben .iic. huomini a chavallo, e menongli a Bologna; e ben da .lx. guasstaduri j el dì denanzi k s’era renduto Ozano e Chasstello di Briti; et così si dise della Mulinella, ch’ella fue abandonàta per quelli dell’osste a quessto dì. In lo dicto millesimo fu tolto lo chasstello de’ Tibaldi per li villani della terra et coll’aiutorio de quelli ch’erano in Confortino; e questo fo martidì de notte vengnendo il mercori, dì ultimo de settembre. Lo qual chasstello Bartolomio Guiglielmo de’ Tibaldi sì ll’avevano venduto a messer Bernabò per .iiiim. l. de Bolognini; si disse. In lo dicto millesimo, ch’è l’ultimo dì di settembre, venne li Ungari ch’erano passati de qua al servisio della Chiesa; vennono nelli borghi di strata Maore e di stra’ San Vitali e per le contrade. Lo dì seguente cominzò a venire grandissima cararia de farina e de robba che mandava lo cardinale, de Romangna e delle contrade de là. In lo dicto millesimo se partì la zente de messer Bernabò de sul contà de Bologna, dì primo d’ottobre, e valicoronl Modena. In la malora soam.

VIL: .ii. Correzione di PR su: cha cassato. VIL: challò l’olio a. c Segue ripetuto e cassato: la libra. d BdP: li. e BdP: di pesse pogo pogo cien veniva. f BdP: et. g VIL: quisti. h VIL aggiunge: e. i BdP: pisoni. La i è cassata da un tratto di penna orizzontale sopra p. Non volendolo considerare accidentale, lo si può intendere come un intervento di PR che corregge: presoni, così come è riportato da Ludovico Ramponi nella cronaca omonima. Cfr. infra c 26v nota j, c 42r note b,c. j BdP: guasstaturi. k PR corregge: dinanzi. l VIL: vargom. m BdP: sia. a

b

42

1357-1369 In lo dicto millesimo tucti gli rivelli de Val de Reno e de Val de Samoza126 sì si conzonoa con la singoria, se non b Tadeo figliuolo che fu de Mazarello da Chuzano, e anche quelli da Panegho. In nello ditto millesimo gli Ubaldini rilassono Scarichalasino 25v e risforzorono Monte Beni127 ch’era de’ Bolongnesi e de’ Fiorentini; e quelloc fu a dì .iiii. d’ottovre. In lo dicto millesimo gli Unghari, ch’erano in lo borgo de stra’ Maore e per le contràde, sì si partino et andonno de llà da Reno per la stra’ dritta; e quessto fo a dì .iii. d’ottobre. Stettono al Borgo128, a Olmedolla129 e per quelle parti e fenno de grandissimo danno, e per lo piano e per la montangna, robbando e pigliando huomini. De che li hominid della città e del contado si potevano forte biasimare de loro et in grande discordia funo con la singnoria. Rasonavasi che gli eranoe bene oltra che quatro milaf, senza che n’era in sul contado d’Imola una grande quantità. In lo dicto millesimo all’ussita del mese d’ottore la inmagine di messer lo papa Bonifatio130, la quale èg possta in nella fazata del palasio grande, sì si chiarificò e sì s’ornò et depinsesi con l’armadura della Santa Chiesa. E quessto si fe’ che gli era quasi guassto ongni cosa perché ll’era gram tenpo ch’ell’era stata fatta. In lo dicto millesimo, sabato, a dì .xxiiiio. d’ottobre sì andò lo quartierh di porta Stieri e di porta Ravignana all’osste et a porre canpo alla basstia, la quale è alla Chalonacha da Renoi, al nome di Dio; e per quessto sonono le chanpane del comune a martello; e sì gli andò per chapità gienerale messer Ghaleotto di Malatessti. In lo dicto millesimo messer lo chardinale venne a Casstello di San Piero lunedì a dì .xxvi. d’ottovre. Al nome di Dio. Partisi dal Chasstello San Piero martidì mattina et albergòj a San Michele dal Bosschok. In lo dicto millesimo venne in Bologna messer Gillo cardinale de Spangna131 e legato in nelle parti di za per la Santa Romanal Chiesia al tenpo del Santissimo Padre e singnore Innocientio Sexto132 Papa. [...]m 26r

messer Ridolfo de Zazuni [da San Miniato] del Tedesscho133 fo podesstà per li primi s[ei mixi, comenzò] al’ufiziob a dì primo de marzo. E fu [lo primo a chi fo] chalato salario e famigli [zudixi, notari e c]av
glieri.

nM.iiic.lxiii.

VIL: s’aconzono. VIL: sonno. c VIL: questo. d Correzione di PR su rasura. VIL: de che i omini. e BdP: erono. f M soprascritta ad m e cassata. g VIL: quall’è. h BdP:quarto. i Segno abbreviativo soprascitto in eccesso. j VIL: vene albergho. k Segue in VIL: al ***. l Segue cassato et tironiano. m La lacuna corrisponde alle cc 123a – 129b della cronaca Villola. Nel margine inferiore: vene in la citta, parole di richiamo al fascicolo seguente mancante. n Le lacune sono dovute ad una lacerazione dell’angolo superiore destro della pagina. Ho integrato le perdite ricorrendo al testo Villola. a

b

43

1357-1369 In lo dicto millesimo venne lettere in [Bononia che l’era stà] data la sentenzia per messer lo papa [contra miser Ber]nabò zò è ch’ell’era prononziato heretic[o e questo]. Fu zò è la pronuzianzònc a dì .iii. de ma[rzo, in conzestorio] ov’era messer lo Papa con tucti li cardi[nali]. In lo dicto millesimo messer Galasso de’ Pigli si[gnore] di Carpo sì si rivellò al marchese da Ffer[rara e] dava aiutorio e vittuaria a messer [Bernabò e] a sua gente. In lo dicto millesimo la gente della liga [si poxeno champo] alla basstia, la quale avea fatto Anich[ino in lo] bossco ch’è de llà da Modena, zò è a Sol[ara per miser] Bernabò e llì derizzorono mangani e [feno u]no forte canpo; et eravi gran gente da chavallo oltra che .iiim. soldati et anco posseam far meglio. Andoglie zerne de fanti da Bolongna, sì che l’osste era forte e fiero, perché messer Bernabòd avea in Parma tucto suo sforzoe per socorrere la ditta basstia e eram messer Feltrino signore di Rezo in lo nostro canpo; era fatto capitano di guerra di tucta la ligha. Conminzò l’uficio lo primo dì d’avrile et inanzi era messer Malatessta Ungaro; e quessto fu che puosono chanpo a miezo ma[r]zo. E per lo dicto canpo ch’avea posto la nostra gente alla dicta basstia messer Bernabò vene con tucto suo sforzof de’ suoi soldati e de suo provisonati e certi suoi cittadini per fornire la basstia; e vene a pasare di sopra dalla basstia; e venne a Crevalcore mercori 26v

g [dì

v d’avrille] e la mattina che venne tolse vittuaria [de Crevalchore] fornì la basstia de vittuvaria et entrò [lui in persona n]ella basstia e fugli tratto d’uno ver[etone e fo] ferito in nella mano sendoh ello in [sul ponte de verso] il canpo nostro. Quando e’ tornavano [indredo, zò è a] Crevalcore messer Malatessta [e miser Feltrin]o capità de guerra feno armare [tuto lo so] campo et assallino la gente de messer [Bernabò e sco]nfissono et avenoi presi e rotta tucta [la gente] senza colpo de spada, tanto è a dire che [no fenno de]fesa nessuna sì come cosa che fue [voler] di Dio; e morilli pogha giente ma funo presonij [infi]nità. Lo nome de’ chaporali sì scriverò [qui de soto], zò è quei che funo presi. Messer Ber[nabò si era] partidok sì come fu [fornida] basstia e venne a Crevalcore; sì che [Dio no v]olse che fose entro la sconfitta ch’el [serave] stato a lo ritaglio che furon gli altri. Lo [nome] sì èno quessti: messer Ambruosolo134 figliuolo de messer Bernabò, basstardo, capità di quessta zente messer Andrea135 figliuolo de messer Zoanne de’ Pepoglil da Bolongna messer Zoane dalla Mirandola136 messer Sinibaldo137 fiolo de messer Francesco dei Ordelaffi, lo quale fue capitano de Forlì messer Ghiberto da Choregio138 messer Pietro da Choregio messer Ghiberto de’ Pigli139

Nel margine sx: 1363. VIL aggiunge: so. c BdP: promuzianziò. d Segue cassato: era forte in parme. e VIL: resforzo. f VIL: resforzo. g Le lacune sono dovute ad una lacerazione dell’angolo superiore sinistro della pagina. Ho integrato le perdite ricorrendo al testo Villola. h VIL: siand’elo. i BdP: aveno. PR cassa la seconda a con un tratto di penna. j BdP: pisoni. La i è cassata da un tratto di penna orizzontale piuttosto scolorito sopra p. Cfr. c 25r nota i, c 42r note b, c. k Segue cassato: sicomel fu. l BdP: Pigli da. PR corregge pepogli e cassa di seguito da in eccesso. a

b

44

1357-1369 messer Ghuido Savina da Foyanoa140 messer Zoanni Ponzon da Cremona messer Nicholò Pallavisino da Piasenza Beltrame de’ Russi da Parma141 Messer Lodovicho dalla Rocha da Pisa142 27r

be

27v

l[

messer Guiglielmo dei Aldinghieri e messer *******c da Mandello da Milan143 e più altri assai de gram fatto che serav[eno tropo a] da scrivere; e dissesi che fu preso Anichino ma [i Tedischi] lo trafugono. Fu una grandissima scon[fitta chè ‘l] si diseva che lla zente che fu sconfitta che [gl’erano] più di due milia buone barbute e de[lla bella zente] del mondo; e quelli della liga erono [più de trea millia] buone barbute, et ancora posseano [porne più si] voleano assai. Cominzossi la battaglia [zò è ch’i] gli asallino, zoba, alle .xxii. hore, e durò [in fino] a un’ora de notte e più; fu a dì .vi. d’aprile e fu [la batagla] li presso alla bastia in luogo dicto lo Mulino [Ran]goni144 da Modona. E dissesi che messer Bernabò [aveva] cominzato di fare una basstia de là dal canpo nostro, per torre lo passo alla vittuaria che venia al canpo; ed era zà edefichata e parte palanchatad che li nosstri non l’aveno sentito. Et in nella dicta sconfitta sì fu preso uno Ardizone da Novara, lo quale avea dato Casstello Franco a messer Bernabò, sì come è scripto indrietoe. E fuf menato a Bologna e fu iudicato per quessto modo: che zoba, a dì .xxvii. d’avrile, e’ seg lesse la condanasion e fu messo entro una chabia h , la quale è in sulla piazza al muro della ringhiera, e lli stette in fine al sabato seguente. E lla mattina fue messe in su uno carro e fu atanaiatoi e menato in fine al merchato e llì fue piantato colli piedi di sotto in fine alla golla; e li fantisini sì lli taglionno la tessta e portonno la tessta per tuctaj la terra, sì che mazore strazio ne feron che ssi fesse mai de persona e mazore tormentok. In lo dicto millesimo la compangna, la quale era con lo marchexe de Monferà] in lo Piamonte stata più tenpo, sì dieno una [grande] sconfitta a messer Galeazo de Vissconti145. [in la qu]ale sconfitta morì lo conte Lando lo [quale e]ra stato conm de molte compangnie in questa [Ytalia et era] era tedessco; e per cierto elli era uno de’ [maùri t]edesschi che fosse poghi mai de za. Quessto [fo del mexe] d’aprile. [In lo dicto milles]imo per la Puglia si trovò tante chavalette [che chrovrìano] la terra; e poi si sparseno per la Marcha [e oltra per l]a Romangnia, ma non da Forlì in za; e [onde le se] si

VIL: Fuglano. Le lacune sono dovute ad una lacerazione dell’angolo superiore destro della pagina. Ho integrato le perdite ricorrendo al testo Villola. c Lacuna volontaria presente anche in Villola. d BdP: i(n)palanchata. e Cfr. c 21v. f Segue m cassata. g BdP: si. h VIL aggiunge: de ferro. i VIL: tenaglado. j Segue cassato: la tessta. k VIL: sì che maore strasio non crezo che se fesse mai de persona, né mazore tormento. l Le lacune sono dovute ad una lacerazione dell’angolo superiore sinistro della pagina. Ho integrato le perdite ricorrendo al testo Villola. m VIL: cho. a

b

45

1357-1369 poneano. Sapiati ch’el no i romangnia se no [la ter]a brolla e feno grandissimo dano. [In lo] dicto millesimo li singnori i a quali teneono Ymola, [che f]uno fioli di messer Bartholomeob degli Alidoxi146, sì si ruppono insieme e si mosstrò ch’el fratello mezzano se la volesse fare a quello ch’era maore, sì ch’egli corse al palasio e sì arse ongni cosa; e fu uno grande romore nella città. Di che e’ venne la novella al nosstro rettore et incontanente chavalcò a Ymola; e fugli aperta la porta et mitighò l’overa. Romasa che fu la novella, el tolse quessti due maori fratelli et altri de’ maùri della terra e sì lli menò a Bolognia; e puose le guardie a possta di Santa Chiesa, ben ch’ella era a sua posta in andare et in venire, ma pure el tolse la singnoria libera per messer lo cardinale e cosstoro rimaseno con esso lui in Bologna. E in Imola romaxe governadore per lo cardenale miser Francescho Ramponi dottore de lege che v’era statto posto inanti per la Chiexia. E così si fa a’ macti. Mosstra che di messer Ruberto rimanesse .vi. fioli masschi, et eravenec uno ch’era vesscovo d’Imola, non parve ch’el s’inpazzasse sì ch’el si rimase in Ymola; gli altri fratelli eranod pizzoli, sì che romaseno; e quessto fu a dì .vi. di mazo, in sabbado.e In lo dicto millesimo gli Fiorentini, ch’aveano guerra cogli Pisani, sì dieno una sconfitta ayf Pisani in nello 28r

piano de Pezzoli147, in sul Pisano, ben de .viiic. huomini a chavallo e molti peduni ch’erano cittadini, e fune preso assai e morti; e fu preso il capitànio suo, ch’era figliuolo del perfetto da Vicho g 148 ; e per capitano de’ Fiorentini sì era messer Piero da Fernese 149 . Sapiate che ‘ Fiorentini aveano più de .iiim. di chavaglieri, e li Pisani n’aveano due milia; e disevasi che lli Visconti gli aveano di sua zente; e quessto fu domeniga .vii. di mazo. El martidì seguente sì gli deno un’altra de .iiic.h barbute. Venne l’oliva al nostro rettore in Bologna, ben si disse chei più scharamuse gli Fiorentini n’aveano autej non di men che lloro. E dissesi che li Fiorentini andonno in fino in sulle fosse de’ Pisanik a batergli moneta per maggiore dispetto; e lli pisani insino foral e lli fu una grande baruffa da l’una parte e l’altra. In lo dicto millesimo si fe’ uno parlamento in Ferrara. In nel quale parlamento sì v’andò messer lo cardinale e sì gli venne lo singnore di Padova e gl’inbassadori de quelli dalla Schala e quello ch’era capitànio della lega, ciò è messer Feltrino signore de Regio. La cagionem per che non li fu quello dalla Schala sì fu perché fevano una grandissima corte

Segno abbreviativo in eccesso cassato da PR. VIL: Rubertho. c VIL: eraglene. d BdP: erono. e Segue nella cronaca Villola un paragrafo mancante sia nella cronaca Pugliola sia nella Ramponi: Anche mo andò lo retore nostro al chardenale: et andò segho gli dicti Alidosi. E miser lo chardenale si gle restituì in Ymola, salvo che l’avea la guarda de la cità e del chastello, e no osavano pore greveze ai citadini, ma choglevano i dacii uxadi, e de questo pagavano i soldadi; e questo fo a l’intrare de zugno. f VIL aggiunge: dicti. g VIL: Viterbo. h VIL: iiiic. i VIL: ch’in. j VIL: apù. k VIL: Pixa. l fo è scritto da PR su rasura. m Segno abbreviativo in eccesso su o. a

b

46

1357-1369 d’una sua spoxa; e quessti che funo sì erano tucti in liga. E quessto fue domenicha a dì .xiii.a de mazob; e stettono in fine al mercuri seguente e poi si partino. Al nome di Dio. Partito lo parlamento, sì mandò lo cardinale a dare lo guassto a Bangnacavallo et a l’altre fortezze che tenea messer Iohanni de’ Manfredi150. In lo dicto millesimo, del mese de mazo, li Fiorentini perdeno 151Altopassoc e quessto fu uno fiorentino ch‘era de Sschali, lo quale era chasstellano, che llo rendé a’ Pisani per .viiim. fiorini d’oro. E così si disse. In lo dicto millesimo, del mese de zugnno, all’entrata, gli 28v Ungari, ch’erano in lo nostro canpo atorno alla basstia, sì fenno uno tratado con messer Bernabò de dover metter in rotta l’osste e de tradirlo. Messer Feltrino capitànio sì seppe lo tractato e fo preso de molti conisstabilid, e fune mandati parte al chardinale et al marchese; e lla maiore parte funno chassi. In lo dicto millesimo, mercori, a dì ultimo de mazo, lo dì nanzi lo Sangue de Cristo152 sì si rendé la basstia da Solaroloe alla gente della legha e fornisi per lo marchese; sì vi stette lo canpo da mezo marzo in fino allo sopradicto dì. Al nome di Dio. In lo dicto millesimo fu una grandissima battaglia tra re de Spangnia e lo re de Ragona e morigli li sopradittif dui re con altri re de corona e ben più de .xxx. millia huomini tra l’una parte e dell’altra, tra de Cristiani e de Pagani. E quessto si disse per li romei che venenog da Santo Iacomo; e quessto fu de mazo overoh di zugno. In lo dicto millesimo li singnnori della Schala si fenno una grande corte per casone d’una donna la quale tolsei Chane singnore; ed era una donna de reali de Pugliaj. E sì si disse ch’ella fu una delle belle corti che ssi fesse poghe in Lonbardia; e sì si disse che gli era adata la donna de messer Bernabò ben con mille cavalerik, troppo honorevilemente de compangnia e di donzelli et de gran donne. In lo dicto millesimo si venne in Bologna messer lo conte da Meleto153, sinischalco della provinzal de Franza, e lo vescovo de Universa154 anbassadori del papa e dem re de Franza155 e l’arcivesscovo de Candia e llo cancigliero secreto de re di Cipri156 su anbasaduri. Et dissesi che viniano da Milano per casone di fare 29r

aconcio con la Chiesa e con messer Bernabò e de tucta la ligha; e quessto fu martidì, a dì .xiii. di zungno. Dicevansi che gli erano mandati da’ suoi singnori perché volevano fare lo passazzo al Sepolcro157; et aveano tolton la crocie in Vingnione.

VIL: xiiii. BdP: marzo con r cassata con un tratto di penna. c BdP: Etolopasso. PR cassa tolo- e corregge aggiungendo alto in interlinea. d Segue cassato: du(n). VIL: contestabelli d’Unghari. e VIL: Solara. f BdP: sopradicti. g BdP: venono. h PR sembra correggere: overa. i VIL aggiunge: miser. j Cfr. c 28r. k BdP: [h(ono)ri]. La parola è cassata e sostituita da PR. VIL: chavagli. l VIL: Proenzia. m Segue ripetuto a capo: de. n Segue cassato: la. a

b

47

1357-1369 Partinsi li dicti inbassadori zuoba, a dì .xv. di zungnio, et andonno al cardinale in Romangna. In lo dicto millesimo, di luio, si rivellò Ascoli, lo quale è in nella Marcha, a messer lo chardinale; et eransi voltatia tre volte da che lo cardinale ne fu singnore. In lo dicto millesimo si riscosse Monte Veglio per quessto modo: che giuovidì nocte, vengniendo lo venardì, a dì .xxii. de zungno, sì cavalcò una brigata de zente de foresstieri e zerti zentiluomini del nostro contado e feno una b raunanza c de zente et andonno alla fortezza; e sì andonod drento; cominzono a ficare lo foco gridando: “Viva la Chiesa!”. E finalmente i aveno lo casstello, salvo che si tenne lo zirone e la torre della porta e la Chucherla158 ch’èe pieve. Di che e’ ssi levò lo campo ch’eraf a Crevalcore e venneno a porre canpo alla Ghiara, et andogli fanti zittadini; e combatteno la Chuchorla e quella aveno inconteneti. Ma quello ch’era in la fortezza del zirone sì si tene di fino al merchuri, a dì .v. de luio, alle .xxiiii. hore; et puossi dire che per bontà de’ cittadini el savesse che funo a combattere ongni volta che poghi foresstieri sì gli avisinava a combattere. E fo trattato et ordinamento d’uno ch’à nome Gazone, lo quale avea una sua torre sotto Monte Veglio; e mai non volse rivellarsi e fu liale huomo. Anco mo chavalcò lo quartiero de portag de Sancto Progolo et andonno a Serravalle colla foresstaria, e lì puosseno il canpo; e non vih posseno stare perché llìi non i aveano dell’aqua; e quessto fu martidì, a dì .xi. de luioj. 29v Sabbato si mosse la pedonaglia e veneno a Casalechio, et andonno su a Batidiço159 e llì si posonno, tra Monte Mariano160 e Batidiço, con la foresstaria. domenicha a dì .xvi. de luio cavalcò porta San Pietro al dicto canpo e l’altrik tonorono lo lunedì seguente. Lunidì .xvii. di luglio sì si rendé lo dicto Monte Mariano, lo quale avea rivelado li conti da Panegho. Vegnieri, a dì .xxi. de luio, cavalcò porta Stieri a Batidizo. Merchuri, a dì .xxvi. de luio, chavalcò porta Ravingnana a Batidizo. Zuoba di notte, a dì .xxvii. de luglio, la giente di messer Bernabò, la quale era a Ciesil161 e lli aveam fatto una basstia sì ssi levonno e venono a Modena per conbatterla con schale e con punti; e lli rimase morta di buona zente del dicto messer Bernabò con schale e ponti; e feno niente. A dì ultimon de luglio venne novella che s’era riscosso Ascholi, lo quale erao rivellato che messer Zoanni da Olegio, lo quale era marchese della Marcha per messer lo cardinale, lo

VIL: reveladi. Manicula sul margine sx. c VIL: aronanza. d VIL: introno. e VIL: e la. f Segue cassato: a. g di porta aggiunto nell’interlinea da BdP. h Segue cassato: pi. i BdP: [ivi]. j Seguono tre righe erase, di altra mano, non più leggibili, assenti anche nella cronaca Rampona. k BdP: antri. l a ci scritto su rasura. m BdP: aveano. PR corregge: avea, cassando no con due tratti di penna. n BdP: unltimo. Correzione dell’editore. o VIL: s’era. a

b

48

1357-1369 avea retrovato; e dissesi ch’el li aveaa fatto de grandi giusstizie e novitade. Parve che gli ponesse lo campo e riscosselo in poghi dì. A ditto dìb si risschosse Batidizo, lo quale tenea Lionardo figliuolo che fu de Ghaleotto da Panegho. Stiettivic molti dì lo canpo; et aveano pacti da rectore. A dì .xxv. de luglio, lo dì de Sancto Iacomo, gli Pisani con tucto suo sforzo chavalconno in sul Fiorentino, zò è a Paretola162 et alla Lasstra163, ardendo et abrusando e guasstando zò che trovavano, in fino in sulle fosse di Firenze di là dall’Arno e di za. 30r

Mosstrava, per quello che ssi disea, che messer Galeazo gli avea mandato parte della copangnia bianchad, la quale era in lo Piamonte, ay Pisani. E dissesi che gli erane stati in sulle fossef e llì aveano apichati due asini de dispetto de’ Fiorentini; e per lo zerto vi feno uno grandissimo danno. Per quello che ssi disea, aveano gli Pisani più de quatro mila huomini a chavallo e pedoni assai. Disevasi che y Pisani aveano inpegnato Lucha a messer Galeazzog per denari da pagare quessta conpangnia, zò è inpengnato per zerto tenpo; ma furon chari. E in quessti dì era in Firenze una grandissima mortalità, per tucta la Tosschana; ché venne in Bolongna assai Tosschani per uscireh della moria. A dì .v. d’agosstoi sì si riscosse Bonaçara164 e Monte Poli165, lo quale tenea Tordino fratello de Paganino da Panigho. Et [e]l dicto Paghanino era con messer Bernabò de quessti dì. Lunidì, a dìj .vii. d’agosstok, chavalcò lol quartieri di Porta San Procholo et andonno con tucto lo canpo de za dall’aqua da Seravalle; e poi andonno a por canpo am Crespelano. Martidì, a dì .xv. d’agossto n , cavalcò lo quartiero de Porta San Piero et andonno a Crespelano. Anco mo in llo dicto millesimo si fu una grandissima mortalità a Ferrara, a Padova, a Vinesia. E deti savero che l’anno pasado la iera stata grande; e per quello che disea ongni huomop l’era mortalità e guerra e per tucta la crisstianitade e fu in molte terre de za che lla sì fu due volte, zò è in nella piùq parte. Al nome di Dior. A dì .iii. de settembre, in domenigha,

30v bandissia alla ringhiera che ogni huomob potesse andare sano e salvo alle chasstelle et alle fortezze, le quali si tenevano per messer Bernabò, e così che ongni huomoc di quî dalle dicte Segue cassato: f(a)c(t)o. BdP: Dicto dì. c VIL: stegle. d Segue cassato b. e BdP: eron. f fosse in interlinea. g BdP: Galeasso. h VIL: zesare. i BdP: ogossto. j Scritto su rasura. k BdP: ogossto. l Segue [p] cassata. m PR cassa a poi la riscrive nel margine dx, probabilmente voleva eliminare la a che precede por. n BdP: ogossto. o BdP: Ed è da saver. PR corregge cassando da con due tratti di penna. p VIL: honomo. q VIL: maore. r In VIL la datazione precede l’invocazione. a

b

49

1357-1369 fortezze posseseno venire alla città de Bologna sani e salvid; e desessi che quelli ch’erano in nella ligha aveano fatto similemente in nellee loro cittàf, e così fe’ fare messer Bernabò in nelle sue. E a quessto non fu possto termine nessuno, sì che lle zenteg non sapevano cierto se gli era triegua o pase libera in fino che non si rendeva le fortezze, ma chomunalmente si disea pase per ongni huomoh che ll’era facta. Ma non fu pase sino al dì che se truova più innanzi. Per lo tenpo forsi de .x. o .xii. dì, fatta la dicta grida, di molti boi et altra robba fu tolta su per lo nostro contado, et anco si disse su per quello de Modenai da’ nimisi. Si disea che lli pacti funoj che ’l non si dovea fornire neghuna fortezza de quelle della legha, né anche de quelle de messer Bernabò, zò è che nessuno non portasse robba su per lo terreno l’uno dell’altro. Et quessta parte molto male s’intese per nessuno, che llo rettore era andato al cardinale, e stettivik molti dì, sì che non ci era nessuno che ssapesse dare hordine. Ma doppo la venuta del dicto rectore, si mandò alle fortezze che si dovessono rimanere de zò; e così fu fatto. Ma chi si trovò a perdere se n’ebbe il danno, ben ch’el fu chi risscosse a che chi ‘ll fu renduto. E del modo et hordine chem gl’inbassadori ch’erano mandati, sì come è scritto di zàn, sì fu che gli andono a Milano et al cardinale volte assai; e finalmente andono a Milano e menono secho messer Gualdrise, lo quale era inbassadore de messer Bernabò, et uno suo canzigliero et andonno al cardinale; e lli si fe’ onne cosa che s’era a ffare salvo che genteo 31r

che funo in stanziap; e possa che fu la dicta grida, l’altro dì seghuente andonno verso Milano; e possa si disse che gli andonno a corte a rifermare dinanzi a messer lo papa et a chardinali. E quessti inbassadori sì erano quessti: e lo vesscovo d’Universa, lo conte de Melito, mandati per lo papa e per lo re di Franza, e l’arcivesscovo di Candia e ‘l canciglieri dello re di Cipri, anbassadori dello dicto re, ben che a quessta vignuda e’ non erano tucti insieme, se non due di loro e quelli di messer Bernabò. La gente ch’era della legha atorno a Crespolano levono canpo e vennono in Bolongna; e possa gli sparse per la Marcha. In lo dicto millesimo sì fu fatto vecie podesstà della città di Bologna messer Antonio della Città di Casstello, lo quale era ufiziale per lo cardinale; e stiette in ofizio in fino ***q Intrò in nello ufizio di settembre, a mezo lo mese, e no avea famiglia si può dire nessuna; no avea vicarii: zerti missi di Bologna, di quî di palasio, fevano sì come di birrovieria; non avea

PR aggiunge la b che BdP aveva scritto nella carta precedente. VIL: onomo. c VIL: honomo. d BdP: sano et salvo. e BdP: nella. f VIL: in le soe citade. g BdP: se non che lle zente. PR corregge prima: sì che non, aggiungendo che in interlinea, poi cassa tutto aggiungendo di seguito si in interlinea per ottenere sì che lle zente. h VIL: honomo. i BdP: di Modona. j VIL: che in gli pacti fo. k VIL: stegle. l BdP: che glil fu. PR corregge: a che chi ‘l cassando -il. VIL: che ‘l gle fo. m VIL aggiunge: fe’. n Cfr. c 29r. o Aggiunto nel margine dx accanto a zu(n)ti cassato. La lezione di BdP trova maggiore giustificazione nel contesto ed è confermata da VIL. p VIL: sta tera. q Lacuna volontaria presente anche in VIL. a

b

50

1357-1369 donzelli, né zudisi, se non uno al malifizio; e fu volta che non era in nella città rettore, né podesstà, né vesscovo, che nessuno non era in sta tera. Et a quessti dì steste molti dì la terra, et non si trovava che in la città se fosseb se non poghi romori e pochi malifizii, e per zò credoc che Dio lo promettesse per lo men [r]iod. E gli Fiorentini perdeno Fighino166, lo quale glil tolse una compangna167, la quale era in sul suo contado; et erano la maore parte Inghilesi, li quali veniano di Piamonte ch’erano stati a posta del marchese di Monferrà. E disevasi che gli erano a possta de’ Pisani e facevono una gram guerra a li Fiorentini; et quessto fo del mese di settembre, a dì .vii. d’agosstoe. 31v In lo dicto millesimo si cominzò a ffare una fortezza a Budrio per lo nostro singnore; e quessto fo, zò è ch’ella si cominzò a dì primo168 d’ottobre. E mure si fe’ tuctof atorno di belle mure; e a quessta fortezza si disea lo casstello da Budrio; et achasossi drento per li cittadini di Budrio ch’ellog gli fe’ zerti avantazzih. Ancora si fe’ fortezze per la Romagna, le quali fe’ farei messer lo cardinale; fu del mese di settembre. Zò è uno casstello a Furlinpopolo murado e bello et una basstia al Ponte di San Procollo169 et una basstia a Rio Sanguinaro170. E quesste fortezze si rasonava ch’el fea fare per chason di molte compangnie, le quali erano in quesste parti. Ben che ssi disse che messer Zoanne de Monferrà sì ssi challò zuso al Ponte da San Progollo a quesstaj fortezza e llì fe’ molte novitade di voler ardere e far danno; ed è vero ch’ello era in legha con messer Bernabò, et era ribello di Santa Chiesa, sì com’è scripo di zàk. Ancora si fe’ una fortezza alla Mulinella con una torre, ben ch’ella vi solea essere; e quessto fu di settembre. Sappiate ch’ella fu guassta per la sopra dicta guerra, sì com’è scripto innanzil. In lo dicto millesimo li Veniziani perdeno Candia e tucta l’isola, la quale gli rivellò i cittadini di Candia, che parea che gli Viniziani gli facessono una mala singnoria; e di quessto feno uno gran danno a’ Veniziani. E quessti che rivellono dicevasi che gli erono Viniziani stati mandati in quelle parti per li Viniziani a regere l’isola tucta, zà si fea molto tenpo, che quasi si posseva dire che fossono Candiotto, ché tanto tenpo v’erono stati; fu del mese di settembre. In lo dicto millesimo fo sconfitta la compangna del Chapelletto171, 32r

la quale era in sul Senese, dai Sanesi, che pareva che fosseno stati a possta di Fiorentini dal dicto tenpo innanzi, e mo mostrava che Senesi gli dovesseno soldare, zò è d’aconzarse sego, che no dovesseno farli danno; e si aveano zà mo li ostadixi da’ Senesi. fugli fatto tradimento

VIL: beroeri. VIL: so fesse. c VIL: inperzoché e’ crego. d VIL: meiurio. e VIL: over d’agosto. Ho preferito non correggere perché BdP deve aver male interpretato la grafia di VIL senza rendersi conto dell’incongruenza. f VIL: e murose tuto. g VIL: ché ‘l retore. h Segno abbreviativo in eccesso sull’ultima a. i Segue cassato le. j VIL: quella. k Cfr. c 28r. l Cfr. c 22r. a

b

51

1357-1369 alla conpangnia, ma non funo sì rotti, ché ssi rifenno et aveno uno suo chasstello. E dovetea sapere che li chapib de quessta compangnia erano quessti: Ugolino de’ Sabadini da Bolongna, lo conte da Sartigliano et uno altro lonbardo zò è il conte da Sevrino et uno ungharo c. Et a quessta d si disea la compangnia delli Ytaliani, ma per zerto lo chò sì era quessto Ugolino. Iee rimasino in sul Sanese a fare danno; e quessto fu d’ottovre. In lo dicto millesimo li Fiorentini usino fuora a canpo contra la gente de’ Pisani, zò è apresso Fighino, ché lla zente de’ Pisani erano a Fighino e li Fiorentini lì pressenof. Dissesi che messer Pandolfo de’ Malatessti172 era suo capitano; ed erasi partito del canpo et era venuto a Firenze ben con .vic. barbute; et avea lassato in lo canpo forsi dag mille huomini a cavallo, digando che non si dovessono partire del canpo se fosseno asaliti, in perzò che il canpo era forte, ed erano pogha zente a rispetto della compangnia ch’era a possta de’ Pisani. E quando li Pisani sentino quessto, e cavalcono et assalino cosstoro e sì ruppeno e misegli in rotta; e fugli preso lo chapitano de quella zente et assai altra buona zenteh e cierti cittadini di Firenze; ma non è da intendere de messer Pandolfo, ch’è il capitano gienerale della guerra, che non gli era, sì come è dicto de sopra; e questo fu d’ottovre. Et per quessta novitade è da sapere che in Firenze fue grande novitadei, ché llo popolo minuto, lo quale era 32v del Consiglio, sì disea contra gli grassi del popolo: “Voi siete andati zerchando quessta guerra, noi stavamo j bene e mo stemo male et avemo de molte presstaze e pocha rendita!”. E stettono serrate le sstazioni de molti dì; et grande erore glie funok et armati stevano ongni oral. In lo dicto millesimo, a dì .x. d’ottovre, s’aprese lo fuogho in Bangnachavallo, lo quale tegnia messer Zoanne de’ Manfredi173; e arse ben lo terzo. In lo dicto millesimo s’aprese lo fuocho in Hostiglia174, la quale si tenea per lo marchese da Ferrara; et arse tucta. Zò si disse. In lo dicto millesimo lo signore chem tenea Mantova175, che era uno di quelli da Gonzagha, sì entrò in ligha con lo cardinale e con tucta la legha, che da qui indreto avea tenuto con messer Bernabò; et incontanente gli cavalcò zente della legha. In lo dicto millesimo, a dì .viii. de novembre, messer Guelfo de’ Grardini da Firenze fo podesstà de Bologna. Al nome de Dio. Desessin che non volse venire se non avea la famiglia ordinada, com’era usado, ché quello che n’era ussito avea menimatoo salario e famiglia. Fugli fatto quello che domandò. VIL: dovì. BdP: chi è cho. VIL: che i cho. c BdP: ungh[e]ro. d BdP: quessto. e BdP: i[o]. f BdP: li presso. Corretta la lezione di BdP, infatti anche VIL riporta: lì preso. g BdP: co(n). h Segueassai cassato da PR presente anche in VIL. i Segno abbreviativo soprascritto in eccesso. j VIL: stephano. k VIL: in grande erore fono. l VIL: honora. m VIL: quel. n BdP: dissesi. o VIL: smenomado. a

b

52

1357-1369 Domenicha, a dì .xxvi. di novembre, vene novelle in Bologna che uno de quelli della Mirandola che i era drentoa sì dè lla Mirandola al marchese; e sì gli andò della giente della ligha, la quale er’a Mantovab; e dessesic che gli cavalcò zente di messer Bernabò et entronno in negli burghi. E quello che ll’avea data alla ligha, lui medesimo la rendé alla zente de messer Bernabò, ben ch’ella non era innanzi sua libera, ma erano secho in legha et ora fu renduto; sì che fu tradimento. 33r

.M.iiic.lxiiii.d messer Gomes, rettore della città di Bolongna, lo quale era andato al chardinale, venne in Bologna con grande honore e menò secho uno frate Daniello, dell’ordine de fra’ di San Zoanne da Sancta Croce, lo quale era de’ marchesi da Chareto176, delle parti di Piamonti. E quessto fra’ Daniello fo mandatoe dalla parte de messer lo cardinale Egidio, da qui indrieto nostro singnore. Vengnieri seguente, a dì .v. di ienna[io]f, si fe’ uno cosiglio i ·nello quale venne lo rettore e disse che lla pase era fatta e ch’ella era fatta per quessto modo: che ’l cardinale de Chungnig177 era fatto legato de Bologna e di Lonbardia e della Marcha Trivisana. E mosstrò in lo suo dire che ’lh parea che messer lo cardinale né llui non sapessono de quessta paxe, né per che modo ella fosse fatta. Ma pur la gente pensò quello che n’era: ch’el mal volentiera el lassava la singnoria, zò è della rettorìa de Bolongna, ma gran senno mosstrò che era in nello nostro singnore messer lo cardinale Egidio. Sabbato seguente, a dì .vi. de iennaro, si fe’ uno consiglio e disse che ’l nostro rettore i domandava d’esser facto cittadino di Bologna. E de quessto si diè il partito: vinsessi e fu fatto zò ch’el seppe adomandare. E disse ch’el voleva fare fare una chapella in sulla piazza a piè della crose ej volea, se mai el morisse in quessta Lonbardia, di dovere essere aduttok, zò è il suo corpo, a sotterrarsi a Bologna. Mercori seguente, a dì .x. de ienaro, la gente della liga andoronol alla Mirandola et a quello arseno tucto lo borgo; e quessto feno per lo tradimento che lli feno. Vengnieri, a dì .xii. de ienaio sem fe’ uno consiglio e llo

33v nostro rettore messer Gomes si diè le chiavi e la bachetta del suo ufizio, ciò è della rettorìa della città de Bologna, al dicto fra’ Danielle; ed avea quelo tittolo ch’avea lo dicto messer Gomes de fare zò che a llui piasevan e che li paresse di fare sì come rettore. Ed è di o savere che quessto fra’ Danielle z’eraa a possta di messer Egidio chardinale in fino al dì che qui dirieto scriveròb. VIL: ch’era dentro. PR corregge: era a Mantova, aggiungendo a in interlinea. c BdP: disesi. d VIL aggiunge: dì iiiio de zenaro, zuoba dì. e BdP: domandato. PR corregge cassando do- con due tratti di penna. VIL: mandado per miser. f -io sembra corretto da PR su lettera non distinguibile. g BdP: chungino. PR corregge chungni, cassando la i soprascritta e correggendo o con i. VIL: Chugnino. h Segue cassato: ch(e). i Segue cassato: chel presente anche in VIL. j BdP: el. PR corregge e, cassando l. k BdP: aducto. l VIL: andono. m BdP: si. n VIL: piaxe. o BdP: Ed è da. a

b

53

1357-1369 A dì .xiiii.c de zenarod messer Gomes rettore da qui indrieto della città di Bologna per messer Egidio si partì della città di Bologna et andò inn Anchona al dicto messer Egidio; e lassò la singnioria al dicto fra’ Daniello. E cum lui andò ms Francescho Rampone dottore de lege lo quale honorevelmente lo ancopagnò per fin ad Ancona e alcuni altri zentilomini da Bologna. E sappiate ch’egli avé lo maggiore honore dali huominie di Bologna che mai avesse nessuno singnore, sì per amore et honore del suo barbano messer lo cardinalef, per lo suo, ch’egli era stato buono e piasevile rettoreg et amorevile a tucti li cittadini; e così si diseva per ongni huomo; e gram male ne fevah alla maore parte della zente, sì grandei che quasi pogha zente lo crederavej. Sappiate che gli anziani de Bologna, quando si venne a partire, sì gli presentono da parte del suo comuno un bello cimiero formado a forma de uno angnello bellissimok, con una corona atorno de perle, tal che gosstò lo dono oltra .cccco. ducati d’oro. E ssapiate che, per quello che ssi disse e che ssi vide, fo che messer Bernabò non volse mail d’avere paxe collo nostro singnore messer Egidio, ma voleva far pasem conlla Chiesa ed igli mandasseno un altro cardinale in Bologna, sì come fu fatto per messer Urbano papa. E sì ssi può credere che messer Egidio volse aconsentire a quessti patti perché noi avessimo paxe, ché grande brigha et affanno durò in quessta guerra per chavarzi de brigha, sì per lo tenpo presente e sì per lo passato, che zasscun cittadino dovrian senpre 34r

portare honore et amore a zasscuno che ben volesse a llui. Venne l’arcivesscovo de Candia e ‘l chancigliero del re de Ciprio anbassadori de messer lo papa e de re de Cipri, sì come è scripto più indrietoo, che venneno et andonno a Milano et al chardinale et a Vignone; e durò più d’uno anno quessta menap. Zò si disse: che a quessto messer Bernabò era uno diversoq singnore che non tenea veruna cosa che inpromettesser. Sì che quessti dui anbassadori venneno da Millano e sì arivono in sul Modanese e tolseno la tenuta de due basstie ch’avea fatte messer Bernabò ins sul terreno del marchese, lo quali a quessti dì teneva Modena; e poi venne oltra e tolse la tenuta de Crevalcore, de Casstello Franco, de Piumazzo, de Crespellano, de Seravalle e d’altre chasstelle, le quali el tenea in sul nostro contado et in sul contado de quelli ch’erano entro la ligha collo cardinale Egidio, i

BdP: i era. VIL: z’era. Cfr. C 34v. c VIL: xiii. d BdP: ienaro. e BdP: dalio huomini. Correzione dell’editore. f Segue et tironiano cassato. g VIL aggiunge: in Bononia. h VIL: fe’. i BdP: grandi. j BdP: [ar]derave. k VIL: angello beledisimo. l VIL aggiunge: odire. m Segue colla in eccesso, cassato da PR. n VIL: dovrave. o Cfr. c 28v. p BdP: m[o]na. q PR corregge: deverso. r VIL: ch’el prometese. s BdP: [y]n cassato e corretto da PR. a

b

54

1357-1369 qua’ eranoa quessti: lo marchese da Ferrara, quel da Charrara, lo singniore de Padova, quel da Regob, ch’era di quellli da Gonzagha, ch’avea nome messer Feltrino; et anco quel da Mantova era entrato nella ligha, ch’era de quelli da Gonzagha. Sappiate, quando tolseno la tenuta della dicta fortezza, elli ponevano le bandiere ad arma di Sancta Chiesa e de re de Cipri, in perzò ch’i parea che llui fosse stato molto volenteroso di quessta paxe e sigurtade dell’una parte et dell’altra, a dovere fare dare a messer Bernabò la quantità de lire ****** zò è de quelle dell’entrata di Bologna tra lì. E fevano zurare li soldati e chapitani che gli erono sotto il comandamento di messer l’arcivesscovo dicto di sovra. Ancora andonno a Llugo e llì feno lo simigliante; et andonno a quelo de’ Manfredi, che tenea quelle fortezze rivelle per la Romangna, et a quessto diè il sagramento de dovere far quello chec messer Bernabò. 34v Vene lo nostro vesscovo da Vingnone vegnieri a dì .xviiii. di zenarod. Lo sabbato seguente si fe’ uno consiglio e sì si bandì la pase tra messer Bernabò e lla Chiesa e ‘l comune de Bologna, che ongni huomo potesse andare sano e sichuro; e per quessto sonò la canpana del comune, sì come si richiedea a così grande allegrezza. La grida fu fatta a quessto modo, ma non fu libera pase ch’el fu tamanto il trattatoe che fu un gran fatto. Ma guarda più oltraf et odirà che fug e quando ella si fe’ e zerta. Lunidì seguente, a dì .xxii. de zenaro, lo nosstro vesscovo, lo quale era stato fatto vichario dello nostro singnore messer Androino chardinale de Chugnnih in Bologna, in fine alla sua vengniuda, sì fe’ fare uno consiglio; e fra’ Daniello, lo quale era remaso nostro rettore doppo l’andata di messer Gomes, sì com’è scritto denanzi i , sì diè la singnoria al dicto nostro vesscovo ed a quessti anbasadori; et igli s’il disengniono e rifermòno rettore e felloj zurare entro le suoi mani in nome del nostro singnore messer Androino; e cossì feno zurare gli anziani et il podesstà. Sì che a quessto è da pensare, che ll’era da quessto punto innanzi a possta de messer Edigio rettore in Bologna, zò è fra’ Daniello. Sabbato seguente a dì .xxvii. de zenaro se n’andò fra’ Daniello e ristituì l’ufizio suo al dicto arcivesscovo et al k conpangnio entro ‘l consiglio che ssi fe’. Et l’arcivesscovo e anco lo chancigliero stevanol in palaxio sì come reggitorim fin alla vegnuta del chardinale. Domenicha, a dì .xxviii. de ienaro andò l’arcivesscovo a metter zente entro le fortezze, le quai tenea messer Bernabò, delle nosstre; e ponevagli la gente de messer lo cardinale. Et al nome

BdP: erono. Aggiunto su spazio bianco. Segue cassato da BdP: ch(e) ch[arara] singnore. c VIL aggiunge: fe’. d In VIL la datazione è preposta al testo. e BdP: traattato, seconda a cassata da PR. f Cfr. c 36r. g VIL: che ‘n fo. h Aggiunto su spazio bianco. VIL: Chugnino. i Cfr. c 33v. j Con titulus su e. k VIL aggiunge: so. l v su rasura. VIL: stephano. m Segue cassato: della. a

b

55

1357-1369 di Dio. Così andò a Llugho e per tuttea le fortezze, le quai el tegnea rivelle. E sappiate ch’elli misseb de fora tucti li forestieri, li quali erano drento, e sì gli paghavano di tucto lo tempo 35r

che gli erono stati, zò è dal dì che gli aveno zurati sotto l’arcivesscovo, e della munizione che gli trovarono, che gosstò de gran danaric. Sappiate che quessto arcivesscovo era dell’ordino de’ fra’ del Carmined e avea fatto molti pasee, come era quelle de re di Franza e de lo re d’Inghiltera; e quessto et andò a Venesia per fare quela de’ Venisiani e quelli di Candiaf e per cierto egli era im gratiag d’ongni huomo per così fatte casoni, che lla sua persona molto valse a fare quesste pasi e grande afanno ne d[u]ròh. In lo dicto millesimo fu un grande geloi e uno forte inverno di neve e di glaza e di gran freddo, e durò più di due mesi e mezzo; e fu sì forte e sì grande che zà era grande tenpoj ch’el non era statok sì grande. E comenzò in fino nanzil Natale che fu dell’altro .Mo.m. Sappiate che inanzi ch’el nostro singnore messer lo cardinale Androinon vegnisse a Bologna egli arivòo a Milano e stette con gli singnorip ben .xiii. dì; et avé da lloro sì grande honore che fu infinito. Ancora, innanzi che ssi partise da Milano, si fe’ la pase de messer Galeazzo e ‘l marchese de Monferà, ch’era durata un grande tempo. Fessi una conpangna molto grande a piè de Carpo et andono in Tosscana a possta di messer Bernabò, zò si diseva; et andò a canpo in sul contadoq der, la quale tenea li Fiorentini; et era capo di quessta conpangnia Anichino di Mongarde tedesscho. In lo dicto millesimo si trasse due grandissimi truoni e fu lo primo dì de febbraio, fu tengnuto gram fatto. Al nome di Dio. Quessto è lo cominzamento e ‘l modo che sfu alla vegniuda de messer Androino chardinale del tittolo di Sancto Marzello, legato de Bolongna

35v e di tuttat la Lonbardia al tenpo del sansimo padre messer Urbano papa quinto, mandato per lui. Venne per la porta de Galiera. Mercori a dì .vii. di febra[r]o, lo primo dì di Quaresima, venne messer Androino nostro BdP: tucte. BdP: sappiate che quel ch’el misse. PR corregge cassando ch(e) quel. c BdP: de moneda. PR cassa e corregge. d BdP: carmino. e BdP: pasi. f Cfr. c 31v. g VIL: ingraciado. h Forse correzione di PR su d[i]rò. VIL: durò. i VIL: ziello. j Segue cassato et tironiano. k BdP: statato. Correzione dell’editore. l VIL: chomenzò fino inanzi. m 1363. n Androino in interlinea aggiunto da BdP rispetto a VIL. o Seguono lettere cassate. p VIL aggiunge: de Milano. q In VIL segue uno spazio bianco che né BdP, né PR sono in grado di colmare. In BdP la scrittura è continua, mentre VIL va a capo con: la qual tignia. r Scritto su rasura. s Manicula nel margine sx. t BdP: tucta. a

b:

56

1357-1369 singnore in Bologna; e venne per Ferrara et arivò Cento. E quando el zunse a Cortisella, in fino lì si gli andò incontra bagurdaduri di molte brigate, come fu .iiii., una per quartiero; dall’altra parte la conpangna di nottari, quella de’ chanbiaduri, quella da mercatanti di panno, quella di queli della seda, quella de’ becchari e speziali e tuttia a chavallo e vesstiti tucti nobilemente, zascuna brigada per si. Possa venne oltra e llì presso alla porta gli fu messo uno bello baldachino sovra di scharlatto e foderato b di varo; et venne drento. E quessto portavano donzelli vesstiti a uno intaglio. E drento, presso alla porta, sì gli era lo charozo con lo gonfalone ordinato, e llì suso era otto tra conventati e chavalieri, zò è due per quartiero; et con grandissima fessta venne in fino a San Piero senpre con gli bagurdatori ec gli omini delle conpangne vesstite innanzi, ballando e fazendo fessta. Et quando fue a San Pietro oferssed a l’altaro, e puo el marchese Nicholò, singnore di Ferrara, che era vengnuto acompangnare messer lo cardinale, sì fe’ uno cavaliero e di comandamento del cardinale, lo nome del quale fue quessto: messer Tomaxo de Puzo de’ Ghiselieri da Bolongna. f E deti saver che grandissimo honore fog fatto a llui e per la sua vegniuda; e grandissima fessta si fe’h, e sì bella che se lla terra fosse statai in lo maore stato ch’ella fu, mai serave in bastanza, e troppo benignamente fu ricevuto. E finalmete ella fu una delle belle fesste che ci si fesse poche, secondo lo sstato della città. Sappiate ch’el disposò in lo palaxio dov’è la inmagenej del papa Bonifatio; lo quale palaxio è in sulla piazza, ch’à nome lo Palaxio della Biava. Durò la fessta dal martidì, a dì .vi. di febbraio, ink 36r

fino alla domenicha che viene, ch’el non si lavorò, né averseno stazone. Vero è che vengnieri si misse una grida che neguno non dovesse fare più fessta, che più compangnie s’erano mudate de vesstimentel; e sì che non si fe’ più fessta che quanto a llui parve che fosse fatto. Ancora venne conllui, zò è con messer lo cardinale, anbassadori de’ singniori de Padova, de messer Bernabò, de messer Galeazo, de quello dalla Schala, di quello di Ferara e di quello di Mantova, i quali erano in legha con lom cardinali di Spangnia; e steno dalla venuta sua in fino al dì scripo qui di sotton. Ancora ci venne, doppo questi anbassadori, li anbassadori de’ Fiorentini; e steno più dì in sta terra e spesso eranoo con lo nosstro singniore tucti insieme. Sabbato a dì .ii. di marzo venne in Bologna messer l’arcivesscovo di Saraguxa, lo quale era

BdP: tucti. VIL: froado. c Con segno abbreviativo in eccesso. d BdP: oferta. VIL: li fe’ oferta. e BdP: hri, cassato e corretto da PR. VIL: cavaliero. f BdP: Ed è da saver. PR cassa da e corregge: E deti . g BdP: fu. h VIL aggiunge: talle. i BdP: stato. j BdP: inmasine. k Nel margine inferiore: fino alla, parole di richiamo al fascicolo seguente. l BdP: vestimenti. m BdP: li. n 3 marzo. Cfr. infra. o a corretta da PR su altra lettera non distinguibile. a

b

57

1357-1369 spangnolo, e venne dal cardinale Egidioa, che era stato innanzi legato. E prima era venuto l’arcivescovo di Candia, lo quale avea tractato quessta pace, sì com’è scripto più inanzib, che vengnia da tucti quegli ch’erano stati nella ligha et avea confermato la paxec. Domenicha seguente a quessto sabbato, a dì .iii. de marzod, sonò le canpane del comune e sì si bandì come ell’era fatta la paxe tra i predicti, zò è messer lo papa Urbano et i suoi fratelli cardinalie e messer Androino nostro singnore et messer Franciesscho da Carrara, singnore de Padova e messer Nicolò marchese singnore de Ferrara e suoi fratelli e messer Cham singnore e suoi fratelli, singnori di Verona e messer Ugolino da Gonzagha, singnore de Mantova, e messer Feltrino da Gonzaga singniore di Rezo e quessti per unaf parte et messer Bernabò de’ Vissconti da Milano e li suoi seguazi per l’altra. E fu risstituito l’una parte e l’altra de tutteg le fortezze, le quale tenea chadaunoh de’ sovradicti menzonati. E quel da Bangnacavallo, che à nome 36v messer Zoanno de’ Manfredi, fiolo che fue d’Alberghitino, sì rendé le fortezze le quai elli teneai e fugli fatto li patti che gli erono stati inpromissij quando el diè Faenza alla Chiesa e venne a stare in Bologna a provisionk con lo nostro chardinale. E sapiate che mai non s’era fatto libera paxe né bandita, ma erasi bene bandito astignimento di guerra; et a quessto si vide che ll’era fatto libera pasel. Al nome di Dio. Feno una legha tucti insieme quessti singnori menzonati; ciò si disea. Ancora romase Bazano e Nonantola al marchese da Ferrara, i qua si soleano tenerm per lo comune di Bologna senpre mai. E quessto si diceva: che quando messer Egidio era nosstro singnore e ch’el fe’ la liga con lo marchese et con gli altri menzonati, chen gli desse quesste due fortesse e sì lle fe’ guardare messer Malatessta Ungaro178; e quando el si publigòo la paxep, lo marchese le fe’ guardare e tenerq a sua possta. De quessto huomini de Bologna n’aveano grande angustia, molto funo dolenti di zò. Non si sapeva perché egli ‘l desse, o per denari presstati o per che casone, ma diseassi che ‘l marchese non volea fare legha s’ello non avear quessti pactis, in perzò ch’ello era in legha con messer Bernabò e fevase gran danno. Non so che sserà.

Segue e(t) quel da cassato da PR. VIL: E quel dì ch’era stado inanzi era vignudo l’arciveschovo de Chandia. Cfr. c 35r. c VIL aggiunge: con tuti. Segue a capo: Domenegha seguente il paragrafo resta però incompiuto. d VIL: Dì iii de marzo domenegha seguente a questo sabado. e Segue cassato: tucti / i cardinali. VIL: i soi fradegli, tuti i chardenali. f BdP: d’una. PR cassa: d. VIL: l’una. g BdP:: tucte. h BdP: a neguno. PR cassa e soprascrive in interlinea. i VIL: tignia. j VIL: promisi. k VIL: previxion. l Cfr. c 34v. m VIL: tignire. n BdP: e’. VIL: el. o BdP: p[u]brighò. PR cassa e soprascrive in interlinea. p BdP: parte. q VIL: tignire r BdP: se no avea. PR corregge n con ll e aggiunge non in interlinea. s VIL: so no a quisti pacti. a

b

58

1357-1369 aSabato

si misse una grida che tucti li contadini del contado di Bologna, i qua si fosseno partiti, si debbianob ritornare a sstare colle sue famiglie in nello dicto contado per tucto lo mese d’aprile prossimo che debbe venire, alla pena de quarantac libre de bolognini; e la terza parte venisse al comune e l’altra a chi achusasse e l’altra al suo comune; e de dover perder che non dovessonod goderee li suoi beni, né aver la provixionef conciessag dal singniore.

37r

.M.iiic.lxiiii.h Ancora eti tucti li cittadini de Bolongna asenti dalla dicta città de Bologna e distretto si debinoj ktornare et abitare in nella dicta cittàl over distretto al termine de .iii. mesi alla sopradicta pena, né non possino godere li suoi benim, né avere la provisionen conciessa, salvo che non s’intende per alcuno ch’apartenesseo a l’ufizo dello podesstà. Ancora che tutti cittadini e contadini, i quali ritorneranno alla città e contado al dicto termine, non possino esser agravati in persona né in cose mobegliep da huominiq, né da altre persone, salvo che de dazi presenti e quelli i quali farano a caxar over medale in contado d[i]bbano avers la dicta provizionet tra leu e sei anni, quelli che non faranno tra liv cinque angni, ciò è i cittadini, et i contadini tra liw dui anni. Ancora che tuttix e zasscun merchatante foresstiero e contadino, li qua volesseno venire a abitare in Bologna overo in lo contado, tra lì e .v. anni, non debbino averey graveza, né esser molesstati, salvo che de datiiz presenti. Martidì a dì .xxvi. de marzo lo nostro singnore tolse via le guardie le quai si fevano alle mura per li cittadini. Domenicha, a dì ultimo de marzoaa venne in Bologna li prisonibb, i qua erano stati presi alla sconfitta da Solara che diè la nosstra gente e quelli della ligha a messer Bernabò, che fino

VIL premette: Dì xvi de marzo. VIL: diano. c VIL: cinquanta. d Segue cassato: p(er)der. e VIL: ch’i no godeseno. f VIL: previxione. g Segue cassato: d. h L’indicazione dell’anno è assente in Vil. Probabilmente BdP sente di doverlo precisare all’inizio della nuova carta, sebbene continui il testo della grida. i Sic. VIL: che. j VIL: diano. k Nel margine sx: 1364. l VIL: in la città. m BdP: bnm con titulus. VIL: beni. n VIL: previxione. o VIL: apartignise. p BdP: mobiglie. q VIL: chumun. r VIL: farano chaxa. s Segue cassato: l. t VIL: previxione. u VIL: lì. v VIL: lì e. w VIL: lì e. x BdP: tucti. y VIL: diano avere. z VIL: dacii. aa In Vil la data precede il giorno della settimana. bb BdP: pisoni. La i soprascritta è cassata da un tratto di penna interpretabile come correzione indicante p(re) attribuibile, non con certezza a PR. VIL: presuni. a

b

59

1357-1369 alloraa funo partiti a zascuno di quelli della liga. E fu data la sua parte a zascuno; e partise et andossene a Milano. E a quissti dì lla guerra erab grande e forte tra Fiorentin e Pisani e li signori de Millano susteneano li Pixani c e deglie de gram gente, com’era la compagnia dell’Inghilesi e quella d’Anichino, che ssi credea che fosseno oltra a .viiim. huomini da chavallo, e fevano ded gran danno a’ Fiorentini; e li Fiorentini fevano grande giente. eAncoraf se misseg una grida che tucti li contadini, li quali dal .M.ccc.lviiii. in za fosseno vengnuti ad abitare in Bologna, si debbianoh tornare alle loro ville e stare conlle sue famiglie per tucto lo presente mese de marzo alla pena de libre .l. de Bolongnini. 37v In lo dicto millesimo venne messer Malatessta Vechio179 e messer Galeotto de’ Malatessti180 a visitare lo nostro singnore a dì .viiii. d’avrile. Anco mo, a dicto dì, si disfé la fortezza, la quale era stata fatta in santa Maria in Monte. Anco mo la gentei de’ Pisani andonno in Musello181, lo quale tenea li Fiorentini, e lì arseno e fenno de grande dampnij; e fu d’aprile. Anchek mo si partinno et andono ad Arezzo, lo qual tegnea li Fiorentini, a far danno. Lunidì mattina, a dì .xx. de marzol, andò messer lo cardinale nostro singnore a parlamento con messer lo cardinale de Spangna e fesse lo parlamentom; e fugli fatto grandissimon honore per ongni terra che tteneao quello di Spangnia. Andò seco molti ambassadori de quello da Ferrara et altri de’ singnori de Lonbardia. Stiette in fino vegnieri, dì ultimo de marzo. Anco mo si disfé de quesste basstie ch’erano in sul nostro contado de devedo de nemisi. Messer Raymondo de’ Tolomei da Siena fo podesstà di Bologna; comenzò l’ofizio suo a quessti dì. Aveva dal nosstro p singniore albitrio in civili et in creminali; a dì primo di zungnioq. Guarda più inanzi e vedrai che honore l’avé, a segondo for qui dredos. Vegnierit, a dì .vii. de zungnio fu novella in Bologna che li Viniziani aveano riscosso Candia e tucta l’isola, la quale aveano rivellata i Candiottiu; e dissesi ch’el fu per forza che li Veniziani

Segue cassato: et tironiano probabilmente da intendersi e’. Vil: i fono partidi. BdP: eran. PR cassa n. c Aggiunta presente anche in Vil. d PR corregge: de. e VIL premette: Dì xx de marzo. f Segue cassato da PR: e’. VIL: el se mixe. g BdP: si misse. h VIL: diano. i BdP: sente. j BdP: da(m)pno. k BdP: anco. l VIL: mazo. m Segue cassato: e fulli. VIL: in Furlì. n VIL: grandinisimo. o Segue cassato: che / tenea. p Sic. q In VIL la data è posta all’inizio del paragrafo. r VIL: folio. s Cfr. c 38v in fondo. t In VIL il il giorno segue la data. u Cfr. c 31v. a

b

60

1357-1369 feno gran zentea da piè e da chavallo e per forza ebbono la città de Candia, ben che tractato vi fub drento. 38r

Anche mo andò una grida che tucti quelli ch’ano riceuto bandoc per debito de Comune over della persona e avesseno la carta della pase, potesseno ussired di bando e pagare cotanto al comune, che fue pogha quantità, zò era libre .viiii. di Bolognini. eAnco mo andonnof a stare li fra’ da Monte Oliveto in Sam Michele dal Bosscho, e quelli dell’ordine che ie stevano sì funo messi de fora. Dicevasi che lo papa gli l’aveag dato; non so se chusì fo. E quelli frati si hfeno de quelli dei San Ghirigoroj; e quessto gl’incontròk perch’el priore era tengnuto da pogho e stevavi cun poghi frati e non teneva troppo honessta vita. E quessti frati da Mote Oliveto si veneno de buon tenpo innancil e posensi alla chiesia de’ chavagleri della Donna, ch’è de chavo del borgho di l’Oro; e quello che lli condussem de za sì fu uno Ughetto di Cara[t]i da Bologna che lassòn de gran roba; e geano vestidio de biancho. pVenne

novella in Bologna che li Fiorentini aveano dato una gram rottaq ay Pisani; e fuvi preso lo capitano de’ Pisani et altri buoni huomini assai e menati a prisonr a Firenza. Et a quessti dì era capitano de’ Fiorentini messer Galeotto de’ Malatessti; e fo de zente assi più pressi ets morti. In lo dicto millesimot morì messer Malatessta de’ Malatessti singniore de Rimino al qual si disea messer Malatessta Vechio. Disevasi ch’egli erau stato uno de savi huomini de quessti parti, de guerra e per ogne v altra cosa. Romase messer w Galeotto suo fratello e dui suoi figliuoli alla singnoria delle sue terre. Anco mo venne per tucta la Romangna, da Ymola in là, et x anco della Marcha e per le contrade, chavallette che

38v vollavano; et ond’elle si ponevano non gli rimangnia niente, se non la tera brollaa. Et anco si trovò grilli tanti e tanti che mai non si vide tal biasstema; e feno di gram dannib in quesste BdP: zenti. VIL: fose. c VIL: ch’avese so bando. d VIL: insire. e VIL premette: Dì xxviiiio de zugno. f VIL: andò. g BdP: l’avean. PR corregge cassando n con due tratti di penna. h Manicula nel margine sx. i BdP: di que di. j VIL: Greguoro. k VIL: emchontrò. l innanci aggiunto in interlinea. VIL aggiunge: in Bononia. m e lli condusse di mano di PR su rasura. n Segue cassato: che laso. o BdP: se ne vestino, cassato e corretto in interlinea da PR. p VIL premette: Dì xxvii d’agosto. q VIL: grande schonfita. r Sic. VIL: prexon. s VIL: che. t VIL aggiunge: del mese d’agosto. u BdP: ero. v ogne corretto su honore cassato. w Segue cassato: G. x Manicula nel margine sx. a

b

61

1357-1369 parti in del .M.ccc.lxiii. e del .lxiiii. e del .lxv., et anche per zerta parte del mondo. Anchec mo furond presi due frati: l’uno de quelli ch’era da Sam Michele in Bosscho, zò è de quelli che funo chazati, e et l’altro fu uno f converso de’ frati Arminii, perché gli aveano atossichato la zesterna da Sam Michele. El vesscovo sì lli tenne in prison assai, e sì lli pose alle finestreg, de vesscovado e fe’ legiere la sentenziah e sì llii condannò in perpetuo carciere. jIn

lo dicto millesimo, all’usita d’agostok, sì si fe’ la paxe de’ Fiorentini cum Pisanil, ch’era stata una forte e grande ghuera et era durata tenpo assai; et avean fatto venerm li Fiorentini de gram gente della Magnan et assai. Dissesi che Pisa erao remaxap a singnoria d’uno pisano, lo quale avea nome Zoanne Dell’Angniello182; e quessto si chiamava lo duxe ed era fatto a vita; et avealo fatto quessti della guerra, che mai non glera stato fatto nessuno. E quessto avea zurato ad honore de Santa Chiesa e d’esser ad ongni suo adiutorioq; e quessto inmagino che fu perché l’arcivesscovo de Ravenna avea tractata quessta pase. Messer Raimondo de’ Tolomei da Ssiena fu rafermo podestà de Bolongna. Cominzò l’ufizio suo domenicha, a dì primo de settembre. Fu asindigator messer Raymondo, come dise gli sstatuti, et in lui si trovò le maori ribaldarie che inn ufiziales tche mai fosse in ofizio in Bolognau, zò è di tegniere femine per forza di tradimenti, de dinari, et assai di tormentare huomini senza rason; et anco n’uccisev uno in sul tondulo; e finalmenti non porave scriver apieno, ma ‘l singnori li fe’ gratia come a llui piaquew.

39r

In lo dicto millesimo messer l’arcivesscovo de Ravenna fu fatto vicario della Romagna per la Sancta Chiesa e così gli fu data la tenuta di tuttex le cittàde e fortezze della Romangna. E da llì in drieto messer Egidio cardinale era stato legato e sì se l’avea conquisstato con grande fatigha, ma così piaque al sancto padre messer Urbano papa quinto. Al dictoy messer Egidio

a Un episodio analogo si era verificato anche nella primavera del 1363 (cfr. c 27v) e l’autore lo racconta quasi con le stesse parole. b BdP: danno. VIL aggiunge: E durò. c BdP: anco. d VIL: fo. e Manicula nel margine sx. f BdP: no. g BdP: sì [‘l] pose alla fine. Segue cassato da BdP: si’l trasse. h Segue cassato: M. i BdP: lo. j In VIL l’indicazione dell’anno segue quella del mese. k BdP: d’ogosto. l Rasura nell’interlinea. m VIL: vignire. n VIL: d’Alamagna. o BdP: pisani. BdP corregge Pisa, cassando ni ed aggiunge in interlinea era. p BdP: romaxe. q BdP: aiiutorio. r VIL: sinigado. s VIL: uficiario. t Manicula nel margine sx. u BdP: Bon(onia). v VIL: ancise. w VIL: piache. x BdP: tucte. y Segue cassato: messe(er) / Santo Padre.

62

1357-1369 romase la legatione della Marcha e del Duchato e del Patrimonio; e quessto fu ch’elli entrò in nella tegnuda de desembre, a l’intrata. a .M.iiic.lxv. fu fatto uno statuto che nessuna persona b potesse portare alcuna quantità d’ariento se cnon quessta quantità, zò è: le mugliere de chavagleri, dle figliuole, le nore et anche de conventadi e zudisi si potevano portare in zintura onze .xxv. d’ariento et in afubiature da man .xxv. e vari ribaltadi da piè; gli altree .xv. onze in centuraf e cinque in afubiatura; e non posseano portare, zò è neguna donna, velludo, chamuchà de tartarinog, né anche cordelle d’oro, né perle, né intagli de panno. In lo dicto millesimo, sabbato, a dì .xxv. de zennaro, fu novitade in Ymola che miser Rainaldo Borgarello, lo quale era stato risstituito dalla Chiesa, zò è dih suoi beni i qua’ li avea in Ymola, e ch’el possesse stare in Ymola, ch’era stato gram tempo confinato della terra, si trè a ppiazza con zerti suoi amisi per torre la terra a li Alidoxii, i qua la teneanoj a possta della Chiesa e sì gli tolse la terra, fora che una porta per la quale li fu dato aiutorio, sì che elli ricoverono la terra et anzisenok lo dicto messer Raynaldo. De che zente del nostro singnore sì gli andò, e tolseno la guardia delle porti e dello chasstello; e l’arcivesscovo de Ravenna, lo quale a quessti dì era in la Romangna a possta della Chiesa, sì lla guardava e tenealal a possta della Chiesia. 39v E quelli Allidoxi non stevano troppi chiari e non aveano troppa singnoria in la terra, ché gli erano romasim zovani pern la morte del suo padre e sì aveanoo male stare insieme, sì che el gli fu fatto quello che ssì seguiràp e che fo rasone; e finalmete e’ gli fu lassato la singnoria, ma siano savi. Anco mo fu novitade, del mese de zenaroq, in Verona, che Pollo Albuino, fradello de messer Cam singnore, che era chiamato singnore, sì gli volea torre la singnoria; di che messer Cam lo fe’ pigliare e sì lo fe’ metter in prisoner; e contra li ccittadini fe’ de grande novitade, zò è con quelli che gli aveano colpa. In lo dicto millesimo, a dì .iiii. de marzo, funo grandi terremuoti in Vinesia, Padova, Trivisi, Ferrara e per quelle parti; e fu di notte, e durò una horas. Venne lo marchese Nicholò da Ferrara183 in Bologna a parlamentare collo nostro singnore a

In VIL l’anno è posto al centro della colonna di scrittura e il paragrafo inizia con: Dì vi de zenaro. In lo dicto millesimo fo facto uno statuto. b Segue a capo cassato: no(n). VIL: no potesse. c Sul margine sx: 1365. d Manicula nel margine sx. e Correzione di PR su al[bro]. f cen- di mano di PR su rasura. g Aggiunta di PR su spazio bianco, presente anche in VIL. h BdP: de i BdP: adagldoxi, cassato e corretto da PR nel margine dx. j VIL: tigniano. k BdP: anzisono. l VIL: tignialla. m Segue cassato: zovan. n VIL: dopo. o VIL: saveano. p VIL: si siguia. q L’indicazione del mese è posta in VIL all’inizio del paragrafo. r VIL: prexonne. s BdP: bonora. a

63

1357-1369 dì .vi. de marzoa. mo si cominzò a fare uno palasioc in Saragozza di nelle chase ch’erano de’ Dalfini; e fevaloe fare messer Egidio cardinale de Spangnia e comparò de belle possessioni. E disevasi ch’el lo feva fare per mantenerf zerti scolari a studio e quella voltag che fosse sua stanzia. Che serà nol so. In lo dicto millesimo a dì **h de marzo l’inperadore andòi in Vingnon a parlamentare col Sancto Padre messer Urbano papa. Et a quessto parlamento si fu de gram baroni et anbassarie; e sì ssi disse che gli aveano fatto perpetua liga amindue insieme et altre cose che qui non so scriver. E lo modo come l’entrò in Vingnon sì fu quessto: che llo dì della Sension elloj sì zunse lì a uno palasio, lo quale è sul contado de Vingnion ed è chiamato lo Palasio del Papa; e fin lì sì gli andò

bAnco

40r

tuttik li cardinali incontra e sì ll’acompangnon in fino Vingnon con grande honore; et quando el s’avisinò alla terra, el si vesstì di paramenti da zagano e d’arcizaghano e tutte le vesstimentel inperiale e conla corona in chapo in su uno desstrieri coverto dem bianco. Et innanzi sen gli andava li suoi baroni, chi portava la spada, chi la maza e chom richiede alla sua dengnitade; et avea uno inanzi che portava una aquillao viva in pungnio; e stiette dì .xiiii. in Vingnon. E disevasi che per lo dir d’omop che fosse vivo, non si ricordava ch’el si fosse conzuntoq l’uno con l’altro, né tanta baroniar. In lo dicto millesimo lo Po cressé sì forte e sì grande a Ferrara, che da Po in za non rimase niente che non afondasse, et anco de sotto da Ferrara et, digando brevemente, dissenos a Mantoa c’ongni cosa z’è sotto aqua. E l’argello Traversangnio, lo quale è delle maore fortezze ch’abbia lo marchese a deveto dell’acqua che non taffondasse Ferrara, si ruppe in più parti et allora lo marchese comandò a ongnomo che andasse fuora, pizzoli e grandi, a ffare chiusa a quessta bocha; e come gli aveano fatta chiusa, la ronpea in altro latou, de che grandissima travaglia e guerra era quessta a’ Ferraresi. E sì si rasonò ch’el quarto del contado de Ferrara era afondato e zito sotto aqua; e si perdeno de grandissima quantità de biave, che per zerto lo

VIL: mazo. In VIL la data è posta all’inizio del paragrafo. VIL premettte: Dì xxiii de mazo. c BdP: pala[z]io. d Manicula nel margine sx. e BdP: fenelo. f VIL: mantignirze. g VIL: volea. h Lacuna volontaria presente anche in VIL. i VIL: intrò. j BdP: elli. k BdP: tucti. l BdP: vestimenta. m PR corregge: de. n BdP: si. o BdP: aghuilla, cassato e corretto da PR. p VIL: che per li dì d’omo. q BdP: azunto. r Segue nella cronaca Villola un paragrafo assente in BdP così come nella cronaca Rampona: De mazo. Anche mo fe’ fare lo nostro signore uno palaxio a pè de quelo in che el demorava, che se chiama lo palaxio da la Biava. E quando el se chomenzò el se dise ch’el volea fare uno brollo, ma trovarase esere una bella forteza, e andando zò o se vende le schudelle; ma puro fe’ uno brollo con queste more atorno. s VIL: de fino. t Manicula nel margine sx. u VIL: logho. a

b

64

1357-1369 suo danno non si porave scriver, tanto fu. E s’il taglion in parte ch’el zevaa suso lo nostro contado grande e fiero. El Puozob da Rogniadicho184 afondò e perdesi de grandissima biava; e vene l’aqua de fino Altedo185 e per le contrade; e fecec in sul nosstro contado di gram danno. Durò quessta aqua tamanta dall’entra[re] de zungno in fino a .viii. de luio o in quelli dì. dE cressée delle altre aque assai per lo mondo; et a Pavia cressé sì forte lo Tessinof186 che gi in fino alla terrag. 40v Anco mo fu una grande mortaligha per tucta la Romagna e quasi pogha gente gli rimase, in però che per l’altre morie che erano state, tantti glen morì che mo poghi ne romase; et anco un pogho de parte ne tochò in Bologna. Tucta fu della malizia usata. hMesser Rosso de’ Rizzi da Firenze fo fatto podesstà de Bologna, al nome di Dio, per li secondi sei mesi. Anco mo quessta nocte a dì .xxv. di luio peri San Iacomoj187 fu tremuoti in Bolognak et gram tuoni; e quaxi, quando e’ fono, ell’eran sì grande i truoni, che assai zente non se ne adèno. E possa lo dì de san Iacomo el cadde gram tenpessta in assai parte del contado di Bolongna e fe’ grandissimo danno; e per quelli dì denanzil quasi ongni dì cazevam tempessta e così per la Romangna e per altre parti. Anco mo ci fu novella ch’el duse di Sterlich[i] n era morto a Milano et che gli era ito a parlamentare con messer Bernabò e per menare una spoxa, zò è una figluola de messer Bernabò ch’avea tolto uno suo fratello. Trovossi ch’el morì, ma no so a che modo. Voleva fare guerra con quello da Padova, perché messer Bernabò gli volea grande male; si era una delle cason per che gli era vegnudo lì. Fo de luio. Anco mo lo singnore di Padova sì cominzò a guerrezare con lo dicto duse, innanzi ch’el morisse e zasschuno sì ssi manoavao di zente assai che, ss’en seguirà, scriverollo per ordine. Fessi tregua, over pase, sì che quessta cosa romase; e romase per la morte del duse di Ossterlichp. Anco mo la conpangnia d’Anichino e quella degl’inghilesi si erano in Tosschana in sul contado de Perosa e per quelle contrade; e sì si volevano gram male insieme e sì s’azunseno l’una parteq con l’altra et 41r

ase

ssib dieno di gran botte; finalmente gl’Inghilesi funo sconfitti e rotti. Così zi fu novella de

VIL: zene. Segue cassato: da. c fece di mano di PR su rasura. d Manicula nel margine sx. eBdP: arse. PR cassa e corregge in interlinea. f BdP: Texino. g VIL: che zé fino dentro la terra. h VIL premette: Dì primo de luio. i BdP: di. j L’intera data è posta da VIL all’inizio del paragrafo. k BDP: Bon(onia). l BdP: dinanzi. m VIL: chadeva. n VIL: Storich. oBdP: anovava. PR cassa e corregge nell’interlinea. p VIL: Steriche. q VIL: zente. a

b

65

1357-1369 luio. Anco mo d’ottovrec lo re d[i] Cipri, lo quale era stato assai tenpo in Venesia et avea ordinado de fare lo passazod, ben che assai re non gli aveano afermado niente, disevasi che il papa e lo inper
dore gli avevano proferto assai, ben che llui era non troppo savio. Fe’ una andata in Allessandria con forsi .iiim. huomini; e si zunse a porto e subbito corsee in sul terreno d’Allissandria e trovogli di fuora e inchalzoglie dentro e si prese Allissandria; e sì ancciseno e rubono la terra e aven sì grande tesoro che senpre dovrebbef esser richissimo. E veggendog che non era città da tenerh, sì mangna cosa era issì l’affochonnoi e disfennola tucta; così zi fu novella. E quessta terra, zò è Alexandria, sì si tenea per li Paghani; per quessta casone incharì la spezaria et altre merchatantie. Lo nosstro singnore messer Androino j sì avé brivilegio e rifermasone del vichariato di Bolongnia dal papa, che inanzi ci era altrik uficiali per messerel lo papa, che l’uno non feva senza l’altro niente, zò è di gram fatto; e fo d’ottobrem. Anco mo fu fatto, a dì .xxiii. d’ottobren, in conciesstoro; data la leghagione di Romangna da Rimino in za al nostro singnore messer Androino, zò è in tenporaleo, et a messer Egidio rimase in ispiritualep; e così puose li uficiali a suaq possta. Anco mo fu data la leghatione di Puglia e di quelle parti a messer Egidio, e così avea quella della Marcha e delle contrade, come elli era usato; [e] piaque a messer lo papa di fare quesste cose. Avevasi guadangnato Bolongnia e la Romangna colla spada in mano e per suo saper. Molto si dolea la zente perché elli era stato così valevele cardinale e più che vegnisse mai di za e che fosse levato de questa legacion. E in questo tempo mandò lo cardinale Egidio a offerire a miser Francescho Rampon la podestaria de Ancona per Ridolfo fiolo che fo de Filippo Rampone; e non la accetò, perché miser Androino cardenale e legato non volse, in perçò che zà era nada alcuna invidia tra loro, como spesso avene non ostante che dizan essere persone spirtuale. 41v Anco mo parve ch li Malatessti non si partissono benr amisi con messer Egidio. E doveti saper che lli Malatessti aveano sues cittade per sì e confermade da messer lo papa, zò è

Precede ripetuto: e. BdP: sì si. c In VIL l’indicazione del mese è posta all’inizio del paragrafo. d BdP: passa[te]. e VIL: chogorse. f VIL: dovrave. g VIL: vegando. h PR aggiunge in interlinea: p(er)o che. i BdP: e sì lla affochon(n)o. PR cassa e s- e corregge. j BdP: Andreino. k VIL: zerti. l Sic. m In VIL l’indicazione del mese è posta all’inizio del paragrafo. n In VIL la data è posta all’inizio del paragrafo. o VIL: in tempo. p VIL: spertuà. q BdP: suo. r VIL: bon. s BdP: suo. a

b

66

1357-1369 Rimino, Fano e Pes[a]ro, Fosimbruno a 188 et altre fortezze. Non fo vero che fo tratto b insengnato. Ancora fe’ paxe li Malatessti con messer Bernabò; et andoglie messer Pandolfo de’ Malatessti a Milano. Dovete sapere che messer Pandolfo sì stava a Milano per capitanio di guerra de messer Bernabò e sì ssi irono insieme. Di che messer Bernabò dede una gotadac a messer Pandolfo; di che el se ne andò allo inperadore e llì lo fe’ richiedere de battaglia. La novella rimase, ma pure li Malatessti sì funo molti ferventi e f[e]nod di grandissimo danno a llui; e fu suo sapere de dare la sconfitta da San Rofello189 e dell’altre a messer Bernabò et anche a Solarae; de disenbref. In lo dicto millesimo messer Bernabò cominzò a guerrezzare conlli Gienovesi; e sì gli mandò messer Anbruosio, suo figliuolo, per cho dello suo g hosste, colla parte della compangnia dell’Inghilesi e sì si posenoh alla Speza, ch’è in sulla rivera di Zenoa, e quella aveno; e fu de disenbre. E sì gli fe’ grandissima guerra et andonno guasstando e dando danno in fino presso alla terra a pogh o niete. E questa guerra feva perché zà fu sua, sì che voleva porgli ufiziali come feva a quelli tempi che fu soai. jAnco mo lo nosstro singnore messer lo cardinale messer Androinok si fe’ araunare de’ gram buoni huomini alla sua messa e sì gli publicò come egli era fattol una legha in nella quale era lui e tucta la Romangna e la Puglia e quello da Padoa e ‘l marchese da Ferrara. Ancora ze fo novella che lo re de Spangna, lo quale era cristiano, sì s’era rineghado; e per quessta casonem 42r

grandissima zente sì gli era zito addosso de’ Cristiani a possta del papa et altri re ch’eno in quelle parti. Rasonossi che gli eram più di .C. migliaia di Cristiani a campo. Messer Rosso de’ Rizzi da Firenze fo rafermado podesstà di Bologna a dì primo de zenaro. nAnco mo venne in Bologna l’infante de Maiolicha190, lo quale fu figliuolo del re di Maiolicha e per oditào dovea sozzedere in lo regname. Per una battaglia, in nella quale fue preso lo padre, che fu tra lui e lo re de Raghona, el morì e fu tolto a quessto re tucto lo regniame de Maiolicha, sì che elli avea lo tittolo e non lo regniame191.

BdP: fossimburuni. BdP: tracto. c BdP: gotata. d VIL: deno. e Segue cassato: di settembre. f In VIL l’indicazione del mese è posta all’inizio del paragrafo. g BdP: della sua. h BdP: sposeno, con s cassata da PR. i VIL: chomo feva a qui dì.. j VIL premette: Viegniri, dì xxvi de desebre. k BdP: Andreino. l VIL: l’era facto. m BdP: coone. n VIL premettte: Die x de febraro. o VIL: per ridità. LR: per l’odita. Questa grafia mi lascia tutt’ora perplessa: solitamente BdP traccia la o in un unico tratto a

b

che congiunge in alto, mentre qui la o di odità non è del tutto chiusa a destra, a mezz'altezza. Più plausibile sarebbe stata una e che, però, richiede due tratti: uno circolare per il corpo della lettera e uno breve trasversale. Anche LR resta confuso di fronte a questa grafia, la legge come "odita" e rimedia alla meglio aggiungendo una l, probabilmente intendendola nel senso di "per sentito dire" (che nel contesto non ha senso, mentre d'altra parte la lezione Villola ci assicura che si tratta proprio di "eredità"). È possibile che VIL abbia scritto per ridità; BdP abbia copiato p(er) edità con aplografia e tracciando male la e; LR non capendo, abbia letto "per odita" e cercato di rimediare con per l'odita.

67

1357-1369 Doveti saver che lla reina Zoanna de Puglia192, la quale fu moglierea del re Andrease, lo quale la fe’ atossichare, sì com’è scripo indreto de quessto livrob, sì si fe’ sposare a quessto infante de più d’uno anno innanzi ch’elli gessec in Bologna e sì ‘l tenne in prisond più de sei mesi, in per zò ch’el credea d’esser sì come re; ed ella non volse e sì ‘l fe’ di presente fichare in prisonee et, quasi digando, ell’era sì come se da[n]o li verri alle porche, ch’el non avea a ffare in nello reame se non com’ela volea. E per zerto la fu la più valevole donna che mai fusse; e cossì muntava a chavallo, a veder et a ssentire suoi fatti, come ella fosse stata uno huomo et anco più; né mai volse incoronare lo marito, sì ch’ella avea lo nome d’esser suo marito. Dissesi ch’e llo ditto infante andava a Santo Antonio da Padova e era poveramete acompagnato. fAnceg mo fu grande tractato de far paxe tra messer Bernabò e li Zenovesi. E partissi l’osste e’l figliuolo de messer Bernabò con la conpangnia et andò in Tosscana; e poi andò i ·nelle contrade de Puglia e de quelle parti. Ma pureh guerra rimase, che parve che messer Galeasi la pigliasse; e fu una tinta, ché messer Bernabò si fe’ maiore guerra che mai. 42v Anchej mo mandò lo nosstro singnore per podesstà di Ymola Munso de’ Sabadini e parve che quigli Aliduxi lo volessono chazarek, ma el se n’acorse e sì il mandò a dire al singnore; e egli chavachò zente e sì presono, zò è messer Azzo dei Aleduxi, e sì ‘l miseno in prisone e tolsegli ongni fortezza che teneano e dieglil lo malanno che gli èno iti senpre zercandom, sì che lle guardie si puoseno a possta del nosstro singnore libere; ben che più altre volte gli aveano fatto tramazarie e eragli sta rimesso e torn[ati] in singnoria, ma pure quessta mi pare ultima. Ma puron i funoo ritornati in Ymola e dandogli parte della singnoria, ma pure la Chiesa tengnea le fortezze; a dì .v.p d’ottobre. In lo dicto millesimo andò lo nostro singnore in Romagna a visitare le contrade. Al nome di Dio; a dì .xx. de marzoq. Ritornoe a dì .xxi. di marzo e fu riceuto con grande honore in sta terra e sonò le canpane del comune et andoglie le compangnie incontra e lla cherisia; e fessi fessta quello dì per tuttea li

BdP: mogliera. Per la cronaca di BdP mancano le carte relative a questo episodio che si può leggere in: Corpus Chronicorum Bononiensium, vol. II, p. 565. c BdP: gisse. VIL: vignise. d BdP: pison. La i è cassata da un tratto di penna orizzontale ben evidente sopra p. PR corregge: preson. Cfr. c 25r nota i, c 26v nota j. e BdP: pisone. La i è cassata da un tratto di penna orizzontale ben evidente sopra p. PR corregge: presone. Cfr. c 25r nota i, c 26v nota j, c 42r nota b . f VIL premette: De marzo. g BdP: anco. h Segue e cassata da PR. i VIL: Galeazo. j BdP: anco. k VIL aggiunge: via. l VIL: dengli. m BdP: zenrcando. Correzione dell’editore. n Segue et tironiano cassato da PR. o VIL: e’ funo. p VIL: vi. q In VIL la data è posta all’inizio del paragrafo. a

b

68

1357-1369 arti con balli e suoni. Anco mo fe’ lo nosstro singnore hordinamento con lo marchese, che neguno lo quale commettesse alcuno malifizio in Bologna, non potesse stare in alchuno terreno lo quale tenesse lo marchese; e così chi fesse in nello dicto terreno non possa stare in Bolongna, sappiando che seravano presi e mandati dove fosse stato lo malifizio; e quessto si cominzò a dìb Anco mo in lo dicto millesimo si fu uno grieve tenpo, che del mese di mazo e di zungnio e finalmente per tucto luglio si fu grande sorado et uno contrario tenpo che quasi di mazo sì porave esser stato al fuocho, et anco di zungno, ma d’agosstoc fu rasonevole tenpo et anched cadde de gram tenpesste. eMesser Francesco da Chalbulli da Forlì fo podesstà de Bolongna. Non era chavagliero. Al nome di Diof. 43r

g.M.iiic.lxvi.

fu novella in Bologna che gli era morto hmesser Zoanne da Olegio, lo quale era singniore della città de Fermo, che quando el dè Bologna alla Chiesa, lo cardinale sì li diè quessta città a vita. E così, com’el fu morto, la singnoria fu data alla Chiesia; e sì si disse ch’eglli era chazudo in grande infermitade, e durogli gran tenpo, e finalmente morì. Ma Dio possé e po fare zò chei a lui piase, ma grande miracolo fu ch’el morisse a sua morte in però ch’el fu lo pezzore e ’l più crudele huomo che mai fosse, ch’el fu quello che guasstò quesstaj terra de guerre, de rubbare, de dazi, de prestanze e de fare morire huomini senza casone; e similmete e’ non si porave scriver sì che ‘l diavolo n’el portik s’el no è pechato a direl. In quessto millesimo si era la conpagnia degl’Inghilesi in nella Marcha et era per so chavo messer Anbroso, fiolo de messer Bernabò, et era basstardo. Desevasi m che gli erano una grande gente et aveano fatto rivellare assai fortezze de quelle contrade, le quale erano sotto la singnoria del cardinale de Spangna, zò è Castello Durante193 et altre fortezze che non so lo nome; e sì furono de quelle che ssi rivellono e fevano de grande danno al cardinale. Ben è vero che messer Bernabò dizeva ch’el non si inpazava del figliuol, ma puro quessto era modo da ronpere la pase con la Chiesa. Non so che serà; Dio è di sopra e voia che no s[e]an guerra.

BdP: tucte. Lacuna volontaria presente anche in VIL. c BdP: ogossto. d BdP: anco. e VIL premette: Dì primo de luio. f Segue nella cronaca Villola un paragrafo assente in BdP così come nella cronaca Rampona: Lunidì, dì v d’otovro. Anche mo varghò miser Anichino chon la chompagna soa su per lo nostro contado de volontade del signore; et erano forsi vc chavagli, de la bruta rubaldagla del mondo, e forsi iiiic peduni; e veneno de Romagna et andono a Milano a soldo de miser Bernabò. E per questa chaxonne vene zente da Ferara, et anche lo nostro signore fe’ trare li contadini de stra in su e veneno a stare su la strada, sì che i no feno dano de tanto che vagla niente, salvo che de cose da niente, e chusì zeno su per la strada e zeno su per le fosse nostre, e quando gl’aveno varghado la tera, miser Anichino vene a dexenare chon lo signore. g VIL premette: Dì xiiii d’otovro. h Nel margine sx: 1366. i VIL: ch’i. j VIL: chesta. k VIL aggiunge: l’anema e ‘l corpo. l VIL aggiunge a capo: Nota hic supra bonam orationem pro animabus illorum qui male regunt civitates. Segue nella cronaca Villola una lacuna corrispondente alle carte cxli, cxlii, cxliii che contengono i fatti della fine del 1366 e l’intero 1367. la perdita di tali carte deve, però, essere avvenuta dopo la copia effettuata da BdP, essendo il suo testo completo per quegli anni. m BdP: disevasi. n BdP: è. a

b

69

1357-1369

.M.iiic.lxvii. Messer Franciesscho de’ Chalbuli fuearifermado podesstà de Bologna. Cominzò l’ufizio a dì primo de zenaro. Anco mo a dì ** de febbraio, la nocte vengniando, la luna divenne tucta sanguingnia per asai volte e anche si mostrò schura, zò è negra; e durò per spazio d’uno quarto d’una ora o più. 43v E per quessto accidente, a quessti dì, sì fu un fiero e forte tenpo cum grandib venti e grande zelo; e sì fu una sì fiera pistelenza de freddo in nelle persone de’ cristiani, con grande febbre e tosse e male assai; e sì n’è distadec de morte alcuna parte per quessta malatia e si sì può dire che non rimase nessuno, generalmente, che non sentisse della malatia. E quessto fu per tutted parti, zò è in la Puglia et in la Marcha et in Tosscana, in Romangna, in Lonbardia e zeneralmente per tucto; e quessto cominzò de febbraro e durò di fine al mese di marzo, che fu così grande e forte tenpo et grande malatia. Fu novella in Bologna che, a quessti dì, Senisie aveno una grande rotta da una parte de Inghilesi, i qua’ funo della Conpangnia d’Inghilesi che ss’eranof vernati in sullo Sanese e per le contrade, ch’erono forsi .viiic. barbute, e parte de pedonaglia li era, ch’el parve che Senesi missono fuora da .iiic. barbute; e dovevagla zire zerta parte del popollo, ma non si trovò. E quessto era per voler pigliare un passo per aver quessti Inghilesi; et egli li funo inanzi, sì che ssi trovono aver la gatta; e foglie preso messer Ugolino da Savignano 194 , lo quale era conservadore de Siena; a dì .xiiii. di marzo. Anco mo si fe’ la pase tra lo re di Zipri e ‘l Gram Cane; e fu d’aprile o di marzo. Dissesi che gli baroni del Gram Cane l’avea morto, in perzò ch’egli no volevano pase; e cusì no fu pase. Anco mo fu una grandissima sconfitta in Ispagnia tra dui re195, amindui re di Spagna: quello ch’era re com’el dovea si tolse una donna de’ Sarasini, di che il papa lo depuoseg e fe’ uno basstardo re e descazò h quello, chon l’alturio de re de Francia. E quessto primo re i , sì choll’aiutorio de re d’Enghilterra et altri re, sì sconfisse lo basstardo e ricoverò lo reame. E dissesi che vi morì più di .xvm. huomini tra 44r

fideli e infideli; e così si disse. E fu d’avrile o di marso. Anco mo andò lo cardinale di Spangna 196 a porre hosste a Ssisi 197 , lo quale tenevano li Perusini; e fu a l’ossita de marzo. Et a quessti dì innanzi si aveva cominzà guerra lo chardinale colli Perusini.

Nel margine sx: 1367. BdP: grande. c Mancando il testo di VIL, ritengo possa trattarsi di un errore di trascrizione da parte di BdP che però non è di semplice correzione. Lo si potrebe interpretare e sì n’è di stade di morte (scil. persone), ossia “ce ne sono state di persone morte”, col di messo anche prima di stade, che probabilmente è scorretto anche nella limgua colloquiale e sicuramente è poco elegante. Evidentemente il passo dovette riuscire di difficile comprensione anche per LR che corregge et sì n’è stadi de morti. d BdP: tucte. e Senisi aggiunto nell’interlinea. f BdP: erono. g BdP: lo dispuose. PR cassa e correggein interlinea. h descazò corretto su destax da BdP. i Segue cassato: fu. a

b

70

1357-1369 Ancora, vengnieri, a dì .ii. d’aprile, vene una conpangnia d’Inghilesi, la quale era in sul Perosinoa; credevab sì ch’i fosse a la possta del cardinale con la zente del cardinale; sì dieno grande sconfitta ai Perosini e dissesi che gli era morto ben più di mille huomini, e presi tucto l’avanzo, et erano quasi tucti soldati e parte del popolo; e fugli preso Nicholò da Bostareto capità. Et incontanenti cavalcò et avé Sisi, che lla diede li cittadini drento, a dì .iiii. d’avrile. Anco mo avé Gualdo198 e Nozea199 et altre fortezze, le qua tegniea Perusini, ch’erano ben della iuridizione della Chiesa. Anco mo fe’ rifare Bettona200, la quale era tucta deronchatac e guassta; et incontanenti fu murata et a[con]za et abitata per zerti zittadini, a possta dello cardinale201. E tucte quesste cose funo in meno d’otto dì. Messer lo papa Urbano quinto si partì da Vingnione con tucti li suoi cardinali per vegnier alle parti di d Ytalia con la corte. E lli suoi cardinali mal volentieri consentino alla sua vengnuta et anco lo re de Franza, lo quale li avea da lì in drieto ghuidati et menati gli altri papi come a llui piazea, in perzò che continuo l’avea chardinali di suo parentado e di ssua amisstade, sì che lui et li altri baroni delle contrade sì ne funo dolenti. E dovéti saper che non era a quessti dì se non tre chardinali in Italia, zò è uno dei Orsini202 et uno de’ Chapuççi203 et uno da Viterbo204; 44v e quessti molto disideronoe la sua vengnuta, e più quello di Spangna, zò è messer Egidio, lo quale era in Ytalia grandissimo e probo e savo e valente huomo. E quessto fu grande movimento della sua venuta, ma gli altri cardinali non voleano vegnire et ello li minazzò de privarli del chapello e di farne delli Ytaliani quando el fosse de za et, digando tossto, ellif si mosseno tucti e venono oltra, parte secho per aqua et parte per terra. E dovéti saper che grandissimo honore ie fu fatto della vegnuta, zò è: gli Viniziani gli mandong ghalie asai con grande ambassaria e simile li Fiorentini et altre inbassarie e navili assai; et il cardinale di Spangna si fe’ fare unah bellissima galia in che el vene. E per zerto quessto papa sì era huomo di Dio e da llui ordinato, ché mai non si possea pensare che lla corte venisse di qua, ma cosstui era huomo vigoroso e che volea singnorezzare et aver gli cardinali per quello che gli erano et anco a menoi, e così tucti gli altri huomini che fosseno stati contra lo suo volere. Dovéti saper che lla corte era stata in quelle parti .lxii. anni: del mese di zungno si partì e del mese di zungno ritornò la corte di zà. Partisi da Vingnion a dì ultimo d’aprile205. Andò anbassadori de Bolongna al Santo Padre, lo nome de’ quai sì sono quessti: messer Iacomo dai Boyj e messer Ugolino de’ Ghalluzzi messer Ugholino di Schapi e Minotto di fra’ Pietro d’Angielillo e Munso de’ Sabadini e

Segue cassato: e ar. cre aggiunto nel margine sx. BdP deve aver corretto ardeva con credeva. Cfr. un lapsus analogo a c 40r nota d. c BdP: dironchata. d Manicula nel margine sx. e Segue cassato: molto. f BdP: elino. PR corregge elli e cassa -no. g BdP: glim / andon. PR corregge gli / mandon, cassando -m e riscrivendola a capo nel margine sx. h Segue cassato: gra. i o corretto su i. j BdP: Boi. a

b

71

1357-1369 Franciesscho da Chalbuli et hera nosstro podesstà a quessti dì. Molto ne fua dolente la gente di così fatta ambassaria, in perzò che lli Fiorentini e Veniziani gli mandono grande baronia, ma llo nostro signore fe’ come a llui piaque. Partissi da Vingnione e venne a Marsilia, e da Marsilia arivò a Zenova; et entrò in Zenova a dì .xxiii. de mazo, e lì disse messa. 45r

Partisi et andò a Pixa e da Pisa a Viterbo. E intrò in Viterbo a dì .viiii. di zungno e mercori; stiette in Viterbo in fino a dì .xiii. d’ottobre. Anco mo venne in Bologna messer Raynaldo degli Orsini cardinale; e quessto fu a dì .iii. de zungno. Venne per la Lonbardia; partisse zuoba a dì .v. di zugno e andò per Tosscana, a Viterbo, al papa. Anco mo vene due chardinali in Bologna, zò è lo messer di Panpaluna206 e lo messer de Charchasona; vene a dì .v. di zungno. Andossene per Romangna, a dì .vii. di zungno, l’uno e l’altro; andono a sstare alchuni dì a Zento col nostro vesscovo207 e po si partino. Anco mo venne in Bolongna lo messer de Limoge chardinale a dì .xvi. di zugno. Partisi a dì .xviii. di giungno e andò per Romangna. Anco mo venne in Bologna lo messer di Belforte208 chardinale a dì .xviiii. di zungno. Partisi a dì .xxi. di zungno per Romangna. Anco mo venne lo messer de Saragusa chardinale a dì .x. de luglio. Partisi a dì .xii. di luglio et andò per Romangnia. Lo nosstro singnore si fe’ fare grande honore a tuttib; et arivogli tuttec le compangnie in fino alla porta e serrosi le stazon; e desposonod tucti in lo palaxio dello singnore. Franciessco da Chalbuli fo rifermato podesstà de Bologna per li secondi sei mesi. Anco mo si fe’ la pase tra messer Bernabò e lli Zenovesi con pacti che gli danno de gram denari a meser Bernabò e altri pacti ch’io non so. Fessi a dì .iii. di luio. Aveglie grande colpa a farla lo papa.

45v Anco mo avé lo papa la città de Todi ch’è in lo Patrimonio; e fu de zungnio over de luio. Morì messer Iohanni de’ Pepoli in Pavia, ch’ello steva con messer Galeazzo de’ Visconti ed era suo consigliero; e feva delle terre che possedea messer Galeazo com’el fosse singnore, ché llui non si inpazava de niente; e feva grandissimo honore a zaschuno bolongnese e davagli grandef uffizii. Rimase di lui .vi. figl[iu]oli masschi et uno bastardo, tucti prodi huomini. Avea fatto e fegli alla morte troppo grande honore. Fu aducto lo corpo suo in Bologna zuoba di notte. El veneri si fe’ l’ufizio com si richiede, dì .viiii. vengniandog il .x. de setembre; e fu sotterrato in nell’arca del padre, a luogo de’ frati Predicatori, con grande honore. Sapiate che fu il fiolo di messer Tadio, che fu singnore di Bolongna.

Segue cassato: deglialtri. BdP: tucti. c BdP: tucte. d BdP: disposono. e BdP: avagli. f PR corregge: grandi. g BdP: v/engnia(n)do. PR cassa v e la riscrive a capo. a

b

72

1357-1369 Anco mo morì messer Egidio cardinale de Spangna in nella zittà d’Assesi e lì fo sotterrato. Fenea comunamente a ognonb de Bologna grade doglia della sua morte, in perzò ch’elli era stato uno grandissimo e prudente huomo e savio e grande amico dei omini di Bolongna. E fu quello che cci cavò delle mani di quello da Milano con grande sudore e con grande faticha e per zerto el non si porave scriver a pieno. Morì a dì .xiiii. d’ogossto209. Anco mo fu uno grande romore in Viterbo tra lla giente del papa e zittadini, per quessto modo: che uno famiglio d’uno cardinale si lavava uno cane in nella fontana della città, et uno cittadino l’avé per male et avé parole secho; e per quessto corse onne homo ad arme e corseno alla chac d’uno cardinale dov’era fugito quessto famiglio e per tal modo che, sse quessto cardinale non si fosse renduto e digando “Fate di me zò che vi piase”, e’ ll’avravenod afogato. E tucti gli grandi huomini si trasseno al palaxio del papa e lì dentro resstieno le suoi cose et 46r

emerchatantia;

e mostravano d’esser dolenti di zò, sì che fattura fo del popolo minudo. Etf questo durò molti dìg, de che lla terra sté in malasio. Ma tossto venne grande soccorso al papa, sì de Romani e per le contrade, ch’el ne fe’ pigliare più de .ccco. e funo zudicati da dodici e l’avanzo tenne a presonih; e molti ne fu sbandezati, zò è più di .vm.i. E dissesi che gli avea tolto llo vesscovado et avealo dato a Monte Fiascon. Non so che sserà. Quessta sì fu delle casoni che fe’ ritornare la corte a Vingnione. Morì messer Iacomo de’ Pepoli, figluolo che fu di messer Taddeo, in Furlì; e fu aducto in Bologna e fo vestido a modo de j fra minore. E fu adutto k le osse l de dui suoi figliuoli, ch’erano morti innanzi, e funo tucti messi in nell’archa del padre, a lluogo de’ fra’ Predichaturi. Anco mo fu sconfitta la conpangia de messer Ambruoso 210 figluolo di messer Bernabò, basstardo, lo quale era in Puglia in sul terreno della reyna Zoanna e dello imperadore di Costantinopoli211; ed eragli messer Gomes per cho della gente della Chiesia. Sappiate che quessta sì era una delle grande compangnem che fosse mai di za, ché gli eranon da .viiim.o chavalli e pedonaglia assai. Pare che ssi fichasseno in luogho come fossono in prigionep. Credessiq che vi morisse più de .iim. huomini, e l’avanzo tucti presi con tucti suoi capi; e dall’altra parte, parte ne morì, ma poghi. Quessto luogo dove fu la ssconficta sì fu in Terra Dutii.

Segue co(n) cassato da PR. Segue cassato da PR: quest. c cha aggiunto in interlinea. d BdP: avravano. e Nel margine sx: .M.iiic.lvii. f E corretta su mo. g BdP: mo/oldi de. PR corregge: molti dì de, cassando: oldi. h BdP: p(r)isoni. i BdP: ū. Variazione dell’editore per mancanza di carattere idoneo alla riproduzione del manoscritto. j e fo…de nell’interlinea corretto su e fe’ stra la Morte cassato. k BdP: aducto. l BdP: cose. PR corregge: osse e cassa c. m Segue cassato: ch(e) f. n BdP: erono. o Segue di cassato da PR. p BdP: p(ri)none. q BdP: cr/edesi. PR corregge: credessi, cassando cr e riscrivendolo a capo. a

b

73

1357-1369 Quessta compangnia, sì è da sapera, ch’èb a posta de messer Bernabò e sì ’l mandava de za e de llà, riservandola, se glic fosse stato mestiere, a chi fosse stato contra a ello; et, per lo cierto, l’avea grande speranza in questa giente, in perzò ch’el temea pure della venuta dello inperadore, ché ssi businava covelle. E sì fu a nui grandissima 46v allegrezza, in perzò che molto ne dubitava tucti quelli che non erano in liga con messer Bernabò. Vene in Bologna lo conte di Savoia212, lo quale vinia d’oltra mare contra l’infideli; ed eravi stato più d’uno anno con grande gente et assai ve ne morì; ed era huomo de gran possanza e di gran singnoria; e fo a dì .v. de novembre. Al nome di Dio. Messer Urbano papa quinto entrò in Roma sabbato mattina con grande allegreza e gran fesstae fu fatta per li romani. Sappiate ch’elli fu aconpangnato dal marchese Nicholò, singnore de Ferrara, e da messer Galeotto de’ Malatessti e da messer Malatessta e messer Pandolfo, fratelli e nepoti del dicto messer Galeotto, e da tucti li singori della Marcha e delle contrade e tucti con gram gente et armati tucti; fu quello a dì .xvi. d’ottovre, in sabato. Partissi da Viterbo mercori, a dì .xiii. d’ottovere, e fe’ due albergarie, e tre con quella ch’el fe’ fuora della porta di Roma. Venne novella che ll’era renduto Saleo, lo quale è in Romangna; era stato rivello della Chiesa un buon tenpo et era una fortissima cosa. Lo nostro singnore gli avea tenuto l’osste continuo. Quello che ll’avea rivellà sì era de quelli della Fazuola e avea nome Ughizone. Fo a dì .xxiiii. de novenbre, in nello predicto anno. Anco mo vene in Bologna lo chardinale de Teroana213; fugli facto grande honore per la gente. Vene da Vingnione, sì come vennon gli altri; andò al Sancto Padre a Roma a dì .xviii. de disenbre, in sabato. .M.iiic.lxviii.f messer Pietro de’ marchesi dal Monte de Santa Maria fo podesstà de Bolog[na] per li primi sei mesi. Non gera chavaglero. Al nome di Dio. Venne in Bologna messer Anglicoh cardinale d’Alba214 e fratello del Santo Padre. 47r

E quessto avé dal nostro singnore e dagl’uomini di Bologna così grandissimo honore come si potessei fare, che ssi vesstie tucte le compangnej di pano, di setak e sì si bagordò per la maore parte delle compangnie e tennosi le sstazoni serrate; e fessi quessta fessta e durò due dì, lo mercori e la zobia; e per zerto e’ lli fu fatto così grande honore e così volentiera, come si porave dire; e sì gli fu fattol uno bello baldachino, lo quale sì lli fu aducto sopra lo cho, e sì ‘l portava donzelli de quessta terra tucti vesstiti ad uno intaglio. E disposò in lo palasio collo

BdP: sa[v]er. BdP: si era. PR cassa e corregge in interlinea. c Segue li cassato da PR. d PR cassa et tironiano e soprascrive: e. e Segue et tironiano cassato da PR. f In VIL l’indicazione dell’anno è posta al centro della colonna di scrittura e il paragrafo inizia con: Dì primo de zenaro. g Nel margine sx: 1368. h Titulus in eccesso su o cassato da PR. i VIL: possé. j Segue cassato: tucte. k VIL: de panno, e po’ de panno de seda. l Segue ripetuto a capo e cassato: (et) si gli fu f(a)c(t)o. a

b

74

1357-1369 nosstro signore, e li stette una nocte, e poi la mattina andò al vesscovado e lli stiette continuo. E sì lli menò le redene dallaa zerchie in fine a piazza multi chavagleri di Bolongnia. Vene da Roma dal Santo Padre e cosstui rapresentava la persona del Santo Padre bonamente in ongni cosa; e fo a dì .v. de ienaiob. Fo aconpangnato in Bologna da messer Galeotto, da messer Pandolfo de’ Malatessti e dal singniore di Ravenna, dal singnore che fue de Faenza, zò è da messer Zoanni d’Alberghetino e dai signiori de Imola e da altri zentiluomini. Ancora ci venne lo marchese da Fferrara e ‘l fratello. Ancora ci vennec messer Francesco singnore de Mantova215 e ‘l figliuolo de messer Feltrino216. Ancora ci venne messer Rodolfo singnore de Chamerino217 e sì cci venne messer Zoanne di messer Ricciardo da Bangnachavallo218. d Anco mo venne in Bologna da .vc. Unghari d’Ungharia della bella giente del mondo chavaglieri assai; e quessti si disse che gli mandava lo re a suo soldo. E quessto era perché lo papa gli aveva conciesso al re le diesime d’Ungaria a zerto tempo. 47v Venne in Bologna, a dì .xxii. di marzoe, in sabato, messer Francesco da Carrara219, signoref di Padova, e Marsilio, suo fratello, a visitare e a parlamentare con lo cardinale da Vingnon e con lo nosstro singnore. E per zerto el venne con così bella baroniag come si potesse dire e fulli fatto grande honore, sì dalla singnoria e sì da zittadini. Ritornossi martidì seguente. hAnco mo fe’ fare lo cardinale da Vingnon uno consiglio in sulla sala del vesscovado, zò è quello di Quattrocento. In nello dicto consiglio si lesse lettere del mandadoi il quale avé fatto lo Santo Padre a quessto suo fratello, ch’ello possea fare e disfare ciò che a llui piasea in alibiare daçii, a veder lo stato della città, e zenralemente di fare zò che a llui piaxeaj; e lui se rapresentava la persona del Santo Padre a ongne inbassadore chek venial et a tuttem altre cose. In quessto consiglio sì ssi levò uno suo vicario e si disse ch’el Santo Padre e lui, di suo consentimento, sì volea che fosse tolto via lo terzo del dacio della masina, lo quale paghava soldi tre per corba, ch’el pa[gha]se soldi dui; ancora la corba del sale, la quale si vendea lire sei, gosstasse lire quattro de bolognini; ancora che llo dazio della barattaria fosse tolto via in tucto; ancora che lo dazio delle mamole fosse tolto via in tucto; e tucti quessti volea che fosseno tolti via in perpetuo. E de quessto si fe’ grande fessta e serrossi le sstazoni.

BdP: dalle. VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Dì v de zenaro, merchuri, lo dì inanzi la Piphania. c VIL: venene. d VIL premette: Dì xi de zenaro. e VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Dì xxii de zenaro, in sabato. f sig(n)ore aggiunto nell’interlinea soprascritto a segno di BdP cassato. g Segue et tironiano cassato. h VIL premette: Dì xxiiiio de zenaro, in lunidì. i Segue cassato: llo. j piaxea aggiunto nell’interlinea. k BdP: chel, con l cassata. l VIL: vignise. m BdP: tucte. a

b

75

1357-1369 Venne in Bologna, a dì .ii. de marzoa, messer Gomes, lo quale fue rettore di Bologna e venne da Romab. Ancora andò messer lo cardinale da Vingnione a Fferrara et ac P[a]dova ed poi a Vinesia et andò 48r

secho li Malatessti che veneno secho e messer Gome[s]. Fu novella in Bologna a dì .viii.e de febraio che gli era fatto triegua tra Veniziani e ‘l marchese da Fferrara, fzò è per uno disdengnio, lo quale fu tra l’uno e l’altro, et g di suoi pacti et convenzioni li quali aveano insieme; per quessta casone le palade, zò è i passi tra i Viniziani e Ferrarah erano livadi e non andava alcuna robba tra l’una terra e l’altra. Di quessta cosa non fu mai alcuna guera, zò è de porre canpo, né altra novità, ma zasschuno de loro steva ai suo termini. Ma pur finalmente guerra grande ne conveniai ussirej, se non fosse l’andata del nostro signore messer lo cardinale da Vingnion; e quessta triegua si fe’ per uno anno. Anco ritornò, a dì .xxiii. di marzok, messer lo cardinale da Vingnon da Vinezia e dell’altre città menzonate. L’andata sua fu per fare paxe tra i Viniziani e ‘l marchese e per fare che Viniziani non fessono in ligha con messer Bernabò; et anco si disse che andò per protesstare a li Viniziani, sì come sigurtade de messer Bernabò, chel avea rotta la paxe alla Chiesa per la conpangnam, la quale gli avea tenuto in nella Puglia et in sul terreno della Chiesa. A quessto dìn et innancio si se fermò e fesi una grande ligha, zò è tra la Chiesia e la reyna de Puglia e lo singnore di Padova e lo marchese da Ferrara, li singnori de Mantova e la singnoria da Rezo, Perosini, Senisi et anche Zenovesi. De Veniciani e de Fiorentini non si sapea, ma credevasi di no. pLunidì mattina messer Andreino, nostro singniore da qui indrieto, si partì dalla città de Bolognia

48v et andò al Santo Padre a Roma et, digando tossto, el si può dire che fu assai buon singnore, salvo che una pizola cosa che fu assai grande: ello si tolse molto la grande benivolenzia de’ cittadini, che non sindicavaq nessuno suo ufiziale, anzi feno de grande e sozze cose e egli lile conportava. E quessto si crede che fosse la principale cosa che ’l fesse torre di singnoria. E sì si diseva ch’el favorezzava molto messer Bernabò. VIL premette: Dì ii de zenaro. BdP: darroma. PR cassa e corregge nel margine. c BdP: 7 da. PR corregge cassando d . Ritengo che la grafia di BdP fosse da intendere ed a. Diversamente deve aver pensato PR che, interpretando questa grafia come et da, per evitare le due dentali contigue ha eliminato d. Per questo motivo ho messo a testo et a, lezione confermata dalla trascrizione di Ludovico Ramponi. d Segue di cassato da PR. e Segue cassato: di in eccesso. VIL: xviii. f Manicula nel margine sx. g Congiunzione assente in VIL. h Segue cassato: er. i Segue v in eccesso. j VIL: insire. k VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Dì xxiii de febraro. l BdP: chelli. PR cassa –lli e corregge che. m La compagnia di Ambrogio Visconti. Cfr. c 46r. n dì in interlinea. o nc su rasura. p VIL premette: Dì xiii de marzo. q VIL: sinighava. a

b

76

1357-1369 E doveti saper che cosstui era grande amico de messer Bernabò innanzi ch’el venisse a Bolongna; e di zò si vide che messer Bernabò domandò ch’el voleva che cosstui venisse a Bologna e da llui volea promissione che guardasse e salvasse le fortezze, le quale erano state rivelle de Bologna a , come fue Casstelfranco, Piumazzo, Crevalcore, Serravale e Lugo; e quessto mostrò in fino allora che molto e’ ssi fidasse di lui. E quessto fu perché in gli pacti della paxe sì fu che lla Chiesa dovea dare a messer Bernabò cinque cento miliarab di ducati al termine d’otto anni e ongni anno ne pagava certa quantitàc de quesste chasstelle. Cotantod si disse che ssi fidava sì di lui ch’el mosstrò de dargliele per quessto modo, zò è che se messer Bernabò non avesse dalla Chiesa lo suo dibitoe, como è ditto de sovra, che gli dovea render quesste fortezze; e quando el si partìf, lassò chasstellani in nelle roche de quesste fortezze a sua possta, ben ché ‘l nostro singnore che cci rimase sì lli possea mettereg zente da chavallo e da pe in nelle dicte casstelle per aiutorio; e così si disse. Ancora fu in nelli pacti che dovesse stare per singnore di Bologna per lo termine di quessti otto anni. Stiette per singnore in Bolongnia quattro anni et uno mese e .vii.h dì. Sappiate ch’ell avea rotto la paxe alla Chiesa 49r

e per quessta casone lo papa non voleva eti volse che ssi desse lo suo pagamento, lo quale era .lxiii. miliara de ducati onne annoj. E sì ssi disea che ‘l Sancto Padrek avea grandissimo animo a llui in perzò che, innanzi che fosse papal, fue inbassadore della Chiesa in tractare de paxe, et messer Bernabò sì lli fe’ una grade vergongnia. Non so che serà. Al nome di Dio. Martidì a dì .xv. de marzo m messer Anglicho cardinale d’Alba, di zà menzonato, sì intrò in sul palazio ch’è in sulla piazza, et in quello palasio si fe’ fare lo consiglio de’ Quattromilia, zò è quello del popolo, e llì si fe’ lezzier le lettere del suo mandato. E doveti saper ch’el ripresentava la persona del Sancto Padre, sì come suo fratello ch’egli era; e intrò in singnoria della città e contado di Bologna e fe’ zurare lo nosstro podesstà, zò è quello che ci era, che avea nome messer Pietro220 e gli Anciani di Bologna. Al nome di Dio. In lo dicto millesimo, la domenicha d’Olia221, a dì .ii. d’aprile, si partì l’inperadore de Pragha, la quale è sua città, in Alamangna, e lì era sua stanzia, per venire in Lonbardia. Quessto imperadore avea nome messer Karlo 222 figlio che fu dello re Zoanne de Luccinborgho. In lo dicto millesimo, zobia, a dicto dìn, messer Bernabò con la sua zente e con quella del singnore di Verona si chavalcòo in sul terreno de Mantova e sì intronno in nelli serragli, ben

Cfr. c 34r. BdP: miliaia. c ne pagava certa q(uan)tità aggiunto nell’interlinea e assente in VIL. d cotanto sottolineato. VIL: one anno chotanto de queste chastelle. e BdP: ditto. f Segue et tironiano cassato da PR. VIL: el. g VIL: s’i posea metere. h VIL: vi. i PR cassa et tironiano e corregge: né. j Segue cassato da PR: al S(an)c(t)o Padre. k BdP: ch(e) / gli. PR cassa e corregge nel margine. l Segue et tironiano cassato da PR. VIL: el. m VIL fa precedere la data all’invocazione. n In realtà ancora una volta BdP ha omesso la data che VIL pone all’inizio del paragrafo : Dì vi d’avrille. o VIL: chavalchono. a

b

77

1357-1369 chea non aveano nessuna fortezza; e li feno gram dampno e puoselli canpo. E quessto sì fu la prima chavalcata che fe’ messer Bernabò; e qui e’ feno due basstie et anco ruppeno lo ponte dal Borgho Forte223 e perdessi la fortezza, fuorché lla rocha. 49v Per la qua casone la gente della ligha sì andòb a Mantova. Ancora mandò a dì .xvi. d’aprile messer Bernabò uno prete al nostro singnore con lettere mandandole rampongnado, perché s’inpazava de’ fatti de Mantova et altre parole assai; e quessto sì fu un modo di minaçarec et uno de sfidare l’uno l’altro. E quessto messo fu vesstito de bianco dal singnore. Andò lo bando, a dì .xiv. d’avrilled, della moneta zò è bolognini grossi, li quali aveano lo volto del papa da l’uno lato, e dall’altro lo fallo: si dovesseno spendere per .xii. denarie ciaschuno. Et per quesste brighe e novitade che s’apparechiano sì venne grande gente in Bolongna con fu quello da Chamarino, quel da Ffabriano, quello da Fulingnu e tucti li Malatessti colle sue taglie ordinate; e gieneralmente e’ vennono tuttif in persona li singnori che aveano alchuna singnoria sotto la giuriditioneg della Chiesa, et anco quello da Ravenna, e tucti con zente da chavallo; e così venne la zente della Reyna de Puglia, de’ Perusini e de’ Senexi. Anco mo andò bando, a dì .xxi. d’avrileh, che tucti quelli che fusseno delle terre de quello da Milano e de’ seguazi sì si dovessono partire della città e del contado de Bologna, salvo che soldati e scolari; e così tucti gli cittadini di Bolongna e dell’altre terre della Chiesa, li quali fossono i ·nelle terre di messer Bernabò e de’ suoi seguazi si debino partire, sappiendo che sarebbono rebelli e tucti li suoi beni ziravano in comune. Andò messer Galeotto, a dì .xxvii. d’avrile, in zuobai, e messer Gomes e messer Ridolfo da Chamarino incontra allo inperadore, lo quale vegnia dellej parti di Lonbardia. Al nome di Dio. Anco mo l’osste e la zente, ch’era in nelli serragli a possta 50r

di messer Bernabò, sì si dienno di gram botte insieme, zò è Todesschi con la pedonaglia; e qui morì più di due milia fanti et anco de’ Tedesschi. E quessta sì fue una gharra che fue in Parma, che fanti deno de gram botte ai Tedesschi, sì che, per quessto, e’ si voleano vendichare e quessto non fu grande utile a messer Bernabò. A dì primo de marzok. Anco mo arivò lo inperadore a Chasstelo Franco 224 in sul Trivisano, sabato a dì .xiii. de marzol; gli Viniziani si tegnia Trivisiom e feglienn grandissimo honore.

VIL: ch’i. VIL: andono. c BdP: minaçaare. Correzione dell’editore. d VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Sabato, dì xv d’avrille. e BdP: d. PR cassa d e soprascrive per esteso: denari. f BdP: tucti. g VIL: gluridicione. h VIL pone la data all’inizio del paragrafo. i VIL pone la data all’inizio del paragrafo. j VIL: in le. k VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Dì primo de mazo. l VIL: mazo. m VIL: Trivixi. n Con titulus sulla prima e. a

b

78

1357-1369 Anco mo arivò a Padova, in sul suo terreno, mardidì a dì .xvi. di marzoa. Messer lo cardinale nosstro singnoreb sì si partì di Bologna et andò a Cciento a dì .xviiii. de marzo, in veneric; e de llì si partì la mattina et andò alla Badia225 e per le contrade; e quessto è del terreno del marchese in sul Ferrarese et in sulla riva de Po. dVenne lo inper
dore alla Badia e per quelle contrade e lli fo lo cardinale da Vignon e lo marchese Nicholò e li altri baroni che avea lo nosstro singniore e ricevetoloe con grande honore. Anco mo a dì xxv de mazo entrò lo ‘nperadore a Rieveri226 et intrò in gli serragli senza alchuna defesaf, ché messer Bernabò avea facto una basstia in li seragli, a pe de Borgo Forte, molto fornita de gram buona zente; e si fevano gram guerra e danno a Borgo Forte et aveano rotto lo ponte et una g delle roche si h era per perdersi i se lla zente dello imperadore non l’avesse socorsa, che quando iej passono e lli andonno a por chanpo a Ustiglia, la qual si tenia per messer Cane singnore de Verona, e lli steno molti dì. E non posseno fare covelle a quessta Hosstiglia, sì che quando ie soccorsenok a quella rocha da Borgo Forte ie levono tucto lo canpo e sì ssi puosono a quessta basstia e stengli molti dì; ed eragli dentro Paghanino da Panegho e messer 50v Guido Savina per capitànio. Ed era possto quessta basstia per tal modo che ll’osste non possea passare in sul terreno de messer Bernabò, per modo che gli avessono vettuaria, sì che non fu bona entrata quella ch’el fe’ in gli serraglil quando eglim lassò quessta basstia, zò è per nui. La prima schiera che valicòn sì fu quella del marchese, lui in persona, e quessto sì fu grande honore, in perzò che ssi credetteo che grande battaglia vi fosse, che li nimisi erano lì presso, più di .v. milia huomini a chavallo. Lo primo canpo che puose lo inperadore sì fu a Usstiglia e poi alla basstia, che ssi rasonava che ll’avea lo inperadore più de .xxv. migliaia de buoni huomini d’arme, tucti ben a chavallo; et eravi di molti baroni de sue contrade e con altre grandissime gente; e quessti stevanop in chapo da per sé con lo inperadore. Lì presso si era lo canpo della liga che gli aveano pressoq ar tres mila barbute e pedonaglia et eragli lo nosstro singnore et eragli lo marchese227 e messer Galeotto e messer Malatessta de’ VIL: mazo. VIL: miser lo cardenale de Vignon nostro signore. c VIL pone la data all’inizio del paragrafo: Viegniri, dì xviiii de mazo. d VIL premette: Sabado, dì xx de mazo. e VIL: a rezeverlo. f BdP: difesa. g Segue cassato: delle ripetuto in eccesso. h BdP: sie. Correzione dell’editore. i Segue cassato: no(n) lavesse. j BdP: 7. PR cassa 7 e corregge in interlinea. k BdP: e socorsono. l Segue e cassata da PR. m VIL: el gle. n VIL: sciera che varghò. o VIL: ch’el se crete. p stevano aggiunto nell’interlinea. q BdP: prese. r BdP: a. PR corregge a, cassando d con un tratto di penna. VIL: de. s VIL: iiiim. a

b

79

1357-1369 Malatessti et eragli messer Gomes, lo quale era chapitànio dell’osste della liga, e fu chasso a quessta basstia e fu fatto lo marchese; et anco gli era messer Ridolfo da Chamerino, messer Trinzea singnore de Folingnio, messer Guido singnore de Ravenna e bonamenti tucti quelli c’aveano alcuna singnoria sotto la giuridizioneb della Chiesia. Anco mo zunse in lo chanpoc la inperadrised e lla fiola dello imperadore. Anco mo v’andò l’anbassaria da Firenza e funo male riceuti, in perzò che lli Fiorentini non volseno entrare in ligha con la Chiesa né con lui; e senpre con inganni. Veniziani gli feno grande honore. A dì .xxv. de mazoe. Venne messer **** lo cardinale di Bologna228 de Solomierif, ch’è una Bologna oltramonti, e intrò 51r

in Bolongnia e venia da Vingnon et andava al papa. Andossene per Romangna a dì .viiii. de zungnio. Anco mo, a dì .xviiii. de zungno, chavalcò l’osste dello inperadore e lla ligha in sul Veronese, presso a l’Adeseg229, e li fenn o grandissimo danno: arseno e denno lo guassto per tuttoh; e sì vi steno poghi dìi, ché gli aveano disasio de vittuaria. Anco lo singnior de Verona li tagliò l’Adese adossoj e sì gli allagò, di che essi convenonno partirse. Partironsi di sul Veronese de luglio, a l’entrata, e venono a Mantova tucti; e sì no aveano alcuno canpo. Ancho si ridusseno in Mantoa e zerto fino a quessti dì i no aveno mai alchuna fortezza de nemisi, né anco grande guadangnio, ma molto guasstono e desertonok lo contado de Mantoa. La liga se ne venne a Bologna e zasschuno alle sue contradel, zò è della ligha; e lo imperadore rimase in Mantova con tucti li suoi chaporali, ben che grande zente della sua se n’andò in nella Mangnam, tamanta era la moltitudine della gente ch’elli avea, che tucta la robba del mondo non gli arave forniti. Serà che Dio vorrà. Lo singniore de Padova si puose canpo a Vizenzan, che lla zente del duse de Sterlicho230 ch’ello la tolsep a soldo. Anco mo fe’ triegua lo inperadore e messer Bernabò e quel dalla Schala per uno mese; cominzossi a dì .xxvii. de luglio. E di quessta triegua si diseva ch’en serave pase; ed era sì stranea novella agli uomini che, perché el si disesse che pase fosse fatta, non si credea che pase fosse. S’ella serà più oltra scriverròllo.

BdP: Trinz[a]. BdP: giuridazione. c Segue cassato: lonp(er)adore. d BdP: l’anperadrise. e VIL pone la data all’inizio del paragrafo dove giustamente è stata riportata da PR. f BdP: solemieri. g BdP: Adise. h BdP: tucto. i Segue cassato: che. j PR cassa et tironiano e aggiunge a capo: e. k BdP: disertono. l VIL: tere. m VIL: in Alamagna. n BdP: Visenza. o VIL: Storiche. p BdP: el la tolse. a

b

80

1357-1369 Di tanta moltitudine de zente comea vene se savean men e disevansi mem che negotta e feno mem prodezza e meno bontade in fino a qui che pure era una vergogna. bVenne in Bologna lo re di Ziprio, lo quale venia dal papa, et era molti anni che non era stato in sue contrade; anco era stato in guerra contro a l’infideli. E foli fatto grande honore, e disposò in Santo Domenicho. 51v Partissi lunidì, a dì .x. di luio, et andò a lo inperadore e poi in suoi contrade. Anco mo andò in Bologna una grida da parte del singnore che ciaschuno, lo quale volesse vegnire ad abitarec in Bolongnia, overo in nel contado, che tra lì, zò è lo dì che vegnisse, di fino al termine di cinque anni, non pagasse alcuna colta overed prestanza, se no i dazii usadie; e durava la provisionef a chi volese venire fino a .v.g mesi. Anco mo tolse messer Brancha di Guelfuzi ah zerti suoi consorti la Città di Casstello e Borcho San Sepolcro, le quali si teneano per li Perusini; e fu de luio. Rendé quesste fortezze alla Chiesa de settembre che eboni della gluridizione della Chiesa, ma li Perusini le teneano. Anco mo, dredo a quessto, fe’ porre lo papa l’osste a Perosa, che mosstrava che gli li fosse data per tractado da’ grandi di Perosa. Non venne fatto; funne molti zudicati in la terra. Anco mo venne uno monissterio di frati in Bologna e vennono ja sstare in piazza Maore, rinpetto alli Galluççi, in sulla porta della cittadella. E fegli venire uno messer Antonio de’ Ghalluzzi e llui gli fe’ lo munissterio e erano chiamati i frati Zelesstrini. El nome della chiesia fu quessto: kSancto Zoanne Batissta. l Venne in Bologna la figliuola dello inperadore, ed era mogliere del marchese de Brandiborgho231. Dispossò a Sancto Domenicho; partisi et andò a Roma. mAnco mo diè lo papa lo vesscovado a Monte Fiaschoni, che inanzi era chasstello; e fu per Sancto Zohanne di zungno232. Anco mo venne in Bolongna lo nostro singniore, lo quale era stato all’osste et a Mantoa collon inperadore; e fu vegnieri a dì .iiii. d’agosstoo. Messer Baligam dap Baligam da Exi233 podesstà de Bologna per li secondi sei mesi. Cominzò a dì .v. d’agosstoq lo suo ufizio. Anco mo venne lo inperadore a Modena, sabato, a dì .v. d’agosstor, e li dièa lo marchese lo suo casstello VIL: che mo. VIL premette: Dì viii de luio, in sabato. c BdP: a [i] abitare. d BdP: o n(ost)ra. PR cassa e corregge in interlinea. e BdP: usada. f VIL: previxione. g VIL: vi. h VIL: et. i VIL: che en ben. j Manicula nel margine sx. k VIL: miser San Zohanne Battista. l VIL premette: Zuoba, dì xxvii de luio. m Manicula nel margine sx. n Con titulus su o. o BdP: ogossto. p BdP: de’. q BdP: ogossto. r BdP: ogossto. a

b

81

1357-1369

52r

e fegli grande honore; ed era secho la inperadrise. Anco mo venne lo patriarcha d’Aquilea234 in Bologna et andò a torre la tenuta de Pisa per lo inperadoreb; a dì .xiiii. d’agosstoc. Andò lo nostro singnore a Modena a lo inperadore a dì .xiii.d de agosstoe. fAnco mo si partìg lo inperadore da Modena et andò a Lucha e quella avé; e così avé Pisa, como oditih. Anco mo fo romorei in Siena, che ssi reggieva a popolo; dissesi che i grandi come i Tolomei, Salinbeni j , Picolomini et altri sì si tolseno la singnoria per loro e chazono quelli che rezzevanok innanzi; e tenneno la terra alcuni dì e poi gli Salimbeni, ch’erono stati senpre contradi de quessti Tolomei, si deno la terra a lo inperadore e tradino quessti altri; e si funo desscazati l e santanadi. E sapiate che lli dieno una delle porti, sì che gli introno sforzatamente; e fu preso lo consevadore ch’avea nome Francescom da Chalbuli235. Intrò messer Malatessta in Siena per lo inperadore, a dì .xxiiii. di settembre; fuzzi la novella a dì .xxvi.. nLunidì mandò lo nostro singniore una grida che zaschuna persona posesse andare con la sua merchetantia per le terre della Chiesia a quelle de messer Bernabò et a suoi seguaci sani e seghuri; e che neguna persona non dovesse dare né fare dare dannoo in persona né in aver del terreno di sopradicti, sappiendo che gli era fatto libera pase; e così si de’ creder che fe’ quî ch’erano in ligha con la Chiesia e collop inperadore. De quessto non savea trare l’uomini sazo q in perzò ch’eli non sapeam se ll’avea fatto lo inperadore pase, ché quando l’era a Mantoa et eragli lo nostro singnore, el ssi disea ben che llo inperadore volea fare pase, ma disevassi ch’el papa non vollevar pase. Che ne insiràs non so, ma pure lo camin non corret, se non ben maleu, da Bologna alle altre terrev de quelli da Milano, ma messer Bernabò e quello dalla Schala deno aiutorio,

52v sì di zente e sì de denari a lo inperadore, quando el tolse le terre di Tosschana.

BdP: gli li dié. PR cassa gli li diè e corregge in interlinea li dié. VIL aggiunge: vene. c BdP: ogossto. d VIL: xxiii. e BdP: ogossto. f VIL premette: Zuoba, dì xxxi d’agosto. g Segue cassato: d. h Cfr. c 52v. i Segue cassato: che. j VIL: Sagninbeni. k BdP: a chazon[e] che quelli che rezzevono. l BdP: disscazati. m BdP: Franco. PR corregge, scrivendo per esteso Francesco. n VIL premette: Dì iiiio de setembre. o dan(n)o in interlinea. p Con titulus su o. q BdP: sazi. r BdP: vole[av]a. s VIL: che ve ninserà. t BdP: coreve. PR cassa e corregge nel margine. VIL: chorea. u Segue se non ripetuto e cassato. v VIL: alle terre. a

b

82

1357-1369 Anco mo intrò in Lucha lo inperadore e di quella avé la singnoria; a dì .viii. dea settembreb. Messer Iohanni dell’Angniello, lo quale era zittadino de Pisa et era singnore di Pisa e di Lucha, si diè quesste cittàc allo inperadore de volontà de’ zittadini; e venne da Pisa a Lucha a lo ‘nperadore. Qui parve ch’e’ ssi scavezzasse una ganba; e gli Pisani feno alchuna novità che mosstrava che voleva che fosse preso messer Iohanni e che rendesse rasone del tenpo ch’egli era stato singnore, che fu quello che la tolse l’altra volta al vicario dello inperadore ch’era in Pisa per lui, sì che alcun zorne restò d lo inperadore ch’el non entrò in Pisa, ma pure finalmente avé la singnoria de Pisae e di Lucha e di Sam Mingnato del Tedesscho, lo quale si chiamava molto dellif Fiorentini. Anco mo andò lo inperadore a Sam Mignato a dì .xvii. de settembre e fe’ fare una chavalcata in sul terreno de’ Fiorentini con la sua bandiera e quella della Chiesa e quella de messere Chaneg singniore de Verona. Rimase così l’overa, che non si fe’ novità neghuna più, ma gram paura aveanoh li Fiorentini. iAnco mo si tolse Bangnachavallo per la zente del nosstro singnore, lo quale tegnea messer Zoanne de’ Manfredi; e fu ch’el nostro singnore fe’ fare uno tractato con uno famiglio di messer Zoanne che gli diè la porta, e la zente intrò dentro. E messer Zoanne si riserò in la rocha e de llìj el fuzzì a Bresichella236 e lassò la donna sua i ·nella roccha; e quella avé patti e rendé la rocha. Fu bello tractato e coverto. Incontanenti andonno e puoson l’osste a Solaruolo 237 e quello aveno; et anche aveno Mudigliana238, ben che ssi dise che messer Iohanni gli diè Solarolo in perzò che ss’aconzò conllo singnore; e venne a sstare lo figliuolo in Bolongna. kVenne in Bologna messer Francesco239, singnore di Padova, lo quale andava a Roma a lo parlamento con lo papa e con lo imperadore. 53r

A quessto tenpol lo inpradore s’era partito di Tosschana ed era andato a Roma a far lo dicto parlamento conllom papa. E’ si era a Monte Fiaschonin a quessti dì, sì che inanzi zunse lo inperadore a Roma che lo papa; anzi si disse che lo inperadore gli andò incontra ed aspettòo alla porta e menò le redene al papa di fino a San Pierop. In quessto q parlamento fu lo dicto singnore de Padova, lo marchese da Ferrara e gl’inbassadori de messer Bernabò et altri inbassaduri e de quelli della ligha et altri assai. A quessto tenpoa messer Bernabò sì corse con gran genteb in li seragli dec Mantova, e lì si era

PR corregge: a dì .viii. de. VIL pone la data all’inizio del paragrafo. c BdP: zittà. VIL: zitade. d BdP: dì resstò. Pr cassa e corregge prima ressisti, poi cassa e scrive zorne restò. e Segue cassato: (con) tironiano. f VIL: per. g VIL: Kam. h VIL: avea. i VIL premette: Dì xxvi de setembre. j -e llì su rasura. k VIL premette: Dì ***. l VIL aggiunge: e dì. m co(n)ll su rasura di mano di PR. n VIL: era andato a Roma a far lo dicto parlamento. Lo papa si era a Monte Fiaschuni. o VIL: despontò. p VIL: fino a San Piedro de Roma. q Sic. a

b

83

1357-1369 guasstadurid he rifevano gli passi che avea guassti messer Bernabò; e’ gli diè chumiato in pena delle forche e spianòno tucti li passi, chee diceva che in gli pacti de una cotale concordia ch’ell avé con lo inperadore e la ligha, che in fino che non era disbrighato di fare la pase, el non si dovea muovere alcuna cosa, né fare fortezza; ma pure elo si puose lì e fegli una fortezza como più inanzif dichiareròg. hVene in Bolongnia uno cardenalei ch’avea nome messer loj Cardinale. Sapiate ch’egli era eletto dal Santo Padre et andava per lo chapello a Roma e non venne con lo chapellok come fe’ gli altri. Andossene mercori seghuente in Romangnia. Anco mo, zobia, a dì .xviii. di iennaio, era lo inperadore in Siena con assai buona gente ed eragli venuto lo cardinale di Bolongna Sulamierel240, lo quale era stato fatto da lo imperadore vichario de la Toschana, quando elli era in Romam; e domandando lo ‘nperadore ai Sanesi di volere porre in palasio lo dicto chardinale, lo populo sì disse n che non volevano o e per quessta chasone trasseno p ad arme gridando: “Mora lo imperadore!”; e si riserò q in uno palaso con gram paura e messer Malatessta et assai altri buoni huomini e fuzino a Monte Pulzano241 più che 53v der frezza e finalmete ella s’aconzò con lores et elli sì ie deno alcuna quatità di denari et ello li t risstituì la sua taglia u e li suoi rezzimenti e sì se ne andò a Llucha con gran vergongnia, come l’è uso, e lo cardinale et il marchese di Monferrà rimase drento. Non so che sserà. Gli Fiorentini là feno sua visenda come cosa che ie tochava. In Pisa si rasonava ch’e’ non potrave esser intrato in Lucha; possé entrare perché non vorrebbeno la singnoria de’ Pisani.

Segue cassato sul rigo e dì, corretto in interlinea con e, anch’esso cassato. VIL: A questo tempo e dì. BdP: genti. c BdP: da. d BdP: guasstaturi. e VIL: ch’el. f Cfr. c 53v e ssgg. g BdP: dechiarerà. h VIL premette: Dì xxi de zenaro, in domenega. Questa notizia e la seguente andrebbero, come giustamente in VIL, sotto l’anno 1369. i BdP: cardinale. j VIL lascia uno spazio bianco mentre in BdP la scrittura è continua. k VIL aggiunge: roso. l Aggiunto da PR su spazio bianco. VIL: Sovrolamere. La parola è presente in altre cronache bolognesi con diverse varianti: si tratta di malapropismi che tradiscono un cattivo intendimento del fr. sur (la) mer, appellativo usato per distinguere la città di Boulogne dalla sua omonima italiana. Mentre Ramponi mostra di intendere la parola come un cognome, allontanandosi dal significato originario, la lezione di Villola risulta essere più corretta perché, non solo conserva il senso dell’espressione, ma ne italianizza la pronuncia. Riguardo l’origine del nome cfr. CCB, III, p. 241, nota 9. m Segue cassato da PR: vichario della Toschana per lui. n BdP: disseno. PR corregge disse, cassando –no con due tratti di penna. VIL: disse. o BdP: volevono. p VIL: treno. q VIL: e s’il reseno. r de aggiunto da PR su rasura. VIL: a. s BdP: loro. t BdP: lo. u VIL: tera. a

b

84

1357-1369 a dì .v. de febbraio messer Stefano de Miramons242 delle parti di Franza fo podesstà di Bolognia. Anco mo, domenicha da sera, sonò le canpane per la pase ch’era fatta; fu la domenicha di carnevale, a dì .xi. di febraio. Lunidì seguente, la mattina, si sonò le canpane, i en sul corriduro del singnore sonò le tronbe, com’è usanza; e fu fatto manifessto come ell’era fatta buona pace tra’l Santissimo Padre messer Urbano papa quinto, el nostro singore243 e messer Karlo inperadore e tucta la liga. E la liga si è quessta: la reyna Iohanna reyna di Puglia, el comun di Perosa, lo comune di Siena, lo Singnore di Cortona244, i marchesi da Ferrara, messer Feltrino singnore de Rezo, messer Ludovicho245 singniore de Mantova, messer Franciesscho singnore di Padova dall’una parte, messer Bernabò Viscont[e]b singnore di Milano, meser Canec da la Scalad signiore de Verona e tucti li collegati di zasschuna parte. E che zascuno potesse andare e stare et usare per le terre dell’una parte e dell’altra sani e salvi con le loro merchetantiee. E chosì disse la grida. Ancora per quessta paxe si può veder che quando lo imperadore era a Mantova e ch’el fe’ triegua con messer Bernabò e con messer Cam per uno mese

a.M.iiic.lxviiii.

54r

e che ssi disse ch’ella serave paxe, e d’allora in za mai non serave fatta novitade contra i nimisi, e ch’el si partì et andò in Toschana e poi andò a Roma al papa e lì si fe’ uno parlamento e fugli lo signore di Padova et il marchese e l’inbassaduri della ligha et così def messer Bernabò e sì è da creder che allora si facesse la paxe tra la Chiesa e lo inperadore con miserg Bernabò e con messer Cam. Credo che lla ligha si commettesseh in nello papa et i ·nello nostro singniore, che da poi che ssi partì lo parlamento, egli stiette continuo gl’inbassadori di messer Bernabò e di tucta la liga in Bolongna, et ongni dìi erano insieme con lo singnore. E finalmente elloj ne cavò buon fine, per la gratia di Dio, sì che durò quessta mena de fino che lla tregua si fe’, che fu a dì .xxvii. di luglio, in fino a quessto dì. E sapiatek che, per quello che ssi vedea e credea, el fu grandissimo fatto che pase si fesse, in perzò ch’el papa gli avea grandissimo animo e mala volontà contra de lui; et per metterlo al basso, el fe’ vengnire lo inperadore di za e fol in tanta unione m con lui, che mai non si trovava ch’el papa con lo inperadoren fosse in tanta paxe. Ma crezzo ch’el papa, vegando la pogha constanzia e lo pogo bene ch’era in quessto inperadore, el fe’ de la pizore la migliore, sì che senpre con vergongnia elli era stado o de za; e così se n’andò.

Nel margine sx: 1369 [de febrar(ius)]]. Viscont[e] aggiunto nell’interlinea. c VIL: Kam. d PR aggiunge nell’interlinea da la Scala su singniore cassato perché ripetuto. e VIL aggiunge: e chose. f PR corregge: de. g miser presente anche in VIL. h BdP e VIL: co(n)mettesseno. PR corregge cassando –no con due tratti di penna. i di aggiunto in interlinea. j BdP: 7, cassato da PR che corregge ello. k VIL: sabià. l VIL: et era. m BdP: honione. n Segue li cassato da PR. o BdP: vengnudo. PR cassa e corregge nel margine. a

b

85

1357-1369 Incontanente la Chiesa fe’ hosste a Perusa con gran zente, e molto l’assediono; per tal modo che gli aveano grande charesstia e forte. La Chi[e]sa a seb gli avea intorno Sisi, Gualdo e Nozea246 e quasi tuttec le fortezze de’ Perosini erano perduded et aveano poghi amisi, salvo che messer Bernabò come più oltrae uderìtif Venne in Bolongna l’olia, che l’era fatta la pase tra llo inperadore e li Fiorentini a quessti patti, zò si diceva 54v che gli devanog cientoh migliaiai di fiorini al presente et ongni anno quaranta migliaia et altre sue conventione che non le so; e quessto fue, ch’el vene l’olia, a dì .vi. di marzo. Lo inperadore era a Llucha a quessti dì e non ne aveva, perzò, più Pisa né Siena, ma in Siena era lo cardinale de Bolongnaj. Anco mo venne l’olia, che lla Chiesa avea la Città de Chasstello libera e sbrigadak; fu a dì .vi. de marzo. Anco mo, veneri, a dì .vi. de marzo, andò lo nosstro singnorel messer Anglicho cardinale a Roma, al mSanto Padre che era suo fratello; e sappiate che agli uomini ne fe’ sì grande male che non volevano ch’el li andasse, in però che mai non se ricordava che in quessta città fosse uno così buon singnore. Cosstui era uno santo per nui, che z’avea sì ben retto e sì ben guidati, che scriver non si porria apieno e, brevemente digando, quando eli andò, ongnuomo [tr]assen a vederlo, ché sì gram male ne feva alla gente, che quasi ongni omo lagrimava; ed assai si feno denanzio digando per Dio che tornasse e che non z’abandonasse; et ello digando che non dubitasseno ch’el tornerebbep, ma non forsi cossì tosstoq come nui voriavono e ch’el ziva a visitare lo fratello, zò è lo papa, et ancho per trattarer pase tra lla Chiesia e li Perusini; e così disse. E menò segho zittadini, lo nomes de’ quai si è quessto: messer Antonio de’ Galluççi, messer Taddio degli Acciguid[i], messer Francesscho de’ Ranponi, messer Roberto da Saliseto, Antoniolo de’ Bentivogli. E quessti menò perché fosseno collo Sancto Padre a racomandarli quessta città; ma pure la zente rimase tucta sconsolata in perzò ch’el non si credea ch’el tornasse. Dio fazza lo meglio. Lassozi in suo luogo lo vesscovo da Monte Albano247, non troppo 55r

sufficiente, perché buono rezzedore vorrave a una così grande cittade. Fu male huomo.

Chi[e]sa su rasura. BdP: si. c PR corregge: tucte. d BdP: perdute. e Cfr. c 55v. f BdP: udirì. g Segue cassato: ongni. h ciento su rasura. i VIL: miglara. j VIL aggiunge: de Solamiere. No so che serà. k VIL: desbrigada. l Segue a cassato da PR. m Manicula nel margine sx. n VIL: trè. o PR corregge: dinanzi. p VIL: tornarave. q Segue et cassato. r BdP: tractare. s VIL: lo me. a

b

86

1357-1369 aAnco

mo fu uno grande romore in Pisa, che llo populo cazò fuora la zente dello inperadore; e sì si tolseno la singnoria per loro e reggievansi a populo, ben che gridonno; “Viva messer Piero de’ Ganbacurti!”; e così rimase quasi come singnore. Anche mo venne in Bolongna lo cardinale cheb, era arcivescovo de Contorbia248; non adusse lo capello rosso, in perzò ch’ell’era eletto e zevac a Roma per lo chapello. dVenne in sul nostro contado una compangnia d’Enghilesie, la quale vengnia delle terre de messer Bernabò ed eranof ben più de due milia huomini a chavallo, della bella zente del mondo, la maore parte Inghilesi. El capo g de quessta zente sì era uno messer Zoanne Aghuto249 inghilese. E sappiate che quessta zente si era stata a soldo de messer Bernabò e si mosstrava ch’e’ gli avea cassi, e sì avea mandato al nostro singnore a sapere s’egli lih volea; e tucto era inghanno. Credevassi ch’e’ gli avea asoldati e sì gli mandava a Perusa; et uno ambassadore de’ Perusini ch’avea nome Bindo Monaldii sì gli guidava. E messer Bernabò sì disea ch’ella era conpangnia e ch’el no i possea guardare; sì che arivono a Panzano 250 a quessto dì. E de lì levon chanpo e vennono a Cortisella251 e poi andonno a Medisina, e mai non andò zente per nimisi, cussì comej egli eranok, che feseno men danno, salvo chel de torre della robba e chem trovavano. E quando elli funno a Medisina, quelli da Varingnana gli feno despiaceren, de che lli chavalcono e sì ne presono et uccisono assai; e quessto fu lo maore dampno che ffessono. Stettono in sul nosstro contado .viii. dì interi et andonsene per la Romangna e per quessto modo che oderiti. 55v Fo sconfitta quessta conpangnia, a dì .xv. de zungno, in vegnerio, in sul contado d’Arezzo, per quessto modo: Arezzo de Toschana si rezze a popolo et enno nemisi de’ Perusini et in liga della Chiesa; e quessta zente che glie sconfissono si era zente della Chiesa p, che lo inperadore, che era a Llucha, sì gli aveaq a soldor e sì gli avea pagati per due mesi e davagli alla Chiesia; et el papa gli dovea poi paghare da llì innanzi; e sì lli menava, a possta della Chiesia, uno messer Simon da Spoleti. Gli chapis de quessta brigata sì era uno messer Falcho et uno Anisi da Ventet tedesscho et erano nemisi degl’Inghilesi per altre soi novitade; sì che a questo dì de sopra l’una parte e l’altra erano zunti in sul contado aretino. L’uno non sapea dell’altro, sì che fu cosa hordinata da Dio, che mai la Chiesa non gli avea voluto viedare lo

VIL premette: D’avrille. VIL: lo quale. c BdP: ziva. d VIL premette: Dì primo de zugno. e BdP: d’inghilesi. f BdP: erono. g VIL: cho. h VIL: s’el gle. i VIL: Bonaldi. j Segue nell’interlinea u cassata. k BdP: erono. l Segue cassato da PR: di pigliare et. m BdP: chi. Da intendersi ch’i. n BdP: dispiacere. o VIL pone la data all’inizio del paragrafo. p VIL aggiunge: per questo modo. q Segue cassato: pagati. r VIL: a so soldo. s BdP: cho. t VIL: Flache e uno Anixi d’Ariete. a

b

87

1357-1369 passo, che ben l’aveano a possuto fare se gli andòli b . L’una parte e l’altra s’aschierino c ordinatamente, ma pogo durò, ché agl’Inghilesi forte nose fosse ch’erano piene d’aqua, sì che assai sì gli ne aneghò a quessto passo. Ma pogo durò quessta battaglia, sì che funo tuttid presi e morto quello Bindo ambassadore de’ Perosini. Sappiate che quessti Inghilesi eranoe da duaf milia in su e lla nostra zente erano forsi mille da chavallo, salvo che v’era tucto lo populo e lla sua montanareda, sì che per la gratia di Dio e perg sua prodezza funo sconfitti. Crezzo che messer Bernabò fosse più dolente di quessta brighatah, che non si porave dire ch’e’non avé mai migliore zente. In breve tenpo fun tucti lassati. E de quessta allegrezza si fe’ grande fessta in Bolongna, perché molto zi tochavai. Anchej mo vene in Bolongna la inperadrisek a dì .xi. de luio, in merchuri, mogliere de messer Karlo inperadore252, che quando el venne in Ytalia, 56r

ella venne secho; e venne per da Chasi253 e oltra per Val di Reno e desposòl in chasa de’ frati Predicaturi. Anco mo venne in Bologna messer Karlo inperadore, lo quale venia da Llucha; e fe’ la via da Chasi e oltra, per Val di Reno, e disposò al luogo de’ frati Predichatori con la sua donna; andavasene in nella Mangna, in sua malora, a dì .xiiii. de luio, in sabato. Andossene lunedì, a dì .xvi. d’agossto m a Ferrara e venizi il marchese che l’acompangn[inn]on. Da Ferrara si partì et arivonno a Porto de ****** e po oltra, per mare, lui e la imperadrise; in uno dì et hora si partino. Sappiate che lassò le parti de Lonbardia in male assetto et in grande sospeccione et ancheo le parti de Tosschana che, sì come è scripto indrieto, e’ l’avé, possa Lucha, Siena senza colpo di spada e tucte de volontade; pogho le tenne, salvo che Lucha, che quando el si partì de Lucha, ellop lassò lo cardinale vicario di Tosschana per lui. E quessto chardinale era lo cardinale di Bolongnia de’ Solamieri, che quando elloq andò in Tosschana ello lo menò secho, ma non ier lassò se nons la possessione de Lucha e de Sam Migniato del Tedesscho, in perzò che delle

BdP: av[i]ano. VIL: se gl’avé. c VIL: s’aschirono. d BdP: tucti. e BdP: erando. d cassata da BdP. f BdP: du[e]. g e per nell’interlinea. h Forse brigha si riferiva alla sconfitta, mentre PR interpreta la parola come troncamento di brighata. i Segue una lacuna nella VIL fino all’inizio del 1372, mancano le carte 150-154. j BdP: anco. k Segue casssato: a dì. l BdP: disposò. m BdP: ogossto. La cronaca Bolognetti e B riportano 16 luglio. Il diverso mese è sicuramente un lapsus, poiché la narrazione continua riportando i fatti del mese di luglio. n Lacuna dovuta a correzione incomprensibile di PR. o BdP: anco. p PR corregge sopra et tironiano. q BdP: elli. r Segue i(n) cassato. s BdP: se none. PR corregge cassando –e con un tratto di penna. a

b

88

1357-1369 altre cittade l’avea saputo sì fare che no gli avea a ffare niente; e quessto vichariato de Lucha avea per tre anni, di volontade de Luchexi. Sappiate che di Tosschana e de Lonbardia senpre i suoi pensieri de lo imperadore erano in aver denari e pogho honore; e così amosstrò per effetto, che grandissima quantità de moneta el s’en portò; et lassozzi in grande herrore tucte quesste parti, che fino che el vene a Mantova, ai seragli, egli si portò male, ché ssi disseb che 56v inanzi che si partisse de sue contrade, ch’el erac contradio con messer Bernabò; sì che, in breve, cosstui era huomo da denari e non era huomo vigoroso della sua persona. Credevasi che fosse uno savio huomo, ma a quessti punti non lo mosstrava, o perché Dio non volesse aconsentire, per lo meno male, o perché gli era da ssé pogho bene, che de lui non s’è mai posutod scrivere cose dae assai. Venne lo nosstro singnore messer Anglicho in Bologna, lo quale venia dal papa et era stato ay fatti de quella guerra tra la Chiesa e Perosa ch’era dura e forte et era sostegnuda per messer Bernabò et anche per parte de Tosschana. Fugli fatto honore assai e veduto molto volentieri da’ zittadini, sì come buono singnore ch’egli era. Stiette in quelle parti da .xvi. di marzof per fine a quessto dì de sotto scripto. Al nome di Dio. Martidì ultimo de luglio. Ma pure la guerra rimasse forte e fiera tra la Chiesia e Perusini; e molto grande volontà avea lo papa contra a quelli Perosini. Avea la Chiesia grande g zente, oltra .iiiim. huomini a chavallo; e dentro de Perosa era più di .xv. cientinaia d’uomini a chavallo, sì che la Chiesa avea possto assai volte canpo, ma male vi poteva stareh; riduseansi alle fortezze. Anco mo li Perosini ussiron fuora a chanpo in sul suo terreno e tucto il dì correano in sul terreno della Chiesia e facevano grande dampno. Sappiate ch’egli no aveano grande zente, zò è la brigata degli Inghilesi, che ssi riffèno, et altra zente assai, la quale gli aveva dato messer Bernabò. Et per zerto la terra non si serave tenuta se non fosse stato lui; e la si desea pur la guerra di messer Bernabò. E quessta zente feno una conpangnia e sì si stevano per le contrade, battendo 57r

tuctte le contrade. Et a quessti dì era lo papa a Monte Fiasschoni. Per chapitano de guerra de’ Perusini sì era uno Nicholò da Boscareto, dellai Marcha, lo quale fue preso; et era grande nemicho della Chiesa. Ma pure Perusa steva male ad asio e tucto lo dì perdea le suoi fortezze.

Manicula nel margine sx. Segue cassato: che imnanzi. c Segue casato: in. d Segue cassato: sentire cose. e da nell’interlinea. f La partenza del cardinal legato viene narrata a c 54v in data 6 marzo. g Titulus soprascritto in eccesso. h Segue cassato: d. i BdP: dalla. a

b

89

1357-1369

Anco mo li Fiorentini puosono li osste a San Migniato, lo quale si teneva per lo cardinale de Bolongnia da Solamierea, ch’era vichario dello inperadore in Toschana, ed era in Lucha. Fu de settembre. Et per questa casone quessto chardinale fe’ zente sì della sua e sì de b quella de messer Bernabò, sì come vicario dello inperadore; e’ sì fe’ levare quessto canpo e ruppe contra li Fiorentinic. Et è per esser forte guerra, sì come inanzi udirete. Quessto San Mingnato solea ubidire a’ Fiorentini; e lli cittadini sì si dienno a messer Bernabò, e llui si puose zente drento e sì ‘l volse fornire a mal grado de’ Fiorentini; e per zò gli Fiorentini sì li feno basstie atorno, di che messer Bernabò feced venire una compangnia in Tosschana per fornire lo dicto chasstello. Odirete più innanzi. Messer Karlo conte da Popio fo podesstà di Bolongnia per li secondi sei mesi. Intrò in ofizio primo de novembree. Anco mo si publicò la ligha tra la Chiesa e Fiorentini, al nome di Dio; e fu del mese di novembre. Della quale liga fu dolente messer Bernabò, perché lui voleva ligha conlla Chiesia per fare dampno a suo modo a li Fiorentini, sì che se llo papa avesse fatto liga secho gli Fiorentini aveano mal fatto. E fe’ grande pechato la Chiesia, ché, fino che posseno, 57v egli non volsono mai liga con Chiesia e senpre amisi di messer Bernabò a nosstro danno. Anco mo fu trattato in Lucha contra lo cardinale de Bologna Sulamiere, lo quale era lì per vicario dello inperadore; e llo tratàto feva lo capitano della zente de messer Bernabò con altri cittadini; et dovevano torre la terra e darlla a messer Bernabò e dargli lo cardinale preso. Per la qual casone el prese tucti quel dal tractato. Fu all’ussita di novembre. Anco mo ave’ gli Veniziani Triesste, allof quale egli avevano fattog gran guerra, ben che innanzi elli lo solevano avere ai suoi comandamenti. Anco mo qu[e]ssta conpangnia, la quale fe’ vegnire messer Bernabò sul Fiorentino per fornire San Mingnato, con altra zente, la quale era zita con messer Bernabò, a quessti dì, [a Sa]rezanah254, la quale è in Tosschana e teneasi per lui, sì dieno una gram rotta a li Fiorentini, che furono più de .momo. barbute; e fun tucti rotti e presi da quessta zente, la quale era a possta de messer Bernabò, sì che tra lloro si cominzava una grande guerra et per quessta casone la Chiesa li mandò zente. Quessto fu de settembre. Con titulus soprascritto in eccesso. Correzione su rasura. c BdP: ruppe tra lui et Fiorentini.PR cassa tra lui et e corregge: contra li. d Segue cassato: f. e BdP: primo dì di novembre. PR corregge de e cassa il secondo di. f BdP: alla. g Segue di cassato da PR. h BdP: [sa]nrezana, con n cassata. a

b

90

1357-1369 E pur quessta compangnia sì non si mosse di sul terreno de’ Fiorentini, fazendo de gran danno; et anco la Chiesa avea gran paura e feno sgonborare lo nosstro contado. Non so che sserà. Sì che lla Chiesia non si poté fidare de messer Bernabò, né avere buona pase secho. Anco mo gli ccittadini de San Mingnato sì si rendeno a’ Fiorentini, ché non aveano vittuaria; e di quessto lo nosstro singnore sì ne fe’ gran fessta, in perzò che gli era per dare grande brigha a’ Fiorentini et anco a noi; ma pure la conpangnia255 stette ferma tra ‘l Fiorentino e ‘l terreno de’ Pisani. Crezzo che fosse gran dolore a messer Bernabòa.

Sambuca pistoiese, comune del circondario di Pistoia. Giovanni Visconti da Oleggio, signore di Bologna dal 1355 al 1360. 72 Corrado Wirtinguer di Landau († 1363), originario della Svevia. Conte di Landau nel Wurtemberg. Padre di Corrado, Lucio ed Everardo, fratello di Broccardo. 73 Poggio Renatico, comune del circondario di Cento (Fe). 74 Luigi I il Grande, figlio di Carlo Roberto d’Angiò, Re d’Ungheria dal 1342 di Polonia dal 1370 al 1382. 75 Nome dato in Italia alle regioni slave della costa orientale dell’Adriatico, odierne Slovenia e Croazia. 76 Antonio da Ascona, nipote del signore di Bologna Giovanni Visconti da Oleggio cfr. c 19v. 77 Potrebbe essere Montichiari in provincia di Brescia. Ci sono altri Monte Chiaro in provincia di Alessandria, Siena, Asti, Verona. Nel CCB si ipotizza Montechiaro sul Chiese, in provincia di Brescia. A c19r BdP dice che la “compagnia” era stata sul contado di Milano a fare guerra. 78 Borgo Panigale. 79 Fileno dalle Tuate motiva questa esecuzione come condanna per una congiura con i conti di Panico. 80 Fileno riporta il fatto alla data 7 settembre 1359. 81 Dozza, comune nel circondario di Imola. 82 Francesco II Ordelaffi, detto Cecco, signore di Forlì dal 1333 al 1359. 83 Galasso I Pio, signore di Carpi dal 1348 al 1367. 84 Campogalliano, a nord di Modena. 85 Aldobrandino d’Este, marchese di Ferrara (1352-1361) e vicario imperiale di Modena (1354) e Niccolò III suo fratello e successore (1361-1388). 86 Papa Innocenzo VI aveva punito Bologna con l’interdetto il 13 aprile 1357. 87 Massa Lombarda, comune del circondario di Lugo (Ra). 88 Casaglia. 89 Roberto Alidosi, vicario pontificio di Imola dal 1349 al 1363. 90 Gil Alvarez Albornoz, legato pontificio dal 28 ottobre 1360 al 24 gennaio 1367. 91 Feltrino Gonzaga, figlio di Guido che fu signore di Mantova (1360-1369). 92 Bernardino I da Polenta, signore di Ravenna dal novembre 1346 al 3 aprile 1347. Deposto dai fratelli, riprende il potere il 24 giugno dello stesso anno fino al 1359. Gli succede il figlio Guido III. 93 Chiesa di San Girolamo della Certosa. 94 Pratello. Una via ricorda ancora la zona di Bologna nei pressi dell’attuale piazza Malpighi. 95 Giovanni VI Naso, milanese, vescovo di Bologna dal 1350 al 1361. 96 L’Ascensione nel 1359 è stata il 30 maggio. L’errore è presente già in Villola. 97 La Canonica, casolare lungo la via che conduce a Casalecchio, sulla destra del Reno. 98 Giacomo Pepoli, figlio di Taddeo e fratello di Giovanni. 99 Situata su una collina a nord di Bologna dove ora si trova Villa Aldini. 100 Fuori Porta d’Azeglio già residenza dei frati Olivetani. 101 Savigno, comune in provincia di Bologna. 102 Argelato e Castel d’Argile, comuni nel circondario di Bologna. 103 Ardizzone da Novara, capitano di ventura, qualche anno più tardi combatte a sostegno dei Visconti contro il Papa ed è fatto prigioniero nella battaglia di Solara (aprile 1364). 104 Molinella, a nord-est di Bologna. 105 Serravalle, comune nel circondario di Bologna. 106 Pier Nicola Farnese. 70

71

a

Nel margine inferiore parole di richiamo per il fascicolo seguente (cfr BUB 1994 cc140-146): 1370 q(ue)ssto si fu.

91

1357-1369

Cotignola. Il ritorno dei da Vizzano è riportato anche da Fileno delle Tuate in data 10 aprile 1360. 109 La Pentecoste, il 50° giorno dopo la resurrezione di Cristo. Data corretta visto che nel 1360 la Pasqua di Resurrezione è stata il 5 aprile. 110 Galeotto Malatesta, signore di Fano 1340, poi di Rimini 1372 e Cesena 1378. 111 Malatesta IV, l’Ungaro, capitano di ventura e signore di Rimini 1363-1372. 112 Nicola Acciaiuoli (1310-1366) figlio di Acciaiuolo Acciauoli, capo di una vasta società commerciale da lui costituita in Napoli. A ventuno anni Nicola si trasferisce a Napoli a dirigere la società fondata dal padre ed entra in contatto con la Corte di re Roberto. Creato Gran Siniscalco inizia per conto del re di Napoli il dominio della Grecia con il titolo di Duca d’Atene; si rende benemerito della Chiesa riconquistando ad Innocenzo VI le legazioni di Faenza, Forlì e Bologna usurpate dai Visconti di Milano; infine riesce a ricondurre sul trono la regina Giovanna, la quale era stata costretta a fuggire da Napoli per la minacciosa invasione degli ungheresi. Muore dopo breve malattia a Napoli e le sue spoglie sono portate a Firenze, alla Certosa. Cfr. Otello Masini, Firenze attraverso i secoli di, Bologna, Cappelli Editore, 1929. 113 Luigi il Grande, figlio di Carlo Roberto d’Angiò, re d’Ungheria (1342), di Polonia (1370), usurpatore del trono di Giovanna I d’Angiò a Napoli. 114 Scaricalasino, oggi Monghidoro, comune nel circondario di Bologna. 115 Montecarelli, nei pressi di Barberino del Mugello. 116 L’attuale piazza VIII Agosto. 117 Oliveto, frazione del comune di Monteveglio. 118 Montemaggiore, frazione del comune di Monte San Pietro. 119 San Lorenzo in Collina, frazione del comune di Monte San Pietro (Bo). 120 Crespellano, comune nel circondario di Bologna, non distante da Bazzano. 121 San Giovanni in Persiceto. 122 Manzolino, frazione del comune di Castelfranco dell’Emilia. 123 Pragatto, frazione del comune di Crespellano. 124 Castel de’ Britti, frazione del comune di San Lazzaro di Savena, nel circondario di Bologna. 125 Ponte sul fiume Idice a Castenaso, comune del circondario di Bologna. 126 Samoggia. 127 Monte Beni, rocca fortificata sull’Appennino lungo il confine tosco-emiliano, non distante da Fiorenzuola. 128 Borgo Panigale. 129 Olmetola, fra Borgo Panigale e Casalecchio. Oggi rimane una via omonima. 130 Si tratta della statua di Papa Bonifacio VIII, un tempo collocata nella facciata del Palazzo Comunale, dove ora si trova la statua di San Petronio. La statua è attualmente conservata a Bologna nei locali del Museo Civico Medievale. 131 Gil Alvarez Albornoz. Cfr. nota 90. 132 Stefano Aubert, Papa col nome di Innocenzo VI 1352 – 1362. 133 San Miniato al Tedesco in provincia di Firenze. 134 Ambrogio Visconti (1344 – 1373), figlio naturale di Bernabò e capitano di ventura. 135 Andrea Pepoli († 1390 ca.). Figlio di Giovanni Pepoli, signore di Bologna, padre di Riccardo, fratello di Galeazzo e di Taddeo. Fuoriuscito da Bologna, qui lo ritroviamo come capitano di ventura al servizio dei Visconti. E’ sconfitto da Malatesta Ungaro alla bastia di Solara; catturato dalle milizie di Francesco da Carrara, non è consegnato ai bolognesi per essere condotto a Padova. 136 Giovanni della Mirandola († 1379). Milita al servizio del signore di Milano Bernabò Visconti. E’ battuto da Malatesta Ungaro alla bastia di Solara nel 1363. Catturato dalle truppe di Francesco da Carrara, è mandato prigioniero a Padova. Viene liberato al termine del conflitto nella primavera dell’anno successivo. Costretto ad abbandonare Mirandola, nel 1371 si trasferisce a Milano. Nel 1376 ottiene l’incarico di capitano del castello di porta Nuova a Parma, dove muore qualche anno più tardi. 137 Sinibaldo Ordelaffi (1335 ca. - 1386), Signore di Forlì, Forlimpopoli, Castrocaro. Figlio di Francesco, zio di Pino e di Giovanni, genero di Pandolfo Malatesta. Agli stipendi di Bernabò Visconti, partecipa alla battaglia della bastia di Solara, in cui è battuto da Malatesta Ungaro: fatto prigioniero, è consegnato con altri condottieri a Francesco da Carrara. Rilasciato, si reca a Chioggia dove i veneziani gli erogano una piccola provvigione. Quando nel 1376 Forlì si ribella allo stato della Chiesa, l'Ordelaffi ottiene 300 cavalli dai fiorentini ed entra nella città con il nipote Pino e ne viene dichiarato signore dal partito ghibellino. 138 Giberto da Correggio (1320 ca. – 1373), Signore di Correggio, Guastalla, Gualtieri. Figlio di Guido, fratello di Azzo, padre di Piero, cugino di Cagnolo, genero di Galeazzo Pio. Al soldo dei Visconti, E' battuto alla bastia di Solara nel modenese: catturato dai carraresi, è mandato prigioniero a Padova. Viene liberato da Francesco da Carrara solo al termine del conflitto. Quando nel 1368 il Visconti giunge con tutte le sue truppe a Guastalla, il borgo viene distrutto dai soldati. Le truppe della lega avversa al signore di Milano si volgono contro la bastia che vi sorge nei pressi e i viscontei sono costretti ad entrare in Guastalla. Così, per liberarsi dei viscontei che si sono installati in Guastalla, Giberto defeziona nel campo avversario con il fratello Azzo. Qualche anno più tardi passa al soldo di Venezia per la quale riporta numerose vittorie. 107

108

92

1357-1369

139 Giberto Pio († 1389 gennaio), figlio di Galeazzo; fratello di Giacomo, Antonio e Ludovico; padre di Alberto. Viene sconfitto da Malatesta Ungaro alla bastia di Solara: fatto prigioniero, è consegnato a Francesco da Carrara, che provvederà poco dopo alla sua liberazione. Nel 1367 diventa signore di Carpi con il fratello Marsilio. 140 Guido Savina da Fogliano († 1374 ottobre), figlio di Giberto, fratello di Francesco, padre di Carlo. Signore di Scandiano, Pavullo, Carpineti. 141 Bertrando Rossi (Parma 1348 ca.- Pavia 4 novembre 1396). Figlio di altro Bertrando. Servì nelle milizie dei Visconti, combattendo contro i guelfi. Partecipò all’assedio di Modena nel 1363, restando prigioniero, come pure fu fatto prigioniero combattendo a Gavardo nel 1373. Ebbe diversi incarichi civili, tra i quali una ambasceria al Re di Francia per conto di Gian Galeazzo Visconti per tentare un accordo militare ai danni dei Fiorentini e una a Cipro per conto di Carlo Visconti per concordare il matrimonio con la sorella del Re, Margherita. Fu nobile veneziano, cittadino di Parma e di Milano. In quest’ultima città risiedette in una casa a Porta Romana, nella parrocchia di San Nazaro in Broljo, dove redasse il suo testamento nel 1386. Fu nominato Consigliere ducale da Gian Galeazzo Visconti, che lo volle tra gli esecutori del suo testamento. Sposò Eleonora Rossi. 142 Ludovico dalla Rocca († 1380 ca.). Di Pisa. Fuoriuscito. Padre di Marcoardo. E’ fatto prigioniero nella battaglia di Solara. 143 In Fileno dalle Tuate manca Guglielmo Aldighieri, ci sono però Guglielmo e Giovanni da Mandello da Milan. E’ possibile che il cognome Aldighieri sia caduto nel testo dal quale copiava ed abbia unito i due nomi nel cognome comune. Altre fonti però ricordano un Ottone da Mandello (Ottone Mandelli, di Como, signore di Caorso e Valenza, figlio di Pietro, † 1420 ca.) fatto prigioniero a Solara. 144 Località del Modenese nei pressi di Solara. 145 Gian Galeazzo Visconti (1347-1402), detto il Conte di Virtù dal nome di Vertus in Champagne, titolo portato in dote dalla prima moglie, Isabella di Valois. Figlio di Galeazzo II e nipote di Bernabò fu prima signore (1378-1395), poi duca (1395-1402) di Milano. 146 Corretta è la lezione di Villola, infatti nel 1363 era signore di Imola Azzo Alidosi, figlio di Roberto († 29 novembre 1362) al quale fu associato, a partire dal 1365, il fratello Bertrando. In effetti, poco oltre anche BdP menziona giustamente Roberto. 147 Peccioli, comune nel circondario di Pisa. 148 Non ho trovato fonti che attestino la sua partecipazione a questa campagna militare, tuttavia in base agli indizi forniti dai cronisti, ho ragione di supporre che si tratti di Francesco di Vico († 1387), figlio di Giovanni Signore di Viterbo, Montefiascone, Tuscania, Amelia, Terni, Tarquinia, Vetralla, Civitavecchia. Dal padre ereditò inoltre, nel 1366, il titolo di Prefetto di Roma. 149 Piero Farnese († 1363, noto anche come Piero del Farneto, Petruccio di Cola) Figlio di Nicola, fratello di Ranuccio. Dopo aver militato a lungo al soldo della Chiesa, nel 1363 il senato di Roma lo manda in aiuto dei fiorentini per combattere i pisani. Viene nominato capitano generale al posto di Rodolfo da Varano. 150 Giovanni II Manfredi, signore di Faenza dal 1341 al 1356 quando la città fu conquistata dal card. Albornoz ed entrò a far parte del dominio pontificio. 151 Altopascio, comune nel circondario di Lucca. 152 Secondo il Cappelli, Sanguinis Christi Festum, un tempo il 19 giugno, oggi il venerdì dopo la IV domenica di Quaresima e la I domenica di luglio. 153 Conte di Mileto, Siniscalco di Provenza. 154 Angelo Ricasoli, vescovo di Aversa. 155 Giovanni II di Valois, detto il Buono (1350-1364). 156 Pietro I di Lusignano re di Cipro (1359-1369). 157 Da intendersi ‘crociata’. Cfr. Glossario ad vocem. 158 Cucherla, monte fortificato vicino a Monteveglio. 159 Battedizzo, frazione del comune di Praduro e Sasso, nel circondario di Bologna. 160 Monte Mariano, castello non distante da Battedizzo, nell’Appennino bolognese. 161 Questa località ricordata altrove come Villa de Cesis o de Zesiis, Ziexi o Gesi, altro non è che la Bastia, oggi Bastiglia, comune nel circondario di Modena. 162 Peretola, frazione del comune di Brozzi, nel circondario di Firenze. 163 È possibile che si tratti dell’odierna Lastra a Signa, comune nel circondario di Firenze. 164 Bonazzara o Bonacciara, detto anche Bonzara, antica rocca tra Monte Polo Ronca e Monte Severo, nelle colline bolognesi. 165 Monte Polo, castello ora distrutto nella parrocchia di Rasiglio, vicino a Monte San Giovanni, comune nel circondario di Bologna. 166 Figline Val d’Arno. 167 Si tratta della Compagnia Bianca, o degli Inglesi, di Alberto Sterz, formata da soldati di ventura inglesi, guasconi, tedeschi che avevano combattuto in Francia, al servizio degli inglesi, durante la guerra dei Cento anni. Nell’autunno del 1364, al soldo dei Pisani, la compagnia occupa Figline dove fa numerosi prigionieri, si appropria di molte vettovaglie e ne espugna anche la rocca. 168 Nella cronaca Rampona Ludovico trascrive 8 mal interpretando la grafia dell’abbreviazione po. 169 Ponte di San Procolo o Pieve del Ponte, frazione del comune di Faenza RA.

93

1357-1369

170 Rio Sanguinaro, affluente destro del Senio che scorre tra Imola e Castel Bolognese, dal quale prende il nome anche una frazione sorta sulle sue rive. 171 Compagnia mercenaria al soldo dei Fiorentini. 172 Pandolfo II Malatesta, figlio di Malatesta II m. 1373. 173 Giovanni II Manfredi (1324 - 1373). Cfr. nota 150. 174 Ostiglia, comune in provincia di Mantova. 175 Guido Gonzaga (1290-1369) resse Mantova, in qualità di Capitano del Popolo, dal 1360 al 1369. 176 La famiglia Del Carretto era divisa in molti rami. Discendenti degli Aleramici, i Del Carretto furono un'importante famiglia feudale, signori di feudi della Riviera ligure di ponente e del basso Piemonte, fra i quali il Monferrato. 177 Androino de la Roche, cardinale di Cluny. Sostituì Gil Albornoz come legato pontificio in Italia nel 1364 e mantenne la carica fino al 1368. 178 Malatesta IV, l’Ungaro, capitano di ventura e, dopo la rinuncia del padre Malatesta III, signore di Rimini (1363-1372). 179 Malatesta III, figlio di Pandolfo I, signore di Rimini dal 1335 al 1363 († 27/08/1364). 180 Galeotto Malatesta, fratello di Malatesta III, signore di Fano (1340), Pesaro (1373), Cesena (1378), Rimini (1372-1385). 181 Mugello, in Toscana. 182 Giovanni dell'Agnello, Doge di Pisa. (1364-1368). 183 Niccolò II d'Este (1338-1388), detto lo Zoppo, marchese di Ferrara (1361-1388). 184 Poggio Renatico, comune nei pressi di Cento (Fe). 185 Altedo, frazione del comune di Malalbergo, nel circondario di Bologna. 186 Ticino. 187 San Giacomo Maggiore. 188 Fossombrone, comune nel circondario di Urbino. 189 San Ruffillo, località oggi parte del comune di Bologna, a sud-est. 190 Giacomo IV di Maiorca. Cfr. nota successiva. 191 A causa di una disputa dinastica aperta dal re Pietro d’Aragona, che accampava diritti sul regno di Maiorca come patrimonio della Corona, Giacomo III (1315-1349), re di Maiorca, fu processato per tradimento e nel 1343 fu condannato alla confisca di tutti i beni rivendicati dal re aragonese. Poiché Giacomo si rifiutò di ottemperare alle disposizioni del tribunale, Pietro invase il regno di Maiorca e, dopo aver sconfitto Giacomo nella battaglia di Santa Ponça, lo occupò. Giacomo si ritirò allora nelle contee pirenaiche, ma anche quelle, nel corso del 1344, furono attaccate ed occupate dalle truppe catalano-aragonesi: a Giacomo rimanevano solo il principato d'Acaia e la signoria di Montpellier. Nel 1349, venduta la signoria di Monpellier al re di Francia, Filippo VI di Valois, Giacomo III mise insieme un esercito con cui tentò di recuperare il regno di Maiorca ma, sbarcato sull'isola, il 25 ottobre del 1349 fu sconfitto e perse la vita alla battaglia di Llucmajor, dove anche il figlio, Giacomo IV (1335-1375), fu ferito e fatto prigioniero. Alla morte del padre, Giacomo ereditò solo nominalmente il regno di Maiorca e le contee di Rossiglione e di Cerdanya (per questo è noto come il pretendente), mentre entrò in possesso del titolo di principe d'Acaia. Nel 1363 sposò la regina di Napoli, Giovanna I. Giacomo era il terzo marito per Giovanna (dopo Andrea d’Ungheria e Luigi di Taranto) e come principe consorte divenne Duca di Calabria. Nel 1366 si separo' dalla moglie e abbandonò la corte napoletana, con l'obiettivo, mai raggiunto, di riconquistare il regno di maiorca e le altre contee. Anche la sorella Isabella (1337-1406) si adoperò per rientrare in possesso del regno di Maiorca e delle contee, ma non riuscì nell'intento. Con lei si estinse la casa di AragonaMaiorca e nessuno dei suoi sei figli reclamò più per l'usurpazione di Pietro il Cermonioso. 192 Giovanna d'Angiò (1327-1382), regina di Napoli col nome di Giovanna I. Cfr. supra note 43, 44, 120. 193 Castel Durante, oggi Urbania (PS). 194 Ugolino da Savignano († 1383), di Modena, detto il Boieta. Nel marzo 1367 è sconfitto e fatto prigioniero a Montalcino da Giovanni Acuto e da Ambrogio Visconti: gli è imposta una taglia di 10000 fiorini. Al suo posto è nominato conservatore il figlio Cinello. Liberato, rientra a Siena. 195 Il cronista deve riferirsi a Pietro I di Castiglia, detto il Crudele (1334-1369), re di Castiglia e León dal 1350 al 1369 ed Enrico di Trastamare, detto il Fratricida, o il Bastardo (1333-1379), re di Castiglia e León dal 1369 al 1379 col nome di Enrico II. L’episodio qui narrato rimanda ad una sollevazione guidata da Enrico contro Pietro nel 1366. Gli insorti si impadronirono di Toledo e di quasi tutto il regno di Castiglia, esclusa Siviglia e la Galizia, ed Enrico venne proclamato re. Enrico potè godere del sostegno del re di Francia, Carlo V il Saggio, che fu ben contento di danneggiare Pietro, dopo che questi aveva ripudiato la nipote Bianca di Borbone, nonostante la minaccia di scomunica del papa. Pietro allora chiese aiuto agli inglesi, che intervennero da Bordeaux, con le truppe del principe di Galles, Edoardo il Principe Nero, ed il suo alleato, il re di Navarra Carlo II il Malvagio. Questi, il 3 aprile 1367, vinse la battaglia di Nájera, facendo prigioniero il comandante delle truppe avversarie, Bertrand du Guesclin, e dilagando in Castiglia. In questo modo Pietro I riuscì a contenere i rivoltosi e, alla fine del 1367, potè riconquistare buona parte del regno. 196 Egidio Albornoz. 197 Assisi. 198 Gualdo Tadino, comune nel circondario di Foligno. 199 Nocera Umbra, comune nel circondario di Foligno. 200 Bettona, comune in provincia di Perugia. 201 Egidio Albornoz. 202 Rinaldo Orsini, diacono di Sant'Adriano. Cfr. c 45r.

94

1357-1369

Nicolò Capocci († 1368), vescovo di Frascati, poi cardinale col titolo di San Vitale. Marco di Viterbo, già generale dei frati Minori († 1369). 205 Riguardo al viaggio di papa Urbano V in Italia le cronache sono discordanti. La cronaca Bolognetti anticipa la partenza al 25 aprile da Marsiglia e non da Avignone. Da Marsiglia deve comunque essere passato, perché poco oltre BdP riporta in modo dettagliato le tappe del viaggio del papa. Più avanti BdP riferisce della partenza del pontefice da Viterbo alla volta di Roma il 13 ottobre, mentre la cronaca Bolognetti riporta 14 ottobre. 206 Pierre de Salvete Monteruc (Pietro di Monteruco, 1356-1385), vescovo di Pamplona, cardinale col titolo di Sant'Anastasia., nipote di Innocenzo VI. 207 Aimerico Catti. 208 Pierre Roger de Beaufort (1336 ca. – 1378), detto Bellifortis, cardinale con il titolo di Santa Maria Nuova, poi papa (dal 1370) col nome di Gregorio XI. 209 In realtà Gil Albornoz morì il 24 agosto 1367. 210 Ambrogio Visconti (1344 - 1373), capitano di ventura, figlio naturale di Bernabò, fratello di Carlo. E’ affrontato a Sacco del Tronto da pontifici ed angioini che, comandati da Gomez Garcia e da Giovanni Malatacca, annientano i venturieri. Ferito, è catturato e trascinato in carcere a Napoli per essere rinchiuso in Castel dell’Uovo. Dei diecimila uomini della compagnia solo 2700 sfuggono alla cattura ed alla morte. 211 Giovanni V Paleologo ( 1332 –1391), imperatore di Costantinopoli. 212 Amedeo VI di Savoia, detto il Conte Verde, (1334-1383), Signore della Savoia e Conte d'Aosta e Moriana dal 1343 al 1383. 213 Potrebbe trattarsi della città di Thérouanne, situata nel nord-est della Francia, nell’odierno dipartimento Pas-de203

204

Calais, sede di una diocesi soppressa nel 1537. Fu dunque sede vescovile e nel 1368 si succedettero Roberto di Genevra (1361-68), il futuro papa avignonese Clemente VII, e Gérard de Daimville (1368-71). Sorbelli, invece, crede di riconoscervi Ugo di San Marziale. 214 Anglic de Grimoard de Grisac, fratello di Guglielmo, papa Urbano V. Fu vescovo di Avignone 1362, poi cardinale 1366 con il titolo di San Pietro in Vincoli e vescovo di Albano. Giunse in Italia nel 1368 come vicario pontificio per le Marche, l’Umbria e la Toscana, risiedendo a Bologna. Morì in quello stesso anno ad Avignone. 215 In realtà Francesco Gonzaga succede al padre Ludovico solo nel 1382. 216 Feltrino Gonzaga (1342-1382), Signore di Novellara e Bagnolo (1371-74), Vicario imperiale a Reggio. 217 Rodolfo II da Varano († 1382). Come Gonfaloniere di Santa Romana Chiesa riportò grandi vittorie contro la lega degli Ordelaffi e dei Malatesta. Nel 1359 passò al comando dell'esercito dei Fiorentini e combatte contro Bernabò Visconti. 218 Giovani Manfredi (1325-1373), Signore di Faenza, Bagnacavallo, Solarolo, Brisighella, Modigliana, Rocca San Casciano 219 Francesco I da Carrara, detto Francesco il Vecchio (1325 - 1393), signore di Padova (1350 - 1388). 220 Pietro dei marchesi di Santa Maria. Cfr. c 46v. 221 La domenica che precede la Pasqua, detta delle Palme o degli Olivi. 222 Carlo IV di Lussemburgo, figlio di Giovanni re di Boemia, imperatore dal 1347 al 1378. 223 Borgoforte, fortezza Mantovana sul Po. 224 Castelfranco Veneto, comune in provincia di Treviso. 225 Badia Polesine, in provincia di Rovigo. 226 Revere, presso Ostiglia, in provincia di Mantova. 227 Niccolò II d’Este, marchese di Ferrara 1361-1388 e duca di Modena 1351-1388. 228 Guido di Boulogne sur Mer. 229 Adige. 230 Alberto III d’Asburgo (1348 -1395), detto della Treccia, duca d’Austria. 231 Ottone V, principe di Brandeburgo (1365-1373). 232 Natività di San Giovanni Battista, 24 giugno. L’Eubel però riferisce il fatto al 7 agosto 1369. 233 Jesi (lat. Aesis), comune in provincia di Ancona, nella bassa valle dell'Esino. 234 Marquardo de Randeck. 235 Già podestà di Bologna nel secondo semestre del 1366 e due volte riconfermato nel 1367. Cfr. cc 42v, 43r, 44v, 45r. 236 Brisighella, comune sulle colline di Faenza. 237 Solarolo, comune nel circondario di Faenza. 238 Modigliana, comune nel circondario di Faenza, sul crinale appenninico, presso Rocca San Casciano. 239 Francesco I da Carrara, detto il Vecchio (1350-1388). 240 Guido di Boulogne († 1373), vescovo di Lione, cardinale di Santa Lucia. 241 Montepulciano, in provincia di Siena. 242 Etienne de Miramont. Altre fonti lo ricordano come castellano di Cesena nel 1377. 243 Il cardinal legato Anglico Grimoardi. 244 Francesco Nicolò Casali (1363-1375). 245 Più precisamente, Luigi Gonzaga successe al padre Guido solo il 22 settembre 1369. 246 Cfr. supra nota 199. 247 Sorbelli crede si tratti diPierre de Calais, vescovo di Montauban (Cfr. Eubel I, 363). 248 Simon Langham († 1376), arcivescovo di Canterbury, cardinale del titolo di San Sisto.

95

1357-1369

249 John Hawkwood (1320 ca.-1394), detto in italiano Giovanni Acuto, capitano di ventura inglese (1320-1394). Fondò e fu capo della Compagnia Bianca del Falco, o degli Inglesi, più volte ricordata nella cronaca. 250 Panzano, frazione del comune di Castelfranco Emilia (Mo). 251 Corticella, frazione a nord di Bologna. 252 Trattasi della terza moglie di Carlo IV, Elisabetta, figlia di Bogislaw V di Pomerania, sposata nel 1365. 253 Casio o Castel di Casio, comune nel circondario di Vergato (Bo), nell’alta Val di Reno. 254 Sarzana, nella valle del Magra ai piedi delle Alpi Apuane, oggi in provincia di La Spezia. 255 La compagnia di inglesi guidata da Hawkwood.

96

BUB 1994, cc 140r-146v Anni 1370 – 1372 CCB vol 3 pp 254 – 261 (solo A) 261 – 262 (+ Vill inizio anno 1372)

140r

.M.iiic.lxx. quessto si fue tractato d’uno zittadino drento che ruppe tanto, che di nocte entronno detro. E per tema di quessta zente di messer Bernabò, sì se risforzò la Chalonagha da Casalechio e sì si gli fe’ una basstia là o’ solea esser l’altra che fe’ fare messer Bernabò quando el zi fe’ guerra, sì che l’una parte e l’altra si guardavano. La ligha era grande, zò è la Chiesa e lli Fiorentini, lo marchese256, quel da Padova257, quel da Mantova258 e lla reyna de Puglia259 e quel da Rezo260 e gli altri collegati. E a quessti dì s’aconzò quelli da Fuglano261 et altri casstellani del Rezzano che soleano esser con messer Bernabò. Anco mo si partì la conpangniaa di Tosscana et andossene a Pontriemoli; et arivò a Parma con grande disasio e fame, ché gli aveano rezeuti in Tosschana, e messer Bernabò sì ne fe’ due parti su per li suoi terreni, e llì stettono. E per cason di questa compangna, gran zente de’ Fiorentini venono in Bolongna, temendo che non volesseno venire in za, e cossì vene zente della ligha. Ancora lo cardinale [………………..]b Lucha, sì si partì da Llucha e lassò la terra in libertà ai cittadini, ed egli li dieno una cierta quantità de moneta e sì si romaseno [……..]c a populo, e sì disfeno la Gossta262, lo quale era uno [….]d chasstello ch’era dentro dalla terra, delle belle e forti [….]e del mondo. E quessto feno perché nessuno non si potesse mai riporre, in perzò che chi era qui dentro altri che Dio non gli posseva nuoçier; e chi avea quessto avea la terra. Ancora, del mese d’aprile, fu manifessto a zasschuno delli

140v Pisani e Luchesi che aveano fatto liga con la Chiesa. Messer Pollo da Schapoli fo podesstà de Bologna. Comminzò l’ofizio suo a dì .xviii. di marzo. Anco mo messer Bernabò raonò la sua zente a Parma e quella fe’ chavalcare; per la qual casone le zenti de’ Fiorentini, ch’eranof in Bolongnia, sì se ne adonno a Fiorenza; e quessto fu a mezo marzo. Grande animo avea messer Bernabò ai Fiorentini a così ellig a llui. Anco mo andò gran zente della Chiesa, e così de la liga, inn aiutorio de’ Fiorentini. Messer Bernabò sì mandò a dare lo guassto in sul Rezano e in lo terreno di quelli da Fuglano et quî da Chanosa, li quali erano con la liga della Chiesia e dell’altra liga, e feno

sic. Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: de Bologna che era di Salamieri teneva. c Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: libri e nitti. d Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: bello. e Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: cosse. f ch aggiunto in interlinea. g BdP: ell[n..]. PR corregge elli e cassa con due tratti di penna le lettere seguenti, non più leggibili per ulteriore rasura. a

b

97

1370-1372 gram dapno; e sì se ridusseno al chasstello San Polo263, lo quale è de quelli da Fuglano, e quello assedionno. Di che il nosstro singnore mandò zente, e così il marchexe, e si levono li nimisi da campo e quello fornino e riscossono, ch’era perduto, ché gli aveano tolto termine a rendersi. Quando el ruppe in sul terreno de’ collegati della Chiesa, zò è a quello da Rezo, el si roppe la pasea, che quando el fe’ pase con tucta la liga, quelb da Rezo sì fu in la pase. Al tempo che ruppe sì fu a meçço zungno; ma puro, [f]inoc a quessto de, della ligha non avea tocho di suo terreno. Anco mo ritornò la zente di messer Bernabò a Sarezana, ind sul terreno di messer Bernabò; e la zente della ligha senpre gli aveano inchalzati, perché gli erono più zete che la sua e mai non gli posseno azunzere. Gran danno aveano fatto in sul Pisano et in sul Luchese. 141r

Gli capitani dell’osste sì erano messer Zoanne dell’Angniello264, lo quale era stato singnore di Pisa, e messer Zoane Aghuto265 ingelexe, zò è del canpo de messer Bernabò. Anco mo corse l’osste de messer Bernabò in sul Rezzano e puoseli campo, e l’altro aveano in sul Modanese; a dì ultimo de luio. Lo primoe dì […….]f vennono in sul terreno de Bolongnia e puosono canpo a Crespelanog; e de lì levono canpo la mattina e vennono a Zola266, et incontanente corseno al ponte da Reno e venneno in sulle porti, presso alla città, in fino alle Fornaci267, ardendo quasi tucte le case di za dal ponte. Rasonavasi che quessta zente possevano esser pochi più di .iia. millia barbute; era per suo cho messer Zoanne Aguto. Feno gran danno. Romase a Rezo, della zente di messer Bernabò, da .viiic. barbute. E quessti romaseno per fare una basstia de za da Rezo, in luogo dicto San Lazaro268, presso alla terra a due miglia; e questa edeffichono e puoseno del lengname. Innanzi ch’ella fosse sì forte che lla si potesse guardare per lo nostro singnore, e lo marchese e gli altri ch’erano in ligha sì gli aveano tal riparo. La gente della ligha come era quella de’ Fiorentini, quella del marchese, quella da Padova si erano alle nosstre chasstelle et a Modona; e chavalcorono vegnieri, de notte vengniendo il sabbato, e arivono a Rezo; e deh lì si partino la mattina et assallino la basstia e qui fu grande battaglia. E finalmente [……….]i gli nimisi et aveno la basstia, con la gratia di Dio; et aveno prisoni oni huomo. Pogha gente gli morì dell’una parte e dell’altra. A quessta rotta non gli fu gente della Chiesa, perché nol sapeno a tenpoj. Fugli quello da Rezo e

Cfr. c 53v. Sic. c Segue a capo cassato nio. d BdP: e. e p(r)i di mano α su rasura. f Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: de agosto. g BdP: Crespolano. h de aggiunto in interlinea da BdP. i Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: furno rutti. Nell’interlinea, anch’esso eraso, di mano di PR: [funo rotti]. j Segue cassato fogli. a

b

99

1370-1372 quello da Fuglano e quello da Chanosa ch’erano colleghati a della legha. E se quessta basstia non seb fosse fatta, Rezo non valea niente. Fu a dì .iii. d’aghosstoc. E per quessta casone l’osste, lo quale era a Zola, levò 141v canpo lunidì mattina, a dì .v. d’agosstod, e sì se ne andono a Parma con grande paura. Anco mo chavalcò la zente tucta della legha merchori, a dì .xiiii. d’agosstoe, e puosono chanpo in sul Panaro, giuoba, de notte vengniando al veneri; chavalcono a Carpo, ch’era de’ cholleghati di messer Bernabò e stadof senpre nemico de’ marchesi, e sì portonno una basstia fatta, e quella puosono a piè del canpog, a tre miglia, al luogho ditto Solera269, lo quale era terreno del marchese. Et assai volte lo marchese gli l’avrave voluto porre ma non posséh mai ben. E quessto si disea ch’era chasstello, che mosstra che zà gli fosse; et a zò messer Bernabò non possé vedarei, ché non avea tanta zente come la ligha. Ej quessti dì [………..]k: rasonavasi che in Parma gli era più de .iiim. barbute, in quessto nostro canpo, di bella zente. Levonno il canpo a dì .v. di settembre e lassonno fornita la basstia e vennono a Bolongna, zò è alle chasstelle. Anco mo vene uno munissterio di frati a Bolongnia le sì ssi puosono de fuori dalla porta da Sam Mamolo, alla chiesia la quale fe’ fare lo Zeram de’ Peppogli270, e chusì era chiamato. Lo nome della chiesia sì era, et è, Santa Maria degli Angioli; et enno chiamati li romiti da Murano. Et chi gli comparò lo luogho e chi gli dotò sì avé nome Nanne de Ciecho dalle Arme de Bologna. E quessto fu a dì .vi. de settembren. o Anco

mo si partì la corte de Roma, zò è messer lo papa Urbano, et andò a Monte Fiasconi271 a dì .ii. di settembre; e poi andò a Porto Pisano e de lì si partì, a dì .xiii. di settembre, et arivò a Vingnone. Quessto fu quello che menò la corte di za e così la ridusse di là; sì che vennono a stare di za dal .Mo.iiic.Lxvii. de zungno infine a quessto tempo, che fu tre anni e tre mesi. Non parve ben fatto alla zente; forsi che è per lo meglio.

BdP: co(n)leghati, con titulus su o cassato. no(n) se aggiunto in interlinea. c BdP: oghossto. d BdP: ogossto. e BdP: ogossto. f BdP: stando. n cassata. g Segno abbreviativo in eccesso su n. h -sse su rasura. i BdP: vedera. j E su rasura. k Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: se feze parlamento. l Sul margine sx, di mano α: Monesterio delli Anzolli / chiamato li Romitti / da Murano. a

b

m

BdP: luzera.

Segue, di mano α: e fu posto de fuora de la / porta de Sam Mamolo e fu venerado cu(m) gra(n) devociu(n). o nel margine sx: 1367. n

100

1370-1372 142r

Anco mo, a dì .vii. d’ottovre, andò la zente della ligha in sul Parmisano e ronpeno una brigata d’Inghilesi, li quali eranoa de soldati de messer Bernabò, che sono più d’ottociento barbute; e guadangniono assai chavagli e robba e fun tuttib richi; e quessti che roppeno sì funo la maggior parte della gente de’ Fiorentini e uno che avea nome lo conte Luzo272 ed era tedescho et grande chaporale tra Tedesschi. Ritornono c a dì .xii. d’ottobre e feno grandissimo danno, di rubbare e d’arder, in sul Parmisano; e vennono tucti richi et erano da quattro mila barbute di bellissima zente. E non si sappe mai perché e’ ssi partissono, ché gli aveano vittuaria assai e bello riducto, salvo che *** A quessto dì, zò è a dì .vii. d’ottovre, siando lo marchese in Bologna, e sì se ne andava a Fferrara et messer Ghirardo de’ Ranghoni da Modena sì era in Bologna con lo marchese e sì se n’andava; e quando el fu di za da Chasstello Francho, e ll’era in Bologna uno de quelli da Sasuolo da Modena chon zerti chonpangni e, siguandol[o] [……], elli sì ’l zunseno e fu morto da lloro; per la qual cosa lo marchese n’avé onta, in perzò che gli era grande signore in Modena per l’amore del marchese. E per quessta casone, quessti da Ssassuolo si rivellono contra al marchese con molte fortezze de sul Modanese, sì che quasi quessta si credé che fosse la chazone per che ssi levò la zente della liga de sul Parmisano. Anco mo si bandì la pase tra la Chiesia e messer Bernabò e sonò le chanpane, sì come è usanza; e disse ch’ell’era fatto pase, zò è lo santo padre messer Urbano e lli suoi chardinali e ‘l nostro singnore messer Anglicho, fratello del papa, e tucti li suoi chonleghati, comod era la reyna di Puglia, gli Fiorentini, lo singnore di Padova, lo marchese da Ferrara, lo singnore di Mantova, lo singnore de Rezo e gli altri chonleghati della ligha; dall’altra parte messer Bernabò de’ Vissconti da Milano, quelli singnori de Carpo, quelli della Mirandola e gl’altri

142v conlegati della ligha, zò è chasstellani di quello de Rezano e Modanesi ch’erano suoi chonleghati; e così a quessti di [......]e sì erano que da Foianof e quelli da Coreze in liga con la Chiesag. A quessti dì soprastiette quessta pase, che non si sapea s’ell’era pase o guerra; se pase seràh, qui di sotto scriverò.

Segue cassato de. BdP: tucti. c Titulus in eccesso soprascritto. d BdP: come. e Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: [Carpi]. Segue cassato (di mano di PR?): [in] bologna. f da foiano aggiunto sul margine da PR con segno di richiamo. La parte di testo alla quale rimanda PR è stata erasa e corretta dalla mano α con: -lli da Fugia(n)o. La rasura deve essere posteriore all’intervento di PR poiché essa comprende anche il segno di richiamo da lui posto nel testo. g Segue, di mano α: contra la gente del ducha Bernabò. h serà su rasura. a

b

101

1370-1372

Anco mo si publicò in corte del singnore, zò è per contracti utientichi, la pase con la Chiesa e con gli Perusini, senza altra novitade. Qui si era presente lo nosstro singnore messer Anglicho e gli anbassaduri del comune di Perosa, che la Chiesia non avea perzò la singnoria di Perosa; mandòve [pu]re podesstà e chapitano et altri assai gram patti al piasere della Chiesia, in perzò che grande guerra era stata tra loro. Et è vero che ll’era zunta la terra in malpartito e sì era stata forte guerra, ch’ella era durata dal .Mocccolxvii. de marzoa per in fine a quessto dì che fu .xvi. de novenbre. Forte era consumata quessta Perosa per quessta [….]b Doppo quessto, lo cardinale, lo quale fue deputato sopra quessta guerra per lo papa, lo quale à nome messerc di Bruçça273, grandissimo valente [………]d, condusse a tal partito ch’egli sì si rendeno a questo chardinale. E si fue fatto singnore di Perosa; e quellaf fortifichò a sua possta molto ben e llì dimorò per singnore, a possta della Chiesa. g Anco mo morì messer Urbano papa quinto; e morì in Vignone, e fu a dì .xviiii. de setenbre. Cosstui fu quello lo quale condusse la corte a Roma e così la ridusse a Vingnion. A dì ultimo di desenbreh fu la novella in Bolongnia de la morte de papa Urbano; per la qual casone non s’aperse le stazoni, che durò .v. dì. El vegniri seguente si fe’ l’essequio a San Domenicho con così grandissime solepnitade come si fesse mai in Bologna, ché tra ccittadini e foresstieri funo da ottocento tucti vestiti di negro, fra i quali glien fu apresso .iiiic. zittadini, come fu tucti gli zentiluomini e tuttei le compangnie 143r

e gli Anziani et, gieneralemente, ongni buona persona. E quessta fu una delle maori scuritade del mondo, ch tre dì durò, che ongni dì ziano a San Domenicho a ffare l’uficio con quessti vesstimenti; e zasschuno se vesstì a suo spese. Et a tucti fu comandato, over preghato, dagli Anziani che gli dovesse piacier di fare honore al nostro singnore, lo quale era fratello del santo padre. E per zerto e’ lli fu fatto così grandissimo honore come si potesse, perché noi gli aveano grande rasone d’onorallo come nosstro padre, ch’egli era stato in defender dalle nosstre guerre senpre, e cusì lo suo fratello nosstro singnore santissimo e buono singnore e mantengnitore di quessta città. Dighando tossto, gli uomini no pareano huomini in quilli dì, tanta era la tribulatione ch’egli aveano, sì che, del ben ch’el ze fe’ lui e il nosstro singniore, a questo punto el ne fu in parte meritato. Dio ze’n dia uno migliore e non pizzorej.

Cfr. BUB 3843 c 44r. Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: crudelle e aspera guerra, che durò tanto. c Mano α aggiunge di seguito: yam. d Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: homo in sella. e BdP: Ei fu.. f Segue a cassata. g Nel margine sx, di mano α: Tene el papato / anni .viii. misi .v. / in .Mccclxxi. h BdP: disenbr(e). i BdP: tucte. j Segue, di mano α: de lui p(er) ess(er) homo de Dio e de bon sapere. a

b

102

1370-1372 Cosstui sì fe’ doppo la sua morte di gram miracoli in Avingnione. In Bologna molto si cominzò a dipinzere per le chiesea. Messer Polo da Sschafoli fu rifermo podesstà di Bologna di novembre; avé pogho honoreb. A quessto tenpo quelli da Ssasuolo feno gram guerra al marchese a Modena e sì s’aconcion con messer Bernabòc, chom in llo suo […..]d fevano gram dampnoe. fAncora andò ambassadore a Vingnione al santo padre novamente fatto, lo quale avea nome papa gGhirigorio undecimoh. Lo nome di quali foni quessti messer Richardo da Salisedo, doctore; messer Ugolino de Ghalluzzi, chavagliero; messer Guasparo figliuolo che fu di messer Zoanne di Chalderino, dottore; Toniolo de’ Bentivogli, donzello. Quesstij andonno per racomandarli la zittà de Bologna. Poga gra[cia] aveno. 143v Ancora si fe’ una conpangna grandissima in Tosschana, la quale fe’ li Fiorentini; e consentilli tuttak la ligha chom fu la Chiesia, gli Fiorentini, lo marchese da Ferrara, ben che, da[i] Fiorentini in fuora, neguno non fu troppo contento, ma egli lo feno per [……]l zente da dosso, la quale gli aveano tucti a soldo, zò è gli chaporali; e felli li Fiorentini grandi doni et avantazi. E era cho di quessta conpangnia lo conte Luzo, lo quale fu fratello del conte Lando. Cominzossi de zenaro, in sua malora. Ancora gli donò denari lo marchese da Fferrara assai e altri gram duni. E quessto fe’ per avergli atornom Sassuolo, per vendicarsi de messer Manfredinon274. Ancora gli diè denari lo marchese de Monferrà 275 , perché el guerrezava con messer Galeazo in Piamote; e steva molto male ad azio quel marchese, sì che feva per ricoverarsi. Ancora aveno denari quasi per tucta Toschanao et anco dal nostro singnore, ma furono poghi. Ancora venne quessta conpangna in sul contado de Bologna, domenigha, a dì .xiii. d’aprile, di volontà del singnorep, ma con nostro gram danno, fuora che di pigliare o d’arder; e feno cossì grande dampno come se fosseno stati nemisi. Vennen parte per Val de Reno e parte per la Romangna. Segue, di mano α: e in altri luoghi l’effigio suo cu(m) divotiom. Segue, di mano α: p(er) che no(n) se portò ben. c Segue di mano α: ducha. d Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: brazzo. e Segue di mano α: per tuto el ferarexe. f PR aggiunge nel margine sx: in .M.ccc.lxxi. g Nel margine sx, di mano α: Grigoro undecimo / nato in Liom. h undecimo su rasura. i BdP: [s]on. j Sic. k BdP: tucta. l Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: levarse le. m o sembra corretta su u. n Cfr. c 142r. o -chana di mano α su rasura. p Segno abbreviativo in eccesso su no. a

b

103

1370-1372 Anco mo si partino a dì .xxviiii. d’avrile et andono a Ssasuolo, a possta del marchese, e qui stiando a dì ultimo de aprile. Lo marchese mandava vittuaria alla dicta conpangnia e sì lla feva porre in Rezo, perch’ell’era in ligha con la ligha; e portanto quessta vittuaria con forsi .iiic. huomini a chavallo del marchese […………………]a Feltrino per quessto modo, che quessta zente intronno in Rezo e presono la porta; et entrono gridando: «Viva lo marchese!». Di che messer Feltrino e la sua famiglia si riserroronno in nel chasstello, ch’era molto forte, sì che lo marchese tegnia tucta la terra et ello lo chasstello; et a quessta tolta non fosonno la zente del marchese et 144r

messer Sichino da Maran, messer Salvadigho da Robiera provisionati del marchese; et incontanente messer Feltrino mandò a messer Bernabòb. E per quessta casone, la conpagna ch’allozzò atorno Rezo c , e d disseno tanto a messer [………]e, ch’ello gli misse dentro et incontanenti rubono ongni omo dentro della terra e stenno qui più dì collaf zente del marchese. E finalmente lo conte misse fuori la zente del marchexe e tennesi la terra; et incontanente la diè a messer Bernabò per denari, sì come traditore, perch’egli erano a possta del marchese; et a quessto modo lo tradì, sì che messer Feltrino gl’avea dato lo casstello et el conte Luzo et gli caporali gli diè la terra. E quessto fue, zò è che messer Bernabò avea la tterag tutta, a dì .iv. de mazo. Per qual cosa molto ne fu dolente gli uomini di Bolongnia, e così crezzo che fosse lo nostro singnoreh. Per quello che ssi disse, et anco che ssi videi, non lo seppej neghuno de quelli della ligha del marchese k . Venne qui al nostro signore in quelli zurni che fu la novella, che né Fiorentini né lla Giesia non volsono torre la impresa. Non so se llo feno perché dubitavano de non posser ottener o, perché gli era in ligha con la liga, de non voler esser tradituril, ma forsi che meglio era per noi et aver fatto sua possanza. E gram male ne fe’ a la zente, benché si diseva ch’e’ fioli de messer Feltrino lo volevano pur dare a messer Bernabò, sì che llo marchese si misse a ffar zò; et avene pocho honre e men pro. Partissi quessta conpangna da Rezom et andò in sul contado de Parma, de volontà de messer Bernabò, per passare in

144v sul terreno di messer Galeazzo, per andare a servire lo marchese de Monferrà; e messer Bernabò gli deva lo passo e la vittuaria. Anchea mo zi fu novella e venne lettere e sonòb le campae che lla zittà dec Perosa si era Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: introno dentro e p(re)x(e)no Rezzo e mis(er). Segue di mano α: ducha. c -no rezo su rasura. d e aggiunto in interlinea. e Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: Bianchino. a

b

f

Con titulus su o.

BdP: lettora. Segue aggiunto da mano α: miser lo legato. i -de su rasura di mano α. j -eppe su rasura di mano α. k -ese su rasura di mano α. l -dituri su rasura di mano α. m -a Rezo su rasura di mano α. g

h

104

1370-1372 acordata collad Chiesa; e sì abbeno la singnoria libera ee brigata. E sì glela diede li cittadini del popolo minuto, perché e’ non posevano vivere tanta era la gram carisstia che, ben che fusseno aconzi con la Chiesa, quello cardinale che era là non li lassava andare vittuaria di suo terreno. E fu a dì .xx. di marzo. Di poghi dì innanzi avea auto quello chardinale la singnoria de Todi, ch’era buona cittade, sì che la Chiesa aveva ben salvo de là […..]f. Messer Petruzzo dalla Marina fo podestà de Bolongnia. Cominzò lo suo ufizio a dì primo de zungno. Ancora del mese de zungno alla chiesia di messer sancto Domenicho sì fu una figura della Nostra Donna che mostrò grandi miracholi; et in quessto tenpo un’altra fighura era a Sam Piero che mosstrò grande miracholi. Et a quesste due figure trasse de gram zente de malati, e quelli che a llei piaque liberonno. Ancora la compangna del conte Luzo, la quale era in lo Piamonte a possta del marchese di Monferrà, sì fe’ una grande sconfitta alla gente di messer Ghaleazo, i qua eranog dah mille barbute, che funo quasi tuttii prisoni; e quessto fu a mezzo lugllio. E’ vero che quessta conpangna mai non danezzò lo treno de quello da Millano, né fuglie suso, in perzò 145r

che tucti gli chaporali delle conpangne éno tradituri. A quessti dì messer Bernabò guerrezzava chon lo marchese a Modena et anchej quello da Ssasuolo che fea gram ghuerra al marchese. In lo dicto millesimo fue una grandissima mortalità a Vinesia, sì grande che per quello che ssi rasonava e vi morì più de .xxx. migliaia de cristiani. Incominzò de avrile e finì d’agosstok, all’ussita; e così fu grande per lo suo terreno. Ancora fu a Padova et a Trevisio, ma non fu grande. Ancora fu una grandissima tenpessta in sul contado de Bologna, quasi per la maore parte; e fu grandissima e con gram dampno. E quessto fue de luglio, a dì .xii., che per lo dire della zente non si vide mail nessuna sì universale. Ancora chavalcò la zente di messer Bernabò in sul contadom de Ferrara, in fino al Bondeno e per le contraden, e fenno grandissimo dampno, ché trovono guasstaduri che fevano uno canale a possta del marchese, che ssi movea de Po et andava a una sua fortezza. E quelli funo morti e presi in quantitade; e stiettono da .iiii. o sei dì, [e fu]o a dì .xiiii. d’agosstoa. E quessto fu perché lle vagle eano sì seche che posseno zire da qual lado i volseno.

BdP: anc[o] mo. Segno abbreviativo in eccesso sulla prima o. c di su rasura di mano α. a

b

d

Con titulus su o.

Aggiunto in interlinea soprascritto a rasura. f Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: da Ostia e Terazina. g BdP: erono. h BdP: di. i BdP: tucti. j BdP: anco. k BdP: [o]gossto. l Segue rasura: [p…..]. m Con segno abbreviativo in eccesso. n Con segno abbreviativo in eccesso su a. o Lacuna dovuta a rasura. e

105

1370-1372 Lo marchese avea grandissima zente a Modenab, della sua e de quella dellac Chiesia, ch’el s’era levato da canpo da Ssasuolo da farle una basstia. Non sape veder modo de danezarli, ben che molto temea de Modona. Anco mo fe’ fare messer Bernabò una basstia in sul Modanese 145v in luogo dicto Ziesela. Quella molto noseva a Modena d et a mal axio avea conducto Modenae, si per quello da Ssasuolo et anco per Rezo che gli era sì apresso. Grandissima guerra gli feva e molto si trovò esser male in asetto de denari lo marchese a quessta brigha, per talle che, s’el non fosse stata la Chiesia che’l sostenne e se lif de zente, [……….]g chosse, ello steva male; et ancora serave stato pezzo, ché grandissima zente da chavallo della Chiesia gli era continuo. Della ligha in fino a quessto dì non era da fare conto, zò è de sua gente, e cossì si mossero. Fu novella in Bolognah, e per la singnoria fu fatto manifessto, como la ligha tra la Chiesia e lo comune de Fiorenzia e quasi tucta la Toschana era rafermata, ché inanzi non ne mosstravano troppo trarre a uno bressaglio, che senpre quessti Fiorentini stanno a veder suo utile. Ma sapiano regnare che glie fa messtieroi. Anco mo mandò lo papa uno chardinale, chiamato messer di Ierusalem276, a Perosa per singnore; e quello ch’era lì, ch’è chiamato messer di Bruzzaj, se partì e dé venire in Bologna sì com’è inanzi dichiarato la sua vegnuda. Del mese d’ottovre si mosse da Vingnone lo ditto cardinale de Ieruxalem. Anco mo uno figliuolo de messer Azzo da Corezzo sì si tolse Chorezo per sì; et a quello dì lo suo padrek era in Bologna. E’ vero che lo casstello si teneva per messer Azzo e per messer Ghiberto suo fratello; e quessto zovane sì lla fe’ al padrel e barbano e chusini. [……..]m della zente de messer Bernabò, che innanti era intimo del marchese; ma pure la fortezza rimase al zovane, che messer Bernabò no l’avea in fino a qui. Finalmente s’aconzò con messer Bernabò. Ancora a quessti dì lo marchese fe’ fare due basstie tra Modenan e Panaro, in sulla strada vengniando a Bolongnia, perché lla strada zesse sichura. In lo dicto millesimo morì lo marchese di Monferrà, lo quale signiorezza parte del Piamonte. 146r

Quessto avea grandissima guerra e lungha con messer Ghaleazzo de Vessconti da Melano, lo quale avea tolto assai delle sue fortezze ed era in grande es[tr]emità per la dicta guerra,

BdP: ogossto. PR corregge: Modena. c Segue ripetuto e cassato della. d BdP: Modona. e BdP: Modona. f Correzione su rasura. g Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: e dinari e molte. h -loga di altra mano su rasura. i Segue di mano α: per loro. j Cfr. c 142v. k Con segno abbreviativo in eccesso. l Con segno abbreviativo in eccesso. m Lacuna dovuta a rasura. Mano α soprascrive: hera el zove(n). n BdP: Modona. a

b

106

1370-1372 che quasi non possedea più niente se non Asti, lo a quale b messer Galeazzo avea similemente conducto a grande assedio, sì che pogo tenpo si poteva più tenere. Doppo la sua morte rimase zerti suoi figliuolic, li quali lassò in nelle mani d’uno messer Otto de Brexuichd tedesscho277, lo quale lungo tenpo era stà suo intimo e quasi lui era singnore. E quessto rimase suo commessario et anco lo conte de Savoglia278 e lo conte di Vertu279, lo quale era figliuolo de messer Ghaleazzo, sì che lo figliuolo di messer Ghaleazzo voleva che Assti fosse del padre, gli altri dui commessari non volseno; sì che per quessta ghasone lo conte de Savoglia si tolse la impresa contra messer Galeaçço e sì si fe’ una ligha, ezò è: lo santo padre messer Grigorio papa, el dicto conte comf li doi fioli del marchese. Et a quessta brigha zasschuno fe’ suo sforzo, che per quello che ssi dise[v]a lo papa li mettea zente infinita e denari. E quessta era per esser una forte e fiera guerra, sì come più inanzi dechiareròg. h.M iiic lxxii.i Al nome di Dio, amen. Qui di sotto dechiareròj la vengniuta dello nosstro singniore messer cardinale, lo quale à nome messer Piedro chardinale di Bruzesk. Sabato mattina venne e per la porta di stra Magiore con grandissima fessta, la quale fe’ li zzittadini de Bologna, che ssel vesstino tutt[e] le compagnie de nuovo, e la magiore parte sì funo a chavallo, com i bagurdim e gram fesste e coverti di zendaton che lli fu strazadoo, com’è usanza. E durò tre dì e sì gli zè incontra lo carrozzo con zerti 146v buoni huomini suso, e con quella fessta e sollenitadep che ssi richiede a zzò. E con llui sì venne quasi tucti grandi huomini delle sue terre, con fu Malatessti, quello da Chamarino, quelo da Ravenna quelo q da Imola et altri assai che ll’acompangnono in Bolongna. Al nome di Dio sia. Cosstui sì era quello lo quale era stato a fare la guerra de Perosa e quella avea messa sotto la singnoria della Chiesia; ed era riputado grandissimo prode huomo e dicevasi ch’egli avea grande leghazione e grandi mandati dal papa, più che huomo che cci fosse mai per la Chiesia, ben ch’el fa ben luogho, abiando a ffare chon lo brazzo de messer Bernabò. Messer Anglicho cardinale, lo quale era stato nostro singnore de qui in drieto, sì si partì da Bologna et andossene per Tosschana. Andò quello dì a Ppianoro e llì stiete per alcuni dì; e

o corretto su a. Segue cassato: l. c Segue cassato: in. d Ludovico Ramponi: Brexivegli. e Nel margine sx, di mano α: [Gri]goro Undecimo / [n]ato in Liom de / [Fr]anza fu quello / [che] redusse la corte / [a] Roma, che era stata / [in] Franza setanta / anni, e tene il papato anni otto. f BdP: come. PR corregge com, cassando e con un tratto di penna. g BdP: dichiarerò. h Riprende la cronaca Villola (c 155). i VIL aggiunge: Dì xvii de zenaro, in sabato. j BdP: dichiarerò. k Segue, di mano α: in Flandra. l BdP: ssi. m BdP: baagurdi. n VIL: zendalle. o BdP: funo strazadi. PR corregge fu strazado, cassando no con due tratti di penna. p VIL: sulinittade. q VIL: qui. a

b

107

1370-1372 poi andò a Fiorenza e via oltra et andò a Vingnone. Vegneri, a dì .xxiii. di zenaroa, sì si partì. La [s]ua singnoria sì fu a nnoi assai buona, ma non troppo. È vero che in fine che llo fratello visse, zò è papa Urbano, mai quessta zittà non ebbe sì buon singnore, zò è di mantener in pase, de llibiareb de gravezze a sua possanza; e bem mantinia rason e zusstizia et amorezzava zasschuno, grandi e pizzoli, e finalmente digando, cosstui si posseva dire che fosse un sant[o] per noi. Incontanente, doppo la morte del fratello, parve che ‘l nemicho l’attentasse, che mai non volse ben se non a lloi proprio, d’achunullare moneta infinita, de male risposste a zittadini, de non tener zusstizia, esser rubado de dì e de notte, e morti gli uomini in villa et in zittà et trare gli uomini di bando, che non era de volontà d’alcuno; sì che, per zerto, male contentava zaschuno. Et senpre chattivi ufiziali che non erano mai asendichati c de sue trabaldarie e rubarie. […]

VIL pone la data all’inizio del paragrafo. VIL: d’allibiare. c VIL: sinigadi. a

b

108

1370-1372

Niccolò III d’Este, marchese di Ferrara (1361-1388). Francesco I da Carrara, detto Francesco il Vecchio (1325 - 1393), signore di Padova (1350 - 1388). 258 Ludovico II Gonzaga (1334-1382), rettore di Mantova in qualità di Capitano del Popolo dal 1369 al 1382. 259 Giovanna d'Angiò (1327-1382), Regina di Napoli col nome di Giovanna I e Regina titolare di Gerusalemme e Sicilia (1343–1381). 260 Feltrino Gonzaga (1342-1382), Signore di Novellara e Bagnolo (1371-74), Vicario imperiale a Reggio. 261 Fogliano. 262 Una delle fortezze della città. 263 San Polo d’Enza. Comune in provincia di Reggio Emilia. 264 Giovanni dell'Agnello, già Doge di Pisa. (1364-1368). 265 John Hawkwood. Cfr supra nota 249. 266 Zola Predosa, comune in provincia di Bologna, tra Casalecchio e Crespellano. 267 Fornace, frazione del comune di Monterenzio, a ovest di Bologna. 268 San Lazzaro. Località a 2 km da Reggio Emilia. 269 Soliera, comune nel circondario di Modena, non distante da Carpi. 270 Zerra Pepoli, fratello di Taddeo (signore di Bologna dal 1337 al 1347). 271 Monte Fiascone, comune in provincia di Viterbo. 272 Lucio di Landau (Lucio di Lando, †1402 ca.), da Costanza. Figlio del conte Lando, fratello di Everardo e di Corrado. Capitano di una compagnia di Tedeschi assoldata dalla lega contro Bernabò Visconti. 273 Pierre d’Estaing († 1377), vescovo Bituricensis, cioè di Bruges, da cui Bruçça, Bruzza o Bruzes. 274 Probabilmente il cronista si riferisce a Manfredino da Sassuolo († 1387), Signore di Sassuolo e Montegibbio. Infatti nel 1371, al soldo dei Visconti contro la Lega, aveva assediato Modena e devastato il ferrarese, giungendo fino alle porte del capoluogo. 275 Giovanni II Paleologo, marchese di Monferrato (1372-1378). Diversamente da quanto scritto più avanti dal cronista, la sua morte risale al 19 marzo 1372. cfr. c 145v. 276 Philippe de Cabassole († 1372), card. di Gerusalemme. 277 Giovanni Paleologo aveva previsto che alla sua morte i figli fossero allevati dal cugino Ottone di Brunswich e da Amedeo VI di Savoia. Dal matrimonio con Elisabetta di Maiorca erano nati: Ottone, detto anche Secondotto o Secondo Ottone (1360 – Trino, 1378), che successe al padre; Giovanni (1362 – 25 agosto 1381), che dopo la violenta morte del fratello Secondotto, dal 3 gennaio 1379 venne affiancato al governo dal Brunswick; Teodoro (1364 – 26 aprile 1418), figlio terzogenito del marchese, venne nominato governatore del marchesato dopo la morte del giovane fratello Giovanni (1381); infine Margarita e Giacomo. Purtroppo i tre fratelli si rivelarono deboli nella gestione del loro potere e gettarono il marchesato in una grave crisi. 278 Amedeo VI di Savoia, detto il Conte Verde, (1334 –1383). 279 Gian Galeazzo Visconti (1347-1402), detto il Conte di Virtù dal nome di Vertus in Champagne, titolo portato in dote dalla prima moglie, Isabella di Valois. Figlio di Galeazzo II e nipote di Bernabò fu prima signore (1378-1395), poi duca (1395-1402) di Milano. Secondotto Paleologo, per contrastare Amedeo VI, aveva deciso di stringere un’alleanza con Gian Galeazzo Visconti, sposandone la figlia Violante. Tale alleanza però si rivelò poco efficace. Infatti, quando Asti fu attaccata dal fratello di Ottone di Brunswick, Gian Galeazzo intervenne con forze ingenti, ma il suo obiettivo non era quello di tutelare il genero, bensì di mantenere sotto il suo controllo la città. Quando Secondotto si accorse del grave pericolo era ormai troppo tardi: le truppe del milanese sconfissero quelle del debole marchese paleologo che fu costretto alla fuga. 256

257

109

BUB 3843 cc 58r-75v Anni 1380 – 1400 CCB vol 3 pp 365 – 391, 432-434, 436-444, 446-448, 457, 469-471

58r

.M.iii.lxxx. fo scripto qui che noi fessimo allegreçça e fessta a e che noi lo ubidissimo e chiamassimo vero papa e che se al presenteb era quessta divisione tra lloro, che veççuda che s’era la verità per quelli che s’erano deputadic a ççòd, quello che s’era diliberatoe vero papa, quello ubiderimmo e che non parea a lloro, zò è a Bolognisi, dovere tegnire altro modo. E quessto fu perché, di poghi dì inanzi, era vengnudo nosstri inbassadori da Romaf per voler refermare lo vichariato di Bolongna et none aveano possuto fare niente; e perchè credeano pure de ritornare a essere segnore de Bologna ma non erano in via. E subito fatto quessto, zò è de la risposta che fo dada a lo antipapa, papa Urbano mandò che noi mandassimo ambassaduri a Roma e che farave sì che seravemo contenti. A questi tenpi e dì la guerra era grande tra Zenovesi collog singnore di Padova, con li Veniziani; e era grandissima e fiera che lli Venisiani aveano lo suo canpo forte atorno a Chiozza, per modo che non la possevano fornire quî da Padoa, né non possea entrare né insire alcuno, e non aveano da vivere. Gli Gienovesi erano vengniuti più volte con da .xxiiii. galee per fare levare lo canpo, e mai non feno niente, perché li Veniziani aveano da .xl. galee, sì che non erano arditi d’assallire; ma pure lo canpo steva fermo ed eragli più di .xxx. milla huomini soldati e zittadini. Ma pure era grande tribulatione quella che portava gli Veniziani, e gram povertà di vittuaria. Infinita zente si partia da Vinesia per fame e per povertà et anco era grandissima spe[s]a e faticha alli Zenovesi. E lo singnore de Padova erah arichito de la ditta guerra e lo marchese da Ferrara, ch’era in mezzo similmente n’erai fatto richo, che senpre à ricol[to]j quando gli altri perdevano. E zertamente, per quello si credea lo Veniziano el simile

58v li Zenovesi rimarrano consumati. Finalmente messer Bernabò e lo conte di Vertù280 aveano meso gram gente in sulla riviera di Zenova per dare noglia a li Zenovesi. Anco mo a dì ** de ziungnio fo novità in Brusscolo 281 , ch’è uno chasstello ch’è verso Tosschana ed è della diocese del nostro vesscovado. E fo che erano tre fratelli: l’uno di loro era mal tractato dall’altro, e lui se ricolse alcuno sbandeççato da Firenze e sì prese lo fratelo maore, che à nome lo conte Antonio, e l’altro ancixek, e subito mandò qui; e sì lli chavalcò Nel margine sx: 1380. PR su rasura. c BdP: che fosseno. PR cassa e corregge in interlinea. d Segue che cassato da PR. e Segue ripetuto e cassato: vero. f PR su rasura. a

b

g

Titulus su o.

BdP: n’era. PR cassa e riscrive era sul margine. BdP: n’è. PR cassa ne e aggiunge in interlinea simelmente n’era. j PR corregge: aricol[i]va. k BdP: anzixe. h i

110

1380-1400 alcun de li gonfalonieri con pochetta gente e a entrò dentro b , forsi con .xxx. fanti. E finalmente sì li riduseno a ffar pase l’uno e l’altro. E quello conte Antonio sì andò a Firenze; et quessto Alberto rimase e si vendè lo chasstello, e tucti li suoi fideli, e zò che aveano li dicti conti in Brusscolo et intorno al comune de Bolongna per tre milia ducati. E tra lì e .x. ani lo conte Alberto dovea aver in Bolongna una p(re)vizione, sì che lla fortezza rimase libera al comune de Bologna; e sì glic mandonno Bolognisi capitano come all’altre chasstelle sue. Subito, come el ditto conte Antonio fu lassato, sì andò a Firenze e domandò zente, perché era suo racomandato; e sì lli dienno più de .Mille. cinquecento fanti e zente da chavallo. E veneno a Brusscolo, e veneno tardi, de che, presentido che avé li nostri la vignuda di detti Fiorentini, subitod cavalcò la montanareda nostra di llà el capitano della montangna; et oltra de egli cavalchò gram zente da chavallo de Bologna. De che llae zente de’ Fiorentini, quando vedèno zòf si partino alla cortese: né l’uno a l’altro maig feno villania dapno. Anzi, andò grida in l’uno canpo e l’altro cheh fesseno partirei l’uno e l’altra gente; e cusì se partino cum gram scorno de’ Fiorentinij. E sì pure lo sforzo del comune de Bologna non fosse stato grande, forsi che non serave andato sì bene le cose; e anche non se volse più oltra desonestare li Fiorentini per chaxon dek lo gran [ser]visio e della gram zente ch’avea fatto lo comune di Bologna di poghi dì inanzi ai Fiorentini. 59r

Quessti conti da Brusscolo erano una perfettissima mala gente e rei e gram nostri nemici. Dio li puose rimedio. Tuttil quessti fratelli fenno vendita dello casstello e de zò ch’elli aveano d’intorno al ditto castello; e vendeno al comune de Bologna. Ancora, a quessti dì, lo comun de Bolongna mandò a porre una basstia in sul cotado de Imola, che ssi tenia per loro, per contrasstare a uno Sandro da Canpo al Monte, lo quale feva de gram noie a quello paese; e lo marchese da Ferrara gli avea colpa, che senpre z’à fatto choverte rencressevele. Anco mo lo canpo de’ Veniziani, che era intorno a Chiozza, sì avé Chioza m per fame, ché dovete sapere che gli era de zente de Zenovesi e del singnore da Padova più de .vim. boche e no aveano più che viver. E zertamente ie feno cusì grande prodezza come mai s’udisse,

PR su rasura. Segue cassato: [cuto]. c Segue cassato: li. d Segue e subito cavalcono. PR cassa e subito e corregge cavalcò, cassando –no. e BdP: ella. PR casssa e- con un tratto di penna. f BdP: zoe. PR corregge cassando -e con un tratto di penna. g non cassato da PR. h Segue non cassato da PR i BdP: dispartire. PR cassa dis- con un tratto di penna. j BdP: dall’altro, ma pure sarave dire che aveano vogliuto porre errore / tra Bolongniesi et Fiorentini. PR cassa e corregge nel margine. k BdP: e possa. PR cassa e corregge nel margine. l BdP: tucti. m BdP: sì ll’aveno. PR cassa e corregge in interlinea. a

b

111

1380-1400 che dentro non i era più tanto che sse ne fesse le spese a uno corpo solo; e così mostrò che più dì innanzi avesseno manzato ogni trissta cosa e cani e ratti e cavagli ie sareveno stati zucharo. E tutta la foresstaria ch’avea soldo avea salvo l’aver e le persone, e Padovani e Zenovesi funo tuttia presi e menati a Venesia in prisone e grandissima zente vi morì drento e di fuora. Più volte da .xl. galee de Zenovesi aveano asallito lo campo, ma erano sì forti che mai non si mosseno; e non di meno scorreano lo mare, sì che Venezia steva pezzo che da prima. Doppo quessta, le galee de Zenovesi collab zente del patriarcha d’Aquillea282c sì arivonno in Istria, che teneano li Veniziani, e tutta quella feno rivoltare, e parte n’avenno per forza. Ancora aveno Triesste e altre terre, sì che li Veniziani stevano male. E mosstrò grande miracolod Dio, ché mai non si vide sì gram possanza in pogo tenpo andare per terra quanto fe’ la possanza de Vinexia. 59v Ancora mo, all’entrare de luglio, si publichò moneda d’oro che fe’ fare lo nosstro comune e quessta voleano che valesse quanto lo ducato; et avea uno lione con uno gonfallone in mano e da l’altro messer Santo Petro. Quessta fue una sozza moneta et una minichattaria; altra moneta d’ariento e di ram[o] si battea, ma non era ancora pubrichata. Ancora, a mezzo luglio, messer Carlo, chiamato messer Charlo dalla Pase, venne a Verona con .iiiic. Ungari, li quali gli avea dato lo re d’Ungharia perché ll’aconpangniasseno in Puglia per conquisstare lo Reame, lo quale tenia la reyna Zoanna; e li stette più tenpo et ebbe grande honore. Partisi e venne in sul Mantovano per aver lo passo per passare di zae. Mosstra che messer Bernabò l’attossichasse di denari el signore di Mantoa, sì che no gli volse dare lo passo lo ditto singnore de Mantova se non a patti, zò è che non ne andasse in sul terreno di messer Bernabò. E per quessto disdengnio fe’ gran danno in sul Mantoano d’ardere, ben che tuttie mosstrava uno trato insengnato. La casone per che andava in sul terreno di messer Bernabò era perché messer Bernabò avea grande zente in sul Zenovese, a preghi de li Veniziani, e perzò era continuo uno inbassadore zenovese in lo canpo del ditto miser Charlo, sperando de menarli de lae. E finalmente fu tradito e vene in sul Ferrarese. Anco mo venne la dicta brigata d’Unghari con messer Carlo suxo lo nostro terreno; e feno la via per da Bondanello283 e venono al corpo de Reno, suxo el nostro contado. E di quessta terraf se glig fue mandato vittuaria e non valse niente, ché mai non vene zente che fesso mai

a

b

BdP: tucti.

Titulus su o.

PR su rasura. d Segue cassato: da Dio. e BdP: tucto. f Segue s cassata. g se su rasura. c

112

1380-1400 tanto danno d’ardere e pigliare in fuora; e tuttoa sì portò in pase per paura de più danno, ma pure si porave aver tolto brigada e mandatoiella, sì che aravano passato piùb 60r

stritti e piuttossto che non feno anche promisson d’aver passado e sgonberato lo contado in .iii. dì. E sstetono più de .x. dì. Molta zente de nostri soldati sì ssi irono con nui perchéc voleano esser cassi per zire con cosstoro. E mosstronno de fare gram fatti e mosstravan ch’avessen denari, ma tradimenti erano come fan quelli de Puglia. In lo dicto millesimo se bandì e piubigò che in Bolognad che un soldo valesse d. .xii. de pizolie. E quessto fo a l’ussita d’agossto. .M.iiic.lxxxi.f d’agossto venne el ducha d’Anzò suso il contado de Bologna e stette in sul nostro contado otto dì poi si partì e venne con grandissima zente, delle belle brighade che mai si videsse, et andonno in Puglia e llì morì; e mai non si trovò che fessono danno suxo questo contado, funo apresentati da quessto comune, zò è de pane e charne e biave, e fattoie honore assai. In lo dicto millesimo, del mese de settembre, sì cominzò la mortalità in Bolongna e durò uno anno; e possesse dire ch’el morisse de li tri l’uno. .M.iiic.lxxxii. g morì in Bolongna messer Zoanne da Llingnano e fugle fatto grandissimo honore. Et andogle lo cardinale, ch’era miser Filippo Charaffo, vescovo de Bologna, et il podesstà, et tuttoh il collegio e tuttei le conpangnie, e dottori assai, e tucta la chericia de quessta terra. E fu la mattina e tenessi serrate le botteghe in fine ch’el fu sotterrato; e fu sotterrato in San Domenicho e lassò in tesstamento che gli fosse fatto fare una archa, e chusì fu fatto fare. E cosstui sì fu de’ valenti huomini in legge e in ongni scienzia, come huomo che fosse gram tenpo in Bolongna. D[io] gli dia pase all’anima e Dio lo fazza. Item eodem millesimo vene novelle in Bologna, e cussì fo vero, che miser Rainaldo de li Ursini tolse la signoria de Spoleti, e che papa Urbam .vio. fo preso in Napoli, e ch’el ducha de Anzò avé la cità de Tarentana284. Item, del mese de novembre, miser Galoto di Malatesti avé la signoria de la cità de Cervia, la quale era prima de miser Guido da Polenta de Ravena; e ebbela per guerra e per tradimento de alcuni citadini de Cervia.

BdP: tucto. Segue ripetuto nella carta seguente e cassato: più. c Segue e cassato. d Segue cassato [s(oldo)]. e Segue cassato: per uno denaro pizoli. f PR corregge: al(ias) 1382. In effetti, anche nella cronaca Bolognetti la notizia si trova nel 1382. g PR corregge: al(ias) 1383. h BdP: tucto. i BdP: tucte. a

b

113

1380-1400 60v In lo dicto millesimo morì maestro Piedro da Muglio, lo quale eraa dottorado in gramaticha; e fu uno de’ grandi valenti huomini che fosse un gram tenpo b in quesste parti di sua sciencia. M.iiic.lxxxiii.c la tessta di San Domenigho sì fu chavada fuora d’entro dell’archa soa, e fo di notte a hore .vi. e a dì xiiii. de febraro; e fuvi lo collegio a chavarla de fuora dell’archa. E zente assai se gli racomandò, ed se gli racomandò messer Stevano dalla Nodaria, che avea uno grande male, e subbito fue liberado. E incontenenti, in l’ora che la ditta cassa fo aperta, aparve una stella chiarissima, grande e grossa, con tre code; e stette continuo sopra la chiexia de Sam Dominico per molte hore e per fin che la detta archa ste aperta; e tuti quelli che v’erano vitteno la detta stella.

In lo dicto millesimo lo generale de’ Servi sì cominzò a fare lavorare in nella chiesia de’ Servi, zoè li richiosstri. Al nome di Dio; e così possa esser. In mille .iiic.lxxxiiiio. del mese de aprile fra’ Iacomo, rettore della chiexia de Sassonegro, de suo proprio sangue, sanguinò una hostia sagrada, e dicea che l’era del sangue de Iesù Cristo; e guadagnò de molti danari dale molte giente che andavano a vedire tal miracolo. Ma li regimenti de Bologna volseno ch’el se sapesse el vero, de che si andò retrovato doloso, fo privato dello benificio e posto in chabia e dampnato a perpetuo carcere. In quello anno fo fatto la Palasio de la Compagnia di Nodari. In quello anno miser Galaoto di Malatesti fe’ ascalare la cità de Ravena per torla, ma non puòte fare nulla. Item in quello anno lo cardinale de’ Cussi285 passò a le parte di qua in favore del ducha de Anzò286 cum grande multitudine de gente; e non tochò nulla del contado de Bologna e andò per la via de Pontremolo. .M.ccc.lxxxv. A dì .xxi. de zenaro miser Galaoto di Malatesti morì in la cità de Cesena. In quello medesimo anno lo marchexe Nicholò tollse a li cunti de Cunio287 lo castello de Conselexe288, per forza e per tradimento di alcuni dentro. Item lo ditto milllesimo a dì .v. de febraro la gente del comun de Bologna cavalcò verso Modena, per impazare che la compagna de miser Zohanne de Azo di li Ubaldini non passase per lo contà de Bologna, cussì como menazavam de fare, ma pure convene dare li ostadixi. E passò che non ce fiè danno. Item lo ditto anno, a dì .xxv. de febraro, le gente d’arme de Bologna, asieme cum lo confalloniero de iusticia, ch’era Ramberto Bazaliero, chavalchò in Romagna con la compagnia de Zohane d’Azo de li Ubaldini e contra li cunti da Barbiano. La quale compagna era a campo a Sam Prospierio289, e cum le gente de’ Bolognisi era le gente del marchexe de Ferrara e di Fiorentini; de che le ditte nostre gente funo sconfitte e fugino a Castello Sam Piero. E tutto fo per tristicia del ditto confalloniero e de multi altri citadini che non atexenno ma’ a fugire e misen i altri in fuga. Fra li quali citadini era miser Egano

Segue cassato: da Muglia. Segue e cassata. c Soprascritto in interlinea da PR e cassato: al(ias) 1384. d BdP: ch(e) PR cassa e corregge. a

b

114

1380-1400 di Lambertini, Tarlato di Bechadelli, Corsino di Gozadini, Nicolò di Fantuci e Francesco Parixe; e le miore arme ch’ebbeno funo li speroni. E per loro colpa Bologna quello zorno recevette cusì gram vergogna. Item in quello anno lo marchexe de Ferrara fe’ fare una bella rocha apresso la porta de Lion; e questo fo perché a quelli dì, del mese de mazo, el populo de Ferrara trasse ad arme e vose uzidere miser Thomaxo da Tortona vichario del marchexe, lo quale fugì in palazo; de che bixognò che ‘l marchexe lo desse al populo che ‘l taiasse a peci, e cusì fo fatto. Ma, aquedato lo romore, lo marche ne fe’ impichare multi e multi en feci anegare in Po. E foie bien investì, perché funo pazzi a pore zuso l’arme, se non eram seguri de soe persone. In lo .mille.ccco.lxxxv., a dì .vi. de mazoa, miser Bernabò Vesconte signore de Millano fue presso insieme con suo fioli dal suo nepote miser Zohane Galeazo conte de Vertù; e tolseli tutta la signoria. Item in quello medeximo anno lo castello de Medixina fo hedifficado per lo comun de Bologna. Item in quello medesemo anno miser Sinibaldo deli Ordelaffi signore de Forlì fu preso da Pino e Cecho deli Ordelaffi suò nepoti e sì lli tolseno la signoria. Item in quello medeximo anno del mese de dicembre lo ditto miser Bernabò Vesconte morì in la torre de Trezo, dove l’era impreisonato; e fo detto ch’el era sta atossichato. E fo sepelito in Milano, in la chiexia de San Zohanni in Chonchab. M.iiic.lxxxv. A dì .xxviiii. di settenbre se bandì, suso lo palasio de’ nosstri singuri et anco suso li tribi di Bolongna, la ligha che ssi fe’ tra messer lo conte de Vertu e tra lo comune de Fiorenza e lo comune de Bolongna; e che tutti quessti .iii. comuni sì de’ tener .Mo.iic. lanze, a tre chavalli per lanza; e quando nessuna compangnia venisse, sì se gli debba mandare incontra. Et quessta ligha sì fu fatta per cinque angni, ciò è prossimi che vengniono. In lo dicto millesimo, a dì .xxii. di novenbre, venne novella in Bologna che ‘l conte Raynaldo, fradello basstardo del conte Zoanne da Barbiano, entrò dentro da Barbianoc, lo quale si tegnia per lo comune di Bolongna. Dissesi che nadò la fossa per tenpo de notte chon sie conpangni, con trattado de villani, e stiettono drento innanzi che cominzasseno lo romore, circha a dì sei; et andò a’ suoi amisi per la terra hordinando lo fatto, e po 61r

trasseno a chasa de foresstieri e presono lo capitano nosstro, lo quale avea nome Iacomo di Bocha di Fieri, e tolsegli le chiavi del chasstello e gridonno: “Viva i conti!”. E non fenno dispiasere a homo del mondo in le persone, ma funo tutti rubbadi, salvo che uno tedesscho che ghridò; e cosstui fu morto. Venuta la novella in Bolongna, incontanenti chavalchò messer Guido d’Asano 290 et Andrelino Trotto291, soldati del comune de Bolongna, e messer Hegano de’ Lambertini e

Segue cassato venono. Questo paragrafo è stato aggiunto nel margine superiore e dx della c 61r. L’ho collocato in questa posizione per dare continuità alla narrazione di Ramponi, interrotta solo dalla mancanza di spazio nella pagina precedente, mentre Ludovico Ramponi pone questo paragrafo più avanti nella sua cronaca dopo il tentativo di riconquista di Barbiano (Cfr. c 61r). c BdP: Barbarino. a

b

115

1380-1400 tuttaa la gente da chavallo, e sechorsono la basstia e fornilla, la quale ancheb si tenea per lo comun de Bologna, ch’era presso a Barbiano c , a uno trato di mano; e se non che lla socorseno, dissesi ch’ella si sarebbe perduta. E non posseno stare a chanpo, per lo mal tenpo e per l’aque grandi, ma li soldati nosstri si ridusseno in Solarolo, in la basstia, et in nell’altre casstelle lenze atorno. Cavalchò lo conte Luzzo, lo quale era tedesscho, ed era con cento sessanta lance de Tedesschi et cento lanze de Inghilesi e tuttid li fanti da pe, e puoseno chanpo atorno a Barbianoe et in principio li fecen gram guerra e tenevagli molti stretti. E poghi dì stando, li chavalcò messer Guido d’Asano et Andrelino Trotto, chapitani di dusento lanze, e puoseno canpo da uno altro lato; e non volseno stare con lo conte Luzo, perchè non si fidavano di lui, perchè si disea palesemente ch’egli era traditore. Etf incontanente, comeg lo ditto messer Guidoh avé possto lo chanpo, elli si fe’ forte e lla maore parte de’ fanti da pe sì si ridusseno colloi ditto messer Ghuido, perchè anchej loro non si fidavano. 61v E sstagando le cosse a quessto modo, quelli da Barbianok sì er[a]no molti stretti e stevanol male ad axiom. Messer lo conte Zoanne, lo quale era dal lato dentro di Barbianon, mandò a dire allo conte Luzzo che, se ello li volea prometter de non inpazarsi de quessta brigha e de fare che lio conti possedesseno lo casstello, che gli daraveno .iiim. ducati d’oro; e di subbito gli accettò e fegli la promessa, e sì avè incontanenti .iim. ducati; e mai non volse gire a scharamuzza, né llui né sua brighada; et anchep gli deva vettuaria et aiutorio e favore alli dicti contiq. In la mala hora che Dio gli dia. Li singnori nosstri, vezzendo quessto ch’io ò ditto di llà, mandonno per lui più volte che ello dovesse vengnire a Bolongna; ed ello mai non volse venire, perché dubitava, perché lo tradimento era zà palese a ongni huomo; ed ello era sì forte a quessto so canpo ch’eglir non lo posseano sforzare. Vegiendo li nostri singnori che elli tegnia quessti modi, subbito gli mandon meser Zoanne s de Mengholo, lo quale era de’ singnori anciani, per sentire la volontà del conte Luçço; e lo conte Luzo dixea che non vollea venire e che ello volea mandare la grida pure al campo, che se nessuno dovea aver ch’ello volea pagare al chanpo. BdP: tucta. BdP: anco. c BdP: Barbarano. Segue cassato da BdP: et tironiano. d BdP: tucti. e BdP: Barba[r]ano. f Segue i in eccesso. g Con titulus soprascritto in eccesso. h Segue cassato: come. a

b

i

Titulus sulla prima o.

BdP: anco. k BdP: Barbarano. l Segue a cassata probabilmente da PR. m Segue e cassata. n BdP: Barbarano. o BdP: le. p PR corregge: anco. q Segue cassato: che. r Segue cassato: -no. s Segue cassato: cane. j

116

1380-1400 In quessto mezzo lo conte Luzzo andò a Faenza, perché in Faenza era de cavalli .vic. e eravi uno messer Corrà tedesscho cho di quella brighada; e lo conte Luzzo feva quessto tradimento. E forsi standoa otto dì, lo conte Luzzo fece venire al suo canpo dugento chavalli de Tedesschi; e desea ch’el non volea fare despiasere a nessuno, ma che llib avea fatti venire per sua guarda de lui; e tuttavia 62r

avea ordinato di tagliare per pezzi la brigada de messer Ghuido e d’Andrelino, e fevalo con spalle d’Asstore de’ Manfredi e del conte da Barbianoc; ma messer Guido fue avisato, ché senpre avea temuto che ‘l conte Luzo non lo tradisse, perché sapea bene ch’ello era traditore. In lo dicto millesimo, a dì .vii. d’aprille, venne la frasscha in Bolongna, e fu lo dì di Sam Lazaro, che Barbianod s’era acordato con lo comune de Bologna e av[e]no loro che patti ie volseno per lo tradimento ch’avea fatto lo conte Luzzo; et anche e dubitonno del conte Alberigho, ch’era zunto in Ferrara con dusento chavagli. E subito fatto l’acordo, lo conte Luzzo s’armò con tutta la brigata e partisi et andò a Faenza e fe’ gram danno a zerti cittadini de quessta terra, che doveano aver denari da llui, e non funo paghadi. .M.ccco.lxxxvi. A dì primo de zenaro, miser Santo del Daynexe, dottore de lege, murì de morte naturale in suxo la hora de dexenare. E alora el sole oscurò in tal modo che bixognò tenire l[e] candele accese a tavola a desenare in tutta Bologna e onon dicea ch’era segno contra lo ditto miser Santo, però ch’era stato un male huomo. .M.iiic.lxxxvi. In lo dicto millesimo lo dicto conte Luzzo sì fue apichato per traditore, overo depinto per traditore, a lo Palaso de’ Singnori, con zerti altri suoi compagnif. Anco mo in lo dicto millesimo a dì .vi. de magio venne novella in Bolongna che lli era intrato in la rocha de Roffemg292 cierti sbandezati, fra i quali ve ne fu uno ch’avea nome Baldino, perchè la dicta rocha sì fu zà del padre. Anco mo in lo dicto millesimo la dicta rocha sì fu rexa al comun de Bolongnah. Anco mo in lo dicto millesimo a dì .xxii. de magio, e fu in sabbato, sì ssi descoperse uno trattato de fare retornare li Pepoli de che F[erran]te sarto de Miralsole293, [mis(er)] Mathio suo fiolo, dottore de lege, Zeronimo bidello de Miralsole e cierti altri fu[n] presi e decapitadi.

Segue cassato: [ot…]. BdP: l[u]. c BdP: Barbarano. d BdP: Barbarano. e BdP: anco. fBdP: conpag[g]ni. PR cassa e corregge in interlinea. g BdP: Rustem. h Segue di mano di PR e da lui stesso cassato: per la quale cosa Ferrante [sarto] de Miralsole, mis(er) Mathio suo fiolo dottore de lege e Zeronimo Bidello de Miralsole e certi altri f[un] presi e d[i]capitadi per la insscritta caxon. Questa nota andava collocata più in basso. Resosi conto dell’errore PR l’ha cassata e riscritta nel posto giusto (cfr. testo). a

b

117

1380-1400 Per la qual casone messer lo chapitano del populo de Bolongna sì fe’ pigliare messer lo priore de’ fra’ degli Angiolli, e manifesstò come ello era in trattado de dare Bolongna a messer Tadio de’ Pepoli, 62v ello et altri cittadini de Bolongna. Ed era el tra[ta]to per quessto modo, zò è che meser lo priore si tenne colluia, in lo hordineb suo, lo dicto messer Taddio de’ Pepuli, e li cittadini, i qua erano in quessto tractato, si andavano a quessto hordine e llì ordinavano il fatto come voleano che ssi fesse. E llo tradimento si era per quessto modo, zoè che lla notte del sabbato, vengnando la domenigha, si dovea venire drento, all’aprire della porta, certi fanti da pe per la porta de Stra Santo Stefano, vengniando alla piaçça, gridando: “Viva la paxe e mora li traitori!”; e per la porta de Stra San Vitale doveac venire Asstore di Manfridi in persona et il conte Luzo con ottozento chavagli, digando: ”Viva i Pepoli e mora li traditori!”; e per la porta di Sam Mamolo dovea venire messer Taddio con .cco. cittadini, i qua erano in trattado de quessto fatto e si veniano con lui, digando: “Viva li Pepoli e mora li traditori!”; e Benvegnudo di Polo trombadore, rechamadore, sì dovea cavare fuora il pennone de’ Pepogli e zire suso el Palaxio de li Singnuri e porlo lid; e messer Taddio dovea entrare in palaxio per singnore de Bolongnia. E ‘l conte Luzo sì avea quessto albitrio che possea rubbare e sschachare chi egli avesse voluto et, segondo che ssi disse, elli dovea stare .iii. dì e fare ongni male. E per zertoe non zi fu un gram tempof uno sì fiero trattado; e avemo da lodare Dio eg la Dona Nostra e tutt’ih santi che ze guard[ò]no da tanto male. Et subbito fu dritto duo para de forche suso la piaçça e fessi di grande guardie de dì e di notte. E y nomi de quelli li quaii funo presi e zusstiziati sì éno quessti, in prima, zoè, e fue in merchori a dì .xvi. de maggio: 63r

a

Ferrante sarto, messer Mathio suo figliuolo, Zervolimo bidello, Laççarino da li Arme, Benvengnido de Polo tronbadore, Tuonio di Sbardelladi e quessto si era soldado del comune de Bologna. La condanasone sì disse che doveano esser apichadi; e da che ie furono in piaçça foglie fatto gratia che gli fosse tagliata la tessta e fune pizzoloj danno, bene che se disse che non era vero lo ditto trattado, ma che li maltraversi, che regiano, oposen questo per desfare in tutto la parte Schachese.

Titulus su o.

Segue cassato: so lo. BdP: doveam. d BdP: p(or)tarvelo. PR cassa e corregge in intelinea. e Segue et tironiano cassato. f BdP: t(en)po. PR cassa e corregge in interlinea. g BdP: et tironiano. PR cassa riscrive e. h BdP: tucti. i Segue cassato da PR: presi et funo. j (Ms) pizzo/lo, PR corregge pizzolo, cassando –lo a capo e trascrivendolo al termine della riga precedente per completare la parola. b c

118

1380-1400 Ancora in lo dicto millesimo, a dì .xxi. di maggio, fu messo in ghabbia lo priore de’ fra’ dagli Anzuli, e fugli messo li ferri a’ piedi et anco fu inchadenado e lì stette .lxxxxvi. dì e li murì. E non avea altro che la pelle e le ossea. Ancora in lo dicto millesimo, a dì .xxvi. di magio, andò una gridab da parte di messer lo chapitano, che tucti quelli i qua qui di sotto scriverò dovessono vengnire a ffare suac scusa de lì a otto dì prosimi che debbon venire, perchè funo achusati ch’erano in quessto trattado sopraditto d , ché altramente chaderavano in bando della tessta. Li nomi de qua sì son quessti, zoè in prima: Messer Taddio de’ Pepugli Zoanne Tachom e Marsilio de’ Liazari Bettim fattore de’ Pepuli Begetolo suo fiolo Maxe mangniam Alberto Guidotti Nasimben purgadore Dino da Glucho Lenzo suo fiolo Iacomo de Polo mangnan Bonifazio da Chastagnolo Lonbardino de Guiglielmo Nicholò fornaro Girardo di Passipuoveri Nicholò di Zirino de’ Liazari Martin Foraalda Maesstro Petro mariscalcho Tomaxe de’ Pasipovri Bartholomeo di Grattum Federigo di Pavanexi Iacomo di Grattum Francesco di Turding da Panegho Domenigho da V[e]nigamf Zurdino de’ Bianchi Iacomo di Daglio Francesco de’ Lonbardi Zoanne Papazzoni

63v In lo dicto millesimo, a dì .xxvii. de luglio, vene uno chardinaleh294 in Bolongna, ch’era dell’ordine de Santo Domenigho, et andogle tucto l’ordine di Santo Domenigho incontra. Partissi lo terzo dì. Anco mo in lo dicto millesimo, a dì .xv. de zungnio, chavalchò tucta la zente de Bolongna da pe e da chavallo; chavalconno tutti suxo le porti de Faenza e lì arseno case et rubbono e taglionno vingne, e finalmente fugle tolto tucto lo ricolto. E subito fu hedifichato una bastia suxo lo suo contà, che ssi chiama la bastia da Sam Procollo295; e stettono forsi .xx. dì suso el suo contado e poi s’acordono con Asstore296 a quessti patti: che lla basstia dovesse rimaner in piè chon tanto terreno quanto tra uno balesstro atorno, a posta de’ Bolognisi; e quessto gli fu fatto per li tanti oltrazzi che cci avea fatto.

Aggiunto di seguito e sul margine dx. (Ms): g/rida, PR corregge grida, cassando –rida a capo. c Segue a capo cassato: sua. d BdP: sopradicto. e BdP: degli Azari. PR cassa e corregge in interlinea. f BdP: V[a]nigam. g BdP: de Turtin. h BdP: c/hardinale. PR cassa c che riscrive a capo maiuscola. a

b

119

1380-1400 Ancora a dì .xxv. d’agosstoa fu preso messer Bernabò de’ Pepogli, lo quale era vegnuto in Bolongna; e fuie menato per zerti trissti. Et anco fu preso Federigho de’ Pavanixi et anche certa glioteda. El dicto messer Bernabò di Pepogli, a dì .xxvii. d’agosstob, sì avé tagliata la tessta in suxo la piazza et achec sì fu tagliada a Federigho di Pavanixi. E chosstui sì fu menado suso al merchado e lì avé taglià la tessta. E fugli ben invistito la morte, perché avea canpado un’altra volta la morte e po tornò per averla. Disse la condanasone che quessto messer Bernabò sì era vengniudo in Bolongna con quessto Federigho et anco venne con altre glotede; e quessta zusstizia sì fe’ tossto, perchè lo conte de Vertù non lo domandasse, perchè era molto suo amigho; e per zerto ne fe’ gran dapno perché parea uno huomo da chovelle. E Dio gli perdoni all’altro mondo. Ancora in lo dicto millesimo sì vene suxo quessto contado con non so che conpangna297; fugli dato da quessto comune 64r

ducati .iiim. Che sse ne andasse in nella male hora che Dio gli dia. Anco mo in lo dicto millesimo a dì .xxx. d’agosstod morì lo prioree, lo quale era stado mettuto in chabbia, e fu sotterrado in luogho de’ fra’ delli Angnoli. Ancora in lo dicto millesimo venne una grandissima infermitàf ai buò; e questa infermità lli venne ai piè e puoghi ne moria. Ancora in lo dicto millesimo, a dì .v. di desenbre, si bandì la pase tra’l marchese et il comune de Bolongna. Disse come loro posseano venire in suso quessto contado sani e salvi e così li homini de lo comune de Bolongna suso el terreno suo, zoè de Ferara, potean andare. Ancora in lo dicto millesimo, a dì .xxiii. di disenbre, venne suso quessto contado messer Zohanne d’Azzo con soa gente e stetteg suso inh questo contado .viii. dì. E po si partino et andò verso la Romangna. .M.iiic.lxxxvii. In lo dicto millesimo andò una grida da parte de’ singnuri Anziani, che i contadini de Bologna si dovessono ridurre alle fortezze colle i loro besstie e strame e massarie e lle loro persone alle fortezze, alla pena del fuogho, sappiando che lla conpangna

BdP: [o]gossto. BdP: [o]gossto. c BdP: aco. d BdP: ogossto. e Cfr. cc 62r-v. f infermità aggiunto sul margine per correggere mortalità cassato. g BdP: sten(n)o. PR cassae e corregge in interlinea. h in cassato. a

b

i

Titulus su o.

120

1380-1400 del conte Luzo si vengnia suso quessto contado; e subbito chavalchòa la nostra zente a Panzano298; e quessto sì fu a dì .xxi. de zenaro. Ancora lo dicto millesimo, a dì .iii. de febraro, venne lo conte Luzo suso quessto contado. E vene a Panzam e lli stette due dì, e llì arse case assai; e poi venne al corpo de Reno e lli stette cinque dì et arse case asai e fe’ onni male; e poi sì andò a Sam Zorzo de Pian299 e lli stenno dì due e feno lo somigliante; et ancho sì andono a Budrio et anche alla torre de Zoanni de Mengholo e, brevemente, feno uno grandissimo danno e in ongni luoghob dove ie funno. E steno forsi dodici dì suso quessto contado e poi andonno verso la Ro 64v mangna. E per zerto in quessti dì noi sì avenno la più chattiva brigada a quessto soldo, ché non feno mai nessuna prodezza. Ancora in lo dicto millesimo, incontanenti che partito fo il conte Luzo, sì gli tenne drieto tuttac la nostra zente et andonno a Chasstello Sam Pedro. E mandozi li Fiorentini .cl. lanze in aiutorio di quessto comune; e poi andò a Furlì la ditta nostra gente. Ancora in lo dicto millesimo, a dì .xxvii. de febraio, venne novella in Bologna che lla conpangna del conte Luzo si era rotta per quessto modo, zò è che messer Philippino dal Vermo300, lo quale era con lui, sì si partì da llui con molti chavagli e andonno al soldo del singnore de Verona; e vezzendo cossì, la brigata nosstra tré fuora de Furlì e ropono quella brigada ch’era romasa con lo conte Luzzo, e vezzendo cossì, quessta brigada sì ssi rexeno in le mani del singnore di Faenza, e fuzì lo conte Luzzo con tre chavalli a Argenta. E per quessta casone sì si fe’ grande fessta in Bolongna. Ancora in lo dicto millesimo sì si cominzò a ffare gli esstimi; e non fu niente, perché non piaque agli uomini; e fo de marzo. Ancora a deto d millesimo, a dì .xviii. d’avrile, sì zi venne a Bologna uno chardinale e dispossò in Sam Pietro, et andogli tucta la cherisia incontra; partissi lo dì seguente et andò verso Romangna. Ancora in lo dco millesimo, a dì .v. de maggio, venne in Bologna Pandolfo de’ Malatessti et avé un bello honore; partissi il dì seguente et andò a Ferrara a disfare uno suo vodo. Ancora in lo dicto millesimo, a dì .xii. de zungnio, vene una frasscha in Bolongna, e disse come ell’era fatta la pase com lo papa de Roma e ‘l comun de Bologna; e per quessta grande allegrezza li singnori sì feno bandire quessta paxe tra messer lo papa e quessto comune e feno comandare che neguno dovesse lavorare né fare lavorare da lì e due dì, e

BdP: chavalò. Segue cholà cassato. c BdP: tucta. d BdP: dicto. PR cassa titulus e corregge deto. a

b

121

1380-1400 che tutte le compangnie si dovesseno venire la mattina al Palasio per aconpangniare li signori chon 65r

la prociessione; e feno dire la messa grande a Sancto Domenicho e l’altro dì a Sam Franciesscho, e chossì si fe’ grande fessta; et anche si fe’ la sera de’ fuochi grandi. E fu vesstito quessto messo che adusse la frasscha, et anco li nosstri singnori si feno bagordarea lib suo donzelli e fono visstiti di zendale biancho e rosso; e per zerto quessta sì fu delle belle allegrezze che mai avessono zà fa lungo tenpo. Ma ella si trovò esser una zanza. Anco lo dicto millesimo sì cominzò una mortaligha in Bologna, over suso lo suo contado, in li buò. E per zerto quessta fu delle mazore fiachole che mai fosse in quessti parti, zò è di besstie: possesi dire che morisse de li tre li duec. Anco lo dicto millesimo a dì .xxviiii. d’agossto sì fu appichadid .ii. in piazza li infrascritti, lo nome de quai sì fun quessti, zò è Guiduzzo de Segurano da Monzon301 e l’altro sì fue Maestro Franciesscho da Furlì; e funo apichadi a suono di campana e funo morti per dispetto, perché z’era giente assai che non voleano che morissono. E quesstoe Ghuiduzzo fu el principio de la desfacion de la parte maltraversa, che si zustamente regean Bologna che devedeno dui misi che li ditti steno destignudi, che non voleam che murisse e meritavan mille forche, ma finalmente li artesani vosem che murissen. E lo ditto Guiduzo sì fu morto perché era stato assassinadore et avea fatto male assai, e l’altro perché era afalsadore di moneda. La zusstizia sì fenno fare i chollezii, e non la volse fare lo podesstà né ‘l chapitanio, per gli amisi ch’egli aveano cotanti. E per zerto egli fue ben invesstido perché gli erono stati f pessimi huomini e zustixiolli Iacomo de’ Fixi, de comandamento de’ confallonieri e massari. In lo dicto millesimo venne novelle in Bolongna che Verona era g corsa a popolo e si chiamonno messer lo conte de Vertù; e quessto sì fu perché ll’era durata tanto quessta guerra che non posseano più durare a quelle fatighe; e llo singniore di Verona si era alorah a Vinesia. Anco mo in lo dicto millesimo sì si rivellò Padova al conte de Vertù e Treviso e tucto zò che tegniam quessti due tirani. Ancho moi in lo dicto millesimo sì fue desschazato de Bologna

-re su rasura, di mano di PR. BdP: elli. PR cassa elli e corregge li. c Cfr. cc 60r, 64r, 67v e 73r. d BdP: appichado. e Segue Ghuiduzzo cassato da PR. f Segue cassato: ma. g BdP: era. PR cassa e corregge in interlinea. h BdP: sì andò. PR cassa corregge. i BdP: anco omo. PR corregge la prima o con h. a

b

122

1380-1400

65v ser Benvengnudo da Ripoli e fu sbandezzatoa; non so che ssi fesse, e fu molto tormentato della persona. .M.iiic.lxxxviii. lo comune de Bolongna e di Firenze sì feno una conpangna. La quale conpangna sì si cominzò in Tosscana, era lo cho messer Zoanne Aghuto e messer Charlo vissconte e erano ben circha .Mille.vc. lanze. Quessto si fece perché ssi cominzava a dubitare del conte de Vertù. Anco mo in lo dicto millesimo vene in Bolongna gli anbasadori de re di Franza e fogli fatto grande honore. Anco mo, di quessti dì, venne in Bologna de più fatta ambassaduri; e quessto sì era per discordie che aveano collob papa e collo conte de Vertù. Anco mo a quessti dì lo comune de Bologna sì feno cominzare uno casstello in Romangna, presso al pontec de Sam Progholo; e quessto chasstello sì si chiama Chastello Bolongnese. Al nome di Dio. Anco mo, in quessti dì, sì ssi chaççò il fuocho in Medisina302, zò è in nello casstello, e fe’ uno grandissimo danno. Anco mo in lo dicto millesimo venne novella in Bologna che llo marchese da Ferrara, lo quale avea nome marchese Nicholò, era morto; di che lo comune de Bologna gli mandòd messer Franciesscho Rampone e messer Bartolomio da Salisedo, amedui famosissimi dotturi de lege, a ridolersi al fratello, lo quale à nome marchese Alberto, della morte sua. Fugli fatto grande honore, honde li cittadini de Ferrara sì feno singnore quessto marchese Alberto, ch’è uno matto. E quessto singnore sì fe’ ancider la marchexana che fu moglieree del fratello, et anco fe’ morire uno suo chusim, perché sse disse che cosstui procazzava d’esser singnore, et anco perché fevano a sapere 66r

a

b

li fatti del marchese al singnore di Padova, ch’era suo nemicho. In lo dicto millesimo messer Francesco Novello e lo conte da Charrara, suo fradello, e lo figliuolo de messer Bernabò, che à nome messer Charlo, sì andonno in la conpangna, la quale si era in Tosschana. La qual conpangna sì era a possta del comune de Bolongna e de Fiorenza; e quessto si fe’ perchè ssi dubitava del conte che vorrave aver a fare inf quesste parti come fe’ de Veronag e de Padova. Che Dio ze ne guardi.

Segue cassato: non.

Titulus sulla prima o.

Segue cassato di sam. d BdP: mandoe. –e erasa. e BdP: mogliera. f BdP: com. PR corregge in, cassando co- con due tratti di penna e mettendo un punto sulla prima asta di m per trasformarla in i. g BdP: [Xoria]. PR cassa e corregge in interlinea. c

123

1380-1400 Quessta compangna si ruppe per se medesemaa, con volentà de tucti quessti comuni a chi possta ella steva, perché fue de concordato perb triegua che ssi fe’ con lo conte de Vertù; e sì ne venne in quessta terra lanze .iic., zò è lo conte da Carrara e Corrà Prospero tedesscho e ‘l conte Corado al soldo de’ Firentinic; e messer Zoanne Aguto e messer Carlo sì sse partì et andonno in Puglia; et anche messer Franzesscho da Charara si partì et andò in Alamangnad a procazzare li suoi fatti. E quessto fo lo cominzamento del duxe de Baviera, che cominzò a trovare modo che llo dicto messer Francesco intrasse in Padova. Anco mo in lo dicto millesimo, a dì .xxii. di marzo, venne in Bologna ambassaduri de Rimine e da Furlì e di tucta la Romangna; e quessto si fu perché anche loro se avedevano di fatti che volea fare lo conte de Vertù. Anco mo in lo dicto millesimo, a dì .xxii. di marzo, sì andò una grida da parte de li singnuri Anziani, che a tucti li fumanti, a li quali piacesse ussiree de fumantaria, sì si dovessono apresentare alli notari delle reformaxone e anche a quelli che a zzò eran deputati, sapiendo che lli seravef fatto a piasere; e quessto sì fu perché lo comun avea bisongno de denari; e quessto sì fu danno del consiglio de li .iiiim.. In lo dicto millesimo, del mese di magio, retornò messer Ruberto da Salisedo et Andrea de’ Bentivogli e Pedruzzo de’ Bianchi e anche zerti huomini, i quali sì erano confinati de Bologna; e quessto sì fu perché alchuni de cosstoro presstonno denari a quessto comune. 66v Ancog mo in lo dicto millesimo, a dì .xvii., de settenbre venne in Bolongna la donna303 d’Asstore de’ Manfredi a disfare uno suo vodo ch’ella avea fatta a Santa Maria dal Monte; e desposò in chasa de Lippo de’ Ghiselieri; e fugle fatto un bello honore da quessto comune. Anco mo in lo dicto millesimo, del mese di settenbre, venne in Bologna messer Guelfo de’ Pugliesi da Prato per podesstà de Bologna e chapitano; stette uno anno per podesstà. E chosstui si partì senza neguno assendigado. A quessti dì li Sanesi sì voleano dare Siena al conte de Vertù; e quessto sì era per la pessima vicinanzia che senpre ie anno fatto li Fiorentinih; e per quessto sì si cominzò la guerra fra loro. Anco mo in lo dicto millesimo sì fu tagliata la tessta a ser Beldo da Ronchastaldi, perché si disse ch’ello avea facto a ssaper più e più scripte a messer Zoanne304, quando vene suso quessto contado; e per zerto ne fu grande dire. Anco mo in lo dicto millesimo, a dì .iiiio. d’ottobre, e fu lo dì de Sancto Petronio, che li regimenti fen rinovare tucti li gonfaloni e funo fatti tucti a l’arma del comune de Bologna. Et a quessto dì sì feno fare uno gonfalone a l’arma del re di Franza; e a questo dì medesimo

BdP: ruppeno da lloro. PR cassa -no da lloro e corregge in interlinea. BdP: de. c -ini su rasura, di mano di PR. d BdP: in la Mangna. e BdP: essere. f BdP: sarave. g PR corregge: anche. h Segue cassato: v[e]n(n)e. a

b

124

1380-1400 sì ssi publichòlia come nui si erano amizi del re de Franza; et anco, a quessti dì, si venne li ambassaduri che andono al dicto re de Franza. Non so che novelle s’adusseno. Anco mo, a quessti dì, sì fu preso messer Guasparo de’ Chaldarini. E quessto si fo perché lo dicto sì ssi acattò in difetto, zò è ch’ello sì avea scripto più lettere al papa de Roma, che tornava in danno de quessto comune; e fu condannato in .iic. ducati d’oro. Se non fosse li buoni amisi avea male chavalchato; e in spitialità miser Francesco b Rampon, che era possente in Bologna e molto sostenne lo ditto miser Guasparo, perché era famoso dottore de decretale. In lo dicto millesimo venne novella in Bologna ch’el singnore di Verona era morto. Credesi che llo conte de Vertù gli avesse colpa a farlo morire. 67r

Anco mo messer Guelfo305 podestà di Bolongna, in lo dicto millesimo, a tuttic i missi di Bologna comandò che dovesseno portare tu[c]ti le berrette in cho bianche con una crose in susod; e cossì fenno. Anco mo, in lo dicto millesimo, sì fe’ fare lo comune de Bolognae una champana suso la torre degli Asinelli; e quessta canpanaf si chiamava la canpana dal fuocho. E suona quessta campana quando nessuno fuocho è in nessuno luogho, et anco suona ongni sera doppo lo terzo suomg e fo del mese de desenbre. Anco mo in lo dicto millesimo sì fu confinato messer Antonioh de’ Battugliuzi. Quello ch’el fe’ nol so. Anchei mo in lo dicto millesimo, a dì .xxiii. de desenbre, sì funo attanagliati .iii.: e sì erano mangniani che vanno per lo contado, e l’altro sì fu uno lo quale era alla provisone de Singnori. E sì funo menadi quasi per tutta quessta terra e poi funo menati suso al merchato e llì funo piantati colloj capo de sotto e poi funo appichadi suso uno par de forche, le quali erano confichate in su uno carro; e poi funo menadi alle turi dalla Samuoza306, chollà dove ie feno il furto. Disse la condanasone ch’ellik aveano rubbati tre merchatanti dalla Mangna, li quali sì erano vegnudi in Bologna per seta, et andavonsene in suo contrade. E per zerto quessta fu una delle grandi zusstisie che fosse lungo tenpo in quessta terra; e fuglie bene invesstido, perché troppo strasio non si potrebbe fare d’uno assassinadore. .M.iiic.lxxxviiii. In lo dicto millesimo sì chadde la torre, la quale era presso all’Albergo della

BdP: publichol come li. –l come cassato. Segue cassato dallo stesso PR: Ra(m)pone che. c BdP: tucti. d Segue cassato: e longho. e BdP: bonlogna. Correzione dell’editore. f Segue ripetuto e cassato: (et) quessta campana. g BdP: suomo. h BdP: Antono. PR cassa e corregge nel margine. i BdP: anco. a

b

j

Titulus sulla prima o.

k

BdP: ch(e)llino, –no cassato.

125

1380-1400 Luna, apresso alla piazza de Santo Stevano. E per zerto si possé dire che qui si mettesse la sua man Cristo benedicto e li suoi santi, ché qui non morì persona nessuna, 67v se non che fe’ danno de due case ch’erano lì di rinpetto; e quessto sì fue suso la mezza terza. Et a quessti dì sì ssi cominzò lo palasio de Zordin dai Cospi, ch’era lì rinpetto; è vero che lla dicta torre confina con lui. In lo dicto millesimo, a dì .xxx. de zenaio, lo podesstà sì ffe’ tagliare la tessta a due femine; e quessto si fue perché amindue aveano involate, e bem se non fosse perché le chazono lo fuocho in nella persona, elle sarebbono canpate. Dio gli perduni. In lo dicto millesimo, a dì .v. de febraio, li nosstri singnori sì mandonno una grida che non se osasse apigliare huomo nessuno, zò è contadino, da llì e cinque angni proxime che deno vengnire; e quessto sì fu perché lli dicti si erano sì agravati, che tucto il dì se ne andavano fuora del nostro contado. E questo sì fu assai ben. In lo dicto millesimo, del mese de febbraio, sì andonno ambasssadori al conte de Vertù; e quessto sì era per discordia che aveano con lui. Lo nome de quai si funo quessti: messer Franciesscho Ramponi e messer Zoanne Fantuzzi; e pogho feno, ché trissta rispossta fu loro facta. In lo dicto millesimo si cominzò una mortalighà in Bologna; e quessta mortalità cominzò del mese de marzo e durò circha a .x. mesi et asai zente sì cci morì, secondo che ssi disse; e morì tra in l[o] contado et in Bologna de li cinque li tri. Dio li perduni a chi passa de quessta vita. In lo dicto millesimo, a dì .xxxi. de marzo, sì venne in Bologna uno chapitano per capitano della montangna. Cosstui sì era nevode de messer Guelfo, ch’era per podesstà de Bolongna. Anco mo in lo dicto millesimo venne in Bolongna Asstore de’ Manfredi da Faenza e desposò in Santo Domenigho; e partissi lo secondo dì e andò al conte de Vertùa. […] 68r

[…] bSteno collec bandiere ferme in fino alla segonda hora di notte e poi si traseno con le sue bandiere d apresso al boscho. E fugli mandato a dire alli dicti nemisi che noi gli aspettavamo; etiamdio gli fu dicto in la scha[i]ramuziae, in l’ora del desinare, che lo canpo nosstro ie fevaf grande avantazzo, ma per altra chason nui rimangniam in pericholo, ché egli ze volean in lo dicto serraglio delle vagle affamare e rechioder. Lo sequente dì, in lo nassere del dì e del sole, el chapitaneo nostro fe’ levare il campo; e quando fue levato, le

a Nel margine inferiore parole di richiamo per il fascicolo seguente mancante: ancora in lo dicto millesimo (segue a dì cassato) a dì 8 d’avrile. La lacuna corrisponde alle cc 357v-377v della cronaca Rampona. b Dalla cronaca Rampona sappiamo che questa si è una copia d’una lettera che venne dal campo della ligha, ch’era in Lombardia, che fu aducta alla signoria.

c

Titulus su o.

Segue in cassato da PR. BdP: scha[e]ramuzia, con segno abbreviativo in eccesso. f BdP: sì avè PR cassa e corregge. d e

126

1380-1400 nimisi cholle sue bandiere ci seguino e sperando di noi aver sua intenzione a due passi della ditta valle, per la quale ze convennea passare, al primo passo corseno in lo risquardo, lo quale governava lo conte Corrado, lo quale misea da zaschun passo arcieri e balesstrieri in quantitade, e ochulti gli le misi; e quando li dicti churriduri funo in lo passo bene entrati, quattro cento balesstrieri lanorono e più de dugento chavalli ferirono e etiamdio più homini; e cossì passonno el primo passo. Al segondo passo etiamdio seguino lo risguardo, ma non cosìb come al primo, e non posseno aver niente; de che alchuno de quelli huomini d’armec disseno a risguardo nostro: “O huomini d’arme, andave con Dio, ché per zerto, per quello che avemo vegudo, voi siete la gente ch’è lo fiore de Ytalia”. Lo dicto dì noi chavalchomo d fino a Rodiata307, lo quale è dentro lo fiume de Oglio. Lo quale dì femo miglia .xxiiiio. e quandoe al passo de Rodiata fono arivati, el conparì .vic. chavagli delli nemisi suso la campangna, contra ie quali el chapitano fe’ volger le bandiere e, volte ch’elle funo, li funo rotti incontanente e infughati fino a uno chasstello lì apresso; e lì morto fu Charm[a]gnola e Ghuiglelmo da Posterla, i quali erano delli nimisi. E così stando presso al passo, conparì 68v messer Iacomo dal Vermo e messer Ugolto Bianchardo con l’avanzo della sua zente d’arme, salvo li peduni, i qualif non posseno tanto chaminare e, brevemente, pasonono a lloro dispettog, salvo che delle vache e bestiame nostro, lo quale a hora debita non posseh aplichare al passo; e così passono quello fiume de Oglio, del quale li nimisi molto ne rimaseno scornadi, in perzò che penssavano aver noi in grembo; e diseano in le scharamuze che la volpe serrada era in nella tana. E lo dì de merchore, che fu a dì .xv. del dicto mesei, partimozi da Rodiata e veneno alla villa de Chalcinara308, del terreno de Bressa; e femo il ditto dì miglia .xxxii.. E lo dì sessto de luio ci partimo de Chalcinara e passono la fossa da Monte Chiaro 309 e ‘l fiume de Monzo 310 , el quale è al presente grosso, sì che ciaschun chavallo nodò senza aver nessuno impazzo da lli nemisi. Doppo lo dì sovradicto, de domenigha, crezendo de pigliare battaglia, funo fatti più chavaglieri, in numero de vinti, con grande letizia; e li sopradicti dui dì e doe notte, i quali noi stemo contra li nimici, noi stemo de dì al sole e de notte all’aire, e sempre armati a schiere fatte, e sostenemo de grandi disasii de vittuaria, zò è de pane e de vino, e non ne intrò mai niente in nostro chorpoj. Scritta in Puzello Mantovano311 a dì .vi. de lugliok. Li nomi de’ chavaglieri che ssì feno son questi: Franciesscho e Esstore de’ Vesschonti Conte Ugo, Filiber, messer Febus dalla Torre; cosstui non portava se no uno sperone d’oro.

BdP: misele. -le cassato da PR. Segue cassato: da saneguis. c Segue cassato: et tironiano. d BdP: con qualchuno. PR cassa e corregge in interlinea. e Segue cassato: e. f Segue cassato: in quelo dì. g BdP: fare posseno. PR cassa corregge dispetto. h BdP: posseno. i Giugno. j Segue cassato: entrò. k Del 1391. a

b

127

1380-1400 Ugho de’ Ghuazzaloti, Corrà Prospero conte de Bolfumin, Ferzelim tedesscho, Dunino taliano, Rappe tedescho, Beringera inghilese, conte Michatinio […]b 69r

[…] e altra fesstac non si fe’ in Bolongna, se non che messer Predeparti dalla Mirandola, lo quale era in preson, sì fu chavato de prison. Anche li regimenti de Bolongnia sì feno tornare cierti cittadini de Bologna in Bolongna, li quali erano confinati; e lo nome de quai sì è quessti: Andrea di Tomari, Cholo Garsendim, Piedro Nichola, Mathio Mangnan, Zoanne dalla Chalzina. Ma da lìd e poghi dì fu mandato a dire a Andrea di Tomari, a Mathio Mangnan e a Zoanne dalla Chalzina che dovessen tornare alle confine sue ch’egli aveano inanzi, perché zerta zente non era contenta che fosseno tornadi. A quessti dì sì fo chavato gli esstimi fuora, zò è a uno dinaro per lira, per dui mesi; e quessti si erano esstimi nuovi che s’erano conzati; e fu a dì xiiii. de marzo. Anche e mo, a dì .xxi. de marzo, venne in Bolongnia messer Franzesscho singnore de Mantova312 e disposò in veschovado; e fugli fatto grande honore. Partissi lo terzo dì et andò a Roma. A dì .iiiio. d’avrile tornò in Bolongnaf Franzesscho Parise confinado. In lo dicto millesimo a .xi. d’aprile, lo Giuovidì Santo, se bandì in Bologna la lighag tra ‘l comune de Bologna et el comune de Firenza e lo singniore de Padova e lo marchese da Ferrara e lo singnore de Ymola e lo singnore de Faenza e lo singnore de Ravenna. E quessta sì fu una buona novella, che llo marchese da Ferrara entrasse in ligha con quessta ligha. In lo dicto millesimo, del mese de maggio, fu novità in Lucha, ché, seghondo che ssi dise, gli morì huomini assai. A quessti dì, del mese de maggio, andò il conte Zoanne

69v da Barbiano a Barbiam, e llì cominzò a fare una compangnia e tregle delle lanze mille; et andoglie lo conte da Charrara et andonno in Puglia; e po vennono in Toschana. In lo dicto millesimo, a dì .xxvii. de maggio, sì foe tagliata in piazza la tessta a Polo de Michelin et a Maxim Zenela, li quali erano zittadini di Bolongna. Lo fallo che eglih aveano fatto Dio lo sa. In lo dicto millesimo, a dì .xxvii. de zungnio, venne in Bologna messer Francesco singnore de Mantova, che vengnia da Roma; e si possò in vesschovado. Segue cassato: tedescho. Segue una breve lacuna corrispondente alla c 379r-v della cronaca Rampona. c Il riferimento è ai festeggiamenti per la pace della lega, costituita da Bologna, Firenze e Padova, con il conte di Virtù e il signore di Mantova. d BdP: mandali, con n cassata. e BdP: anco. f Segue ripetuto e cassato: tornò in Bolon(gna). g Segue cassato: et in Bolo(gna). h BdP: eglino. PR corregge cassando –no. a

b

128

1380-1400 Anco mo venne in Bolongna, a dì .xxviii. de zungnio, lo marchese Alberto da Fferrara e disposò a Sam Domenigho. Avé grande honore. Anche mo, a dì ultimo de zungnio, vene in Bolongna Asstore de’ Manfredi da Faenza e disposò ina Sam Procholo; et avé grande honore. Quessti tre singnori andono a desinare con li singori e llì feno lo parlamento. De quello che ssi dissen non so, se non che cosstoro stenno in Bolongnia in fino a dì .ii. de luglio e aveno uno grandissimo honore; e partinse a dì .ii. de luglio e andononse zasschuno in nelle terre sue. In lo dicto millesimo, a dì .xvi. de luglio, si bandì in Bologna la ligha de Pisa e de Lucha, che aveano fatto con la ligha di Bolongnia e di Fiorenza. A dì .iii. d’agossto, e fu in sabbato, alle .xxii. hore, venne in Bolongna una fatia de vento e poi schurò tutta b l’aire, e c schuroe sì forte che non si vedea l’uno l’altro; e poi venne gramgnuole sì grosse che fue estimato che pesava l’una due libre; e per zerto, per li dì nosstri, non me ricordo una cossì fatta chosa, che parea che volesse finire il mondo. 70r

A dì .xxi. d’agossto fu fatto vesschovo de Bolongna l’abate che era de Sam Feliced313, lo quale avé nome Bartholomio di Raimundi da Bologna e ficci in sua vita voltare tutta la Chiexia chatredale e fe’ fare la sacristia e lo porticho a volte denanti Sam Piero, zoè davanti la cha deli Riostie e misessi a fave in consiglio zenerale, e chossì se vinse; ma non entrò in vesscovado incontinenti, perché aspettavasse f che lo papa Bonifazio glelo concedesseg, e cossì gli fu conzesso. In lo dicto millesimo, a dì ultimo d’agossto, e fu in sabato, che sonò tucte le champane de Bolongnia per lettere che erano venute da gl’ambassadori314 ch’erano andati al papa de Roma; e disseno chome egli singnificava a quessto comune e come ongni gratia, la quale eglih aveano domandato al santo padre, che ello gli l’avea conzessa; sì che per quessto si fe’ grande fessta e tenesi serrato .iii. dì, e feciesi la prociessione e fesse bagurdure e grande fesste. In lo dicto millesimo, a dì .viii. di settembre, si bandì la ligha tra ‘l singnore de Mantova e de Siena. i In lo dicto millesimo, a dì .iiii. d’ottobre, fue edificato una chapella a Sam Petronio, rimpetto allo Spodale della Morte, alla quarta chapella, e llì si disse messa lo dì de Sam Petronio; e disela l’abbà de Sam Felixe 315 , che novamente era sta eletto vesschovo de Bolongna. E quessta sì è la prima messa che mai si cominzò a dire in Sam Petronio. Al nome

Segue ripetuto e cassato: in. BdP: tucta. c BdP: che ssi. PR cassa e corregge. d Segue nell’interlinea e nel margine dx, di mano di PR e da lui stesso cassato: fini episcopus Bertolomeus de Raymondis de Bononia qui fec(it) fieri vol[tas] in ecclesia chaterdali sub porticu dicte ecclesie qui fuit optimus dominus predicta ecclesia. e PR riscrive questa nota, in sostituzione della precedente cassata, nel margine sx, con segno di richiamo che indica l’inserimento in questo punto. f BdP: non entrò in vesscovado mo, se non che perché mo aspettavasse. PR cassa: mo se non che … mo e corregge: non entrò in vesscovado incontinenti, perché aspettavasse. g Segue cassato: quessto che aveano fatto. h BdP: eglino. PR corregge egli, cassando –no. i Manicula nel margine sx. a

b

129

1380-1400 de Dio e de gram buona ventura. In lo dicto millesimo, a dì .xxiii. d’ottovre, vennea in Bologna novelle come messer Piedro Ghambachurta era stato morto. Cosstui si era stato grande amicho de Fiorenza. Mosstra che ser Iachomo d’Appiano, ch’era uno de’ Conservadori de Pisa, avesse cholpa a farlo morire, e mosstra che gli Luchesi avesseno cho in quessto fatto, 70v che mosstra che messer Piedro era sstato Conservadore d’una novità ch’era stato poghi dì in Lucha e, brevemente, a quessti dì gram cosse fun in Pisa, che mosstra che entrasse in Pisa più de mille fanti delle parti de Lucha, a possta de quessto serb Iacomo d’Appiano, e qui fu de grande defese e gram fatti, ma pure non possé tanto, ché fue tagliato in pezzi, e chosì cierti suoi amisi, e fue una mala novella per li Fiorentini e per la ligha. E cossì romase conservadore della terra lo dicto ser Iachomo. A quessti dì andò da Bologna e da Fiorenza e da Ferrara ambassadori al conte de Vertù; e andovi de Bologna messer Zohanne de’ Lapi e messer Piedro de’ Bianchi. A dì .xi. de novembre se bandì la ligha de Ymolac con tucta la liga, per .x. anni. A dì .xxvii. de novenbre venne in Bologna messer **** da Zara316 per podesstà de Bolongna. Al nome de Dio. A dì .viiii. de novembre sì venne in Bologna messer Zoanne da Chanedolo, Musotto Malvezo e Baxotto da Arzele, che erano iti per anbassadori al papa de Roma. A dì .xxiii. de novembre tornò anche messer Ugolim de’ Schapi da Roma. .M.iiic.lxxxxii. A dì .xxv. de novenbre, al nome de Dio e della sua Madre e de tutti li santi del cielo. Qui di sotto farò memoria come a dì dicto de sopra sì ssi lesse li brivileggii ch’erano stati adutti per li ambassadori che erano andati al papa de Roma, zò è papa Bonifatio; e cossì sonò le canpane de Bologna e di tutte le chiese, e fo letto le gratie che zzi concesse lo dicto Santo Padre; e sì sono quesste, zò è ch’ello ced concedea 71r

lo giubileo al comun de Bolongna e cossìe alli contadini, zò è de tuttof lo terreno che tiene quessto comune, ma el dicto Nostro Padre volea che quessto giubileo cominzasse a Nadale prossimo che viene et duri in fino a Pasqua Maore che verrà. Elg modi che vuole che si tengha sieno quessti, cioè, che el vuole ch’el vesscovo de Bolongna sì elega .xxti. confessori che abbiano a confessare et a dare le penetenzie; et anco vuòle che zasscheduno che vole quessto giubileo si debbia ire a visitare .viiii. chiesie, zoè: Sam Pietro Maore, Sam Sismondo, Sancto Iacomo de fra’ Romitani, Sancto Stefano, Sancto Domenicho, Sancto Procholo, Sancta Maria in Monte, Sancto Petronio, zoè la chiesia nuovamente fatta, e Sancto Franciesscho. E cossì vuole che anco zasschuno che vuole quessto giubileo, che quello che una persona arave speso ad andare a Roma a stare otto dì e tornare, vuole che della metà se

Segue cassato: in in eccesso. Segue cassato: ia. c Segue cassato: tessti. d BdP: si. PR cassa e corregge nell’interlinea. e Segue cassato: alli co(n). f BdP: tucto. g BdP: e le. PR cassa -e correggendo el. a

b

130

1380-1400 ne metta suso l’altaro de Sam Petronio, e di quessti denaria fare lavorare la dicta chiesia e comperare libri e paramenti che bisongnasse alla dicta chiesia. Ancora sì conzede lo dicto papa che zasschuna persona, la quale vegnirà a visitare la fessta de Sam Petronio, sì abbia quella perdonanza che è a l’Assensione a Vinesia, e cossì la perdonanza che è a Sam Franciesscho d’Asise, che è di colpa e de pena; e quessto sie per in perpetua. Ancora sì conciede lo sstudio alla città de Bologna. Ancora sì conciede a ciaschuna persona che vole studiare a Bologna e che avesse alcuno benefizio possa stare a studiare et aver le rendite de quello benefizio ch’egli avesse. Ancora si concede lo brevileggio del Theodoxio imperadore317. 71v Ancora sì asolve quessto comune de tuttib le ciensi che doveano dare alla Chiesia de Roma da qui indreo, e cossì d’ongni condanasone in che noi fossimo stati, che erano una gramdissima quantità di denari. Anchec sì asolve quessto comune per lo censo che gli dovea dare per .iii. anni, ma che da .iii. anni in suso vuole che noi siamo tenuti a dargli ongni anno duchati cinque milia. Anched mo sì conzede tucto lo contà de Ymola. Anchee mo sì conzede Zento e la Pieve e Medisina, e anche altri fatti. Ma quesste cose funo delle grandi buone novelle che avesse Bolongna zà fu lungho tenpo; e per quessta chasone si fe’ grandi fuochi e gram fesste in Bolongna; e tenesi serrato tre dì e fessi la prociesone. A dì ultimo de novembre entrò maesstro Chasstelam de’ Zambechari in la Badia de Sam Felixe. Al nome de Dio. A dì ultimo de novenbre tornono gl’ambassadori che erano andati al conte de Vertùf. A dì primo de desembre entrò lo vesscovo de Bologna in vesscovado, lo quale era innanzi abate di Sam Felixe; e vene per stra Sam Stevano et andogli in contra li collegii e tutte le conpagnieg dell’arte; e fugli fatto un grande honore. Al nome de Dio e de buona ventura. Possto de za più chiaro318. Al nome di Dio amen. Infrascripto e sumariamente è l’efetto delle gratie fatte per lo santissimo in Cristo Padre e Singnore nostro messer Bonifatio papa nono al comun de Bolong[ni]a in nel 72r

.M.iiic.lxxxxii. a dì .xxviii. del mese d’ottobre per le bolle del ditto papa. Prima à conzesso a li singnori Anziani e ghonfaloniero de iusstizia del popolo de Bolongnia, che éno e cheh a tenpo seranno, il vichariado della città de Bolongna e del suo contado e disstretto e dello contà de Ymola e dello chasstello e destretto della Massa de’ Lombardi e de tutte le chasstelle e luoghi e terre predicti e università et abitaturi de quelli,

Segue ripetuto e cassato: et di quessti denari. BdP: tucti. c BdP: anco. d BdP: anco. e BdP: anco. f Cfr. c 70v. g BdP: conpage con titulus soprascritto. PR cassa la e soprascritta e scrive la parte abbreviata per esteso. h Segue cassato: per. a

b

131

1380-1400 con mero e mixto inperio com onimodaa iurisditione, per tenpo e termine de .xxv. anni per cienssob de cinque milia fiorini d’oro l’ano, che ssi den paghare in la fessta de Sam Pietro e Sam Polo319 del mese di zungno, o doppo per uno mese. Item àc unido e agregado al contà de Bolongna le terre de Ciento e della Pieve e de Fontana de Ghanzanicho e de Medexina. Item à rimesso al comune de Bolongna tutto il cienso del tenpo passato e quello de .iii. anni per lo tenpo che de’ venired. Item à fatto asolvison zenerale e spetiale d’ongni cosa commessa et obmessa spiritualemete e tenporalemente e da processi, interditti, machule, irigularitade et altre pene dalla participatione de scismatici et onne altre adaerentia non licita. Item àe asolto d’ongni cosa che fosse sta recevuta de li beni del vesscovado di Bolongnia e di denari et altre cose abute da li cherisi. Item à confermato statuti e riformasoni del comune de Bolongnia che non siano contra la eclesiasticha libertà. Item à aproado tucte e ciasschune cose fatte per lo populo e comune de Bologna li singnori Anziani et altri ofiziali del dicto comune e per li rettori dello Studio e per l’artisiani de Bolongna e per li vicharii del capitolo, per lo tempo ch’è vachado lo vescovado320; e li atti et 72v carte e scritture fatte per li notari bolongnesi non obsstante sentenzie de scomunichazione et onne altra cosa in contrario. Item à conformato le bolle e brevilegii consessi al comune de Bolongna, e spezialmente il brevilegio del papa Innocenzio sesto, che contiene la concessione dello studio generale, in raxonee e de sachra pagina, in perpetuo, et eziamdio la bolla overo brevilegio del Theodosio imperadore. Item à rimesso alla cherisia de Bolongnia ongni debito in che fosse tenuto a messer lo papa et alla Chiesia in fine al presente dì. Item che lli scolari, qamtunque f benefitiadi e per qualuncha modo studiando a Bolongna, ricevino le rendite et i frutti de’ suoi benefizii, non obstante loro absentia dai ditti benefizii; e chomette le executioni de questo a messer lo vesscovo de Bolongna. Item à conzesso che tucti i cherisi, ai quali è proibito de studiare in leggie et in medizina, possino studiare in Bolongna in le dicte facultade. Item à confermado la conciessione fatta al comune di Bolongna per l’abate di Sancta Maria in Gosmedin de terreni della Massa321. Al nome di Dio, amen. Quessto è l’effetto delle bolle del Iubileo, della indulgenzia e perdonanza concessa ai Bolongnesi per lo santissimo in Cristo Padre e Singnore messer Bonifatio papa nono, sotto li anni del .Mo.iiic.lxxxxii., inditione .xv., a dì .xxviiiio. del mese d’ottobre, zò è: che zaschuno de .xx. previdi, sechulari o regulari, che seranno deputati per messer lo BdP: com da. BdP: conciesso. PR cassa con- e soprascrive titulus ad e, correggendo ciensso. c Segue cassato: a in eccesso. d PR su rasura. e in raxone aggiunto in interlinea. f qam corretto su qum. a

b

132

1380-1400 vesscovo de Bologna, possa, per autoritade del dicto papa, conzedere pienissimamente perdonanza di tucti li suoi pechati a ciascuna persona della città e diocese de Bolongna e del distretto, terre e luoghi che per lo comune de Bolongnia se tenono e reggieno e governano; e che domanderà quessto humilemente e con vera confessione et penetenzia de suoi pechati. […]a 73r

[…]b per la fessta della Natività del Nostro Singniore e la Circumcisione e la Epiphaniac, la Resuresione del Corpo di Cristo e la Passqua Rosata e la Natevitade della Vergine Maria et tutted le fesste della dicta Vergine Maria, la natevità de Sam Zoanne Batissta e la fessta de Sam Petro e San Polo aposstoli e la fessta de Sam Petronio e la fessta d’Ongnia Santi e l’ottave di tuttee quesste fesste, in le quale fesste, chi zirà alla dicta chiesia, sì averà, per ciaschuna volta, sette anni e sette quarantine de perdonanza; le quali perdonanze conzesse papa Bonifaziof nono. A dì .x. d’aprile venne in Bolongna Pino degli Ordilaffi singniore de Forlì e desposò a Sam Domenigho e partisi lo secondo dì; e fugli fatto grande honore. A dì primo de maggio sì vene in Bolongna messer Filippo degli Aldimari da Fiorenza per podesstà e chapitano de Bolongna. Al nome de Dio. A quessti dì messer Corrado Prospero tedesscho, lo quale era a quessti dì al soldo de Bolongna si partì et andò in Romangnia, e llì creò una compangna de forsi seciento chavagli. A quessti dì si era suso il contado de Bolongnia una mortalegha de buoi et altre besstie che durò uno annog. A dì .xxii. di maggio venne in Bolongna Charlo de’ Malatessti singnore de Rimino, e desposò a Sam Domenicho e partissi lo quinto dì; e fugli fatto grande honore. A quessti dì lo conte de Vertù sì feva un ponte tra quello de Mantova e lui, unde, per quessta chasone, grande ambassarie della ligha andon al conteh. A dì .xxx. de maggio se bandì in Bolongnia come elli era fatto paxe tra lli Perusini e lo comune de Firenza e ‘l comune di Bologna. E quessto fu perché a quessti dì intrò in Perosa gli ositi de Perosa con aiutorio de’ Fiorentini, ché quelli ch’erano drento erano racomandati al conte de Vertù e voleano male a

73v tutta la ligha. Lo papa, che v’era drento, si partì, ché gliene serave avanzato. A dì .xvii. de giungno venne in Bolongnia messer Francesco singniore de Mantova e desposò im Sam Domenicho; partisi lo terzo dì et andò a Firenze. A dì detto lo comun de Bolongna sì mandò a donare al papa Bonifazio uno chavallo molto bello e richo; gosstò più de .vc. ducati. Andoglie Pellegrino de’ Zambechari. A dì .v. de luglio sì fu in Bologna terramuoti molti grandi; e non fu altro, se non che lle persone avenno grande paura. Lacuna corrispondente alle cc 383v-385r della cronaca Rampona. Segue l’elenco delle festività durante le quali, chi si recherà alla chiesa di San Petronio, otterrà il perdono dei peccati. c BdP: Phania. d BdP: tucte. e BdP: tucte. f Segue cassato: papa. g Cfr. c 65r. h BdP: gli andò al conte della ligha. PR cassa andò al conte e aggiunge in fine andon al conte. a

b

133

1380-1400 A quessti dì sì fu la mazzore fiachola de varoli, ché non rimase fantisino in Bolongna et in suso il contà che non n’avesse; et anche huomini che aveano .xxx. anni che n’aveno; et assai ne moria e non troppo. A dì .xviii. de luglio, e fu in vengnieri, venne in Bologna e in contado tamanta fatia d’aqua con vento che non rimase quasi noxe grande, et albori grandi, che non deschavasse. Le persone aveno tamanta la paura che gram tenpo non l’aveno tamanta; et anche deschavò case et anzise un fantesin che fu portato in alto. A quessti dì li Malatessti guerreççavano con quelli da Furlì e Orbim322; e fu grande guerra. E se non fosse che gli fue ameççaduri, era per esser maore, ma li singnori de Forlì e quello d’Orbin ne steno piezzo, ché, uno trato, lo terzo de’ zittadini funo presi e tucti funo deserti. Li singnori de Furlì stevano bene et andossen a schaveççare lo chollo e chattono barbiero da suo naso. A dì .xxx. de luglio, in merchori, si morì lo marchese Alberto, singnore de Ferrara e de Modena, unde, per quella casone, a dì .ii. de mazo, sì chavalchò tucta la gente de Bolongnia et andonno a Ferrara et a Modena per socorso, ché dubitavan de covelle. Et andoglie de Bolongna a ridolersi della morte sua messer Charlo de’ Zanbechari, Salvetto dalle Paliotte e romase per [...] 74r

[...] a non morisse persona se non uno Franzesschin strazaruolo masaro di sotto di Strazzaruoli che volea fare ricolta d’uomini e volere fare lo contrario de quello che volea cosstoro. Fu trovato dalle volte de Garesendi e lì volse fare sua defesa. Elli fu morto et altra persona non morì. Dio dia gratia a chosstoro de fare e de tegnire modo che quessta terra stagha in pase; e Dio lo fazza, amen. Infrascritte sono antichità de Bolongnia che ò redutte qui io fra’ Bartolomio della Pulglola dell’ordine de fra’ Minuri tratte delle scritture de ser Iacomo de’ Bianchetti che fu veridicho e notevile cittadino et anco d’altri notevili huomini a complacentia di Leonardo da Villolab mio benivolo et honorevele cittadino.c .M.iiic.lxxxxiiii. in quessto millesimo, del mese de settembre, si levò romore in sulla piazza di Bolongna, quando si dovea fare lo correttore della Conpangnia de’ Nodari e allora la setta de messer Carlo de’ Zambechari con suoi seguaci funno dispossti perd la setta de messer Franciesscho de’ Ramponi e de Nani Gozzadino con loro seguaci. E del mese de novembre che seguì fon cassi degli ofizii e degli honori molti huomini, e messer Ugolino de’ Schapi dottore de leggie et Zoanne de Iacomo de Oretto funno confinati, e multi altri privati de consiglio et ofizii, tra quali fun quessti, si gli privati de officio:

Lacuna corrispondente alle cc 386r-390r della cronaca Rampona. Nella cronaca Rampona questo nome è eraso e sostituito da: Ridolfo fiolo di Filippo Ramponi honorevole cittadino di Bologna. c Segue a capo di mano di PR e cassato: questa parte pocho sopra è tutta recitata. PR allude alla parte mancante in cui si narra il ribaltamento di governo di cui fu artefice, fra gli altri, Francesco Ramponi. I paragrafi seguenti delle cc 74r-v, escluso quello riguardante la morte di John Hawkwood, sono cassati con due tratti di penna incrociati sull’intero testo. È possibile che sia stato PR ad eliminarli, dopo aver tentato un loro rimaneggiamento, o forse ne è stato responsabile il nipote, che, in base alle indicazioni dello zio, ha rielaborato i fatti con ben altro spirito (cfr. BUB 431 cc 386v-390r). La narrazione di Ludovico Ramponi è, infatti, più estesa e densa di particolari rispetto a quella di BdP e posta prima della dichiarazione di autorità di quest’ultimo. Nel dubbio, per facilitare la lettura, ho conservato il testo di BdP descrivendo le modifiche di PR. d Segue ripetuto: per. a

b

134

1380-1400 messer Charlo de’ Zambechari dottore di leggie, Iacomo de’ Grifoni nodaro, Nicolò de’ Zambechari chambiadore, Oppizo de’ Lazari notaro, Liazzaro de Liazzari, Grizzolo de’ Mangnom, Guido di Manzolino nodaro, Zoanne di Desiderii cum multi altri e per certo ie fo ben [….], per chaxon de la grande [molti]tud[e]ne che uxò li dicti [....]sti contra miser Francescho [Ram]pon e la sua parte che, de l’anno in anti, erano stati restituiti e confederati cum lo ditto miser Francescho Rampone; che ben dise lo ditto del savio, che de lo nimicho conziliato non fidare maia. E per quessta novitade la parte Maltraversa s’allegrò molto e levò capo, perché vide devisione 74v in nella sua contaria parte e seppeno sì fare quelli in lo poppulo che nelli casati non lie rimase aveno a fare in Bolongna; per la qual chasone, vide messer Charlo de’ Zambechari collib suoi chazzadi che quessta divisione era ruina di tucti loro e relevatione della parte de’ Matraversi. Si strinseno insieme e a dì .xxiii. di disembre di quello anno gli amisi con quelli che possono, a due hore di nocte corsono alla piazza armadi, videlicet: Zambechari, Ghisilieri, Guidotti, Gozzadini, Ramponi, Oretti, Grifoni, Liazari, Mezzovillani, Bentivogli, Malviciei, Papazzoni, Tarelli, Hostixiam, da Manzolino, Bianchi, Preti, da Vezano, quî del prete da Chanedelo, Oxelletti, quî d’Arzille, gl’Osberti, Fantuzzi, da Villanova, da San Zorzo e da Argellada et molte altre famigle cogli amisi suoi; e sì mandollo pella cassa in nella quale era gli ofizii e sì lla ronpeno e feno nove anziani nuovi di quelli ch’erano li armadi e mandonoli in palaxio contra il voler di quelli ch’erano lì im prima e che rizevano. Et continuamente sonava la canpana del popolo e tucti gridavano che lli confinati tornasseno, zò è messer Ugholino di Schapi, Zoanne di Iachomo d’Oretto; e così tornonno. E la mattina andò bando che gli artisani andasseno alle sue botteghe in paxe; et li Matraversi rimaseno beffati. .Mo.iiio.lxxxxv. eo anno de mensec Augusti obiit famosissimus et estremius vir dominus Iohannes Auchut, miles anglicus d nobilissimus armorum capitanius in Floremtia et sepultus ybidem cum magnoe honore fuit. fDie .xxvii. februarii Iohannes domini Simonis de Sancto Giorgiog [...]h 75r

a

b

[...] huomini e donne tuttii vesstiti de biancho, zornij nove andono per la città cierchando le chiese, zasschuno per lo suo quartiero, e fessi pase di grandissime [ini]misstade. Et in quel mese, uno prete da Paderno, che sste morto tre hore, resussitò e sì predichò quessto miracholo. Et a dì .vi. quasi tutto lo popolo de Bolongna, vesstito de biancho, andonno a Ymola e sì ssi acanpon suso lo Renazok323, sopra la sstrada, e llì fu fatti due altari; e messer lo vesscovo de Bologna disse la messa e lo prete da Paderno predichò quessto miracholo et

Anche questa aggiunta marginale di PR è stata cassata insieme al resto del paragrafo.

Titulus su o.

BdP: messer. Correzione dell’editore. d Segue cassato: agnglicus. e magno in interlinea corretto su grande cassato. f Da qui la cronaca Rampona continua in volgare. g i corretta su e. h Lacuna corrispondente alle cc 390v-395r della cronaca Rampona. i BdP: tucti. j zorni in interlinea, su rasura. k BdP: renez[.]. Segue cassato: sopra in eccesso. c

135

1380-1400 come la vergine Maria l’avea risussitato. In quell’annoa, presso alla fine d’ottovre, siando zà morto messer Charlo de’ Zanbechari, Iacomo Grifoni, Opizo de’ Liazari et altri notevili huomini, per la pestillencia e, vedandob gli artisani che llo stato non era più fermo e che de leziero si ronperave, feno insieme una armada con inghanno de messer Ugolino de’ Schapi, lo quale prima era stado de parte com messer Charlo, e veneno alla piazza gridando: “Viva il popolo!”. Et incontanenti deposeno lo sstato de messer Charlo e de’ suoi amici et andonno a chasa di Nicholò Zambecharo e sì lla rubbonno; e trovonno che lui era fuora de Bolongna, ché, se l’avesseno atrovato, l’averian morto; e poi fenno molti confinati et sbanditi de quella parte de’ Zambechari, e feno tornare li confinadi, zò è miser Francesco R[am]pone cum li suo [amizi] [..]c Nanne de’ Gozzadini, Iohanni de Lodovico da Monterenzi, Zoanne de’ Bentivogli e molti altri. Et allora fu preso il conte Antonio da Brusscolo, a forore de popul[o], e tratto de chasa del ditto messer Franciessco de’ Ranponi, la quale ie usurpava lo dicto conte, in despetto del ditto miser Francescho, e sì fu menato in piazza. El popolo volea che fosse apichado per la ghola, et elo gridava che mai de casa sua non fu apichato nessuno, e non volea andare in sulla schala de la forcha; et allora gli legonno lo chavesstro ad uno pirolod della schala e sì llo ancisino con le lancie et collie runchoni, a forore de populo, avengnia ch’ello non avesse fatto niente. Ma questo fe’ i amisi de miser Francescho Rampon, siando anchora per via che retornava da confine da Padoa, dove era stato. E foglie ben investì, perchè era sta servito dal ditto miser Francescho e puo’ fo ingrato contra d’ello, a posta de miser Carlo Zambecharo. 75v In quello annof, a dì .xxvii. de desenbre, Zoanne de’ Bentivogli, messer Bente de’ Bentivogli e Nanne de’ Gozzadini, siando loro retornati da confine e parendoli che li Maltraversi volessen usurpare lo statog, presen le arme, e cum li loro amisi e de miser Francescho Ramponeh e altrii partexanij vennono alla piazza gridando: “Viva il popolo e li arte e mora gli Maltraversi!”. Et in quel furore fu morti scilicet Azzo di Bualelli correttore de’ nodari Polo, figliuolo de messer Bartholomeo da Salesedo Iacomo, figliuolo de Matheo de’ Mangniani Zoanne strazarolo, massaro della conpangnia delli strazzaroli. E molti altri Maltraversi fun feridi, zò è: miser Lamberto Bazzaliero cum dui suo fioli, Goielmo dala Maia e molti altri. E confinadi fun quessti scilicet

1399. BdP: vedendo. c Lacuna dovuta ad un buco sulla pagina provocato da un’eccessiva rasura. d Segue cassato: della in eccesso. a

b

e

Titulus su o.

an(n)o aggiunto in interlinea. g Segue cassato: [cum]. h Segue cassato: cum li suoi. i Segue cassato: [schach]. j Segue di mano di BdP con brigade armate, cassato da PR. f

136

1380-1400

messer Bartholomeo da Ssalisedo, dottore de lege messer Iacomo suo figliuolo, dottore de lege messer Bernardino de’ Zambechari, dottore utriusque messer Zoanni de’ Cattanii da Casstel Sam Piero, dottore de lege Nicholò de’ Zambechari, chambiatore Guido da Manzolino, nodaro e molti altri tra Maltraversi e della parte de miser Carlo Zambecharo. Eta allora Guasparo de Bernardino, capitano del chasstello de Solarolo, dè il dicto chasstello ad Asstore de’ Manfredi, singnore de Faenza, a possta d’Antonio dalle Chaxelle, merzaro. Per la qual casone li dicti Guasparo et Antonio fonno banditi per traditori e depinti in piazza et alle principali porte dela città et al bordello et in molti altri luoghi. E lle case del dicto Antonio funo desfatte in fino alli fundamenti e fatto fo lì piazza da vender gli asini, che erano in strada Maore, presso a quelle de’ Gozzadini. .Mo.cccco. A dì .xvi. di mazo, Pino degli Ordelaffi singnore de Forlì, capitano della zente d’arme del comune de Bolongnia, cavalcò contra Asstore de’ Manfredi in sullo terren de Faenza e puose el campo [in] unob

Sic. Segue, aggiunto di mano di LR, forse copiato da una carta ora mancante: çardino del dicto Astore, de fuora de Faenza, verso / Imola, presso a la terra de una balestrata; e questo fu per caxone de Solarolo, che ello usurpava a li Bolognixi. / E de ma(n)dare lo campo adosso a lo dicto Astore fune / gra(n) caxone mis(er) Francesco Rampone, perché era suo / grande nemigo. a

b

137

1380-1400

Gian Galeazzo Visconti, conte di Virtù, figlio di Galeazzo II. Bruscoli, in Toscana al confine con l’Emilia sulla strada per Prato. 282 Marquardo de Randeck (1296- 1381). Originario della Svevia, Gli fu conferito il il titolo di locutenentem et capitanum generalem il 24 marzo del 1365 e fu vescovo della città di Augusta. Nel 1365 papa Urbano V lo nominò patriarca di Aquileia, carica che ricoprì fino al momento della morte. 283 Bondanello, 12km ca. a nord di Bologna, ora nel Comune di Castel Maggiore. 284 In questo paragrafo Pietro Ramponi mostra un po’ di confusione. Raimondo Orsini (conosciuto anche come Raimondello, 1361 - 1406), di ritorno dalla Terra Santa nel 1380, occupò militarmente la contea di Soleto, non Spoleto, (con giurisdizione su Galatina, Zollino, Sternatia, Aradeo, Cutrofiano, Sogliano) donatagli dallo zio Raimondo Del Balzo, ma usurpatagli dal padre a favore del primogenito Roberto. Così, alleato di Luigi I d'Angiò e su suo consiglio, sposò nel 1384 Maria d'Enghien, contessa di Lecce (1367- 1446), ingrandendo notevolmente il proprio dominio che comprendeva, oltre alla contea di Soleto, la contea di Lecce ed il Principato di Taranto. Alla morte di Luigi I d'Angiò (20 settembre 1384), Raimondello proseguì nella sua politica a favore degli Angioini, sostenendo Luigi II d'Angiò ed accorrendo nel marzo del 1385 in difesa del pontefice Urbano VI minacciato da Carlo III di Durazzo. Assediato a Nocera, il pontefice venne liberato per l'intervento armato del conte. 285 Enguerrand VII di Coucy (1339 - 1397), signore di Coucy e conte di Soissons, fu un capitano di ventura francese (e non cardinale). Nel 1384 scese in Italia per aiutare Luigi d'Angiò a conquistare il del Regno di Napoli. 286 Luigi I d'Angiò (1339–1384) 287 I Cunio devono il loro nome ad una località, oggi non più esistente, nei pressi di Lugo, in Romagna. La famiglia è assurta a grande rinomanza nei secoli XIV e XVI grazie all'attività di condottieri, militari e diplomatici. Sono da ricordare Alberico da Barbiano (1348 – 1409) fondatore della Compagnia di San Giorgio, la prima compagnia di ventura interamente composta da milizie italiane, e il fratello Giovanni († 1399). 288 Conselice, comune nel circondario di Lugo. 289 San Prospero, frazione del comune di Imola. 290 Ludovico Ramponi trascrive Fano erroneamente, in quanto si tratta di Guido d’Asciano († 1410 ca.), senese. 291 Anderlino Trotti († 1415 ca.), di Alessandria. Nel 1386 è al soldo dei bolognesi contro i conti di Cunio, in quanto Rinaldo da Barbiano si era impossessato di Barbiano scacciandone il capitano Giacomo Boccadiferro. Il Trotti è inviato da Egano Lambertini con Guido d’Asciano a recuperare il castello. Soccorre subito la vicina bastia, ma l’assedio è lungo. Giunge in soccorso anche Lucio Lando il quale fa arrivare da Faenza 200 cavalli, che militano nella compagnia di Corrado Prospero, con la scusa di rafforzarne la guardia. In realtà, dopo aver ricevuto dal Barbiano 2000 ducati per astenersi dalle ostilità, vuole uccidere il Trotti ed l’Asciano ma, avvisati del pericolo, i due condottieri si allontanano. 292 Roffeno Musiolo, frazione del comune di Castel d’Aiano, nel circondario di Vergato, in provincia di Bologna. 293 Mirasole, contrada della città di Bologna. Oggi rimane una via omonima. 294 Sorbelli ipotizza che si tratti di Filippo Ruffini, ma in alcune fonti risulta morto nel 1385. 295 Ponte di San Procolo o Pieve del Ponte, frazione del comune di Faenza. 296 Astore Manfredi signore di Faenza dal 1377 al 1404. 297 Si trata della compagnia di Lucio di Lando, il quale, dopo l’assedio di Barbiano, era stato licenziato da Bologna e si era alleato, prima con il conte di Cunio, poi con Astore Manfredi e Taddeo Pepoli, per aiutare costoro ad impadronirsi di Bologna. 298 Panzano, frazione del comune di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena ma non lontano da Bologna. 299 San Giorgio di Piano, comune a nord di Bologna. 300 Filippino dal Verme (1355 ca.-1421), di Verona, Fratello di Taddeo, cugino di Jacopo. Combatte nella compagnia del conte Lucio Lando. 301 Monzuno, sull’Appennino Bolognese. 302 Medicina, comune in provincia di Bologna. 303 Eletta, figlia di Guido da Polenta. 304 Probabilmente allude a John Hawkwood. 305 Guelfo Pugliesi. 306 Samoggia, frazione del comune di Savigno (Bo). 307 Probabilmente Rudiano, località sull’Oglio a sud-ovest di Chiari. 308 Probabilmente Calcinato, comune del circondario di Brescia. 309 Montechiari, comune nel circondario di Brescia. 310 Deve trattarsi del fiume Mincio. 311 Probabilmente Pozzuolo Mantovano. 312 Francesco I Gonzaga. 313 L’abbazia dei SS. Naborre e Felice. 314 Per i nomi cfr. c 70v. 315 Bartolomeo Raimondi, cfr. supra nella stessa carta. 316 Guidone de’ Mastafani da Zara. 317 Riprodotto anche nella cronaca Villola. Cfr CCB vol I p. 441. 318 In effetti la notizia è data anche a c 70r. 319 29 giugno. 280

281

138

1380-1400

320 Il riferimento è al periodo successivo alla morte di Filippo Carafa (22 maggio 1389), perché il suo successore, Cosimo Migliorati, non fu accettato dai bolognesi e anche Rolando da Imola, fatto vescovo della città il 27 aprile 1390, non occupò la sede bolognese. 321 Massa Lombarda, comune in provincia di Ravenna. 322 Urbino. 323 Non sono riuscita a riconoscere con esattezza questa località. Esiste un Renazzo tra Bologna e Ferrara, nei pressi di Cento, ma non credo si tratti di questo, poiché il cronista riferisce di un fatto avvenuto dei pressi di Imola. Sorbelli indica solamente «Renazzo. Località vicino a Imola» e non è molto d’aiuto, mentre a Faenza esiste una “via Renaccio” che conduce fuori città e costeggia il fiume. È possibile che questo toponimo fosse diffuso, ma che ora ad Imola sia andato perduto.

139

La lingua del manoscritto

Premessa

L’obiettivo finale della ricerca, che attribuisce ad essa un carattere di originalità, è stato quello di corredare l’edizione del testo di un commento linguistico per colmare il vuoto degli studi sul bolognese tra la fine del Medioevo e la prima Età Moderna. Da un punto di vista diatopico, ho cercato di tener conto della posizione del bolognese nel panorama linguistico italiano, all’interno del quale costituisce una cerniera fra la cosiddetta “koiné settentrionale” e il toscano. Inoltre, la tradizione della cronaca ha permesso, attraverso confronti sinottici, uno studio della lingua anche sul piano diacronico, così dal testo di Bartolomeo della Pugliola sono passata all’analisi contrastiva delle altre cronache: Villola per il periodo anteriore, Rampona per quello posteriore. Ho continuato la ricerca mettendo in risalto le particolarità di ogni copista nella resa grafica, fonetica e morfosintattica dell’opera in esame. Per maggior completezza ho confrontato i risultati ottenuti con quelli tratti dall’analisi di un altro cronista bolognese, Friano Ubaldini, un mercante vissuto a cavallo tra XV e XVI secolo, la cui edizione del testo era stata oggetto della mia tesi di laurea. In questo modo ho potuto ampliare l’estensione cronologica dello studio sulla lingua articolandolo anche da un punto di vista diastratico. Lo studio linguistico è suddiviso in tre capitoli, grafia, fonetica e morfosintassi, mentre il lessico è stato analizzato a parte attraverso la compilazione di un glossario.

141

161

La lingua del manoscritto GRAFIA

Da un punto di vista grafico non si registrano forti mutamenti nelle abitudini degli scriventi. Si può forse avvertire una tendenza regolarizzatrice, intesa come ricerca di una maggiore costanza in determinate abitudini grafiche, ma non certo di un cosciente processo di italianizzazione, visto che i tratti dialettali, in alcuni casi, emergono fortemente. Ad esempio, nonostante che lo scempiamento sia un fenomeno caratteristico dell’Italia settentrionale, la tendenza di Pugliola, ma anche degli altri scriventi, è quella di conservare le geminate, anzi non mancano casi di ipercorrettismo, soprattutto con l. In Pugliola alcune geminazioni possono essere dovute a fonosintassi, ma molti casi non trovano una spiegazione in mancanza di una consonante originaria responsabile di un’assimilazione e di un conseguente raddoppiamento. Ovviamente questa attenzione non impedisce gli scempiamenti, soprattutto in posizione pretonica, ma in certi casi anche in postonia. Per questo motivo risulta difficile stabilire se l’oscillazione tra consonante scempia e geminata rifletta semplicemente un’incertezza ortografica o un’oscillazione fonetica. Quest’ultima considerazione è da ritenersi valida anche per Friano Ubaldini, ma sotto questo aspetto, la sua grafia appare meno sorvegliata: da un lato, la geminata o non è conservata (d, g velare ecc.) o è rara (c velare, l ecc.), dall’altro lato, l’incertezza dell’autore è avvalorata da numerosi ipercorrettismi che mostrano un uso approssimativo delle consonanti doppie, per lo meno da un punto di vista grafico. Al contrario, in posizione postconsonantica, esempi come orbbo, armme possono essere indice di una pronuncia più intensa che in sede intervocalica. Analogamente, esempi come metello (metterlo), reinghraciallo, chamerrengho possono rappresentare, al pari dei raddoppiamenti fonosintattici, un’assimilazione e testimoniare, quindi, una pronuncia reale. Anche la resa dei suoni palatali crea non pochi problemi negli scriventi, che si trovano a sperimentare grafie diverse per rappresentare le oscillazioni della pronuncia. La liquida laterale palatale è resa con gl(i), mentre la semiconsonante palatale [j] che ad essa si alterna (v. Fonetica) è resa con i e qualche volta con y. Per la nasale palatale soprattutto Pugliola dimostra incertezza ed una grande varietà di soluzioni (gn, ngn, gni, ngni, ng) laddove Villola e i Ramponi presentano gn(i). È possibile che tale scelta grafica si affermi come consuetudine, visto che anche l’Ubaldini non mostra grandi incertezze nella resa dei suoni palatali, che riproduce graficamente con gl(i) e gn(i), con due sole eccezioni: cho(n)pangnì e i(n)gnorante. L’alternanza di m ed n davanti a labiale è comune, ma mentre in Villola e Pugliola l’uso di n tende a prevalere, in Pietro e soprattutto in Ludovico Ramponi si nota una maggiore attenzione all’uso di m. Friano Ubaldini sembra confermare questa tendenza, preferendo m davanti a labiale, tuttavia n prevale nei casi in cui chon e in si trovino all’inizio di parola, in quanto danno l’impressione di essere intesi come prefissi Y è variante grafica di i ed j e la si trova in tutti i testi in posizione iniziale, interna o finale di parola. Essa serve a mettere in risalto tra le altre lettere una i altrimenti troppo esile e minuta, per questo il suo uso non è costante e risulta soggettivo di ciascun autore. X è largamente impiegato, sebbene ognuno degli scriventi gli attribuisca un valore fonetico non sempre ben determinato: in Villola x si oppone ad s per distinguere la fricativa dentale sonora [z] dalla sorda [s], mentre nei Ramponi il suono sonoro può talvolta essere rappresentato con s e in Pugliola anche con z. In Pugliola, inoltre, si 143

La lingua del manoscritto registrano esempi in cui x potrebbe rappresentare un suono sordo [s]. Nell’usus scribendi dell’Ubaldini non mancano grafie etimologiche, ma anche per lui, in molti casi, sospetto l’uso di indicare con x la fricativa dentale sonora [z] quando in posizione intervocalica. Ç come variante grafica di z è ancora presente in Pugliola ma tende progressivamente a scomparire e non ce n’è traccia nei testi di Ludovico Ramponi e Friano Ubaldini. Infine, Pugliola fa largo uso di nessi latineggianti come ct, pt o tj, meno frequenti nell’abitudine scrittoria di Villola e talvolta rifiutati e corretti da Pietro Ramponi. Non solo le correzioni di Ramponi, ma anche l’esistenza di varianti grafiche della medesima parola ne tradiscono la reale pronuncia e definiscono questi esempi come puri fatti grafici. In Ludovico Ramponi si riscontra la tendenza, caratteristica del Quattrocento per influenza umanistica, ad una grafia etimologica. In Pugliola l’uso di questa grafia latineggiante è spesso corretto, sebbene non manchino casi di h pseudoetimologica, in Ramponi sono frequenti i nessi consonantici ricostruiti, spesso erroneamente, e i digrammi con h. Nell’usus scribendi di Friano Ubaldini i nessi latini sono pressoché assenti, ricorrono solo nei passi di maggiore solennità o in alcuni componimenti poetici, inseriti all’interno della narrazione, dove l’autore tenta di mostrare una maggiore ricercatezza formale.

144

La lingua del manoscritto 1. Latinismi grafici Si riscontrano alcune grafie latineggianti che probabilmente hanno lo scopo di nobilitare il testo tramite l’uso di x e di h o attaverso la conservazione o restituzione, talvolta impropria, di nessi latini. Per gli esempi rimando ai relativi paragrafi. Segnalo qui la conservazione del dittongo ae nel latinismo grafico adaerentia 72r (la grafia latina è solo parziale, perché manca la h di adhaerentia). 2. H etimologica Si conserva in alcuni casi ed è usata con discreta regolarità: hebbe 76r; homo 76r, 45v, 61r, huomo 11v, 12r, 15r ecc., homini 12v, 13r-v, 79v ecc., huomini 11v, 19r, 22v ecc.; ma anche omini 35v, 45v, omo 54v, 144r, uomini 51r, 54v, 143r ecc.; Homobom 12v; honessta 38r; honore 10r, 15v, 76r ecc., honori 74r; honorevilemente 28v, -olmente 33v; hora 39v, 56r, 61v, 62r, ecc., hore 22r-v, 27r, 29r, 60v ecc.; ma anche ora 22r, 32v, 43r; hoste 80r, hosste 14r, 11v, 12v, 76v ecc.; ma anche osste 57r; humilemente 72v; anche PR corregge scrivendo homini 25v. 3. H pseudoetimologica Si tratta di casi di ipercorrettismo grafico spesso unici: he 80r, 53r; hedifichado 63v, hedifficado 60v; ma anche edificato 70r; Hegano 61r; hera 44v; heretico 26r Herigho 23r; herrore 56r holtra 13v; honde 65v; hongni 23v, 76r; hordinamento 42v; ma anche ordinamento 14v, 29r; hordine 21v, 24r, 30v, 62v, hordinata 55v, hordinando 60v; ma anche ordinato 12r, ordine 82r, 24r-v, 40v, ordinatamente 24r; Hosstaxe 79v, Hosstaxie 83r; hostia 60v; Hostiglia 32v, 50r; Hostixiam 74v; huove 79r. In Villola si segnala hesere, ho’ (ove), hone, hotovro (ottobre). Pietro Ramponi: habito. Ludovico Ramponi: havere, haveano, haveno. 4. Il digramma CH L’occlusiva velare sorda davanti ad a, o, u è resa in molti casi con il digramma ch ma non mancano varianti di grafia ca, co, cu. Alcuni esempi: bechari 11r, 12r; chapanelle 10v; chardinale 16r, 81r ma anche cardinali 17v, 19v; chasa 10v, 12r, ma anche casa 17r, case 13v; chavalli 14r-v, ma anche cavallo 13r, 76r, chavallaria 10r, chavalcato 14v, chavalchata 10r, ma anche chavalcata 17v, cavalcata 76v, 77v; intresschata 12r; ancho 54v ma soprattutto anco 11r, 12r-v, 17r ecc., ancora 10r, 12r-v, 15r; Anchona 33v; biancho 38r, ma anche bianco 11v, 12r, 49v; chuchole 79r; todesscho 80v, tedesscho 26r, 35r, 52v ecc. ma anche tedessco 27v; veschovo 82v, vesschovado 83v ma anche vescovo 76r, 78v, 28v, vescovado 82v, arcivescovo 10r, 36r, 55r; alchuno 14v, 22r, 42v ecc., -a 15r, 49v, 50r ecc. ma anche alcuno 78v, 23v, 37r ecc. -a 15r, 80r, 39r ecc.; Auchut (Acuto < Hawkwood)74v; Chucherla, Chuchorla 29r; machule 72r; schurò 69v, ma Scuro 82v, scuritade 143r oscurò 62r; sechulari 72v; zaschuno 10v, 78v, 23r ecc., zasschuno 15r, 17r, 40v ecc., ciasschuno 12v, 16r, zascuno 18r, 20r, 22r ecc., -a 21r, 22r, ciascuno 18r, zasscuno 34r, -a 35v. Lo stesso dicasi per la occlusiva velare sonora per la quale davanti ad a, o, u è frequente il digramma gh che coesiste con la grafia ga, go, gu che sembra prevalere. Alcuni esempi: arcizaghano 40r; gharra (guerra) 50r; Gonzagha 77r, 79r, 83r ecc.; legha 11v, 13r, 28v ecc., ligha 18v, 26r, 29r ecc. ma anche lega 14r, 12v, 19r ecc. legato 10r, 82v, 18v ecc. liga 18rv, 19r, 26r ecc.; mortaligha 40v; paghare 55v, paghava 47v, paghavano 34v ma pagare 17r, 30r, 38r, pagavano 79v, pagava 24r, 48v; pogho 67v, -a 26v, 32r, 33v ecc.; Unghari 25v, 47r ma Ungaria 18r-v, Ungari 25r, Ungaro 23r, 26r. ghola 75r ma gola 11v; ghonfaloniero 72r, ma 145

La lingua del manoscritto gonfalone 11r, 12r, 15v, 66v, -i 66v, gonfallone 59v; logho 24v, luogho 82r, 46r, 141v ecc. ma logo 83v, luogo 10r, 12r-v, 13r ecc.; lungho 71v ma lungo 146r, 65r, 67r ecc.; Panegho 79r, 80v, 21v ecc. ma Panego 83r; pogho 82r, 23v, 38r ecc. ma anche pogo 11r, 15r, 146r ecc.; risegho (rischio) 79v; ghuera 38v, ghuerra 145r; Ghuido 14r-v, 18r, 26v ecc., Ghuiduzzo 65r; Ghuiglielmo 81v, 82v, Ghuiglielmino 79v; neghuno 14v, 144r, -a 30v, 52v; seghuri 52r. In un caso si trova k per indicare l’occlusiva velare sorda: Karlo 49r, 53v, 55v ecc.. 5. Il digramma TH Il digramma th si trova solo in alcuni nomi propri. Etimologico in: Mathio 63r, 69r, 75v; Theodoxio 71r, 72v; pseudoetimologico in: Bartholomeo 23v, 27v, 63r ecc.. 6. Il digramma PH Il digramma ph si trova in du casi entrambi etimologici: Philippino 64v; Epiphania 73r. Il digramma ch in Villola è meno frequente rispetto al testo di Pugliola e dei Ramponi ed è un vero e proprio ipercorettismo usato, sembra, per conferire maggiore solennità, soprattutto ai nomi propri o a cariche di una certa importanza. Ovviamente non mancano esempi di parole più comuni: arceveschovo, veschovo, Bechadegli, becharo, chà, chaxa, Chancelleri, chavalcò, chavaleri, chaxone, Chuzano, Francescho, Lucha, Maiolicha, mareschalcho, Nicholò, Schala, Zacharia, zaschuno. Il digramma th si trova in Matheo, Thomaxe, entrambi etimologici. In Villola si trova anche k per indicare l’occlusiva velare sorda o sonora: Kabrieli, kalendi, Kam (Can), fra questi kalendi è etimologico (lat. Kalendae). Il digramma ch continua ad essere usato da Pietro Ramponi: anchora 75r, Bianchardo 68v, Cha 70r, Charara 66r, Chatredale 70r, Chavalchò 64r, Chavalchomo 68r, chavaleri 79v, 81r, chavalli 79v, Chaxon 74r, forcha 75r, Francescho 74r, 75r, Lucha (Lucca) 14v, nimicho 74r, p(re)dichò 83v, Porticho 70r, Schachese 63r, Siniscalcho 16v, Vachado 72r, Zambechari 75r. In Ramponi si trova anche th: Mathio, Thomaxe, entrambi etimologici. Non ho riscontrato esempi del digramma gh in Pietro Ramponi, in Villola Degho, lungha, mentre ricorre spesso insieme al digramma ch in Ludovico Ramponi: arengho, borgho, brighada, Butrighari, Gharisendi, Ghottolo, Ghozadini, Righolecto. Presente anche th pseudoetimologico con Thadeo. La grafia etimologica ph si trova in Villola e Ludovico Ramponi nella parola Philippo. In Ludovico Ramponi anche Rheno (lat. Rhenus). 7. X Gli unici casi di x etimologica potrebbero essere executioni 72v, aduxeano, -evano 24v (Per Pietro Ramponi Ieruxalem 145v, Alexandria 41r, exento 23r oltre a excetto, excusacion, excusati, exequie), in realtà tale grafia corrisponde all’uso di indicare con x la fricativa dentale sonora quando in posizione intervocalica. Si vedano: cartixelle 12v; barixello 15v; inglexe 141r; anzixe 58v; atexenno 60v; Parixe 60v; Daynexe 62r; dexenare 62r; Maxe 63r; Tomaxe 63r, Tomaxo 14v, 35v, Thomaxo 60v; rexeno 64v; chaxelle 75v; Peroxini 14r; uxi 14v; intexi 11v; Pavanexi 63r; Pavanixi 63v; Fixi 65r; Chiexia 70r; Theodoxio 71r; Echexia 22r; Echlexia 22r; Chiexa 15v, 76r, 78v ecc; domandaxone 14r, 77v; Tixolo 12v; atexo 13v, 79r; Malpertuxo 21r; raxone 72v; raxon 22v; condanaxon 23v; suxo 59v, 60r, 62r, 63v; bixognò 60v, 62r; Toxa 76v; Pixani 77r, 78r, 37r; uxanza 18r; spoxa 28r, 40v; Saraguxa (Saragozza) 36r; caxa 37r; romaxe 38v, rexa 62r; marchexana 65v; Brandolixe 16r, Brandelixe 10v, 11r, 12r, Bradilixe 14v; Dalmaxe 14v; bambaxe 12r; mexe 78v; romaxe 27v. 146

La lingua del manoscritto In posizione interna intervocalica spesso x si alterna ad s per indicare la fricativa dentale sonora: caxone 14r, 10r-v ecc. e casone 10v, 11r-v ecc.; marchexe 14r, 15v, 16r ecc. e marchese 14r, 79v, 81r ecc.; paxe 14v, 18v, 33r ecc. e pase 13r, 18v, 19r ecc.; Pixa 45r e Pisa 45r. Si segnalano inoltre andavasene 56r; Asinelli 14r; casa 10v, 12r, 17r ecc.; Castenase 24v; romasa 27v, 64v, rimase 78r, 82r, 18r, ecc., rimaseno 80v, 27v, romase 17r, 36v, 38r ecc.. Altre volte lo stesso suono è reso graficamente con z: cazone 78r, chazone 142r; provizione 37r, previzione (provvigione) 58v; razone 79r. Eccezioni in cui x vale fricativa dentale sorda (di solito resa con ss): Baxotto 70v; Brexuich 146r; Maxim 69v; Proxime 76v; Tixino > PR Tessino 40r. In Villola c’è una netta distinzione tra x e s: la prima per la fricativa dentale sonora in posizione intervocalica, la seconda per la fricativa dentale sorda. A proposito si segnalano: caxone, marchixi, Piaxenza, voxe ma andase, dovese, fisandose, miser, relasare, tolse. In Pietro Ramponi si osserva invece un’oscillazione tra x e s, sebbene s in posizione intervocalica tenda a prevalere. Oltre agli esempi gia citati, per x si segnalano: chaxa, doxento, Pixa, Pixano, spexa. Per s si segnalano: bolognisi 58r-v, 60v, 63v, cose 58r, depuose 43v, doloso 60v, famoso 66v, impreisonato 60v, misen 60v, misi 65r, oposen 63r, palasio 60v, pase 19r, probabilmente s corrisponde ad un suono sordo in vendease (VENDEA + SE) 24r, inoltre assai frequente bolognesi, Chiesia, Giesia, Gliesia, cortesani, invasione, preseno, presente, tresento, usanza, usato. Ludovico Ramponi, per la sonora, continua ad alternare x a s in posizione intervocalica, sebbene si possa notare una preferenza per s. Si vedano: cortexe, duxento, dexembre, Felixe, Fornaxe,Ghixilieri, paxe, palaxio, marchixi ma barisello, casone, chasa, mese, romase, suso, vose, zoso. 8. Y È variante grafica di [i]. Iniziale: Ybidem 74v Ymeldolla 76v Ymola 20r, 22v, 27v, 76v, 81r, 38r, 39r, 42v, 69r, 70v, 71v, 72r, 75r Ysaya 81r Ytalia 44r-v, 55v, 68r Ytaliani 32r, 44v. Finale: Ay (prep. art) 24r, 27v, 30r, 38r, 56v Boy 44v. All’interno di parola dopo vocale: Battaya 77r Foyano 26v Loyano 14v Luyo 76v Luyse 23r Raymondo 37v, 38v Raynaldo 39r, 45r, 60v Reloyse 13r-v Reyna 46r, 48r, 49v, 53v, 59v, 140r, 142r. Come variante dell’articolo determinativo maschile plurale: Y Pisani 30r, y nomi 62v. Assai diffuso è anche in Villola l’uso di y al posto di i in posizione iniziale, per mettere in risalto la maiuscola (Ymeldola, Ymolla, Ytallia), finale (ay, fiioy, may (mali), sey) e all’interno di parola, spesso nei dittonghi discendenti o negli iati (sempre inseconda posizione dopo l’altra vocale) (ayturio, Gaytano, Genoyxi, Isaya, rayna, Raynaldo, Raynero, re Loyse) e in Bayvera dove y serve a distinguere i da v (in realtà graficamente u). L’uso è encora vivo in Pietro Ramponi (Aloyse, frequente baylìa, Daynexe 62r, Savoya, Ytaliani 32r), ma ad y sembra preferire j (frequenti sono Jmola e Jtalia). In un caso corregge Pugliola sostituendo y ad i (Boy 44v), mentre Ludovico Ramponi, forse perché copista di Pugliola, torna a scrivere y al posto di i: y (art.), Ymeldola, Ymola, Ysaya, Raynero ma scrive anche Rinaldo. 9. Z / Ç

147

La lingua del manoscritto La grafia z può avere nel testo diversi valori fonetici. Questa consuetudine grafica, tipica dell’Italia settentrionale e di Bologna in particolare, accomuna i tre scriventi. Valore di affricata alveolare sonora in: amorezzava 146v; cazù (caduto) 12r; Charavazzo 13r; Chiozza 58r, 59r; Corezo 14r, 76v; danezarli 145r; favorezzava 48v; guerrezare 40v, 41v, guerrezava 143v, 145r, guerrezzavano 73v, -zavano 77r; lozza 13v; manzare 81v, manzato 59r; mazo 78v, 27v, 28r ecc.; mazore 27r, 65r; Samoza 24r, 25r, Samuoza 67r; sing(n)orezza 145v, -are 44v; vantazzo 11v; zà (già) 78r, 81r, 19v ecc.; zenaio 13r, 18r, zenaro 20r, 21r, 34v ecc., zennaro 39r; Zoanne 14r-v, 11v, 12r ecc.; Zordano 14v; zudixe 12v; zungnio14v; zusstizia 146v. Valore di affricata alveolare sorda in: aconzare 20v, aconzarse 32r, aconzo 76r, conzo 15v, 17r-v ecc., conzati 69r; brazo 11v, brazzo 18r, 146v; chazare 42v; chazato 11v, 12r, 76r, -i 38v; cominzare 65v, cominzado 21r, -to 27r, cominzamento 35r, 66r, cominzasse 71r, -eno 60v, cominzava 57v, 65v, cominzò 15v, 76v, 82r ecc.; disscazati 52r, desschazato 65r; dizan 41r; eziamdio 15r, 17v, 72v; fazata 25v; fazza (3p.s. cong. Pres.) 54v, 60r, 74r; Franza 28v, 31r, 35r ecc.; glaza 35r; inperzò 12v; iusstizia 15v; lanza 60v; malefizii 11r; menazavam 60v; perzò 12r, 13r, 78v ecc.; Primadizi 11r; procazzare 66r, -ava 65v; provinza 28v; Pulzano 53r; Rezzano 140rv, 141r, 142v; scharamuzza 61v; scomunichazione 16r; Sonzino 13r; spezaria 41r; spezialmente 10v; stazzone 13v; strazado 146r; strazaruolo 74r, -olo 75v; ufizio 16v; Ughizzuolo 12v; za (qua) 25v, 30r, 37r ecc; zasschuno 10v, 15r, 17r ecc.; zenza 16v, ma senza 17r, 78v; zò (ciò) 10r-v, 12r, 15v, 16v ecc.; si segnala per Villola Chioczo. Mentre può avere valore di sibilante sonora in alternanza con x in: cazone 78r, chazone 142r; razone 79r. Ç rappresenta una variante grafica di z ed è ancora diffusa nel testo della cronaca di Bartolomeo così come nella cronaca Villola. Nel XV secolo in molti casi viene soppiantata da z, ma anche in questo caso i Ramponi si dimostrano conservatori: sebbene sia usata sporadicamente da Pietro ricompare con una certa frequenza in Ludovico. Si vedano: Açço 13r; allegreçça 58r; ameççaduri 73v; Batidiço 29v; Bonaçara 30r; Bruçça 142v; chaççò 65v; Chapuççi 44r; ço 22r, ççò 58r; çunta 78r; Çuzo 76v; daçii 47v; Galeaçço 146r; Galluççi 51v, 54v; Laççarino 63r; Luçço 61v; meçço 10v, 140v; minaçare 49v; nuoçier 140r; peççi 81v; piaçça 10r-v, 12r, 13v ecc.; sbandeççato 58v; veççuda 58r. Per Pietro Ramponi: perçò 41r, Saluçço, [Çohane],[Goça]dini. 10. M ed N seguite da consonante labiale Nonostante le numerose oscillazioni, i casi di n seguita da labiale, sia sorda sia sonora, sono assai più frequenti rispetto ai casi di m seguita da labiale: ambassadore 14r, 55r-v, 143r, ambasadori 17r, ambassadori 37v, 67v, 70r-v, 71v; ambassaduri 58r, 65v, 66r-v, ambassaria 44v, ambassarie 73r ma anbassada 14r, anbassaria 50v, anbassarie 39v, inbassarie 44v; anbasadori 34v, 65v, anbassadori 18v, 28v, 31r ecc., anbasaduri 28v, anbassaduri 142v, inbassadore 17r, 30v, 47v ecc., inbassadori 17v, 78v, 18v ecc., inbassaduri 18v, 53r, 54r; chambiatore 75v, chambiadore 74r; Zambecharo 75r, 75v, Zambechari 71v, 73v, 74r-v, 75v; bambaxe 12r; Lombardia 12v, 13r, Lombardi 72r; settembre 17v, 18r, 30r ecc.; Llamberini 18r, Lambertini 60v, 61r; Ambruosolo 26v, Ambruoso 46r; Fossimburuni 41v; Salimbeni 52r; novembre 60r, 70v, 71v; Nasimben 63r; grembo 68v; Ghambachurta 70r; desembre 71v, disembre 74v; Lamberto 75v; ma anche gramdissima 71v; tempo 10r, 41r 140v, tempi 41v ma tenpi 58r, tenpo 14v, 12r, 17r, 13r ecc., tenporalemente 72r; Ramponi 27v, Rampone 33v, 41r, Rampon 41r; rampong(n)ado 49v; imperadore 51r, 53r-v; compangnia 55r; imperadrise 56r; comparò 141v; impresa 144r, 146r; compagni 62r; Anbrum 10r; desenbre 10r; Lanbertini 12r, 16v; Lanberto 12v, 82r; novenbre 15v; dexenbre 15v, desenbre 80v, 19v, 64r ecc., dicienbre 18r, 148

La lingua del manoscritto disenbre 20r, 41v, 46v, 142v ecc.; Lonbradia (metatesi per Lombardia) 16r, Lonbardia 13v, 28v, 33r ecc.; lonbardo 32r; Lonbardino 63r; Lonbardi 63r; tronbe 16v, 22r, 53v; settenbre 76r, 82r, 60v, se(te)nbre 142v; novenbre 76v, 46v, 142v ecc.; Sanbucha 18r; Lanbertazzi 22r; Lanbertucci 23v; tonba 24r; conbatterla 29v; chanbiaduri 35v; Anbruosio 41v, Anbroso 43r; Luccinborgho 49r; Salinbeni 52r; ganba 52v; Ganbacurti 55r; sgonborare 57v, sgonberato 60r; tronbadore 63r; Zanbechari 73v, 75r; canpane 10r, 11r, 36r, 42v ecc., chanpane 19r, 25v, 142r; canpana 34v, 67r, 74v; canpo 11r, 15v, 83v ecc., chanpo 50r, 55r, 56v, 141v, 61r; Chanpogaiano 19v; aconpangniasseno 59v, aconpangniare 64v, aconpang(n)ata 46v, -to 47r; chonpangni 142r, conpagni 79v, 60v, conpag(n)a 80v, 42v, conpang(n)a 79v, 80r-v, 18r, 19r, 30r ecc., conpag[g]ni 62r; conpagnio 11r; conpang(ia) 46r; conpang(n)e 35v; conpang(n)ia 55r, conpang(n)ie 11r; conpangnì 12v, conpangnia 81r, 32r, 35r, 42r, 143v, ecc., conpangnie 60r, conpagnie 71v, inperzò 12v; tenpessta 15r, 79r, 81v ecc. tenpesste 42v; canpagna 18v; Ranponi 54v, 75r; acanpon 75r, conparire 16v; Bonpieri 17r; canpado 63v; canpòno 16v, canpate 67v; conparì 68r; conperòno 76v; conportava 48v; cunpito 13v; enpiere 13v; Forlinpopulo 20v; -polo 31v inpazzasse 27v, inpazava 43r, 45v, 49v, inpazarsi 61v; inpeg(n)ato 30r, inpengnato 30r; inperadore 19r, 39v, 41r-v ecc., inperadrise 50v, 52r, 55v; inperiale 40r; inperio 72r, inpromettesse 34r, inpromissi 36v; Panpaluna 45r; renpeto 13v; rinpetto 77r, 21r, 51v, 67v; ronpano 80v; ronpeno 142r, 74v, ronpea 40r, ronpere 43r, ronperave 75r; scanpò 81v, schanpò 82v, scanpon(n)o 19r; senpre 79v, 33v, 35v ecc.; tenporale 41r. Al contrario Pietro Ramponi tende a premettere più frequentemente m alla labiale e Ludovico distingue con una certa regolarità nd, nt da mb, mp: ambassaduri, compagnia, setembre, tempeste, ma Banbaglioli, canpane, dexenbre. Maggiore incertezza dimostra Villola: ambassaduri, comparire, tempo ma più frequente anbasaduri inoltre conpagna, Lanbertini, renpeto. 11. Nessi CT Prevalente la grafia dicto, anche in forma abbreviata, e i suoi composti, come predicto 11v, 14r, 16v ecc., -i 72r; sopradicto 81r, -a 15r, 79r, –i 68v. Non mancano però casi di assimilazione a t: ditto 14r, 10r-v, 11r, -a 14r, 12v, -e 60v, -i 16r-v ecc.; preditto 16r, -e 16v, -i 10v, 17v; intraditto 16v, 17v, -a 16r ecc. Assai frequente è tucto 10r, 16v ecc. anche al femminile e al plurale -a, 10r, 17v ecc. -e 10r, 12v ecc. -i 15r, 16r ecc.; si registra anche tuctavia 12r, 78r. Altri casi di latinismo grafico che rappresentano casi unici o poco frequenti: aducto 33r, 45v, 46r, 47r; conducto 145v, 146r; contracti 142v; doctore 143r; ma dottore 27v, 33v, 62r ecc.; facto 18v, 19r, -a 30v; ma fatto 14r, 11v, 12r, 60v ecc.; fructe 24v; nocte 13v, 29r, 40v ecc. ma notte 11v, 77v, 79v ecc.; pacti 29v, 30v, 36v ecc. ma patti 76r, 77v, 80r ecc.; rectore 29v, 30v; ma rettore 23r, 27v, 28r ecc; riducto 142r; tractare 49r; tractato 28v, 36r, 37v ecc. ma trattato 16v, 57v, 62r ecc; sancto 46v, 54v, 74v; ssconficta 46r. Pseudoetimologici: lectere 16r ma lettere 16r, 17v, 26r ecc.; macti 27v; È interessante notare come spesso sia Pietro Ramponi a correggere il nesso ct in tt. Si vedano alcuni esempi: tutti 15r, tutto 79v, tutte 80v, sopraditti 28v, ditto 29v, adutto 33r, tutte 34v, tutta 35v ecc. In Villola è presente dicto così come ditto ma la presenza di sovrodito, la frequenza di dito, così come la compresenza di vendecta e vendeta, prova che il nesso ct rappresenta un puro fatto grafico.In Ludovico Ramponi si trova victoria, facto, octo, ellecto e alcuni ipercorrettismi: aiuctorio, cictadini, lectere, mectere, stecte, sectecento. 149

La lingua del manoscritto

PT Conservato per latinismo nei casi di scripto 24r, 27r, 31v ecc. che prevale sugli unici due casi di scritto 30v, 34v. Si vedano anche scripte 23v, 66v e infrascripto 71v. Difficile stabilire se Captanio (< Catanio) 11r rappresenti un caso di ipercorrettismo o un ritorno a una forma semidialettale con -p- (da capitanio con sincope della vocale interna). Captanio è presente come nome proprio anche in Villola e Ludovico Ramponi. Per Pietro Ramponi si segnala Baptista, aception, etimologici, così come per Ludovico scripte, Baptista. La p di epentesi grafica compare nei casi: solepnitade 142v, dapno 140v, 58v, 63v, da(m)pno 37v, 49r, 55r ecc., da(m)pnato 60v. Inoltre ancora Pietro Ramponi: solempne. Villola: dampno, dapno. BS Alcuni casi di grafia latina e mancata assimilazione: obstante 72v (x2), absentia 72v. Pietro Ramponi: subsidio. Ludovico: obstante. 12. GL La l palatale è resa costantemente con il trigramma gli ed in un solo caso si ha la variante grafica lgl: Pulglola 74r. Alcuni esempi: battaglia 12r-v, 83r, 27r ecc.; Bazaglieri 10v; Bentivogli 10v, 15r, 22v ecc.; Buvalegli 12v; Canciglieri 11r; chavagli 142r, 64v, 68r ma anche chavalli 14r, 64v, 68r ecc.; cavaglieri 15v, 77r-v ma chavalieri 35v; consiglio 14r-v, 11r, 15r ecc.; famiglia 12r, 31r, 32v ecc., famiglie 36v, 37r; famiglio 21v, 45v, 52v, famigli 10v, 26r; figliuolo 15v, figliuoli 79r, 82v, 83v ecc. ma la forma dialettale fioli 14r, 11r, 16v ecc.; fugli 26v, 27v, 32r ecc. ma foli 51r; Guiglielmo 76v; luglio 11v, 12r, 78v ecc.; mandogli 77v, ma mandonoli 74v; meglio 15v, 26r, 54v ecc.; megliuri 17r, migliori 13r; serraglio 14v; Vercegli 13r; viglia (vigilia) 15r; vogliendo 77r. Villola alterna gl a gli, perciò sono presenti esempi come figlollo, mandogle, migla ma anche bataglia, figlio. 13. GN, NGN, GNI, NGNI, NG La nasale palatale è resa con le grafie gn, ngn, gni, ngni, ng. La grafia ngn, ngni è prevalente, mentre è del tutto assente in Pietro Ramponi e in Villola dove si trova sempre gn. Alcuni esempi: GN ancopagnò 33v; Benvegnudo 62v, bixognò 62r; distegnuti 23v, destignudi 65r; guadagnò 60v; ogni 30v, 59r, ogne 38r; ognon 45v; regnare 145v, regname 42r; vegnudo 22v, 40v, -a 31r, 145v, 58v, -i 67r, -to 63v, -ta 34v, 44v; vergogna 51r. GNI astignimento 36v; Bolognia 16r, 76r, 48r ecc.; bologniesi 21r, 22r; dengnitade 40r; Ispagnia 43v; montagnia 21v; Ravegniani 17v; Rogniadicho (Renatico) 40r; romagnia (rimaneva) 27v; Romagnia 20v; vegnieri (venerdì) 34v, 37v, 51v ecc. vegniri 142v. NGN angni (anni) 37r, 60v, 67v; Angnoli 64r ma Angioli 141v Angiolli 62r; Chungnino, Chungni 33r, Chugnnio 34v (Cluny); co(n)pangnìe 15r, gramgnuole 69v; insengna 80v, 83v; mangnan 63r, 69r; ongni 12r, 15r, 17v ecc. ongne 47v; Vingnon 39v, 40r, 47v ecc.; zungno 51v, 55v. NGNI bisongnie 77r; Codongniola 22v; Folingnio 50v; giungnio 13v, zungnio 14v, 11v, 76v ecc., ziungnio 58v; insengnia 22v; lengnie 24r; mantengnitore 143r; montangnia 22v, 24r; 150

La lingua del manoscritto Savingnio 16v, 21v; Traversangnio 40r; Varigniana 23v; Vingnion 39v, 44r-v, 48r ecc., Vingnione 29r, 44v, 46r ecc.. NG singore 53v, singori 46v, singuri 60v; singoria 82v, 25r; mangani 26r; granguola 79r. 14. TJ Il nesso latino è conservato nella grafia, ma non nella pronuncia (-zi-): benefitiadi 72v; Bonifatio 23v, 25v, 35v ecc.; conditione 24r; datii (dazi) 37r; Villola dacii; etiamdio 77v, 82v, 83v ecc.; executioni 72v; Floremtia 74v; giuriditione 49v, iurisditione 72r; Villola gluridicione; gratia 141r, 63r, 70r ecc., gratie 70v, 71v; inditione 72v; legatione 19v, 39r, 41r; participatione 72r; relevatione 74v; spetiale 72r, spitialità 66v; tribulatione 143r, 58r; co(m)placentia 74r; 15. NTJ Conservato in: absentia 72v; adaerentia 72r, conventione 54v; Innocientio 25v; volentieri 76v, 44r, 56v, volentiera 33r, 47r. 16. Scempie e geminate Nella maggioranza dei casi resta l’incertezza se si tratti di fatto fonetico o semplicemente grafico. B La geminata si conserva in posizione protonica: abbà 70r; in posizione postonica: abbia 13r, 71r, 40r, ecc., abbeno 144v, abbiano 71r; debba 60v, debbia 14v, 23r, 71r, debbe 36v, debbon 63r, debbiano 36v, 37r d[i]bbiano 37r, debbino 37r; dovrebbe 41r; ebbe 15v, 22v 82v ecc., hebbe 76r, ebbela 60r; ebbeno 60v, ebbono 11r, 37v, 78r, ecc.; farebbe 76r; febbraio 11r, 21v, 35r-v ecc., febbraro 43v; febbre 43v; ghabbia 63r, chabbia 64r; potrebbe 20r, 67r; sarebbe 13r, 61r, sarebbono 49v, 67v; tornerebbe 54v; Trebbio 16r; vorrebbeno 53v; tuttavia non mancano casi di scempiamento: abia 11v, chabia 27r, 60v; il più frequente febraio 11r, 16v, 13v ecc.. La scempia si conserva in: rubado 146v, -i 78r, -ti 22v, rubarie 146v; roba 38r sabato 11v, 15r, 16r ecc.; subito 58r-v, 62r, 63v; tuttavia assai più frequenti sono i casi di raddoppiamento che potrebbero nascondere una pronuncia dialettale: robba 25r, 30v, 48r ecc.; robbare 82v, 43r, 142r, robbando 25v, rubbare 62v, rubbadi 61v, rubbato 15r, rubbono 82v, 63v; sabbato (in realtà etimologico dall’ebraico shabbàt, lat. sabbatum).81v, 20r, 21r ecc.; subbito 79v, 41r, 60v. C Velare. La geminata si conserva in posizione protonica: soccorso 46r; becchari 35v; e postonica: roccha 52v. Per ulteriori esempi cfr. Grafia, h. si riduce in posizione protonica in: ficare 29r. a- ( soccorseno 50r), socorso 73v, -a 50r. Da segnalare un caso di raddoppiamento da parte di Pietro Ramponi che deve considerarsi ipercorrettismo grafico: secculare. Palatale. La geminata si conserva in posizione protonica: Acciguidi 17r, 54v; Luccinborgho 49r propriamente è la conservazione di una –ss- o –ks- (x) trasformata in –cc151

La lingua del manoscritto palatale, da Luxemburg, Lussemburgo; occisono 78r; uccise 14r, 38v, uccider 16v, uccisono 11r, 55r; Puccinello 18r; Ricciaro 47r; in alcuni casi è la forma toscana a fare da modello e ad essere conservata: chacciato (< lat. captiare) 79r, 81v ma si riduce in caciati 10v e passa alla dentale in cazato 76r; sospeccione (questa forma è presente anche in toscano: la palatale è rafforzata rispetto al lat. suspicio) 56r; in posizione postonica: ficci 70r. a- ( PR edeffichono 141r ma edefichata 27r; hedifficado 60v. G Velare. Non si registrano casi di raddoppiamento. Si segnala invece lo scempiamento in posizione protonica di agregado 72r. Palatale. In corrispondenza col toscano, la geminata si trova in posizione protonica: apoggiando 17v; maggiore 28r, 33v, maggior 142r ma Magiore, magiore 146r e soprattutto maore 77v, 81r-v, 19v ecc.; reggieno 72v, reggieva 52r, reggievansi 55r; reggitori 34v; veggendo 41r; ma anche postonica: legge 60r; leggie 72v, 74r; lleggiere 17r; loggia 13v; maggio 18v, 62v, 63r, 64v ecc. ma magio 62r, 63r, 66r. Si segnala un caso di ipercorrettismo nel quale non è da escludere una reinterpretazione della parola come composta di brevi + leggi: brevileggi 83v, brivileggii 70v, brevileggio 71r; Scempiamenti. Si segnala, in posizione postonica, Choregio 26v. Altri casi di scempiamento rispetto al toscano, in posizione protonica, regimento 16v, 17r regimenti 60v, 66v, 69r, regiano 63r regean 65r; e postonica lege 27v, 33v, 62r v ecc.; legea 17r; Regere 31v; Regio 28r, Rego 34r. L Tralascio le preposizioni articolate nonché gli articoli e i pronomi soggetti a raddoppiamento fonosintattico.

152

La lingua del manoscritto La geminata si conserva in posizione protonica in: allora 10v, 15v, 37r ecc.; apellare 11v; ballando 35v; bellissimo 33v; bello 79v, 82v, 24v, ecc., bella 15v, 79v, 80r ecc., belle 20v, 22v, 28v ecc.; Belvillano 10r; canciellata 22v, chanciellati 12v; capellano 17v; Chasstellano 11v, 12r, 22r ecc.; chavallette 38r ma chavalette 27v; chavallaria 10r; chollettorale 23r; Crespollano 24r, Crespellano 34r; fallò 18v; revellà 22r, rivellà 19v, rivellato 29v, rivellata 37v; rivellarsi 29r, rivellò 26r, 29r, 31v, rivellono 31v; tolleano 20r, tollesse 18r; velludo 39r; villani 19r, 24v, 25r; corrispondenza col toscano in: allegrezza 17v, 22r, 25r ecc., allegreza 19r(< lat. alacer o *alicer); seppellì (< lat. sepelivit) 82r. Si conserva in posizione postonica in: Angniello 38v, angnello 33v; Asinelli 14r, 67r; barisello 11v, 15r –xello 15v; borgelle 11v; brolla 27v, 38v; bulle 80v; capella 24r; cartiselle 11r, cartixelle 12v; chapanelle 10v; chapella 33r, chapelle 21r, 24v; chapello (cappello) 44v, 53r, 55r; Chasstello 12r, 79v, 19r, ecc. Casstello 17r, 20r, 21v ecc., casstelle 24r, 30v, 34r, chastella 17v, 77v; chavallo 14v, 10v, 15r ecc. chavalli 14r-v, 79v, 80v ecc.; Chiaravalle 13r; cittadella 22v; cordelle 39r; Cortisella 35v; donzelli 28v, 31r, 35v; ello 10r, 15r, 16v ecc., ella 77v, 79v, 20r, ecc., elli 14r, 12r, 77v, ecc., elle 38v; fradello 15r, 39v, fratello 80r, 19v, 27v ecc., ma fratelo 58v, fratelli 13r, 83v, 27v ecc.; ghabella 17r, 24r; giallo 83v; grilli 38v; Iacomello 12v; Manovello 16v, 17v; martello 10r, 23v, 25v; Marzello 35r; Mazarello 16v, 79r, 22r ecc.; mille 28v, 31r; Montecharelli 23r; Mulinella 22r-v, 31v; Musello (Mugello) 37v; novella 11r, 16v, 13v ecc., -e 17v, 32v; Pianelle 21r; Pradello 20v; quello 15r-v, 79v, 80r, ecc. -a 15v, 13v, 76v, ecc., -e 76r, 79r, 80v ecc., quelli 14r-v, 11r-v, 12v ecc., da notare però anche quigli 42v, quilli 143r, quî 79v, 74v; rivello 10r, 77v, ribello 31v, rivelli 25r, ribelli 16v, rivelle 34r-v; Serravalle 22r, 29r; sorella 76v; Spilli 11r-v; ville 37r; vitello 24v. La particella avverbiale di luogo provoca raddoppiamento: morilli 26v; così come il pronome enclitico: circondolla 77r; fe(n)llo 34v; folli (fugli) 82v; scriverollo 40v; nei casi ricieverllo 19v e guardarllo 21v, -a 21r non si tratta di un vero raddoppiamento, ma probabilmente di una pronuncia assimilata (ricévello, guardàllo) con grafia, per così dire, etimologica che conserva la -r- dell’infinito. Alcuni esempi di raddoppiamento fonosintattico: llavorare: a - 13v; lleggiere: a- 17r; Lloiano: da - 14r; Llucha: a - 14v, 82r, 53v, 54r ecc.; Llugho: et a - 79v, andonno a -34r-v. Scempiamento in capanele 14v ma chapanelle 10v; mentre -l- > -ll-, in posizione protonica, Allidoxi 39v ma Alidosi 16v, Alidoxi 27v; Argellada 21v, 74v; argello (argine) 40v; Argille 21v; callò 31v; Millam 19r, Millano 34r, 37r, 60v; Ollivedo 24r; pestillencia 75r; stabillida 13v; vollavano 38v; e postonica aghuilla (aquilla) 40r, aguille 22v; assalliti (VIL assagliti) 19r, assallino 26v, 27r; Danielle 33v, Daniello 33r-v, 34v; golla 27r; milla 58r; Olmedolla 25v; Pollo 39v; Procollo 31v; Ymeldolla 76v. In Ramponi l’uso della geminata è oscillante alora 62r, 65r cavallo 13v, cavalleri 77r, 79v, cavalliero 15v; cavaliero 35v chavaleri 13r; chavalli 79v, chavaleri 81r. Si segnalano inoltre: calluniando, Millano, millia, pellacan, qualle, Spillamberti. Spesso Pietro Ramponi corregge erroneamente Pugliola avvertendo la mancanza di una l: Millano 144v; millia 28v; Monsellexe 12v; altre volte -ll- serve a correggere una grafia errata: chavalleri (BdP cavaglieri) 77v; caporalli (BdP caporani) 16r; gonfallone (BdP gonfanone) 21r. Anche Villola non è estraneo a questi ipercorrettismi: alleto, Bollogna, Bollognixi, Ghixilleri, Mallavolti, Millano, Napulli, povollo, Progollo, villia. Così come Ludovico Ramponi: andolli, ellecto.

153

La lingua del manoscritto M La geminata si conserva in sommo 80r. Altro caso di ipercorrettismo di Pietro Ramponi: diffammati. N La geminata si conserva in posizione protonica: iennaio 81r, giennaio 10v, 16r, ma ienaio 33r, 47r, gienaio 16r, 81r, zenaio 13r, 18r, 67v; Innocientio 25v, -zio 72v; pennone 15r ma penon 22r; e postonica: andonno 17r, 13v, 81r ecc. ma più frequente andono 11r, 13r, 79v, 18r ecc.; anno 82r, 83v, 30r, 60v ecc. anni 81r, 20v, 21v ma ani 58v; atexenno 60v; avennono 17v, avenno 59r, 64v, 73v ma più frequente aveno 23v, 24v, 25r ecc.; chaderanno 16r; convenne 78r, convennono 83r ma convenono 81r; danno 12v, 17v, 13v ecc. ma dano 18r; donna 83v ma dona 18r, 62v; entronno 140r, ma entrono 143v; fanno 13v; funno 15r; Ihoanne 76v; Zoanne 14r-v, 11v, 12r-v ecc. meno frequente Zoane 80r, 21r, 26v, 141r; inganni 50v; madonna 11v; mandonno 77v, 78r ma mandono 14r, 79v, 44v, mandonoli 74v; Nanne 12v, 17r; onne 45v; Ravenna 79v, 83r, 146v ma Ravena 17v, 60r-v; senno 80r; tenne 13r, 76r, 79r ecc. ma tene 29r; tiranno 13r; venne 10r-v, 11v, 12r ecc., vennono 82v, 83r, 141r ma anche vene 15r, 17v, 80r ecc., venono 18v, 29v, 44v ecc.; Vienna 83v. Un caso di scempiamento in posizione protonica: capanele 14v, chapanelle 10v. In un solo caso -n- > -nn- ma questa variante grafica occasionale non dovrebbe corrispondere ad alcuna mutazione fonetica: seconndo 18v. Raddoppiamenti fonosintattici: inn Anchona 33v; innanzi 15v, 16v, 17r ecc.. P La geminata si conserva in posizione protonica: Appiano 70r-v; chappuni 24v; sappiate 16v, 76v, 80r ecc. ma sapiate 13r, 79v, 80r, ecc., sapiano 145v; a- ( -pp- in posizione postonica: doppo 30v, 34v, 36r ecc.; Peppogli 141v; poppulo 74v; ma in un caso anche in protonia: sappiando 22r, 42v, 64r, sappiendo 49v, 52r. Raddopiamenti per fonosintassi: Ppianoro: a - 146v; ppiazza: tré a - 39r; ppié: da - 14v. R La geminata si conserva in posizione protonica: birrovieri 31r; carrozzo 146r; Churrado 10r, 11r; Ferrara 14r, 13v, 77r ecc. ma Ferara 36r, 64r; guerrezare 40v, guerrezavano 77r; riserrò, reserrati 81v, riserrono 22v; serraglio 10r; serrati 16v, serravano 17v, serrò 13v, smarrì, smarrino 10v; sotterrossi 76v; terrazani 17v; terreno 14r, 81r, 30v; terrieri 10v; e postonica: azurro 83v; carro 27r, 67r ma caro 20r, 24r; correre 14v; guerra 14v, 13r, 77v ecc. ma ghuera 38v, guera 48r;

154

La lingua del manoscritto porre 25v, 29r ma pore 60v; Sbarre 11r; socorrere 26v; terra 14v, 10r, 11v ecc. ma tera 31r; torre (togliere) 14r, 76r, 77r ecc.; torre 14r, 11v, 16v ecc.; trarre 18v, 21r; Volterra 11v. Scempiamenti. In posizione protonica: Corezzo 14r, 145v, Corezo 79r; in posizione postonica: Inghiltera 35r. Un caso di raddoppiamento per fonosintassi: Rrimino: da - 77v. S La geminata è conservata in molti casi fra i quali, in posizione protonica: asbassato 15r, sbassati 15r, sbassò 10v; achusasse 36v; assà 23v, assai 82v, 83v, 19r ecc.; assalliti 19r, assalino 26v, 32r; assedo 15v; lassù 14r; mandasseno 33v; massaria 79v; passare 77r, 80r, passasse 17r, 79v, 19v, passasseno 80r, passato 13v, 33v, -i 25r, passavan 78r, passò 78r, 79r, 19v; passazzo 83v, 29r; e postonica: andasseno 12r; cavalchasseno 19v; chassi 28v; Ghalasso 19v, 26r; Grasso 12v, grassi 32v; incontrasse 78v; inpazzasse 27v; Massa 19v; passo 14r-v, 79r, 27r; portasse 30v; raunasse 18r; trasse 10v, 11v, 12r ecc., trasseno 15r (VIL tré, treno!). Scempiamenti. In posizione protonica: asai 42v, 44v, 64r ecc.; asaliti 32r, asallino 26v, 27r, -to 59r; asapere 65v; asedio 77r; Asieme 60v; Asise 71r, Asisi 81v; masaro 74r; pasare 26r, pasado 30r; pasazzo 83v; Pasipovri 63v; Sasuni 10r; Sasuolo 142r, 143r-v, 145r-v; e postonica: traseno 68r. Tuttavia la grafia ss è usata frequentemente per indicare la sibilante dentale sorda, mentre spesso la sonora è indicata con x. Perciò negli esempi sottostanti ss costituisce una variante grafica di s e non ha un diverso valore fonetico rispetto alla semplice, sebbene la frequenza della grafia colla geminata faccia pensare che la pronuncia di questa s anteconosnantica fosse sentita come piuttosto forte. Diffusissimo è l’aggettivo dimostrativo questo, anche nelle forme del femminile e del plurale, prevalente nella grafia quessto 14r, 10v, 11r-v ecc.. Altri esempi, fra i tanti: agossto 12v, ogossto 12v, 15r, 17r-v ecc.; arcivesscovo 10r, vesscovo 76r ma arcivescovo 36r, 55r, vescovo 28v; balesstrono 10v ma balestrieri 79v; basstia 77r ma bastia 24v, 27r, 63v, bastie 18v; Casstello 12r, 17r, Chasstel 16r ma Chastello 79v, 65v, Castello 24r, 43r, 59r, 60v; charesstia 76v; ciasschuno 12v, 16r, 76r ecc.ma ciaschuno 16r, 49v, 51v ecc.; concesstoro 17v; desstriero 12r; fessta 14r, 12v; foresstieri 10v ma forestieri 17v; Francesscho 14v, Franciesschino 16v ma Francescho 16v, 74r, 75r-v ecc.; gosstonno 10r; guassto 11r; guasstare 12r ma guastà 81r, guastono 78r; hosste 14r, 11v, 12v ecc., osste 11r, 13r, 77r ma oste 78r; iusstizia 15v; legissti 17r; Malatessta 77v; nosstro 15v, 16r, 77v, nosstra 12r ma nostro 15v, 16r, 13v ecc.; podesstà 14v, 10r, 11r-v ecc.ma podestà 14v, 76v, 77r ecc.; possta 14r, 76r; tenpessta 15r; Tosschana 146v, 58v ecc. ma Toschana 57r, 145v; tessta 16v ma testa 10v, 13v; tossto 12r, 17v ma tosto 78r; anche davanti a vocale: giunsse 10v; misse 10r, 11r missono 77r; possesse 15v; anche iniziale di parola come variante grafica e non per effetto di fonosintassi: ssingnore 80v; sstare 36v, sstevano 22r; sstato 35v; sstazioni 32v; sstrada 78r; Sschali 28r; ssapesse: che - 30v, ssapiate: e - 33v; ssera: da - 18r; sserà: che -36v; ssi: sì - 10r, che - 11r, 12r-v, e - 12r, 17r ecc., sse 79v, 80v; ss può indicare anche la sibilante alveodentale tipica del parlato locale rispetto all’affricata palatale sorda del toscano: fesse 81r, fesseli 10r (passato remoto). In alcuni casi è Pietro Ramponi a correggere Pugliola dove quest’ultimo ha una semplice: bressaglio 145v; cossì 42r, 145v; credevassi 55r; disevassi 52r; fessi 47r; fossono 46r Partissi 42r partissi 46r; posevassi 22v; sì ssi 50r, 141v. Altri esempi in cui la sibilante dentale sorda è resa normalmente con s: Asti 146r; astignimento 36v; bastanza 35v; bastardo 45v; Castenase 24v; Chastagnolo 63r; Chastrocaro 20v; conestabili 16v; descharigare 20r; distretto 15v; eclesiasticha 72r; estimare 20r; finestre 10r; 155

La lingua del manoscritto investì 75r; maestri 10v; Mastino 77v; mestrale 16r; Ongniasanti 76r; pestillencia 75r; Pistoia 82r; ristituì 34v; Ronchastaldi 66v; soprastiette 142v; vestì 13v, vestisi 14r. T La geminata si conserva in posizione protonica: barattaria 10r; battaglia 12r-v 83r, 27r ecc., battaya 77r; buttare 11v; città 11r, 15r-v, 16r ecc. ma cità 18r, 23v, 60r-v; cittadini 15v, 17v ma citadino 14v, -i 60r-v; dottore 17r, 27v, 33v, 143r, 74r ecc.; fattore 11v; gittare 10r-v, 13v; ottobre 15v, 17v, 77r ecc. ma otobre 18r; settembre 17v, 76r; sotterrà 11v, sotterrossi 76v; trattato 16v, 57v, 62r; vettuvaia 77r, vettuaria 24v, 50v, 61v; in posizione postonica: aletto (eletto) 12r; Benedetto 12v; condotto 15r, -a 13r; dispetto 14r; distretto 15v; ditto 14r, 10r, 11r ecc. ditta 14r, 12v, -i 16v; fatto 14r, 11v, 12r ecc., fatta 16v, 17v, 13r ecc. -i 11r, 12r, 76r ecc., -e 16v; Galeotto 16v, 23r, 37v ecc. ma Galoto 60r; infrascritte 13r, 74r, -i 65v; intraditto 16v, 17v, 19v, -a 16r, -e 16v; lettere 16r, 17v, 19r ecc.; matto 65v; mettere 77r, 21v, 28v ecc. ma meter 76v; notte 11v, 77r-v; otto 17v, 80r-v, 81r ecc.; patti 76r, 33v, 36v ecc.; preditto 16r, 82v, -a 76r, -i 10v, -e 17v; quattro 81v, 20r, 21v ecc. ma quatro 16v, 13r-v, 25v ecc.; rinpetto 77r, 21r, 51v ecc.; rotta 77r, 78r, 18v ecc.; sconfitti 14v, -a 13v, 77r-v, 26v ecc., -i 18v, 41r, 55v; sotto 10v, 12r, 21r ecc.; spidaletto 11v; stettono 17v, 76v, 77r ecc. ma stetono 60r; un ulteriore caso di scempiamento in cui a- (
156

FONETICA

La grafia è fortemente condizionata dalla pronuncia e tende ad adattarsi ad essa con una varietà di soluzioni individuali. Tra queste è possibile distinguere abitudini comuni che mettono in luce tratti caratterizzanti del parlato locale. Vocalismo Tra le vocali toniche a è ben conservata: nell’evoluzione del suffisso -arius si verifica in Pugliola e Pietro Ramponi una leggera oscillazione tra -er- e -ier-, -er- e -ier-, mentre la risoluzione in -ar- prevale su quella in -ai-, soprattutto nei Ramponi e in Villola dove voci come zenaro e febraro sono maggioritarie. Del tutto assente in Friano Ubaldini la desinenza -aio. E breve latina tende a dittongare risolvendosi in ie: il fenomeno è assai diffuso in tutti gli scriventi, specialmente in Pugliola e Pietro Ramponi. L’Ubaldini presenta un ulteriore evoluzione in i. Soprattutto in Friano Ubaldini, sono numerosi i prestiti dal provenzale o dal francese che mostrano il dittongo ie da un’originaria A o Ĕ latina. Più oscillante l’evoluzione di e lunga ed i breve latine. E lunga tende a chiudersi in i provocando anche passaggi di coniugazione. In questi casi è probabile che il fenomeno sia morfologico, diversamente resta difficile determinare se si tratti di un fenomeno esclusivamente fonetico. I breve, in sillaba aperta, talvolta dittonga in ie, talvolta evolve in e, ma anche qui gli esiti sono vari e particolari di ciascuno autore. Ad esempio, in Pugliola è frequentissima l’alternanza fra liga e lega, mentre in Ludovico Ramponi sembra prevalere la seconda, in Friano Ubaldini certamente la prima. Numerosi sono gli esempi di metafonesi, rintracciabili in ogni testo, essendo questo un fenomeno caratteristico del bolognese. In Pugliola alcuni esiti anafonetici sono più saldi e diffusi, perciò se nella sua cronaca si trovano consiglio e famiglia negli altri autori prevalgono esempi come fameglio o conseglio. Nonostante gli scarsi esempi, i lunga latina sembra essere normalmente conservata. O breve latina è ancora conservata ma più frequentemente, in sillaba aperta, dittonga in uo, soprattutto in Pugliola, mentre nell’Ubaldini si registra un’oscillazione tra l’uso della forma dittongata e della forma semplice. Spesso è quest’ultima forma a prevalere, soprattutto tra le parole più comuni come homo/huomo. In questo cronista, in alcuni casi, Ŏ latina evolve fino a chiudersi in u. O lunga è conservata mentre u breve tende ad evolvere in o, sebbene non manchino casi in cui è conservata, in particolare in alcuni latinismi. La metafonesi di o è ancor più frequente e diffusa di quella di e. Anche u breve latina è normalmente conservata. Per ciò che riguarda il vocalismo atono, in posizione protonica va segnalata una particolarità di Pugliola sugli altri scriventi: il passaggio di a ad i per intromissione del prefisso in- nella parola ‘ambasciatore’ che diventa inbassadore. Diversa particolarità fonetica mostra l’Ubaldini nella trasformazione di a protonica in e in posizione interna di alcune parole come, ad esempio, pertì. E passa ad i in posizione iniziale. La parola inglesi, nelle sue varianti grafiche, è sempre scritta da ogni autore con i, solo Pietro Ramponi corregge Pugliola reintegrando e. 161

La lingua del manoscritto Nell’Ubaldini en sia come preposizione sia come prefisso non è mai attestato. Pugliola si mostra più sicuro nella scelta del prefisso ri- mentre nell’Ubaldini si alterna frequentemente a re-. In posizione interna si ha talvolta il passaggio a ie, per analogia con le forme toniche, ma più spesso i si alterna ad e. Solo in Pietro Ramponi si può, forse, riscontrare una maggiore propensione ad i. La preposizione de è usata costantemente da Villola, prevale nell’uso dell’Ubaldini anche come prefisso, mentre in Pugliola e in Ludovico Ramponi de si alterna a di. Pietro Ramponi si dimostra invece costante nell’uso di de al punto da correggere con ostinazione Pugliola sostituendo de- anche al prefisso di-. In alcuni casi e passa ad i o ad o. Il primo fenomeno è attestato frequentemente pure in Villola. Anche in posizione protonica, se i in posizione iniziale è bene conservata, in posizione interna è spesso sostituita da e. La scelta di e è assai più frequente in Pietro Ramponi, anche se non mancano esempi analoghi negli altri autori. Spesso Pietro Ramponi corregge di- in de- mostrando una pronuncia più dialettale rispetto a Pugliola. L’Ubaldini presenta il passaggio ad a nelle forme del verbo ‘meravigliare’. O è di solito conservata, anche se non mancano casi in cui passa ad u. Ciò è vero soprattutto per Pietro Ramponi e Villola, mentre Ludovico Ramponi tende a conservare o dove questi hanno u. U è ugualmente conservata e meno frequenti sono i passaggi ad o, sebbene in Pugliola sia bene attestato il passaggio del prefisso sub- a so-. In merito alle vocali postoniche, degni di nota sono alcuni passaggi suffissali, come -ele da -ile e -evole da -abile. Se tra le vocali finali -a è regolarmente conservata, spesso -e, -i, -o cadono se precedute da consonante nasale o liquida: il fenomeno è comune a tutti gli autori, ma in Villola, Pugliola e nei Ramponi non sono stati riscontrati esempi particolarmente significativi. In questi testi si omette la finale solo quando la scripta italiana (in particolare il tipo toscano) lo permette, cioè quando preceduta da consonante liquida o nasale. Dall’altro lato non mancano, sebbene siano rari, alcuni casi di vocali finali ricostruite allo scopo di italianizzare nella grafia una pronuncia manifestamente dialettale. D’altronde nella pronuncia dialettale certamente le vocali finali cadevano anche se precedute da qualsiasi altra consonante. A confermarlo è Friano Ubaldini che mostra una costante incertezza nella scelta delle vocali finali, spesso lasciando al lettore il compito di aggiungerle, segnalando la loro omissione con un titulus o reintegrandole con esiti non sempre corretti. Consonantismo Nel capitolo riguardante la grafia si è già fatto cenno al fenomeno della degeminazione e all’impossibilità di stabilire con certezza se si tratti di un’incertezza grafica o di un’oscillazione fonetica. Altri fenomeni accomunano tutti gli scriventi e sono tipici dell’area settentrionale: La lenizione intervocalica, ampiamente attestata. Forse solo in Ludovico Ramponi si può notare una maggiore resistenza ad essa, ma non ne è certamente esente. Anche in Friano il fenomeno della lenizione intervocalica della dentale è presente e diffuso, ma in misura minore rispetto, ad esempio, a Pugliola. Questo dato è segno di una maggiore cura ortografica, che talvolta giunge all’eccesso, portando ad ipercorrettismi quali splendito e bantitore. La grafia, perciò, in questo caso tenta di emendare una pronuncia che, evidentemente, veniva sentita come troppo dialettale. 158

La lingua del manoscritto Il passaggio di -n ad -m finale a volte come reale espressione di un fatto fonetico, a volte di un semplice fatto grafico. Probabilmente -m indica la nasale labiale solo quando è seguita da consonante labiale (tipo gram palazzo ecc.), altrimenti indicherà un suono nasale generico, che si può rendere altrettanto bene sia con -n sia con -m. Nel testo dell’Ubaldini il passaggio da -n ad -m in posizione finale è un fenomeno raro rispetto a Pugliola e circoscritto ad alcuni casi spiegabili come risultato di assimilazione, dove perciò la pronuncia è reale. Comune a tutti i cronisti, nell’arco cronologico considerato, la risoluzione di j nella affricata palatale sonora, fin anche nell’affricata dentale sonora (grafia g (+i) o z). Altro tratto comune è la mancata opposizione tra fricativa dentale [s] e palatale [š] sorda, sostituite da un unico suono intermedio, alveopalatale, tipico del bolognese (grafia ss- o -s-). Nel testo di Pugliola la fricativa dentale sonora [z] è generalmente rappresentata con x, più raramente con z, che solitamente indica l’affricata alveolare sorda [ts] e sonora [ds]. Talvolta x è usata per rappresentare anche la fricativa dentale sorda [s] che normalmente è resa con -ss-. Nel testo dell’Ubaldini si può invece scorgere un tentativo di distinguere la sorda dalla sonora alternando s ad x (l’uso della grafia s o z per indicare il suono sonoro [z] è più raro). Se in Villola si può riscontrare una maggiore attenzione nella distinzione del suono sordo da quello sonoro, rappresentati rispettivamente da s e da x, nei Ramponi torna un uso alternato dei due grafemi, indice, forse, di una scarsa coscienza della pronuncia. Infine, all’affricata palatale toscana, sia sorda [tš] sia sonora [dš], corrispondono in bolognese l’affricata dentale sorda [ts] (grafia z) o la fricativa dentale sorda [s] (grafia s o x). Non mancano casi in cui c e g vengono conservati, per lo meno graficamente. Pietro Ramponi sembra mostrarsi più costante nell’uso dell’affricata palatale [tš, dš] piuttosto che della più dialettale affricata dentale [ts, dz]. Lo stesso vale per Friano Ubaldini nel cui testo numerose parole presentano una doppia grafia, alternando c(i) e g(i) a z. Trattandosi di fenomeni comuni a tutti gli scriventi ed ampiamente attestati, non ho aggiunto altri esempi ai già numerosi trovati nel testo di Pugliola se non per segnalare casi singolari riscontrati presso un autore.

159

161

VOCALISMO

Vocali toniche 17. A Per lo più conservata. Nella terza persona del perfetto della prima coniugazione passa ad o: andonno 13v, 81r, 55r; entronno 140r; mandonno 77v, 78r. Per il suffisso -ARIUS si nota una leggera oscillazione fra la risoluzione in -er e in -ier. Nel testo è quest’ultima a prevalere, anche perché le voci sono tutte gallicismi (cfr. anche infra gli esiti di ĕ): balestrieri 79v, 21r, 68r; Bazallero de’ Bazalieri 12v; cancigliero 28v, 34r-v, -i 11r, 31r, canzigliero 30v; chavagliero 42v, cavaglieri 15v, 77r, 79v ecc., cavaleri 20v, cavalliero 15v; destriero 12r, -i 40r; foresstiero 22r, 37r, -i 10v, 29r, 142v ecc.; primeri 16r; quartiero 14r, 29r, 35v, -i 79v, 30r; terrieri 10v. Villola: uficiarii. Spesso la risoluzione in -ar prevale su quella in -ai toscana: bechari 11r, 35v; chartolari 13v; co(n)messari 146r; dinaro 69r, denari 21v, 30r, 36v ecc.; febbraro 43v, febbraro 60v ma febraio 13v, 77v, 81r ecc.; fornari 24v; grondari 20r; ienaro 34v, zenaro 34v, 60v ma iennaio 81r, gienaio 81r, zenaio 13r, 18r ecc.; masaro 74r, 75v; nodaro 75v, -i 10v, -taro 74r, -i 10r-v, 66r, 72v ecc. ma notaio 17r; paro 24v, para 62v. 18. Ĕ Ĕ latina frequentemente dittonga risolvendosi in ie. Nel testo le forme dittongate sono numerose e prevalgono su quelle non dittongate: bien 60v ma ben 12r, 15v, 17r ecc.; brievemente 76r ma brevemente 22v, 24v, 40r ecc; diede 80r, 44r, 144v, diegli 42v, dieno 27v, 41r, 44r ecc. ma deno 50r, 51r, 53v ecc.; diesime 47r; dirieto 33v; drieto 19v, 39r, 44r ecc., indrieto 78r, 26v, 33r-v ecc.; fiero (agg.) 26r, 40r, 43v, -a 81v, 21r, 43v ecc.; grieve 42v; insieme 10v, 77r, 82r ecc.; miezo 26r; piedi 27r, 63r, pie’ 11v, 15r, 77v ecc., piei 20r; Piero 14r, 10r, 11r ecc.; piezzo 73v; Pontriemoli 140r è toscanismo presente anche in Guicciardini; possiede 22r; quartiero 14v, 29r, 30r ecc., -i 79v, 24r, 30r; richiedere 41v, richiede 40r, 45v, 146v; sappiendo 49v, 52r, 66r; siepe 24v; soprastiette 142v; stiette 31r, 37v, 40r ecc., stiettivi 29r, stiettono 145r, 60v ma stete 79v, stette 80r, 82v, 18r ecc., stettono 17v, 77r, 83r ecc.; triegua 30v, 48r, 51r ecc.; utientichi 142v è un ipertoscanismo, anche da ĕ non libera. Non mancano casi in cui ĕ latina non dittonga: indreto 78r, 79v, 83r ecc.; Pedro 64v; undecimo 143r, mentre giente 10v, 12v, 15r ecc; Giesia 144r rappresentano un puro fatto grafico. Pietro Ramponi: bieni, mieio, mieglio, piezo, priego, priega, spierano. Si segnala inoltre Prospierio 60v forma ipertoscanizzata da un possibile *Prosperio (cfr. esiti analoghi come Dionisio) Villola: indredo, inseme ma bieni, viegniri. Ludovico Ramponi: dede, indreto, inseme ma grieve. Sono prestiti dal francese (cfr. anche supra gli esiti di -ARIUS) arcieri 68r; bandiera 15v, 83v, 52v; barbiero 73v, -i 13v; destriero 12r, -i 40r; gonfalonieri 58v, ghonfaloniero 72r, co(n)falloniero 60v; leziero 75r; mestiere 46r, -o 145v; pensieri 56r; ringhiera 17r, 13v, 19r ecc.; riviera 58v; schiera 50v, -e 68v, aschierino 55v (< schera < scara); volentieri 76v, 44r, 56v, -a 33r, 47r.

161

La lingua del manoscritto 19. Ē, Ĭ Ē > i in tri 16r, 17r, 22r ecc.. Villola: apartignise, tignia e altre voci del verbo, mantignirze.

Ludovico Ramponi: tignia. Alcuni mutamenti di coniugazione vedono la desinenza -ire in infiniti della seconda coniugazione latina. Essendo compresenti voci analoghe in cui la desinenza originaria è conservata, è difficile stabilire se si tratti di un fatto esclusivamente fonetico o di una possibile alternanza morfologica: conparire 16v; tegnire 58r, 74r, tenire 62r ma tenere 15v, 13v, 146r; vedire 60v ma vedere 80r; volgea > PR volgiva 81r. Ĭ > ie in contiene 72v ma Pietro Ramponi contene; gievaglie 21r. Ĭ > e Si nota un’oscillazione tra la conservazione ed il passaggio ad e: domenicha 16v, 76v, 22r ecc. ma Dominico 60v; liga 18-v, 19r, 26r ecc. ma lega 14r, 11v, 12v ecc., dengni 17r-v, entro 60v; lengnie 24r; medesimo 80r, 32v, 60v ecc, medesemo 60v, -a 66r; (< lat. met-ipsimus), men 31r, 51r, 55r ecc., meno 80v, 44r-v, 51r ecc.; sengno 14r; insengna 80v, 83v, -ia 22v. Villola: nimixi. Ludovico Ramponi: negra. Alcuni esiti metafonetici di e tonica per influenza di i: Manfridi 62v; misi 10r, 65r, 68r; oderiti 55v; nitti 140r; quigli 42v; tribi 60v. Pietro Ramponi: Bolognisi ma anche Bolognesi; Caniduli, igli, Manfridi, quilli, quisti, parichi, vinti. Villola: digni, Manfridi. Ludovico Ramponi: doviti, prisi, quilli. Ipertoscanismo da ē: sieco 81r. Pietro Ramponi: priete. Anafonesi: famiglia 12r, 31r, 32v ecc., consiglio 14r-v, 11r ecc. anche Villola ha famiglo ma conseglio. Pietro Ramponi conseglio, fameglie, fameglio; Ludovico Ramponi: fameglio. 20. Ī Conservata in: amisi 10v, 12r, 78v ecc; passa ad e in desessi 30v. Villola: nimixi. 21. Ŏ Ŏ seguita da nasale si conserva, ma assai più frequentemente dittonga quando in sillaba aperta, quindi ŏ > uo: fioli 14r, 11r, 16v ecc. ma figliuolo 15v, figliuoli 79r, 82v, 83v ecc.; focho 21v, foco 29r ma fuocho 32v, 42v, 65v ecc., fuochi 65r, 71v; fora 81r, 22v, 24v ecc., fori 18r ma fuora 14v, 77v, 78r ecc., fuori 24r, 141v, 144r ecc.; homo 76r, 45v, 61r, homini 12v, 13r-v, 79v ecc., omo 54v, 144r, omini 35v, 45v, ma anche huomo 11v, 12r, 15r ecc., huomini 11v, 19r, 22v ecc., uomini 51r, 54v, 143r ecc.; logo 83v ma luogo 10r, 12r, 17v ecc., luoghi 75v. Altre forme dittongate: buona 77r, 80r; huove 79r; muovere 53r; nuovamente 71r; nuovo 22v, 146r, -a 13v, -i 69r, 74v; puose 17v, 75v, puosono 78r, puosonsi 13r, 77r; Romangniuoli 14r; terramuoti 73v. Pietro Ramponi: novo, vole ma buono, luogo, può (poi), suole (3° p.s. pres. ind.), vuoglia. In Villola si ha invece il passaggio a uo in luogho, ipertoscanismo in zuoba (giovedì). Ludovico Ramponi: boni ma fuoco, puovolo. Anafonesi, ŏ > u: lungo 146r, 65r, 67r ma longho 67r. 22. Ō, Ŭ Ō è generalmente conservato: persona 11v, 12v, 15r ecc.; raxone 72v, razone 79r ecc. anche seguita da nasale: conditione 24r; mondo 81v, 83r, 20v ecc.; secondo 14r, 15r, 16v ecc. ma con alcune eccezioni acunza 80r, aconzo 76r, 81r, conzo 15v, 17r-v ecc. (< *comptiare). 162

La lingua del manoscritto Pietro Ramponi: assomma; sommo 80r. Ŭ > o in doe 68v, doi 146r; Modena 14r, 81r, 82v ecc.; molti 10v, 28r-v ecc. (multi 47r è esito metafonetico); ogossto 12v, 15r, 17r ecc.. La soluzione in o si conserva anche in iato: so 11r-v, 78v, 81r ecc., soa 80r, 83v, 18r ecc. soe 83v, 60v. Conservato in alcuni latinismi: aducto 33r, 45v, 46r, 47r; conducto 146r, condutta 83r ma condotto > PR condutto 15r; riducto 142r. Pietro Ramponi: dosento, fo, fono, multi, sovra. Villola: doe, Mantoa. Ludovico Ramponi conserva u in funo, fusse. Frequente la metafonesi di o tonica in u: abitaturi 72r; ambassaduri 66v, anbasaduri 28v, inbassaduri 18v, 53r, 54r; ameççaduri 73v; bagurdaduri 35v; canbiaduri 35v; duni 143v; dui 68v, 69r, 75v ecc.; Ganbacurti 55r; guasstaduri 25r, 53r, 145r; mauri 23r, 24r, 27v; nui 50v; peduni 68v; perduni 67v; predicaturi 56r; predichaturi 46r, 56r; rutti 141r; tradituri 144r, 145r; turri 81v. Pietro Ramponi: cunti 60v, nui, Raimundi 70r, signuri, Vescunti. Villola: anbasaduri, arengaduri, baruni, nevudi, priuri, punti levaduri, suni (suoni). Ludovico Ramponi: bagurdi, baruni, dui, levaturi, Pepuli, signuri. 23. Ū Conservata, oltre che nella preposizione cum, in: comun 14r, comune 14r-v, 10r, 11v ecc.; nuda 10v; zungno 51v, 55v. Dittonghi tonici 24. AU AU > o: pocho 22r, 24v, 144r, pogo 22v, -a 32v, -i 31r, 141r, -e 22v, 35v; pochetta 58v. Vocali atone PROTONICHE

25. A Iniziale. Conservata, ma si nota il passaggio ad i per intromissione del prefisso in-: inbassadore 17r, 30v, 47v ecc., inbassadori 17v, 78v, 18v ecc., inbassaduri 18v, 53r, 54r contro ambassadore 14r, 55r-v, 143r, ambasadori 17r, ambassadori 37v, 67v, 70r-v, 71v; ambassaduri 58r, 65v, 66r-v, ambassaria 44v, ambassarie 73r. Interna. Spesso l’abbreviazione indicante per è usata al posto di par. È possibile che non si tratti di un’ambivalenza grafica, ma che per fosse la reale pronuncia visto che ancora oggi, nel dialetto moderno, a in sillaba libera o seguita da liquida tende alla palatalizzazione. Pur tenendo conto del bolognese, p tagliata può significare spesso par in francese e italiano antico ho quindi deciso di sciogliere par: p(ar)tironsene 81r, p(ar)tito 53r; p(ar)te 22r, 23r, 28r, 40v (bol. pert); p(ar)lamento 52v. 26. E Iniziale. Predominante la preposizione in, solo un caso di en: i en sul corriduro 53v. In due casi Pietro Ramponi corregge Pugliola: Inghilesi > PR Enghilesi 55r; Inghilterra > PR Enghilterra 43v. 163

La lingua del manoscritto Assente il prefisso en-. Interna. Si conserva in nevode 67v, nevud 79v; seguri 60v, mentre e passa ad a in danari 35r, 60v; terramuoti (< lat. tĕrrae mōtum) 73v; e passa ad o in consontimento 14r e anche davanti a consonante labiale: doman 18r, domane 81r; domandava 33r; domandò 32v, 48v e altre voci del verbo; domandaxone 77v; romangnia 27v, romasa 27v, 64v, romase 17r, 36v, 38r ecc., -i 39v, romaxe 27v, romaseno 27v, 140r, 141r; romaxe > PR remaxa 38v ma altrove scrive romaxo. In iato e si chiude in i: Lionardo 29v; lione 59v, Lion 60v. Il passaggio da e ad i è attestato in astignimento 36v; destignudi 65r; gittare 10r, 13v; Ravingnana 29v; Vinexia 12v, 15v, ecc, Vinesia 83r-v, 18v ecc., viniziani 11r, 12v, 80v ecc.; vinìa 46v, vinìano 28v. Villola: apartignise, pinitenzia, tignia, tigniano, tignialla, mantignirze, vignise. Per Pietro Ramponi si segnala siecento dove la forma dialettale (bol. sizànt) viene italianizzata con la creazione di un dittongo. In posizione protonica si ha in alcuni casi il passaggio a ie per analogia con le forme con e tonica: viedare 55v, viedato 15r, vietato 81r, viedò 80r, 23v ma vedare 141v e in posizione tonica devedo 37v; in alcuni casi si riscontra un’alternanza tra e ed i: desinare (< fr. disner) 68r, 69v ma desenare 62r; Ordelaffi 20v, 26v, 60v, 75v ma Ordilaffi 73r. Pietro Ramponi: dinaro, persiguitare, siguirà, spiciale, spicialità. Villola: nevode ma malificio e anche maleficio, vistido. Ludovico Ramponi: malifizio, misser. De preposizione prevale di poco su di. È interessante notare come spesso sia Pietro Ramponi a correggere Pugliola trasformando di in de (segnalato nel testo dal neretto). De- prefisso è spesso conservato, ma non mancano casi di passaggio a di-: defender 143r, defesa 74r, defese (sost.) 70v; demoro(n)no 79v ma dimorò 142v; depinto 62r ma dipinzere 143r; desenbre 10r, 15v, 80v ecc. ma disenbre 20r, 41v, 46v ecc.; despetto 75v ma dispetto 14r, 28r, 30r ecc.; destretto 23r, 72r ma distretto 15v, 36v, 37r; difetto 66v; diliberato 58r; disengniono (designarono) 34v; disiderono 44v. Spesso, anche in questo caso, Pietro Ramponi si rivela conservativo correggendo Pugliola: dichiarerò > PR dechiarerò 146r; disenbre > PR desenbre 142v; disertono > PR desertono 51r; dispinte > PR despinte 22v; disposò > PR desposò 56r; disposono > PR desposono 45r. Il prefisso ri- tende invece a prevalere su re-: recevette 60v; remaso 34v ma rimase 78r, 82r, 18r ecc., rimaseno 80v; remossa 22r; reserrati 81v ma riserrò 81v, riserrono 22v; retornava 79v ma ritornare 78r, ritorna 80v, ritornato 13v, ritornò 82v; retrovato 29v ma ritrovò 80v, ritrovono 19r; richiessto 20v; rifermo 17v, rifermò 11r rifermato 16r, 21v; Villola: refermà; rilassata 20v, rilassò 16v; riprendere 79r; risforzare 21r, risporzò 16v, risforzò 21r-v, risforzono 23v; rispondere 16r; risstituì 19v; ritornare 17v, 83r, ritornò 17r, 81r; riusire 81r; rizercando 23v. 27. I Iniziale. Rimane in: inanzi 16v, 17r, 79r ecc.; intrasse 66r, intrato 53v, 62r, -a 39r, intrò 31r, 45r, 49r ecc., introno 77r, 49r, 52r ecc.; insino 28r ma non mancano esempi in cui, per analogia con le forme toniche, avviene il passaggio ad e: entrare 10r, 59v, 19v, entrato 16v, a 81r, 34r, -i 13r, entrò 14r, 16v, 82r ecc.. In alcuni casi si ha il passaggio ad a: anperadrise 50v (potrebbe essere per infl. della pronuncia francese); anzixe 58v, ancisino 75r In un caso si verifica lo stesso fenomeno anche all’interno di parola: incontanente 12r, 16r, 78r ma incontinenti 70r. 164

La lingua del manoscritto Villola: intrada, intrò. Interna. In posizione protonica i è spesso conservata ma non mancano oscillazioni e passaggi ad e: bisongnie 77r, bisongnasse 71r, bisongno 66r, bixognò 60v, 62r; comenzò 18r, 35r ma cominzado 21r, cominzò 15v, 76v, 82r ecc., cominzossi 27r e altre voci del verbo; dengnitade 40r; dissese 12r, 17v, -i 15v, diseva 12v, 77v, disevano 17v, disevasi 13r ma desea 56v, 61v, deseasi 80r; legato 10r, 82v, 18v ecc.; legname 10v; menimato 32v; minaçare 49v, minazzò 44v ma menazavam 60v; minore 46r, Minuri 74r; minuto 32r, 144v, -do 46r; nimisi 30v, 50v, 54r ecc. ma nemisi 37v, 51r, 55v ecc.; sbandezati 16v, 79r, 46r ecc. (In posizione tonica i è conservata: sbanditi. Possibile mutamento per analogia con sbattezzare); uneversità 16r; vettuvaia 77r, vettuaria 25v, 50v, 61v; vinti (venti) 68v; zintura 39r ma centura 39r. Spesso Pietro Ramponi corregge Pugliola, non sempre correttamente: difesa > PR defesa 50r; disevasi > PR desevasi 19v, 43r; disesi > PR dessesi 32v; dissesi > PR desessi 32v. Pietro Ramponi: cardenale, cettadino, simelmente, trebulemo (triboliamo) ma anche un ipertoscanismo: i(m)preisonato 60v. Villola: vituaria ma bexogna, capetanio, ordenamento, ordenade, vendegare. Ludovico Ramponi: cardinale. Il prefisso dis- è generalmente conservato anche se non mancano passaggi a des-: disbrighato 53r; discordia 25v, 67v, -e 65v; discrezione 80r; disdengnio 48r, 59v; disfare 11r, 47v, 64v, disfé 37v, disfennola 41r, disfeno 140r ma desfare 63r, desfacion 65r, desfatte 75v; disonore 15r, 77v; dispiasere 61r; disposò 83r, 23r, 47r ecc. ma despossò 81v, 82v, 83v ecc.; distegnuti 23v ma destene 16v, destignudi 65r; descaxò 43v, desschazato 65r ; descharigare 20r; deschavasse, desschavò 73v; descoperse 62r; despresio 80r. Anche in questo caso Pietro Ramponi corregge Pugliola, sostituendo e ad i, con un esito più vicino al bolognese: dispiacere > PR despiacere 55r. Passaggio ad o davanti a consonante labiale: somigliante 24r, 64r; per assimilazione: Modona 19r. 28. O È generalmente conservato. Si vedano solo alcuni esempi: cominciò 14v; conpagnio 11v; consiglio 14v; molina 21r, -e 24r; montò 78r, 22v; proconsolo 15v. Villola: bonamente. Tuttavia non mancano casi in cui o passa ad u: cumiado 10v; cusì 43v, 143r, 58v, 59r, cussì 55r, 60r-v; mulinari 11v; mugniai 11v (nota); munissterio 51v, 141v; murì 62r, 63r, murisse 65r murissen 65r; nuvità 82r; uccider 16v, uccise 14r, uccisono 14v, 11r e altre voci del verbo ma occisono 78r presente anche la forma ancisino 75r che si trova anche nel toscano. Villola: chumiado, chusì, munari, muntava, murì, nuvitade. Ludovico Ramponi: cossì, morì. Passaggio di o a uo per ipertoscanismo in giuovidì 17v, 81r. 29. U Conservata in: Circumcisione 73r; facultade 72v; multitudine 60v; Mudigliana (Modigliana < lat. Castrum Mutilum) 52v; tribulatione 143r, vittuvaia 78r, vittuvaglia 23v, vittuaria 26r-v, vittuvaria 26v. Passa ad o in: mogliera 42r, 65v, -e 51v, 55v; ositi (corrisponde al tosc. usciti, che peraltro è una trasformazione di esciti, da EXIRE) 73r. Pietro Ramponi conserva in: murmuracion passa ad o in forrore. Villola: chustui. 165

La lingua del manoscritto Ludovico Ramponi: titulo ma chostui. Passaggio di u a e in volentà 66r forse per influenza di volentieri. Il prefisso latino sub- diventa so- in socciedé 20v; socorrere 26r; socorseno 61r, socorso 46r, 73v; soterrà 11v, sotterrarsi 33r, sotterrato 45v, sotterrossi 76v. Pietro Ramponi conserva u in sulevation. POSTONICHE

30. A Passaggio ad i nella terza persona del presente congiuntivo: possino 72v; ricevino 72v. Pietro Ramponi: faccino. 31. E Si segnala per il suffisso -aneo la tendenza al passaggio ad i: chapitaneo 68r ma capitanio 41v, chapitanio 14v, 65r ed anche chapitano 10r, 11r, 12v ecc. con la caduta della postonica; Catanio 11r, Captanio 11r. Pietro Ramponi: dodexe, zovene. Ludovico Ramponi: tolsigli. 32. I Generalmente conservata. Si segnala il passaggio ad e in: redene 47r, 53r. Villola: anema, o. Il suffisso –ile passa ad –ele in valevele 41r. Pietro Ramponi: notabele, utele. In Villola si registra il passaggoin ad o in: homoni. 33. O Conservata in albori 73v. Possibile passaggio ad e, tramite la forma toscana, col cambio di suffisso da -abile a evole in honorevele 74r, sebbene il lat. abbia honorabile(m). Pietro Ramponi: raxonevele. Villola: raxonevelle e anche valevelle. Ludovico Ramponi: valevole. 34. U Conservata in mercuri 28r; populo 14r, 11r, 12r ecc.. Passa ad o in romore 10r-v, 12r, 60v ecc.; FINALI

35. -A Regolarmente conservata. 36. -E, -I, -O Spesso cadono se precedute da consonante nasale o liquida: aven 41r; ben 12r, 15v, 17r ecc.; bon 17r, 76v; dir 40r; Etor 16v; far 26r, 31v, 33v ecc.; fen 24r; furon 12r, 78r; maggior 142r; men 28r, 31r, 51r; par 67r; singnior 51r.

166

La lingua del manoscritto Spesso in bolognese per analogia con forme quali compagnì – compagnia si incontrano desinenze con vocali finali restituite impropriamente, nel tentativo di italianizzare la pronuncia dialettale, è il caso di Olia 49r, 54r attestato anche in Villola. Per casi come doveti 41v, 48v, 49r ecc. e uderiti 54r è possibile che la -i fosse caduta nella pronuncia ma non nella grafia. In effetti la II pers.pl. in -ti è ben attestata in antico emiliano. (Rohlfs II § 531). Non si tratterebbe allora di restituzione scorretta, ma di conservazione di una consuetudine grafica risalente alla pronuncia latina. Analogamente si potrebbero spiegare casi come feci (FECIT) e forsi (FORSITAN) attestati da Pietro Ramponi. Si segnalano inoltre Castenase 24v e per Villola mae (mai). In un caso è Pietro Ramponi a “italianizzare”, con l’aggiunta della vocale finale, una parola dalla veste decisamente dialettale: nevudi 79v. La forma primitiva nevud è uno dei rari casi di resa esatta della pronuncia dialettale. Per lo più ci si attiene alla scripta toscana ovvero alla scripta settentrionale (o a entrambe, qualora coincidano) e si scrivono le vocali finali anche se nel dialetto sono cadute (eccetto dopo liquida o nasale). 37. Indeclinabili Alcuni indeclinabili mostrano la tendenza alla conservazione dell’uscita latina in -a. Negli avverbi: contra 54r, 56v, 57r ecc.; fuora 19r, 20v, 21r ecc.; incontra 35v, 49v, 53r ecc.; oltra 12r, 79v, 80r ecc., holtra 13v. Si segnala inoltre altramente 16v, 63r. (< lat. altera + mente); nell’indefinito qualuncha 72v. (< lat. quale(m) umquam) Pietro Ramponi: fuora, quantoncha. Dittonghi atoni 38. AU Si conserva in alcuni latinismi: autoritade 72v; fraudamete 21v. Risolto in o in ogossto 12v, 15r, 17r ecc.. Risolto in u in uderiti 54r, udirete 57r, udirì 54r, udita 17v; utientichi 142v.

167

CONSONANTISMO Dentali 39. T Intervocalico. Frequente è la lenizione, come è tipico nelle parlate settentrionali (cfr. Rohlfs § 201): cumiado 10v, chomiado 17r, 13v ma chumiato 53r; afalsadore 65r; Agada 24r; ambassadore 14r; inbassadore 17r, 30v, 47v, ecc. -i 17v, 28v, 29r ecc., anbassada 14r; ameççaduri 73r; Argellada 21v, 74v; armada 75r, armadura 25v; assassinadore 65r, 67r; bagurdaduri 35v; Basacomadri 12v; brigada 35v, 59v, 61v ecc., brighade 60r ma brigata 29r, 55v, 56v; chambiadore 74r, chanbiaduri 35v; chavalcada 21v ma chavalchata 10r, chavalcata 17v, 77r, 21r ecc., cavalcata 76v, 77v; cominzado 21r; Conservadore 81v, 43v, 52r, 70v, -i 70r; contrado 78v; conventadi 39r; dottorado 60v; formadigo 24v; fradello 15r, 39v, 60v, 66r ma fratello 40v, 46v, 47r-v, ecc., -i 46v; governadore 27v; guasstaduri 145r, inperadore 19r, 39v, 41v ecc.; inperadrise 50v, 52r, 55v ecc.; lado 145r ma lato 40r, 49v; merchado 63v ma merchatante 37r, mercatanti 35v, merchatantia 46r, -e 41r; Nadale 20r, 71r ma Natale 35r; nadò (nuotò) 60v; Padoa 12v, 41v, 58r, Padova 13r, 82v, 28r ecc.; Pradello 20v; Primadizi 11r; purgadore 63r; rechamadore 62v; Rogniadicho (Renatico) 40r; Sabadini 32r, 42v, 44v; sabbado 20r, 27v ma sabato 11v, 15r, 16r ecc.; sabbato 81v, 20r, 21r ecc.; Salvadigho 144r; soldado 63r ma soldati 44r, 49v; strada 78r, 21r, 24r ecc. ma strata 25r; tratado 16v, 28v, trattado 60v, 62r-v, 63r; tractado 51v ma tractato 42r, 52v, 57v, ecc., trattato 57r; tro(n)badore 62v, 63r; vachado 72r; vescovado 82v, 83v, 38v ecc.; vichariado 72r ma vichariato 41r, 56r. Come si può vedere, anche Pietro Ramponi non è esente dalla pronuncia dialettale che vede la lenizione intervocalica della dentale sorda, tuttavia in alcuni casi si dimostra addirittura conservativo, apportando correzioni dal colorito dialettale alla lezione corretta di Pugliola: aringatori > PR aringaduri 15r con in più la metafonesi; gotata > PR gotada 41v; guasstaturi > PR guasstaduri 25r, 53r. Per Pietro Ramponi si segnalano anche: abbade, brigada, creado, dado, lado, livado, reputado. Al contrario, come reazione ipercorretta alla lenizione, Pietro Ramponi mostra strata 25r e vitteno 60v. La sorda è invece conservata in: afubiature 39r; andato 53r, andata 20r, 28v, 34v ecc.; asoldati 55r; collegati 53v, 140r-v; ducati 48v, 49r; entrata 81r, 28r, 34r, ecc., intrata 39r; faticha 45v; fazata 25v; frati 45v, 51v, 56r; guadang(n)ato 41r; hordinata 55v, ordinatamente 24r, 55v; insengnato 41v; intresschata 12r; legato 41r; pechato 43r, 57r; Predicatori 45v, Predicaturi 56r, Predichaturi 46r; sconsolata 54v; sforzatamente 52r; taiata 16v, 82v; tradituri 145r. La lenizione è frequente nei participi passati: achumiadati 82r; afermado 41r; agregado 72r; apichado 75r, -i 63r, 65r, 67r, appichado 65r ; aproado 72r; armadi 74v ma armati 46v; assendigato 66v; benefitiadi 72v; canpado 63r; chavada 60v; chazzadi 74v ma chacciata 16r; confermado 72v, -e 41v; confinado 69r, -i 75r-v ma confinato 39r; cominzado 21r; dada 58r ma data 22r, 23v, 26r ecc., dato 39r, 46r; decapitadi 62r; deputadi 58r; fermadi 80r; formado 33r; hedifficado 60v; inchatenado 63r; liberado 60v; livadi 48r ma levato 41r; mandado 47v ma mandato 49r, 55r, mandati 28v, 29r, 30v ecc.; menado 63v, -i 23v, 67r ma menati 44r; murado 31v ma murata 44r; nada 41r; ordinado 41r, -a 32v ma ordinato 44v, -e 49v; pasado 30r, passado 60r; paghadi 62r ma pagati 55v; rafermado 42r, rifermado 43r; raunada 77v; ribaltadi 39r; rineghado 41v; riputado 146v; rivelado 29v ma rivellata 37v; rubado 146v, -i 78r, 61r; sagrada 60v; stado 76v, 82r, 54r ecc.; tagliada 63v ma tagliata 23v; testimoniado 23v; tornadi 69r ma ritornati 42v; zudigado 21r ma zudicati 46r, 51v. 169

La lingua del manoscritto Oltre che in quelli già segnalati, la sorda è conservata in altri participi: abitata 44r; aco(n)pag(n)ato 42r, 46v, 47r; afogato 45v; afondato 40r; canciellata 22v; chiamato 39v, -i 51v; dironchata 44r; disbrighato 53r; disscazati 52r; durata 35r, 38v; edefichata 27r; ghuidati 44r, guidati 54v; inchalzati 140v; inpalanchata 27r; intrato 53v; lassato 39v, -i 55v; menzonato 49r, -e 48r; rifermato 45r; rilasata 20v; sbandezati 46r; stato 39r, 41r, 46r-v ecc., stata 77v, 20r, 22v ecc., state 40v, stati 44v; tractata 38v. Anche nell’evoluzione del suffisso –ate(m) è frequente la lenizione: amisstade 44r; autoritade 72v; bontade 51r; cittade 41v, 55r, 56r ecc.; crisstianitade 30r; dengnitade 40r; facultade 72v; infermitade 42v; [ini]misstade 75r; irigularitade 72r; Natevitade 73r; novitade 29v, 31v, 32r ecc.; quantitade 68r, 145r; scuritade 143r; sigurtade 34r, 48r; solepnitade 142v, sollenitade 146v; volontade 56r. Dileguo. Si registrano solo indreo 71v e indrio 82v ( < (IN) DE RETRO). TR. Iniziale. Trata 21r, se fe’ una trata de puovolo che corse a piazza qui il nesso è secondario. Interno. Digrada in: anperadrise 50v, 52r, imperadrise 56r, inperadrise 55v; Basacomadri 12v; Budrio (< Butrium) 18r, 31v; 64r; madre 22r, 70v; padre 79v, 25v, 35v ecc.; Pedro 64v, Piedro 146r, 60v, 69r ecc., Pedruzzo 66r ma Pietro 22r, 26v, 29v ecc., Petronio 70r, 71r, 73r ecc., Petruzzo 144v. Si conserva in: patriarcha 83v, 52r, 59r; patrimonio 39r, 45v; potrave 53v, potrebbe 20r, 67r. Si riduce ad r in porave 38v, 40r, 42v ecc., porria 54v. 40. D Alcuni fenomeni di dileguo : aiutorio 13v, 77r-v, 78v ecc. ma aiiutorio > PR adiutorio 38v; drié 20v, dré 23r, indreo 71v, indrio 82v; ma dredo 37v, 44r, 51v, indreto 78r, 79v, 83r ecc., indrieto 78r, 27r, 33r-v ecc., drieto 19v, 146r, 64v; pe’ 83r, pie’ 11v, 77v, 78v ecc.; raunare 15v, araunare 41v, raonò 140v, raunò 15r, raunada 77v, raunanza 29r, raunasse 18v; traitori 62v. La lenizione intervocalica è un fenomeno caratteristico ed ampiamente attestato delle parlate settentrionali, perciò per Villola riporto solo alcuni esempi fra i numerosi presenti nel testo: dada, confinadi, partida, perduda; aiutorio, crezo, honoradamente. In Ludovico Ramponi forse si può notare una maggiore resistenza alla lenizione dalla quale, però, non è certamente esente: confinadi, nodari ma zudichato, soldati, ordinato. Labiali 41. P Interno intervocalico talvolta degrada nella fricativa sonora: averseno (< lat. aperire) 36r; nevud 79v, nevode 67v ma nepodi 81r, nepote 19v, 21r, 22r, 60v ecc., nepoti 20v, 46v, 60v; Pasipovri 63r; recevette 60v, recevuta 72r, rezeuti 140r, ricevé 82v, ricevuto 35v, ricevetolo 50r, ricevino 72v; saver 30r, 35v, 42r, 46r; savere 33v; ma asapere 65v, assaper 66v, sape 145r, sapea 48r, 52r, 55v, ecc., sapeno 141r, saper 41r-v, 44r-v, 48v, ecc., sapere 32r, 41v, 55r, ecc., sapeva 36v, sapevano 30v, sapesse 30v, 79r, 60v, sapessono 33r. In Pietro Ramponi si ha il passaggio da p a v in adoverare, discoverto, sovra. Anche in Villola si registrano chuverto, overa. PR degrada in avrile 13v, 20r, 22v ecc. ma aprile nella maggioranza dei casi; brevilegio, -ii 72v per incrocio probabile con breve ‘lettera’, ‘documento’ (col quale si concedeva un privilegio); ovra 12r ma opera 19r; sovra 34r, 35v, 48v, sovradicto 68v, sovradicti 36r ma sopra in tutti gli altri casi. Anche Villola ha sovrodicti. 170

La lingua del manoscritto PL conservato interno ed iniziale nei seguenti casi: co(m)placentia 74r; plu 77r. Risolto in pj: apieno 38v, 45v, 54v, appieno 76r, 20r; enpiere 13v; piene 55v; pienissimamente 72v; Pieve 23v, 29r, 71v, 72r; piuvioso 20r; Pietro Ramponi: dopio, pienissima, più. 42. B Interno intervocalico è conservato in debino 37r, 49v, ma debbino 37r, debbiano 37r e anche debba 60v, debbia 14v, 23r, 71r, debbiano 36v, debbe 36v, debbon 63r (il raddoppiam. di b è dovuto a BJ ( nz è centromeridionale (quindi anche toscano), non settentrionale. Frequente il passaggio di –n ad –m finale. In molti casi questo sembra essere un fatto semplicemente grafico, per indicare una nasale indistinta, né labiale né dentale, che viene resa graficamente ora con n ora con m. Si confrontino: Baligam da 51v; Cam + sing(n)ore 36r, lo 39v; chusim perché 65v; eram sì 20r, seguri 60v; gram + gente 14r, festa 14r, compagnia 13v, rico 76r, tenpo 19v, fatto 21v, scorno 58v, vergogna 60v ecc.; menazavam de 60v; Millam sì 19r; posseam far 26r; Sam + Dominico 60v, Lazaro 62r, Zorzo 64r, Franciesscho 65r; Urbam .vio. 60r; voleam che 65r. Anche Pietro Ramponi non è estraneo a questa consuetudine e nel trasformare una frase al plurale aggiunge una m al verbo: ch’el no(n) sapea > ch’eli no(n) sapeam 52r. Inoltre: alcum raxonamento; III pers. pl. dell’imperfetto indicativo: aveam fatto; ascortavam vittuaria; deseam intrare; som quisti; dibiam essere; dibiam levare. In altri casi invece la pronuncia m è reale ed è dovuta ad assimilazione o a fonosintassi, a causa dell’inziale labiale della parola seguente: Cam per 53v; eram messer 26r, più 42r; gram + male 14r, bisongnie 77r, buona 83v, baroni 39v, botte 50r, miracoli 143r ecc.; Sam

171

La lingua del manoscritto + Homobom 12v, Piero 17r, Michele 38r, Mingnato 52v, Mamolo 141v, Procollo 63v; Zam (Gian) Malvzo 10v. Liquide 44. R Passa ad l in albitrio 11r, 22r, 37v, 62v, albori 73v per dissimilazione, come nel tosc. albero. Pietro Ramponi: Catelina. 45. L Passa a r in p[u]brighò 36v, pubrichata 59v. Dilegua in quai 14v, 16r, 17r ecc.. Villola: Romagnoi. Velari 46. C La velare sorda è generalmente conservata, inoltre non bisogna dimenticare i casi in cui questo suono può essere reso graficamente con ch (cfr. § GRAFIA, H). Non mancano comunque casi di lenizione intervocalica: acanpon 75r; acattò 66v; aco(n)pangnare 79v, aconpangniava 14v, -ato 15v, 81r, 22v ecc., -ò 18r, 140r; aconsentire 56v; aconzare 20v, aconcio 17v, 29r, -i 12r, aconzo 76r, 81r, raconzò 82r; acordato 62r, -a 144v; acorse 42v; acunza 80r; amico 14v, 82v, 45v ecc.; aricolse 14r, ricolse 58v, ricolto 24v, 63v, -a 74r; Chastrocaro 20v; decapitadi 62r; Dominico 60v ma Domenigo 14r, 23r; edificato 70r, hedifficado 60v; executioni 72v; facultade 72v; foco 29r; Ganbacurti 55r; Iacomo 14v, 11v, 12v ecc., Iacomello 12v; Lodovico 75r; mercori 17v, 81r, 18r ecc.; miracolo 43r, 59r, 60v, -i 143r; nemico 141v; Nicolò 12r, 82r-v, 36r ecc.; pericolo 81v ma perigolo 79v; picolo 79r; Picolomini 52r; Predicatori 45v, -uri 56r; procazzare 66r, procazzava 65v; Procollo 31v, 63v ma Progolo 79v, 29r, Progollo 31v; proconsolo 14v, 10r, 11v ecc.; procuratore 76r; racomandarli 54v, racomandato 58v, racomandò 60v; rico 76r; ricordava 40r, 54v; ricordo 69v, -i 79r; ricoverò 43v, ricoverono 39r, ricoverarsi 143v; secondo 14r, 15r, 16v ecc., -i 11v, 78v, 81v ecc. ma segondo 37v, 62v, 68r, -a 68r; sieco 81r ma sego 14r, 80rv, 81v ecc.; sindicava 48v ma asindigato 38v, assendigato 66v; singnificava 70r; socorrere 26r, socorso 73v, -a 50r, socorseno 61r; valicoron 25r; vendicarsi 143v; vicario 39r, 47v, 52v ecc.; zudicati 46v, 51v. Altri esempi di lenizione intervocalica: Aguto 141r, 66r; descharigare 20r; digando 22v; 24v, 32r ecc., digo 20r; domeniga 80v, 23r, 28r; Federigo 63r; formadigo 24v; lago 82v; logo 83v; luogo 10r, 12r, 17v ecc.; neguno 36r, 42v, 143v ecc., -a 39r, 52r; Panego 83r; pogo 11r, 15r, 54r, ecc., -a 143r; risegho (rischio, tosc. risico) 79v; seguazi 36r, 49v, 52r ecc.; seguente 15r, 81r, 83r ecc.; seguirà 39v, 40v; seguri 60v; sigurtade 34r, 48r; sindago 15v, sinigo 17r; zudigado 21r. Ancora in un caso Ramponi corregge Pugliola attenendosi ad una pronuncia dialettale: secondo > PR segondo 19r. Anche tra gli altri autori, per le velari, così come per le dentali, è diffusa la lenizione intervocalica. Villola: logo, Ghiexia, gliexia, Predegauri, predegaore, predigò, segondi. Ipercorrettismo: Gonzacha. Ludovico Ramponi: segho, segondi, domenegha. CR. Iniziale. Si conserva la sorda iniziale: credere 33v, crede 48v, credé 78r, credea 37r, 42r, credeva 44r, crederave 33v, credo 31r, credevasi 48r e altre voci del verbo; Crema 13r; creminali 37v; Cremona 13r, 26v; creò 73r; Crespelano 30r, 34r, Crespollano 24r; cressé 40r; 172

La lingua del manoscritto Crevalcore 21r, 26r-v, 29r ecc.; cristiano 41v, crisstianitade 30r; croce 18r, 20v, 33r, crocie 13v, 83v, 29r, crose 33r, 67r; croci 83v; crudele 43r; ma non mancano casi di sonorizzazione: Giesia 144r (con palatalizzazione di -CL-, naturalmente), grida (sost.) 22r-v, 31r, 34v ecc.; gridare 15r, gridando 12r, 15r, 22v, gridava 15r, gridavan 15r, gridati 16v, gridò 22r e altre voci del verbo. Interno. Presente in forme intatte: decrestalissti 17r, decretale 66v; sacristia 70r; secreto 28v; Sepolcro 82v, 29r, 51v; e sonorizzate: lagrimava 54v; sagrà 78v, sagrada 60v, sagrò 82r, 20v; sagramento 34r. CL. Conservato solo in un caso: eclesiasticha 72r. Normalmente si ha una risoluzione in /ki/, che è l’esito toscano, mentre quello bol. (e settentrionale in genere) sarebbe č, sia in posizione iniziale: chiamare 11v, -ato 78v, 22v, -ava 13v, 23r, 38v e altre forme del verbo; Chiaravalle 13r; chiarificò 25v; Chiarissimi 21r; chiaro 18v, 68v, 71v, -i 39v, -e 23v; chiavi 76r, 22r, 33v; Chiexa 15v, 76r, 78v ecc.; sia interna: aparechiamento 77v, 20r, apparechiano 49v; dichiarerà 53r, -ò 146v, dichiarato 145v; Schiavonia 18r. CS. Interno. Evolve in ss. Poiché il bolognese non conosce opposizione sibil. palatale – sib. dentale, questa grafia corrisponde ad una sibilante alveopalatale: lassò 76v, lassato 32r, 39v, 58v, lassava 33r, 144v, rilassò 16v, rilassono 25r; nassere 68v; ussire 38r, 48r, ussiron 56v, ussì 77v, ussito 32v, ussita 76v, 18r, 25v ecc., ussiti 79r. CT. Si conserva come solo fatto grafico in alcuni latinismi, tuttavia a volte c si assimila a t (cfr. § GRAFIA) dando una t doppia che a volte si semplifica. Si vedano oltre agli esempi già citati: aletto 12r, eletto 53r, 55r, 70r; aspettò 77v, 53r, aspettavamo 68r, aspettavasse 70r; chollettorale 23r; lettere 14r, 16r, 17v ecc.; letto 70v. NCT. Non è attestato; il Sancto 46v, 54v, 74v che si trova nella trascrizione è scioglimento dell’abbreviazione sco con titulus. Normalmente si trova scritto per esteso santo 11r, 12r, 15r ecc, -a 10r, 22r-v, 23r ecc., -i 62v, 67r, 70v, Santissimo 25v, 53v, 143r ecc.. 47. G La velare sonora è generalmente conservata e non si registrano casi di dileguo. GL. Si segnala per Villola gluridicione. È probabilmente una svista di scrittura. Si potrebbe pensare, volendo, a un ipercorrettismo: poiché GL- latino dà in bolognese ğ(GLAREA ‘ghiaia’ > ğæra), Villola potrebbe aver sentito giuridicione come pronuncia dialettale e aver ‘restaurato’ una immaginaria forma con gl-. GR. Conservato in negro 142v, -a 43r, -e 15v ma Nero 10v, 12v; Sassonegro 60v. 48. QU Si segnala la perdita dell’elemento labiale in qualuncha (< qualis umquam) 72v. Villola: chesta. Fricative dentali e palatali 49. Pronuncia e grafia bolognesi Alla fricativa palatale sorda del toscano corrisponde la fricativa dentale sonora del parlato locale. Questo suono può essere reso graficamente con x e con s. Oltre a paxe si segnalano: aduxeano 24v; Conselexe 60v; dexembre 15v ma anche desembre 71v, disembre 74v, desenbre 10r, desenbre 80v, disenbre 20r, 41v; dixea 61v ma anche disea 19r, 20r, 21r ecc.; duxe 38v, 66r; faseva 81v; Felixe 70r, 71v; Medexina 72r, Medixina 11r ma anche Medisina 55r, 65v,

173

La lingua del manoscritto 71v; Monselexe 12v; Noxe 79v, noxe 73v; Oxelletti 74v; piaxea 47v ma anche piasere 142v, 66r; piase 33v, 43r, 45v, piasea 47v, piasevile 33v; zudixe 12v. Altri esempi con s: amisi 75r-v; Basacomadri 12v; noseva 145v; Piasensa 16v, -za 26v; dispiasere 61r-v; Visenza > PR Vizenza 51r. Il suono fricativo palatale sonoro che il toscano rende graficamente con -g(i) + vocale (grafia dalla quale proviene l’attuale pronuncia affricata dell’italiano) è reso da Pugliola con x. Oltre a caxone: barixello 15v; Hostixiam 74v; Hosstaxie 83r; palaxio 11r-v, 15r, 74v, 79v, 81v, 82r, 83r, palaxo 10r; Partexani 75v; reformaxone 66r; ma anche con s: barisello 11v, 15r; confermasone 15r; palaso 10r; rasonare 79r, rasonava 77v, 80r, rasonato 17r, rasone 78v, rasonò 80r; e con z: pasazzo 83v. La grafia toscana è presente in cagione 28r; p(ri)gione 46r. Il bolognese non conosce l’opposizione fra fricativa dentale sorda e fricativa palatale; ha un’unica fricativa alveopalatale spesso resa con -ss-. Il fenomeno è quindi fonetico e non solo grafico. Alcuni esempi: Altopasso 28r; ambassadore 14r; inbassadore 17r, 30v, 47v, ecc. -i 17v, 28v, 29r ecc., anbassada 14r, anbassaria 50v, -e 39v, 44v; Assensione 67r, Assensone 71r; Bressia 15v, 13r, Bressa 68v; fassi 24v; lassò 76v, lassato 32r, 39v, 58v, lassava 33r, 144v, rilassò 16v, rilassono 25r; nassere 68v; pesse 13v, 24v; possa 11r, 17v, 13v ecc.; resussitò 75r, risussitato 75r; ussire 38r, 48r, ussiron 56v, ussì 77v, ussito 32v, ussita 76v, 18r, 25v ecc., ussiti 79r; ma non mancano esempi in cui -sc- > -s-: ambasadori 17r, anbasadori 34v, 65v, anbasaduri 28v, inbasadori 16r; bison 22v lasato 10v; Nasimben 63r; Sensione (Ascensione) 20v, 39v; strasinato 21r, -i 11v. Fricative labiodentali 50. F e V Da segnalare il passaggio di v a b in zoba 19v, 27r ecc., zobia 47r, 49r ecc.. In Villola si ha lo scambio di f con v in Pandolvo. FL. Si conserva in: Flieso 11v; Florentini 78r; Florenza 81v, Floremtia 74v; ma più frequenti i casi di risoluzione in fi: Fiorentini 14r-v, 10r, 11r ecc.; Fiorenza 66r, 78v, 79v ecc., e 13r, 76r, 77r ecc.; Fiorino 28r, -i 21v, 54v; fiume 68r-v. Anche in Villola si trova Florenza. Affricate palatali 51. Esiti di C (+ E, I) latina e C palatale toscana. Iniziale davanti ad e ed i. Frequente il passaggio all’affricata dentale sorda resa graficamente con z, non mancano però esempi in cui c è conservata, almeno graficamente: ze 22r, 41v, 143r ecc., zi 41r, 55v, 140r ecc. ma ce 24v, 60v; Zelesstrini 51v; zendale 14r; Zento 45r, 71v ma Cento 10v, 11v, 12v ecc.; zenza 16v, ma senza 17r, 78v; zercando 42v; zerchando 32v; zerchie 47r; zerne 21r, 26r; zertamente 58r, 59r; zerto 30r, 32r, 40r ecc., -a 34v, 38v, 43v, ecc., -i 29r, 31r-v, 39r ecc. ma certo 18r, certa 48v, 63v, certi 12r, 26r, 62v, cierti 11v, 17v; Zesena 20v, Zisena 20v ma Cesena 80r, 60v, Cisena 76v, 80r; zesterna (cisterna) 38v; zintura 39r ma centura 39r; Zipri 43v, Ziprio 51r; zittà 45v, 143r, 144v, ecc., zittadini 24v, 29r, 44r ecc. ma città 11r, 15r-v, 16r ecc., citadino 14v, -i 15v, 17v, 22r; zò (ciò) 10r-v, 12r, 15v, 16v ecc. ma ciò 12r-v, 16r, 17r ecc.. Si ha il passaggio alla dentale anche nei casi in cui si ha c palatale anche davanti ad a: za (qua) 25v, 30r, 37r ecc; zanza 80r, 65r; zasschuno 10v, 15r, 17r ecc. ma ciasschuno 12v, 16r, 18r ecc.. 174

La lingua del manoscritto Interno intervocalico. Anche qui si trova l’affricata dentale come in toscano resa con z, ma in verità a Bologna questa consonante è pronunciata come fricativa postdentale o addirittura interdentale: brazo 11v, brazzo 18r, 146v; chazare 42v, chazato 11v, 12r, 76r, -i 38v; desschazato 65r; disscazati 52r; dizan 41r; eziamdio 15r; fazata 25v; fazza (verbo) 54v, 60r, 74r; glaza 35r; inpazare 60v, s’inpazzasse 27v, inpazarsi 61v; inpazava 43r, 45v, 49v; iusstizia 15v; malefizii 11r; menazavam 60v; Primadizi 11r; procazzare 66r, -ava 65v; Rezzano 140r-v, 141r, 142v; scharamuzza 61v; scomunichazione 16r; spezialmente 10v; stazzone 13v; strazado 146r; strazaruolo 74r, -olo 75v; ufizio 16v; Ughizzuolo 12v; Pietro Ramponi: piazza (piaccia). Valore palatale anche per fecono 10r. Frequente la grafia cie ad indicare suono palatale, ma minoritaria rispetto al semplice ce di cui costituisce una variante grafica ma non fonetica. Solo alcuni esempi: andiamociene 12r; chanciellati 12v; cierti 11v; faciendo 10v; piaciesse 14r. Frequente è l’evoluzione dialettale in fricativa dentale sonora resa graficamente con x: aduxeano 24v; Conselexe 60v; dexembre 15v ma desembre 71v disembre 74v, desenbre 10r, desenbre 80v, disenbre 20r, 41v; dixea 61v; duxe 38v, 66r; Felixe 70r, 71v; Medixina 11r; Medexina 72r; Monselexe 12v; Noxe 79v, noxe 73v; Oxelletti 74v; piaxea 47v; pudixe 12v; paxe 14v, 18v, 33r ecc.; caxone 14r, 10r-v ecc.; o con s: amisi 75r-v; Medisina 55r, 65v, 71v; noseva 145v; disea 19r, 20r, 21r ecc.; Piasenza 26v; piasere 142v, 66r; piase 33v;43r, 45v, piasea 47v; dispiasere 61r-v; piasevile 33v. Solo in un caso la grafia -ss- riproduce un suono sordo: fesse 15v, fesseli 10r. Preceduto da liquida o nasale. Passaggio all’affricata dentale sorda: aconzare 20v, aconzarse 32r, aconzo 76r; cominzare 65v, cominzado 21r, -to 27r, cominzamento 35r, 66r, cominzasse 71r, -eno 60v, cominzava 57v, 65v, cominzò 15v, 76v, 82r ecc.; conzo 15v, 17r-v ecc., conzati 69r; Franza 28v, 31r, 35r ecc.; inperzò 12v; lanza 60v; merzaro 75v; perzò 12r, 13r, 78v ecc.; provinza 28v; Pulzano 53r; Sonzino 13r. 52. Esiti di G (+ E, I) latina e G palatale francese. Iniziale. Frequente il passaggio all’affricata alveolare sonora resa graficamente con z, ma in molte parole g è conservata: zelo 43v ma gelo 35r; zenaio 13r, 18r, zenaro 20r, 21r, 33v ecc.; zenerale 70r, 72r ma generale 12v, 72v, gienerale 15r, 76r, 78v ecc.; zeneralmente 43v, 47v ma generalmente 43v, 49v, 143r; Zenova 83r, 44v, 58v, -a 41v, Zenovesi 42r, 45r, 48r ecc. ma Gienovesi 41v, 58r; zente 21v, 22r, 25r ecc. ma gente 14r-v, 10v, 11v ecc., genti 13v, 77r, giente 10v, 12v, 15r ecc.; zentile 82v; zentiluomini 23r, 29r, 33v ecc. ma gentiluomini 14r; Zeronimo 62r; zesse 145v, zeva 24r, 40r, ziva > PR zeva 55r ma geano 38r; zire 43v, 145v, 60r, ecc., ziano 143r, ziva 54v, zirà 73r, ziravano 49v, zito 40r, -a 58v, 42r ma gisse 42r ma gire 12r, 77r, 79v ecc., gi 40r, gisse 13v, givano 17v, gievaglie 21r; zirone 29r; ziungnio 58v, zungnio14v ma giungnio 13v, 45r, giungno 73v; Zoanne 14r-v, 11v, 12r ecc.; Zordano 14v; zudixe 12v; zusstizia 146v ma giustisia 81v, giusstizie 29v; inoltre già 10v; giallo 83v; giennaio 10v, 16r, 81r; Giorgio 74v; gittare 10r, 13v; giù 81r; Giubileo 71r; giunsse 10v, giunsono 17v; giuriditione 49v, -atione 50v. Si segnala anche davanti ad a: zà (già) 78r, 81r, 19v ecc.. Anche per Villola e Ludovico Ramponi si segnala zallo. Pietro Ramponi: zorni; valore palatale anche per rego 34r e congungere. Interno. Stessi esiti dell’iniziale di parola: amorezzava 146v; Charavazzo 13r; Chiozza 58r, 59r; chollezii 65r; Corezo 14r, 76v; danezarli 145r; favorezzava 48v; Fazuola 46v; guerrezare 40v, 41v, guerrezava 143v, 145r, guerrezzavano 73v, -zavano 77r; leziero 75r; lezzier (leggere) 175

La lingua del manoscritto 49r; lozza 13v; manzare 81v, manzato 59r; mazo 78v, 27v, 28r ecc. ma magio 62r, 63r, 66r, maggio 18v, 62v, 63r ecc.; mazore 27r, 65r ma maggiore 28r, 33v, 146r, Magiore 146r; Samoza 24r, 25r, Samuoza 67r; sbandezzato 22r; sing(n)orezza 145v, -are 44v; vantazzo 11v; zusstizia 146v; inoltre cagione 28r; inmagine 25v, inmasine > PR inmagene 35v; inmagino 38v; pagina 72v. In alcuni casi avviene il passaggio alla sibilante dentale sonora: Anbruosio 41v; artisiani 72r, 75r; asio 57r; disasio 140r, disasii 68v; disasio 51r; malasio 46r; provision 36v, -ne 37r, 51v, provisionati 140r; Trivisio 50r, Treviso 145r. In questo caso Pietro Ramponi sembra mostrarsi più costante nell’uso dell’affricata palatale piuttosto che della più dialettale affricata dentale. Semivocali e nessi consonantici 53. J Iniziale. Conservato in alcuni latinismi: Iacomo 14v, 11v, 17r ecc., Iacomello 12v; iennaio 81r, 33r, 53r, ienaio 33r, 47r, iennaro 33r, ienaro 33v (PR > zenaro), 34v; Ierusalem, -xalem 145v; Iesù 60v; Iobazi 16v (probabile errore di lettura di BdP); Iohanne 776v, Iohanni 28r, 45v, 52v ecc., Iohanna 53v; iubileo 72v ma giubileo 71r; iudicato 27r; iurisdizione 18r, iurisditione 72r, iuridizione 44r; iusticia 60v, iusstizia 72r; oltre che in Iafet 17r. Di norma è risolto nella affricata dentale sonora resa graficamente con z, tuttavia non mancano forme toscane con affricata palatale resa con g (+i): già 10v; giallo (ant. fr. jalne < lat. (I sec.) galbinus (galbus)) 83v; gienaio 81r; gittare 10r, 13v; giuriditione 49v, giuridizione 50v; giusstizie 29v; zà (già) 78r, 81r, 19v ecc.; zenaio 13r, 18r, zenaro 20r, 21r, 34v ecc., zennaro 39r; zito 40r, 42r, -a 57v; ziungnio 58v, zugnio 18v, zugno 28v, zugn(n)o 28r, zungnio 14v, 11v, 76v ecc., zungno 51v, 55v ma giungnio 13v, giungno 45r, 73v; Zoanne 14r-v, 11v, 12r ecc.; zoba 19v, 27r, zobia 47r, 49r, 53r ecc. ma giovidì 13v, giuovidì 29r, 69r, giuoba 141v; zovane 145v, zovani 39v; zudixe 12v; zunse 81r, 35v, 39v ecc., zunseno 142r, zunto 62r, -a 142v, -i 55v ma giunsse 10v, giunssono 17v; a- (< AD) azunzere 140v, azunto (PR > conzunto) 40r, azunseno 40v. Interno. Si conserva, oltre che in iennaio e nelle sue varianti, in: febraio 77v, 81r, 83v ecc. qui è da -RJ-, ed è notevole la forma toscana -aio anziché quella settentrionale -aro; maiore 77v, 19r, 28v ecc.; maio 23r; Maiolicha 42r. Risolto nella affricata dentale sonora resa graficamente con z o nell’affricata palatale resa con g (+i): mazo 78v, 27v, 28r ecc. ma magio 62r, 63r, 66r, maggio 18v, 62v, 63r ecc.; mazore 27r, 65r ma maggiore 28r, 33v, 146r, Magiore 146r; pizore 54r. 54. CJ Risolto nell’affricata dentale sorda resa graficamente con -z- o con -ç-: brazo 11v, brazzo 18r, 146v; fazata 25v; fazendo 35v, 57v; fazza (3 p.s. cong. pres.) 54v, 60r, 74r; minaçare 49v, menazavam 60v; Ughizone 46v. In alcuni esiti semidotti j è conservato: benefizio 71r, -i 72v; Bonifazio 82r, 63r, 70r ecc.; malifizio 31r, 42v, -i 11r, 31r; speziale (< lat. speciālis) 76r, spezialmente 10v, 22v, 72v; speziali (< lat. speciēs) 13v, 35v; ufiziale 31r, 38v, 48v, -i 24r, 146v, 72r; ufizio 16v, 18r, 20r ecc., ufizii 45v, ofizii 74r-v. 55. NCJ

176

La lingua del manoscritto Stessa evoluzione in z anche per -ncj-: Franza 28v, 31r, 35r ecc. ma Francia 43v, Franciesscho 19v, 21r, 36r ecc.; provinza 28v; Sonzino 13r. 56. DJ Risolto nell’affricata dentale sonora resa graficamente con z (o ç): crezzo 54r, 55v, 57v ecc.; crezendo 68v. Villola: crezo. (< lat. *CREDEO analogico su TIMEO ecc. (con metaplasmo di coniugazione); quindi -DE- > -DJ-); mezo 28v, 31r, 140v, -zzo 77v, 83r, -a 16v, -za 13v; mezzano 27v; pozzo 18r, pozzolo 23v (< lat. podium); vezzendo 61v, 64v, veççuda 58r ma vedere 80r, 20r, 42r, ecc., vedando 75r, vedesse 78r, vedire 60v e altre voci del verbo le forme con z/ç (affricata dentale sonora) sono analogiche su quelle provenienti da VIDEO, VIDEAM, VIDEAT ecc. (tosc. veggio, veggia). Verbi terminanti col suffisso -eggiare (< -idiare): amorezzava 146v; danezarli 145r; favorezzava 48v; guerrezare 40v, 41v, guerrezava 143v, 145r, guerrezzavano 73v, -zavano 77r. Da considerare a parte il caso di axio 61v, 145v, azio (cfr. prov. aize < lat. tardo adjacē(n)s) 143v, malasio 46r. Si tratta di un gallicismo (dal fr. aise o dal prov. aize o aise, sempre pronunciato con s sonora), che in toscano dà agio, con fricativa (non affricata) palatale sonora (ž). Perciò credo che in bolognese la pronuncia non possa essere che con s sonora. Noglia (Prov. noja, enoja der. di enojar < lat. tardo inodiāre) 58v è invece ipertoscanismo basato sulla corrispondenza tosc. battaglia - bol. bataja e sim.. Per Pietro Ramponi si segnala adiutare, probab. latinismo (intensivo di ADIUVARE). 57. NDJ vergogna (< lat. verecundia) 51r. 58. LJ e NJ Il primo si trova normalmente nella grafia gli in alternanza con l(l)i, ma si ha talvolta il passaggio alla semivocalizzazione con grafia i o y, il secondo ricorre nelle grafie ng, gng, gn (cfr. § GRAFIA, nessi). In alcuni casi la grafia gl si alterna ad ll così come gn (o ngn, ng) si alterna ad nn (es. cavagli/cavalli, agni/anni). In effetti, la palatalizzazione di nn seguita da i è frequente nell’italia settentrionale (ROHLFS, I, §237) e si verifica anche per altre consonanti (ROHLFS, II, §375), è possibile quindi che le grafie l(l)i o nn nascondano un suono palatale o, al contrario, stiano ad indicare un semplice raddoppiamento, uno sforzo nella pronuncia. E’ molto probabile che le due pronunce si alternassero, risulta perciò difficile affermare con sicurezza che le grafie l(l)i e nn corrispondano ad una pronuncia palatale. 58.1. LJ Conservato in: Italia 23r, 44r; Marsilia 44v. Risolto nella grafia gli: battaglia 12r-v, 83r, 27r ecc. ma battaya 77r (< lat. tardo battuālia); cavaglieri 15v, 77r-v, chavagli 142r, 64v, 68r ma cavalli 61v, chavalli 14r, 64v, 68r ecc., chavalieri 35v, cavalleri 77r, 79v, cavalliero 15v; consiglio 14r-v, 11r, 15r ecc. ma conziliato 74r; doglia 45v; famiglia 12r, 31r, 32v ecc., famiglie 36v, 37r; famiglio 21v, 45v, 52v, famigli 10v, 26r; figliuolo 15v, figliuoli 79r, 82v, 83v ecc. ma la forma dialettale fioli 14r, 11r, 16v ecc.; luglio 11v, 12r, 78v ecc. ma luio 11v, 81v, 83r ecc.; meglio 15v, 26r, 54v ecc.; megliuri 17r, migliori 13r; miglia 80r, 81v, 141v ecc., migliaia 42r, ma milia 17v, 77v, 21v ecc., miliaia 48v, miliara 49r; paglia 24v; Puglia 23r, 27v, 28v ecc.; simigliante 34r, somigliante 24r, 64r; tagliata 23v, 63r-v, -i 81v ma taiare 82v, 24v, taiata 16v, 82v; viglia 15r, 81v ma vilia 20r; vittuvaglia 23v ma vettuvaia 77r, vittuvaia 78r; 177

La lingua del manoscritto Si ha il passaggio al suono palatale anche per il pronome enclitico –li (< -ILLI): fugli 26v, 27v, 32r ecc. ma foli 51r; mandogli 77v, ma mandonoli 74v. Si ha il passaggio alla semiconsonante [j] in: atanaiato 27r; battaya 77r; Casaia 19v; Chanpogaiano 19v; la forma attuale Campogalliano probabilmente ripristina la forma latina. La pronuncia doveva essere passata alla liquida palatale (Campogagliano) e poi alla semiconsonante [j] (Campogaiano). Formaini 12r; luio 11v, 81v, 83r ecc.; taiare 82v, 24v, taiata 16v, 82v; vettuvaia 77r, vittuvaia 78r. La stessa incertezza procura Villola che riporta casi come asaglidi, fradegli, Pepogli, insieme a chavalliero. Inoltre assai frequente è il passaggio alla semiconsonante [j]: andoie, conseieri, dii, fiioy, Guielmo, taià, taiare, vuiando, voiudo. Pietro Ramponi: romagniglie (vi rimase), ottegnire. Ludovico Ramponi presenta Savoglia (Savoia) e l’alternanza fugli/fulli. 58.2. NJ Risolto nella nasale palatale: aco(m)pangnare 79v, 35v e altre voci del verbo rese con diverse grafie; bisongnie 77r (< fr. ant. besoigne < franc. *bisunnia (da sunnia fr. soin)); conpangnio 34v, chonpangni 142r, conpangni 60v, co(n)pangnia 14r, 11r, 13r ecc., -ie 27v, 31v, 36r ecc.; giungnio 13v, zungnio 14v, 11v, 76v ecc., ziungnio 58v, zugno 28v, zugn(n)o 28r.; guadangniare 20r, guadangnio 51r, la Mangna 66r; ogni 30v, 59r, ogne 38r, ongni 12r, 15r, 17v ecc. ongne 47v; ognon 45v, ongnomo 40r, ongnuomo 54v ma onne homo 45v; Migniato 77r, 56r, 57r; Villola Miniato mungniaro 24r (< a. fr. mounier < lat. tardo molīnārius); Romagnia 20v; signiore 22r, 53v, -i 47r; signiorezza 145v; singnior 77r, 51r, singniori 14r, 82v, 18r, ecc., -e 13r, 77r-v, 80r ecc.; singnioria 11r, 20v, 33v. Talvolta la palatale è estesa alle forme di alcuni verbi: avengnia 75r; mantengnitore 143r ma mantinia 146v; rimangnia 38v, romagnia (rimaneva) 27v; tegnea 34v, 37v, 52v, tegnea 34v, 52v, tegnuda 39r ma tenia 50r, 59r-v; vengnire 54r, 60v, 63r, ecc., vengnia 36r, 55r, 64r, ecc., vengniando 21v, 43r, 45v, ecc., vengniendo 77v, 29r, 141r, vengniono 60v, vengniudo 63v, vengniuda 34v, 35r, -ta 146r, -ti 58r ma venia 10v, 15r, 21r ecc., vinia 46v, veniano 24v, 31r, 62v, viniano 28v; vogliendo 77r; oltre che ad alcuni sostantivi: angni (anni) 37r, 60v, 67v ma anni 81r, 20v, 21v; vegnieri (venerdì) 34v, 37v, 51v ecc. vegniri 142v. Anche Villola presenta casi analoghi di palatalizzazione, come agni, vignire, vignise, vignuda, mentre Ludovico Ramponi riporta venuta. Pietro Ramponi: Convenìgli 17r, egli 58v, gli (art. li) 74r, foglie (li fu) 75r. 59. TJ Quando –ti- è conservato, lo è solo nella grafia, la pronuncia è -zi-. (salvo in merchatantia 46r, -e 41r, merchetantia 52r, -e 53v; accentato –tìa, con iato, quindi non è da TJ e va pronunciato effettivamente mercatantìa, con -t-). Quindi il fenomeno di conservazione è registrato nel paragrafo sulla GRAFIA. Lo stesso vale ovviamente per NTJ, -nti-. Secondo Rohlfs (I § 290) nell’Italia settentrionale il nesso tj ha una doppia risoluzione: z sorda /ts/ e s sonora /ž/. In effetti in Pugliola è risolto nell’affricata dentale sorda resa graficamente con z: allegrezza 17v, 22r, 25r ecc.; chazare 42v; chazato 11v, 12r, 76r, -i 38v, disscazati 52r, desschazato 65r (< lat. *captiāre); fortezza 17r, 19v, 21r ecc.; inpazare 60v, s’inpazzasse 27v, inpazarsi 61v; inpazava 43r, 45v, 49v; stazzone 13v ma stazioni 24v, 32v. Stanzia 79v, 31r, 39v ecc. rappresenta un’eccezione: solo -ANTIA, -ENTIA possono dare in bolognese –anzia, –enzia come esito popolare. E’ da vedere EZIO RAIMONDI, Ancora sui sostantivi in «-entia», «-enza», in «Lingua nostra», XVIII (1957), pp. 10-11. 178

La lingua del manoscritto Esiti semidotti in cui j è conservato: condizione 82r, -i 23v; dazio 10r, 47v, -i 51v; discrezione 80r; eziamdio 15r, 17v, 72v; Fiorenzia 145v; giuridizione 50v, gluridizione 51v (sicuramente errore dovuto a cattiva lettura); grazia 80r; iuridizione 18r, 44r; iusstizia 15v, zusstizia 23v, 146v, 64v ecc., giusstizie 29v, zusstiziati 62v; leghazione 146v; letizia 68v; malizia 40v; munizione 35r; palazio 49r; scha[e]ramuzia (long. o franc. skirmjan < lat. med. *skirmūtium) 68r; scomunichazione 16r, 72v; spazio 43r; strazio 81v, 27r (deverbale di < lat. *distractiāre dal p.p. distractus di distrahere); Venezia 58r, Vinezia 48r; Veniziani 14v, 11r-v, 13r ecc., Viniziani 11r, 12v, 80v ecc.. Risolto nella fricativa dentale sonora resa graficamente con s, x: condanasion 27r; despresio 80r; giustisia 81v; palasio 22v, 25v, 27v ecc. ma palaxio 11r-v, 15r, 79v ecc.; servisio 80v, 25r, 58v; strasio 67r (deverbale di straziare < lat. stractiāre dal p.p. distractus di distrahere) Venesia 17v, 35r, 59r ecc., Vinesia 83r-v, 18v ecc. ma Vinexia 12v, 59r; Venisiani 35r, 58r; zusstisie 67r. Difficile definire la rale pronuncia di leghagione 41r che rappresenta un delicato problema grafico-fonetico. La grafia –gione è tipicamente toscana, ma riflette una pronuncia –žone, con fricativa e non con affricata, che dura ancora oggi. I toscani hanno sempre pronunciato e pronunciano tuttora cažone, stažone (cagione, stagione) ecc. Se in italiano la pronuncia è con affricata, ciò si deve all’influsso della grafia. Altrettanto difficile è capire la pronuncia sottesa alla grafia -ci-. Essa può derivare dalla tradizionale confusione del latino medievale fra -ci- e -ti- (eciam per etiam ecc.); la pronuncia sarebbe allora -zi-. È il caso più frequente con esempi quali anciani 12r, 49r, 61v (attestato anche da Villola); chiericia 60r; eciamdeo 15r, Villola eciamdio; iusticia 60v; pestillencia 75r; sciencia 60v; tristicia 60v; uficiali 41r; Veniciani 48r. Ancora per Pietro Ramponi: continencia; gracia; nuncio; Venecia, veneciani; licencia, licenciado; tristicia 60v. In altri casi può rappresentrare un ipertoscanismo. È il caso di anci, dinanci, innanci riscontrati in Villola. 60. NTJ Risolto anch’esso nell’affricata dentale sorda: cominzare 65v, cominzado 21r, -to 27r, cominzamento 35r, 66r, cominzasse 71r, -eno 60v, cominzava 57v, 65v, cominzò 15v, 76v, 82r ecc.(< lat. *cuminitiāre); Faenza 10r, 76r, 79v ecc.. Esiti semidotti in cui j è conservato: anziani 14v, 10r-v, 11r ecc.; benivolenzia 48v; co(n)venzioni 20v, 48r; constanzia 54r; indulgenzia 72v; Innocenzio 72v; intenzione 68v; penetenzia 72v, -e 71r; prononziato 26r; scienzia 60r; sentenzia 26r, 38v, -e 72v; vicinanzia 66v. 61. VJ Passaggio dalla fricativa alla labiale in trebbio (< lat. trivium) 16v, tribi 60v. 62. W La w iniziale delle parole germaniche è adattata normalmente a gu. Va però segnalato in Villola la resa con g in gherra. Fenomeni generali 63. Aferesi

179

La lingua del manoscritto Llibiare 146v; nperadore 50r-v, 51r-v, 52r ecc.; nperadrise 52r, 55v sempre preceduti dagli articoli lo, la o dalla preposizione articolata e corretto da Pietro Ramponi con il ripristino di i; neversità > PR uneversità 16r; scuritade 143r ma oscurò 62r. Villola: ridità (eredità), sta (questa < lat. ISTA). 64. Anaptissi Ingelexe 141r, inghilese 68v; derizzorono 26r qui il ripristino della vocale è improprio provenendo la parola dal lat. parl. *directiare a sua volta da dirēctus ‘diritto’. Villola: inghilixi. Ludovico Ramponi: inghelixi. 65. Apocope Drié 20v, dré 23r; frequente alla terza persona del passato remoto: credé 78r; disfé 37v; fé 142v, 143r-v ecc., anche con l’aggiunta del pronome enclitico: fesi 13r; perdé 19v, 20v, 21v ecc.; provedé 80v; rendé 78v, 22v, 51v ecc.; socciedé 20v; vendé 23v; e in alcuni participi passati: pirlà 10v; sbandezzà 10r. Villola: bastì, conpagnì, contrà, dè (deve), inperadò, mà (mai), pò (poi), stà (stato). Da notare un’oscillazione tra la conservazione e la caduta del suffisso –atem in alcuni sostantivi: amisstà 82v ma amisstade 44r; città 11r, 15r-v ecc. ma cittade 41v, contà 23r; novità 15r ma novitade 29v, 31v, 32r ecc.; quantità 79v ma quantitade 68r, verità 80r; volontà 11r, 83v ecc. ma volontade 56r. Si segnala inoltre: pè 24v, 25r, piè 11v, 15r, 33r ecc.. 66. Sincope In sede protonica: dritto 62v, -a 25v; dredo 37v, 44r, 51v, drieto 19v, 146r, 64v, indreto 78r, 79v, 32v ecc., indrieto 78r, 27r, 33r-v ecc., ma anche postonica drié 20v, dré 23r, indreo 71v indrio 82v; Sismondo 71r. Si segnala raunare 15v, raunada 77v, raunò 15r e altre voci del verbo dove la caduta della consonante intervocalica ha creato inizialmente uno iato che la pronuncia rapida ha poi trasformato in dittongo. 67. Epentesi Dironchata 44r; insino 28r; richiosstri 60v; risguardo 68r (probab. influsso di sguardo (EX-)). Incerto è il caso di sstagando 61v, perchè in molte forme il verbo stare prende in bolognese una -g-: a stàg "io sto" (ind. pres. prima p.s.), staga "stia" (cong. pres.). Si tratta di fenomeno analogico, probab. su fàg < FACIO ecc.. Villola: insì, resporzo. Ludovico Ramponi presenta un caso singolare difficilmente spiegabile: cogorte (corse). 68. Epitesi di e Dicto die (essendo un caso unico non è da considerarsi latinismo) 24v; fue 43r, 47r, 48v ecc.; làe 59v; lie (gli) 74v; mandoe 65v; ritornoe 42v; schuroe 69v; sie 50r; vae 13v; vesstie 47r; zàe 59v. Villola: sie (sei). Ludovico Ramponi: ritornoe. 69. Metatesi

180

La lingua del manoscritto Aldrobandino 19v; bressaglio 145v; caterda 21v, Villola catreda, Ludovico Ramponi ha correttamente chatedra; chatredale 70r; drento 14v, 77r, 22r ecc.; vetiare 14v. Villola: Formento. Pietro Ramponi: persentire, Percesedo. Ludovico Ramponi: Percesedo (Persiceto). 70. Prostesi di a (in realtà è un’aggiunta di prefisso lat. < a(d)-) Aconfinà 12r; adomandare 33r; amandò 13v; ameççaduri 73v; apalizòno 16v; 67v; apresentare 10r, 23r; araunare 41v; atrovato 75r; Villola: arecolse. Ludovico Ramponi: araunare. 71. Assimilazione Onorallo 143r; veneno 68v

181

apigliare

MORFOSINTASSI

Dal punto di vista morfologico e sintattico è evidente una certa omogeneità fra i cronisti anche perché la copia di un testo dall’altro offre un minore spazio alla rielaborazione personale. Le differenze più frequenti si possono trovare nelle uscite nominali e verbali, spesso oscillanti, non solo da un cronista all’altro, ma anche all’interno dei singoli testi. Ad esempio, alcuni sostantivi neutri della II declinazione latina mostrano un’oscillazione nella continuazione della forma plurale tra la desinenza -a e la più settentrionale -e con conseguenze per la definizione del genere e del numero. È il caso di muro (m. sing.) che al plurale presenta sia la forma mura che mure (f.). Come si vede, in casi come mura o chastella si può ancora percepire un concetto collettivo. È possibile che tale oscillazione sia dovuta più a ragioni fonetiche che morfologiche, potrebbe trattarsi della ricostruzione di vocali finali che normalmente tendono a cadere nel bolognese. Tuttavia ciò ha conseguenze sul piano morfologico e il dato che appare è quello di alcuni passaggi di declinazione: ad esempio Pugliola oltre alla forma corba presenta anche corbe, preferita da Pietro Ramponi e da Villola, mentre Ludovico Ramponi attesta corba. Anche l’uscita dei nomi derivanti dalla III declinazione oscilla tra -e ed -o. Le variazioni appaiono così accidentali da rendere impossibile il tentativo di definire una regola ma nemmeno di tracciare una tendenza che colleghi i diversi scrittori. Per ciò che riguarda la coniugazione dei verbi va notato per l’imperfetto indicativo l’estensione, di influenza settentrionale, della desinenza -eva alla prima coniugazione; per il perfetto la creazione della III pl. rifatta sulla III sing. con l’aggiunta di -no e per l’ausiliare avere l’alternanza tra la forma avé ed ebbe al sing., aveno, avenno ed ebbono per il pl.; la vitalità del futuro in -arà in Pietro Ramponi; per il congiuntivo presente le desinenze -i, -ino della III pers. in Pietro Ramponi invece che le normali -a, -ano attestate negli altri autori; per il condizionale è ancora una volta Pietro Ramponi a distinguersi con le forme seria, averia invece di sarebbe, serave e arave presenti in Pugliola; all’infinito si registrano alcuni passaggi di coniugazione; molti verbi della seconda e terza coniugazione presentano il gerundio in -ando, generalizzazione caratteristica dell’Italia settentrionale; alcuni di questi verbi mostrano al participio passato la forma debole -uto. Confrontando i dati raccolti con quelli tratti dallo spoglio della cronaca di Friano Ubaldini è possibile articolare ed arricchire la ricostruzione del bolognese tardo medievale. «L’irrazionalità grammaticale di molte concordanze è ‘corretta’ nell’uso popolare, secondo la spinta dell’analogia, che interviene ogniqualvolta si crea uno squilibrio fra due elementi del discorso»1859. Ad esempio, l’asimmetria della declinazione degli aggettivi della seconda classe con una sola uscita per il singolare (-e) ed una sola per il plurale (-i) unita all’analogia con le uscite del femminile e del maschile plurali della prima classe, porta l’Ubaldini alla ricostruzione di uno schema più equilibrato, a quattro uscite distinte per genere e numero (m. s. -o, m. pl. -i, f. s. -a, f. pl. -e), per razionalizzare sul piano del genere e del numero le finali non nominali. Così si spiegano concordanze come ghrando trionffo o ghranda festa in cui l’aggettivo si adegua alla declinazione del sostantivo. Come si vede perciò il problema dei falsi accordi dovuti all’ammutolimento delle vocali finali non è caratteristica esclusiva dei dialetti meridionali. Tuttavia è necessario distinguere, almeno in via teorica, fra due fenomeni: da un lato la spinta analogica (grande > grando, granda); dall’altro il ripristino nella scrittura delle vocali finali cadute nel dialetto, ripristino che può produrre terminazioni anomale. Le due tendenze possono convergere e non sempre è facile distinguere quale delle due sia quella decisiva. Questo fenomeno è particolarmente presente nel testo di Friano Ubaldini dove si può, forse, scorgere un tentativo di normalizzare e razionalizzare il parlato locale in una scripta che segue modelli toscani. Pugliola mostra lo stesso sistema di razionalizzazione per l’avverbio molto che

1859

M. CORTELAZZO, Avviamento critico allo studio della dialettologia italiana. III: Lineamenti di italiano popolare, Pisa, Pacini, 1976, p. 79.

183

La lingua del manoscritto declina come l’aggettivo della prima classe con il quale concorda (molte care; molti stretti), mentre negli altri autori il fenomeno è più controllato e sporadico. Tra le concordanze logiche, l’oscillazione su certi accordi fra soggetto grammaticale e soggetto reale della frase è un tratto morfosintattico dal quale nessuno di questi cronisti è esente. Caso emblematico è la concordanza del nome collettivo gente. Sebbene non manchino proposizioni con il predicato al singolare spesso gli autori ricorrono a ‘costruzioni a senso’ con il verbo al plurale sia che gente venga inteso come sostantivo femminile singolare sia come plurale (Pugliola: la gente della liga andorono; Pietro Ramponi: le gente d’arme de Bologna… chavalchò i(n) Romagna; Ubaldini: tute le soe gente andono in qua in là disperse; per altri esempi confrontare il paragrafo realtivo al verbo). Altra concordanza deviante, frequente non solo nelle scitture popolari, è quella tra il verbo singolare e il soggetto plurale che segue. Se ne trovano esempi sia nell’Ubaldini (se armò li amizi di Pepoli) sia in Pugliola (si misse le canpane). Questa abitudine è da ricondurre all’influenza di costrutti impersonali con il verbo al primo posto, spesso un intransitivo, e in effetti Friano preferisce questa costruzione soprattutto con i verbi armarsi e andare. Testi più vicini al parlato, come per certi aspetti sono le cronache, «possono documentare l’uso linguistico concreto in cui il parlato attuale affonda le sue radici»1860. Ad esempio, nel sistema pronominale si possono scorgere segnali di semplificazione e livellamento ancora oggi presenti e sempre più diffusi non solo nell’italiano popolare. Mi riferisco in particolare all’estensione del pronome personale atono obliquo (o dativo) di prima persona singolare anche alla corrispondente persona plurale, quando questo svolga la funzione di complemento di termine. Ritroviamo questo tratto in Friano Ubaldini dove li è usato per la III persona sia singolare sia plurale: li fu moza la testa ma anche, al plurale, tuti li chontadini, veneno a fare la parte soa che li era stata asignata. Diversamente dagli altri cronisti, l’Ubaldini presenta un altro tratto popolareggiante, derivato dalla lingua parlata: l’uso dei pronomi complemento lui e lei in funzione di soggetto della frase (lui passò et andò in Astii, lei adorava el diavolo). Quest’uso è tuttora presente nell’italiano parlato e si è esteso, in molti casi, anche alla prosa contemporanea. Va detto inoltre che la prosa di Friano Ubaldini è stilisticamente molto vicina alla lingua parlata. Il periodare è lungo e complesso fatto di frasi giustapposte dove all’uso dei pronomi si preferisce la ripetizione del soggetto o dell’oggetto, spesso introdotti da el dito e sim.. Non si registrano casi di formazione analogica di gradi aggettivali, l’unica eccezione è presente in Friano Ubaldini: più ecelentissimi 738v. Sempre per l’Ubaldini si registra un caso di comparazione analogica: più presto 711v, 790r, 808v ecc.. L’analogia svolge la sua funzione generalizzatrice anche sul paradigma delle voci verbali. Ad esempio, in tutti i cronisti troviamo devano e fevano rifatti su stevano. Il ventaglio di possibilità offerto dall’uso del che polivalente è ampiamente utilizzato da Friano Ubaldini. Esso è impiegato come pronome relativo, ma non mancano casi in cui che indica semplicemente un legame di subordinazione relativa senza essere declinato. In casi particolari il pronome relativo può assumere il valore neutro di ‘la qual cosa’. Come congiunzione è impiegato con diversi significati, ma non sempre è possibile distinguere con certezza la funzione logica ad esso attribuita e frequentemente finisce con l’essere usato come un indicatore generale di subordinazione. Non solo è usato come connettore ma, unito ad avverbi e preposizioni, può creare locuzioni con diverso valore semantico. Anche questo tratto può essere dovuto all’influenza del parlato ed accomuna in diversa percentuale tutti i cronisti. Per questo motivo non è da ritenersi caratterizzante a livello esclusivamente diastratico, in quanto la polivalenza del che, ancora oggi, può far parte di un uso non solo colloquiale della lingua. L’uso delle preposizioni non mostra un particolare allontanamento dalla norma, tuttavia in Pugliola si può riscontrare l’abitudine all’accumulo con la preposizione in (in nello e sim.). Non si può, dunque, davvero parlare di una lingua popolare (definizione, tra l’altro, che nell’accezione odierna sarebbe anacronistica), piuttosto di una scripta colorita da tratti dialettali che 1860

P. D’ACHILLE, Sintassi del parlato e tradizione scritta della lingua italiana. Analisi di testi dalle origini al secolo XVIII, Roma, Bonacci, 1990, p. 14.

184

La lingua del manoscritto emergono con minore intensità e frequenza a seconda della coscienza e del controllo esercitato dagli scriventi. Pugliola e Ubaldini rappresentano i due estremi: da un lato il frate cerca di limitare la coloritura dialettale, limando gli eccessi dell’esemplare di copia, cioè Villola, dall’altro lato il mercante, probabilmente senza rendersene conto, riempie il testo di vocaboli ed espressioni vernacolari, dando alla sua lingua, anche dal punto di vista grafico e fonetico, una patina dialettale. Singolare è la posizione di Pietro Ramponi che intervenendo nel testo di Pugliola si dimostra conservativo nella maggior parte delle occasioni, restituendo al testo della cronaca quella sfumatura dialettale che Pugliola aveva cercato di ridurre. Tale coloritura dialettale non deve essere imputata ad una scarsa cultura da parte degli scriventi, ma all’influenza della lingua parlata, il quotidiano e più frequente strumento di comunicazione. In caso di dubbio è l’esperienza quotidiana e diretta con la lingua parlata a costituire il modello di riferimento. In effetti, i tratti popolareggianti riscontrati sono per lo più condivisibili con la lingua parlata. Anche lo stile narrativo e la struttura testuale possono, per certi aspetti, essere influenzati dall’oralità. Ad esempio, in mancanza di punteggiatura sono impiegati «alcuni accorgimenti coesivi che frammentano il testo e ne strutturano una certa paragrafatura interna. Tale aspetto va connesso all’assenza di un periodare complesso ed articolato nello svolgersi del discorso, che invece si fonda su alcuni velocissimi e bruschi passaggi che introducono in modo repentino ogni nuovo argomento»1861. Quanto detto da De Blasi sullo stile di alcune lettere di mercanti del primo Quattrocento può adattarsi alla prosa dei nostri cronisti. È la scansione cronologica il principale criterio di organizzazione della narrazione e del testo, così l’incipit che scandisce il susseguirsi dei paragrafi è la formula In nello dicto millesimo, alternato ad Anco mo nella ripresa delle notizie successive. Analogamente Friano Ubaldini dà inizio ad ogni paragrafo con la formula In questo anno, ma in più rispetto agli altri cronisti introduce i paragrafi con un breve titolo che riassume i fatti narrati. L’Ubaldini recepisce la funzione segmentativa di ancora, al quale ricorre al pari di una virgola all’interno del testo1862. Medesima funzione segmentativa è svolta da Item, impiegato da Pietro Ramponi, ma sempre all’inizio di un capoverso. L’uso di questi accorgimenti, da un punto di vista formale, segmenta la narrazione distribuendo il testo in maniera ordinata sulla pagina, mentre, da un punto di vista stilistico, soprattutto nell’Ubaldini, limita la ripetitività che la prosa desume dal linguaggio parlato. Nell’Ubaldini poi, non mancano esempi di drammatizzazione della storia, con l’inserzione di parti di discorso diretto e richiami al lettore: «l’atteggiamento dello scrivente è facilmente identificabile con quello di un parlante che si affida molto al contesto situazionale1863». Rispetto al Testo Vulgato la prosa di Friano è più spontanea e vivace, manca spesso della riformulazione propria della lingua scritta e il lettore è inteso piuttosto come un interlocutore. Anche nel Testo Vulgato non mancano richiami al lettore, ma sono sempre impersonali e formali. Ad esempio, per porre l’attenzione su un determinato avvenimento, lo si introduce con è da sapere. Friano invece interloquisce direttamente con i suoi lettori (sapiate, leturi, 761r), si preoccupa del loro coinvolgimento (E di tal zostra non voio schrivere più per non venire a fastidio a li leturi, 845r), al punto da invitarli a completare le sue lacune (E quelo che andaseno a fare non l’ò saputo; e voi leturi s’el sapiti schriviteli de vostra mano qui di sota, 831v).

1861

NICOLA DE BLASI, Tra scritto e parlato. Venti lettere mercantili meridionali e toscane del primo Quattrocento, presentazione di Francesco Sabatini, Napoli, Liguori, 1982, p. 36. 1862 De Blasi ipotizza che questo uso sia frutto di apprendimento, perché si ritrova con funzione simile anche in lettere di mercanti siciliani. Ibid. p. 37. Analoga funzione è svolta, nel testo dell’Ubaldini, dalle congiunzioni et e che. 1863 Ibid. p. 38.

185

La lingua del manoscritto ARTICOLO Determinativo maschile singolare: prevalente lo 14r-v, 10r ecc. così come l’ 14r-v, 10r, 11r ma è presente anche el 14r, 10r, 12r ecc.; ‘l 14r, 10r, 11v ecc.; e’ 17r, 79v, 18r ecc.. El è usato frequentemente dopo finale vocalica e prima di consonante semplice: Quelli a chi piaque di dare lo passo si funo .ii. fave, el contrario .viicxxiiii. 14r; serave inteso sbandezzà e rivello del comune di Bologna. El ditto bando sì ssi misse alle finestre 10r; fu el dì 23r ecc.. Davanti a s impura e z si trova normalmente lo: lo sstato 35v, 47v; lo zirone 29r; lo zerto 30r. Per il plurale maschile: li 14r-v, 10r-v ecc.; gli 14v, 11r-v ecc.; i 14r, 10v, 12r ecc.; in un caso y 30r; e’ 11v, 76r, 20r ecc.; per il femminile le 10r, 11r-v. Li prevale di poco su gli: il primo è usato prevalentemente davanti a consonante, ma non mancano casi in cui è preposto a vocale, mentre il secondo è usato sia davanti a vocale sia davanti consonante, non solo s impura: gli anziani 14v; gli altri 11v e gli Fiorentini 14v; gli malefizii 11r; li marchesi 14r; li singnori 14r e li amisi 10v; li aringaduri 15r. Indeterminativo: uno 14r-v, 12v ecc.; un 10r, 12r, 15v ecc; una 14r-v, 10v, 12v ecc.. Anche davanti ad s impura si trova uno: uno scontro 79v; uno statuto 39r; uno sperone 68v. Spesso uno si trova in luogo di un un, fatto ascrivibile più alla grafia che alla reale pronuncia: uno ordinamento 14v; uno grande mormoramento 10v; uno luogo 13r ecc.. NOME E AGGETTIVO 72. Genere e Numero Alcuni sostantivi, che continuano un originario neutro plurale della II declinazione, attraverso il passaggio ad un femminile singolare (a volte collettivo, a volte no) in -a non sempre attestato e che non si consolida (non abbiamo, ad esempio, *la molina), mostrano un’oscillazione nel plurale tra la desinenza -a e la più settentrionale -e. In alcuni di questi si può ancora percepire un concetto collettivo (mura, chastella): arme 14r-v, 11v ecc. con singolare arma 34r, 66v anche dalle zerchie 47r che Pietro Ramponi corregge dalla zerchie. Chastella 13r ma assai più frequente chasstelle 19v, 24r, 30v ecc. Nonostante il genere maschile del singolare, non sempre attestato, a questi plurali viene preposto l’articolo femminile le (R § 368): alle moline 24r ma delle molina 17r, alle molina 21r; alle mura 21v, 24v, 37r ma anche belle mure 31v, mentre al singolare si ha la normale desinenza maschile muro 27r; le osse 46r, 63r; de fructe e d’uva 24v; vagle 68r, 145r (lat. vallum forse da valla neutro pl. collettivo di vallus ‘palo’). Al neutro plurale si preferisce il maschile in fundamenti 75v. Probabile svista per in nello ditta hoste 80r; la messe 17v; molti pasi (molte paci) 35r; le nimisi 68r. In alcuni casi l’avverbio molto concorda con l’aggettivo: molte care 20r; molti ferventi 41v; molti stretti 61r-v; molti grandi 73v; per Ludovico Ramponi: tempeste molte greve (R § 397). Per i sostantivi con il tema in velare, la desinenza del plurale solitamente conserva la velare, anche con lenizione, ed in certi casi passa alla palatale: portichi 20r; luoghi 72r; pochi 31r, 141r, poghi 76r, 24v ecc.; amici 77v, 75r; scismatici 72r. Probabile svista per li Fiorentino 77r. Numerosi i plurali metafonetici (cfr. Fonetica, vocalismo tonico) 73. Metaplasmi I decl. > II decl. corbe 24r ma corba > PR corbe 76v. Anche Villola ha corbe mentre Ludovico Ramponi corba. III decl. > I decl. mogliera > PR mogliere 42r, 65v ma prevale mogliere 51v, 55v L’uscita dei nomi derivanti dalla III declinazione oscilla tra -e ed -o: prevale comune ma c’è un caso di comuno 33v; Villola ha sempre otovro mentre Pugliola, e i Ramponi hanno settembre, ottobre; Vermo 64v, 68v. id. Villola e Ludovico Ramponi; pesscio >PR pesse 13v, ma pesse 24v id. Villola.

186

La lingua del manoscritto L’oscillazione ricorre a volte anche in toscano (comuno, vermo). Qui può essere favorita dal fatto che in bolognese la finale cade e per ripristinarla in una scripta italianizzante si può facilmente cadere in uno scambio di desinenze. 74. Accumulo di suffissi Dove Pugliola e Ludovico Ramponi hanno grandissimo 19r, 20r, grandissima 18r, 20r Villola ha di norma grandenissima, grandenissimo. Anche in Pietro Ramponi la forma più frequente è grandissimo ma si trova anche grandenissime. PRONOME 75. Pronomi personali soggetto I pers. sing. io 74r. III pers. sing. el 12r, 17r, 80v ecc.; ello 15r, 16v, 76r ecc.; egli 12v, 82v, 35r ecc., eli 77v, elli 77v, 81r, 83v ecc.; ei 142v; e’ 78r, 79v, 18r ecc.; ella 20r, 33r, 34v ecc.; ell’è 23v Villola l’è; ell’era 36r, 42r. La grafia continua spesso lascia la possibilità di scelta nella divisione delle parole, quale ad esempio fra che ll’era e ch’el l’era. Nell’edizione del testo ho scelto la prima soluzione, vicina alla pronuncia ancora attuale del bolognese. Sono forme soggettive proclitiche anche: e’ s’era rasonato di fare 17r; di che e’ ssi conven(n)e masinare 24r; e’ se lesse la condanasion 27r; e’ ven(n)e la novella 27v; di che e’ ssi levò lo ca(n)po 29r. Alcune correzioni di Pietro Ramponi: elli > PR ello 39v; elino > PR elli 44v. I pers. pl. noi 12v, 32v, 33v ecc. prevale nettamente su nui 46r, 50v, 54v ecc.. III pers. pl. egli 78r, 80r, 43v ecc., elli 12r, 34r, 39r ecc.; e’ 11v, 76r, 20r ecc.; ell’eran 40v. 76. Pronomi personali complemento I pers. sing. me 45v. II pers. sing. t’acordavi 24r. III pers. sing. lui 22r, 33r, a llui 14r, 15r, per lui 15v, 16r, con esso lui 27v, collui 36r ecc.; contra a ello 46r; ‘l 11v, 76r, 21v ecc.; llei 144v; secho 79v, 80v, 83v ecc., sieco 81r, sego 14r, 80r-v, 81v ecc.. III pers. pl. loro 12r, 79r, da lloro 10r, 79v, per loro 76r, di loro 78r, de loro 79v, a loro 80r ecc.; coloro 80v, 83r, 24r 77. Pronomi personali atoni in posizione proclitica I pers. sing. me ricordo 69v; mi pare 42v. III pers. sing. prevale la forma gli ma non mancano alcuni esempi di glie/ie, soprattutto da parte di Pietro Ramponi, e di li: gli andò incontro 10r; gli ‘l tolse 11v; che gli arebono fornita Lucha 78r; gli furon dinanzi 78r; che Dio gli avesse presstato 80r; gli fu rilassata la don(n)a sua 20v ecc.; grande erore glie funo 32v, quessta zente che glie sconfissono 55v, sapiano regnare che glie fa messtiero 145v; parve ch’el capitànio della guerra…ie sentì e spinsili de fora 22v, grandissimo honore ie fu fatto della vegnuta 44v, quando ie soccorseno a quella rocha da Borgo Forte ie levono tucto lo canpo 50r, elli sì ie deno 53v ecc.; ch’el li conveniva dare 77v, li venne 80r, el li fu vietato 81r ma anche i: i era cazù lo desstriero 12r; i ubidiva 23v ecc.. I pers. pl. ci partimo 68v; ci seguino 68r, ce veniva 24v, ce fié 60v anche Villola ha ce. II pers. pl. vi piase 45v. III pers. pl. i. con funzione di soggetto: i aveno lo casstello 29r; i funo ritornati 42v; i no aveno mai alchuna fortezza 51r; con funzione di oggetto: ch’el no i possea guardare 55r. Gli, li, i, ci, ie sono usati anche con funzione di avverbio di luogo sia in posizione proclitica: sapiate che gli erano 13r; gli morì 13v; gli feno una basstia 21r; gli andava zente 21v ecc. gli sopravvive nell’uso colloquiale dell’italiano di Bologna: glielo metto per ‘ce lo metto’, ‘lo metto lì’ ecc.; li fu gente 12r; li fu grande battaglia 12r; i era lui 77v; la zente che i era dentro 25r; ci fu novella 22r, no(n) ci usavano a stare 22v, non ci era nessuno 30v, ze fu la novella 22r ecc.; quelli dell’ordine che ie stevano 38r, e

187

La lingua del manoscritto fornivano fornari de quante ie n’avea logho 24v; sia in posizione enclitica dove è frequente anche vi: andogli 29r; arivogli 45r; puoseli ca(n)po 141r; andovi 70v; eravi 26r, 46v, 50v; fuvi 83r, 38r, 60v; stevavi 38r. 78. Pronomi personali atoni in posizione enclitica III pers. sing. si trova li: folli 82v; fesseli 10r; foli 51r, fulli 47v; mandollo 74v; tolseli 60v; ma anche gli: andogli incontra 81v, 83v, 64v; durogli 43r; fogli 20v, 65v; mandogli 77v; e lo: farlo 66v, 70r; metterlo 54r; porlo 62v; portarlo 14r; scriverollo 40v. Per la forma riflessiva è presente -si: cominciossi 13v; dessi 15v; disevasi 13r; dissesi 10v, 15v; fesi 13r; lessesi 17v; pagossi 17v; soleasi 15v; tòsesi 16v; vestisi 14r ecc.; raro -se: aconzarse 32r. III pers. pl. li/gli. Con funzione di accusativo: doverli 77v; mandonoli 74v; menarli 59v; privarli 44v; zustixiolli 65r; con funzione di dativo: parendoli 75v; per doverli fare noia 78r; no dovesseno farli dan(n)o 32r; racomandarli 54v; dandogli 42v ecc.. Alcuni casi di ne pleonastico: Per la qual casone ne funo fortissimamente biasimati 23v; di quessto non se ne infinsono mai 23v ecc. 79. Pronomi e aggettivi possessivi I pers. sing. mio 74v. III pers. sing. so 11r-v, 81r, 43r, 61v; suo 14r, 12r, 15r ecc.; soa 80r, 83v, 25r; sua 10v, 11v, 12r ecc.; suoi 10v, 11r, 16v ecc.; suo fioli 14r; de suo provisonati 26r, steva ai suo termini 48r, co(n) suo fioli 60v, suo donzelli 65r, li suo [amizi] 75r, dui suo fioli 75v; soe 83v, a suo spese 143r, in suo contrade 67r; sue 12v, 17v, 79v ecc.; altre soi novitade 55v ma suoi fortezze 57r. Come si può vedere dagli ultimi esempi sopra riportati suo è utilizzato anche al plurale, non solo per il maschile, ma anche per il femminile. Anche in scrittori fiorentini del XV e XVI secolo, così come nel marchigiano (R §427) si trova un’unica forma plurale per tutti i generi. Fassò spiega il fenomeno dei possessivi invariabili come “passaggio della vocale terminale alla stessa serie (rispettiv. palatale o velare) della vocale tematica, e come prima tappa verso la sua caduta” (Cantari d’Aspramonte, Bologna, Commissione per i Testi di Lingua vol. 137, 1981). Difficile dire se per il maschile pl. queste forme vadano intese come troncamenti. Contro questa possibilità sembrerebbe portare un intervento di Pietro Ramponi che, nel trasformare un sintagma al plurale, aggiunge la desinenza i al sostantivo senza modificare il possessivo che lo accompagna: suo nevud > PR suo nevudi 79v. Resta frequente, anche da parte sua, l’uso della forma suo al plurale. Non sono riuscita a trovare esempi analoghi né in Villola né in Ludovico Ramponi che, nei medesimi passi, riportano per il maschile plurale soi. Ludovico Ramponi soi provisionati; soi termini; Villola soy previxionadi; soi termini. Per il femminile plurale Ludovico Ramponi scrive soe novitade; soe spese. III pers. pl. altri loro amisi 12r, cogli loro amisi 78v, gli loro amisi 78v, 79r, della loro carne 81v, le loro case 20r, alle loro ville 37r, co(n) le loro merchetantie 53v ecc. In un caso Pietro Ramponi preferisce a loro il più popolare sue (R § 428): se no(n) eram seguri de soe persone 60v. In altro luogo invece aggiunge loro dove Villola ha soe: in nelle loro città 30v; Villola: in le soe citade. Per Pugliola si segnala E tucti gli grandi huomi(ni)…resstieno le suoi cose 45v mentre, nel medesimo luogo, Ludovico Ramponi trascrive soe. Il possessivo viene a volte impiegato senza l’articolo: con suo sforzo 12r; con so gonfalone 11r; feno suo sforzo 77r; de soa volontà 25r; con soa gente 64r, de soe persone 60v ma più spesso è accompagnato dall’articolo: al so vantazzo 11v; del so palaxio 11v; cominciò lo suo ufizio 16v; provedea continuo al suo andare et al suo venire 79r; cum la soa co(m)pang(n)ia 80r; per la soa venuta 83v; delle soe contrade 83v. Anche con i nomi di parentela l’aggiunta dell’articolo è frequente ma non costante: Marsilio suo fradello 15r; a Zohan(n)e suo figliuolo 16r; era suo chusino 79r; so fiolo 81r; ch’egli era stato più di .xx. anni suo famiglio 21v ma anche del suo barbano 33v, del suo padre 39v, lo suo fratello 143r, lo suo padre 145v, dal suo nepote 60v ecc.. A volte è rafforzato dal dimostrativo: a quessto so canpo 61v; a quessto suo fratello 47v

188

La lingua del manoscritto 80. Pronomi e aggettivi dimostrativi Questo 10v, 12r, 16v ecc.; questi 16v, 17r, 79v ecc.; questa 16r-v, 13r-v ecc.; queste 78r-v, 83r; quel 16v, 13r, 19r ecc.; quello 11v, 15r-v, 79r ecc.; queli 14r, 10v; quelli 14r-v, 11r-v ecc.; coloro 80v, 83r, 24r ecc.; quella 15v, 13v, 76v ecc.; quelle 76r, 79r, 80v ecc.; zò 10r-v, 12r, 15v ecc. prevale su ciò 12r-v, 16r, 17r ecc.. In alcuni casi Pugliola scrive que, anche in forma abbreviata, ed è Pietro Ramponi a completare la parola, italianizzandola, con l’aggiunta di li/lli: queli 14v, 35v, q(ue)lli 17r, 38v, 40r I plurali metafonetici sono rari: in un solo caso Pugliola scrive quî 143r, corretto da Pietro Ramponi in quilli. Si registrano inoltre: quissti 37r, quigli 42v. In Villola e nei Ramponi quisti è prevalente, inoltre Villola ha qui dove i Ramponi hanno quilli e Pugliola quelli. 81. Numerali Due 10v, 11r, 17v ecc. prevale nettamente su dui 23v, 28v, 34r ecc.; duo 21v, 62v; per il femminile anche do fiate 12r; doe notte 68v. In Villola è più frequente l’uso delle cifre arabe per trascrivere i numeri ma oltre a dui si trova anche doa, in Pietro Ramponi dua 55v. Tre 17r, 13v, 20v ecc. è la forma prevalente rispetto a tri 16r, 17r, 22r, 60r. Villola trea millia continuazione dell’antica forma neutra tria presente anche in lombardo e padovano (R § 971). Le migliaia sono espresse prevalentemente con la forma milia 17v, 77v, 21v ecc.; ma non mancano altri esempi: millia 141r; mila 13v, 30r, 50v, 142r; milla 58r Villola preferisce millia così come Pietro Ramponi che in un caso corregge Pugliola: millia 28v. Per Ramponi si segnala anche treamillia. Migliaia è usato come sostantivo 42r, 50v, 54v, 145r, così come in un caso milia 55v. Villola preferisce miglara e P. Ramponi corregge Pugliola: miliaia > PR miliara 48v. 82. Relativi Per il maschile sing.: lo qual 10r; lo quale 12v, 15r, 78v ecc.; al quale 13r, 776v; del quale 79v; nel quale 76r; nello quale 78v; sul quale 11r; per il femminile sing.: la qual 14r, 10r, 11r ecc.; la quale 16r, 13v, 76v ecc.; alla quale 78v; della quale 14r frequente l’espressione per la qual casone 14r, 11r-v ecc.; per il maschile pl.: li quali 11v; de’ quali 12r, 23v; de’ quai 14v, fra quai 16r, ai quai 17r (anche Villola quai); per il femminile pl.: le quali 10r, 21r; le quale > PR le quali 11v. In alcuni casi si trova il pronome relativo chi al nominativo 14r (x3), 79r, 80v, 83v ecc.; ma più frequentemente viene usato che: de’ Bolognesi, de’ Romangniuoli, che erano a una lega 14r; Zoanne da Sala, che era amico de’ signori di Loyano 14v; si fè’ uno savio per quartiero che aconpangniava gli anziani 14v; lo dicto palaso in sulla via che va in Porta Nova 10r; di fino alla via che va dalla chasa del Gierra 10v. Prolessi ridondante di pronome: Dio li perduni a chi passa de quessta vita 67v 83. Interrogativi Si trova chi in: mo chi è quessto messer Brandilixe? 12r. Che frequente nell’espressione non so che sserà 36v, 43r, 46r ecc. (pronome = ‘che cosa’) oltre che in non so che ssi fesse 65v (id.); non so che novelle s’adusseno 66v (aggettivo = ‘quali’). 84. Indefiniti Tra i più comuni: ciasschuno 12v, 16r, 18r ecc.; ciaschun 76r, 68v; zaschuno 10v, 78v, 18r ecc.; zaschun 20r, 24r; ciaschuna 16r-v, 71r, 72v ecc.; zaschuna 80v, 22r, 24r ecc.; ciasschune 72r; nessuno 11r, 15r, 79r ecc.; neguno 36r, 42v, 143v ecc.; nessuna 26v, 31r, 49r ecc.; neguna 39r, 52r; uno 14r, 11r, 12v, 83r ecc.; una 14r, 77v, 20r ecc.; veruna 34r. Si segnalano negotta 51r (dal lat. nec gutta R § 499 ‘nulla, niente’); tamanto (dal lat. tam magnus contaminato con tantus R § 510) 34v; tamanti 20r; tamanta 40r, 51r, 73v; covelle (dal lat. unum quod velles) 46r, 50r, 73v, ancora oggi nel bol. mod. un quèl ‘una cosa’.

189

La lingua del manoscritto Inoltre alchuna persona 15r; ciaschuna persona 71r, 72v, zasschuna persona 80v, 71r; neguna persona 52r; nessuna persona 22r, 39r; anche nelle espressioni non morì persona nessuna 67r; non morisse persona se non uno Franzesschin… altra persona non morì 74r. Nulla si trova solo in un’espressione di Pietro Ramponi: non puòte fare nulla 60v Sono attestate alcune varianti per ogni 30v, 59r: ogne 38r, ongne 47v; onon 62r; ognon 45v forma cristallizzata da un probabile ogn’om, ogn’òn; ogni huomo 12r, 30v; ongnomo 40r, ongnuomo 54v ma onne homo 45v; Villola onomo. Più frequente la grafia ongni huomo 12r, 15r, 22v ecc.; ongni gente 15r; hongni dì 76r ecc. Si segnala inoltre Ongniasanti 76r. Ogna (da OMNIA) per ogni è forma dell'Italia settentrionale e della Toscana nordoccidentale. Naturalmente la i di ongnia è puramente grafica, si tratta quindi di un fenomeno morfologico più che fonetico. Chi, come pronome indefinito, si trova in alcune espressioni, quali a chi piaciesse di dare il passo e chi non 14r; chi sa pogo [a]pensa lo dan(n)o 11r; chi à il male abia le beffe 11v; chi si trovò a perdere se n’ebbe il dan(n)o 30v; ch(i) portava la spada, chi la maza 40r; chi fesse i(n) nello d(i)c(t)o terreno no(n) possa stare in Bolong(n)a 42v; chi era qui dentro altri che Dio non gli posseva nuoçier; e chi avea quessto avea la terra 140r; possea rubbare e sschachare chi egli avesse voluto 62v; chi zirà alla dicta chiesia, sì averà … perdonanza 73r. VERBO Indicativo 85. Presente I pers. sing. scrivo 23v, 24r; so 78v, 20v, 36v ecc.. III pers. sing. Normalmente desinenza -a per la prima coniugazione: sa 11r; [a]pensa 11r; -e per la seconda: debbe 36v, dé 145v; piase 45v. I pers. pl. stemo 32v. II pers. pl. Si trovano le desinenze -ate, -ete, -eti: fate 45v; dovete 32r, 41v, 59r, doveti 41v, 48v, 49r; volete 12r. Da segnalare anche la forma mediale usata nell’espressione andave con Dio 68r (= andatevi, dialettale andève). Cfr. tosc. antico: vatti con Dio. Cfr. anche it. mod. vattene, andatevene ecc. III pers. pl. debbon 63r. Alla II pers. pl. Villola presenta dovì. Anche Pugliola scrive in un’occasione dové, ma Pietro Ramponi lo corregge completando il verbo con la desinenza: doveti 42r Per Pietro Ramponi si segnalano la desinenza -emo per la I pl. della 1° coniugazione: speremo; la forma de’ per la III sing. del verbo dovere sulla quale si forma la III pl. con la sola aggiunta di -no: deno; la desinenza -eno per la III pl. della 2° coniugazione: prometteno. Ausiliari Essere: III sing. è 10v, 11v, 12r ecc.; I pl. siamo 71v; II pl. siete 32v, 68r; III pl. son 14v, 20v, 63r ecc., sono 44v, 142r, 70v, 74r. Avere: I sing. ò 74r; III sing. à 11v, 13v, 82v ecc.; I pl. avemo 32v; 68r. 86. Imperfetto III pers. sing. Prevale la desinenza -ava per la prima coniugazione ma in alcuni casi si alterna con -eva: andava 76r, 80r, 81r; dava 26r ma deva 144v, 61v; faceva 79r, 21r e il più dialettale feva 33v, 39v, 41r Villola fe’; stava 12v, 13v, 80r ma steva 48r, 57r, 143v; mandava 25r, 46r; muntava 42r ecc; e(v)a per la seconda: diseva 23r, 27r; dovea 15v; legea 17r; noseva 145v; pareva 32r; possedeva 23r; posseva 24r-v, 31v, 140r; rendeva 30v; teneva 23r, tenea 14r; valea 16r; voleva 33r-v; -i(v)a per la terza: avengnia 75r; conveniva 77v; veniva 79v, venia 21r, 23v; da segnalare ziva 54v e zeva 24r, 40r, 55r, insolite forme di ‘gire’. I pers. pl. stavamo 32v.

190

La lingua del manoscritto III pers. pl. La desinenza -avano prevale per la prima coniugazione: andavano 78v, 19r; facevano 56v e la forma contratta fevano 28r; gridavan 15r, Vill gridà; menavano 11v; gli imperfetti di stare e dare risentono delle forme del perfetto steti, dedi e derivati romanzi (stetti, diedi o detti ecc.) perciò accanto a stavano 15r, 13v si trovano stevano 32v, devano 54v ecc.; -evano e -evono per la seconda: aduxevano 24v; 31r; possevano 24v, potevano 25v; sapevano 30v; solevano 24v; tenevano 30v ma tenevono 18r; volevano 29r ma volevono 76r; -ivano per la terza: fornivano 24v; givano 17v. Ausiliari Essere: III sing. era 14r-v, 10r, 11r, hera 44v; eno 42r; I pl. eravamo 12v; III pl. erano 14r, 10v, 11v, erono 16v, 77v, 79r ecc.; èno 18r, 23v, 26v ecc.. Avere: III sing. aveva 47r, 56v, 144v, avea 14r, 16r-v; III pl. avevano 23r, 25r. 87. Perfetto III pers. sing. Alcune forme epitetiche: fue 43r, 47r, 48v ecc.; mandoe 65v; ritornoe 42v; schuròe 69v; vesstie 47r. Ludovico Ramponi: ritornoe. Si registrano fece 13r, 82r, 40r ecc.; feci 60v; feciesi 70r; credé 78r, 142r; perdé 19v, 20v, 21v ecc.; provedé 80v; rendé 78v, 22v, 28r-v ecc.; socciedé 20v; vendé 23v possé 53v; dé (incerto: potrebbe essere anche un presente) 145v. Oltre che nel verbo stare, la forma in -ette non è mai usata da Pugliola: stette 80r, 82v, 18r ecc., stiette 31r, 37v, 40r ecc. ma anche steste 31r; soprastiette 142v; mentre in Pietro Ramponi si registra recevette 60v. Forme forti in -se: disse 12v, 16v, 17r ecc.; lesse 17r; misse 10r, 11r, 83r-v ecc.; trasse (tirò) 10v, 11v, 35r ma anche trè 39r, 64v. Spesso Pugliola trascrive trasse dove Villola ha trè. Tuttavia l’alternanza tra le due forme è presente anche negli altri autori, frequente nell’espressione “trarre ad arme”. Pietro Ramponi: el populo de Ferrara trasse ad arme 60v; Ludovico Ramponi: tré el comune de Ghaliera ad arme. La forma dittongata puòte 60v mi lascia un piccolo dubbio. Ho scelto di mettere a testo puòte, ma anche la forma puoté sarebbe possibile. Il verbo potere può avere anche in toscano la forma forte pòtte (< POTUIT), allora la dittongazione potrebbe essere frutto dell’influenza della forma del presente (puote, appunto). In ogni caso, la forma dittongata rappresenta un ipertoscanismo, sia per puoté (il toscano non dittonga in sede protonica) sia per puòte (il toscano ha pòtte, con o in sillaba chiusa e quindi impedita a dittongare). I pers. pl. femo 68r-v; partimo 68v; sostenemo 68v; stemo 68v. III pers. pl. prevalgono le desinenze -eno, -ono: chavalcorono 141v; ferirono 68r; p(ar)tironsene 81r, partironsi 51r; trovarono 35r; uscirono 14v, ussiron 56v; resstieno 45v con passaggio di coniugazione (E tucti gli grandi huomi(ni) si trasseno al palaxio del papa e lì dentro resstieno le suoi cose = lasciarono, conservarono, stivarono). Di norma la III pl. è rifatta sulla III sing. con l’aggiunta di -no: adusseno 13v; averseno 36r; cavalcono 32r, 55r; convenono 81r; deno 76r, 23v, 28r ecc., dieno 27v, 41r, 44r ecc.; derochòno 78r; disiderono 44v; liberon(n)o 144v; partino 11v, 13r, 76v ecc.; perdeno 28r, 31r, 40r; ricoverono 39r; rimaseno 80v, 27v, romaseno 140r; treno 22r. Tra le forme forti solo in mossero 145v si conserva l’antica desinenza –ero, altrimenti, anche tra queste, l’uscita -no è usuale: caddeno 20r; disseno 19v, 40r, 144r ecc.; ferono 11v, 81v; feron 27r; feceno 17v, 78r-v; fecen 61r; fecono 10r; feno 10r, 11v, 60r ecc.; feseno 55r; fesso 59v è la forma dialettale fés “italianizzata” col ripristino di una vocale; disfeno 140r; possèno 77r; steno 36r, 50r, 51r; ruppeno 32r; veneno 29v, 38r, 48r ecc., venono > PR veneno 28v; venono 18v, 29v, 44v ecc.; videno 77v; forme forti in -s-: puoseno 18v, 24v, 29r; sparseno 27v; tolseno 76v, 77v, 78r, ecc.; volseno 81r, 50v, vosseno 83r. Accanto alla forma irono 41v, 60r si registrano anche andorono 33r, andonno 13v, 81r, 55r Villola andono. Oltre ad andonno si segnalano altri casi di desinenza -onno (< -orno): entronno 140r; funno 15r; anche per la 1° coniugazione: mandonno 77v, 78r. Si segnala per Pietro Ramponi: III sing. feci e anche per lui la preferenza delle forme della III pl. terminanti in –no: assaglino, comparseno, fono, licenciono, preseno, ecc.

191

La lingua del manoscritto

Ausiliari Essere: III sing. fu 14r-v, 10r ecc., fo 14r, 10r ecc. preferito da Pietro Ramponi 11r-v, 16v, 76v ecc.; III pl. furono 12r, 16r, furon 12r; funo 14r-v, 10v ecc., fon 17r. Avere: III sing. avé 10v, 16v, 81r ecc.; ebbe 15v, 82v, 22v ecc., hebbe 76r, ebbela 60v; I pl. avemo 62v (potrebbe essere anche un presente), avenno 64v; III pl. ebbono 78r, 81r, 83v ecc., ebon 78v, 51v, ebbeno 60v. Per la III pl. si segnala anche avenno 59r, 73v, aveno 24v, 25r, 29r ecc. Questa forma è molto frequente in Villola, che presenta anche aven e avé, quest’ultima anche per il singolare. Alla III pl. Pietro Ramponi preferisce la desinenza –eno e in un caso corregge Pugliola: ebbono > PR ebbeno 11r. 88. Futuro Sebbene le attestazioni non siano numerose si osserva, in alcuni casi, la conservazione della vocale tematica dell’infinito. I pers. sing. concierò 12r; farò 70v; scriverò 26v, 63r, scriverollo 40v. II pers. sing. vedrai 37v; odirà 34v. III pers. sing. domanderà 72v; vegnirà 71r; zirà 73r. II pers. pl. oderiti 55r; odirete 57r; udirì > PR uderìti 54r. III pers. pl. chaderanno 16r; farano 37r. In Pietro Ramponi è vitale il futuro in -arà: andarà, tornarà; -arano: tornarano, retornarano; in alcuni casi il tema del verbo viene conservato intatto: averemo, disponerà; in altri viene modificato sotto la spinta della pronuncia dialettale: poremo, porano. Ausiliari Essere: III sing. serà 39v, 51r. Avere: III sing. averà 73r. Congiuntivo 89. Presente III pers. sing. debba 60v, debbia 14v, 23r, 71r; mora (muoia) 53r, 62v, 75v; possa 42v, 60v, 71r; voia 43r. II pers. pl. sapiate 13r, 79v, 80r ecc., sapiati 27v; Villola sabià. III pers. pl. debbiano 36v, 37r; debino 37r (Villola diano), 49v. Per Pietro Ramponi si segnalano per la III sing. facci, vagi (vada); per la III pl. faccino, vagino. Ausiliari Essere: III sing. sia 16v, 149v, s[e]a 43r; I pl. siamo 71v; III pl. siano 39v, 72r Avere: III sing. abia 13v, abbia 13r, 71r; III pl. abbiano 71r. Alla III sing Villola presenta apa. 90. Imperfetto III pers. sing. achusasse 36v; affondasse 40r; andasse 40r; entrasse 22v; gosstasse 47v; guardasse 48v; incontrasse 78v; inpazzasse 27v; pasasse 17r, 79v, 19v; portasse 30v; raunasse 18v; salvasse 48v; ecc.. desse 14r; dovesse 10r, 11v, 16r; facesse 54r ma fesse 15v; piaciesse 14r; possesse 15v (anche in Pietro Ramponi); tresse 11r da avvicinare al pass. rem tré , valesse 15v, volesse 76r ecc.; morisse 33r, 40v, 43r ecc.; sentisse 43v; venisse 12r, 79v, 36v ecc., vegnisse 35r, 41r. I pers. pl. fessimo 58r; ubidissimo 58r; chiamassimo 58r; mandassimo 58r.

192

La lingua del manoscritto III pers. pl. prevale in modo assoluto la desinenza -(s)seno: andasseno 12r; cavalchasseno 19v; dovesseno 12r, 32r, 49v; dubitasseno 54v; fichasseno 46r; mandasseno 33v; passasseno 80r, posseseno 30v, potesseno 38r; volesseno 37r, 140r. Ausiliari Essere: III sing. fosse 14r, 11v ecc.; I pl. fossimo 71v; III pl. fosseno 11v, 32r, 54v, fusseno 49v; Avere: III sing. avesse 80r, 33v, 48v ecc., avisse 13r; I sing. avessimo 33v; III pl. avesseno 38r, 59r, 70r, 75r. Condizionale III pers. sing. dovrebbe 41r; farave 58r, farebbe 76r; porave 38v (qui potrebbe essere anche I pers. sing.), 40r, 42v, 43r, potrave 53v; punirave 22r; potrebbe 20r, 67r; ronperave 75r; vorrave 55r (usato col senso di ‘occorrerebbe’), 66r. III pers. pl. crederave 33v; daraveno 61v; vorrebbeno 53v; tornerebbe 54v. Spesso dove Pugliola ha desinenza -ebbe, Villola ha ancora desinenza –ave: dovrave, serave, tornarave Pietro Ramponi corregge Pugliola in due occasioni. Nel primo caso la correzione riguarda il modo del verbo e di conseguenza il senso della frase: Ver è ch’e’ Gozadini averaveno (Pugliola: aveano) sotterà li Bianchi 11v; avravano > PR avraveno 45v. Ausiliari Essere: III sing. sarebbe 13r, 61r, serave 10r, 22r, 35v ecc.; I pl. seravemo 58r; III pl. sarebbono 49v, 67v, sareveno 59r. Avere: III sing. arave 51r, 141v, 71r; III pl. arebono 78r. Pietro Ramponi: seria, averia. Da notare che sono i soli casi di formazione del condizionele con anziché HABUI.

HABEBAM

Imperativo II pers. sing. guarda 34v, 37v. I pers. pl. andiamocene 12r. II pers. pl. andave 68r; sappiate 80r-v, 83v, 20r ecc. Infinito Si registrano alcuni passaggi di coniugazione: dalla 2° alla 4° conparire 16v; tegnire 58r ma prevale tenere 15v, 13v ecc.; vedire 60v ma Pugliola vedere 80r; provedere 12r; dalla 3° alla 4° fugire 60v; dalla 4° alla 3° vegnier 44r. Gerundio Per la prima coniugazione desinenza -ando: abrusando 29v; ballando 35v; cierchando 75r; dando 41v; domandando 53r; guasstando 29v, 41v; hordinando 60v; pigliando 25v; rizercando 23v; robbando 25v; sperando 59v, 68r; sstagando 61v, stando 68r, stiando 143v; studiando 72v; zerchando 32v. Anche molti verbi della 2° e 3° coniugazione presentano il gerundio in -ando, generalizzazione caratteristica dell’Italia settentrionale: digando 32r, 40r, 44v ecc.; sappiando 22r, 42v, 64r; vegando (vedendo) 54r; vegniando 11v, vengniando 21v, 141v, 145v ecc. Non mancano però esempi di verbi con la normale uscita in -endo: ardendo 29v, 141r; crezendo 68v; faciendo 10v, fazendo 35v, 57v; possendo 79r; sappiendo 49v, 52r, 66r; temendo 140r; vengniendo 77v, 25r, 29r ecc.; vezzendo 61v, 64v, vegiendo 61v; vogliendo 77r;

193

La lingua del manoscritto Per Pietro Ramponi si segnalano: offerendo in cui il tema dell’infinito come anche in certe forme di futuro si conserva intatto; voiando (costruito sulla prima persona del pres. ind. con cambio di suffisso), andagando (probabile unione di andando e dagando). Ausiliari Essere: siando 142r, 75r-v ma anche essendo 12r; sendo 80r. Avere: abiando 146v. Participio 91. Presente dolente 44v, 55v, 57r ecc.; possente 13r; presente 42r, 54v, 142v ecc.; seguente 15r, 81r, 83r ecc., sequente 17r; somigliante 24r, 64r, simigliante 34r; sufficiente 55r; valente 44v, 142v. 92. Passato Per la 1° coniugazione, normale la desinenza -ato: aco(m)pangniato 15v; chavalcato 14v; chazato 11v, 12r; comandato 12r; confinato 13r; dato 16r, 17r, 13v; donato 10r; lasato 10v; menato 12v; passato 13v; rasonato 17r; ritornato 13v; viedato 15r; per la 2° e 3° coniugazione si trova spesso la forma debole -uto: mettuto 64r ma prevale messo 22r, 27r, 35v ecc., rimesso 42v, 72r-v; perduto 22r; possuto 55v, 58r; renduto 22r, 25r, 45v ecc.; riceuto 38r, 42v; saputo 56r; temuto 62r; tenuto 76v, 78r-v, 21v ecc., teg[n]uto 21v, tengnuto 35r, 38r; veduto 57r; venduto 25r; venuto 23r, 32r, 36r ecc., vegnuto 63v; vengnuto 35v; voluto 55v, 141v, 62v; oltre a conciesso 47r, conzesso 72r-v; riscosso 29r, 37v. Ausiliari Essere: stato 16v, 17v, 78r ecc.. Avere: auto 144v. 93. Participi accorciati o aggettivi verbali Casso (per cassato): fu chasso a quessta basstia 50v; voleano esser cassi per zire co(n) cosstoro 60r; fon cassi degli ofizii e degli honori molti huomini 74r; guasto (per guastato): gli passi che avea guassti messer Bernabò 53r. 94. Concordanze devianti Possibile svista per participio femminile + sogg. maschile: allo detta hosste 79v mentre in Pietro Ramponi participio maschile + sogg. femminile: è venuto novella (cfr. il francese Il est arrivé une nouvelle). Il participio passato concorda con il pronome invariabile amindue aveano involate 67v. Spesso il verbo singolare concorda con il soggetto plurale che segue. Questa abitudine, frequente negli scrittori popolari, è da ricondurre all’influenza di costrutti impersonali, con il verbo al primo posto, “non di rado un intransitivo che può altrimenti funzionare come impersonale” (F. Brambilla Ageno, Il verbo nell’italiano antico. Ricerche di sintassi, Milano-Napoli, Ricciardi, p. 173; si veda anche M. Martelli, Soggetto plurale, verbo singolare, in “Lingua nostra” vol. XXXIII, fasc. 2, 1972 pp. 76-78): sì andò in nello dicto hosste due quartieri del popolo 79v; E sì andò grande quantità de balesstrieri cittadini, e se i andò li altri del contado 79v; Disposò messer Masstino a San Domenicho e lli marchexi a San Procholo 83r; merecori si sonò le chanpane e lessonsi le lettere 19r; entrò le guardie della S(an)c(t)a Chiesia in nello chasstello … Entrò a sono de tronbe 22r; in fino lì si gli andò incontra bagurdaduri di molte brigate 35v; così fe’ gli altri suoi amici 77v; Andò li soldà del signore…in nella lozza nuova 13v; si misse le canpane 11r. Talvolta gente (o la sua variante zente) concorda normalemte con verbo singolare: per ongni giente che venia a piazza 15r; se partì la zente de messer Bernabò 25r; la gente pensò 33r; talvolta invece col verbo plurale: gente che non voleano 12r; gli erono più zete che la sua 140v; la gente da cavallo che fanno dì e nocte la guardia 13v; la gente della liga andorono; però si trova anche lle zente no(n) sapevano

194

La lingua del manoscritto 30v; le gente d’arme de Bologna… chavalchò i(n) Romagna 60v; cu(m) le gente de’ Bolognisi era le gente del marchexe de Ferrara 60v. INDECLINABILI 95. Congiunzioni Il che polivalente, caratteristico della lingua parlata, è impiegato con diversi significati. In realtà una distinzione fra le possibili funzioni risulta spesso approssimativa, in quanto non doveva essere nettamente percepita nemmeno dalla coscienza dello scrivente. Per questo motivo che è spesso utilizzato, e va interpretato, come connettore generico. Si veda ad esempio: entrò in Modena, che v’era singnore messer Manfredi 14r. In questo caso che vi può corrispondere a ‘dove’, è dunque un avverbio-relativo. Più probabilmente che è congiunzione generica e polivalente, puro nesso sintattico. In casi come questo è difficile comprendere l’intenzione dell’autore e distinguere fra pronome relativo e congiunzione: che è e resta un connettore generico. Anche nell’esempio si fe’ una cavalcata in Romagna, che la fe’ fare lo nostro singnore 76v che può essere pronome relativo con ripetizione dell’oggetto, oppure congiunzione generica. Valore consecutivo: si fe’ sì gram fessta in Bologna che mai non se ne fe’ una maiore 14r; Durò l’intraditto da due dì di marzo di fino a .xxi. d’ottobre che non se disse messe in Bologna 17v; spesso unito a sì: giunsse li amisi de’ Pepoli, sì che lo romore sbassò 10v; llì si era fatta la solvisone...Sí che…giunsono le lettere e li missi in Bologna 17v; gli altri sì erono sbandezati de Bolongna, sì che non erono da riprendere 79r. Valore dichiarativo. Spesso a seguito dell’espressione ver è o dei verbi sappiate, dissesi, ma anche in numerosi altri esempi: signori dalla Schala voleano che ‘l comune di Bologna sí desse lo passo 14r; feno che ’l dazio della barattaria fu tolto dal tucto via 10r; per caxone che già era cotale chapanelle dall’una parte e l’altra 10v; si rifermò che nessuno si tresse di bando 11r; dissese che do fiate i era cazù lo desstriero sotto 12r; quessto fu, che l’ebbe, a dì .xiii. del mese d’ottobre 15v. Valore temporale: in nell’ora che fu 10v; Fatto che hebbe quessto 76r. Frequente il sintagma di che contenente un elemento relativo: di che li soldati di quelli della Schala funo sconfitti 14v; di che messer Brandilixe si smarrì forte 10v; di che lo comune trasse ad arme 11v; di che ongni huomo si partì 12r. Valore esclusivo: salvo che Berto 11r; salvo che lla fortezza Cassaia 19v; salvo che lla rocha 21v. Valore causale: si fo un grande romore…ché Busolino de’ Gozzadini sì ferì Vero da Sasuni 10r; “Andiamociene a chasa, che concierò ben quessta cosa” 12r; a lui fu fatto disonore, ché lli fu tolto lo pennone et asbassato 15r; E fu strasinato in fine alle forche…ché llì dovea esser la brigha 21r; sì deno de gram battaglie e pogho honore n’avenno, ché ssi tenne ben Ciento e la Pieve 23v. Spesso che entra nella composizione di congiunzioni varie come ben che, con valore concessivo, o inperzò che, con valore causale: zasschuno fue viedato e contradiato, ben che nessuno non se ne charicò troppo 15r; ebbono la città de Candia, ben che tractato vi fu drento 37v; avea ordinado de fare lo passazo, ben che assai re non gli aveano afermado niente 41r; fu un grandissimo danno, inperzò che egli era uno de’ più valevigli homini di Lombardia 12v. A volte è unito ad avverbi ed introduce il secondo termine di paragone: gli morì holtra che tre mila persone 13v; oltra che .C. homini 79v; erano bene oltra che quatro mila 25v. 96. Preposizioni semplici A volte la preposizione a è assimilata alla a iniziale della parola seguente, al punto che i nomi di alcune città vengono intesi e scritti senza la vocale iniziale: porre hosste a Ssisi 44r; si partì da Vingnione 44r; Partisi da Vingnion 44v; fe’ ritornare la corte a Vingnione 46r; Vene da Vingnione 46v; venia da Vingnon 51r; arivò a Vingnone 141v; andò ambassadore a Vingnione 143r ecc. più incerto è il caso di lo cardinale da Vingnon 47v, 48r o di Ghuiglielmo da Sisi 81v. Il fatto che non si tratti di una semplice assimilazione, e quindi di un fatto puramente fonetico è provato dalla presenza di esempi come intorno Sisi 54r; in Vingnione 29r, 40r; andò in Vingnon 39v; l’entrò in Vingnon 39v; contado de Vingnion 39v; in fino Vingnon 40r; morì in Vignone 142v. L’aferesi

195

La lingua del manoscritto deve aver avuto origine nel sintagma a-Avignone, a-Assisi. Perso il confine fra le due parole, Vignone e Sisi sono diventati autonomi, così come ARIMINUM è diventato Rimini. De preposizione prevale di poco su di ma spesso è Pietro Ramponi a correggere Pugliola trasformando di in de (segnalato nel testo dal neretto). Di è tracciato da Pugliola con un unico tratto di penna che culmina sotto il rigo a partire dalla pancia della d. Talvolta il tratto discendente è appena accennato e questo potrebbe giustificare l’aggiunta di una e chiarificatrice da parte di Pietro Ramponi. Spesso però il tratto è ben identificabile come una i così, in questi casi, l’intervento di Ramponi si manifesta come una volontaria correzione. Si segnala l’uso della preposizione de con valore di moto da luogo: si partì de sul nostro contado 19r; si partì della città di Bologna 33v; si partì de Lucha 56r. 97. Preposizioni articolate Nel testo le forme sintetiche prevalgono su quelle analitiche che sono preferite soprattuto da Pietro Ramponi. Per un’analisi più dettagliata rimando ai criteri editoriali, mentre presento qui un elenco delle forme nate dall’incontro delle preposizioni de, a, da, su, con, in e gli articoli: de lo 35r, 56r; dello 57r-v, 146r ecc.; de la 19r, 53r ecc.; della 14r-v, 10r ecc.; delle 14v, 15v ecc.; de li 10v, 58v ecc.; delli 76r, 32r; degli 14r, 10v ecc.; dei 17r, 26v ecc.; del 14r-v, 10r ecc.; a lo 26v, 51v ecc.; allo 79v, 28v ecc.; a la 13v, 79v ecc.; alla 10v, 15r ecc.; a le 60v; alle 10r, 12r ecc; ay 24r; ai 17r, 44r ecc.; a li 14r, 11r ecc.; alli 12r, 76r ecc.; agli 78r, 51r ecc.; al 10r, 11r ecc.; da lo 53r; dallo 11v; da la 53v; dalla 14r, 10r ecc.; dalle 11r, 23r ecc.; dagli 143r, 63r; da li 63r, 72r; dal 14r, 10r ecc.; dai 32r, 44v ecc.; sull’ 81v; sul 14v, 11r ecc.; sulla 14r, 10r ecc.; sulle 22r-v, 28r, 29v ecc.. Preposizioni composte: in su la piaçça 10r; in sullo 43v, 75v; su per lo suo terreno 14r; su per lo contado 79r; su per li fossi 81r; con lo 83r, 47v ecc.; collo14r, 12r ecc.; con la 12r, 13v ecc.; colla 81v, 82v ecc.; con le 83v; colle 20r, 21v ecc.; con li 79v, 82r ecc.; colli 14v, 77r ecc.; con gli 12r, 82r ecc.; cogli 78v, 27v ecc.; frequentissimo in lo nell’espressione formulare in lo dicto millesimo ma non mancano esempi numerosi di in la 16v, 71v ecc.. Solitamente si registra un accumulo di preposizioni, anzi spesso la grafia è inel, inella, inello (trascritto i ·nel, i ·nella, i ·nello): in nel 15r, 16r ecc.; in nello 14v, 12v ecc.; in nella 10v, 12v ecc.; eccezioni o nel contado 22r; grande romore nella città 27v; era entrato nella ligha 34r; erano stati nella ligha 36r. Pietro Ramponi: in fin qui.

196

La lingua del manoscritto SULLA LEGGE TOBLER – MUSSAFIA E IL SÌ RAFFORZATIVO DI VERBO Alfredo Schiaffini considera l’enclisi del pronome atono (o della particella pronominale) al verbo un fenomeno arcaico e individua tra le possibili cause del suo declino la costruzione di proposizioni principali introdotte da sì, il quale “a volte, sembra che compaia apposta, con la sua energica tonicità, per scansare l’uso dell’enclisi” (A. Schiaffini, Testi fiorentini del Dugento e dei primi del Trecento, Firenze, Sansoni, 1926, p. 280). Questo probabilmente perché se l’enclisi serve a mettere in risalto il verbo della principale, tale funzione può essere svolta dal sì. Nell’usus scribendi di Bartolomeo della Pugliola, in principio di periodo, l’enclisi è costante: Andossene lo ditto arcivesscovo venardì 10r; Partissi lo dì seguente et andò al chardinale 23r; Risscossesi lo d(i)c(t)o Savig(n)o per la gente del sing(n)ore 21v; Rasonavasi che gli erano bene oltra che quatro mila 25v; Anche quando la principale si trova all’interno del periodo collegata asindeticamente alle altre: In lo ditto millesimo andò Zoanne a Vinexia a parlamento; dissesi che vi dovea essere li singnori di Lonbardia 15v; Lo lunedì seguente si partino; fegli lo singnore grande honore 83r. Mentre, regolarmente, non si ha enclisi quando il verbo si trova all’interno della frase: et in principio li fecen gram guerra e tenevagli molti stretti 69r; In lo dicto millesimo e tenpo, si rasonava che quessta gente voleva venire a Bologna; di che lo nostro singnore si fornì e bene per doverli contasstare 77v; In lo dicto millesimo, si misse la prima p(re)da in nello palaxio 83r; Vengnieri seguente, a dì .v. di ien(n)a[io], si fe’ uno cosiglio 33r; Frequenti sono i casi in cui la principale è interrotta da un inciso che separa il soggetto dal verbo, ma anche in questi casi non è prevista enclisi: la co(n)pang(n)a, la quale era a possta del n(ostr)o sing(n)ore e della lega, si partì da Mantova 19r; di sotto da strada in zasscuna parte, fuora che alle fortezze, gli feno una basstia fiera e forte 21r; Lunidì mattina messer Andreino, nostro singniore da qui i(n)drieto, si partì dalla città de Bolognia 48r; I(n) lo d(i)c(t)o millesimo, del mese de maggio, fu novità in Lucha, ché, seghondo che ssi dise, gli morì huomini assai 69r; Spesso in posizione interna, anche in presenza di un pronome atono proclitico, il verbo è enfatizzato tramite l’inserimento del sì: Mercori a dì .xxi. d’ottovre sí si disse le messe in messer San Piero 17v; Adesso, fatta quessta pase, tucti homini ch’eran i·nell’osste de’ Veniziani sí si partino e si feno una co(m)pagn(a) et andono in sul contado di Milano; puosonsi lì adosse in uno luogo al quale si disse Chiaravalle 13v; del quale popolo sì si fe’ la cierna a Chastello di San Piero 79v; In lo d(i)c(t)o millesimo lo d(i)c(t)o cardinale sì si partì da Fiorenze e ven(n)e a Casstello San Piero 19v. Anche il secondo caso prospettato da Mussafia (proposizione principale collegata sindeticamente con e alla precedente) è attestato: venne messer lo Delfino de Vienna in la città de Bologna; et andogli incontra la cherisia 83v; e fuvi grande gente dello nostro singnore, e da chavallo e da pe,’ della bella del mondo et aveangli grande honore 83r. L’uso pleonastico di sì accanto ad e è piuttosto frequente. Esso può essere dovuto alla volontà di enfatizzare il contenuto di un enunciato, essendo e debole d’accento e di significato. In questi esempi Pugliola ricorre al sì per rafforzare il verbo. Le frasi riportate potrebbero anche stare sia senza pronome sia senza sì: E sì andò grande quantità de balesstrieri cittadini, e se i andò li altri del contado, e dissesi ch’ella fu et era uno bello hosste 79v;

197

La lingua del manoscritto e sì aveno la fortezza et tucta la zente che i era dentro per presoni, che funo ben .iic. huomini a chavallo, e meno(n)gli a Bolog(na) 25r; e sì zunse a porto e subbito corse i(n) sul terreno d’Allissandria e trovogli di fuora e i(n)chalzoglie dentro e sì prese Allissandria 41r; e sì providono di confinare l’una parte e l’altra 12r; e sì dè possessioni, e sì dè lla dicta terra a’ Fiorentini 77r. L’ultimo esempio rappresenta un rimaneggiamento da parte di Pugliola della proposizione di Villola e si dè posesione de la dita terra. Anche se si fosse trattato di una ripetizione dovuta ad omoteleuto, né Pugliola né Ramponi hanno sentito il bisogno di correggere la frase avvertendo una ridondanza. Ludovico Ramponi conserva la lezione di Pugliola trascrivendola senza modifiche. Questa variante potrebbe non essere casuale o dovuta ad un errore di lettura, perché Pugliola divide la proposizione di Villola in due coordinate introdotte da e sì quasi a voler insistere sul trasferimento del dominio di quel territorio ai Fiorentini. Tuttavia queste sono solo ipotesi e voler attribuire a tutti i costi un valore semantico a questa coppia di congiunzioni rischia di essere eccessivo. È opportuno tenere in considerazione anche l’organizzazione sintattica del discorso, articolato secondo un ritmo fonico, scandito da pause in armonia col respiro umano. In mancanza di punteggiatura, le pause sono disposte in accordo con l’articolazione orale presente alla mente dello scrivente, per creare stacchi espressivi. Per questo motivo l’intervallo procurato dalla pronuncia di e sì può suggerire una maggiore enfasi. Tale pronuncia richiede un’inspirazione seguita da una rapida espirazione e corrisponde ad una pausa equivalente almeno ad un punto e virgola, se non addirittura ad un punto nei periodi più lunghi. Questa pausa è sufficiente a riprendere il discorso dove lo si era lasciato in sospeso, ampliandolo con l’aggiunta di particolari o concludendolo con un’ultima considerazione o un dettaglio. Per le stesse ragioni di ritmo fonico sopra illustrate, anche dopo la copulativa e, in presenza del sì la necessità dell’enclisi scompare: e sì gli andò incontro lo podesstà 10r; e sì lli fu donato dell’avere 10r; e sì si die’ albitrio al podesstà 11r; ello perdé Zesena, …; e sì si disse che lli rimanea Forlinpopulo et Chastrocaro, ma no la rocha 20v; e per quessto sonono le chanpane del comune a martello; e sì gli andò per chapità gienerale messer Ghaleotto di Malatessti 25v; Fessi una chavalcata alla basstia che era a Chasalechio, fatta e fornita per loro; e sì si diseva che li era dentro per cho Paghanino da Panegho 21v. In altri luoghi Pugliola aggiunge sì davanti al pronome in frasi in cui il verbo si trova in posizione interna e preferisce il pronome in posizione proclitica anche quando il verbo è immediatamente preceduto da e: [In lo] d(i)c(t)o millesimo li sing(n)ori i quali teneono Ymola… sì si ruppono insieme e si mosstrò ch’el fratello mezzano se la volesse fare a quello ch’era maore 27v; In quessto co(n)siglio sì ssi levò uno suo vicario e si disse ch’el Santo Padre e lui, di suo co(n)sentimento, sì volea che fosse tolto via lo terzo del dacio della masina 47v; E sappiate che quessta zente sì era stata a soldo de messer Bernabò e si mosstrava ch’e’ gli avea cassi 55r. Prendiamo in considerazione un esempio in cui Pietro Ramponi interviene nel testo di Pugliola: Mercori a dì .xxi. d’ottovre sí si disse le messe in messer San Piero da prima e fuli1864 tucta la cherisia e, dicta la messe, sì feno la procisone. Fatta la dicta processione, si disse poss[a] le messe in ongni luogo e tucti li artisani tenono serrati in fino a terza le sue stazoni 17v. Nel primo periodo il verbo della principale non presenta enclisi, essendo all’interno della proposizione, è però rafforzato dal sì. Pugliola avrebbe evitato l’enclisi nella coordinata seguente 1864

BdP: e vi fu. PR cassa e vi, aggiunge e, corregge fu agiungendo -li.

198

La lingua del manoscritto scrivendo e vi fu, ma Pietro Ramponi sente il bisogno di correggere ripristinando l’enclisi (e fuli), essendo la proposizione collegata sindeticamente con e alla principale. Schiaffini ricordava che già in Dante sono presenti casi di inosservanza di questa regola a favore della proclisi del pronome (Testi fiorentini p. 277), notevole è quindi la correzione di Ramponi che si dimostra conservativo. Infine, dopo proposizione participiale, la ripresa è introdotta da sì (sì feno) mentre nel periodo successivo, nella stessa situazione, Pugliola sceglie di evitare l’enclisi aprendo la proposizione principale col pronome atono. Il problema è che si disse non è in posizione iniziale assoluta, ma è preceduto da Fatta la dicta processione. E’ dubbio se si possano considerare le due frasi come una frase unica (quindi senza violazione della Tobler-Mussafia) o se quella che noi distinguiamo come proposizione principale fosse distinta dalla secondaria anche dall’autore. Cfr. infra (terzo caso Mussafia). Nessun dubbio, anche per Ramponi, in presenza del sì che evita l’enclisi: El vesscovo sì lli ten(n)e in prison assai, e sì lli pose alle finestre, de vesscovado e fe’ legiere la sentenzia e sì lli condan(n)ò i(n) perpetuo carciere 38v. Questo esempio ci porta a considerare il terzo caso definito da Mussafia (quando la proposizione principale forma l’apodosi di una dipendente) in cui prevale la proclisi. Dopo participiale: el chapitano fe’ volger le bandiere e, volte ch’elle funo, li funo rotti incontanente 68r; E fatto quessto, si fe’ gli Anziani e dessi lo gonfalone della jusstizia 15v; In lo dicto millesimo, e furnito che fo lo fatto de Lucha, sì se fe’ de quella gente ch’era in l’oste de’ Pisani una co(n)pangnia 79r qui però con l’aggiunta del sì. Dopo temporale: quando el fu in sul cantone de’ Lanbertini, li fu gente che non voleano che venisse a piazza 12r; Ancora, in(n)anzi che ssi partise da Milano, si fe’ la pase 33r qui però c’è ancora. Diversamente nel periodo Lo chavo de tucto l’osste sì era lo marchese Franciesscho da Esste. Ben ch’el si disea che messer Iacomo di Pepoli era secho, dissesi che rimase a Crevalcore e messer Andrea, fiolo di messer Zoan(n)e de’ Pepogli, sì era a Chasalecchio (21r) le norme individuate da Mussafia sono regolarmente applicate. Infatti si ha proclisi nella proposizione subordinata (si disea), mentre il verbo, all’inizio della proposizione principale viene rafforzato dall’enclisi (dissesi), all’interno della coordinata (era) da sì. Questa analisi conferma che l’enclisi è ancora applicata con costanza quando il verbo è in posizione iniziale assoluta nella frase, sia questa iniziale di periodo o, all’interno di questo, collegata asindeticamente alla precedente. Negli altri casi l’uso dell’enclisi pare essere facoltativo. Già Mussafia aveva avvertito il declino della costruzione enclitica nel corso del Quattrocento e, in effetti, la scrittura di Pugliola, attribuibile al primo ventennio del secolo, mostra una tendenza all’abbandono della costruzione enclitica in favore della costruzione con il sì. L’uso di rafforzare il verbo col sì è presente nell’italiano antico come in antico francese e in provenzale. Giulio Bertoni notava che alcuni dialetti emiliani, il bolognese in particolare, conservano tracce di questo fenomeno (G. Bertoni, Italia dialettale, Milano, Hoepli, 1916, § 110, pp. 177-178) ed in effetti quest’abitudine appare piuttosto diffusa in Pugliola. È possibile che la costruzione con il sì rafforzativo di verbo fosse più congeniale alle sue esigenze espressive e che per questo motivo ne estenda l’impiego da un lato sostituendola all’enclisi, quando il verbo segue immediatamente la congiunzione, dall’altro applicandola anche dove l’enclisi non sarebbe prevista (uso il condizionale perché anche Schiaffini sottolinea che “non c’è nessun caso in cui l’enclisi sia assolutamente vietata” (Testi fiorentini, p. 260), aggiungendo il sì al pronome proclitico quando il verbo si trova in posizione interna. Poiché il sì è usato non solo in sostituzione dell’enclisi, ma anche a sostegno di verbi non accompagnati dal pronome, il suo valore rafforzativo doveva essere sentito da Pugliola e impiegato per insistere su un concetto, non solo per scandire il periodo con pause decise all’interno del discorso.

199

La lingua del manoscritto L’estesa applicazione del sì in concorrenza con l’enclisi è, quindi, da considerarsi testimonianza di una fase di transizione. Infatti, sebbene sia stato intrapreso un cammino verso un progressivo abbandono dell’enclisi, si è ancora lontani dall’autonomia del pronome atono.

200

GLOSSARIO Registro, oltre alle voci proprie della lingua antica, quelle che per il significato o per la forma presentano differenze con l’uso moderno. Indico la voce italiana corrispondente seguita dal significato. Rispetto la forma del manoscritto riportando anche le varianti grafiche. Inoltre segnalo, in alcuni casi, forme diverse attestate da altri autori bolognesi. Per questo motivo conservo il digramma ch davanti ad a, o, u, accanto a ca, co, cu; cie accanto a ce; l’alternanza fra mgn, ngn, ng per indicare la nasale palatale; ss, sia in posizione iniziale che interna, usata frequentemente per indicare la fricativa dentale sorda in alternanza con x, anch’essa conservata (bisogna ricordare, però, che x può valere anche come fricativa dentale sonora); non regolarizzo la distribuzione delle consonanti scempie e geminate, così come l’alternanza fra n ed m davanti a consonante labiale. Per i verbi indico la forma dell’infinito, posta tra parentesi quadre quando non attestata dal manoscritto. Per i sostantivi e gli aggettivi registro la forma del maschile singolare, quando attestata; in caso contrario indico il genere e il numero. Per ogni parola segnalo i luoghi in cui ricorre. Nei casi in cui questa possa assumere diversi significati a seconda dell’uso, o rappresenti un’espressione formulare o proverbiale, riporto il passo in cui è presente. Abbreviazioni utilizzate: a.fr. agg. bol. dial. inv. lat. logud.

antico francese aggettivo bolognese dialettale invariabile latino logudurese

pl. prep. pron. prov. sf. sm.

plurale preposizione pronome provenzale sostantivo femminile sostantivo maschile

Testi e dizionari consultati: SABADINO DEGLI ARIENTI, Le Porretane, a cura di B. Basile, Roma, Salerno Editrice, 1981. ARRIGO CASTELLANI, Grammatica storica della lingua italiana, Bologna, il Mulino, 2000. ROLANDO DONDARINI, Bologna medievale nella storia delle città, Bologna, Pàtron, 2000. ALBERTO MENARINI, Proverbi bolognesi, Firenze, Giunti, 2000. CESARE NAPPI, Memoriale mei; Recordi de mi; con l’appendice del memoriale secondo, a c. di L. QUAQUARELLI, Bologna, Archivio Umanistico Rinascimentale Bolognese, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1997 («La città della memoria», I). GASPARE UNGARELLI, Saggio di una raccolta di proverbi in dialetto bolognese, Bologna, Forni 1892. Dizionario Bolognese-Italiano, Italiano-Bolognese, a c. di L. LEPRI e D. VITALI, Bologna, Pendragon, 2007. Dizionario etimologico della lingua italiana, a c. di M. CORTELAZZO e P. ZOLLI, 5 voll., Bologna, Zanichelli, 1979-1988, 2a ed. (in vol. unico) 1999. Dizionario etimologico italiano, a c. di C. BATTISTI e G. ALESSIO, Firenze, G. Barbera Editore, 19501952. F. FORESTI, A. MENARINI, Parlare italiano a Bologna. Parole e forme locali del lessico colloquiale, Sala Bolognese, Forni, 1985. Il giornale del Monte della Pieta di Bologna. Studi e edizione del piu antico registro contabile del Monte di Pieta di Bologna (1473-1519), a cura di A. ANTONELLI, Argelato, Minerva, 2003. Glossario degli antichi volgari italiani, a c. di G. COLUSSI, Foligno, Editoriale Umbra, 1983-2000. Glossario latino-emiliano, a c. di P. SELLA, con prefazione di G. Bertoni, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1937. Glossarium mediae et infimae latinitatis, a c. di C. DU CANGE, Bologna, Forni, 1981 (Rist. anast. dell'ed. Niort, L. Favre, 1883). Grande Dizionario della Lingua Italiana, a c. di S. BATTAGLIA, Torino, UTET, 1961-2002.

201

La lingua del manoscritto Lessico Etimologico Italiano, diretto da M. PFISTER e W. SCHWEICKARD, Wiesbaden, Reichert, 1979(ancora in corso). Le rime di Onesto da Bologna, edizione critica a cura di SANDRO ORLANDO, Firenze, Sansoni, 1974. Vocabolario bolognese-italiano, a c. di C. CORONEDI BERTI, voll. 1-2, Bologna, Monti, 1869-1874. Vocabolario del dialetto bolognese, a c. di P. Mainoldi, Bologna, Forni, 1967. Vocabolario del dialetto bolognese, con un’introduzione del prof. A. Trauzzi sulla fonetica e sulla morfologia del dialetto, a c. di G. UNGARELLI, Bologna, Stab. tip. Zamorani e Albertazzi, 1901.

[Acattare] Accattare. Procurarsi, ottenere. Qui usato nell’espressione sì ssi acattò i(n) difetto 66v, cioè si procurò una perdita, si danneggiò. Afubiature 39r sf. pl. di Affibbiatura. Fibbie, fermagli. Alibiare (daçii) 47v Alleggerire, sgravare, sollevare. Si veda anche llibiare de gravezze 146v (VIL allibiare). In alcuni documenti pisani antichi è presente allebbiare col significato di alleviare, scaricare (una nave). In tal senso il termine si conserva nell’uso moderno corso: allibià (Castellani). Ameççaduri 73v sm. pl. di sost. analogo a Mezzatore. Mediatore, intermediario (con particolare riferimento a Cristo o agli angeli, quali tramiti fra Dio e gli uomini). Il termine usato in questo contesto vuole sottolineare la gravità delle ostilità tra i Malatesta e i signori di Urbino e Forlì: dove gli strumenti della diplomazia avevano fallito solo un intervento “miracoloso”, o quanto meno inaspettato e inspiegabile al cronista, ha potuto risolvere il conflitto. Amindue 39v, 67v pron. inv. Entrambi, ambedue. Anovava vd. [manovrare] [Anzidere] anzise 73v uccise. Il verbo ancidere è attestato, ed è frequente, già nelle rime di Onesto da Bologna. Anzise vd [anzidere] [Apalizare] Palesare, svelare, rendere noto; apalizòno lo tratado 16v. Apigliare 67v Pigliare. Riscuotere una tassa, un’imposta. Arcizaghano vd. Zagano. Asindigato vd. Sindicato. Astignimento (di guerra) 36v sm. Astenimento. Astensione, tregua dalla guerra. Atexo 79r prep. Accosto, vicino, presso (bol. Atéis). Avantazo 68r sm. Vantaggio. Posto avanzato, sentinella avanzata vicino alle postazioni nemiche. [Averire] Aprire; averseno 36r aprirono. Averseno vd. [averire] Bagordare Armeggiare, dar prova di abilità nel maneggiare le armi, specie la lancia, detta bagordo. li nosstri sing(n)ori si feno bagordare li suo donzelli e fono visstiti di zendale biancho e rosso 65r; ma anche gozzovigliare, darsi ai bagordi. si bagordò per la maore parte delle co(n)pang(n)ie 47r. (Cfr. a.fr. behorder, prov. baordar). Bagurdaduri 35v sm. pl. di Bagordatore, bagordiere. Colui che nei cortei, nei tornei e nelle giostre dava prova di abilità nel maneggiare il bagordo, cioè la lancia. Bagurdi 146r sm. pl. di Bagordo. Lancia nei tornei, nelle giostre, nelle esibizioni cavalleresche. Bagurdure 70r sf. pl. Gozzoviglie, bagordi. Bambaxe c 12r sf. pl. di Bambagia. Cascame dalla filatura del cotone. Qui sembra essere usato in senso figurato nell’espressione fu spazà la bambaxe quasi a voler intendere che fu fatta pulizia, fu eliminato ciò che rimaneva della parte politica avversa, cioè fu cacciata con le armi la fazione che era stata messa al confine. Balesstro 63v sm. Balestra. Qui usato nell’espressione tanto terreno quanto tra uno balesstro atorno da intendersi a un tiro di b., alla distanza approssimativa di un tiro di balestra. Naturalmente tra vale “trae”, “tira”.

202

La lingua del manoscritto Barbàno 33v, 145v sm. Barba, zio. Birrovieri 31r sm. pl. di Birroviere. Sgherro, birro, durante i secc. XIII-XIV, al seguito del bargello, del podestà o del capitano del popolo. Attestato anche beroeri (VIL in nota). Borgelle 11v sf. pl. Tafferugli. Della qual cosa fu di grand(e) borgelle da’ Gozadini e Blanchi. Sella registra borzella come “rixam vel borzellam seu … aliam suspectam societatem” Treviso sec XVI. Brolla 27v, 38v agg. Brolla o brulla. Spoglio, arido. Qui riferito alla terra devastata da un’invasione di cavallette. Brollo 40r (BdP in nota) sm. Brolo. Prato o campo recintato, anche giardino usato come luogo d’assemblea. Voce di area settentrionale dal lat. med. broilum. Bulle 80v sf. pl. di Bolla, borchia. B. da bolare li suoi chavalli. qui, evidentemente, usata per ornare e rendere riconoscibili i cavalli della compagnia assoldata per la difesa di Bologna. [Businare] Buccinare. Letteralmente ‘suonare la buccina’ o in generale uno strumento a fiato. Qui usato in senso figurato nell’espressione ssi businava covelle 46r si mormorava, correva voce di qualcosa. Caporalli vd. Caporani. Caporani 16r (in nota) sm. pl. di Caporano. Capo di una famiglia, di una fazione. Pietro Ramponi corregge in caporalli. Cendale 14r (BdP in nota) vd. Zendato. Cendao 14r (BdP in nota) vd. Zendato. Chamuchà 39r sf. Camucca. Specie di tessuto in seta damascata importato dall’oriente. Vd. anche Tartarino. Chasso 50v pl. chassi 28v part. pass di cassare. Propriamente, annullato, eliminato. Qui nel significato di ucciso. Chasstrone 24v sm. Castrone. Agnello castrato. [Chattare] nell’espressione chattono barbiero da suo naso 73v. Non sono riuscita a trovare un’espressione analoga nella lingua moderna, ho cercato quindi di interpretarla traendo spunto dal contesto. Cattare significa prendere, ma anche cogliere l’occasione, il momento favorevole (dal lat. captare ‘afferrare’, frequentativo di capere ‘prendere’). Ancora oggi ‘prendere per il naso qualcuno’ significa imbrogliarlo, raggirarlo e, in senso figurato, barbiere indica una persona che con astuzie e con raggiri danneggia gli altri nei suoi averi. In questo senso l’espressione può avvicinarsi a ‘Volevano truffare e furono truffati’, ma anche a "Trovarono pane per i loro denti", cioè compirono un’impresa oltre le loro possibilità, contro un nemico più forte ed astuto di loro. In effetti questa frase non fa che sintetizzare in maniera proverbiale la critica che traspare dal commento alla situazione in cui versava Forlì: i signori vivevano in una condizione di pace e benessere ma, non contenti, intrapresero una guerra che non portò loro alcun vantaggio. Chattono vd. [Chattare] Cherisia 83v sf. Clero, insieme dei chierici. Chuchole c 79r sf. pl. di Coccola ‘bacca’ era la granguola grossa come chuchole, e di quelle ch’erono grosse come huove. Tuttavia Sella registra cuculum ‘boccia’ (cfr. ludus ad cogolas, cugulos, cuculas, cugularum gioco delle bocce con o senza birilli o con dei magli di legno). La parola lascia spazio a due interpretazioni: è possibile che con questa similitudine Pugliola voglia insistere sia sull’inusitata grandezza dei chicchi di grandine sia sottolinearne la varietà di dimensioni, dai più piccoli, come bacche, ai più grandi, come uova. Cierna 79v sf. Cerna, corpo di fanteria reclutato nel contado. Qui nell’espressione fare la c. cioè fare la scelta dei soldati, reclutare. Attestato anche per il pl. zerne (cfr. infra). Colta 17v, 51v sf. Colta. Tributo, imposta. Vd. anche Prestanza. [Comportare] consentire, permettere; conportava 48r feno de grande e sozze cose e egli lile conportava.

203

La lingua del manoscritto Conisstabili 28v sm. pl. di Conestabile. Comandante assoldato per guidare le fanterie dei Comuni. Già presente nel Serventese dei Lambertazzi e Geremei (conestabel). Conportava vd. [comportare] Contasstare 83r Contrastare. Opporsi, ostacolare. c. alla gente. Conventati 35v, -adi 39r sm. pl. di Conventato. Dottore, laureato. Datii 37r sm. pl di Dazio. Imposte. Deserti 73v nell’espressione funo d. furono mal ridotti, lasciati in miseria. Despontò 53r (VIL in nota) possibile inrocio fra disposare e dismontare. È implicita l’idea che l’imperatore si fermò alla porta della città e scese da cavallo in attesa del pontefice, poi proseguì a piedi verso San Pietro trainando con le redini il cavallo del papa. Pugliola corregge ma il senso resta invariato: lo inperadore gli andò incontra ed aspettò alla porta e menò le redene al papa di fino a San Piero. Destignudi vd. [distenere] Disasio sm. Disagio. Più propriamente scarsità, mancanza, soprattutto di cibo: d. de vittuaria 51r; disasii de vittuaria, zò è de pane e de vino 68v; ma anche sofferenza, fatica: arivò a Parma con grande disasio e fame 140r. [Disposare] Fermarsi, sostare, riposare, nel testo sempre al passato remoto disposò 56r, 64v, 69r ecc. desposò 81v, 82v, 83v ecc. [Distenere] usato nel senso di catturare Destine (BdP in nota) 17r, destene (passato remoto) 17r; funo distegnuti 23v, ma anche di imprigionare steno destignudi 65r. Domane 81r sm. o f. invar. Domani. L’indomani, il giorno successivo a quello di cui si parla, il giorno seguente. In lo dicto millesimo, domengha e lunedì de domane a .xxvi. di iennaio. Qui è usato per precisare che si tratta del lunedì seguente, cioè il 27 gennaio. Exento (part pass. di exire) 23r uscito, allontanato. Fantesin, fantisino 73v sm. Bambino. Variante dialet. di fante. Nel bol. attuale suona fangén, con n velare finale. (contarzione appunto di fantisén, con sincope di –i-). Fatia 81v, (de vento) 69v, (d’aqua e de vento) 73v. La voce non è attstata altrove, ma poiché a carta 81v è usato da solo, senza specificazione, in coppia con tempesta, deve essere un sinonimo da interpretare come un turbine di acqua o vento (Ludovico Ramponi trascrive faza). Fattura 46r sf. Fattura. Opera, responsabilità, causa. Fia’ 77v sf. Fiata. Volta; pl. fiate 12r. Francessche vd. Mele francessche Frasscha 64v, 65r sf. Frasca. Ciancia, frottola. Vd. anche Zanza. Frezza 53v sf. Fretta. Qui usato nell’espressione fuzino a Monte Pulzano più che de frezza, cioè ‘di gran fretta’. Fumanti 65v sm. pl. di fumante o terrigeno. I fumanti erano i capifamiglia dei focularia, le famiglie residenti nel contado, che, rispetto ai cittadini, erano sottoposti ad una maggiore pressione fiscale come conseguenza della sottomissione delle loro comunità al comune dominante. Essi sottostavano alla fumantaria (65v), un onere fisso di natura personale che derivava probabilmente dal fodro, l’imposta un tempo dovuta, in particolari circostanze, all’autorità imperiale e assunta dal comune egemone al momento della conquista e della sottomissione delle comunità minori. Erano altresì sottoposti al prelievo delle collette, le imposte che sostituirono le prestazioni di giornate lavorative e indette dal governo cittadino o dal comune locale per l’esecuzione di opere pubbliche o per finanziare la difesa. La fumantaria definiva, oltre che la categoria tributaria sottoposta alla relativa imposta, anche una condizione giuridica di inferiorità rispetto alla cittadinanza: ai fumanti infatti non era concesso di accedere agli organi decisionali pubblici, ma potevano svolgere soltanto mansioni minori all’interno delle unità amministrative locali. (Dondarini p 197)

204

La lingua del manoscritto Galia 44v sf. Galea. Gatta 43v nell’espressione ssi trovono aver la gatta, cioè scovarono la preda, si imbatterono nel nemico così come avevano desiderato. Cfr. anche Volpe per un’espressione simile. Glioteda 63v sf. gentaglia pl. glotede. Attestato anche gliottede (LR). Possibile origine da ghiottone ‘furfante, ribaldo’ (dal lat. tardo gluttonem) o per analogia con il verbo gluttire ‘inghiottire’ (Sabadino degli Arienti scrive ingliottire (XLIII, 21; XLVI, 6) e ingliottito (XXII, 74). Il corrispondente italiano, se esistesse, sarebbe *ghiottata, quindi un’accolta di “ghiotti”, “ghiottoni”, ribaldi. Gotata c 41v sf. Schiaffo. Gramgnuole vd. Granguola Granguola c 79r sf. Gragnòla. Grandine. Pl. Gramgnuole 69v chicchi composti da cristallo di ghiaccio spugnoso, bianchi, non friabili, del diametro da 1 a 3 cm. Grieve (tenpo) 42v agg. Greve. Duro, difficile da sopportare. L’uso di questo aggettivo per definire il tempo, inteso come un periodo o momento, indica afflizione, tristezza. Qui il sostantivo che lo accompagna può sì indicare genericamente uno spazio di tempo di difficile sopportazione perché dominato dal grande caldo e dalla siccità, ma anche la condizione atmosferica stessa. Guardia c 79r sf. Guardia. Il territorio circostante la città e sottoposto, nel Medioevo, a uno speciale regime giuridico, fiscale, amministrativo, diverso da quello della città e del contado. Guardia era chiamata anche la zona immediatamente circostante i castelli e i borghi del contado bolognese sedi di comunità. Guasstaduri 145r sm. pl. di Guastatore. Demolitore. Hoste vd. Oste [Infingere] non se ne infinsono 23v. Non curarsi, disinteressarsi, far finta di non accorgersi. Infinsono vd. [Infingere] [Infugare] funo infughati 68r. Mettere in fuga, inseguire. Il verbo, con significato di ‘inseguire’, è usato anche da Sabadino degli Arienti: il cavaliero del podestà l’infugava (Porretane, XLIV, 13). Infughati vd. [infugare] Impazare 60v Impacciare. Impedire, dare impaccio. Inpazarsi 61v, s’inpazzasse 27v; si inpazava 43r, 45v, 49v Impacciarsi. Per lo più usato in frasi negative, sempre col senso di interessarsi di una questione o prendersi cura di qualcuno. Inseng(n)ato, fo tratto - 41v fatto conoscere, reso noto, pubblicato. Intresschata (l’ovra) 12r agg. Intrescata. Qui in riferimento ad una situazione fattasi complicata, ingarbugliata, fuori di controllo. Investì 60v, Invesstido 67r, invistito 63v agg. Investito. Conveniente, adatto, calzante. Qui usato nella locuzione e fugli bene i. [Involare] Rubare. Usato in amindue aveano involate 67v. Involate vd. [involare] Lenze 61r sf. pl. di Lenza. Terrazzamento ricavato lungo i fianchi delle colline. Logo 83v, Luogo 10r, 76r, 83v, 45v, 46r, 56r usato nell’espressione al logo de frati, cioè presso il loro convento. Maleta 14r sm. sing. Probab. diminutivo di mala ‘baule’, ‘bagaglio’(cfr. Du Cange, ad vocem). Il vocabolo, ha corrispondenza anche nel fr. malle 'baule', 'bagaglio' e nello spagnolo maleta 'valigia'. È probabile che qui per metonimia venga indicato il portatore, il quale fu pagato per il trasporto. Malva, noci colla 81v sf. Malla. Variante regionale, femminile di mallo. Guscio delle noci. Mangani 26r sm. pl. di Mangano. Macchina da getto impiegata negli assedi per lanciare pietre o recipienti contenenti materie incendiarie oltre le mura delle fortificazioni nemiche.

205

La lingua del manoscritto Manoava vd. [manovrare] [Manovrare] BdP anovava, PR corregge manoava di zente assai 40v Compiere una serie di operazioni strategiche o tattiche per raggiungere determinati obiettivi militari; guerra combattuta in campo aperto. Medale 37r sm. Medale. Capanna di paglia. Mele francessche 81v Qualità saporita di mela grossa, rotonda e con la buccia liscia e verde, probabilmente originaria della Francia. Mena 34r sf. Mena. Faccenda, fatto. Mestrale 16r sm. Maestro, mastro nel senso di amministratore, responsabile, rappresentante, in questo caso di una compagnia d’arte (< lat. tardo magistralis). Minichattaria sf. 59v Villania, da Mingàtt ‘contadino, villano’. Usato nell’espressione Quessta fue una sozza moneta et una minichattaria col significato di frode, disonestà. [Mitrare] fue mitriati 23v. Mitrare. Condannare alla pena infamante della mitra. Supplizio consistente nell’essere condotto per le strade di una città su un carro o in groppa ad un asino con le spalle nude ed un caratteristico copricapo, la mitra appunto, constituito da un foglio di carta arrotolato in forma di corona su cui erano indicate con parole o disegni le colpe del condannato. Questo copricapo veniva usato oltre che nelle condanne infamanti che prevedevano la fustigazione o la gogna anche nel caso di pene capitali. Attestata anche la forma inmitriati (Fileno dalle Tuate). Mitriati vd. [Mitrare] Montanareda 55v, 58v sf. sing. probabilmente il termine definisce le truppe a cavallo guidate dal Capitano della Montagna, cioè colui che era preposto al controllo delle aree e dei comuni della montagna bolognese. Nabisada 24v sf. sing. Deve certamente trattarsi di un animale commestibile. Nabéss in bolognese significa abisso, potrebbe dunque trattarsi di un pesce che vive in fondali profondi come l’anguilla, nota anche come bisatto. Negotta 51r pron. indef. Negotta (dal lat. nec gutta ‘nemmeno una goccia’). Nulla, niente. Diseva(n)si mem che negotta. [Nodare] nadò 60v, nodò 68v Nuotò. Noglia 58v sf. Noia. Olia 49r, 54r-v sm. Olivo. Qui menzionato come segno di pace. Onimoda 72r agg. Di ogni genere. Nel sintagma onimoda iurisditione. Onon 62r Ognuno. Oste sm. Nel testo è usato spesso col significato di esercito: era chapitano generale de hosste 12v, lo nostro hosste andava ben spesso a dare danno di fino a Forlì 80r. In questo senso può essere usato nelle espressioni: essere in oste fare guerra, assediare: Peroxini si erano in hosste 14r; fare oste raccogliere, formare un esercito: ferono hosste a Verona, e fu messer Luchino con .viiic. havaglieri 11v, Lo quale cardinale era in Romagnia e feva hosste a Forlì 20v, Incontanente la Chiesa fe’ hosste a Perusa co(n) gra(n) zente, e molto l’assediono 54r; ma anche assalire, assediare: sì feno hosste a Lucha e circondolla tucta 77r; levare l’oste, levarsi da oste togliere l’assedio, muovere l’accampamento: per fare levare lo ditto hosste da’ Pisani 77r; porre oste accamparsi, mettere l’assedio: Perusini puoseno hosste a Cortona 18v, andò lo cardinale di Spang(n)a a porre hosste a Ssisi 44r; venire in oste condurre l’esercito per assediare o assaltare il nemico: li singnori dalla Schala ven(n)eno in hosste a Mantoa 76v, vennono a hosste a Rezzo 83r; Altre volte il significato si avvicina a quello di accampamento: questo hosste e gente sì stete a Faenza…Zoanne senpre in nello ditto hosste e de llì non si partiva 79v, deseasi che llo ditto hosste durava ben otto miglia 80r; o di nemico quelli da Vizano, gli qua’ erano stati in nello hosste et aveano f(a)c(t)o grandissimo dan(n)o su per la montangnia nosstra, ve(n)neno a Bolong(na), sì s’aconciorono con messer lo marchese 22v. Oste generale compiere il massimo sforzo bellico possibile: Zoanne con tucto lo suo hosste gienerale volse passare e gire a lloro 80r.

206

La lingua del manoscritto Palade 48r sf. pl di Palata. Palizzata costruita lungo le rive di un fiume per renderne regolare il corso o, come in questo caso, proteggere i porti. Essa serviva per sostenere pesanti catene stese sull’acqua che impedissero il passaggio delle imbarcazioni. In effetti qui il cronista chiarisce dicendo che i passi tra i Viniziani e Ferrara erano livadi e non andava alcuna robba tra l’una terra e l’altra. Vale a dire che i permessi (passi) per transitare da uno stato all’altro erano stati revocati, tolti (livadi), impedendo, di conseguenza, gli scambi commerciali. Pasazzo 83v, Passazzo (al Sepolcro) 29r sm. Passaggio. Più esattamente, il fr. passage, anche latinizzato in passagium, designava fin dal XII sec. l’iter transmarinum ovvero il pellegrinaggio in Terrasanta e in particolare la crociata. Qui pertanto andrà inteso come “crociata”. Pigliare (guerra) 42r Intraprendere una guerra. Ma pure guerra rimase, che parve che messer Galeas la pigliasse; e fu una tinta, ché messer Bernabò si fe’ maiore guerra che mai. [Pirlare] Parlare. Nel testo attestato al participio passato pirlà 10v. Pozzòlo 23v sm. Poggiolo. Prestanza 51v sf. il termine sembra essere usato in senso generico come sinonimo di tassa, tributo ma nello specifico esso consisteva in un prestito forzoso richiesto dall’autorità ai cittadini, o a determinate categorie di questi, per sopperire all’insufficienza delle normali entrate. Vd. anche colta Previdi 72v sm. pl. di Previde. Prete. Provision 36v, provisione 37r, 67r, provixione 36v sf. Provvisione o Provvigione. Stipendio. Attestato anche previxion 36v, previxione 37r (VIL in nota). Provixione2 51v sf. Provvisione. Provvedimento legislativo; decreto, deliberazione emanata da un’autorità pubblica. Attestato anche previxion 51v (anche VIL in nota). Provisonati 26r, 144r sm. pl. di Provisionato. Stipendiato. Ribaltadi (da pié) 39r ornamento, fibbia per le calzature Richiosstri 60v sm. pl. di Chiostro. [Ricoverare] Riprendere possesso. Ricoverò lo reame 43v. Ridità 42r ( VIL in nota) vd. Odità. Risegho 79v sm. Rischio, possibilità di subire un danno o una perdita. Qui è Ramponi stesso a chiosare Pugliola aggiungendo overe perigolo. Abbiamo già il binomio rischio e pericolo che usiamo ancora oggi. Risguardo, Risquardo 68r sm. corseno in lo r.; seguino lo r. dritto davanti a loro; disseno a r. nostro a proposito di noi, nei nostri confronti. Rossta 81r sf. Rosta. Difesa, sbarramento, barriera costruita con rami o con pali; palizzata, staccionata. Anche catena di ferro usata, come in questo caso, per serrare le strade della città ed impedire il passaggio della cavalleria. Santanadi vd. [Santanare] [Santanare] Disperdere, sbandare (bol. Santanar). Sì funo desscazati e santanadi 52r. Scuritade 143r sf. Scurità. Lutto. Dal vestirsi con abiti neri per la morte di qualcuno. Sindago 15v sm. Sindaco. Rappresentante giuridico del Comune, era custode del patrimonio pubblico e conservatore delle leggi, dei bandi e degli statuti. Nelle città come Bologna era affiancato da altri membri di un organo collegiale Attestato anche sinigo 17r, 77r (VIL in nota) [Sindicare] Sindacare. Sottoporre il titolare di una carica pubblica temporanea, alla scadenza dell’ufficio, ad una verifica del modo in cui ha esercitato i suoi poteri e le sue funzioni. Sindicava 48v. Attestati anche sinigado 38v (VIL in nota), sinighava 48v (VIL in nota) fu asindigato 38v. Sindicato 17r sm. Sindacato. Mandato, incarico formale conferito ad un ambasciatore del Comune in una trattativa. Attestato anche sinigado 17r (VIL in nota). Sindicava vd. [Sindicare] Sinigado vd. Sindicato.

207

La lingua del manoscritto Sinigo vd. Sindago. Smirre 83v sf. Smirne, città turca della penisola Anatolica, sull’Egeo. Sorado 42v sm. Sciorato. Propriamente libero, sgombro, aperto (il cielo). Qui da intendersi come sfogo e raffreddamento dell’aria, unito probabilmente a piogge, dopo un lungo periodo di soffocante canicola e di siccità. Schavezzare 73v propriamente rompere, spezzare: questo è il significato nella frase parve ch’e’ ssi scavezzasse una ganba 52v mentre nell’espressione andossen a s. lo chollo il senso è quello non tanto di rovinarsi moralmente, ma di procurare inutilmente danni materiali allo stato e alla popolazione a causa di una guerra che non porta alcun vantaggio. Sschachare 62v Scacare. Rubare, depredare (Cfr. a.fr. eschec ‘bottino, preda’). Sella riporta il veneziano (1209) “de rebus depredatis seu schacatis vel surreptis”. Sufficiente 55r agg. Valente. Taglie 49v sf. pl. di Taglia. Divisa. Tartarino 39r sm. variante di tartaresco, originario della Tartaria (Asia centro meridionale). Tema 140r sf. Tema. Timore, paura. Qui usato con compl. di specificazione per tema di quessta zente. Tenore 78v sm. Tenore. Merito o dettato della legge. Lo sopraditto ducha sì fu fatto e chiamato singnore della città di Fiorenza gienerale, senza alcuno tenore. Terrazani 17v agg. Terrazzano, autoctono, che è nativo o abitante di un luogo, in contrapposizione a forestiero. Vd. anche Terrieri. Terrieri 10v agg. Terriero. Abitante in un luogo, in particolare, residente in una città. Vd. anche Terrazzani. Tinta 42r sf. In bolognese tintar significa ‘tentare, far prova’. Si potrebbe interpretare la parola come ‘tentativo’, ma il contesto non aiuta abbastanza. Tocho 140v sm. Tocco. Appezzamento di terreno di modeste dimensioni. Tondulo 38v sm. Tondolo. Tortura della corda. Trabaldarie 146v sf. pl. di Trabalderia. Imbroglio, raggiro. Tramazarie 42v sf. pl di *Tramezzeria. Tramezzo, barriera protettiva o di separazione. Qui in senso figurato nell’espressione gli aveano fatto tramazarie, cioè lo avevano ostacolato, impedito. Trata (de populo) 21r sf. Tratta. Concorso di cittadini armati, assalto. Treno 144v sm. Terreno (bol. Trêin). Trentino (vitello) 24v carne macellata di vitello particolarmente pregiata e costosa. Attestato anche come solo Trintino (Friano Ubaldini). Truna c 81v, 82r sf. Truna. Tribuna, nell’abside delle chiese, l’insieme degli scranni posti dietro l’altare maggiore dove prendevano posto il vescovo e gli altri esponenti del clero. Truoni 35r, 40v sm. pl. di Truono. Variante dial. di tuono e per estens. fragore, fulmine. Vagle sf pl. fossati difensivi a protezione di una città lle vagle eano sì seche che posseno zire da qual lado i volseno 68r o palizzata piantata su un terrapieno a protezione di un accampamento ze volean in lo dicto serraglio delle vagle affamare e rechioder 145r (lat. vallum forse da valla neutro pl. collettivo di vallus ‘palo’). Varo 35v sm. Vaio. Pelliccia di scoiattolo molto pregiata. Varoli 73v sm. Vaiolo. Vegniri 142v sm. variante dial. di Venerdì. Veretone 26v sm. Verrettone o vertone. Dardo che poteva essere lanciato a mano o con la balestra. Dal lat. veru ‘spiedo, giavellotto’. Volere da segnalare la 3 ps. del condizionale presente vorrave (55r) usata nel senso di occorrerebbe, ci vorrebbe: buono rezzedore vorrave a una così grande cittade. A Bologna è tuttora corrente 'mi vuole' nel senso di 'mi ci vuole, mi occorre'.

208

La lingua del manoscritto Volpe 68v nell’espressione usata dai soldati in guerra che diseano in le scharamuze che la volpe serrada era in nella tana nel senso di intrappolare il nemico, avere il nemico in pugno. Zagano, arcizaghano 40r sm Diacono, chierico. Cfr. zago voce d’area bresciana, bergamasca, veneta (usato come sinonimo di zoticone), dal gr. biz. diakos. Cfr. anche logud. giàganu. Zanza 80r, 65r sf. Zanza o ciancia. Discorso vano e inconcludente, chiacchiera priva di fondamento. vd. anche Frasscha. Zendale 65r; zendalle 146r (VIL in nota) vd. Zendato. Zendato 146r sm. Zendado. Stoffa di seta fine e molto leggera. Attestate anche le voci cendale 14r (BdP in nota), cendao 14r (BdP in nota), zendale 65r, zendalle 146r (VIL in nota). Zerchie 47r sf. pl. di Cerchia, cinta di mura e per estensione i quartieri compresi nello spazio circondato da queste. Zerne (de fanti) 21r, 26r sf. pl. vd. Cierna. Zesterna 38v sf. Cisterna. Zire 43v, 145r, 60r ecc. Andare. Attestata anche la 3° pers. pl. dell’imperfetto ziva 54v e zeva 24r, 40r, 55r.

209

Appendice

La lingua di Friano Ubaldini Spoglio del ms BUB 430

GRAFIA

Appendice H La grafia etimologica è nettamente prevalente per gli esempi sottostanti, eccezion fatta per le voci del verbo avere che, di norma, sono scritte senza h e il sostantivo hosto che rappresenta un caso isolato: hano 927r, havea 705r, havendo 705r, havesse 936v, havesti 949r; Hippolito 724v, 734r; home 892v accanto a homo 705r-v, 706r-v, 711r ecc.; hommo 796v, 802v, huomo 705v e al pl. homi 818r, 865r, 939v, 978v, homeni 706v, 710r, 711v ecc., homini 705r, 717v, 736r ecc.; honestamente 956v; honor 940v, honore 705r, 708v, 711v ecc.; honoro 776r; honorevelemente 736v, 856r, 893r; hor 927r, hora 743r, 747r, 750v ecc.; hore 706r, 732v, 743r ecc.; hosto 786r; humano 705v. H pseudoetimologica In alcune parole composte la presenza di h è determinata dall’analogia con parole quali hora o homo: homezidio 796v, 944r, 979r, homizidio 833r e al pl. homezidi 823r, homizidi 823r, 928v; horamai 920r, hormai 927r; ma nella maggior parte dei casi si tratta di ipercorrettismi, spesso unici: Helisabeta 705v; hobedire 936v; Hobservanza 936v; hofizi 949v; hoggi 927r; hognihome 945r; homai 960r; honora (ognora) 927r; hordine 986r insieme alle voci del verbo hordinato 727v, 786r, -i 936v, hordinò 727v; horengho 915v; hornarla 705r horzo 827r; hozedì 944r. Il digramma CH I digrammi ch e gh davanti ad a, o, u si può dire che rappresentino la norma grafica rispetto ai rari casi di grafia ca, co, cu e ga, go, gu. Non solo, essi sono impiegati anche davanti a liquida. Si vedano alcuni esempi per chl: Chlaudio 853v, 963r; Chlemento 791r; chlisse (eclissi) 850r; chonchlusseno 713r, chonchluxo 778r; echlexiasticha 746r; inchlito 705v, -a 706v; e ghl: Inghlitera 867r, inghlexo 729v; ghloria 842v. Assai più frequenti i trigrammi chr: chreato 706r; chronicha 706r; chrucifisso 705r; sachramenti 705r; schripta 706r; e ghr: aleghreza 706v; ghrande 705r, ghrandisima 705r; ghrosse 724v; Ghrugensso 879r; nighri 724r. X Possono considerarsi casi di x etimologica gli avverbi maximamente 705r, 800v, 971r e maxime 705r, 716r, 717r ecc., usati frequentemente, così come extremo 949v, extrema 926v; excellente 927r, excelentisimo 963r, perchè inseriti in due componimenti poetici dove la grafia latineggiante accompagna una maggiore ricercatezza lessicale. Diversamente, nei casi Alixandro 706r; exequicione 869r, exequizione 868v; exequtore 868v, exequitori 868v; exerzito 718r, 719r, 745v ecc., exerzizio 736r e le voci verbali exerzitado 792r, exerzitano 792r-v, dietro un’apparente grafia latineggiante penso si nasconda, anche per questo autore, l’uso di indicare con x la fricativa dentale sonora quando in posizione intervocalica. Si vedano solo alcuni esempi: Belvixo 729v; chauxa 707r; chaxa 706r; dovixa 706v; duxe 725v; formoxa 707r; franzoxi 744v; Ghiexia 705r; induxia 747r; marchexana 707r; mexo (mese) 705r; milanixi 705v; quaxi 705r; uxo 705v. Talvolta la fricativa dentale sonora può essere resa con s, ma gli esempi si alternano a quelli con x e sono decisamente minoritari. Alcuni esempi, fra i più comuni: chaxa (x326) contro chasa (x9); paxe (x21) contro pase (x1); le forme chauxa (x57), marchexe (x4) e marchexo (x67), raxon (x25) sono le uniche attestate, non hanno, cioè, una variante grafica con s. Y L’unico esempio rintracciato nel manoscritto è Troyelo 958v.

215

Appendice Z Nel testo z viene usata esclusivamente per indicare l’affricata alveolare sorda o sonora. Assente, ormai, la grafia ç. Alcuni esempi per la sorda: azetò 707r; Chanonezi 705r; chazato 705v; chonmenzato 706v, chomenzò 707r; dizevasse 834r; feze 705r, 707r, fezeno 706v, 707r; Franza 707r; lanzalori 706v; Medizi 705r; zoè 705r, 706v ecc.. Solo in un caso, donaze 816v, che potrebbe essere un lapsus, z sostiutisce la fricativa dentale sorda. Per la sonora: alozare 707r, alozò 707r; fuoze (fogge) 706v; mazo 706r, 707r; mazore 706v; zà 705r; zenaro 705v, 707r; zente 706v; zetare 707r, zetada 706r, 707r; Zoano 705r, 706v ecc.; zostra 707r; Zuliano 705r; zenerale 706v. Raro è l’uso di z per indicare la fricativa dentale sonora come, ad esempio, in palezare 804v. M e N seguite da labiale Continua ad essere presente anche in Friano l’alternanza tra m ed n davanti a labiale, sebbene la prima prevalga sulla seconda. Tuttavia n prevale nei casi in cui chon e in si trovino all’inizio di parola, in quanto sembrano essere intesi come prefissi. Spesso sono abbreviati, ma non mancano esempi in cui vengano scritti per esteso: chonpagnì 926v, chonpagnia 831r, 884v, 938v; chonpagno 980v, chonpagni 763r, 953r; chonparada 973r; chonparavano 941v, 957r, 972r; chonparoli 928v; chonpasione 938r; chonperato 935r; chonperorno 828v. Inpaghare 966r; inpazavano 838v; inpazo 897r; inpediva 891r; inperadore 863r; inpicharlo 965r; inpichati 886v; inpichato 775v, 790r, 820r ecc.; inpidire 858v; inposta 862v 868v; inprestare 733v, 783r; inprestase 962v; inprexa 708v, 766v. NESSI Nell’usus scribendi di Friano i nessi latini sono pressoché assenti, ricorrono solo nei passi di maggiore solennità o in alcuni componimenti poetici, inseriti all’interno della narrazione, dove l’autore tenta di mostrare una maggiore ricercatezza formale. CT A parte ellecti alla carta 869r tutti gli altri esempi presenti nel testo si trovano all’interno di poesie: chonspecto 926v; effecto 934v; electo 934v; lector 949v; pecto 934v; recto 927r. Non è certo che anche queste siano opera di Friano, tuttavia, chiunque ne sia l’autore, l’uso di una grafia latineggiante si spiega come tentativo di nobilitare il testo. PT Il nesso latino si trova soprattutto nelle voci del verbo ‘scrivere’, nei luoghi più formali del testo, dove, in una pausa dalla narrazione, Friano vuole attestare la sua autorità sulla cronaca o la sua presenza agli avvenimenti narrati: Schripto 710v, 713v, 740v ecc., -a 706r, 710v, 718v ecc.; schriptore 791v, 808v, 827r ecc.; infraschripti 797r, 972r; sopraschripti 726v; septimo 868v, 876r. BS Absolutione 936v ma obesolizione 941r; Hobservanza 936v; observare 948r, 952r; observato 898v, 900v, -i 868v, -a 948v, observava 841v. GL(I) La l palatale è resa costantemente con il trigramma gli o il digramma gl: Bentivogli 707r; chonsiglio 728r; fioglo 705v, 730v, -i 753r, -a 707r; figliolo 705r, -i 705r, -a 707r; miglia 705r; pigliata 705r.

216

Appendice

GN La nasale palatale è resa con la grafia gn. Tra gli esempi più frequenti: Bologna 706r; dignissimo 705v; ingegno 705r; magnanimo 705r; magnificentissimo 705r; ogni 705v; regno 705v; signuri 705r. Si segnala anche Romaggnna 933r. Questa consuetudine grafica può essere spiegata, in parte, col fatto che nelle varie scriptae italiane la grafia ngn vuole probabilmente riprodurre la pronuncia forte della n palatale, che è la pronuncia normale del toscano e di tutto il Centro-Sud, mentre a Bologna questa consonante è per lo più pronunciata scempia (con conseguente allungamento della vocale precedente). La grafia ngn, si trova solo in due casi: cho(n)pangnì 851v e i(n)gnorante 828r. Da considerare lapsus Angnnolo 788v e legngnamo 728v. TJ e NTJ I nessi latini sono conservati solo nella grafia, ma non nella pronuncia: absolutione 936v; ambitiossa 705v; intention 823v ad eccezione di volentiera 727r, volontiera 803r, 950r. SCEMPIE E GEMINATE Come già per gli esempi precedentemente riportati per Bartolomeo della Pugliola, è molto difficile stabilire con certezza quale fosse la reale pronuncia sottesa a grafie così oscillanti tra la forma con consonante doppia e quella con consonante semplice. Di conseguenza resta l’impossibilità di accertare se tale oscillazione sia un fenomeno esclusivamente grafico o anche fonetico. B Normale lo scempiamento: abondantisimi 705r; arebeno 708r, 843v; ebe 705v, 707r, 709v ecc., ebeno 847v, 850v; ghabava 713r; ghadagnarebe 840v; publichò 706v; serebeno 846v; serebo 710r. Republicha 705r potrebbe essere un latinismo grafico. Si conserva in rebbone 931v e in Iobbo 896v, mentre dietro alla grafia orbbo 970r si nasconde non una pronuncia propriamente doppia della consonante, ma certamente più intensa. Grafie come questa sono frequenti anche in testi toscani e vogliono indicare, probabilmente, che la pronuncia in sede postconsonantica è più forte che in sede intervocalica. Singolare esempio di ipercorrettismo è Robbino (Urbino) 743v. È possibile che l’Ubaldini sentisse Urbino/Orbino come metatesi dialettale, per analogia con altre metatesi del tipo ricordare - arcurdèr ecc., e che per questo lo abbia riportato erroneamente a una presunta forma corretta Robbino. C Velare. La geminata, in posizione postonica, si conserva solo in ecco 927r, 960r e seccho 712v, mentre si riduce in bocha 711r, -e 715v, 721r; ochi 725v; picholi 721v, pichulino 728v; rinbecho 707v; rocha 715v, 719r, 723v, -e 720r; vache 711r; vechi 721v, 726v. In posizione protonica lo scempiamento è la regola: achampare 720r; acho(n)pagnato 713r; achognessuta 717v; achordo 710r, 714v, 715r ecc. e le voci del verbo achordare 708v, achordò 708v, achordono 710v, achordose 709v; achreseva 708r; achunzò 712r; adachato 716v; apichato 736v; atachasse 710r, atachato 713v; atachon 709v, atachorno 714v; brochato 723r; dispichare 736v; i(n)pichato 736v; sachezò 708r; sachezorno 708v; sachomano 708v, sachomanata 709r, sachomanò 709v; sechorso 708v, 711rv, 712r; Palatale. La geminata non è conservata se non in un caso di ipercorrettismo: cissimaticcii 901r. Si semplifica in posizione protonica: eceto 710r, 715r; sucesse 710v, sucesso 705r, 708r. D La geminata non è mai conservata. Resto incerta su come valutare esempi come chade 836r; fredo 781r, 817r, 818v ecc.; Tadio 759v, 800r, Tadia 864v. Poiché il livello culturale del cronista è mediobasso e il fenomeno dello scempiamento delle consonanti geminate è diffuso nei dialetti settentrionali, potrebbe trattarsi di casi di scempiamento rispetto al toscano, piuttosto che di

217

Appendice conservazione della forma latina. Tuttavia, se *CADUIT, FRIGIDU(M), TADEU(M) in epoca latina o preromanza erano presenti anche in area bolognese, nulla vieta che la loro evoluzione in -dsemplice sia autoctona. F La geminata si conserva in beffe 914r; Reffeno 799v ed è presente anche in officiale 868v; offizi 953v, offizio 955r-v; piffari 959v Piffaro 965r probabilmente per influenza toscana. Assai più frequenti sono le forme scempie: ofizio 706r, 709r, 711r ecc.; pifare 780v, 800r, 806v ecc., pifari 706v, 825r, 879v ecc., pifaro 781v, 806v, 824v ecc., pifarata 806v, -e 928v, 956r, 979v. All’interno di poesie, dove si può notare una maggiore attenzione all’ortografia, si trovano affanni 927r, 949r, affano 970v; affina 927r; diffidarte 949v; effecto 934v; sofferti 949v, ma aferra 843r. Questo ultimo esempio non costituisce un’eccezione in quanto il prefisso a- (< AD-) può essere seguito da consonante semplice anche in toscano antico. Non mancano esempi di ipercorrettismo, soprattutto in parole dotte o semidotte: chorzeffisso 790v, chruciffisso 972r; filoxaffo 963r; sefforzo 710r; mentre esempi come ghelffa 730v ghelffo 942v; trionffo 707r sono spiegabili, anche in questo caso, come trascrizione di una pronuncia più marcata in posizione postconsonantica. Sono raddoppiamenti per fonosintassi: a ffare (< AFFACERE < AD FACERE) 728r; reffare 924v. Tuttavia il raddoppiamento si ha anche quando non giustificato da precedente consonante latina: se fe’ ffalò 892r; de ffassi, li ffassi 908r; le ffosse 916r; de febraro, ffu 760v; di ffuora 959r; li ffuorainsidi 815r. G Velare. Non si registrano casi di geminazione e scempiamento. Palatale. La geminata si trova solo in tre casi all’interno di poesie: hoggi 926v, 927r, 949r; piagge 927r; regge 927r. Alcuni casi di scempiamento, rispetto al toscano, in posizione protonica: elegendo 792r; magiore 927r; regimento 795v, 930r, 943r ecc., -i 798v, 804r, 810v ecc.; e postonica: Rego (Reggio) 859r, 868r. L La geminata si conserva in chavalli 939v, 950r; chollegi 751v; milli (mille) 884r. Inoltre si conserva in alcuni nomi propri sia in posizione protonica, Avellino 939r; Chatellano 757v; Mamollin 735r; Zellin 758v; che postonica: Achillo 976r; Baldella 869v; Chastello 757r, 867r; Cimello 781v; Isabella 741v; Razallo 782r; Scharsella 782r. È possibile che questa cura nella grafia non corrispondesse alla reale pronuncia visto che sono presenti anche ipercorrettismi come Amillio 765r; Argillo (Argile) 869v; Inghllitera 863r; Iullio 896v; Trollio 895r. Spesso -l- > -ll- sia in posizione protonica: santo Allò 738v; ellecti 869r; fallò 977v; gellò 871r; Ghaibolla 763r; qullui 816v; volltò 878v, sia postonica: diavollo 790v, 916r; fiolle (figliole) 945r; mallo voluto 803r; menovalle 872r; puovollo 782v. Ancora una volta, invece, all’interno di poesie, la distribuzione delle geminate è corretta: Achille 960r; allhor 927r; chavalleri 927r; excellente 927r; procella 927r; anche nelle preposizioni articolate: della fede 934v; alle tue tenebre 960r. In alcuni casi il raddoppiamento non è un semplice fatto grafico, ma testimonia un’assimilazione di r ad l: metello (metterlo) 838r; reinghraciallo 877r. Altre volte, nel caso di pronomi enclitici, è il risultato di fonosintassi: avealla 867v (non giustificato secondo normale fonetica, perché il pronome enclitico non è preceduto da vocale tonica); aquo(m)pagnollo 807r. Lo stesso dicasi per le preposizioni articolate, di norma scritte nella forma analitica: all’aprile 987r; all’altro verespo 973r; dalla chreazione 987r. Altro caso di fonosintassi è arivò lla novela 715v dove la vocale tonica finale produce raddoppiamento, esattamente come in acompagnollo ecc; mentre chon lli taliani 709v vuole rendere a un tempo la presenza della prep. con e la pronuncia -ll-, ma la

218

Appendice pronuncia effettiva è probab. colli taliani; difficilmente spiegabile è invece dell mexo 776r, probabile grafia accidentale. M La geminata si conserva in immazine (rispetto al toscano) 745r, 775r e summa 792r; mentre sono ipercorrettismi armme 762r e hommo 796v, 802v (cfr. supra quanto detto per b doppia in posizione postconsonantica). N La grafia anno/anni prevale nettamente su quella ano/ani; inoltre la geminata si conserva in posizione protonica in Innocencio 782v, 783r-v; innocentemente 705v e in posizione postonica in danno 910r, 933r; Nanno 888r; panno 754r, -i 762r, 798r; Zoanno 946r. Anche nelle poesie la geminata è, di norma, conservata: affanni 927r, 949v; danni 927r; panni 949v; sostenne 926v; tenne 926v; venne 926v, 960r; tuttavia le forme scempiate sono prevalenti: afano 735r, 744r, 777v ecc.; dano 709r, 716r, 723r ecc.; inocenti 756v, 907r; Inocenzio 752r, 804r; pano 724r, 779r, 791r ecc., -i 713v, 724r, 735r ecc.; tene 715v, 720v, 841v ecc.; vene 706v, 707v, 709v ecc.; Zoano 705r, 706v, 707r ecc.. Si segnalano inoltre: ano (hanno) 705v; chondanati 717r; Ravena 825r-v, 826r ecc.; sachomano 708v; zenaro 711v, 715v, 720r ecc.. Numerosi sono gli ipercorrettismi, che rappresentano, però, dei casi isolati. In posizione protonica: annele 747v; sinno 944r; postonica: bastionne 740v; bonni 811v; funno 763r; lanna 798r, 842r; raxonne 719r; unna 891r; Varignanna 744v. Raddoppiamento per fonosintassi in innanzo 747r; innanzi 960r (poesia) ma prevale inanzo 706v, 707v, 714v ecc. Di difficile spiegazione è Sann Domenegho 960v al pari di armme (cfr. supra M). P La geminata si conserva in Hippolito 734r e, rispetto al toscano, in doppe 729v, doppo 949r-v (poesia) dove -pp- si spiega come esito di gruppo consonantico (< DE HOC POST), mentre è un ipercorrettismo chopperta 760r. Si registra un solo raddoppiamento fonosintattico, appunto 987r, mentre la scempia si conserva in apichato 736v, 760v, -i 706v, apichava 717v, apichò 737v. Gli scempiamenti sono frequenti in posizione protonica: aparado 791r; aparechio 776, aparechiato 855v; chapelo 715v, 728r, 731v ecc.; drapiero 750v; sapiate 761r; seportava 705v, seportavano 960v (lat. supportare, comp. di sub- ‘so-’ e portare ‘portare’); ma non mancano anche in posizione postonica: drapo 779r, 792r, 793r ecc.; Felipo 705v, 730v, 738v, Filipo 706r-v, 735v ecc.; sapi 728r, 736v, 758v, sapia (I p.s., cong. pres.) 727v, sepe 709r, 712v, 727r ecc., sepeno 784r, 834r, 854r ecc.; zape 726v, 727r, 758r. In alcuni casi non sono sicura se si debba parlare di scempiamento o di conservazione di una forma non solo latina, ma in molti casi anche toscana. In esempi come aparire 909r, aparisse 716r, aparse 743r, aparsse 900r; aponendoli 901r, aposto 859r; atrapare 835v, 851r lo scempiamento non è certo, visto che in molte parole il prefisso a- (< AD-) può essere seguito da consonante semplice anche in toscano antico; lo stesso dicasi per chapela 729r, 735r, 740r ecc., chapelani 776v presenti in toscano nelle forme capella, capellano, continuatrici del latino; anche sepelire 719v, 722v, 738v ecc., sepelito 705r, 706r, 709r ecc., sepeliva 920r, sepelivano 804v conservano la situazione del lat. SEPELIRE. R Il tentativo di adeguare l’uso delle consonanti doppie alla norma toscana porta a numerosi eccessi, soprattutto nei nomi propri: Berro 755r; Carraciolo 939r; Charregia (Careggi) 705r; Ghirrardo 743r; Pirro (Piero) 753r, 781v; Prrate (Prato) 969v. Questi esempi testimoniano ancora una volta che il raddoppiamento è in molti casi un fatto solo grafico e che il suono che il cronista voleva riprodurre doveva essere pronunciato e sentito come semplice. Resto incerta per questi nomi spagnoli: Albarralda 939r; Gorres 939r; Sarra 939r. In un caso il raddoppiamento è, invece, il risultato di un’assimilazione e testimonia, quindi, un fatto fonetico: chamerrengho 856v.

219

Appendice Anche tra le parole comuni non mancano esempi di consonante geminata, ma sono casi isolati, spesso ipercorretti, rispetto alle più frequenti forme scempiate (in posizione postonica): cirra (cera) 753v ma cira 739v, 759r, 876v ecc.; civarri (cefali) 753v, ma civari 876r; porri 933r; turre 826r ma ture 733r, 831v, 929r ecc.; nelle poesie si trovano: aferra 843r; erra 843r; errori 927r; ghuerra 934v, guerra 960r; terra 960r. S In alcuni casi la forma con la geminata è l’unica attestata: chrucifisso 705r; sucesso 705r. In altri casi è prevalente, sebbene non manchino forme con la consonante semplice: assae 705r, 730v, 752v ecc., assai 705r, 708v, 710r ecc. ma asae 722v, 760v, 832v ecc., asai 708v, 716v, 721r ecc.; rosso 742v, 744r, 774r ecc. ma roso 742v (x4). Nella maggior parte dei casi la forma con la geminata si alterna a quella con la consonante semplice sia in posizione protonica: ambassaduri 782v ma ambasadore 706v, 707r, 721v ecc., ambasadori 720v, 722r, 747r ecc. -uri 720v, 721v, 722r ecc.; passare 710r, passato 731r, 734v, 811r, -i 763v, 839v, 844r, passò 709v, 710r ma pasare 709v, 710r, pasato 709v, 710r, pasò 708r, 715r, pasono 715v, pasorno 710v, 715r; tasselo 713v, 791r, 795r, -i 775r, 844v ma taselo 713r-v, 791r, 794r ecc., -i 775r, 845r; che postonica: chassa 760r, 813v, 817r ecc. ma chasa 751r, 856r, 874r ecc.; passo 714r, 718v, 746v ecc. ma paso 722v, 854r, 874r ecc.. La geminata si trova, inoltre, nei numerosi superlativi: christianissimo 705r-v; chupidissimo 728r; dignissimo 705v, 712v, 738v ecc.; dotissimo 722r; ghrandissimo 736v, 891r, 909r ecc.; ghrassissimo 971r; inlustrissimo 705r, 706v; iustissimo 705v; liberalissimo 728r; magnificentissimo 705r; valentissimo 926r, 953r. Tuttavia non mancano forme scempiate: brevisimo 728r; christianisimo 707r; ecelentisimo 739v; ghrandisimo 714v, 718r, 721v ecc.; sapientisimo 705r, 787r; valentisimo 705v, 739v, 802v ecc.. Anche nella III p.s. del congiuntivo imperfetto (perciò sempre in posizione postonica) la geminata è conservata: achuxasse 795r; amazasse 764v, 766r; andasse 798r; l’assegnasse 764v; s’atachasse 710r; avesse 795r; parlasse 778r; passase 830r; piasse 765v, 766r, 796r; rovinasse 723r, 794r-v; ma, anche in questo caso, spesso si alterna alla forma scempiata: abandonase 708v; andase 712r, 729r, 743v ecc.; arivase 750v; butase 759r; mandase 750r; menase 743v; paghase 756r; piase 709v, 740v; rovinase 710r, 729v, 749r ecc.. Alcuni scempiamenti rappresentano, invece, l’unica forma attestata nel manoscritto (in posizione protonica): asaltare 784v, 801v, 802r ecc., asaltorno 727v, 749v, 802v ecc.; asbasare 764v, 868r, asbasata 917v, -e 733v, 902r; asediato 710r, 912v, 710r ecc, -a 833r, 911v, 912v ecc. (per i composti con a- (< AD-) asaltare, asaltorno, asediato cfr. quanto detto sopra per p); Sasuolo 723r, 853r; assai frequenti masaro 869v (x23), 877r, 955v (x2) e masari 743v, 805r, 811r ecc. contro le scarse attestazioni della sola forma geminata massari 766r, 948v. Talvolta ss è usato come variante grafica di s per indicare la fricativa dentale sorda distinguendola dalla sonora: achussare 818v; censso 728r; quossa 705r; quossì 722v; tironssi 961v. Poiché ciò accade frequentemente davanti a consonante, anche in posizione iniziale, si potrebbe pensare, come già in Pugliola, non ad una pronuncia doppia, bensì ad un naturale sforzo davanti ad una occlusione che doveva essere percepito dall’orecchio dello scrivente come un suono più forte. Si vedano ancora: artissti 856v; besstiamo 909v; Bosscho 912r, 913r, 914v ecc.; frassche 794r, 805v; fresscho 931r; iniurisschonsulti 963v; misschià 776r; quessta 793v; resspoxe 783v; sschale 844r; sschalorno 785v; sschoado 777r, sschovado 957v; sspada 718v, 928v; sspi 835v; sstala 879v; sstevano 918r; sstiza 871v; sstritamenti 788r; veresspo 906v, 919v, 930r. T La geminata si conserva in posizione protonica in: assettati 948v; battaijon 745v; chonbattudo 953r; città 943r (x2), 979v; tronbittii 850v; postonica in: balotte 969r; ghatta 888v, -e 888v; iotta (ghiotta) 926v, 928r; manuscritti 987r; notte 931v, 974r; prometterse 746r; rotta (s.f.) 979v; rotto (part. pass.) 709v, 916v, 818v ecc., -i 953v; sotto 979r; zanitti 940r;

220

Appendice Nelle poesie si conserva in città 926v, 927r e tutto 927r, mentre sono ipercorrettismi chonsentti 927r e schutto (scudo) 934v. Ovviamente non mancano le corrispondenti forme scempiate: cità 705v, 710v, 714r ecc.; dito 705r-v, 706r ecc.; drito 717r, 733r, 737r ecc.; oto 784r, 785r, 788v ecc.; otobre 705r, 706v, 709r ecc.; roto 708r, 735r, 739r ecc.; soto 713v, 737v, 738r ecc.. Lo scempiamento si verifica maggiormente in posizione protonica e, in effetti, la geminata è conservata prevalentemente in posizione postonica. In più si registrano esempi come altto 986r e volttò 878v che possono essere spiegati, ancora una volta, come casi di doppia postconsonantica, mentre aritrovatto 763r; notto (noti) 987r; oxelatti (uccellati) 961v sono sicuri ipercorrettismi. È possibile, in questo caso, che si tratti di una doppia ricostruita, piuttosto che conservata e realmente pronunciata, ma non possiamo esserne certi. Infatti, ancora oggi, in posizione postonica il bolognese ha parecchie doppie, o per lo meno qualcosa di equivalente, ossia vocale piuttosto breve seguita da consonante abbastanza forte, secondo il tipo BICICLETTA > biziclàtta. Qui la geminata è invece il risultato di un’assimilazione del nesso latino ct: ottore (autore) 888r; ottorità (autorità) 973r. Z La geminata si conserva solamente in due nomi propri: Azzo 952v e Pazzi 939v, mentre più numerosi sono gli scempiamenti. Alcuni esempi: choraze 826r, 828v; forteze 708r; maze 741r; palazeto 774r; richeze 705r; spezata 779v; ssoze 969r; vichieza 779v. Questo, per lo meno, da un punto di vista grafico, mentre da un punto di vista fonetico la distinzione è più difficile. Infatti in tutte le scriptae italiane antiche troviamo spesso -z- semplice alternante con -zz- e siccome si tratta di una consonante per sua natura doppia (o per lo meno forte), non è facile capire quale fosse la pronuncia. Naturalmente in posizione protonica la pronuncia sarà stata più debole. Mazzo (maggio) 942v (x2) può considerarsi un tentativo di italianizzare una voce dialettale attraverso il raddoppiamento, nonostante l’avvenuto passaggio da affricata palatale a fricativa dentale sonora, anzi, più precisamente, postdentale (caratteristica anche dell’attuale pronuncia bolognese della z italiana).

221

FONETICA

Appendice VOCALISMO

Vocali toniche A Anche nell’Ubaldini, nella terza persona plurale del perfetto della prima coniugazione, si registra il passaggio ad o. Gli esempi sono numerosissimi, qui ne riporto solo alcuni: achordono 710v; alozono 710r; andono 715r; lasono 713r; menono 711r; portono 708v; tirono 708r, 715r. Assente la desinenza -aio mentre diffuso è l’esito, normale per il bolognese e l’Italia sett., -aro (< ARI(US)): dinaro 714v, 724r; febraro 720v, 724v, 728v ecc.; lanzaroli 741r (x3); legnaro 728v, 753v; miaro 732v; paro 753v (x4), 756r; scholaro 729v; zenaro 705v, 707r, 709r ecc., ma anche genaro 732r; soprattutto nei sostantivi indicanti professione:; becharo 781v, 782r-v, 784v ecc.; Butrigharo 722r; chalzolaro 758r; chartolaro 757r; marzaro 735v, 741v; nodaro 713v, 722v, 732r ecc. Ĕ Ĕ latina in alcune parole è conservata, ma più frequenti sono i casi, spesso gli unici attestati, in cui dittonga. Rispetto a Pugliola, l’Ubaldini presenta un’ulteriore evoluzione: l’esito i da un precedente ie (Per la discussione riguardo l’origine del fenomeno cfr Rohlfs §§ 86, 93, 96). Si vedano alcuni esempi: brievi 857v ma anche brevi 857v, brivo 857v, 874v, 908r ecc.; drieto 706v, 721v, 723r ecc., drietro 723r, indrieto 708r, 715r, 721v; fieri (ferri) 723r, 809r ma fero 713v, 717r, 731r ecc.; fievera 865v; inchontiniento 721r, inquotiniento 724r ma inchontinente 727v; interiessi 784r; intiero 728r ma interi 927r (poesia); liesse 881v, lieseno 791r, lieto 948v, lieta 840v, liete 987r; mieio 706v ma meio 735r, 977v; piedi 706v ma pedi 706v, 713v, 723r ecc.; pieghore 742r; Piero 705r, 706r, 708r ecc.ma Piro 719v, 736v, 794v ecc.; piezi 722r (x3), 722v ma pezo 731v, pezi 722r-v, 727v; preti 739v, 746r, 752v ecc. ma prieto 747v (x3), 748r, 751r ecc. e anche prito 751r, 861r, 890r ecc. (bol. prìt); priexe (pass. rem.) 711v ma prexe 709r-v, prexeno 708v; quartiero 726v, quartieri 726v ma quartiron 726v, quartiro 869v, 880v, 881r, -i 863v; spiezie 815r; triegha 711v ma trigha 863v, 888v; Valierio 890r; viechi 754r. Niento 709r-v, 711v, 712v ecc.,è il risultato della dissimilaz. di ne(c)-ente(m) (cfr. fr. neant). Assai numerosi sono anche i prestiti dal francese e dal provenzale: altiero 730r ma altireza 728r; balestrieri 706v, 711r-v, 712r ecc., balistrieri 723r, 777v, 786r, 801v; bandiera 728r; barbiero 712r ma barbiro 890v (bol. barbìr) ; chamariero 712r, 722v (provz. camarier dal lat. tardo camerariu(m)); chanzeliero 728v, chanziliero 804r; chundutiero 705r, 714r, 716v ecc. ma chundutiro 876r, 883r, 903r, 926r; chonfaliniero 725v, 730r; forastiera 720r, fuorastieri 721r; lumiera 713v (x3); paniera 722v; pensieri 711v; ringhiera 706v; ro(n)chonieri 706v; schiopetieri 706v, schiupitieri 742v, 783r, 786r-v ecc.; siero 713v, 720v, 722v ecc. è ipercorrettismo; targhetieri 706v, targhietieri 706v; tuxeriro 962v, 964r, 966r ecc. (fr. trésorier, 1170); volentiera 727r; è ipercorrettismo rispetto al francese alieghro 779r, 787r, 963r (fr. allègre, (1130 ca.) dal lat. parl. *ălacre(m) o *alēcris o *alicer) e anche Alieghro 921r, 922r (probab. stessa etimologia per il nome proprio fr. Alègre). Ē, Ĭ Ē > i in cira 739v, 759r, 876v ecc.; destignudo 794v, 837v, 964v ecc., -i 965v, distignudo 837v, 964v, i 837v; posite (potete) 813v. ri (= re sm. pl) 710v; sapiti (sapete) 831v; sira 716r (x3), 722v, 728v ecc.; tigneria 926r, tignisse 832r, tignia 860r, tigniva 798v, 819v, 888v, tignuda 892r; tri 705r, 707r, 720r ecc.; venino 957v. Riduzione ad i da un precedente dittongo -ie- in cilo 887r (riduz. normale bolognese da cielo in una fase in cui il dittongo era ancora pronunciato) e Stivano 731r, 743r, 744r ecc. (cfr. fr. E(s)tienne). Anche in questo autore si registrano alcuni mutamenti di coniugazione che vedono la desinenza -ire in infiniti della seconda coniugazione latina. Tuttavia qui le voci con desinenza -ire sono le uniche attestate: aremanire 710r, remanire 825r, 880r; tegnire 755r, 847v, tenire 714v, 749v, 755r ecc., destignire 777v, distignire 794v (per tignire e derivati cfr. supra altre voci del verbo), mantinire 883r; otenire 757r, 827r, 839v ecc., otinire 840r. Sono ipertoscanismi: piezo (peggio) (cfr. bol. pìz) 710r, 783r,

225

Appendice 854r ecc.; priete 761v, -o 747v (x3), 748r, 751r ecc, -i 712r, 718v, 727r ecc., ma anche preti 722v, 739v, 746r ecc., prito (bol. prìt) 923r, -i 884r, 890r; rieta (retta) 750v; sichrietamente 718r ma sichretamente 778r, 782r, 913r ecc. Ĭ> ie in aliezere 750v ; Domiencho 722v; liegha 943r. Ĭ > e. Persiste l’oscillazione tra la conservazione ed il passaggio ad e. Ĭ è conservato in ligha 706v, 711v, 714v ecc. (11 casi) che prevale su legha 811r, 857v, 924r, 978r; dito (=detto part. pass. analogico su dire) 705r-v (1219 casi) ma passa ad e in Benedeto 722v (6 casi); lignamo 740r (x2), 794r, -i 957v ma legnamo 740v, 741r (x2), 744v ecc., -i 745v, 749r, legne 753v, legno 741r; il passaggio ad e è costante in degno 734r, 736v, 789v, -a 789v, -i 826r, 987r, -e 713v, 729r, 738v ecc. ma prevale il plurale metafonetico digni 710r, 736r, 738v ecc.; disdegno 709v (Lat. parl. *disdignare, per il class. dedignari); fameia 706v, 713r-v, 718v ecc., fameie 728r, 779r, 925v ecc; fameio 718r, 805r, 819v ecc. con plurale metafonetico famii 782r, 787v, 800v ecc., famigli 799r, 966v; neghro 707r, 723r, 736r ecc. ma al plurale sempre nighri 724r, 735v, 752r ecc.; segno 759r, 814v, 824v ecc. ma al plurale signi 734v. L’anafonesi ricorre con frequenza in lingha 718v, linghua 724v, 731r, 738v ecc. ma è attestato anche lenghua 928r, 957v (x2), 973v (x5) anche all’interno di parola, in posizione atona: selenghuagno (agg. rif. a chi parla con scioltezza) 778v, lenghuazo 826v; inoltre chonsiglio 728r, chonsigli 927r (poesia) ma più frequenti chonseio 778r, 785v, 796r chonseijo 896v; otinticho 801r. Numerosi e frequenti i plurali metafonetici che vedono la chiusura di e per influenza di i finale. Oltre a quelli già ricordati, si segnalano: aprixi (appresi, accesi) 732v, 858r, 940r ecc.; chavistri 982r; dismixi 755r, 808r, dismissi 783r, 808r, 893v ecc.; dispiaziri 820v; mistri 788v, 792v, 804r-v ecc.; mixi 710v, 711v, 727v, ecc.; paixi 790v, 832v, 839r ecc.; parichi 708r, 729v; prixi 787v, 788r-v, 789r ecc.; soniti 794r, 831r, 842v ecc.; sustigni 707r (< Provz. sostenh); viri (veri) 832r; vischovi 756v, 856r. La metafonesi è frequente nei nomi etnici, da -ENSIS: Bolognixi 706v, 716r-v, 717r, ecc.; Chalabrixi 708r; Ferarixi 730r, 738r, 745r ecc.; Francixi 858v, 862r, 863r ecc., Franzixi 824r, 853v, 854r, ecc. ma più frequente Franzoxi 707v, 708v, 710r-v ecc.; Luchixi 812r-v; Milanixi 705v, 716r-v, 812r-v, 978v; Modenixi 715r, 723r, 745r ecc.; Senixi 728r, 812v; Veronixi 830r; Zenovixi 848v; da -ISCUS: Todischi 873r, 911v, 921r, 935v; e di famiglia: Charbonixi 782v; Zaniti 750v, 773r, 782r ecc.. È pressocchè costante nel maschile plurale degli aggettivi dimostrativi: quili 705r (352casi) contro quelii 853v; quisti 707v (237 casi) contro questi 906v, 919r, 941r. Ī È di regola conservata: amicho 714v, 725v, 728r ecc., amixi 721v, amizi 727r, 738r, 746v ecc., amizizia 735v, 752v; gentilomini 707v, 724v, 763v ecc.; gentile 858r; Gentile 713v (x4), 864r, 939v (x2), Gintile 713v; gintileza 751v; gintiledone 870r. Ŏ Si conserva in chore 940v (poesia), choro 800v, 927r (poesia); ghuardachoro 792v, 883r e seguita da nasale in bono 716r, 717v, ecc., bona 707r, 712v ecc.; chontra 707v, 710r-v, 714r ecc.; dona 707r, 713v, 715v ecc., madona 708v, 715v, 732r ecc.; monte 731v, 739v, 740r ecc.; ponto (ponte) 709r, 745v, 747r ecc.. In sillaba aperta spesso ŏ dittonga, ma si registra un’oscillazione tra l’uso della forma dittongata e della forma semplice. Spesso è quest’ultima forma a prevalere, soprattutto tra le parole più comuni, è il caso di homo 705r-v, 706r-v ecc.; gioba 773r, 844v, 849v ecc.; locho 709r, 710r, 711r ecc., giuoba 846r, 865v, 874v; logho 792r che prevalgono su huomo 705v; luocho 708r, 726v; ma in altri casi Friano mostra di preferire la forma dittongata: fuora 708v, 709r, 710v ecc.; fuorainsido 708v, -i 708v, 721r prevalgono su fora 742r, 778v, 893r ecc.; forainsidi 772v, 777r; Pruoghuolo 732v, 751v, 752r ecc. su Proghuolo 857r, Proghulo 826v; e talvolta la forma col dittongo è l’unica attestata: fuocho 742v (x3), fuogho 708v, 713r-v ecc. ma fucho 713r; fuorssa (forse) 709v; fuoza (foggia) 731v, -e 706v; puovolo 749v (x4), 750r-v; puozo (poggio) 728v. Chiusura in u in churo 865v; Piamunti 711v; purte 727v, 886r, 887v; sure 870r, 881v (x2), 884r ecc. (< Lat. sŏror attrav. un ant. suoro, poi passato alla categoria dei femminili in -a) ma anche sore 712r, 732r, 740v ecc.; tuto 705r-v, 707v, 709r ecc..

226

Appendice Anafonesi: lungho 717v, 733r, 809v ecc. ma longha 867v, 938r, longhi 949r (poesia). Ō, Ŭ Ō è conservato in Asenssione 741v; chondizion(e) 761v, 766r, 784r ecc.; deliberazione 734v, diliberazione 742r; orazione 736r; persona 705v, 717v, 730r ecc., -e 705r, 706v, 709v ecc.; posesione 738r, 741v; processione 733r-v, 736v; raxon 736v, 754v, 755r ecc.; traditore 718r; mentre passa ad u in faziune 908v, 917v; processiune 733r, 902r. Risulta difficile spiegare Bagnuolo 795r, 805r, ma anche Bagnulo 805r perché, sia che venga dal lat balnĕolu(m) o dal lat parl. balneōlu(m), non dovrebbe dare dittongam. Non penso possa trattarsi di un semplice ipercorrettismo grafico, in quanto -gn(u)olo, -gli(u)olo sono frequenti anche in toscano (cfr. gragn(u)ola, figli(u)olo, ecc.), dunque il dittongamento potrebbe essere effetto della liquida/nasale palatale. Ŭ > o seguita da nasale in mondo 731r, 734v, 749r ecc.; sechondo 710v, 712r, 717r ecc.. Per anafonesi si trovano gli esiti: adunche 705r; azunto 744r, 797v; punto (punto) 866r, 867r, 981r; soverzuns(s)e 720v, 790r; zunte 919v, zunto 774r. Non seguita da nasale: aghosto 706r, 707v, 718v ecc.; doe 706v, 711r, 713r ecc. ma anche due 707r (bol. du per il maschile, dòu per il femm., con o molto aperta), dui 840r (per metafonesi); lovo 741v ( < lŭpum, ma lat. parl. *lūpum, base dei vari esiti dialettali. Bol. louvo). La metafonesi di o tonica in u è molto diffusa. Per questi sostantivi, molti dei quali dovevano essere comuni nella lingua parlata, la forma metafonetica è l’unica attestata: baladuri 785v; chantuni 733r, 749r, 783v, 849r, 911r, 956v; choluri 775r; fiuri 730v, 781r; lanternuni 911r; leturi 761r, 831v, 845r. Essa è diffusa tra i nomi di professione: brentaduri 741r; chanturi 794r; dopinturi 740r; ghuastaduri 727r, 847v, 907v, 924v; imbrazaduri 741r; moraduri 804r, 814r, 853r, 955v; pio(m)baduri 733r; zostraduri 740r, 844v; i luoghi di lavoro: rodaduri 774r; tinturi 774r; o tra le cariche pubbliche, civili e religiose, o onorifiche: ambasaduri 720v, 721v, 722r ecc.; ambassaduri 782r; chonfortaduri 809r; chonservaduri 725r; doturi 830v, 933v, 954r; prometeduri 784r; reformaduri 722r, 725r, 730r ecc.; signuri 705r (267 casi). La metafonesi è attestata anche per alcuni nomi propri, sia di famiglie: Monsignuri 830v, 842v, 955v; Ranghuni 852r ma Ranghoni 903r; Russi (Rossi) 705r, 730r, 750v ecc.; sia di luogo: Piamunti 711v, 822r. Tra le parole più ricorrenti si registra un’oscillazione tra la forma con e senza metafonesi. In alcuni casi è la forma metafonetica a prevalere: mazuri 718v, 731r, 812v ma mazori 732r; portuni 750r, 794r, 806r ecc. ma portoni 707r; prexuni 709v, 780r, 801v ecc. ma prexoni 941r, 971v; in altre prevale la forma senza metafonesi: molti (360 casi) 705r, 706r, 707v ecc. e multi (12 casi) 710v, 733v, 752v ecc.; nomi (103 casi) 709v, 716v, 720v ecc. e numi (30 casi) 722r, 732r, 739r ecc.; roti (6 casi) 710r, 822v, 848v ecc. e ruti (5 casi) 712v, 716v, 938r ecc. (spesso nell’espressione r. e spezati). Ū Conservato in mure 718r, 723v, muro 744r, 764r, 775r ecc.; sechura 926v (poesia), sichuri 913r. Passa ad o in goxo 718v, 721v, 862v ecc. (cfr it. antico gioso < deōrsu(m). Però fin dalla tarda antichità deōrsu(m) tende a iūsu(m), giuso per analogia su su(r)su(m), suso). Dittonghi tonici AU è conservato nei latinismi chauxa 707r, 708r, 711r ecc.; laude 794r (x2), 831r, 842v, 843r (poesia), laudo 789r, Zoano Paulo 794r, 807r, 810r ecc., Zanpaulo 809v; inoltre si conserva, rispetto all’italiano, in paura 710r, 713r-v, 716r ecc. che coesiste con la forma dialettale pora 708r, 716r, 720r ecc.; passa ad o in pocho 709v, 710r-v, 711v ecc. mentre puocho 717v, 728r, 781r ecc. è un ipertoscanismo.

227

Appendice Vocali atone PROTONICHE

A Iniziale. È normalmente conservata. Passa ad o in obesolizione (assoluzione) 941r. Interna. Passa ad e in arechomandarse 732v, arechomandato 736v, arechomandavano 837v e altre voci del verbo. Non è facile dire quale sia la vocale originaria: it. raccomandare è da RE+AD+COMMENDARE; potremmo avere un semplice RE+COMMENDARE (cfr. fr. recommander) a cui può aggiungersi un A- iniziale (forse attraverso il passaggio bolognese recomandare – arcomandèr – italianizz. arecomandare). Inoltre pertì 746v; rechamadori 792v, rechamate 723r, 794v, rechamo 792r, 794v, rechami 792r-v (Ar. raqama, raqqama ‘ricamare, tessere una stoffa’ tuttavia qui va tenuto come termine di confronto anche il toscano ricamo, dove ri- può essere sentito come prefisso e ammette allora facilmente la variante re-.). Il suffisso latino -abile(m) diventa -evele in onorevelemente 734r, 775r, 880r ecc.. Anche nell’Ubaldini si riscontra la polivalenza dell’abbreviazione indicante per usata anche col significato di par (Cfr. Fenomeni generali, metatesi). E Iniziale. Assente la preposizione en. Anche il prefisso en- non è mai attestato. Interna. Conservata in desperazione 876v, desperato 737v; nevodo 787r, 799v, 801r ecc.; rechordare 795r, 945r, rechordati 987r; respondeva 737v, respoxe 736v; reteneno 783r, retinino 745r; seghuazi 762v, seghuì 739r; seghureza 784r, seghuri 844r, seghurtà 784r; vestino (vestirono) 736r-v, vestidi 742r-v, vestito 712r; passa ad i in dinaro 724r, dinari 720v, 726v ecc.; lighato 715r-v (8 casi) ma prevale leghato 706r, 715v, 761r ecc. (131 casi); mistiero 789v; sighuitorno 885v; sintendo 718r; spiziale 752v, 794r, -i 764r, 792r ecc., spiziaria 737v; aspizolata 981v; passa ad i per assimilazione in tistimunianza 737v; vistimenti 754r, 865r mentre per dissimilazione si ha remidiare 866r; il passaggio ad i in ristitenzia 715r si può spiegare come assimilazione a seguito di metatesi dal lat. RESISTENTIA. In un caso e passa ad o: dopinte 713v. Passa ad a in Marchurio 739r. Anche il prefisso re- è conservato ma talvolta si alterna a ri-: restituiseno 950v, restituido 727r, restituino 730v e altre voci del verbo; retornare 763v, 765r, retornò 720v, 721v, 726r ecc., retornorno 745v, 759r, 761v ecc.; retrovare 736r, retrovai 707v, retrovadi 783r, retrovato 712v; passa ad i in ristituendo 781r; ritornorno 772v, ritornono 783v, ritornando 800r; aritrovatto 763r, aritrovò 797v, ritrovai 827r, ritrovavano 735r, ritrovava 822v, ritrovorno 822v e altre voci del verbo. La preposizione de prevale nettamente su di. Anche come prefisso de- tende a prevalere, ma non mancano esempi con di-: defendere 753v, 761r, 764r ecc., defendersse 714r, defensore 869v, defenssion 784r, defexe (sf. pl.) 718v, 916r ma difendere 737r, 748v, 755v ecc., difenssori 757v, difexa 740r, 758v, 782r ecc.; desaghrà 791r, desaghròn 791r; desperato 737v; dischrivere 732v; in dismenteghata 717v e dismostrazione 708r si ha invece una sostituzione del prefisso de- con dis-. I Iniziale. Si conserva frequentemente in intrare 713r, intraremo 713r, intrato 708v; intrò 707v, 708v, 709v ecc. e altre voci del verbo, ma anche qui, seppur rare, non mancano forme che presentano il passaggio ad e: entra 750r, entravano 822r. Interna. In alcuni casi si verifica il passaggio ad e: chomenzando 721v, 868v, 968r, chomenzato 916r, chomenzorno 916r; despensata 783r, 798r; ciò si verifica più spesso nel prefisso dis-: desfare 741v; descho(n)pagnono 724v; desdegnato 711v; despiaze 924v; despighati 743v; desprexiandole 832v; desmisse 754v; despensata 783r, 797v; destignire 777v; destignudo 794v, 837v. Talvolta vi è oscilazione fra la conservazione di i e il passaggio ad e: lignamo 740r, 794r ma legnamo 794r, 795r, 803r ecc.; nimizicia 852v, nimizi 708v, 714v ecc. ma nemicho 709r, 725r, nemizi 708r-v, 730r ecc.; ordinato 717v, 718r, 732v ecc., ordinava 808v, ordinando 863v, ordinanza 919v ma ordenadi 816r, ordenanza 919v, 920r-v.

228

Appendice Passaggio ad a in maravioxa 728r, 972v, maraviono 886v, 919r, maraviava 901v, maraviavano 913v, 932r. O Si chiude in u in chognusute 868v; chumonità 724v, chumun 722r, 724v, 741v ecc.; churtile 744r; chustumi 736r; dischuperso 743r; muntò 708r, 724r, muntorno 721v; schumunicha 745r, schumunichato 745r; tistimunianza 737v. Passaggio ad e per dissimilazione in sechorse 776v, 823r, 858v ecc., sechorso 746v (x3), 782r ecc. Passaggio a uo per ipertoscanismo in chuognosuto 820r; puosuto 922r. U Iniziale. Passa ad a in anzin 772v, 938v. Interna. Si conserva in Arechulese 739r, Arechuleso 747v, 754v, Erchuleso 750v, 752v, 753r ecc.; instrumento 843r (poesia); muiere 709r, 712r, 713v ecc.; sepulchro 972v, sepultura 739v, 963v; vituaria 714r, 750r, 822r ecc.. Passa ad o in lomiera 713v. POSTONICHE

E Si conserva in dodexi 864v, dodexe 878v, 887v, 903r ecc.; giovene 710v, 803v, 837v, zovene 717r, e si conserva anche in posizione protonica nelle forme gioveneto 705v, zoveneto 736v. Assente il suffisso -aneo: e passa a i in chapitanio 706v, 710r, 712v ecc. e per analogia anche in stranio 717r, 741v, 836v. I Si conserva in ordine 705r, 706v, 707r ecc. mentre per altre voci si registra un’oscillazione tra la conservazione di i e il passaggio ad e: homeni 706v, 710r, 711v ecc. ma homini 705r, 717v, 777r ecc.; perteghe 878v, 925r ma pertighe 906r, 920r. Il suffisso -ile passa a -ele in nobele 728r-v; utele 733v. In oribiele 735v i viene conservata e il suffisso giustapposto. Si segnala anche nocevele 866r. O Si conserva in albore 849v ma passa ad a in albari 849v. Passa a u in Mamulo 707r, 732r, 737r ecc. O passa ad e in metandele 790v, 969r. In realtà può trattarsi di una e eufonica inserita per italianizzare una pronuncia dialettale dle. U Si conserva per latinismo in Erchule 738v, 741v, 753r ecc., machula 870v; perichulo 880v; populo 746v, 748v, 749r ecc.; tabernachulo 856r; Vinchula 752r-v. Probab. nella pronuncia bolognese questa vocale postonica cadeva per sincope; viene quindi ripristinata la vocale latina, non quella toscana. FINALI -A Regolarmente conservata. -E, -I, -O L’apocope della vocale finale è molto diffusa, soprattutto se preceduta da consonante liquida o nasale: amor 927r (poesia); Baldasar 938r; ben 831r, 862v ecc.; far 926v (poesia); fen 782v; fuor 829v;

229

Appendice ghuardar 927r (poesia); Ghuaspar 938r; piar 886r; Ren 838v, 846r ecc.; sghombrar 927r (poesia); signor 836r. Questa grafia doveva corrispondere alla pronuncia dialettale, nella quale, ancor oggi, in questa posizione e in queste condizioni, le vocali tendono a scomparire o ad affievolirsi (In parte questo avviene anche in toscano, tanto che l’apocope dopo liquida o nasale è ammesa in tutta la poesia italiana). L’Ubaldini è cosciente della necessità di restaurare una vocale, ma, nell’incertezza, sovrascrive alla sillaba finale un titulus. Alcuni esempi: Bastiano 711r; bene 705v, 707r, 708r ecc.; Cholonbano 706v; Fivizano 708r; mano 706r-v, 713r; Milano 706v, 709r-v; Otaviano 712r; piano piano 723r; Pitiano (Pitigliano) 707v, 709v; ssono (suono) 706v; tereno 707r; Zoano 709r, 711v. Queste vocali finali abbreviate sono state rese in corsivo, trattandosi di uno scioglimento dell’editore, per evitare di italianizzare un testo che mostra invece, sotto questo aspetto, un tratto fonetico tipico del parlato locale. Per una più diffusa trattazione del fenomeno e dei risvolti morfologici rimando al paragrafo corrispondente (Morfologia, nome). Dittonghi atoni AU Si conserva per latinismo in laudando 794r, 843r (poesia). Risolto in o in otinticho 801v; otorità 763v; ottore (autore) 888r.

230

Appendice CONSONANTISMO

Dentali Mentre in Bartolomeo della Pugliola desinenze quali ato, ata si alternano ad ado, ada in un rapporto pressocchè di equivalenza, in Friano il fenomeno della lenizione intervocalica della dentale è presente e diffuso, ma in misura minore. Sebbene i casi di lenizione siano numerosi, questo dato lo si può interpretare come segno di una maggiore cura ortografica, che talvolta giunge all’eccesso, portando ad ipercorrettismi quali splendito 804v e bantitore 806v. Tra i casi di dileguo si registrano solo dria 722v, 733v, 741v ecc. e pè 805v. Labiali P Interno intervocalico talvolta degrada nella fricativa sonora, ma esistono altrettanti, e forse più, luoghi in cui p è conservata: aversse 731r, 732r-v, averta 718r ma apersse 736v, aperto 747r, -i 725v, -a 747r; chavestre 736v, 737v, -o 736v; choverto 731v, 732r, -a 724r ma choperto 751v, 756r, -a 728v, 759r ecc.; nevodo 731r, 751v, 752v ecc, nevodi 747v ma nepute 724v, neputo 706r, 728v, 729v ecc., -i 753r, -a 707r; overa 968r (x2) ma opera 736r, -e 736r, 738v, operare 746v; povero 733r, 737v, -i 733v, 734v, 735v ecc., -a 705v, -e 717v, 728v, 736r ecc.; rezevese (ricevesse) 817v; saveano 813v, savesse 778r, 810v, 818v, saveseno 804v ma sapere 744r, 795v, 901v ecc.; soverzunse 720v. B Interno intervocalico è conservato in ghobernatore 938r. Nelle forme del congiuntivo di DEBERE si parte da un DEBEAM ecc. > DEBJAM ecc., che raddoppia la B: quindi debano 792r-v, debia 803v, 843v, 868v, debiano 762r, 868v, 869r ecc. sono il risultato di uno scempiamento, solo debeno 868v viene da un indicativo DEBENT e potremmo quindi aspettarci un *deveno o sim.; ma è da notare che la forma ricorre in un contesto (c 868v) dove si ripetono più volte le forme del congiuntivo in una serie di item ripetitivi. Degrada nella fricativa in bevere 717v, 750r, 972r; fievera (febbre) 865v; ghovernare 705r, 719v, 736v ecc., ghovernava 712v, ghovernadore 705r, 706v, 715r ecc., ghoverno 705r, 719v; Pieve 724v, 846v, 847r ecc.; arevelata 924r, revelate (ribellate) 717r, revelò 759r. Dilegua in avea 705r, 706r, 707r ecc, aveano 707r-v, 708v, 710r ecc., auto 711v, 714v, -a 715v; feano 782v; parea 780v, 781r, 796v, pareano 778v, 782v; soleano 814v, 816r, 827r; valiano 868v. Nasali Solo in dieci luoghi si ha no per non 863r, 876v, 897r ecc. Il nesso ns si conserva in alcuni latinismi come aboratenssis 876r; chrucienssio 876r; Ghrugensso 879r; sedinenssi 876r; è pura grafia in: chonspecto 926v (poesia); chonstante 940v (poesia); circhonstanti 847r, 853v, 859v ecc.; defenssion 784r, difensione 921r, 948v; inspirare 985v; insporati 764r; instanzia 919r, 925v, 967v; instoriada 775r; instromento 974r, -i 928v, 974r; instrumento 843r (poesia). Presente anche nl in inlegitimo 733v, 747v, -i 747v, inligitima 788r; inlustrissimo 705r, 706v. Il passaggio da -n ad -m in posizione finale è un fenomeno raro rispetto a Pugliola e circoscritto ad alcuni casi spiegabili come risultato di assimilazione, dove perciò la pronuncia è reale: Sam Mamulo 785r; Sam Piero 763r, 785v; ma anche, per analogia: Sam Domenigo 722v; Sam Severino 936v; inoltre Baracham 916r e Prim de parte 913r. Per quest’ultimo esempio è certo che si tratti della famiglia dei Prendiparte (cfr. la torre omonima, detta la Coronata, tuttora conservata). Tuttavia il nome appare nella cronaca con diverse grafie, quasi come se Friano volesse italianizzarlo o reinterpretarlo ricostruendone l’etimologia. Accanto a Prim de Parte (‘primo di parte’?) si trovano Perin de Parte 965r, ma anche Prindeparte 927v.

231

Appendice Liquide Sono presenti alcuni casi di rotacismo chaviare 879v; frateri 806r; furi (fugli) 738r; maratia 845r; mare (male) 729r; morte 744r; prenaria 759v; torseno 825r; Vidare (Vitale) 731v; spesso per assimilazione a contatto, chamerrengho 856v, ma soprattutto a distanza: chardinare 857v, -o 774r; er chorpo 879r; generaro 883v; Mirandora 801v; parore (parole) 788r; restava re persone 775r; rodere (rotelle) 741r; chortelà (coltellata) 789r; Chortelin 890r sono il risultato di una dissimilazione; in merchoredì 737v invece, diversamente dal toscano che dissimila, viene conservata la forma originaria (lat. Mercurii dies). Non mancano esempi in cui è r a passare ad l, sia in posizione iniziale: Lenzo 803v; lovinono 731r; sia interna: alia (aria) 885v; 773v; Chatelina 815r, 835r; se innamolò 751v; lalgho 790v, lalgha 729r, lalghe 707v; monestelio 726v; monsignole 809r; Palma 763v; trale (trarre, tirare) 918r, 960v; Zapatela 801r; in alcuni casi per effetto dell’assimilazione: chavalielo 725r; metello (metterlo) 838r; reinghraciallo 877r, reinghraziallo 877r ma anche reinghraciarlo 792v, 809v; in altri per dissimilazione: albari 849v, albore 849v (a c. 867v è femminile); balbaro 738v; distrubale 778r; inchalzeradi 869r; malmoro 832v, 866v, 891v; melmoravano 828r; reformadoli 709r. Come si può vedere la pronuncia influisce fortemente sulla grafia, tanto da costringere l’autore ad una continua revisione. Numerosi sono, infatti, i luoghi in cui si trova r corretto su l: tirada 730v; arte 792r; arivato 824v; chavaliero 851r; lizirà 971r; o l corretto su r: lorengho (l’arengo) 844r; saltorno 853v; tolto 874r; non sempre correttamente: lole (loro) 792r. Velari C La velare sorda è ben conservata e rappresentata nella quasi totalità dei casi dal digramma ch (cfr. grafia), non mancano però casi di lenizione intervocalica: aghussaso (accusasse) 840v; aneghorno 711r (Lat. parl. *adnecare, da necare ‘uccidere’); antighamento 724v, 726v; atoseghare 709r, atoseghado 715v; chalonegho 722v, 747v; dismenteghata 717v; Domenegho 712v, 713r-v, domenegha 728v; Federigho 707r, 710v, 723v ecc.; fortifighorno 764r; fuegho 731v, fuogho 708v, 713r-v, 729v ecc.; gholana 792r, 876v, 879r, -e 724v, 876v, 879r; ghon 836r; ghregha 738v ma ghriechii 942v; Lodovigho 706r-v, 707r ecc.; logho 792r; loghotenento 748v, 750v, 754r; medegho 781r; melegha (melica) 713v; Panigho 757r; perighulo 733r; pieghore 742r; portigho 733v; pratigho 730r; preghorno 726v; Pruoghuolo 732v, 752r; seghare 717r, seghando 717r; seghuri 737r; Stiadegho 760v, 783r, 784v. CR Anche cr è ben conservato (nella grafia chr), soprattutto in posizione iniziale, ma non mancano esempi di sonorizzazione che costituiscono, nella maggior parte dei casi, l’unica forma attestata: desaghrà 791r, desaghròn 791r; ghridavano 750v; ghropo 779r (Come gròppa, dal germ. *kruppa); quonsaghrado 791r quonsaghrò 800r; saghrado 713v, saghrà 824r, 852v, 901v ecc.; saghrestano 788v, saghrestia 869v, 963v, 974v ma sachra (agg.) 928v, sachramenti 705r. CL Non è conservato e, come per Pugliola, l’esito è di tipo toscano /ki/, invece che settentrionale č: chiamare 723v, chiama 709r, 710r, 714r ecc., chiamato 714v, -a 705r-v, chiamavano 708v e altrre voci del verbo; chiave 708r, 731v, inchiavare 731r, inchiavarli 732r, -le 732v, inchiavaseno 733v; chierexia 732v; chiuxa 728v; maschi 712r, 718v, 734r; ochi 725v, ochii 736v; vechio 736v, vechi 721v, 726v. CS Interno. Evolve in s(s), grafia corrispondente ad una fricativa alveopalatale (il suono è tipicamente bolognese, intermedio tra la fricativa dentale sorda del toscano e la fricativa palatale sorda dell’italiano): lasare 726r, lasato 716v, -i 716v, lassò 705r-v, 714v ecc. e altre voci del verbo; nassè 708r, nassese 792v; tasati 726v.

232

Appendice CT Si conserva come solo fatto grafico in alcuni latinismi, mentre nelle parole più comuni c si assimila a t (cfr. § GRAFIA) dando una t doppia che a volte si semplifica: ditto 802v, 803v, -a 878v; dotore 732r, 735r, dotoro 711r, 722r ecc.; dotti 963v ma dotissimo 722r; dotrina 738v; dritto 891r, 916r; ottavo 876r; ottobre 712r, 975v, 976r-v ma otobre 705r, 706v, 709r ecc.; otto 853r, 855v, 871r ecc.; stritti 961v. G La velare sonora è generalmente conservata e non si registrano casi di dileguo. GR si conserva in neghro 707r, 723r, 736r ecc. che prevale nettamente su nero 960r ricorrente solo una volta in una poesia. GL Si ha il passaggio a [j] in: Iera (Ghiara) 823r (< glarea); iota 874v, iotta 926v, 928r (< gluttum). QU Si segnala la perdita dell’elemento labiale in adunche 705r; inchixidore 713v, squonchasò 731v. Numerosi sono gli esempi in cui, per nobilitare il testo con una grafia latineggiante, la velare è sostituita dalla labiovelare: inquotiniento 724r; quo(n)passion 732v; qullui 816v, quolui 745v; quome 706r, 722r, 724r ecc.; quome 719v (escluderei il latinismo da quomodo) ma anche chuome 796r; quon 706v, 726v, 741r; quondizeva 745v; quonfesò 718r; quo(n)passion 732v ma cho(n)passion 736r; quonsaghrado 791r, quonsaghrò 800r; quontadino 736r; quonto (conte) 712r, 719v, 730v ecc.; quontra 711v, 730v; quosa 708r, 709v, 711r ecc., quossa 705r-v, 706v, 707r ecc.; quosì 705r, 717v, 719v ecc., quossì 705v, 711r-v ecc.; quotal 743r; quovele 713v; requose (raccolse) 733v; squirza (scherza) 891v; squonchasò 731v, squonquasono 731r. Fricative dentali e palatali La fricativa dentale sonora è resa prevalentemente con x e più raramente con s o z (cfr. Grafia). Esempi come ambitiossa 705v; chussì 705v; quossa 705r-v; religiossi 705v sono da considerarsi ipercorrettismi esclusivamente grafici che conservano il valore fonetico di fricativa dentale sonora. Si vedano anche basava (baciava) 887r, bassò (baciò) 705r e baxavagli (baciavagli) 892r, baxon (baciarono) 746r. Questa fricativa bolognese può corrispondere alla fricativa palatale sonora toscana (resa graficamente con g(i) + vocale): artexani 880v, 904v; barixelo 775r, 777v e bariselo 748r, 774v ecc.; chaxon 711v, 712v ecc. e chasone 868v; Iaxone 722v; partexani 886r, 904v e partesani 802r; raxon 736v, raxonne 719r; o all’affricata palatale sorda toscana (fino al Tre-Quattrocento pronunciata come affricata palatale sorda, resa graficamente con c(i) + vocale): Chortexela 707r; chroxe 712r, 775v, 776r ecc.; dexembro 711v, 715v, 724r ecc.; fornaxe 804v, 841r; Oxelin 722v; paxe 732v, 751v, 764r ecc. e pase 776v; Piaxenza 716v, piaxentin 748r, 753v e Piasentin 947v; piaxevole 757r e piasevolo 712r, piaxesse 795r e piasesse 810v, 815v. Solo in una poesia si trova, come toscanismo, chagione 940v. La fricativa dentale sorda è invece rappresentata con s(s): asai 708v, 716v, 721r e assai 705r, 710v; asaltorno 727v; asasinando 720r; frachasato 708r; masarì 717v; pasare 709v, 710r, 716r, pasato 709v, 710r; tasati 726v; inoltre Alfonsso 706r, 708r; fuorssa (forse) 709v; perssone 705v; valsse 706r, 710r; versso 705v; volsse 705v. Questa grafia spesso corrisponde alla fricativa palatale toscana (resa con sc(i) + vocale), assente nel bolognese e pronunciata come alveopalatale. Numerosi sono gli esempi, qui ne riporto solo alcuni: ambasadore 706v, 707r, 721v ecc., ambasadori 720v, ambasaduri 720v, 721v; Asenssione 741v, Assenssione 824v; cho(n)parissenti 712r; chosa (coscia) 780v; infasedelo 974r; lasare 726r, lasato 716v, -i

233

Appendice 716v, lassò 705r-v, 714v ecc. e altre voci del verbo; nassè 708r, nassese 792v; pesse 876r, 914v; sienzia 738v; strusiato 964r; suto (asciutto) 781r. Fricative labiodentali Il passaggio da v a b è attestato solo in un caso nelle varianti gioba 926v, 928r, giuoba 874v, Zobia 706v, mentre b passa a v in chaneva 791v, chaneve 741v, chanevazo 741r (Lat. cănnabe(m)). Il passaggio da f a v è presente in Orevexarì 855r, 865r, 884r, orevexe 947r, 965r, 984v, orevexo 750v, 782r, orevexi 792r. Sopiavano 816v è probabile che rappresenti un caso di dissimilazione di soffiavano (Lat. sufflare, comp. di sub- ‘so-’ e flare ‘spirare’), tuttavia non si può escludere la conservazione della labiale da un antico sibilare (< lat. sibilu(m) ‘fischio’) con passaggio dalla sonora alla sorda. Anche il nesso fl- è raro e si trova solo in due nomi propri: Flandro 765r, 955r, 965r ecc.; Flischo 777r, 780v. Arciveschuo 743v, 746r, veschuo 706v, 718v, 729r rappresentano esempi di vocalizzazione di v, che passa a u, vocale omorganica tra le due o. V è normalmente conservata in veschovo 959r, mentre veschuovo 705v è probab. una forma ibrida, incrocio di veschuo e veschovo. Affricate palatali Esiti di C (+ E, I) latina e C palatale toscana. Iniziale davanti ad e ed i. C è conservata nella maggioranza dei casi, ma non mancano esempi in cui nella grafia z traspare la pronuncia dialettale, che vede il passaggio all’affricata dentale sorda. Alcuni esempi in cui c è conservata: Cecilia (Sicilia) 709r, 732v; Cecilia 740r; Celestini 722v, Celestrin 790v; cena 728v, 740v; cenere 713v; censso 728r; Cente Trixende 751r; Cento 718v, 724v, 738r ecc.; centonare 734v, -a 735r; cerchando 735v, 778r, cerchava 705v, 709r, 774v, -avano 710r, 749r; ceremonie 760r, ceremunie 758r; ceriexe 730v, 781r; certamente 705r, -o 705r; certo 718r, -a 726v, 738v, 740r, -e 714v, 723r, 729v, -i 709v, 713v, 726r ecc.; cessò 739r; Cexaro 712r, 715r, 720v ecc.; Cexena 708v, 709v, 717v ecc.; cexo 734v; ciije (ciglie) 731r; cima 705v, 731v; cinque 709v; ciò 726v, 727v, 733v ecc.; cira 739v; circa 706v, 708v, circha 705v, 709v ecc.; circhondava 726v; cità 705v, 709r, 710v ecc.; citadino 705r, 711r, 713v, -i 708v, 713r, 717r ecc.. Di alcune parole esiste la forma dialettale corrispondente trascritta con z, ma gli esempi sono meno numerosi. Questi gli unici attestati: Zecilia 734v; zenere 791v; Zento 738r, 924v; zerte 726r; Zexaro 743r, 831r, 934r ecc.; Zexena 708v, 744v, 900r ecc.; zexerchia 734v; ziò 776v, 781r, 798r; zità 727v, 728r. Valore palatale anche per campa (zampa) 832v; canze (zanze, ciance) 961v; menacando 883r. Interno. acertado 742r; antecesori 705r; bucintore 707v; chrucifisso 705r, 732v; diceano 775r, dicendoli 787v, diceva 722v; dolce 753v; ecelento 760v, -i 740r, ecelentissimo 739v, -i 738v; eceto 710r, 715r; facende 785r; facendo 726r, 786r, facesseno 705v, fece 714r, fecesse 723v; felecità 730r; ferocisima 717r; innocentemente 705v; Inocenti 756v; lecenziato 729r; magnificentissimo 705r; Medici 705r; moceghin 779r; Nocenzio 706r, 737r, 754v ecc.; procesione 723r, 732v, 733r-v ecc.; processo 789r; sucesse 710v; sucesso 705r, 708r. Più numerosi all’interno di parola che in posizione iniziale gli esempi con z: Aiaze 830v, 877v; azetare 874v; azetava 745r, azetò 707r; braze 741r; brazenti (braccianti) 756r; chazete (cacciate) 740v; cho(n)piazere 720v; chroze 743r, 901r, 926v ecc.; chrozeffisso 790v; disfazendo 733r; disfazendo 784v; dispiazere 708v, 719v, 744r ecc., dispiazeva 816v, 824r, dispiazevole 779r; dize 712r, dizendo 713r, dizeremo 713v, dizeva 712v, 713r-v, dizevano 710r, 711r, 713v ecc. e altre voci del verbo; eretizi 936v; fazende 728r, 749r, 808r ecc.; fazendo 715r, 720r, 745r ecc., fazendoli 721r, 749v, 764r ecc.; feze 705r, 707r-v ecc., fezeno 706v, 707r, 713r ecc., fezesse 707v; i(n)paze (impaccio) 738r; inozenti 756v; lizenzia 759r, 765v, 798r ecc.; menaze 845r; Nozenzio 796r; nozere 972v; paze 725v, 733v, 821r ecc.; piaze 792r, piazeva 821r; piazere 726v, 759v; piazevole 739v; rezeuto 708v; scharamuze 739v, 835v; vizioré 921r; voze 731r, 732v, 750r ecc..

234

Appendice Presente anche la variante grafica cie, sia in posizione iniziale: ciecho 730v; cielo 710r, 734v, 736v ecc. (entrambi da un originario dittongo latino ae); ciera (< fr. chiere < lat. CARA grecismo) 817v, 878v, 921r; sia all’interno di parola: chardinciero 729r; chrucienssio (crocense, banalizzazione di ‘gurgense’, ‘della città di Gurk’) 876r; masaricie 906r; suficiente 731r, suficiento 871r. Anche preceduta da liquida o nasale c si alterna a z: chanzeliero 728v; choncese 780r, choncesso 759v, 763r, 773v; dischunze 722v; Francescho 706r, 707v, 710r ecc.; lanze 715v, 720r-v ecc.; principe 705r, 717r, 724v, principo 724r; principiato 726v, 738v; principio 717r; schanzelare 755v, 760v, 762r, schanzelate 755v. Per l’evoluzione dialettale dell’affricata palatale sorda toscana in fricativa dentale sonora cfr. il paragrafo corrispondente. Esiti di G (+ E, I) latina e G palatale francese. Iniziale. Frequente il passaggio all’affricata alveolare sonora resa graficamente con z, ma in molte parole g è conservata: genaro 732r ma zenaro 705v, 707r, 709r ecc., zenare 785v; generale 756v, generalo 714v ma zenerale 706v, 746r, 891r ecc., zeneralo 793r, 938r, 956r; generi 707r; Genoa 759r ma Zenoa 711v, 729v, 777r ecc., zenoin 812v, zenovixi 848v; genochie 761v ma zenochio 919v, zenochie 974r; gente 707v, 708r, 710r ecc. ma zente 706v, 848v; Gentile 713v e Zentile 807r, 949r, 974v ecc.; gentilomini 707v, 724v, 763v ma zentilomeni 751v; gesso 750v e zesso 955v; gesto 705v; getado 722v ma zetare 707r, 711r, 903r, zetato 722v, zetado 775v, -a 706r, 707r, 713r ecc., zitò (gettò) 829v; Gironimo 709r, 711r, 712r ecc. e Zeronimo 948v, Zironimo 712r, 747r, 751r ecc.; inoltre zelava 871r; zenero 719r-v, 722v, 848r ecc.; zentonare 753v; zirase (girasi) 780v. Con valore palatale anche gorno 810v; gudia 780v, 783r, 860v ecc.; guramenti 714v, gurare (giurare) 870v, gurono (giurarono) 934v; guveni 742r. Interno. Diligenzia 736v, deligentermente 717v; fugisse 714v ma fuzere 722v, 749v, 823r, fozivano 816v, fuzevano 747v; fuoze 881r; hozedì 944r; indulgenzia 733v, 756v, 759v ecc. ma indulzenzia 756v (x2); ingegno 705r, 706r, 744r; legitimi 712r; ligeri 714r, 725v; regimenti 707v, 708r, rigimenti 711r; regina 705v; Rugero 757r; Vergilio 709v. Preceduto da liquida o nasale prevale z: Arzelà 966v; arzentaria 961r, arzenti 982v; agiunzere 772v; Anzelo 774r; Barzelin 944v, 945v, 947r; dopinzere 711v, 740r; pianzevano 732v, 747v; sorgeria 900r, sorgese 736r; unzere 809r. Semivocali e nessi consonantici J Iniziale. È conservato in alcuni nomi propri e latinismi: Iachomo 706v, 708r, 711v ecc.; Iaxone 722v, Iosson 753v; Ielbes (Gerba) 860v; Ieronimo 728r, 922v, 939r; Ierusalem 712r; Iessu (Gesù) 956r; Iob 736r, Iobo 717v, Iobbo 896v; Ioane 939r, Iohano 939r (poesia); Iosefo 740v, Iossefo 967v; Iove 843r (poesia); iowa 957v, ioua (gola) 928r, 957v, 973v (< uvula o più probab. da iugula); Iubileo 717v; Iulio 708r, 713r, 718v ecc.; iustizia 713v, 730r, 732r ecc., iusto 705v, 757v, iustamente 705v, iustissimo 705v; Spesso è risolto nella affricata dentale sonora resa graficamente con z (Tuttavia non mancano forme toscane con affricata palatale con g(i)): zà 705r, 715r, 729v ecc. ma già 722v, 724r, 790r ecc.; zitò (gettò) 829v; zobia 706v ma gioba 926v, 928r, giuoba 874v; zostrono 740r (cfr. Prov. ant., fr. ant. joste dev. di joster dal lat. parl. *iuxtare ‘mettere qualcosa vicino ad un'altra’); zovava 891r, zovene 717r, zoveneto 736v ma giuveni 726v, guveni 742r, zudia 780v, 782r, 785v ecc. ma giudia 780v, gudia 780v, 783r, 860v ecc.; zugno 712r-v, 717r-v ecc.; zunte 919v ma giunto 718r, giunse 717r, zurare 813v ma gurare 870v, gurono 934v; inoltre agiunsese 717r; giusto 804r, 842v (poesia); giuocho 813v. Interno. Non si conserva se non in questi possibili casi: aiara (aria) 723r, 867v, 900r (probab. da aere(m) attraverso aire, con vocale anaptittica); saion 723r, 734r, 742r ecc. (Fr. ant. saie (1212 ca.), dal lat. parl. *sagia(m), dal class. sagum ‘mantello’); teraio (terrapieno) 918v. Solo in poesia si trova l’evoluzione in affricata palatale sonora in magiore 927r, mentre la voce più diffusa è mazore706v, 709v, 711r ecc.; al pari di mazo (maggio) 706r, 707r, 709v ecc., non attestato in altra forma.

235

Appendice Assente la desinenza -aio. Costante l’uscita, tipica del bolognese e di tutta l’Italia settentrionale, in -aro: Butrigharo 722r; Becharo 782v, 794r; Chalzolaro 781v; febraro 724v, 759v, 787v ecc.; legnaro 728v, 753v; marzaro 741v; miaro (migliaio) 732v; nodaro 713v, 722v, 757v ecc.; paro (paio) 753v, 756r; tovaiaro 731v; zenaro 705v, 707r, 711v ecc.; per analogia anche chardinaro 774r. CJ Risolto nell’affricata dentale sorda resa graficamente con -z-: abrazai 827v, abrazandolo 827v, abrazava 887r, abrazone (abbracciarono) 746r; anzin (uncino) 772v, 938v; disfazendo 733r, 784v, fazendo 715r, 720r, 745r ecc.; fazende 728r, 749r; Manzin 748r, 801v, 802r-v ecc.; menazava 749v, menazando 750v, menazato 778v e altre voci del verbo. Esiti semidotti in cui j è conservato e cj è trasformato in -zi- a causa della frequente (nel Medioevo) confusione fra lat. -ci- e lat. -ti-: edifizio 707r, 731r, 733r, difizio 707v; ofizio 706r, 709r, 711r ecc.; Bonifazio 713r; benefizio 724v, 733v, 752r; sachrifizio 726v; sufiziento 749v; NCJ Anche in questo caso prevale l’esito in z: achunzava 816v; dischunzo 774r, 821v, dischunze 722v, 774r; Franza 707r-v, 708r-v solo in poesia si trova Francia 927r; franzoxi 707v, 708v, 710r ecc. ma Francescho 710v, 711v, 713r ecc.; lanzalori 706v; unze (once) 793r. DJ Risolto nell’affricata dentale sonora (in bolognese pronunciata come fricativa postdentale) in mezo 713r-v, 722v, 723r ecc.; zorno 818v; soprattutto nei verbi terminanti col suffisso -eggiare (< idiare): demanezare 728r; tronezare (tuonare) 823v; saghezare 858v, 886v, 905v ecc.; signorezare 920v. Risolto nell’affricata palatale sonora in agiunsese 717r. NDJ Verghogna 774r, sverghognate 718v. LJ Conservato in: Italia 829v, 841r, 845v ecc., Talia 836v, taliano 857r, -i 866v; milia 830r, 833r, 841r ecc.; vilia (vigilia) 837r, 841v, 842r. Risolto nella grafia gli, da interpretarsi sicuramente come liquida palatale, in: Bentivoglio 929r, 930r, 933v; chavagli (può essere un ipercorrettismo toscaneggiante per cavài, in toscano infatti -lli finale può dare -gli) 895v, 902v, 906r ecc. chonsiglio 728r, chonsigli 927r (poesia); famigli 799r, 966v; figliolo 705r, 708r, 710v ecc., -i 705r, -a 707r, fiogli 753r, 896r, 910v ecc., figliò 984v; meglio 927r (poesia); miglia 705r; travaglio 949r (poesia). Ben più frequente il passaggio alla semiconsonante [j]: artaiaria 721v ma artiarì 748v, 749v, 750r ecc., artiaria 718r, 720r, 725r ecc.; artieria 922v; ateraiare 930v, ateraiato 983r, -a 918v, 930v, -e 909r, 931r; ateraiate 765v; barsaiati 798r; bataia 708v, 715v, 718v ecc.; Bischaia 937r; chanaia 880v; Chaxaia 970v; desteraiare 921v, 922r; ghaiardamente 862v, 898r, 906r ecc.; intaiada 794r, 831r; muraia 775r, 916r, 917r-v ecc.; paia 731v, 760v, 827r ecc.; prexaia 851v, 888r, 897v; Sinighaia 727v, 856v, 867v; taia 722r, 722r-v, 764v ecc.; taiare 785v, 883r, 910r ecc. e altre voci del verbo; tovaiaro 731v, 737v. Spesso il suono palatale è rappresentato da una doppia i, la seconda discendente sotto il rigo. Quest’ultima è stata conservata anche nell’edizione del testo per evidenziarne il possibile valore fonetico, sebbene sia da considerarsi una variante grafica di i: ajo 864v, aij (aglio) 734v; artaaijaria (artiglieria) 729v; ateraijà 765v; Baijon 846v, 847r, Baijoni (Baglioni) 974v; bataija 920r, battaijon 745v; Bentivoijo 707v; Bonofijo 813r, 855v; ciije (ciglie) 731r; chanaija 796r, 840r; chonseijo 896v, chonsijare 754r, chonsijeri 762r; chuijevano 735v; chuijuni 832v; fameija 764r; fuoijo (foglio) 784r; fueije (foglie) 730v; luijo 710r, 713v, 723v ecc.; mieijo 737r, 864r, 921r ecc.; Moije 737r, 859v, Moijo 737r; Montevijo 766r; Paija 722r, 847r, 864v ecc., Paja 778v; rechuijere 948v; retaijo 758r; seraijo 782r; Signighaija 865v; taija 806v, 860v; voija 725r, 735r, 786r ecc., voijo 717r-v, 840r; da segnalare anche zoije 747v, 806r, 913r ma zoglie 792r, zoglielo 792r forma ipercorretta. Anche in posizione finale: Bentivoij 746v, 747v, Bentivolij 747r.

236

Appendice In parole come Gije 732r, Gijo (giglio) 750v, 755r, 837r ecc.; mijoramento 860v, -e 850v, -i 852r, 913r, mijuramento 745r; mija 707r, 743r, 746v ecc., mijo 787r, 847v, 885r ecc., miija 721r, 906r; mijo (miglio, cereale) 713v, 734v (x2), 735v; in queste parole –ij- ha davvero valore di vocale i + semicons. j, dunque i corrisponde ad i e j corrisponde a gli dell’italiano moderno. Grafie particolari che sottendono una pronuncia palatale si trovano in boglijva (bolliva) 913v e in lugijo 798r (x2). Che j non abbia un valore fonetico distintivo rispetto ad i è provato dall’esistenza di esempi quali: asequije 858r, l’esequije 858r; boija 809r; boija 929v; Iulijo 893r; nijuno 775r vechije 804v, 941v. NJ Risolto nella nasale palatale: achognessuta 717v; bosegnava 711r, 714r-v, 717r ecc., bosegnavano 717r, bosegnò 732v, bosignò 726r, 732v, bossignò 732r, bossignòla 728r; cho(n)pagnia 711v, 714v, 721r ecc., malacho(n)pagnia 709v, cho(n)pagni 712r, 713r; ghuadagnò 724r (Franc. *waidanjan ‘lavorare, guadagnare’, den. di waida ‘pascolo’); ingegno 705r, 706r; Lamagna 711v, 716r; ogni 705v, 707v, 713v ecc.; ordigni 713v (Lat. parl. *ordiniu(m), un der. da ordine(m) ‘ordine’); Romagna 708v, 715v, 716r ecc.; signore 706v, 707r-v ecc., signuri 705r, 706r-v ecc.; Signoria 706v, 710r, 711v ecc.; sustegni 707v, sustigni 707r (cfr. Prov. sostenh); zugno 712r-v, 717r-v ecc.. Talvolta la palatale è estesa ad alcuni nomi: begnigno 712r, begnigna 728r; Ghravigna 727v (x2); pagni 762r; Signighaia 727v, Signighaija 865v, Signighalia 727v (x2); e ad alcune voci verbali: remagnere 724r; tegniva 708v, 711v, 716r ecc., tegnivano 720v, tegnudo 716v; vegnire 711v. TJ I nessi latini -tj- e -ntj- sono conservati solo nella grafia, ma probabilmente non nella pronuncia, perciò rimando al paragrafo relativo. Generalmente è risolto nell’affricata dentale sorda (in bolognese pronunciata come fricativa postdentale sorda) resa graficamente con z: aleghreza 706v, 707r, 716r ecc.; chomenzando 721v, 868v, 968r, chomenzato 916r, chomenzorno 916r; ghrandeza 732v, 888r; i(n)pazare 710r, 803v, i(n)pazato 787v, inpazava 793v e altre voci del verbo; palazo 707r, 711r, 713r ecc.; spazare 791v; strazado 741r, strazando 779r, strazaroli (< Lat. parl. *extractiare) 732r, 742v, 792r-v; vezo 792r, vezelo (dimin.di vezzo, ‘ornamento, gioiello’) 792r. Esiti semidotti in cui j è conservato: astuzia 725v; chodizione 739r; chreazione 712v, 729v; dazio 756r, daziero 779r, -i 763v; deliberazione 734v, 742r, diliberazione 751r; dischrizione (discrezione < lat. discretiōnem) 749r; dismostrazione 708r; distruzione 714v, 746r; exerzizio 736r; ghrazia 713v; ghrazioxo 712r; indulgenzie 765v, 766r; Inocenzio 752r, Nocenzio 706r, 737r, 754v; iustizia 713v; menzione 731r; monizione 720r; Nonziada 709r; notizia 714v; orazione 723r, 732v, 736r; prusenzione (presunzione < lat. praesumptiōnem) 708r; schumunichazione 745v, 750v; suspezione 744r; veneziani 705r, 714r-v, 715r ecc.; Vinezia 705r; In bolognese -ANTIA, -ENTIA possono dare -anzia, -enzia come esito popolare, rappresentano, quindi, un’eccezione. Si vedano: abondanzia 757v (x2), 816r; diligenzia 736v; indulgenzia 733r; i(n)portanzia 796r (x2), 867r, i(n)protanzia 816r; instanzia 919r, 925v, 967v; lizenzia 759r, lecenziato 729r; potenzie 710r; riverenzia 733r; sienzia 738v; stanzia 787r, 796r, 842r ecc., -e 707r, 746r, 760v ecc., stanziare 874v. Più rara la risoluzione nella fricativa dentale sonora resa graficamente con x e solo in un caso con s: desprexiandole 832v, disprexiare 832v, disprixiava 761r ma anche disprisiava 713r; disprexio 762v, 832v; induxia (< lat. indūtiae) 747r, 850r (x2); prexio 812r-v, 813r, 820r ecc., priexio 742v; venexiani 822v; Vinexia 706v, 710r-v, 711v. Poco attestata la grafia -ci-. Già per Pugliola era stata ipotizzata una pronuncia -zi-. Nell’Ubaldini sono presenti solamente quattro esempi per i quali esistono forme corrispondenti con z che rafforzano l’ipotesi che la reale pronuncia fosse z: anci 709v ma anzi 722v, 813r-v, 982r ecc.; anciani 779v, 862r ma anziani 706v, 707r, 722r ecc.; devocione 713r ma divozione 732v; pacienzia 705v, 717r, 847r ecc. ma pazenzia 921r.

237

Appendice VJ Passaggio dalla fricativa alla labiale in trebo 755r-v, 782v, 796r ecc.. W La w iniziale delle parole germaniche è adattata normalmente a gu. Si vedano, come esempio, ghuarda 977v, ghuarde 980r, ghuardi (III p.s. cong. pres) 976r (< Germ. *wardon ‘osservare, stare in guardia’); ghuadagnaria 980r, ghuadagnata 971v (< Franc. *waidanjan); ghuaschuni 979v (< lat. Vascone(m) attrav. un adattamento germ. *Wasco, cfr. Fr. gascon); ghuere 979v. Cade, almeno graficamente, l’elemento semivocalico in ghadagnorno 739v; ghardano 737v; gharivano 738v (< Germ. *warjan). Fenomeni generali Aferesi Chlessiastichi 902v; debeliseno (indebolissero) 781r; difizio 707v, difizi 797v; labardieri 727v; mazato 896v; nemecizia 958r; raldo (araldo) 978r; sasinamento 931v (< Arabo Hašīšīya); suto (asciutto) 781r; vanzelista 965v. Segnalo anche schurità 803v, schurata 918v sebbene possano essere rifatti sull’agg. scuro. Anaptissi Aiara (aria) 723r, 867v, 900r (probab. da AERE(M) attraverso aire); obesolizione 941r; Oriveto (Orvieto) 709v; sefforzo710r. Apocope Frequente nei participi passati: alozà 715r; stropià 717v; saghrà 977v, desaghrà 791r; incholpà 915v, 973v; sechà 776r; apichà 790v, 973v, i(n)pichà 788r; asidrà 717v; e al passato remoto; dè 714v, 724v, 725r ecc.; fè 706v, 707v, 711r ecc. (141 casi); stè 707r, 715r, 720v ecc. (30 casi). Tra i sostantivi: cha 753r, 785r, 787v ecc.; saghrà (sagrato) 824r, 852v, 901v ecc.; ferì (ferita, -e) 864v, 931v, 972r; figliò (figlioli) 984v; chaxò (chaxone) 719r, 736r, 752v ecc.; chognà 891r; chompagnì (compagnie) 717r, 760v, 826v ecc.; fazà 866v, 892v, 907v ecc.; fantarì 822v, 847v, 854r ecc.; là (lato) 715r, 732r, 733r ecc.; marchà 707r, 728v, 732r ecc., merchà 728v, 740v, 891r ecc.; parentà 712r; soldà 757v, 784v, 787v ecc. (59 casi); stechà 802v; stafilà 789r, 790r, 915v ecc.; tratà 801r. Per alcune parole assai comuni la forma apocopata è l’unica attestata: chontà 707v, 716r ecc.; chontrà 739r, 749r, 764r ecc.; manifaturì 814v. Dissimilazione Chalonegho 722v, 747v, 806v ecc. (cfr. tosc. antico calonaco); drieto 706v, 721v, 723r ecc., indrieto 708r, 715r, 721v ecc. entrambi dal lat. DE RETRO. Metatesi L’influenza del parlato si fa sentire nei numerosissimi casi di metatesi: Albreghati 886v; breleda (berleta) 849v; chalvachò 725v, 847r; chardenza 895r; chardinciero (credenziere) 729r; Charvachore (Crevalcore) 871r; chorzefisso 790v; Chronelio 827v; churdeltà 708v, 823r chordelità 796v; churzò (crucciò) 882r; distrubare 858v, distrubale 778r; erquilie (reliquie) 938v, requilie 864v; ferchentato 717v; formento 734v; frabo 795r, frabi 831r; Frolì 860r; fromazo 880r (bol. furmài); frozieri 815r; furtifari (fruttiferi) 910r; ghaibuni (gabbioni) 916r; Gharnarolo 720r, 821v; Ghrugensso (gurgense, da Gurk) 879r; inprotanzia 816r; lanzalori (lanzaroli, cfr. strazzaroli e sim.) 706v; Loriense (di Orléans) 712v; Piramo 869v, 984r; porferte 941r ma profete 870v; Precesedo (Persiceto) 746r, 750r; preda 707r, 732r, 733r ecc.; predixe (pernice < Lat. perdicem) 711v; predon (perdono) 879r; prevenuto 887r, preveno 954r; raiiba (rabbia) 734v; restitenzia 929v, ristitenzia 715r; retronorno 774v, retronò 836v; sterpido (strepito) 961r; troniorno (tornearono) 740r; trubato 917r (poesia); verespo 814v.

238

Appendice Le parole inizianti con per, pre, pro, par meritano una riflessione particolare per la consuetudine diffusa nel testo di abbreviare queste sillabe. Come in Pugliola l’abbreviazione indicante per era usata anche al posto di par, così pure in Friano Ubaldini sembra essere usata in modo polivalente, nel senso che, oltre a sostituire per, è usata talvolta per indicare pro e pre. È il caso di p(er)dichatore 712v, p(er)dichò 733v; p(er)dìta 747v, p(er)dìto 856v, 891r; p(er)dizo 834v; p(er)ghare 956r p(er)ghava 794r; p(er)posta (proposta) 953r; p(er)suma 773r; p(er)vedere 961r; tutte parole scritte con p dall’asta tagliata. Frequentissima è la parola prexon, sia nel senso di ‘prigione’ che di ‘prigioniero’, abbreviata p(er)xon. Che questo non fosse il corretto scioglimento è testimoniato da un caso, alla carta 823v, in cui Friano scrive la parola per esteso ma aggiunge, in eccesso, l’abbreviazione, tagliando l’asta di p. A voler prestar fede a questa grafia si sarebbe dovuto sciogliere p(er)rexo(n), ipotesi evidentemente improbabile. Per di più non mancano luoghi in cui si trovano scritti per esteso prexon (prigione) 803r, 808v, 827v ecc. e prexuni (prigionieri) 709v, 780r, 803r ecc.. Tuttavia non è da escludere, in alcuni casi, che l’uso di per al posto di pre corrisponda ad una reale metatesi nella pronuncia visto che talune parole scritte per esteso presentano lo scambio di per con pre: prefeta (perfetta) 707r; premudata 868v; prepetuo 864r 868v; perlati (prelati) 759v, parlati (sic) 870v ma anche pretenente (pertinente) 941v, protenente 850v. Come si può vedere da quest’ultimo esempio, l’Ubaldini dimostra pari incertezza tra pro e pre: accanto a prochuradore (sic) 722r, 773r, solitamente abbreviato p(er)churadore 755r, 913r, 965r ecc.; provededori (sic) 714v; provixione (sic) 806r; si trovano purchoradore 952r; privixionadi (sic) 715v; previxionadi (sic) 711r, 961r, anche abbreviato p(er)vixionati 727v; prusenzione (presunzione) 708r; sempre abbreviati p(er)lunghati 931v, p(er)lunghare 793r; p(er)tenetari 881v. Epentesi Aghumentarla 705r; amorversse (muoversi) 965v; bandezato (battezzato) 705v forse per analogia con sbandito (cfr. c 811r) p. pass. di sbandezzare ‘bandire’; celestrin 790v, 881r; dalmascho 792v, 899r, 966v; deligentermente 717v essendo un caso isolato resta il dubbio che si tratti di un’italianizzazione dell’avverbio latino tramite l’aggiunta della desinenza -mente o di una semplice epentesi; dismenteghata 717v; inchisilidore 790v, ma inchixidore 791r; paltre 953v; per dissimilazione: zinzania 778v; per assimilazione: chalvalchadore 948r; chalvalchare 847r; ghorvernadore 823r; ortorità 794v; rinschontro 782r. Incerto il caso di Chonsenzia (Cosenza) 901r, 936v, visto che corrisponde alla forma latina CONSENTIA; è possibile che l’autore abbia attinto ad una fonte in cui ricorre il nome in forma latina. Epitesi Di -e. Andoe 892r, 893v; alie 832v; ziòe 929v, con significato di a ciò che nella frase aveano fato alaghare de aqua, a ziòe che li nomizi non poseseno retornare. Di -i. Faloi 825r. Di -a. Seghuazia 943v. Prostesi Di a-. dal prefisso AD-: achognessuta 717v; adevenire 792v, adivinire 868v (doppio prefisso AD + DE + venire); atrovare 851r ma anche aschanzelare 773r (AD + EX + cancellare) e schanzelare 755v, 760v, 762r ecc., schanzelato 894r (EX + cancellare) e anche solo chanzelato 761r, 809r, 936r. In tutte le forme con AR- è da sospettare la forma bolognese sottostante del tipo arbaltò (ribaltò) ecc. p.es. per arechordarse cfr. il moderno (bol. e romagnolo) a m’arcord “mi ricordo”. Probabilmente il processo vede inizialmente la caduta della prima vocale (quindi *rbaltò, *rcord ecc.), poi, a sostegno del gruppo consonantico che si è formato, si produce la prostesi di a-, quindi arbaltò, arcord ecc.. Si vedano i numerosi esempi: arebaltose 731r; arebelate 943r; arechamado 734r; arecholto 778r, 943v, arechoiere 953r, arecholseno 962r; arechomandarse 732v, arechomandata 914r; arechordarse 849v; areduxevano 914r, se areduxeno 962r; arefato 723v; aremanire 710r, aremaseno 904r, 957v; areneghate 715v; aretrovare 888v, 962r, aretrovato 980v e aritrovatto 763r, aritrovò 797v; arevelata 924r; arichomandando 934r.

239

Appendice Di e-. Erecholto 795v, variante di arecholto. Vale quanto detto per AR-. Sincope Breta 759v, 779r, 866r ecc.; chruduro (corridoio) 722v; Domiencho 722v; femorno 716r; fesse (facesse) 775r, 787v, 798r ecc.; fodrata 764r; frarexe 847v, frarexo 890r; mandrono 744r; pavixini 716v; pruchradore 830v; sopriori 885r; stomana (settimana) 856v, 929v; strione 849v, 879v (< mediolat. sturio –onis < antico alto ted. Sturjo > ted. Stōr); tribelisimi 982r ma teribelisime 982v; vilia (vigilia) 837r, 841v, 842r.

240

MORFOSINTASSI

Appendice ARTICOLO Determinativo. Maschile singolare: el prevale decisamente su lo 705r-v, 706v, 707r ecc., ed è presente anche nella forma ‘l: ma ‘l fero 795r; ro(m)pendo ‘l chonfine 895v; è attestato anche i: i suo chognà 717v. Si registra un’incertezza, o per lo meno un’oscillazione, nell’uso di el e lo. El è usato normalente dopo finale vocalica e prima di consonante semplice: sopra el tuto 705r; avendo fato el testamento, bassò el chrucifisso 705r; chome era stato el padre 705r ecc.; tuttavia accanto a el signore 707v, 708r, 709r ecc. si trova lo signore 706v, 710r, 715r ecc.. Anche davanti a s impura e z si trova più frequentemente el: el stendardo 706v (x2), 707r (x2), 741r ecc.; el stado 715r, 727r; el Spedalo 717v, 732v, 763r, -e 717v, 736r; el Zopo 801r (x3), 803v mentre lo è attestato in: lo zalo (il giallo) 780v (x2); Al maschile plurale prevale li 705r-v, 706r-v ecc.; ma è ampiamente attestato anche i 705r, 707r-v ecc.; raro gli 842v, 949r (x2) che si trova solo nelle poesie. Le per il femminile 705v, 706r-v ecc. Indeterminativo. Al maschile uno è la forma normalmente impiegata: uno esequio 705r; uno altro 705r; uno ambasadore 706v; uno chastelo 708v; a volte l’Ubaldini sembra voler far concordare l’articolo con l’aggettivo o il sostantivo che segue: uno ghrando exerzito 707v; uno ghrando dano 709r; uno animoxo giovene 710v; uno santo homo 712v; uno mexo 709v; uno monto 705v; uno frato 713r ecc.. Un è attestato in soli due casi: un numero ghrandisimo de gente 735r; un legno 940v (poesia). Al femminile è normalmente attestato una 705r, 706v ecc., ma anche un’hora 722v. La mancata percezione dei confini delle parole porta a segmentazioni improprie, conservate nel testo, come una labarda 723r; dall’altro lato numerosi sono gli esempi di univerbazione dell’articolo, soprattutto alla congiunzione e, trascritti analiticamente nel testo: e ‘l ducha 709r; e ‘l dito re 709v; e ‘l fiolo 714r ecc. NOME E AGGETTIVO Genere e numero Sono di genere femminile la Zobia Santa 706v; le chonfine 738r, 761v, 762v ecc.. I sostantivi femminili tendono a generalizzare l’uscita in -e del plurale: a le dite procesione 732v, fenite le dite procesione 732v; le nave 707r; le chiave 708r, 731v, 751r ecc.; le mane 705v, 717r, 962r ecc. ma anche la mane 959v, in mane 980v, 983r; le chroze 926v. Alcuni sostantivi neutri della II declinazione latina presentano al singolare il normale esito in -o, al plurale possono conservare l’uscita in -a del latino o presentare l’uscita in -e del femminile della prima declinazione italiana. In entrambi i casi questi sostantivi sono trattati al plurale come femminili: el molin(o) 841r, 912v, nel molino 907r-v, del molino 916r ma moline 711r; le Moline 755r, 756r, 757v; legno 741r, 785v, 791r, ecc. ma legne 728v (x5), 753v (x2), 872r (x2); muro 744r, 764r, 775r ecc. ma le mure 718r, 723v, 745v ecc.; de mure 723v, 731r, 732r; chastelo 790r (x2), 794v, 795r e un caso di la chastela 747r ma chastele 705v, 708r, 711v ecc.; sostantivi con plurale in -a: braza 780r, 792v, 793r ecc. ma le braze 974r, 976v; para 832v, 873v; chara 749r, 760v, 772v; dita 867v, 870r. Il sostantivo arma 761r, 967r si trova al singolare col significato di ‘insegna’, mentre al plurale assume quello di ‘strumenti da combattimento’: le arme 713r, 728r; in arme 713r, 721r, 742r; chon arme 716r; bele arme 721v. Alcuni sostantivi conservano la velare del tema anche al plurale: apostolichi 874r; medichi 739r, 866r; otentichii 784r; achlexiastichi 892v, echlessiastichi 968v, 970v, 977v, chlexeastichi 801v, 849r, 902v ecc.; eretichii 901r. Merita un approfondimento il trattamento delle vocali finali che apparentemente sembra volto ad accrescere la loro funzione distintiva.

243

Appendice Finali nominali integrate per via metaplastica1865 Alcuni sostantivi maschili della III decl. latina accanto all’uscita etimologica in -e, al singolare presentano anche quella in -o, al plurale invece escono in -i. Alcuni esempi: bestiamo 745r, 835r, 838r ecc., bestiami 915v ma bestiame 851v, 962r; chardinalo 705r, 706r, 712v ecc. ma chardinale 842v, 850v, 875v ecc.; chonto (< lat. cōmite(m)) 705r-v, 707v, 708r ecc. ma chonte 966r (Con diverso significato, si trova l’espressione homini da chonte (< lat. tardo cōmputu(m)) 845r, 940v); mexo 785v, 786v, 789v ecc. ma mexe 716v, 725v, 730v ecc.; monto 882v, 885r-v, 908v ecc. ma monte 731v, 739v, 740r ecc.; nomo 705r, 706r, 07r ecc. ma nome 706r, 712r, 713v ecc.; Ponto Remole 709v ma Ponte Remullo (Pontremoli) 708r oltre a ponto 745v, 747r ecc.; prexono 710r, 859v, 891v ecc. ma prexone 957v; stramo 878r, strami 903v, 906r ma strame 720v, 864v. Ricorrono esclusivamente nella forma metaplastica: fiumo 730r, 918v, 933v ecc.; prito 751r, 861r, 890r ecc.; ribelo 715r, 748v, 758v ecc.; siero (messere) 944v, 945v, 946r. Il fenomeno riguarda anche alcuni aggettivi della II classe latina che passano alla I, dalla desinenza -e ad -o: ghrando 705r-v, 706r ecc. ma ghrande 705r-v, 745r ecc.; qualcho remore 726v, qualcho ghrando erore 816v; franzoxo 715r, 717v, 729r ecc.; milanexo 717r, 791v, 883v. Parallelamente, alcuni sostantivi femminili della III delinazione latina passano alla I mostrando un’uscita in -a invece che in -e: dota 707r, 723v, 724v ecc.; fievera 865v; vesta 718r, 724r, 792v ecc.. Anche il suffisso -iero è preferito a -iere: chanzeliero 945v, 946r; chavaliero 936r, 945r, 950r ecc.; chonfaliniero 934v (x2), 941v, 944v ecc., chonfaloniero 943v; contro i soli balestriere 763v; bonbardiere 760v. Finali nominali e non nominali indebitamente restituite Si tratta di finali non etimologiche e non metaplastiche, forse motivate da ragioni fonetiche, che presentano un’oscillazione fra l’uscita etimologica in -o e quella non etimologica in -e. Petrolini è certo che si tratti di una vocale atona «ripristinata1866» (il ripristino va inteso rispetto alle condizioni naturali del parlato) che «rappresenterebbe una vocale finale affievolita e di grado indistinto1867». Avverbi: da dosse 839v, adosse 896v, 913v, 919v ecc. ma adosso 718v, 740r, 766v ecc.; apresse 902r, 935v ma apresso 907r, 908r, 911r ecc.; dentre 718v, 940v (poesia), 950v ecc. ma dentro 708v, 714r, 716v ecc.; attestata anche l’uscita in -a per sota 705r, 708r, 711r ecc. ma soto 713v, 726v, 737v ecc.. Congiunzioni: quande 859v ma quando 886r, 888r ecc.. Sostantivi (< II decl. lat.): arzente 814v, 895r; chavale 829v, 853v ma chavalo 706v, 708r, 711v ecc.; dane 744v, 760v; febrare 734v, 817v ma febraro 720v, 724v, 728v ecc.; sechorse 776v, 823r, 858v ecc. ma sechorso 708v, 711r-v ecc. fra questi è possibile aggiungere anche asasinamente 763v ma asasinamento 813r. Un caso a parte è rappresentato da pia (piedi) 714r, 737r, 742v ecc., fradia (fratelli) 984r, zudia (giudeo) 780v, 828v, 902v; Dia (Dio) 813v: nonostante il fatto che nel bolognese manchi l’opposizione tra singolare e plurale nella declinazione dei sostantivi maschili, in questi casi la distinzione è nettissima perché sul plurale agisce la metafonesi: PEDEM > sing. pà, pl. pì; FRATELLUM > sing. fradèl, pl. fradì. In questo caso il sottofondo dialettale non offre un valido sostegno per definire la corretta declinazione e Friano mostra ancora una volta incertezza rispetto alle forme italiane. È quindi probabile che, sentendo queste forme come fortemente dialettali, si sia sforzato di italianizzarle facendo riferimento alla declinazione dei sostantivi con quattro uscite. Così, l’analogia con forme quali compagnì – compagnia, potrebbe spiegare l’aggiunta della -a finale. Participi passati m. sing.: che avese finite soa vita 736v; finite questo 741r (x2) ma finito le dite parole 803v; aveano schrite litere 763r; avea schrite litere 779r; aveano schrite più litere 841v. Gerundi: bruxande 897v; sonande 898v; traghande (tirando) 898v. 1865

Seguo lo schema proposto da G. PETROLINI in Un antico scoglio fra parlato e scrittura in Emilia: le vocali atone finali, in Il dialetto dall’oralità alla scrittura. Atti del XIII convegno per gli Studi Dialettali Italiani, Catania-Nicosia, 28 settembre 1981, Pacini Editore, pp. 183-193. Per un maggior numero di esempi e una più articolata trattazione della morfologia del nome si legga anche, dello stesso autore, Un esempio d’”italiano” non letterario del pieno Cinquecento, in “L’Italia dialettale”, XLVII, 1984, pp. 25-45. 1866 G. PETROLINI, 1984, p. 34. 1867 Ibid., p. 35.

244

Appendice Si segnala infine l’uscita in -a della III p. pl. di alcuni imperfetti: chadevana 885r; rechuievana 751r. Finali non nominali restaurate in chiave ipermorfologica Si tratta del tentativo di razionalizzare sul piano del genere e del numero le finali non nominali applicando il sistema delle uscite nominali (m. s. -o, m. pl. -i, f. s. -a, f. pl. -e). Si veda la declinazione dell’aggettivo grande che l’Ubaldini cerca di far “concordare” col sostantivo che lo accompagna in genere e numero, spesso riprendendone la vocale finale: ghrando honore 705r; uno esequio ghrando 705r; homo de ghrando ingegno 706r; ghrando trionffo 707r; ghranda ligha fata 706v; ghranda aleghreza 706v; ghranda festa et aleghreza 707r; ghranda festa 707v, 712v; erali una lumiera ghranda 713v; ghranda roba 708v; ghranda churdeltà 708v; ghranda mortalità 709v; vene una pioza molto ghranda 711r; ghrande ghuarde 742r, 764r, 766r ecc.; ghrande chareze 751r. Più precisamente, ad essere ripristinata è la –o del maschile in quanto il femminile ghranda è forma dialettale e in bolognese come in altri dialetti settentrionali la vocale finale -a normalmente non cade. Per i numerali si veda la declinazione di quattro (bol. quàter): per il m. pl. quatri porton 794r; quatri citadin 796r, 797r; tuti quatri boni citadin 796r; quatri fachini 796v; quatri nominati 797r; quatri trati de chorda 800v; quatri dì 801v ecc.; per il f. pl. quatre hore 810v, 837v; quatre chara 826r (qui l’originario neutro lat. è sentito come f. pl); aveano prexe 9 ghalè armade e quatre n’aveano afondate 836r; quatre ghalè 836v; quatre lumiere 850v; quatre purte 863r ecc.. Anche prima dell’indeclinabile milia l’Ubaldini sembra preferire la forma femminile: doa milia duchati 724r, 764v, 766r; quatere milia duchati 766r; quatere milia fanti 822r; quatre milia duchati 806v, 854v; sia milia fanti 866r; dixe milia persone 897v. PRONOME Pronomi personali soggetto I pers. sing. jo 707v, 713r-v ecc.. Ricordo che, sebbene conservata nell’edizione, j deve essere considerata variante grafica di i. In alcuni casi è il pronome complemento ad essere usato come soggetto, si tratta dell’uso tonico, o forte, del pronome, come si usa ancora nel dialetto moderno. Significativo il fatto che il primo di questi esempi sia tratto da un discorso diretto riportato o riprodotto dal cronista: “Chaza mano a la toa spada e mi chazarò mano a la mia” 777v; altri assai paghorno dinari che mi non ò ssaputo el suo nomo 795r; jo Friano di Iubaldini, prexento schriptore, menai anchora mi questa sira dona 903r. II pers. sing. tu 727v, 777v, 778r-v ecc.. III pers. sing. el è spesso attestato agglutinato a che: per modo ch’el fu forza 708v; tuto quelo che era tolto suxo el chontà de Bologna o fuora del chontà, pure ch’el fuse de bolognixi 745r; ch’el non se posese portare arme 761r; voleano ch’el domandase perdonanza a monsignore, e lui rispoxe ch’el non li volea domandare perdonanza e ch’el non avea a fare quosa alchuna chon lui 777v; cho(n)mandoli ch’el dovese fare armare la ghu
rda 778r; solo in un caso si trova e’: e’ avé de le fiole femine 706r; tuttavia spesso, come è proprio ancora oggi dell’italiano parlato, il pronome complemento lui è usato come soggetto: lui donò 50 dupioni d’ore a dito ambasadore 707r; lui s’era fato ducha de Milano 709v; lui passò et andò in Astii 710r; non avea auto quelo che lui chredeva 711v; fu la prima volta che lui andase fuora 712r; lui morì, e non se sepe per che chaxon 712v; zò che lui parlava e dizeva pareva ch’el fusse profeta, in modo che lui era tenuto da una parte di Fiorenza uno santo homo 712v. Lo stesso dicasi per il femminile: lei adorava el diavolo 713v; lei li ghuaria 713v; lei romaxe vedoa 724v; lei era sola 826r; lei non li volse mai montare 828r. I pers. pl. noi 735r, 747r, 777v ecc.. II pers. pl. voi 777r, 801r, 813v ecc.. III pers. pl. Anche in questo caso l’Ubaldini preferisce il pronome complemento: lore dizevano che era stato bene tolto 745r; donde lore voleseno 764v; lore respoxeno che aveano suspeto in li Pepoli 781r.

245

Appendice Pronomi personali complemento I pers. sing. L’unica forma tonica attestata è mi 706r, 718v, 777v ecc. questa si trova soprattutto nella frase questa chronicha schripta de mano de mi e sim.. II pers. sing. in te 926v (poesia); per te 926v (poesia); a te 927r (poesia), 960r (poesia). III pers. sing. Per il maschile: a lui 706v; c(h)on lui 707v, 708r-v, 709v ecc.; dopo lui 710v; per lui 714v, 720v; chontra a lui 717v; da lui 742v; per il femminile: per lei 714v; da lei 826r; chon lei 835r (x2), 837r, 870r ecc.; in lei 842v (poesia); inoltre per il pronome personale con valore riflessivo è attestato per si 833r, 973r, per ssi 766r, 804r. I pers. pl. noi 940v (poesia); a noi 926v (x3, poesia), 927r (x11, poesia); per noi 926v (poesia). III pers. pl. loro è attestato solo in un caso: de loro 709v; l’Ubaldini preferisce lore 748v, 777r; fra lore 708r, 734v; chon lore 708v, 715v, 729r ecc.; de lore 708v, 713r, di lore 728r; a lore 717r, 723r, 732v ecc.. Pronomi personali atoni in posizione proclitica I pers. sing. me retrovai 707v, me l’avea dismenteghata 717v, non me voio partire 778r, me mine 778v, me ritrovai 827r, me dovivi dare 948r, 952r, non me aríssevi dato 952r; non me i(n)pazo 964v; me vengha 966r; me à tradito 966r (x2) ecc. II pers. sing. te si alterna a ti anche in poesia: te farò 718r, te inchontra 777v, non te serà fato 778r, te lasaremo andare 816v, te inchina 960r (poesia); ti rende 926v (poesia), ti chiama 926v (poesia); ti honora 927r (poesia); ti vole 927r (poesia). III pers. sing. Per il dativo maschile e femminile è attestato i: el dito Papa i l’avea promesso 724v (qui il pron. dativo non è da solo, ma è seguito dal pron. accusativo: la forma it. corrispondente sarebbe glielo); ma la forma prevalente è li: li fu moza la testa 706r; che li avea portato el stendardo 707r; non li pareva 707r; molto li dispiaque 708r, 713r; dubitando che non li feze dispiazere 708v; le altre potenzie li funo chontra 710r; li mandorno de molta gente 711v; disese che li era chaschato la ghozola 713r; per il compl. oggetto, per il maschile el: quili ch’el tegnivano adachato 744r; e questo tal pato e achordo non era persona in Bologna ch’el sapeso 746v; non chredo ch’el fuse in Bologna persona alchuna 747r; non chredo ch’el fuso sufiziento la linghua 749v; ch’el piasse vivo aria doa milia duchati 766r; E quisti furno quili ch’el menorno da monsignore 777v; disfazendo el dito palazo, el dischiavono 784v; per il femminile l’ano poseduta 705v, ma l’ più spesso sostituisce lo: l’avea fato atoseghare 709r; non l’aria cho(n)portado 709r; l’andavano seguitando 710r; l’avea fato vegnire 711v. In posizione proclitica li è usato anche con funzione di avverbio di luogo: uno in tra li baroni milanixi più potento che li fusse 705v; li fezeno una champana 706v; li stete parichi dì 707v, 708v; fra li altri li andò 711v; in la dita tavola se li fe’ aretra[re] vestito de biancho 712r. I pers. pl. Dativo: ce dovese dare 732v; ce despiaze 924v; ce ano tolto 750r; ce dese 779r; ce laserano 863r; compl. oggetto: ce voleno tradire 750r; ce volevano sachezare 921r; ce poriano metere 924v; con valore reciproco: ce parlareno 777v; ce urtono insemo 820r. II pers. pl. Dativo: ve promete 847v; ve mandaremo 880r; ve faremo 938v; non ve poria narare 721r, 895r; ve avemo mandato 784r; non ve renchriescha 829r; ve mandai 948r, 952r; ve le farò cho(n)parare 877r; compl. oggetto: ve farò i(n)pichare 880v, 977r; ve meterano 912v; non ve maraviate 705r, 710r; v’arendereti 938v. III pers. pl. compl. oggetto: li quali li menava prexuni 709v; dubitando ch’el re de Franza non li avese a nozere 709v; lui li ghabava 713r; questa forma viene estesa anche al dativo: tuti li chontadini, veneno a fare la parte soa che li era stata asignata 707v. Pronomi personali atoni in posizione enclitica I pers. sing. Tolitime 966r. III pers. sing. li è attestato con valore prevalentemete dativo: andarli 714v, 716r; atachonli 780v; dètenli 720v; devanli 735r; domandonli 736v; chavarli 828r; darli 718r, 806v; farli 720v, 807r, 813v, fenli 736v; lasonli 736v; narònli 783r; mentre lo ha valore di compl oggetto: apicharlo 809r; arefondarlo 732v; avenlo 851r, avevanlo 874r, ebenlo 851v (x2); butonlo 888r; chazarlo 709r; farlo 787r(x2), 802v;

246

Appendice menonlo 801v; meterlo 785r, missenlo 790v, 860v; portavanlo 735r; prexenlo 801v, 823r, 933r; vederlo 807r; volerlo 722v. Per la forma riflessiva prevale -se: arechomandarse 732v; atacharse 737r; butarse 717r; darse 759v; difenderse 748v; farse 709r; livarse 739v; partirse 718r; poserse 737r; ma è presente anche si: aprosimandossi 823r; atachandossi 896r; schontrandossi 891r. II pers. pl. achordateve 966r; andateve 813v; fidarve 938v. III pers. pl. è attestato li: amazarli 766r; andarli 783r; chavarli 783v; darli 717r, 748v, 782r ecc.; farli 740v, 762r, 783v ecc.; inchiavarli 732r; mandarli 733v, mandonli 783v; meterli 829r; ro(m)perli 766v; schriverli 829r; spezarli 766v; volerli 785v. Un caso di reduplicazione pronominale: et li bosegnavanli fare le spexe de ogni quosa 963r. Frequente è la costruzione della frase con il ne pleonastico: de la morte soa ne feze male a quaxi tuta Fiorenza 705r; feva tal dismostrazione perché non ne poseva fare altramente 708r; el re Alfonsso se ne fuzì in Cecilia 709r; quanti ne trovavano tuti li robavano 716r. Anche in posizione proclitica li è usato con funzione di avverbio di luogo: chazarli 782r; fuli 720v; meterli 717v; portonli 779r; ritornarli 730v; stetenli 732r, 750r, 778v. Va notato che l’Ubaldini all’uso del pronome personale preferisce un periodare più complesso che prevede la ripetizione del soggetto e dell’oggetto introdotti dal relativo o da el dito. Si veda ad esempio: azetò el stendardo mandato dal ducha de Milano e lui donò 50 dupioni d’ore a dito ambasadore che li avea portato el stendardo; e poi el dito Messer Zoano andò per la tera chon lo dito stendardo chon ghranda festa et aleghreza 707r; Questo anno 1503 del mexo d’aghosto arivò la novela in Bologna che era morto in Roma Papa Alexandro sesto de la nobele fameia Borgia, spagnolo, neputo de Papa Chalisto. El qualo Papa Chalisto alivò da pichulino el dito Papa Alexandro 728v; esendo andato el bariselo chiamato Chiodo in la ghiexia di Servi per volere piare uno ladro, el qualo ladro avea prexo li diti frati in ghiexia che robava uno altare, avendo intexe tal novela, monsignore mandò el dito bariselo che piase el dito ladro et, esendo intrato in ghiexia per volere piare el dito ladro, se li fe’ inchontra uno frato e dise che non voleano esere chauxa de la morte di quelo ladro 788r. Pronomi e aggettivi possessivi I pers. sing. mio 778v, 806r, 842r, 966r. II pers. sing. tuo 777v, 926v (x2, poesia), 960r (x5, poesia); III pers. sing. suo 705r-v, 706r-v ecc.; soa 705r-v, 707v, 708r ecc.; sua 802r, 858v, 881r ecc.; suoi 927r (x2, poesia); sui 705v; soe 705v, 710r, 713r ecc.; sue 940v (poesia). Come si vede, a differenza di Pugliola che usava tuo e suo anche al plurale, sia maschile che femminile, l’Ubaldini riserva queste forme solo al maschile singolare. I pers. pl. nostro 718r, 736r, 738r ecc.; Nostra 722v, 731v, 732v ecc.; nostri 732v, 745v, 746v ecc.; nostre 721r, 728v, 741v ecc.. II pers. pl. vostro 912r; vostra 818v, 829r, 831v ecc.; vostri 880r. III pers. pl. lore 732r, 739r, 749r ecc. In alcuni casi il possessivo è impiegato senza l’articolo: de suo salario 705v; per suo amore 707r; in (s)suo luocho 708r, 709r, 725r, nel suo locho 730r; era suo chapitanio 738r; a suo modo 748v; con i nomi di parentela l’aggiunta dell’articolo è poco frequente, si registrano solo: i suo chognà (il suo cognato) 717v; del Suo Fioglo Messer Iessu Christo 956r. Non mancano casi in cui il possessivo è posposto al sostantivo cui si riferisce: nel locho suo 717v; e ´l chorpo suo 719v; daghandoli el soldo suo intiero 728r; s’era visto più prove del fato suo 736v; in alturio suo li veniva li franzoxi 745r. In alcuni casi è preferita una costruzione con pronome possessivo da considerarsi sostantivato, col significato ‘di ciò che era suo’: portono ogni quosa del suo a Bologna 745r; e mandorno via tuto el mioramento che era romaxe del suo 747v.

247

Appendice Pronomi e aggettivi dimostrativi Questo 705r-v, 706r-v ecc. quisto 777v analogico sul pl. metafonetico; questa 705r, 706r-v ecc.; questi 906v, 919r, 941r ma prevale la variante metafonetica quisti 707v, 708r, 709v ecc.; queste 732v, 733r, 740v ecc.; quelo 706v, 707r-v ecc.; quela 707r, 708r, 709r ecc.; quelii 853v ma anche qui prevale la forma con metafonesi quili 705r, 707r, 711r ecc.; quele 705r, 708v, 711r ecc.; zò 712v, 789v, 825r ecc.; ciò 727v, 826v, 853r ecc. frequente nella congiunzione composta a ciò che 726r, 733v, 846r ecc., si riduce perdendo il suo significato originario in chon ci ssia che 728r, chon ci (s)sia quo(s)sa che 705r, 826r. Numerali Sembra possibile individuare una tendenza a regolarizzare i paradigmi aggettivali: doa è sempre attestato davanti a milia 705r, 724r, 764v ecc. e davanti a sostantivi femminili con significato collettivo, continuatori di un originario neutro plurale della II declinazione: doa braza 793r; doa para 832v, 873v; doa dita 867v, 870r si trovano però anche doe milia 766r e doe braza 792v. In effetti doe si trova, in genere, davanti a sostantivi femminili: doe squadre 711r; doe cità 719r; doe pere 730v ecc. ma anche doe parte 713r, 741r, 962r; due è attestato solo in: due volte 707r. Il maschile solitamente è indicato con la cifra araba ed è scritto in caratteri alfabetici solo una volta: dui altri 840r. Esiste un’opposizione morfologica anche fra tre e tri. Il primo è usato per il femminile: tre boteghe 741v; tre volte 766r, 780v, 806v ecc.; tute tre 815v; tre hore 816r, 818v; tre stropà 846r; tre persone 775v; tre parte 782r; tre boche 782v, 799r; anche collettivo: tre dita 974r; tre chara 772v; tre milia 825v, 830r, 843v; il secondo per il maschile: tri figlioli 705r; tri dì 707r, 781r ecc.; tri alozamenti 720r; tri cho(n)pagni 773r; tri citadini 774v; tuti tri 775v (x2), 782v, 796r ecc.; quisti tri stendardi 784r; tri mixi 785v, 821v; costituiscono un’eccezione tre trati 866r; tre chavali 921r; incertezza fra tre squase 762r-v e tri squase 762r (x2), 762v, 773r. Relativi Anche in questo caso si può supporre un tentativo di razionalizzazione sul piano del genere e del numero. Per il maschile sing.: el qualo 705r-v, 706r, 708v ecc., del qualo 720v (x2) ma el quale 708v; al quale 706r, 717v; per il maschile pl.: i quali 705r, 707r-v, 708r ecc., li quali 705v, 707v, 708r ecc.; fra li quali 716v, 720v, 724r; per il femminile sing.: la quale 705v, 706v, 707r ecc.; per la qual (cosa) 709r, 717v; in la quale 710v; per il femminile pl.: le quale 706r, 708v, 716v ecc.; de le quale 706r. Sebbene non siano frequenti, non mancano casi in cui il pronome relativo che al caso obliquo compare nella forma chi: la venuta chi feze el ducha Valentino 727v; dopo molte altre quose chi feze 730r; lo stesso capita con il pronome interrogativo indiretto: penssa di chi bona voia se rirovava el populo de Bologna! 732v; penssa di chi voia se ritrovavano 735r; pensa di chi bona voia era quili che se atrovavano bestie! 773v; di chi chondizione volese esere 816v. Pronomi e aggettivi indefiniti Si segnala ciaschaduno 723r, 779v, 792v, zaschaduno 726v; ciaschaduna 827r; chadauno 724v, 739v, 741r (x2) ecc.; chadauna 737r, 746v, 755v ecc.. Si trovano inoltre niuno 705v, 713r, 716r ecc.; niuna 711r, 738r, 745r ecc.; niuno quossa 705v; niuni 737r; nessuno 705v; nisuno 762v, 956r; uno 718r-v, 720v (x3), 722v ecc.; una 706r; una altra 717r (x2); alchuno 712v, 717v, 739r ecc.; alchuna 711v, 715r, 718r ecc.; alchuni 717v, 728r (x3) ecc.; qualchi 716v; ogniome 721r, 729r, 735v ecc.; ogniomo 721r-v; ogni persona 747r, 756v, 762r ecc.; ogn’ano 727r; ogniora 718v; anche nell’Ubaldini è attestato Ognia Santi 746v. Chi, come pronome indefinito, si trova nelle espressioni chondanavali sechondo lo posere suo: chi 200, e chi 100, e chi 50, e chi 20, e chi 10, e chi 8, e chi 4 duchati 717r; chi pocho e chi pur asà 727v; chi per forza e chi per achordo 728r; chi a pia e chi a chavalo 802r.

248

Appendice VERBO Indicativo Presente I pers. sing. Normalmente desinenza -o: so 713r, 716v, 807v ecc.; voio 733r, 737v, 763v ecc., voijo 840r; posso 828r, 966r; vivo 742v; reniegho 790v; m’arendo 847v; i(n)pazo 964v; discholpo 973v; ma in un caso si trova -e: ve promete 847v. II pers. sing. chridi (credi) 727v; vo (vuoi) 777v; staghi 778r; mine (meni, conduci) 778v; vadi 820r. III pers. sing. La desinenza per la prima coniugazione è normalmente –a: fa 717v, 842v (poesia), 915v ecc.; va 707r, 711r, 729r ecc.; se trova 712r; ariva 987r; inchontra 777v; -e per le altre coniugazioni: vole 817v, 943v, 982r; provede 818v; vede 826r; chonzede 881v; dize 964v. I pers. pl. L’unica desinenza attestata è -emo: volemo 747r, 847r, 950r; lasemo 777v; posemo 818v; vedemo 920r; femo 921r. II pers. pl. Attestate le desinenze -ate: piate 912v; state 912v; date 977r; ma fati 938v; e -ite: vendite 977r; chredite 977r; posite 813v; ma diziti 811r. III pers. pl. voleno 750r, 851v; debeno 932r. Ausiliari Essere: I pers. sing. sono 800v, 859v; II pers. sing. sei, ssei 778v; III pers. sing. è 705r-v, 707r, 710r ecc.; I pers. pl. semo 778r, 840r, issemo 784r; II pers. pl. siti 818v, 830r, 920r (x2) ecc.; III pers. pl. sono 709v, 716v, 720v ecc.. Avere: I pers. sing. ò 713v, 746v, 765r ecc.; II pers. sing. a’ 825v (nota); III pers. sing. à 803r, 929v, 944r; I pers. pl. avemo 735r, 777v, 784r ecc. ma anche abiamo 863r; II pers. pl. avite 727v; III pers. pl. ano 750r, 975r. Imperfetto I pers. sing. feva 825v (nota). III pers. sing. Desinenza –ava per la prima coniugazione: adorava 713v; andava 708v, 709r; cerchava 705v; disprisiava 713r; ghovernava 712v; menava 709v; parlava 712v; pensava 711v; seportava 705v; per alcuni verbi è attestata solo la forma più dialettale con desinenza -eva: deva 705v, 762v, 801r ecc.; steva 719v, 725v, 728v ecc.; feva 707r, 708r, 709r ecc., disfeva 709r; la desinenza -e(v)a è inoltre attestata per la seconda coniugazione: chreseva 707v; meteva 707v; movea 740r; pareva 707r; pareva 710r, 712v; poseva 708r, 709r, 710r; rezevea 736r; sapeva 708r; valeva 706r, 705r, 708r; -i(v)a per la terza: ghuaria 713v; moriva 739r; nisiva 734r; remaniva 735r; sentiva 726v, 730v, 732v ecc.; veniva 707r, 717v, 721r ecc.; passaggio di coniugazione per teniva 736v, tegniva 708v, 711v, 716r ecc.. II pers. pl. eravì 796r; dovivi 948r, 952r; facivii 950r. III pers. pl. La desinenza -avano prevale per la prima coniugazione: andavano 707v, 710r; chiamavano 708v; chonfesavano 713r; cerchavano 710r; ghuerezavano 711v; stavano 743v, restavano 814v, 916v ma prevale stevano 721v, 723r, 725r ecc. così come devano 720v, 722r, 728r ecc. (unica forma attestata) per analogia anche fevano 710r, 711v, 717r ecc.; la desinenza -e(v)ano per la seconda: batevano 714v; sapevano 725r, sapeano 820r; chredeano 801r ma in un caso chrediano 825v (nota); parevano 727r; posevano 707r, 718v, 825v (nota); volevano 707v, 708r, 716r ecc.; valevano 711r; -ivano per la terza: morivano 717v; odivano 825v (nota); partivano 716r; sentivano 707v; venivano 707r, 714r, 715v; in alcuni casi si trova la desinenza -ivano anche in verbi della seconda coniugazione: ariduxivano 726v; remanivano 717v; tegnivano 720v; vivivano 720r, 725r, 726v. Ausiliari Essere: III pers. sing. era 705r-v, 706r-v ecc.; III pers. pl. erano 707v, 708r-v ecc.. Avere: III pers. sing. aveva 705r, 717v, 727v ecc., avea 705r, 706r, 707r ecc. si segnala anche avevase fato ghranda aleghreza 850r; III pers. pl. avevano 717v, 727v, 845r ecc.. Perfetto I pers. sing. menai 820r; odì 844v; mandai 948r, 952r.

249

Appendice III pers. sing. Piuttosto frequente è la forma in -ete: adete 796r, 883r; chredete 729r; chresete 865v; dete 706r, 713v, 714v ecc.; posete 719r, 779r, 802v ecc., possete 779r; stete 707v, 708v, 709v ecc.. Si registrano anche alcune forme apocopate: perdé 726r, 929r; vendé 970r; dè 714v, 724v, 725r ecc., deli (gli dié) 727v, 733r, 818r. Forme forti in -se: averse 732r-v; benedise 758r; dise 705r, disse 712v, disese 709r, 713r, 714v ecc.; mise 708r; parse 712v; tolse 710v, tolsese 714v; valsse 706r; volse (< volere) 708v, 709v, 711v, volsse 710r; volsse (< volgere) 705v. Nell’Ubaldini è assente la forma trasse ma è attestato trè 796r, 807v, 814v ecc. (l’infinito è trèr, ‘trarre’). Questa forma è frequente in espressioni riguardanti fenomeni geologici ed atmosferici: trè el taramoto 723r, 817v, 877v, trè li taramoti 731r, 732r; trè una sita (saetta) 741v, trè 3 site 742v; trè ghrandissimi venti 818v oltre che nell’espressione trè assai boche de artiaria 807v e simili 814v, 825r, 831v ecc.. Si segnala veno 710r, 714r, 775r ecc. dove la finale è presumibilmente ricostruita, ma in modo improprio. La forma è presente anche per il plurale, per probabile analogia con forme quali feno e steno, non senza qualche incertezza: Nota che chon Papa Iulio vene 22 chardinali e 4 ne veno da poi 752v; mai più se abandonorno l’uno l’altro in sino che veno a Bologna 797v. Si registra con n epentetica: partinse 720v, 851r, 864v. I pers. pl. Le uniche attestazioni mostrano un’estensione della forma della terza pers. pl. alla prima pl.: noi…l’andorno a vixitare 801v; ce urtono insemo 820r. Le forme dialettali sarebbero andòn, urtòn: nel primo caso abbiamo quindi l’inserzione di r, nel secondo la semplice aggiunta italianizzante di -o. Due occorrenze sono troppo poche per definire una tendenza e tanto meno una regola ma, se nel primo caso si potrebbe pensare ad un lapsus calami, nel secondo caso la grafia potrebbe indicare una nasale finale (o rappresenta lo scioglimento del titulus soprascritto ad n, questo conferma che Friano ci vuole aggiungere una vocale ma non sapendo scegliere con sicurezza scrive solo il titulus) indistinta che l’Ubaldini indica con n per analogia con la III pers. pl.. Si confronti il caso analogo di Pietro Ramponi che rappresenta questo suono indistinto alla III pers. pl. dell’imperfetto indicativo con -am invece che con -an(o) (Consonantismo, nasali). III pers. pl. Di norma la III pl. è rifatta sulla III sing. con l’aggiunta di -(r)no: achordono 710v; alozono 710r, 715v, 716r; andono 715r, 716r ma andorno 707v, 710r, 731r ecc.; armono 721r; atachorno 714v; atrovono 718v; bateno 715r; cho(n)parono 935r; chonsiono 716v; fidorno 709v; introno 718v; lasono 713r; mandorno 710r, 711v, 713r; menono 711r; paghorno 716v, 717r; pasono 715v, 716r ma pasorno 710v, 715r; perdeno 710r; portono 708v; sachezorno 708v; sbarono 943v; tirono 708r, 715r, retirono 883v, ritirono 884v, 885v ma anche treno 747r, 780v, 848r ecc.; anche tra le forme forti l’uscita -no è usuale: arexeno 715r; chonchlusseno 713r; chorsseno 721r; deteno 708r, 716r ma anche deno 711r, 717v; fezeno 706v, 707r, 713r ecc., feseno 711r, 716r ma anche feno 707v, 711r-v, 712v ecc.; miseno 708v, 713v, 714v ecc.; poseno (poterono) 708v; prexeno 708v, 710r-v ecc.; steteno 720r ma anche steno 710r; streseno (strinsero) 847v; tolseno 714v; tornaseno 711v; veneno 707r-v, 708r-v ecc.; volseno 708v, 710r, 719r. Si segnala anche l’uscita -ne in se partine 952r, 952v (nota), 954v; venene 731r; se udisene 709v. Ausiliari Essere: I pers. sing. fui 756v, 905r; III pers. sing. fu 705r-v, 706r-v ecc.; III pers. pl. furno 763r, 777r-v, 781v ecc., funo 706v, 708v, 710r ecc.. Avere: III pers. sing. avè 710v, 721v, 723v ecc., ebe 724r, 725v, 734r ecc.; III pers. pl. ebeno 717r, 751r, 753v ecc.. Futuro Persistono le desinenze in -ar- e anche nell’Ubaldini talvolta si osserva la conservazione della vocale tematica dell’infinito. I pers. sing. farò 718r, 880v, 977r (x2); chazarò 777v. II pers. sing. chanparai 891r. III pers. sing. venirà 874v, 886r; bosegniarà 886r, bosegnarà 968r; vorà 968r; farà 976r. I pers. pl. intraremo 713r; brusaremo 713r; ce parlareno 777v; lasaremo 816v; mandaremo 880r; faremo 938v. II pers. pl. atroverite 710v; intenderite 706r, 708r, 709r ecc.; ghadagnarite 912v; arendereti 938v.

250

Appendice III pers. pl. achuxarano 793r; meterano 912v; penderano 793r; tornarano 924v; venerano 792v. Ausiliari Essere: III pers. sing. serà 778r, 818v, 859v; I pers. pl. seremo 874v; II pers. pl. serite 847v, 886v, 912r ecc.; serano 793r. Avere: II pers. pl. arano 793r; II pers. pl. ariti 817v. Congiuntivo Presente I pers. sing. sapia 727v, sabia 977r. II pers. sing. domandi 777v; congiuntivo imperativo: sapi 826r, 921r. III pers. sing. debia 803v; vada 817v, 863v, 943v ecc.; posa 844r, 966r; pressuma 792v; voia 863v, voglia 792v; vengha 966r. II pers. pl. congiuntivo imperativo: sapiate 761r, sapiati 820r, 859v, 971r. III pers. pl. deghano (debbano) 792v; intendano 792r; teghano (tengano) 792v; dichano 914r; posano 792r-v, 793r; debano 792v; chadano (possibile lapsus per chadrano) 793r. Ausiliari Essere: I pers. sing. sia 705r, 759r-v, 792v ecc.; I pers. pl. siano 792r-v, 793r, 813r ecc.. Avere: III pers. sing. abia 728r, 905r, 971v ecc.; II pers. pl. abiate 784r, 830r; III pers. pl. abiano 792r, 812v, 905r ecc.. Imperfetto I pers. sing. sapesse 825 (nota). III pers. sing. Desinenza -ese per la seconda coniugazione: dovese 716r-v, 723v, 732v; fesse 775r; piassese (piacesse) 825v (nota); potese 705v; perdese 709v; rompese 809r; stesse 775r; vedese 707r; volese 719r, 720r, 726v; -ise per la terza: se sentise 730v, 817r; venise 743v, 750v, 751r ecc.; 854v; partise 781r, 828v; seghuise 783v; impidise 804v; l’uscita -ise si estende anche ad alcuni verbi della seconda coniugazione: remanise 809r; prosumise 762r; tegnise 773r. III pers. pl. Attestata la desinenza -s(s)eno in tutte le coniugazioni: andaseno 726v; deseno 727r; dovesseno 718r, 723v; inchiavaseno 733v; mandaseno 720r; piaseno 727r-v; rovinaseno 733v; tornaseno 711v; feseno 716r. Ausiliari Essere: III pers. pl. fusse 705v, 712v, 730v ecc.; III pers. pl. fuseno 707v, fusseno 725r, 803r, 952r. Avere: I pers. sing. aveso 820r, avese 708r, 709v, 711r ecc.; III pers. pl. aveseno 708r, 714r, 716r ecc.. Condizionale I pers. sing. fareseve 880v. II pers. sing. faristi 845r. III pers. sing. desinenza -ebe o -ebo in andarebo 787v; pagharebo 834v; farebo 862v; intrarebo 878r; darebo 883v; aprirebe 718r; ma persiste la desinenza -ia in poria: non se poria dire la ghranda roba che era in quele chaxe 708v; non se poria dire quanta chrudeltà feva quili chani 718v; quaxi lingha umana non el poria chontare 718v; Et non ve poria narare quanta furia fu 721r; non poria dire quanto honore e aleghreza li fu 724v. III pers. pl. Desinenza -ebeno: chorerebeno 813v; darebeno 801r, 817v; insignarebeno 813v; poriano 924v; farebeno 775r, 784r, 801r ecc.; vederebeno 862v; intrarebeno 718r; andarebeno (usato al posto del congiuntivo) 766r; pagharebeno 773r; partirebeno 818r; desinenza -iano: andariano 750r; dariano 910v, 953v; inpichariano 813v, 910v; paghariano 857v; perderiano 857v, 932v; poriano 924v, 925v; veneriano 949v. Ausiliari

251

Appendice Essere: II pers. sing. serise 778r; III pers. sing. seria 710r, 716r, 724v ecc. ma anche serebo 773r (usato al posto del congiuntivo), 834v; III pers. pl. sarebeno 788v, serebeno 743v, 766r, 791v ecc., seriano 733r, 760v, 772v ecc.. Avere: I pers. sing. areli (gli avrei) 820r; II pers. pl. me aríssevi (avreste) 952r; III pers. sing. arebo 825v (nota), 828v, aria 709r (x2), 719v; III pers. pl. arebeno 708r, 783v, 787v ecc., ariano 714v, 727r, 818r ecc.. Imperativo II pers. sing. nota 705r, 707r-v, 712r ecc.; amaza 744r, 980v; chaza 777v; vene 778r; apìame 816v; donaze 816v; pensa 728v, 736r, 750r ecc.; famo (fammi) 837v; vatene 837v; cho(n)parame 837v; dali (dalli, dai loro a q.no) 837v; dali (dagli, dai a lui) 845r; squirza (scherza) 891v; lassa 891v. I pers. pl. intremo 713r. II pers. pl. state 746v, 859v, stati 859v, stateve 705r; aprì 747r (ho inteso il verbo al plurale poiché il parlante si rivolge a certe persone, ma potrebbe effettivamente essere singolare); andati 964v, andate 966r, andateve 813v; dateli (dategli) 815v; tolitime 818v, 966r; nesite (uscite) 847v; chridate 880r; chridate 886v; ghuardate 938v; fate 964v; achordateve 966r. Imperativo negativo: non ve maraviate 705r, 710r. Infinito Si registrano alcuni passaggi di coniugazione: aremanire 710r, remanire 825r, 880r; tenire 714v, 749v, 755r ecc., tegnire 755r, 847v, 889v ecc.. Solo in un caso un verbo della terza coniugazione presenta desinenza -iri: sepeliri 763r. Da segnalare la forma posere 717r. Ausiliari Essere: Si segnala esero 980v dove la vocale finale, che nella lingua parlata questa tende a cadere, probabilmente è restituita in modo improprio. Avere: averme (avermi) 778v. Gerundio Per la prima coniugazione è normale la desinenza -ando: amazando 708v; asasinando 720r; cerchando 735v; chantando 732v; cho(n)menzando 711r, 721v, 732v ecc.; domandando 735v; dubitando 708v, 709v, 719r ecc.; lighando 717r; pensando 725r; preghando 732v; robando 720r; seghando 717r; anche l’Ubaldini testimonia la consuetudine di estendere la desinenza -ando ai verbi della seconda e terza coniugazione: chorando 783v; dighando 790r; medando (mietendo) 717r (x3); metando (mettendo) 817r; pianzando 782v; vedando 721v, 750v; vegnando 747v, 778v, 805r; non mancano però esempi di verbi con la normale uscita in -endo: dizendo 713r, 717v; fazendo 715r, 720r; intendendo 713r; sapendo 721r; schorendo 925r; sentendo 708r, 709v, 714r ecc., sintendo 718r; vedendo 708r, 709r, 710r ecc.; venendo 797v, 846v, 858r ecc.. Da segnalare anche la presenza di un gerundivo nell’espressione una chossa molto notanda 971r. Ausiliari Essere: esendo 707v, 708r-v ecc.. Avere: havendo 705r, avendo 705r, 709v ecc.. Participio Presente. Aiutante (aitante) 971r; bastante 724v; posento 723r; seguente 722v, 782v, 783v ecc.; simianto (somigliante) 822r; valento 730r, 736v, 800v ecc..

252

Appendice Passato. Per la seconda e terza coniugazione si trova spesso la forma debole -uto: perduto 705r; posuto 709r, 735v, 776r; metudo 830r; veduto 714v, 723r; si segnala inoltre sparte 736r; chorto 778r, 780r, 806v ecc.. È usato in costruzione assoluta nella proposizione prexento una ghrande parte del populo 788v; prexento Papa Iulio 839v; con valore avverbiale in li ebrei abitanti de prexento in la cità de Bologna 792v. Ausiliari Essere: stato 705r-v, 706r, 707r ecc.. Avere: auto 711v, 714v, 720v ecc.. Anche nell’Ubaldini talvolta il verbo singolare concorda con il soggetto plurale che segue. Ciò accade soprattutto con i verbi armarsi e andare: se armò li amizi di Pepoli 784v se armò tuti li soldati f(u)orastieri 796r, 802r se armò li Bentivogli 909v, 910r, 911r se armò assai altri franzoxi 910v andòli inchontra in sino a la Porta de Santo Felixe quaxi tuti li signuri 40 793r li andò li signuri 40 794r; li andò li signuri cholezi 793v; andò tuto doi li diti frati in piaza 713r. Normalmente gente è sentito come un sostantivo femminile singolare. L’uscita in -e può però talvolta trarre in inganno il cronista che mostra di trattare gente come un sostantivo femminile plurale: gente areneghate 714v; chapitanio de le gente d’arme 719v; gente povere e ladre 784v; la moltitudine ghranda de gente le quale erano venuto chon Papa Iulio 754v. Così inteso gente spesso concorda con il verbo plurale: le soe gente chorseno in sino a Budrio 721r; le ssoe gente asaltorno le giente che erano fuora 727v; tute le soe gente andono in qua in là disperse 730r; ma non mancano esempi di concordanze logiche: la gente del ducha Cexaro, […], chorsseno suxo el chontà 721r; li era un numero ghrandisimo de gente che volevano cho(n)parare del pane 735r. I verbi di moto sono spesso usati senza preposizione quando seguiti da un infinito tuttavia, non avendo trovato casi di assenza di preposizione davanti a infinito non iniziante per a-, è probabile che gli esempi riportati siano il risultato di un’assimilazione progressiva della preposizione al verbo: venire aidare 860v; andò achampare 720; andare achordare 957v; andò alozare 738r, 809v, 835r ecc.; veneno asaltare 784v; se andò acho(n)pagnare 784v; andorno asaltare 801v, andare asaltare 802r; andare achussare 818v; andorno achamparse 820r, si vedano infatti alcuni esempi in cui la preposizione è conservata: andare a piare 717v; andare a trovare 744r, 772v; andare a odire 777r; andare a dinonziare 778r, 798r-v, 804r; andare a lavorare 804r; andò a stare 806r; mandò a cho(n)parare 837v; andò a stare 841v; mandò a chiamare 850v. Da segnalare l’uso del verbo avere con valore deontico nella perifrasi avere a: Non aveano a stare più in ofizio; aveseno a venire a fare soa difexa 962v; se avea a dire 985v; avese a paghare uno duchato d’oro 756r; ch’el chonto Alixandro di Pepoli…avese a tornare; et anchora aveseno a fare morire quelo homo d’arme 783r; che aveseno a inprestare a poveri homeni 783r; in alcuni casi la preposizione scompare per probabile assimilazione: tanto quanto avea avere per la soa fatigha 756r; li diti chartari aveano andare chon molti chonpagni 763r; dizea che avea avere una quantità de dinari 776v. INDECLINABILI Preposizioni semplici De prevale nettamente su di che in molti casi è usato come forma contratta di dei / degli, prevalentemente accanto a nomi propri: Piero Maria di Russi da Parma 705r; l’ordine di Chanonezi 705r; da le mane di Mori 705v; Filipo di Bianchi 706r; l’ofizio di signuri 16 reformadori 706r; fu fato di signuri 16 706r; Francescho di Alidoxi 706r; Zoano di Bentivoli 706v. Attestato anche dii Ubaldin 707v, 710v, 751r ecc.. A volte per viene usato in funzione avverbiale al posto di come: andorno per ambasaduri a Roma 774v o forse quest’uso è da intendere come un’ellissi del verbo essere: Fu dato bando a 65 persone per amizi di Bentivoli 758v; Fu chonfinato molte persone da Bologna per suspeti del stado 758v; fu chonfinato

253

Appendice per suspeto del stado e per amizi de li Bentivogli 765r; fu impichato in Bologna per amicho di Bentivoli 760v; chonfinati ne le tere de la Ghiexia per suspeti che non aveseno qualche intenzione chon li Bentivoli 761v; si sostituisce a da in: fu el miore inverno che mai fuse veduto per homo vivo 762v. L’Ubaldini conferma quanto già rilevato per Pugliola, cioè che alcuni nomi di città, tra i quali Avignone, sono intesi e scritti senza la vocale iniziale. Che non si tratti di casi di assimilazione della preposizione è provato da esempi come lighazione de Vignon 846r; arciveschuo de Vignono 964r, 981r. Nel caso dell’Ubaldini, inoltre, può avere agito l’analogia con sostantivi quali Vignola per cui si vedano: morì a Vignola 717r; avèno Vignola 861v. Si registra invece un’oscillazione fra Araghona e il prevalente Raghona: Alovixe d’Araghona 717v ma Alovixe de Raghona 724r; Federigho de Raghona 724v; monsignore de Raghona 752r; chardinalo de Raghona 857r, 871r; re de Raghona 892v; oltre ad Araghonexe 892r. Un caso analogo può essere rappresenzato da da Rezelà (Argelato) 737r-v, 781v, 801r ecc. ma d’Arzelà 801r, 804r. Preposizioni articolate L’Ubaldini preferisce la forma analitica a quella sintetica, perciò nel manoscritto si trovano le grafie a lo 714v, 759v, 780r; a la 706v, 707r-v; a li 705r, 707r, 711r; a le 707r-v, 708v; in lo 710v, 714v, 716r; in el 705r-v, 708v, 712r ecc.; in la 708v, 709r, 710r ecc. mantenute nell’edizione del testo. Si incontrano però anche al 706r-v, 707r-v; dal 708r, 710v, 714v; dai 789r, 856v, 942r; del 705r-v, 706r; nel 705r, 706r, 707v; col 934v (poesia). Preposizioni composte Frequenti per da e in sino: bosegnava piare la via per dal ghuasto di Ghixilieri e venire su per da Santo Bastiano in sino a la chaxa che fu del signore Ruberto da Santo Soverino, chome si può vedere in sino al prexento 711r; andorno per da Ferara 715r; se andava per da Santo Spirito 729r; durò el dito intradito in sino a Nadale 706v; si può vedere in sino al prexento 706v; lo fece aspianare in sino ne li fondamenti 714r; ma anche in su / suxo: chon le lanze in su la chossa 715v; volevano che aparisse in su la stra 716r; in suxo el chontà de Bologna 717r; oltre a su per: pasò su per lo chontà 725v; su per el Frarexo e su per el Mantoano 730r; su per Stra San Stivano 744r; per ssuxo 765v; e per dentro 764r. Un caso di in tra: in tra li baroni 705v. Segnalo anche: schontro a 715r, 806r, 831r; di verso 859r; in verso (el reamo) 708r. Che polivalente È questo uno degli aspetti linguistici più interessanti, ma anche più complessi da analizzare. Friano fa largo uso del che, sia come pronome relativo sia come congiunzione. È senza dubbio impiegato come pronome relativo in frasi quali: E l’altro dì seghuento, che fu el dì de Santo Bertolomio, se partì 707v; fu inchoronato a Parixe chon lo mazore honore che avese quaxi mai re alchuno 712v; tuto quelo che li bosegnava per defendersse 714r; era forto e fornito de tuto quelo che li bisognava 714v; non mancano casi in cui che indica semplicemente un legame di subordinazione relativa senza essere declinato: la chaxon per che fu inpichato 760v; la chaxon per che stete tanto 761v; frequenti sono i casi senza preposizione e marca di caso: molti altri che jo non so li nomi 716v; el qualo era di Signuri al tempo che M(esser) Mino era chonfaliniero di iustizia 730r; La prima volta che le nave veneno a la Porta de Ghaliera 707r; questa fu la prima volta che lui andase fuora 712r. Altre volte che può svolgere allo stesso tempo la funzione di pronome relativo e di preposizione. Ad esempio, con valore relativo-causale: Chremona […] prexe li veneziani, che chossì erano d’achordo 715r; relativo-consecutivo: tuti chon li badili e zape e barele che parevano che fuseno ghuastaduri 727r. In alcuni casi che ha valore neutro di ‘la qual cosa’ riferito a tutto un concetto precedentemente espresso: che fu del mexo de setembro 708v; e fu a le mani chon li taliani, che fu a dì 6 de luijo 710r; prexeno frato Gironimo, che fu del mexo d’aprile 713r. Che come congiunzione è impiegato con diversi significati in svariati contesti, ma non sempre è possibile distinguere con certezza la funzione logica ad esso attribuita, così frequentemente finisce con l’essere usato come un connettore generico, un indicatore generale di subordinazione. È il caso di: feno zetare per tera molte chaxe, che in quelo locho non era strada niuna 711r (qui forse si può ravvisare un valore causale); a la quale li fu dato el fuogho che pareva che rovinase tuta quela piaza 729v

254

Appendice (qui si può attribuire un valore consecutivo, ma non è nettissimo); taiosse via la testa dal busto neta che quasi mai non fu odito una simile quosa 717r. Purtroppo non sempre è facile classificare con certezza la funzione del che. Numerosi sono gli esempi in cui che introduce proposizioni dichiarative: non ve maraviate che sia de sota dal 1492 705r; ghuardavasse ghrandemente che niuno di sui soldati a nessuno iniuria facesseno 705v; E dissese per Bologna che era stato chauxa di fare fare quelo edifizio M(esser) Zoano di Bentivoli 707r; preceduto da questa prolettico: questa fu una ghrandisima quosa, che in chosì pocho tempo se perdese uno chossì ghrando reamo 709v; spesso è presente al termine di un periodo quando il cronista vuole segnalare un fatto al lettore o esprimere personali considerazioni: Nota che questo chonto Ghuido aveva perduto ghrande richeze 705r; Nota che quela champana che bate le ore al prexento fu fata due volte 707r; Nota che la dita tore brusò 707r. Usato con i verba timendi, è seguito dal non: li bolognixi aveano ghranda paura che non feseno qualche dano ghrando su per lo chontà 716r. Altrettanto frequentemente introduce proposizioni consecutive: sempre pióve, che pareva che rovinase el cielo 710r; lo dito re Charlo era asediato che non poseva più 710r; la quale fe’ inghrosare li fiumi quossì fortemente che menono zoxo de molti edifizi 711r; la dita Cimiera brusò tuta, che non li remaxe se non la cenere 713v; el Turcho feze metere in ordine una armada che quaxi non fu mai veduto una simile 714v; erali tanta gente armata che quaxi non si li poseva andare 721r; tute le boteghe de la tera stevano serate che pareva festa 721v; con la stessa funzione lo si ritrova nei sintagmi in modo (tale) che, per modo che: in modo tale che la Signoria di Vinexia, el dito ducha de Milano e Papa Alexandro mandorno in Parmexana tute le soe gente, […] in modo che funo astimado più de 50 milia persone 710r; el dito Vitilozo era suo ghrando nemicho, in modo tale che li fiorentini stevano de molta mala voija 725r; in modo che lui era tenuto da una parte di Fiorenza uno santo homo 712v; per modo che lo dito re Charlo era asediato 710r; per modo che lui passò et andò in Astii 710r; ma anche unito a sì: sì che in 3 ani lo dito reamo avé 4 ri 710v; sì che tuti quatri furno taiati a pezi 727v. Non mancano esempi in cui che assume ulteriori significati. Temporale, posposto a un participio passato: paghati che ebeno li dinari 717r; fenite che fu le legne, fu disfata la chaxa 728v; con valore tra il causale e l’avversativo: el populo de Fiorenza fezeno uno duxe a vita, che in fino a qui aveano fato el chonfaliniero 725v; cho(n)menzò a venire le nave a la Porta de Ghaliera, che prima non venivano se non a Chortexela 707r; eccettuativo: non se sentiva mai altro che paghare dinari 726v. Può anche introdurre proposizioni comparative: feno le dite fosse più lalghe che non erano prima 707v; se serebo amazato molto più gente che non feze 710r. Infine, unito a varie preposizioni crea locuzioni con un diverso valore semantico. Eccettuativo: le tere del stato di Milano arexeno senza ristitenzia alchuna, eceto che Chremona 715r; temporale: veneno uno ghrando dinare inanzo che fuseno finiti 707v; finale: in sino che lo dito ducha Lodovigho non l’avixava 714v; di conformità o di relazione: sechondo che a lore pareva 717r; sechondo che erano chondanati bosegnava che paghaseno 717r; concessivo: chon ci ssia quossa che per molti anni […] a ghovernare et drizare havea pigliata questa Republicha Fiorentina 705r; chon ci ssia che la fortuna li ssia stata molte begnigna 728r; chon ci sia quosa che le altre siano fondate in tera 826r. Avverbi Gli avverbi di modo presentano la normale desinenza -mente: charnalemente 717v (x2); miseramente 730r; onorevelemente 734r; verghognoxamente 736r; ma anche -mento: antighamento 724v, 726v; subitamento 721r; veramento 728r; gli avverbi più frequenti presentano entrambe le uscite: finalmente 720v, 790v, 821v ma finalmento 705r-v, 708v ecc; ultimatamente 709r, 710v, 713r ecc. ma ultimatamento 708v, 710r, 727r ecc.. L’alternanza, fa pensare ad un ripristino della vocale finale da parte dell’autore. Da segnalare deligentermente 717v dove, volendo escludere la svista, si ha un accumulo di suffissi (latino+italiano) o un tentativo di italianizzare l’avverbio latino DILIGENTER. Fuora (fuori) è spesso anticipato dalla preposizione di: erano di fuora 749r; li nomizi di fuora 749r; arivò a li Chroxadi di fuora da Stra Mazore 751r; di fuora da Bologna 756r. Alcuni aggettivi sono usati come avverbi. E’ il caso poblicho: quossì se dizeva poblicho per Bologna 820v e di simile, forse per analogia con maxime: de la morte soa ne feze male a quaxi tuta Fiorenza e

255

Appendice simile assae persone per Italia 705r; E simile fu neghato assai quantità de dinari a molti merchadanti bolognixi 745r; E simile steva Zoan Ghaleazo 786v; e simile fezeno quaxi tuta la note 920v; solo in un caso si trova similemente 919v.

256

LESSICO

Premessa

È il caso di segnalare alcuni malapropismi, «cioè parole storpiate sul piano del significante per accostamento ad altre parole più note 1868 » come ad esempio profeta (751v, 752v, 784v ecc.), fraintendimento di prefetto, usato anche da solo per indicare Francesco Maria della Rovere, duca d’Urbino e prefetto di Roma. ma sono soprattutto i nomi propri di origine straniera ad offrire maggiore possibilità di rielaborazione: da le Brete (letteralm. dalle berrette) 865v per d’Albret; chardinalo de Luzo in Borgho 856v per Lussemburgo; anche in latino: Mateus epischupus sedinenssi 876r per Matthäus Schirer, vescovo di Sitten, cardinale sedunense; in altri casi non si tratta di fraintendimenti, ma di modifiche dovute alla pronuncia, per metatesi: Frenexe 856v per Farnese; Ghrugensso 879r, 976r, 978r per Gurgense, cioè vescovo di Gurk; o per assimilazione: Monsignore Samalò 752r per Saint Malo. Ma è soprattutto col latino che l’Ubaldini mostra maggiore difficoltà ed è la pronuncia ad avere un’influenza deformante sullo scritto: nel caso di Proterpechato (ultima o corretta su a ) mea (propter peccata mea) 891r si ha una semplificazione del nesso consonantico pt; nonche michi (nunc mihi) 734r attesta la pronuncia velare di MIHI; Sitote chonian Deuss ipisse est dominus (Scitote quoniam Deus ipse est dominus) 910r mostra alcuni tratti già rilevati altrove, quali la pronuncia fricativa alveodentale per il nesso sci, la perdita dell’elemento labiale in chonian e l’aggiunta di una i anaptittica per sempificare la pronuncia del nesso ps. Tuttavia non possiamo stabilire con sicurezza se Friano percepiva male la pronuncia di queste parole da parte di altri o se esse venivano realmente pronunciate in maniera “volgareggiante”. Tuttavia latinismi non mancano nell’usus scribendi di Friano: pugna 833r; tanden 971r; Vinchula 718v, 719r, 729r ecc.; prefato 797v; maxime 822r; notanda 971r; opimo 738v; magno 736r, 830r, -a 711r, 724v, 731r ecc., -i 755v; chanuta 870r; ezian 956r; forbiti 793r; inmo 971r; inchlito 705v, -a 706v.

1868

P. D’Achille, L’italiano contemporaneo, Roma, Carocci, 2003, p. 208.

259

Appendice GLOSSARIO

Registro, oltre alle voci proprie della lingua antica, quelle che per il significato o per la forma presentano differenze con l’uso moderno. Indico la voce italiana corrispondente seguita dal significato. Rispetto la forma del manoscritto e, quando necessario, riporto le varianti grafiche. Per i verbi indico la forma dell’infinito, posta tra parentesi quadre quando non attestata dal manoscritto. Per i sostantivi e gli aggettivi registro la forma del maschile singolare, quando attestata; in caso contrario indico il genere e il numero. Vista l’incertezza del cronista nella scelta delle vocali finali, riporto le varianti di seguito alla prima voce. Per ogni parola segnalo i luoghi in cui ricorre, ad eccezione di alcune con significato e grafia costanti, per le quali fornisco solo alcuni esempi, ma ne indico la frequenza. Abbreviazioni utilizzate: agg. avv. bol. dial. dimin. f. fr. intr. lat. mediev. lat. m. p.

aggettivo avverbio bolognese dialettale diminutivo femminile francese intransitivo latino medievale latino maschile persona

part. pass. pass. rem. pl. popol. provenz. rifl. sf. sm. tr. v. var. ven.

participio passato passato remoto plurale popolare provenzale riflessivo sostantivo femminile sostantivo maschile transitivo verbo variante veneto

Abedo 789r, abeto 794v sm. Abete. [Achunzare] se -ò 712r v. rifl. Si acconciò. Accordarsi, allearsi, mettersi al servizio o al seguito di qualcuno. [Adachare] Adachato 716v Tenere da conto, proteggere e sim. (bol. Adacât); 744r tenere d’occhio. [Adarsi] Adete (se) 796r Addarsi. Accorgersi, rendersi conto. Adute 823v agg. Addotte (part. pass. di addurre). Portate. [Afassinare] -orno 916r Affascinare. Fare una fascina, raccogliere e legare a fascio. Aghrete 781r sm. Agretto. Pianta d’orto coltivata per le sue foglie che hanno sapore piccante e un po’ acetoso. Aiara 723r, 807v, 865v, 867v, 900r, 918v, 937v sf. Aria. Aidare 736r, 849r, 860v, 862v, 964v, 965v, 966r, era –ata 826r, -avano 826r, fuse –ata 871v Aiutare. Aiutante/o 971r agg. Aitante, robusto. Alturio 710v, 714r, 720r-v, 742r, 744v, 745r, 765v, 786v, 788r, 801r-v, 820v, 822r-v, 824v, 830r, 846v, 852r, 853r, 860v, 861r, 863r, 864r, 866r, 886v, 896r, 896r-v, 902v, 909r, 920v, 921r, 924r, 933r, 966r, 972r, 973r, 976r, 978v sm. Aiuto (< lat. adiutorium). Amanovamento 901v, 976r sm. (bol. Amanvar 'ammannire, allestire, disporre') Ammannimento. Allestimento. Andare sopra de 781v Reclutare, assumere q.no al proprio servizio, ma anche prenderlo sotto la propria protezione o guida. Anzin 766v sm. Uncino. Anzipresso 785v sm. (bol. Arzipraés) Cipresso. [Aparechiare] Preparare. feze aparechio 776v fece preparativi. Aprexo 739v, 858r, 876v, 940v, 974v; pl. Aprixi 732v, 858r, 940r, 974v, 979r agg. Acceso, -i. [Aradegharsi] s’aradeghò 729r, me aradeghai 765r (bol. Aradgars, ingannarsi) Sbagliarsi. [Arbassare] arbassò 730r Ribassare.

261

Appendice Areneghate 714v Rinnegate. [Arevelare] Arevelata 924r Ribellata. [Aromenare] Aromenai 915r (bol. Armnar) Contare. [Arostare] fu arostato Arrostare. Propriamente cacciare via con la rosta. 749r per est. Far riparo, difendere volgendosi intorno, barricare. Arghano 908r sm. Àrgano. Arma 714v, 715r, 749r, 758r, 761r, 775v, 779v, 784r, 794v, 808r, 809v, 811r, 812v, 852v, 856r, 858r, 869v, 879v, 898r, 903r, 934r, 940r, 967r sf. Arma. Stemma, insegna dipinta o comunque visibile sulla facciata del palazzo. Asà 727v, 854r Asae 722v ecc. (47 occorrenze) Assae 705r ecc. (93 occorrenze) Asè 717v, 816r, 977v, Asele 740r (bol. Assǽ) Assai. Asaminato 801v Esaminato. Ascholte 845v sf. pl. (bol. Ascôult) Scolte. Sentinelle, guardie, vedette. Prendere le a. 829v l’attività, il servizio di sentinella, quindi orecchiare, spiare, stare di nascosto e attentamente ad ascoltare quello che alcuni dicono in segreto. Aschoxa 755v agg. f. (part. pass. di ascòndere) Nascosta, celata. Asetare 957v, assettati 948v, fu assetato 965r Assettare. Mettere in assetto, mettere in ordine, sistemare, allestire, prepararsi, disporsi a compiere un’azione. Asete 933r sm. Assetto, ordine, disposizione regolare. Fare a. 744r riparare mettere in ordine, sistemare e disporre in modo conveniente. Asonti 880v sm. pl.Assunti. Persone incaricate di q.sa. [Aspizolare] fu –ata 981v Rimpicciolire. Ateghatore 934v Atteggiatore. Giocoliere, mimo. Ateraià 930v Ateraiata 918v part. pass. di ateraiare. Ateraiare 930v, era ateraià 920v, era ateraiate 930v, erano ateraià 885r, 921v, erano ateraiate 909r, 931r, fu ateraià 745v, 863r, fu ateraijà 756v, 930v, fu/funo ateraiate 756v, 909r, fu ateraiato 983r Atterrare. Rinforzare con un terrapieno. Atrapare 851r tr. Attrappare. Sorprendere, cogliere all’improvviso e con l’inganno. (prov. atrapar; fr. Atraper). Avantazi 852r sm. pl.Vantaggi. Posto avanzato, sentinella avanzata vicino alle postazioni nemiche. Averire 798r Aprire. Avexino 931r Vicino. Baija 929v sf. Baia. Beffa, scherzo, frottola. Baladure 707r sm. Balladore o ballatoio. Balanze 981r sf. pl. Bilance. Balbaro 738v, 967v agg e sm Bàrbero. Cavallo da corsa, da palio, che prende il nome dal luogo di origine: la Barberia Balote 799r, 913v, 917v, 920v, 921r, 941v, 989v sf. pl. Pallottole. Bandirali 916v sm. pl. Potrebbe trattarsi, qui, di fanti armati con una lancia fornita di bandiera, o genericamente lo si potrebbe intendere come gruppo di soldati appartenenti allo stesso schieramento. Barachano 916r-v, 917v, 918v, 919r-v, 920r, 926v, 927r-v, 930r, 934v, 941r, 959r voce bolognese per indicare il barbacane, una struttura militare sporgente dalle mura come presso la chiesa di Santa Maria dal Baraccano, qui ricordata, che sorge proprio a ridosso delle mura cittadine. Barba 706v, 709r, 729r, 740r, 788r, 801r, 939v, 981r sm. Zio. Barsaiati 798r Bersagliati, perseguitati. Basora 916r sf. (Bol. Basaura) Pomeriggio. Bateria (fare la b.) 916 sf. Batteria. Unità di tiro dell’artiglieria costituita di 4 o più bocche da fuocho. Batudi 732v, 736v, 739v, 796v, 828r, 843v, 864v, 926v, 940r, 973v, 974v, 981v, Battuti, flagellanti appartenenti a compagnie di disciplinati.

262

Appendice Baviera 845r Parte mobile dell’elmo a difesa del collo e del mento e anche della parte centrale del volto. Becharia 735v sf. Beccaria o beccheria. Macelleria. Bertin 736r, 820v, agg. Berrettino, colore simile al cenerognolo. Biava 720v, 818r, 852r, 854r, 857v, 864v, 900r, 942r, 958v, 961r Biada. Bixelo 736r sm. Bigello o bisello, sorta di panno lano grigio, assai grosso, detto anche villanesco. Bixilieri sm. pl. Bisilleri. Tessitori di panni di bigello. Bixo 741v agg. Bigio o biso. Che ha il colore della cenere, grigio. Bochasin 949v sm. Boccaccino. Tela finissima di lino o di cotone Boleta 951v sf. Bolletta. Lasciapassare. Bonbardiere 764r, Bonbardire 902r sf. pl. Bombardiere. Feritoie aperte nelle mura delle fortificazioni in corrispondenza delle bocche delle bombarde. Brazaliti 828v sm. pl. Braccialetti, bracciali. Parte dell’armatura destinata a proteggere il braccio e formata da due tubi di acciaio imbottiti, uniti all’altezza del gomito. Brentaduri 741r sm. pl. Brentatori. Commesso di negozio che trasportava vino dal rivenditore al privato per mezzo della brenta, grosso bigoncio di legno che si porta sulla schiena assicurato con cinghie di cuoio per trasportare mosto e vino. Breta 759r, 779r, 866r, 873v, 899v, 966r; pl. 735r, 793r, 830v sf. Berretta. Bucintore 707v sm. Bucintoro. Nave a remi decorata con bassorilievi e fregi preziosi. Bufeto 957r agg. Buffetto. Pane b. pane soffice e leggero. Busela 756v, 870r-v, 871r, 878v, 833r sf. Bussola. Portantina chiusa. Canza 932r, pl. Canze 834r, 961v, sf. Ciance, frottole. Cape 902r sf. pl. Zappe. Cecha 811r sf. Zecca. Celadon 875r sm. Celatone. Grossa celata, copricapo militare di diverse forme distinto dall’elmo per non avere né cimiero né cresta. Centonare 734v, 930v sm. misura di peso corrispondente a circa un’oncia romana. Ceriexe 781r sf. pl.Ciliegie. Cetacione 935r sf. Citazione, invito. Cexo 734v sm. Cece. Cexure 814r sf. pl. Cesoie. [Chalefare] -ò 717r v. tr. Caleffare. Burlare, in questo caso non mantenendo una promessa. (< caleffo. 'burla, scherzo'). Chalonegho 722v, 747v, 806v, 819v, 850v sm. Canonico. Chalvalchadore 948r sm. Cavalcatore. Scudiero. Chaminarva (da fuogho) 731r sm. pl. Comignoli, camini, ciminiere. Chandelieto 736v, 763r, 973v sm. (bol. candlat) Cataletto, feretro. Chanelo (de la ghola) 779r sm. Cannello, piccolo cilindro. In questo caso sta a indicare la gola.. Chanevazo 741r sm. (bol. canvàz) Canovaccio. Panno grosso e ruvido per lo più di canapa, fibra da cui deriva il nome. Chànova (dal vin) c 847r sf. Cànova. Bottega dove si vende vino, olio, pane e altri commestibili. Chapeliti 862v, 864v, 921r, 926r, 942v, 943r, 944r sm. pl. Cappelletti. Milizie mercenarie caratterizzate da copricapi particolari o elmi detti appunto cappelletti. In particolare i mercenari albanesi arruolati da Venezia, detti stradiotti, portavano un berretto con lunghe penne d’argento. Chardinciero 729r sm. Credenziere. [Charezare] avea –ato 957v Carezzare, blandire. Fare ghrandi careze 751r Lusingare, trattare con riguardo. Chariazi 794v, 887v, 898r, 951v, 969v, 979v sm. pl. Carriaggi. Chartexele 756r sf. pl. Carteselle. Dazio relativo agli introiti derivanti dalla stipulazione di contratti di compravendita di immobili, al di sotto di una certa cifra, la cui riscossione era stata concessa in

263

Appendice appalto ad Annibale Bentivoglio e ai suoi successori come ringraziamento pubblico per la sua azione a difesa della città. Chàsare (del ponto) 860r sm. (bol. Câser) Cassero. Torrione cinto di mura. [Chassare] avea chasso 774r Cassato, destituito. Chastelà 706r, 776r, 849v, 871r sf. Castellata. Unità di misura per aridi e liquidi equivalente a 785,931 litri (dal nome del carro con botte lunga per trasportare uva pigiata). Chavaiuni 798v sm. dial. Cavaglioni. Mucchi di covoni di grano o altre biade. Chavaliro, chavaliero 918v, 919v sm. Cavaliere. Tratto di ramparo di una fortezza, situato in posizione più elevata di quello del corpo di piazza in modo da consentire all’artiglieria di battere i punti al coperto del ramparo principale e proseguire nella difesa anche se dovesse cadere il ramparo antistante. Chaverizii 880r sm. pl. Caprioli. Chinea 724r, 751r, 760r, 856r, 874r, 878r-v, 884r sf. Chinea o achinea. Cavalcatura che sa tenere l’ambio, adatto ai viaggi e al passeggio. Cho (di) 729v, 733v, 741r, 794v, 832v, 857v, 858r, 917r sm. Estremità, angolo. Choa 729v, 792v, 806r, 832v sf. Coda. Cholobrine 912r, 939r-v sf. pl. Colubrine. Cholonixi 712v, 728r agg. Colonnesi, cioè appartenenti alla famiglia Colonna. Chonbaatintii 718r sm. pl. Conbattenti. Chonfeso 808r chonfesso 810v, 814v Confesso, che si è confessato. [Chonfortare] -avano 948v,965r, fu -ato 965r v. tr. Incoraggiare, consigliare, incitare. Chonfulchati 829r Confiscati. Chonsobrina 707r sf. Cugina Chontrafare 762r, Chontrafese 755v Chontrafata 974r v. intr. Trasgredire a ordini e comandi, opporsi, disubbidire. Chonviniento 783v, 818v sm. Convenente. Patto, condizione, ma anche fatto, circostanza, condizione, stato. Chonzitorio 901r sm. Concistoro. Chorba 756r Chorbe sf. 713v, 734v, 735r-v, 736r, 739r, 753v, 857v, 864r, 865r, 868v, 879v, 880v, 881r, 905r, 921r, 930v, 935v, 942r, 957r sf. Misura di volume corrispondente a circa 78 litri. Il peso della corba mercantile è di 140 libre bol.; 10 corbe di liquidi equivalevano a 1 castellata, cioe a 785, 981 litri. Propriamente cesta intessuta di vimini o altra simile materia. Chorerì 726r, 823r, 930r, 931r sf. pl. Scorrerie. Chorotore 877r sm. Correttore. Chosa 741r, 780v, 961r, Chossa 715v, 809r sf. Coscia. Chremexino 751r, 756v, 792v, 830v, 870r, 874r, 878v, 880r, 881v, 882r-v, 883r-v, 894v Cremisini, crimisi. Color rosso finissimo ottenuto dal chermes, cioè il corpo di un insetto della specie della cocciniglia. Chrozione (de vessicha) sf. Crocione, grande croce. 971r Qui in senso figurato per indicare dolore, tribolazione, tormento. Chruduro 722v vd Churduro. Chruzoxo 876v Cruccioso. Qui per estens. Rabbioso. Chua (de bestie) 822v, 853v, 977r sf. Capi, teste. Chuidi 986r Quieti. Qui usato nell’espressione chuidi e sechreti, nel senso di furtivamente. Cfr. Quidi. Chupe 733r, chupi 732v, 888r, 889v sm. pl. Coppi, tegole. Churduro 882r, chruduro 722v sm. Corridoio. Chuxere 935v Cuocere. Cimadori 792v sm. pl. Cimatori, coloro che esercitano la cimatura, cioe la rasatura del pelo formato dai filamenti dei panni per eguagliarne la superficie. Cirela 875r, 929v sf. Girella. Ruota, carrucola attraverso la quale veniva fatta passare una corda per eseguire questo tipo di tortura. Ciriola 759r sf. dial.Ceraiola, cioè Candelora. Cirra 753v sf. Cera.

264

Appendice Cissimaticcii 901r agg. Scismatici. Civari 876r, Civarri 753v, sm. Cefali. Cucharo 753v sm. Zucchero. Dalmasine (rose) 781r Damascene. Tipo di rosa rosso scuro. [Debelire] –iseno 781r Indebolire. [Desaghrare] –on, fu- à 791r Dissacrare, sconsacrare. Dexassie 851v sm. pl. Mancanza, scarsità. Dischunzità 949v sf. Disconcità. Sconcezza, sconvenienza, smoderatezza. Dischunzo 773v agg. Sconcio. [Diseterare] esere stati diseteradi 735v Dissotterrare. Disseppellire, esumare. Dissi 805v (bol. Dis) Dieci. Distignire 794v, disteneli 964v, erano distegnudi 964v, fu distignudo 837v, 964v, funo distignudi 837v Distenere. Trattenere. Distreto 957r sm. Distretto. L’insieme delle terre sottoposte al dominio della città, ma anche sinonimo di contado. Doia 845r sf. Doglia, dolore. Dopirolo (da morti) sm. 974v diminutivo di dupiero vd. Dovixa 706v a la d. di A modo di. Dovixado 734r Divisato (part. pass. di divisare). Fatto a grandi liste verticali di colori alternati. Per estens. Variegato, screziato. Diverso è a la dovixa di vd. Dovixa. Dupiero 739v, 821r, 858r, 974v sm. Doppiere. Grossa torcia di cera formata da più candele (solitamente 4). Elmiti 712r, 715r sm. pl.Elmetti. Soldati armati di elmetto, un piccolo elmo di fattura semplice. Estremità 735r-v vd. Stremità. Falchoniti 912r, 939r-vsm. pl. Falconetti. Tipo di piccola artiglieria dei secoli XVI e XVII che lanciava palle di ferro di alcune libbre, usando una carica di propulsione pari al peso del proietto. Fameio 718r, 805r, 819v, 820r, 875r; pl. Famii 782r, 787v, 800v, 861v, 879r, Famigli 799r, 966v sm. Servo, garzone, domestico. Fassi 713v, 791r, 872r, 982r sm. pl. Fasci, fascine. Fassua 734v sm. pl. (bol. Fasù, sing. Fasòl) Fagioli. Ferize 835v sf. pl. Frecce. [Fichare] -avano 932r Ficcare. Appiccare (il fuoco). Fizie 971r sf. Effige, ossia aspetto. Folexèli 813r sm. Follesèllo. Forma dialettale di follicello. Bozzolo del baco da seta. Fortuna (de vento) 849v sf. Fortunale, burrasca, tempesta. Franchamente 920r Francamente, in modo risoluto, senza esitazioni. Freza 850r Fretta. Fuoza [fata in f. de] 731v, 873v, pl. fuoze 706v sf. Foggia, maniera di presentare q.sa o q.no.; stile (di edifici o mobili) Gebelini 792r sm. pl. Zibellini. Ghaiardamente 906r avv. Gagliardamente, valorosamente. Ghaibuni 916v sm. pl. Gabbioni. Opere di fortificazione consistenti in cesti cilindrici senza fondo riempiti di terra e sassi, alti da uno a due metri, che ammassati servivano per innalzare trinceramenti Ghalupi 706v sm. pl. Galuppi. Uomini di fatica che prestavano servizio al seguito di truppe, servitori addetti alle salmerie. Fattorino, galoppino. Ghardachoro 883r ghuardachoro 792v sm. Guardacuore. Specie di farsetto alquanto lungo, con o senza maniche, ma anche parte di rinforzo dell’armatura avvitata sulla corazza a difesa del cuore.

265

Appendice Gharofali 781r sm. pl. Garofani. Gharzolari 880r sm. pl. Canapai. Coloro che lavorano o vendono canapa. Ghonbedo 974r sm. Gomito. Ghozola sf. Gocciola; chaschare la g. 713r Apoplessia fulminante. Ghrana 966v sf. Grana. Tinta di color carminio ottenuta dai corpi secchi di una specie di cocciniglia o dalle bacche del ramno o spina cervina. Pani de g. Panni di color carminio. Ghrasa 872r, Ghrassa 930v, 957r sf. Grasso, lardo, strutto. Ghrembali 713v sm. pl. Grembiuli. Ghrieghola 730v tipo di fiore non identificato. Ghropo (de la chorda) 779r sm. Groppo. Groviglio, nodo. Ghussa 734v sf. Guscio. Gibone 779r sm Giubbone. Sopraveste da uomo che, nei secoli XV e XVI, aveva forma di corpetto o di costume che scendeva fino a cingere le gambe. Gioba 773r ecc. (31 occorrenze) sf. Giovedì . Giuoba iota 874v, gioba iotta 926v, Giovedì grasso. Giovene 710v, 803v, 837v; Gioveno 825r, 837v, pl. Gioveni 721v, 741r, 751v, 789v, 830v, 856r, 888r, 913v, 915r, 918v, 959v, Giuveni 726v, Guveni 742r agg. e sm. Giovane, -i. Giovene 914r, 962r agg. f. pl. Giovani. Giovenete 872r agg. f. pl. Giovinette. Gnachare 780v sf. Nacchere. Goxe 809r vd. Zo. Iaza 873v sf. Ghiaccio (bol. giàza) Imbrazaduri 741r sm. pl. Imbracciatura. Striscia di cuoio che serve per imbracciare uno scudo o un’arma. Anche la parte in cui un’arma viene imbracciata. Qui, pare, lo scudo vero e proprio. Imbuselazion 756v, 896v sf. Imbussolazione. L’imbussolare, l’introduzione in un bossolo o in un’urna di schede, numeri ecc. per un’estrazione, una votazione. Metodo usato in particolare per il conferimento di cariche. Impazare 803v –ava 793v –ò 796v, avano 838v, non se –asseno 986r, si erano –ati 799r Impacciare. Qui in senso figurato: immischiarsi, intromettersi in una controversia, in una faccenda, interessarsi di una questione. Invischiarsi, irretirsi. 793v, 796v Prendersi cura, rivolgere particolare attenzione a qualcosa o a qualcuno. Si erano –ati 799r stringere o intrattenere rapporti di amicizia con qualcuno. Impazo 766v sm. Impaccio. Ingombro, intralcio, impedimento. Inchontinente 727v Inchontinento 750r, Inquantiniento 724r, Inquontinento avv. Incontanente. Immediatamente, subito. Induxia 850r sf. Indugio. Infasedelo 974r sm. Infasciatello. Avvolto in bende, fasciato. Infiare 798r Gonfiare. [Insignare] erali –ato 950v (part. pass. di insegnare) Citato, nominato, reso noto. Insporati 764r agg. Impauriti, spaventati (part. pass di *insporare, inpaurire < pora, paura). Intenzion (avere i. chon) 850r sf. Accordo, intesa. Intradita 852v, 894v, 903r, 908r, 920v, 926v, 930r, 941r agg. f. Interdetta. Intradito 706v, 776r, 839v, 903r, 930r, 934v, 974r sm. Interdetto. Lanzalori 706v sm. pl. Lanciatori, coloro che giostrano con le lance. Metatesi di lanzaroli probabilmente derivato da lancia (cfr. strazzaroli = commercianti di stracci, italiano bol. popolare fruttarolo = "quello della frutta", fruttivendolo ecc.). Lavorieri 736r sm (bol. Lavurìr) lavoro, occupazione, fatica. Libra 858r, 876r, 879v, 921r-v, 930v, 931r, 977r; pl. Libre 873r, 891v, 900v, 902v, 907v, 931v, 976r, 981r Unità di misura di peso. A Bologna la libbra mercantile corrispondeva a 12 once pari a 0,36 kg. Lo stesso termine viene usato per indicare l’antica unità di conto, la lira di 20 soldi o bolognini di 12 denari.

266

Appendice Lielza 872r, 873r (bol. îlza) sf. Treggia. Specie di slitta che serve per il trasporto di derrate in tempo di neve per lo più trainata da buoi, ma anche da cavalli, per il trasporto di persone. Livadure (ponto l.) 918v agg. Levatoio. Livera 734v, pl. Livere 773r, 833r, 864v vd. libra. Lolo 719v Lole 792r sm. (bol. Lol) Nonno. Lossene 730v sf. pl. (bol. Lôsna) Lampi. Lovo 741v sm. dial. Lupo. Lungha (sonare a la l.) 974v suono prolungato della campana grossa di una chiesa. “La lunga” è il suono a distesa della campana più grossa. Magharasso 717r sm Marasso. Serpente simile alla vipera. Mamole 853v, 872r sf. pl. Bambine. Manara 967r sf. Mannaia o mannara. Grossa scure con lama a cuneo da impugnare con entrambe le mani, anticamente usata anche come arma con cui si giustiziavano i condannati alla decapitazione. Anche in senso generico: ascia, scure, accetta. Manarin 921r sm Manarino. vd. Manara Mandare per q.no 788r-v, 797r inviare q.no con l’incarico di cercare, di reperire, di convocare, una determinata persona. Marinazo 922v agg. Marinaccio. Salmastro. Marteri 792r sf. pl. Martore. Martorio 760v sm. Martirio, tortura. Marzadeli 773v sm. pl. Marzatelli. Nome collettivo di varie piante che si seminano in primavera, quali granturco, orzo, canapa, trifoglio, piselli, fagioli ecc.. Marzaro 735v, 741v, 806r, 896r vd. Merzaro. Marzeli 981v sm. pl. Marcelli. Monete veneziane d’argento del valore di mezza lira, coniate a partire dal secolo XV. Per estens. Moneta di pari valore coniata da altre zecche. Dal nome di Niccolò Marcello, doge di Venezia nel 1473-74, che emise tale moneta. Masaro 869v, 877r, 955v, sm. Massaio. M. delle arti amministratore, contabile, fiduciario, responsabile di una corporazione di mestiere. Masegna 706v, 707r, 731v, 755v sf. dial. (ven. maségno, macigno) Masegna. Tracite cavata dai colli Euganei e adoperata per lastricare strade. Massarì 901v sf. pl. Masserie, corporazioni. Maxonare 765v,862r Macinare. Mazo 706r, 707r, 709v ecc. (85 occorrenze) sm. Maggio. Mazucho/e 738r sm. Mazzucco. Mal di M. stato morboso caratterizzato da forte raffreddore accompagnato da un malessere generale, grave cefalgia, febbre catarrale, abbondante secrezione, bruciore della cavità nasale e orale e degli occhi. [Medere] se medè 736r (bol. Méder) Mietere. Melegha 713v, 735v, 829v, 830r sf. Melica, saggina, pianta originaria dell’India che dà nome a una pannocchia ovale eretta, simile a quella del mais, ma con grano di minor pregio, usato come foraggio per volatili e per i suini. Menare sopra di qno.777v vd. Andare. Merzaro 900r, 903r, 921v, 965v, 983v sm. Merciaio, commerciante. Mestrali 899r, 961v sm. Maestri, nel senso di amministratori, responsabili di qualcosa (< lat. tardo magistralis). Mestro 713v, 739r, 748r, 758r ecc. (25 occorrenze scritto per esteso e 42 abbreviato), pl. mistri 788v, 968r (vd. anche mistri de legnamo) sm. Titolo professionale di artigiani o padroni di botteghe, ma anche titolo onorifico di medici e speziali. Vd. anche mistri de legnamo. Miara 706r-v, 707r, 730v, 734v, 764v, 789v, 812v, 815r, 833r, 891v, 900v, 902v, 907v, 982v sm. pl. dial. Migliaia. Mijoramento 860v vd. Mioramento.

267

Appendice Mioramento 913r, pl –i 853v, 854r, 879v, 903v, 913r sm. Miglioramento. Qui nel senso di “beni”, ciò che costituisce la parte più preziosa delle proprie sostanze. In particolare il complesso degli arredi domestici di maggior valore. Misiero 806r, 842r sm. dial. Misiere. Suocero. Misschià 774r, 776r sf. Mescolata. Mescolanza di paglia di frumento e fieno. Mistri de legnamo 792v, 804r-v, 814r-v, 844v, 855r, 955v, 985v sm. pl. Falegnami. Mistri vd. Mestro. Moceghin 779r sm. Moccichino. Fazzoletto. Morele 865v agg. f. pl. Morelle. Di colore rosso-viola cupo, tendente al nero. Morene 865v sf. pl. Emorroidi. Anche in senso generico: lesione di una mucosa, ulcerazione. Mose 780r, 977v sf. pl. Morsi. La morsa e uno strumento che serve a stringere il muso o il labbro superiore del cavallo per mantenerlo fermo. Movili 849v sm. pl. Mobili. Oggetti di ricchezza mobile, come denaro o gioielli, ma anche, e forse questo è il caso, corredo da sposa, capi d’abbigliamento. Muije 859v agg. f. pl. (bol. Mój) Moglio. Fradicio, inzuppato. var. di origine settentrionale di mollo (agg. popol. Intriso d’aqua, fangoso) con palatalizzazione di l.(< lat mediev. Mollus, bagnato) Mustazuni 979r sm. pl. Mostaccioni. Colpo violento, percossa inferta con la mano aperta sul viso o su una guancia; schiaffo, ceffone. Neza 833r sf. Nezza. Nipote. (Voce di area settentrionale dal lat. tardo *neptia, lat classico neptis cfr. provenz. Nepsa, nessa, fr. Nièce). Nocevele 866r agg. Nocivo. Nomenanza 785r sf. Nominanza. Voce che si diffonde rapidamente; conoscenza di un fatto, notizia. Novale 706r 985v sf. suono di campane speciale per la morte del Papa. Nuxe 734v sf. pl.Noci. Obesolizione 941r sf. Assoluzione (< lat. absolutionem). Obidienza 930v sf. Obbedienza. Tassa annuale che gli obbedienti, artigiani soggetti al collegio di un’Arte diversa dalla loro, pagavano in Bologna, nel XVI secolo, all’Arte in cui non erano immatricolati. Ochii (del ponto) 864r sm. pl. Occhi. Aperture rotonde inserita sui piloni fra due archi successivi di un ponte per alleggerire le strutture e lasciar passare le correnti di piena. [Ochorere] Ochorto 963v v. intr part. pass. di occorrere. Qui nel senso di succedere, capitare per caso. Orengho 713v 749r, 808v, 818r, 824r-v, 825r, 832r, 839v, 840v, 844r, 850v, 865r, 871v, 898r-v, 904r, 911v, 915v, 916v, 917r-v, 918r, 919r, 920r, 926r, 967r, 973v, 978v, 979v sm. Arengo, arringo. Luogo dove i cittadini si riuniscono in assemblea, ma anche l’assemblea stessa; da cui il nome della campana che richiama ad essa. Orvexarì 794r, 815v, 856r, 884r sf. pl. Oreficerie. Osso 820v sm. Uscio. Ostadexe 848r sm. Ostaggio. Ottore 888r sm. Autore. [Oxelare] part. pass. Oxelatti 961v (bol. Uslar 'uccellare') Uccellati, qui usato nel senso antico di beffati, burlati. Palexe 755v, 762r, 795r, 804v agg. Palese, evidente. Paranghone (fare il p.) 810v Paragone. Varietà di diaspro nero, usato per saggiare i metalli. Qui, la prova stessa, il saggio che dell’oro, o di altro metallo prezioso, si fa su tale pietra. Paraporti 864r sm. pl. Il paraporto è un pozzo in muratura, coperto da una paratoia apribile, praticato sul fondo di un canale artificiale per scaricare periodicamente i depositi terrosi che vi si accumulano. Parlati 779r, 838v, 865v, 870v, 881r-v, 901r, 902r sm. pl. Prelati.

268

Appendice Parpaiole 812r-v sf. pl. di Parpagliola. Moneta di mistura, coniata originariamente in Provenza (secc. XIV-XV), quindi imitata in Svizzera, Savoia e Piemonte e nel Ducato di Milano (cfr. fr parpaillole). Partexane 741r sf. pl. Partigiane. Antica arma bianca inastata (su asta lunga fino a 3 metri), costituita da un ferro appuntito a due fili, lungo da 40 a 60 cm, per lo più fornito, ala base, di una mezzaluna tagliente e di ganci ( e si poteva adoperare sia di punta che di taglio); di probabile origine italiana, ebbe larga diffusione, come arma individuale dei fanti,, nei paesi latini fra i secoli XV e XVII. Partexanele 706v sf. pl. dimin. di partexana vd. Passaduri 918v sm. pl. di Passatore. Dardo proiettile Passi 981r sm. pl. Passo, passetto. Regolo di legno o di ferro che serve per misurare la lunghezza omonima, a Bologna pari a un braccio. Pavaiuni 887v sm. pl. Padiglioni. Tende da campo. Pedon (de la tore) 919v sm. Pedone. Parte inferiore, basale. Peghola 713v sf. Pegola, pece. Penachini 880v sm. pl. Pennacchieri. Artigiani specializzati nella lavorazione di penne e piume di uccelli. Perdixe 753v, Predixe 711r sf. Pernici (
269

Appendice Raixe 735v sf. pl. Radici. Rasteli 875v sm. pl. Rastelli. Palizzata o steccato anche mobile a difesa di una fortezza o di una città. Raxo alexandrino 977v sm. Raso. Tessuto prezioso di origine egiziana. Raxon sf. Ragione tenere r. 754v, 755r, 798v, esercitare la giustizia. essere de r. 774r essere conforme alla legge.812r-v, 813r-v, 868v, 905r, nel senso di valore, titolo di una moneta. 796v, 810r, 816v, 818v, 826v, 838v, nel senso di giustizia. 818v nel senso di senno, giudizio. 736v, 792v, 825v, 929v, nel senso di genere, qualità, varietà. 794r, 926v, 927r, secondo un ritmo cantato, seguendo una melodia. 966r, motivo, argomentazione, opinione. Raza (pani de r.) 794r, 806v, 831r, 842r, 843v, 850r, 868r, 928v, 956r, 959r-v, 979v, 981r Arazzi. Rebbone 931v sm. Sopraveste ampia e maestosa lunga fino a terra, spesso foderata di pelliccia, aperta davanti. Rebufo 838v sm. Rabbuffo, rebuffo. Rimprovero rivolto in modoaspro e minaccioso. Rechapito 762v, 817r sm Recapito. Accoglienza, ospitalità, ricovero. Rechunzare 901v Racconciare. Reduto 765v, 785v, 901r sm. Ridotto. Casa in cui si risiede temporaneamente o per brevi periodi. Qui usato in senso figurato: rifugio, via di scampo. Regimenti 707v ecc. (88 occorrenze) sm. pl. Reggimenti; in generale magistrature o uffici con funzioni e poteri differenti che insieme costituiscono l’apparato governativo del comune. Regno 881v sm. Regno. Mitra papale. Remole 735v sf. Remola. Crusca di frumento. Renssa 779r sf. Rensa. Tessuto di lino, candido e fine, usato per confezionare biancheria pregiata. [Resalvare] –ando 968v Risalvare. Eccettuare. Ressistenzia 813v sf. Residenza (voce dotta dal latino tardo resistentĭa, attraverso il part. pres. resistens – entis). Retore di lizista 843v Rettore dei legisti. Rezento sm. 788v Reggente. Rezeto 717v, 762v sm. Ricetto. Luogo in cui si sosta o ci si rifugia. Qui in senso astratto: accoglienza, ospitalità, ricovero. Rispeto 957r sm. Rispetto. Per rispeto di 773v, 787v, 798v, 805r, 813r, 816r ecc, a causa di. Rocheto 878v sm. Rocchetto. Indumento liturgico derivato dal camice indossato sopra l’abito talare. Di lino bianco con maniche larghe ornate di pizzo sovrapposto a seta bianca, rossa o violacea. Fino al XVI secolo consisteva in una tunica lunga senza ornamenti, legata alla vita da una cintura Rodele 741r sf. pl. Rotelle. Scudi leggeri, rotondi e convessi. Rofiani 762r sm. pl. Ruffiani. Romia 740v sm. pl. Romei, pellegrini. Ronchonieri 706v sm. pl. Ronconieri. Soldati armati di roncone, arma inastata con la lama fornita di una punta a due tagli e di due uncini volti in basso sulla costola e sulla gorbiola. Rondanelo 931r sm (bol. rundanel) Randello. Bastone corto, che serve per stringere le fune con le quali si legano le some o cose simili. Roveia 781r sm. (bol. arvàja) Piselli. Ruscho 833v sm. Spazzatura. [Ruzelare] fu -ata 908r Ruzzolare. Rotolare lungo una superficie, cadere malamente rotolando per terra. Sachomano 708v, 782v, 785r (34 occorrenze) sm. Saccomanno. Saccheggio, depredazione, razzia. Saghre 912r sf. pl. Sagre. Pezzi d’artiglieria. Saghurado 749v Sciagurato. Saion 723r, 734r, 742r-v, 809v, 820v, 821r, 856r, 903r, Saiono 903r, 979r, Saiun 761r (bol. Sajon) Saio, saione. Veste militare apereta sul davanti. Saleghà 737r, 747r, 905r sf. (bol. Salgà) Salicata. Strada o piazza lastricata, selciata o ammattonata. ( sf di salicato). Cfr. salighado.

270

Appendice Sanghuetele 865v sf. (bol. Sanguètla) Sanguisuga. Sbalanzare 798r Sbilanciare, nel senso di spendere oltre le proprie disponibilità. [Schiapare] pass. rem. 3° p. s. se schiapone 731r v. tr, ma intr. con particella pronominale. Schiappare. Spaccare, fendere. Schrana 751r, 756v, 759r, 856r, 857r, 866r, 867v, 870r-v, 873r, 880r, 881r-v, 882r-v, 883r-v, 888r sf. Scranna. Sedia con braccioli e schienale piuttosto alto, spesso attribuita a personalità prestigiose. [Schriptare] li fu schripto 965r v tr. Scrivere. Qui nel senso di annotare, registrare su un documento pubblico un elenco di beni, inventariare. Schritarin 762r, 778v, 779r, 818v sm. Scrittarino. Breve scritto. Schurità 803v sf. Scurità. Avvenimento che provoca raccapriccio o compassione. Schutto 934v sm. Scudo. Seccho 712v sm. Secco o secca. Magra, terreno da cui si è ritirata l’acqua del mare o di un fiume. Segha 762r, 778v, 779r, 818v ecc. (44 occorrenze) sf. Sega. In araldica fascia o banda dentata nella parte inferiore. In particolare quella dei Bentivoglio aveva cinque punte. Seghante 786r, 963r, -o 965r, 967r ; pl. –i 929r, 950r, 965v, 966r, 970v sm. partigiano dei Bentivoglio. Seghulo 943v sm. Sicuro, salvacondotto. Seghurtà 784r, 837v, 955v sf. Sicurtà. Garanzia di protezione o di libero e sicuro possesso. Selenghuagno 788v Scilinguagnolo. Selighado 740r agg. Selciato, lastricato (part. pass. di salicare < lat volgare * silicāre, denom. da silex – icis 'selce'). Cfr. saleghà. Sentila 781r Sentore. Sepelire 881r, -ivano 804r Sopperire, supplire. Provvedere a una necessità, ad un’esigenza. [Setrare] -avano 908v Sotterravano. Sghombiada 852v agg. Messa sottosopra (Cfr. bol. Sgumbiar 'scompigliare, disordinare, mettere in confusione'). Sigelo 952r sm. Sigillo. Sísima 900r Scisma. Sita 741v; pl. Sita 742v Saetta, fulmine. Soacica 921r Salsiccia. [Sonereghare] Sonereghavano 918v Opporre un riparo a q.no. Sozizoti 880r sm. pl. Salsicciotti. [Sorgere] -ese 736r Sorgere, sgorgare, scaturire o sim. [Sparare] aveano –adi 825v Sparare. Qui nel senso di squarciare il ventre a una persona, in partic. come supplizio efferato; tagliare a metà con una lama, trucidare con un’arma da taglio. [Spargere] aveva sparte 736r Spargere, straripare. Qui si riferisce al fiume Reno. [Spazare] –orno 982r v. tr. Spazzare. Qui usato nel senso di liberare, sgombrare un luogo da persone indesiderate. Spelta 713v, 735v, 753v, 827r, 854r, 857v, 879v, 905r, 921r, 930v sf. Spelta. Pianta della famiglia delle graminacee. [Speseghare] -avano 913v Spesseggiare. Ripetere più volte un’azione, perseverandovi. In questo caso si può intendere sparare a raffica colpi d’artiglieria Spingharde 718v sf. pl. Spingarde. Bocca da fuoco in un primo tempo (XIV secolo) di grandi dimensioni e non composta di due parti distinte (una tromba e un cannone di diametro diverso), in seguito (dall’inizio del XV secolo) pezzo d’artiglieria sottile e di piccolo calibro (in genere inferiore alle sei libre di palla) posto su un cavalletto, quindi (nei secoli XVII e XIX) grosso moschetto da posta. Squaraighuati 818r sm. pl. Squaraguàito o scaraguàita. Ufficiale addetto al sevizio di vigilanza delle sentinelle. Squase (de chorda) 761r, 762r-v, 773r Squasso. Tirata brusca e violenta di una catena o di una corda. In partic. tratto di corda inflitto a un prigioniero sotto tortura. ss- vd. sStadiere 981r sf. Stadèra, bilancia.

271

Appendice Stafilà 789r, 790r, 915v, 929v, 980v sf. Staffilata. Colpo di staffa, frustata. Stechado 805v, Stechà 802v sm. Steccato. Combattere in s. venire a duello. Stinche 826v a Firenze, a partire dal secolo XIV, carcere in cui erano detenuti, talora incatenati, i debitori insolventi e i condannati a vita. Stocho 727v, 891r sm. Stocco. Arma bianca più corta della spada, munita di fodero, con lama rigida, sezione a losanga e spigoli taglienti. Stradioti 711r-v, 712r, 723r Stradiotti. Corpo di cavalleria leggera di origine per lo più albanese (ma talora anche greca o dalmata) introdotto in Italia dalla Repubblica di Venezia nella seconda metà del XV sec. per contrastare gli assalti della cavalleria turca. Armati di lancia, mazza e daga, solitamente non indossavano armi difensive a eccezione di un piccolo scudo. [Strachare] -ono 914r Straccare. Qui usato intransitivam. Con pronome riflessivo col significato di stancarsi, annoiarsi. Strame 720v, 864v, -o 878r, pl. –i 903v, 906r sm. Strame. Stremità 734v, 736r sf. Miseria, estrema indigenza. Mancanza, scarsità, penuria. Situazione di grave difficoltà, totale e prostrante mancanza di risorse. Strepà 779v, 795r, 843v, 894v, sf. Strappata. Nell’esecuzione del supplizio della corda, tratto dato alla fune per sollevare dal suolo il torturato o per lasciarlo ricadere a terra di botto. Strimida (sonare a s.) 853v sf. Stormita. Suono di campane a stormo per radunare il popolo e soprattutto, qui, per invitarlo a prendere le armi. Andare a s. Assalire, mettere in rivolta, dare battaglia. [dare] a le strimidi 847r Stormo (anche femm. le storme) gruppo di gente armata senza organizzazione militare. Assalire, dare battaglia. Chiamare una moltitudine di gente armata per il combattimento. [Strusiare] Strussiò 952v, strusiato 964r Strusciare. Qui nel senso di scialaquare, sprecare. Stufelare, stufelavano 845r Fischiare. Stura 979r sf. Stuoia. Suozo 932r sm. Socio, amico. Suspeto (avere grande s.) 716r, 717v, 720r ecc. (68 occorrenze) sm. Sospetto. Timore, inquietudine, apprensione per le sorti di q.no. Suspirare 918v avere sfogo (il fuoco). Suta 743r agg. Asciutta. Svalixato 830r, 864v, 953r, -a 901v, pl. -i 716r agg. Svaligiato. Taie 741r sf. pl. Taglio della lama. (Cfr. bol. 'Tai' taglio.) Targhe 741r sf. pl. Scudi di legno rettangolari o ovali, larghi alla cima e stretti al fondo, spesso rivestiti di pelle o di tessuti pregiati e decorati con fregi, motti ecc., in uso per lo più nei tornei. Targhetieri, targhietieri 706v sm. pl. Targonieri. Soldati armati di targone. Targhoni 706v sm. pl. Targoni. Scudi di grandi dimensioni, rettangolari o ovali, rivestiti di pelle e decorati con emblemi, stemmi ecc.. Taselo 713r-v, 791r, 794r, 828r, 981v, 982r, pl. –i 775r, 845r, sm. Tassello. Blocco di legno squadrato, trave. Tenetorio 723v, 781r, 824r, 841r, 843v, 979v sm. Tenitorio. Spazio su cui esercita il proprio potere, la propria giurisdizione un’autorità. Variante di territorio, con raccostamento a tenere. Terize 853r sm. Terriccio. Tesari 880r-v sm. pl. Tessitori. Tire 889r Sequenza, serie. Tondini 895r Piccoli vassoi o piatti. Tondo (vino) 909v che ha sapore pastoso ed amabile, senza punte di aspro. Tore 804r tolse 809r Togliere. Andare a t. dinari arruolarsi. c 870v nel senso di tenere. Altrove nel senso di portar via, spostare; prendere, anche con la forza o l’astuzia, quindi rubare, depredare, sottrarre (bol. Tôr 'prendere'). Tornadura 727v sf. Tornatura. Misura di superficie pari a circa 1/5 di ettaro. [Tornezare] –ava 730v Tuonare.

272

Appendice Torniamento 741r sm. Torneamento, torneo, giostra d’armi. Tosegho 980r sm. Veleno. [Toxare] –avano, -a, aveano –ato 981v Tosare. Qui nel senso di limare una moneta metallica per ridurne in modo truffaldino il valore intrinseco. Trabache 887v sf. Trabacche. Struttura costituita da un telaio in legno ricoperto con tessuto, pelli, ecc., usato da uomini d’arme e comandanti come alloggiamento da campo e riparo mobile. Trafetà 934r sm. Tafetà. Traghando (molte ferize) 835v (bol. trèr) gerundio di trarre. Tratado 718r, 722r-v, 727v, 743r, 783v, 786r, 789r, 801r-v, 802r, 803r-v, 808v, 820v, 838r, 851r-v, 857v, 861v, 891v, 898r, 910r, 912v, 932r, 982r-v sm. Trattato, nel senso di macchinazione, complotto. Trebo 755r-v, 782v, 796r, 816r, 956v sm. Trebbo. Qui nel senso di raduno, compagnia di persone (
273

Bibliografia

ARNALDI G., Annali, cronache, storie, in Lo spazio letterario del Medioevo, 1: Il Medioevo Latino, a cura di G. CAVALLO, C. LEONARDI, E. MENESTÒ, II, La produzione del testo, Roma, Salerno Editrice, 1993, pp. 463-513. ID., Il notaio-cronista e le cronache cittadine in Italia, in La storia del diritto nel quadro delle scienze storiche, Firenze, Olschki, 1966, pp. 293-309. ID., Studi sui cronisti della Marca Trevigiana nell'età di Ezzelino da Romano, Roma, Istituto storico italiano per il Medio Evo, 1963. BEC C., I mercanti scrittori, in Letteratura italiana, a cura di A. ASOR ROSA, II, Produzione e consumo, Torino, Einaudi, 1983, pp. 269-297. BIANCONI S., L’interpunzione in scritture pratiche fra la metà del Cinquecento e la metà del Settecento in area lombarda, in Storia e teoria dell’interpunzione. Atti del Convegno Internazionale di Studi. Firenze, 19-21 maggio 1988, a cura di E. CRESTI, N. MARASCHIO, L. TOSCHI, Roma, Bulzoni, 1992, pp. 231-243. BIONDI A., Tempi e forme della storiografia, in Letteratura italiana, diretta da A. ASOR ROSA, III, Le forme del testo, II, La prosa, Torino, Einaudi, 1984, pp. 1075-1116. BOLOGNA C., L'Ordine francescano e la letteratura nell'Italia pretridentina, in Letteratura Italiana, diretta da A. ASOR ROSA, vol. I, «Il letterato e le istituzioni», Torino, Einaudi, 1982, pp. 729-797. BRANCA V., Una filologia “altra” per le scriture storiche, in La filologia testuale e le scienze umane, Atti del Convegno di Roma, 19-22 aprile 1993, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1994, pp. 279282. ID. (a cura di), Mercanti scrittori, Milano, Rusconi, 1986. CAPITANI O., Storiografia e periodizzazione nel medioevo, in Sentimento del tempo e periodizzazione della storia nel Medioevo. Atti del XXXVI Convegno storico internazionale. Todi, 10-12 ottobre 1999 , Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (CISAM), 2000, pp. 1-17. ID., Francescanesimo e società tra Duecento e Quattrocento, in La presenza francescana tra Medioevo e Modernità, a cura di M. CHESSA E M. POLI, Firenze, Vallecchi, 1996, pp. 177-188. CASINI T., Lauda inedita di Matteo Griffoni, in «Il Propugnatore», n.s., II (1889), parte I, p. 300. CENCI C., Biblioteche e bibliofili francescani a tutto il secolo XV, in «Picenum Seraphicum», 8 (1977), pp. 66-80. CHENU M.D., Auctor, actor, autor, in «Bulletin Du Cange », 3 (1926-1927), pp. 81-86. DEN BRINCKEN A.D. V., Inter spinas principum terrenorum, in Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII. Atti del primo Convegno internazionale di studi dell'Associazione per il Medioevo e l'Umanesimo latini (AMUL), Perugia 3-5 ottobre 1983, a cura di C. LEONARDI e G. ORLANDI, Perugia, Regione dell'Umbria – Firenze, La Nuova Italia, 1986, pp. 82-91. DONDARINI R., Bologna medievale nella storia delle città, Bologna, Pàtron, 2000. FANTI M. (a cura di), Bologna. Biblioteca di San Francesco del Frati Minori Conventuali, in Inventari dei Manoscritti delle Biblioteche d’Italia (I.M.B.I.), CVI, Firenze, Olschki, 1990. ID., Le vie di Bologna: saggio di toponomastica storica e di storia della toponomastica urbana, Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1974. FANTUZZI G., Notizie degli scrittori bolognesi, Bologna, 1789. FERRARI M., Il rilancio dei classici e dei padri, in Lo spazio letterario del Medioevo, a cura di G. CAVALLO, C. LEONARDI, E. MENESTÒ, 1. Il Medioevo Latino, III, La ricezione del testo, Roma, Salerno Editrice, 1995, pp. 530-535. FRATI L., Di alcuni cronisti bolognesi. Appunti biografici, Città di Castello, Lapi, 1915.

277

ID. (a cura di), Rimatori bolognesi del Trecento, Bologna, Romagnoli-Dall’Acqua, 1915, pp. 77-92. ID., Inventario della Biblioteca Francescana di Bologna (1421), in «Miscellanea Francescana di Storia, di Lettere, di Arti», V, 1890, pp. 110-120. GAUDENZI A., La cronaca bolognese di Floriano Villola e le fonti della storia miscella del Muratori, in Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna, Terza serie, vol. X, Bologna, 1892, pp. 353-384. GIARDINA A., GUREVIČ A.JA., Il mercante dall’Antichità al Medioevo, Bari, Laterza, 1994. GRECI R., Mercanti, politica e cultura nella società bolognese del basso medioevo, Bologna, CLUEB, 2004. GUENÉE B., Storia e cultura storica nell'Occidente medievale, Bologna, Il Mulino, 1991. ID., Lo storico e la compilazione nel XIII sec., Aspetti della letteratura latina nel secolo XIII. Atti del primo Convegno internazionale di studi dell'Associazione per il Medioevo e l'Umanesimo latini (AMUL), Perugia 3-5 ottobre 1983, a cura di C. LEONARDI e G. ORLANDI, Perugia, Regione dell'Umbria – Firenze, La Nuova Italia, 1986, pp. 57-76. ID., Authentique et approuvé. Recherches sur les principes de la critique historique au Moyen Âge, in Politique et histoire au Moyen Âge, Paris, Publications de la Sorbonne, 1981, pp. 265-278. ID., Histoires, annales, chroniques. Essai sur les genres historiques au Moyen Âge, in «Annales. Économies Sociétés Civilisations», XXVIII, 4 (1973), pp. 1009-1011. GUIDONI E., Ordini mendicanti e territorio urbano. Il caso dell’Emilia, in “Storia delle città”, 26/27, anno ottavo, II-III (1983), pp. 97-100. HUMPHREYS K.W., The Friars' libraries, London, The British Library in association with the British Academy, 1990. ID., Le biblioteche francescane in Italia nei secoli XIII e XIV, in Francesco d’Assisi. Documenti e archivi. Codici e biblioteche. Miniature, Milano, Electa, 1982, pp. 135-141. KIRNER G., Recensione di “Le cronache bolognesi del secolo XIV”, Bologna 1900, in «Studi storici», IX (1900), pp. 485-502. MARCHESINI M., I Francescani a Bologna nel secolo XIII, in Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna, XLIX (1998), pp. 395-449. MARCON G., Matteo Griffoni poeta: percorsi etico-politici e cortesi, in Matteo Griffoni nello scenario politico-culturale della città, secoli XIV-XV, Bologna, presso la Deputazione di storia patria, 2004. MATUCCI A., Per un’analisi dello stile narrativo della storiografia rinascimentale, in «Studi e problemi di critica testuale», n. 32 (1986), pp. 81-102. MAZZONI TOSELLI D., Origine della lingua italiana, Bologna, Tip. e libr. della Volpe, 1831. MAZZUCHELLI G., Gli scrittori d'Italia cioè Notizie storiche, e critiche intorno alle vite, e agli scritti dei letterati italiani del conte Giammaria Mazzuchelli bresciano, Brescia, Bossini, 1760. MERCATI A., Note su Matteo Griffoni, in «L’Archiginnasio», X (1915), pp. 213-216. ID., Nuove note su Matteo Griffoni, in «L’Archiginnasio», XI (1916), pp.177-185. MERLO G.G., Francescanesimo e signorie nell’Italia centro-settentrionale del Trecento, in I francescani nel Trecento. Atti del XIV Convegno internazionale. Assisi, 16-17-18 ottobre 1986, Assisi, Centro di studi francescani, 1988, pp. 103-126. MUZZARELLI M. G., I francescani a Bologna fra Duecento e Quattrocento, in Francesco da Rimini e gli esordi del gotico bolognese, a cura di R. D'AMICO, R. GRANDI, M. MEDICA, Bologna, Nuova Alfa Editoriale, 1990, pp. 131-136. ORLANDELLI G., La vicenda editoriale del Corpus Chronicorum Bononiensium, in Storiografia e storia. Studi in onore di E. Dupré Theseider, I, Roma, Bulzoni, 1974, pp. 189-205.

278

ID., Bartolomeo della Pugliola, in Dizionario Biografico degli Italiani, 6, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1964, pp. 760-761. ID., La supplica a Taddeo Pepoli, Bologna, Pàtron, 1962, pp. 3-29. ORLANDI P.A., Notizie degli scrittori bolognesi e dell'opere loro stampate e manoscritte, Bologna, 1714. ORTALLI G., Cronache e documenti, in Civiltà comunale: Libro, scrittura, documento. Atti del Convegno. Genova, 8-11 novembre 1988, Genova, nella sede della Società ligure di storia patria, 1989, pp. 509539. ID., Notariato e storiografia in Bologna nei secoli XIII-XVI, in Notariato medievale bolognese, II, Roma, Consiglio nazionale del notariato, 1977, pp. 143-189. PELLEGRINI L., Libri e biblioteche nella vita economica dei mendicanti, in L’economia dei conventi dei frati minori e predicatori fino alla metà del Trecento. Atti del XXXI Convegno internazionale. Assisi, 9-11 ottobre 2003, Società internazionale di studi francescani, Centro interuniversitario di studi francescani, Spoleto, Fondazione C.I.S.A.M., 2004, pp. 187-214. PETRUCCI A., Modello notarile e testualità, in Il notariato nella civiltà toscana. Atti di un convegno, maggio 1981, Roma, Consiglio nazionale del notariato, 1985, pp. 123.145. PEZZAROSSA F., Alcune osservazioni sulle scritture storiche e di memoria nella Bologna tra Medioevo ed Età moderna, in in La memoria e la città. Scritture storiche tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di C. BASTIA e M. BOLOGNANI; responsabile culturale F. PEZZAROSSA, Bologna, Il nove, 1995, pp. 495522. ID., Una prima verifica dei rapporti fra strumenti culturali e ruoli sociali : la memorialistica e i ceti bolognesi nei secoli XIV-XV, in Sapere e/è potere,vol. III, «Dalle discipline ai ruoli sociali», a cura di A. DE BENEDICTIS , introduzione di P. SCHIERA, Bologna, Comune di Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1990, pp. 111-134. PIANA S., Il Griffoni in musica. Alcune considerazioni su due ballate polifoniche del secondo Trecento di Andrea dei Servi e Bartolino da Padova, in Matteo Griffoni nello scenario politico-culturale della città, secoli XIV-XV, Bologna, presso la Deputazione di storia patria, 2004. PINI A. I., Cronisti medievali e loro anno di nascita: un'ipotesi da verificare, in Società, Istituzioni, Spiritualità: studi in onore di Cinzio Violante, Spoleto, CISAM, 1994, pp. 677-706. ID., La cultura del mercante: i luoghi e i modi, in L'epoca delle signorie: le città, a cura di L. BALSAMO et alii, Milano, Silvana, 1986, pp. 153-171. QUAQUARELLI L., Per singulare memoria. Retoriche a margine e identità municipale nel Quattrocento bolognese, Bologna, CLUEB, 2001. ID., Retoriche a margine di un genere quattrocentesco: cronache e libri di famiglia, in «Intersezioni», XI (1991), pp. 543-551. ID., Una filologia per le scritture storiche e memorialistiche locali fra Medioevo e Rinascimento, in «Schede umanistiche», Dipartimento di italianistica, Università degli studi di Bologna, 4 (1990), pp. 15-29. I racconti di Clio. Tecniche narrative della storiografia. Atti del Convegno di studi, Arezzo 6-8 novembre 1986, a cura di R. BIGAZZI et alii, Pisa, Nistri-Lischi, 1989. RAGONE F., Costruzione e tradizione del passato nelle cronache cittadine italiane del Medioevo, in La mémoire de la cité: modèles antiques et réalisations renaissantes, actes du Colloque de Tours (28-30 septembre 1995), Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1997, pp. 49-62. EAD., Il cronista e le sue fonti, in La memoria e la città. Scritture storiche tra Medioevo ed Età Moderna, a cura di C. BASTIA e M. BOLOGNANI; responsabile culturale F. PEZZAROSSA, Bologna, Il nove, 1995, pp. 373-389.

279

RAO I.G., I codici volgari della biblioteca francescana di S. Croce e due commenti latini alla Comedia, in Letteratura, verita e vita. Studi in ricordo di Gorizio Viti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2005, pp. 47-106. RINALDI R., Scritture di Matteo Griffoni. Tra cronaca cittadina, memorie di sé e della famiglia, in Documenti e studi, vol. XXXIII, Deputazione di storia patria per le province di Romagna, Bologna, 2004, pp. 43-79. SAPORI A., Il mercante italiano nel Medioevo. Quattro conferenze tenute all'École pratique des HautesÉtudes, Milano, Jaca Book, 1983. SAPORI A., La cultura del mercante medievale italiano, in «Rivista di storia economica», II (1937), poi in Gli orizzonti aperti. Profili del mercante medievale, a cura di G. AIRALDI, Torino, Scriptorium, 1997. Sette assedi di Firenze, a cura di E. SCARANO, C. CABANI, I. GRASSINI, Pisa, Nistri-Lischi, 1982. SIGHINOLFI L., La cronaca dei Villola nella stazione dell’università degli artisti, in Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Prov. di Romagna, s. 4, XII (1922), pp. 252-286. ID., Notizie su Giacomo Bianchetti cronista Bolognese, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Prov. di Romagna», s. 4, XI (1921), pp. 183-184. SORBELLI A., Ancora la cronaca Villola, in «Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Prov. di Romagna» [serie V] vol III, Bologna 1938, pp. 137-164. ID., Un direttore d'archivio del secolo XIV: Giacomo Bianchetti, in Miscellanea di studi storici in onore di Giovanni Sforza, Lucca, Baroni, 1920, pp. 533-558. ID., Poesie di Matteo Griffoni cronista bolognese tratte di su gli autografi, in «Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia patria per le prov. di Romagna», s. III, vol. XIX, (aa. 1900-1901), pp. 417-449. ID., Le croniche bolognesi del secolo XIV, Bologna, 1900. Storia di Bologna, Direttore RENATO ZANGHERI, II, Bologna nel Medioevo, a cura di O. CAPITANI, Bologna, Bononia University Press, 2007. Storia di Bologna, a cura di A. FERRI, G. ROVERSI, Bologna, Bononia University Press, 2005. VASINA A., Matteo Griffoni cronista, in Il carrobbio. Rivista di studi bolognesi, n. 32, 2006, pp. 49-54. VAUCHEZ A., Ordini mendicanti e società italiana. XIII-XV secolo, Milano, Il Saggiatore, 1990. VILLANOVA G., Notizie antiche e moderne di casa Villanova in Bologna, Bologna, Benacci, 1686. ZABBIA M., Bartolomeo della Pugliola, Matteo Griffoni e Giacomo Bianchetti, problemi di cronachistica bolognese fra Tre e Quattrocento, in Bullettino dell'Istituto storico italiano per il Medioevo e Archivio muratoriano, n. 102, Roma,1999, pp. 100-140. ID., I notai e la cronachistica cittadina italiana nel Trecento, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1999. ID., Il contributo dei notai alla codificazione della memoria storica nelle città italiane (secoli XII-XIV), in «Nuova Rivista Storica», LXXXII (1998), fasc. I, pp. 1-16. ID., Notariato e memoria storica. Le scritture storiografiche notarili nelle città dell’Italia settentrionale (secc. XII-XIV), in «Bullettino dell'Istituto storico italiano per il Medioevo e Archivio muratoriano», 97 (1991), pp. 75-122. Convegni Alfabetismo e cultura scritta nella storia della società italiana. Atti del Seminario tenutosi a Perugia il 29-30 marzo 1977, Perugia, Università degli studi, 1978. Bologna nel medioevo. Atti del convegno, Bologna, 28-29 ottobre 2002, con altri contributi di filologia romanza, Bologna, Pàtron, 2004.

280

Fonti medioevali e problematica storiografica. Atti del Congresso internazionale tenuto in occasione del 90° anniversario della fondazione dell'Istituto Storico Italiano (1883-1973). Roma, 22-27 ottobre 1973, I, «Relazioni», Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 1976. La mémoire de la cité: modèles antiques et réalisations renaissantes. Actes du Colloque de Tours, 28-30 septembre 1995, sous la direction de A. BARTOLI LANGELI et G. CHAIX, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1997. Le scuole degli ordini mendicanti (secoli XIII-XIV), 11-14 ottobre 1976, Centro di studi sulla spiritualità medievale, Todi, Accademia Tudertina, 1978. Libri, biblioteche e letture dei frati mendicanti (secoli XIII-XIV). Atti del XXXII Convegno internazionale. Assisi, 7-9 ottobre 2004, Spoleto, Fondazione C.I.S.A.M., 2005. Studio e studia: le scuole degli ordini mendicanti tra XII e XIV secolo. Atti del XXIX Convegno internazionale, Assisi, 11-13 ottobre 2001, Società internazionale di studi francescani, Centro interuniversitario di studi francescani, Spoleto, Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, 2002. Cronache e fonti SABADINO DEGLI ARIENTI, Le Porretane, a cura di B. BASILE, Roma, Salerno Editrice, 1981. PETRUS CANTINELLI, Chronicon, a cura di F. TORRACA, in R.I.S.2, XXVIII/2, Città di Castello, 1902. Corpus Chronicorum Bononiensium, a cura di A. SORBELLI, in R.I.S.2, XVIII/1-4, Città di Castello, Lapi, 1911-1938. Diario bolognese di Gaspare Nadi, a cura di C. RICCI e A. BACCHI DELLA LEGA, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1969. DOLLEONI L., Chronicon Bononiense ex Lolliniana Belunensi Bibliotheca promptum ejusdemque Bibliothecae mss. codicum catalogum, in A. CALOGERÀ, Nuova raccolta di opuscoli scientifici e filologici, IV, Venezia, 1758, pp. 115-170. Il giornale del Monte della Pieta di Bologna. Studi e edizione del più antico registro contabile del Monte di Pieta di Bologna (1473-1519), a cura di A. ANTONELLI, Argelato, Minerva, 2003. GIOVANNI, Cronaca di Bologna 1443-1452, a cura di A. ANTONELLI e R. PEDRINI, Bologna, Costa, 2000. GUERRINI O., RICCI C. (a cura di), Diario Bolognese di Jacopo Rainieri, Bologna, Regia Tipografia, 1887. MATTHAEI DE GRIFFONIBUS, Memoriale Historicum de Rebus Bononiensium (aa. 4448 a.C. – 1472), a cura di L. FRATI e A. SORBELLI, in R.I.S2, XVIII/2, Città di Castello, 1902. UGOLINO DI NICCOLO' MARTELLI, Ricordanze. dal 1433 al 1483, a cura di F. PEZZAROSSA, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1989. PIETRO DI MATTIOLO, Cronica Bolognese, Bologna, G. Romagnoli, 1885. CESARE NAPPI, Memoriale mei; Recordi de mi; con l’appendice del memoriale secondo, a c. di L. QUAQUARELLI, Bologna, Archivio Umanistico Rinascimentale Bolognese, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1997 («La città della memoria», I). ORTALLI G., Alle origini della cronachistica bolognese: il Chronicon Bononiense (o Cronaca Lolliniana), Roma, Viella, 1999. PIETRO RAMPONI, Memoriale e Cronaca. 1385-1443, a cura di A. ANTONELLI e R. PEDRINI, Bologna, Costa, 2003. Le rime di Onesto da Bologna, edizione critica a cura di S. ORLANDO, Firenze, Sansoni, 1974. Vita di San Petronio con un’appendice di testi inediti dei secoli XIII e XIV, a c. di M. CORTI, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1962.

281

Dizionari e repertori Cronologia, cronografia e calendario perpetuo, a cura di A. CAPPELLI, settima ed. riveduta, corretta e ampliata a c. di M. Viganò, Milano, Hoepli, 1998. Dizionario Bolognese-Italiano, Italiano-Bolognese, a cura di L. LEPRI e D. VITALI, Bologna, Pendragon, 2007. Dizionario etimologico della lingua italiana, a cura di M. CORTELAZZO e P. ZOLLI, 5 voll., Bologna, Zanichelli, 1979-1988, 2a ed. (in vol. unico) 1999. Dizionario etimologico italiano, a cura di C. BATTISTI e G. ALESSIO, 5 voll., Firenze, G. Barbera Editore, 1950-1952. Glossario degli antichi volgari italiani, a cura di G. COLUSSI, Foligno, Editoriale Umbra, 1983-2000. Glossario latino-emiliano, a cura di P. SELLA, con prefazione di G. BERTONI, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1937. Glossarium mediae et infimae latinitatis, a cura di C. DU CANGE, Bologna, Forni, 1981 (Rist. anast. dell'ed. Niort, L. Favre, 1883). Grande Dizionario della Lingua Italiana, a cura di S. BATTAGLIA, Torino, UTET, 1961-2002. Lessico Etimologico Italiano, diretto da M. PFISTER e W. SCHWEICKARD, Wiesbaden, Reichert, 1979 - . Manuale di metrologia ossia misure, pesi e monete in uso attualmente e anticamente presso tutti i popoli, Roma, Editrice E.R.A., 1976 (rist. anast. dell’ed. di Torino, Loescher, 1883). Memoria Urbis, I, Censimento delle cronache bolognesi del Medioevo e del Rinascimento, a cura di L. QUAQUARELLI, introduzione di F. PEZZAROSSA, Bologna, Il Nove, 1993. MENARINI A., Proverbi bolognesi, Firenze, Giunti, 2000. Repertorio della cronachistica emiliano-romagnola. Secc. 9-15, a cura di B. ANDREOLLI et alii, Roma, Istituto storico italiano per il Medio Evo, 1991. UNGARELLI G., Saggio di una raccolta di proverbi in dialetto bolognese, Bologna, Forni 1892. Vocabolario bolognese-italiano, a cura di C. CORONEDI BERTI, voll. 1-2, Bologna, Monti, 1869-1874. Vocabolario del dialetto bolognese, a cura di P. MAINOLDI, Bologna, Forni, 1967. Vocabolario del dialetto bolognese, con un’introduzione del prof. A. Trauzzi sulla fonetica e sulla morfologia del dialetto, a cura di G. UNGARELLI, Bologna, Stab. tip. Zamorani e Albertazzi, 1901. Per lo studio della lingua AIROLDI S., Lingua orale e lingua scritta. La formazione dell’”io” enunciativo nella narrazione storica, in La variazione linguistica. Tra scritto e parlato, a cura di I. LOI CORVETTO, Roma, Carocci, 2000, pp. 111-121. BAGGIO S., La sintassi orale nella punteggiatura: tre casi, in «Rivista Italiana di Dialettologia. Lingue Dialetti Società», 24 (2000), pp. 7-28. BANCHIERI A., Discorso della lingua bolognese, Bologna, Forni, 1969. BERRUTO G., Sociolinguistica dell’italiano contemporaneo, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1987. ID., Una nota su italiano regionale e italiano popolare, in Scritti linguistici in onore di Giovan Battista Pellegrini, Pisa, Pacini, 1983, pp. 481-488. ID., L’italiano popolare e la semplificazione linguistica, in «Vox Romanica» 42 (1983), pp. 38-79. BERTONI G., Italia dialettale, Milano, Hoepli, 1916. BRAMBILLA AGENO F., L’edizione critica dei testi volgari, Padova, Antenore, 1975 (19842). EAD., Il verbo nell’italiano antico. Ricerche di sintassi, Milano-Napoli, Ricciardi, 1964. CASTELLANI A., Grammatica storica della lingua italiana, Bologna, il Mulino, 2000.

282

COCO F., Regionalismi lessicali in area bolognese, in Dal dialetto alla lingua, Pisa 1974, pp. 229-237. ID., Il dialetto di Bologna. Fonetica storica e analisi strutturale, Bologna, Forni, 1970. CORONEDI BERTI C., Grammatica del dialetto bolognese, Bologna, Tip. di G. Monti, 1874. CORTELAZZO M., Avviamento critico allo studio della dialettologia italiana, III, Lineamenti di italiano popolare, Pisa, Pacini, 1976. CORTI M., Emiliano e Veneto nella tradizione manoscritta del Fiore di Virtù, in «Studi di filologia italiana», XVIII (1960), pp. 29-68. CROCE G. C., Il tesoro. Sandrone Astuto. Due commedie inedite, a cura di F. FORESTI e M.R. DONATI, Bologna, CLUEB, 1982. D’ACHILLE P., THORNTON A.M., La flessione del nome dall’italiano antico all’italiano contemporaneo, in Italia linguistica anno Mille Italia linguistica anno Duemila. Atti del XXXIV Congresso internazionale di studi della Società di linguistica italiana (SLI), Firenze, 19-21 ottobre 2000, a cura di N. MARASCHIO e T. POGGI SALANI, con la collaborazione di M. BONGI, M. PALMERINI, Roma, Bulzoni, 2003, pp. 211-230. D’ACHILLE P., L’italiano dei semicolti, in Storia della lingua italiana, a cura di L. SERIANNI e P.TRIFONE, II, Scritto e parlato, Torino, Einaudi, 1994, pp. 41-79. ID., Sintassi del parlato e tradizione scritta della lingua italiana. Analisi di testi dalle origini al secolo XVIII, Roma, Bonacci, 1990. DE BLASI N., Tra scritto e parlato. Venti lettere mercantili meridionali e toscane del primo Quattrocento, presentazione di F. SABATINI, Napoli, Liguori, 1982. DEVOTO G., I dialetti delle regioni d’Italia, Firenze, Sansoni, 1972. ID., Profilo di storia linguistica italiana, Firenze, La Nuova Italia, 19644. DIONISOTTI C., Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1971. DURANTE M., Dal latino all’italiano moderno. Saggio di storia linguistica e culturale, Bologna, Zanichelli, 1981. FORESTI F., MARRI F., PETROLINI G., L’Emilia e la Romagna, in L’italiano delle regioni, a c. di F. BRUNI, Torino, UTET. I: Lingua nazionale e identità regionali, 1992, ibid., id., II: Testi e documenti, 1994. FORESTI F., Il dialetto, in Storia illustrata di Bologna, a cura di W. TEGA, vol. V, Bologna 1992, pp. 201220. FORESTI F., MENARINI A., Parlare italiano a Bologna. Parole e forme locali del lessico colloquiale, Sala Bolognese, Forni, 1985. FORESTI F., Annotazioni sul vocalismo tonico bolognese della fine del XVI secolo (da due commedie di G.C. Croce), Bologna 1983. FORESTI F., Note linguistiche al “Libro” secentesco di Lorenzo Simoncini, in Strenna storica bolognese, a. XXVII, 1977, pp 111-122. FORMENTIN V., L’area italiana, in Lo spazio letterario del Medioevo, 2: Il Medioevo volgare, a cura di P. BOITANI, MARIO MANCINI e A. VARVARO, II, La circolazione del testo, Roma, Salerno Ed., 2002, pp. 97-128. GAUDENZI A., I suoni, le forme e le parole dell’odierno dialetto della città di Bologna, Torino, Loescher, 1889. GHINASSI G., Incontri tra toscano e volgari settentrionali in epoca rinascimentale, in «Archivio Glottologico Italiano», LXI (1976), pp. 86-100. HALLIDAY M.A.K., Lingua parlata e lingua scritta, Scandicci, La Nuova Italia, 1992.

283

HOLTUS G., RADTKE E. (Hrsg.), Gesprochenes Italienisch in Geschichte und Gegenwart, Tübingen, Narr, 1985. KOCH P., OESTERREICHER W., Gesprochene Sprache und geschriebene Sprache / Langage parlé et langage ecrit, in G. HOLTUS - M. METZELTIN - CH. SCHMITT (a cura di), Lexikon der Romanistischen Linguistik. I, 2, Methodologie und Klassifikation, Tübingen, Niemeyer, 2001, 584-627. LEONI F. A., Fonetica storica e grafetica storica, in Problemi della ricostruzione linguistica. Atti del convegno int. di studi della Società di Linguistica Italiana, ott. 1975, Roma, Bulzoni, 1977, pp. 79102. LEPRI L., Dialetto bolognese ieri e oggi: raffronti fra vocaboli, Bologna, Tamari, 1986. LEPSCHY G., L’italiano popolare. Riflessioni su riflessioni, in Italia linguistica: idee, storia, strutture, a cura di F. A. LEONI et alii, Bologna, Il Mulino, 1983, pp.269-307. LOPORCARO M., Il vocalismo finale atono dei dialetti emiliani appenninici, in Languages of Italy. Histories and Dictionaries, a cura di A. L. LEPSCHY e A. TOSI, Ravenna, Longo, 2007. ID., L'origine del raddoppiamento fonosintattico. Saggio di fonologia diacronica romanza, Basel, Francke Verlag, 1997, pp. 31-40. MAINOLDI P., Manuale dell’odierno dialetto bolognese: suoni e segni, grammatica, vocabolario, Bologna, Tip. Mareggiani, 1950. MANCINI MARCO, Oralità e scrittura nei testi delle Origini, in Storia della lingua italiana, a cura di L. SERIANNI e P. TRIFONE, II, Scritto e parlato, Torino, Einaudi, 1994, pp. 5-40. MARTELLI M., Soggetto plurale, verbo singolare, in «Lingua nostra», vol. XXXIII, fasc. 2, 1972, pp. 76-78. MARASCHIO N., Il parlato nella speculazione linguistica del Cinquecento, in Atti del seminario sull'italiano parlato. Accademia della Crusca, 18-20 ottobre 1976, Firenze, presso l'Accademia della Crusca, 1977, pp. 207-226. MENARINI A., I gerghi bolognesi, Modena, Soc. Tip. Mod., 1942. ID., Fra il Savena e il Reno. Ricerche dialettali bolognesi, Bologna, Alfa, 1969. ID., Bologna dialettale: parole, frasi, modi, etimologie, Bologna, Tamari, 1978. MIGLIORINI B., Storia della lingua italiana, Firenze, Sansoni, 19634. ID., Note sulla grafia italiana del Rinascimento, in ID., Saggi linguistici, Firenze 1957, pp 197-225. MIGLIORINI B., FOLENA G., Testi non toscani del Quattrocento, Modena, Soc. Tipografica Modenese, 1953. MORTARA GARAVELLI B., Scrittura popolare: un quaderno di memorie del XVII secolo, in «Rivista italiana di dialettologia», III-IV, 1979-1980, pp. 149-180. NENCIONI G., Italiano scritto e parlato, in Saggi di lingua antica e moderna, Torino, Rosenberg & Sellier, 1989, pp. 235-261. ID., Di scritto e di parlato. Discorsi linguistici, Bologna, Zanichelli, 1983. ID., La lingua di Michelangelo, in Michelangelo artista, pensatore e scrittore, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1965, pp. 569-576, poi in ID., Tra grammatica e retorica. Da Dante a Pirandello, Torino, Einaudi, 1983, pp. 88-107. ID., Parlato-parlato, parlato-scritto, parlato-recitato, in «Strumenti critici» n. 29 , X (1976), poi in ID., Di scritto e di parlato. Discorsi linguistici, Bologna, Zanichelli, 1983, pp. 126-179. PALERMO M., Il carteggio vaianese (1537-39). Un contributo alla studio della lingua d’uso nel Cinquecento, Firenze, Accademia della Crusca, 1994. PELLEGRINI G.B., Tra italiano regionale e coiné dialettale, in L’italiano regionale. Atti del XVIII Congresso internazionale di studi della Società di Linguistica Italiana. Padova-Vicenza, 14-16 settemre 1984, a cura di M.A. CORTELAZZO e A.M. MIONI, Roma, Bulzoni, 1990, pp. 5-26.

284

ID., Tra lingua e dialetto in Italia, in ID., Saggi di linguistica italiana. Storia, struttura, società, Torino, Boringhieri, 1975. PETROLINI G., Un esempio d’“italiano” non letterario del pieno Cinquecento, in “L’Italia dialettale”, XLVII (1984), pp. 25-45. ID., Un antico scoglio fra parlato e scrittura in Emilia: le vocali atone finali, in Il dialetto dall’oralità alla scrittura. Atti del XIII convegno per gli Studi Dialettali Italiani, Catania-Nicosia, 28 settembre 1981, Pacini Editore, pp. 183-193. POLICARPI G., Tipi di proposizione e periodo nell’italiano popolare contemporaneo e in Croce, in Fenomeni morfologici e sintattici nell’italiano contemporaneo. Atti del sesto Congresso internazionale di studi. Roma, 4-6 settembre 1972, a cura di M. MEDICI e A. SANGREGORIO, Roma, Bulzoni, 1974, pp. 651716. PORCU A.M., La legge Tobler-Mussafia nel Decameron, in «Lingua e Stile», II (1977), pp. 229-245. ROSIELLO L., Grafematica, fonematica e critica testuale, in «Lingua e stile», I (1966), pp. 63-78. RIZZI E., L’italiano parlato a Bologna: fonologia e morfosintassi, Bologna, CLUEB, 1987. ROHLFS G., Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti. I: Fonetica; II: Morfologia; III: Sintassi e formazione delle parole (1949), trad. it., Torino, Einaudi, 1966-1969. ROSSI A., Lettere da una tarantata, nota linguistica di T. DE MAURO, Bari, De Donato, 1970, pp. 69-75. SABATINI F., Una lingua ritrovata, l’italiano parlato, in Lingua e cultura italiana in Europa, a cura di V. LO CASCIO, Firenze, Le Monnier, 1990, pp. 260-276. ID., Prospettive sul parlato nella storia linguistica italiana (con una lettura dell’Epistola napoletana del Boccaccio), in Italia linguistica: idee, storia, strutture, a cura di F. A. LEONI et alii, Bologna, Il Mulino, 1983, pp. 167-201 poi in ID., Italia linguistica delle origini. Saggi editi dal 1956 al 1996, raccolti da V. COLETTI et alii, II, Lecce, Argo, 1996, pp. 425-466. ID., Linee di tendenza dell’italiano contemporaneo e problemi di norma, in La lingua italiana in Finlandia. Atti del primo Convegno degli insegnanti di Italiano in Finlandia. Turku, 17 e 18 maggio 1979, Turku, Turun Yliopisto offset, 1980, pp. 73-91. SCHIAFFINI A., Testi fiorentini del Dugento e dei primi del Trecento, Firenze, Sansoni, 1926. Scritto e parlato: metodi, testi e contesti. Atti del Colloquio internazionale di studi, Roma, 5-6 febbraio 1999, a cura di M. DARDANO, A. PELO, A. STEFINLONGO, Roma, Aracne, 2001. SEGRE C., Lingua, stile e società, Milano, Feltrinelli, 1974. ID., Appunti sul problema della contaminazione nei testi in prosa, in Studi e problemi di critica testuale, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1961, pp. 63-67. SORNICOLA R., Sulla costituzione dei testi parlati, in Linguistica testuale. Atti del XV Congresso internazionale di studi della Società di Linguistica Italiana. Genova-Santa Margherita Ligure, 8-10 maggio 1981, a cura di LORENZO COVERI, Roma, Bulzoni, 1984, pp. 341-350. EAD., Sul parlato, Bologna, Il Mulino, 1981. STELLA A., Emilia-Romagna, in Storia della lingua italiana, a c. di L. SERIANNI e P. TRIFONE, Torino, Einaudi, 1994. Storia dell’italiano e forme dell’italianizzazione. Atti del XXIII Congresso internazionale di studi della Società di Linguistica Italiana. Trento-Rovereto, 18-20 maggio 1989, a cura di E. BANFI e P. CORDIN, Roma, Bulzoni, 1990.

285

STUSSI A., Il mercante medievale e la storia della lingua italiana, in Venezia centro di mediazione tra Oriente e Occidente (secoli XV-XVI). Aspetti e problemi. Atti del II Convegno Internazionale di Storia della Civiltà Veneziana (Venezia, 3-6 ottore 1973), II, Firenze, Olschki, 1977. TEKAVČIĆ P., Grammatica storica dell’italiano, Bologna, il Mulino, 1980. TELVE S., Testualità e sintassi del discorso trascritto nelle Consulte e pratiche fiorentine (1505), Roma, Bulzoni, 2000. TOJA G., La lingua della poesia bolognese del secolo XIII. Saggio filologico critico, Berlin, AkademieVerlag, 1954. TRAUZZI A., Il volgare eloquio di Bologna ai tempi di Dante, in “Studi danteschi”, a cura della Regia Dep. Di Storia Patria per le prov. di Romagna nel VI centenario dalla morte del poeta, Bologna, Zanichelli, IV, 1922, pp. 121-163. ID., Sulla fonetica e sulla morfologia del dialetto bolognese, in G. Ungarelli, Vocabolario del dialetto bolognese, Bologna 1901, pp. XI-XLI. ULLELAND M., Alcune osservazioni sulla legge «Tobler-Mussafia», in «Studia Neophilologica», XXXII (1960), pp. 53-79. VANELLI L., Nota linguistica, in L. SPITZER, Lettere di prigionieri di guerra italiani 1915-1918, Torino, Boringhieri, 1976, pp. 295-306. VARVARO A., Dallo scritto al parlato (II): la predica di Fra’ Simone del Pozzo (1392), in La parola nel tempo. Lingua, società e storia, Bologna, il Mulino, 1984, pp. 205-220. VITALI G.N., Riscoperta del dialetto bolognese con divagazioni filologiche e commenti su vecchi vocaboli in disuso, Bologna, Tamari, 1998.

286